Come si supera il senso di vuoto in amore e il bisogno? (Seconda parte)

vuotoNell’articolo precedente a questo abbiamo iniziato a parlare di come si supera il senso di vuoto e il bisogno d’amore. Dopo i tanti commenti ricevuti in brevissimo tempo sia all’articolo, sia alle domande che ho posto sulla pagina Facebook de La Persona Giusta per Te, ho toccato con mano, una volta di più, quanto la questione sia importante per molte, moltissime persone

Questa informazione dovrebbe portare sia te, sia me a due importanti conclusioni: 1) amare ed essere amati è davvero un bisogno primario e irrinunciabile per l’essere umano, per uomini, donne e bambini 2) anche per questo non è proprio il caso di avere vergogna, pudore, imbarazzo nel riconoscere e anche apprezzare di fronte a se stessi e anche agli altri il proprio bisogno di amare ed essere amati.

" Il bisogno, che fa gli uomini cattivi, fa brutte le donne. Emilio De Marchi "

E poi vi è un’altra considerazione 3) la propria vita è tanto più piena di felicità e di serenità quanto più si vive in un sano equilibrio rispetto alla propria capacità di dare e di ricevere amore. Per essere felici bisogna saper offrire amore con equilibrio, saperlo chiedere e saperlo ricevere con il medesimo equilibrio.

Sei d’accordo?

Non per niente nell’articolo di ieri ho spiegato che il bisogno di amore è legittimo, è uno dei principali e più importanti bisogni dell’uomo, che permette la vita dell’umanità, non solo perché attraverso l’amore si fanno i bambini ;), ma perché attraverso l’amore si trasmette, protegge, migliora la vita di se stessi e degli altri (tutti gli altri) e anche la vita sul pianeta.

Il senso di vuoto e l’equilibrio

Poiché il bisogno d’amore è strettamente connesso al bisogno di riconoscimento, di contributo al mondo e si identifica con il bisogno e la capacità di connessione, è importante, lo ribadisco anche da questa angolatura leggermente diversa,  farsi amare, ma anche amare nel modo giusto.

L’equilibrio nostro personale e quello dell’ambiente che ci circonda, incluso quello delle relazioni che viviamo, si poggia sull’equilibrio tra dare e avere, tra entrate e uscite, tra amore dato e amore ricevuto. Non si può essere in equilibrio stando solo nella posizione di chi dà o solo nella posizione di cui riceve. Bisogna stare in tutte le due posizioni, sempre.

"Una donna ha bisogno di un uomo come un pesce ha bisogno di una bicicletta. Irina Dunn"

Ho ribadito che per arrivare a superare il senso di vuoto è importante uscire quanto prima da un rapporto di coppia che non funziona, evitare di entrare in storie sbagliate e di frequentare uomini sbagliati, perché questo genere di storie e di frequentazioni ti tolgono “valore”, nel senso che impoveriscono te  e le tue risorse personali (magari anche le tue risorse materiali).

Ho anche evidenziato, che guarda un po’, proprio quanto più si sente il senso di vuoto, tanto più ci si va a cacciare in storie che non funzionano e si ripetono schemi distruttivi, che in quanto tali non costruiscono niente di buono, anzi.

Capire le differenze

Che differenza c’è tra il senso di vuoto e l’umanissimo e naturale desiderio di connessione con l’altro? Come fai a distinguere l’uno dall’altro?

Soprattutto, perché ti serve distinguere il senso di vuoto dal naturale desiderio di connessione con l’altro?

Vediamo un po’.

Il senso di vuoto ti rende triste, ti rende bisognosa e ti fa perdere lucidità. Non solo: ti rende ben poco attraente, perché ti fa perdere l’autostima, ti riempie di insicurezza e forse ti fa diventare anche un po’ rompiscatole.

Il senso di vuoto assomiglia molto alla bisognosità, o, almeno, la nutre e la alimenta.

"Chi si innamora di se stesso non avrà mai rivali. Benjamin Franklin"

Il senso di vuoto è una zavorra. E’ senso di vuoto, ma ha un peso immane. Frena, rallenta. Diminuisce, riduce. Toglie energie. Deprime.

Invece il desiderio di amore, naturale e umano, ti rende parte attiva nella comunità degli umani, ti eccita, ti fa cercare soluzioni costruttive e ti fa essere attraente.

Il desiderio di amore è leggero, ma tiene ancorati a terra e alla realtà. Non ti fa lavorare di fantasia, nella costruzione di castelli di carta infiniti, di film lunghissimi e vacui, ma ti dà l’entusiasmo per una continua ricerca di una sempre maggiore felicità.

E’ un acceleratore della vita, è energia vitale, è spinta costruttiva.

Senso di vuoto, fallimento e rifiuto

Il senso di vuoto ti rende miope, ti fa perdere la visione chiara di te stessa e della vita. Quando sei in preda al senso di vuoto la prima cosa che ti succede è che ti svaluti, lasci andare alla deriva la tua gioia di vivere,  perdi l’amore per te. Ecco perché provi tanto senso di vuoto: perché non ami quella persona che sta con te 24 ore al giorno (che saresti tu stessa medesima), non hai fiducia in lei, la vedi sfocata, fuori centro e fuori luce. Soprattutto, non le dài l’importanza che si merita e che le spetta.

E così ti capita di comportarti magari in modo poco intelligente o addirittura di fare la stupida (anche se non sei per niente stupida, anzi). In questa situazione prendi lucciole per lanterne e vai alla ricerca di un amore purchessia, incappando solo e soltanto in uomini sbagliati e in uomini che non amano per niente.

Cerchi l’amore e trovi l’odio. Pensaci.

Il senso di vuoto crea un sentimento di “disperazione” e  la percezione di uno scarso valore di sé.

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Il desiderio d’amore crea speranza e alimenta la speranza: il desiderio d’amore ha come primo esito il fatto che cominci ad amare te stessa, riconoscendoti valore, merito, diritti.

Il senso di vuoto ti fa entrare in un circolo vizioso di bisognosità perché ti fa sentire triste e sola e sfigata.

Il senso di vuoto ti fa diventare preda di facile manipolazione e – pensa un po’ – ti fa assumere atteggiamenti manipolatori. Diventi un po’ manipolatrice anche tu, perché vorresti cambiare gli uomini che frequenti, vorresti rovesciare le relazioni sbagliate (missione sempre impossibile) e il modo di vivere di questo e di quello. Il senso di vuoto rischia di trasformarti in una piccola stronza, ma nel senso deteriore del termine, quello che a noi non piace.

Desiderio d’amore e creatività

Il desiderio di amore è puro desiderio di stare con gli altri, di condividere, di entrare nel magico e naturale scambio delle relazioni di amore con gli altri, tutti gli altri.

Il senso di vuoto ti fa interpretare ogni rifiuto come la fine, ti fa provare paura, ti fa temere la sconfitta e ti fa vedere ogni fallimento  come la fine terribile di qualsiasi possibilità.

Il senso di vuoto ti fa pensare  che non vali niente, che devi sforzarti per compiacere gli altri (gli uomini in particolare), per accontentare e/o per conquistare un uomo.

Oppure ti fa pensare che devi diventare rigida, forte e combattiva per difenderti dagli uomini e “metterli a posto” dopo tutto il gran soffrire per amore che hai sperimentato.

Il desiderio d’amore ti fa vivere il senso di rifiuto come un guaio schivato, come il fatto che puoi permetterti qualcosa di meglio per te, come una gigantesca opportunità di crescita e di avanzamento personale.

" Esiste nella vita una sola felicità: amare ed essere amati. George Sand "

Il desiderio di amore ti fa accettare te stessa per come sei, con tutte le tue emozioni incluse, anche quelle “disturbanti” come la vulnerabilità o la timidezza. E, di conseguenza, ti fa accettare il mondo e gli esseri umani così come sono, senza la pretesa di cambiarli.

Come tu non puoi piacere a tutti, non tutti possono piacere a te: l’importante è che tu sappia evitare coloro che non ti piacciono e che non ti fanno del bene e con in quali non stai bene.

Per questo devi dare vita e alimentare il tuo desiderio d’amore e superare e lasciare andare il senso di vuoto.

Continuiamo nel prossimo articolo.

Per intanto fammi sapere quali sono le emozioni che si provano più facilmente quando capita di essere animate dal desiderio d’amore o quelle che si provano quando capita di essere in preda al senso di vuoto.

***

La comunità de La Persona giusta per Te è attiva anche su Facebook. Se vuoi partecipare agli scambi metti il tuo “mi piace” alla pagina.

***

Ti interessa avere un supporto pratico nel tuo percorso verso una relazione sana e soddisfacente? Non aspettare oltre.

Intraprendi i miei percorsi:

I 7 Pilastri dell’Attrazione

Come sedurre un uomo senza stress, né per te né per lui

***

Lascia un Commento!

81 Commenti

  1. Avatar di Solare

    Solare 7 anni fa (23 Febbraio 2014 20:13)

    avete ragione, vi ringrazio tanto.a volte perdo di vista la strada da fare..tra la paura di fraintendere, di sbagliare, di essere rifiutata, e chi più ne ha più ne metta..mi dimentico di godermi il momento , qualunque cosa accada in seguito. Le vostre parole mi aiutano a tornare centrata. Grazie davvero!!
    Rispondi a Solare Commenta l’articolo

  2. Avatar di maria

    maria 7 anni fa (24 Febbraio 2014 16:43)

    sono arrivata la bivio che nella mia vita non ho costruito nulla...non ho figli l'uomo che esco non mi ama viene solo per fare sesso .... mi telefona e non sa cosa dirmi le solite cavolate ma nessuna carineria.. non so cosa fare del mio tempo non ho lavoro ..
    Rispondi a maria Commenta l’articolo

  3. Avatar di Michela2

    Michela2 7 anni fa (24 Febbraio 2014 17:16)

    Scusa Maria ma se rimani seduta a piangerti addosso sicuramente il lavoro non verrà a cercarti Tante persone non hanno figli, non per questo non hanno costruito nulla...anzi!!! Esci con un uomo che non ama che ti usa e quindi non ti rispetta...Beh è una tua scelta, non penso tu sia obbligata...Fatti un curriculum esci di casa e portalo ovunque, spulcia le offerte di lavoro su internet e manda curriculum, fai stage non pagati ed impara un mestiere...Vai a fare la cameriera la lavapiatti, datti da fare...E tronca quella storia senza futuro che hai...
    Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo

  4. Avatar di molly

    molly 7 anni fa (24 Febbraio 2014 20:15)

    @ solare tranquilla ...da quanto racconti il tipo ti ha lanciato degli "ami" carini ed il fatto che vi siete conosciuti ad un corso e'una situazione perfetta che vi permette di approfondire da conoscenza in modo sereno, rilassato...senza pensare troppo a cosa accadra. amicizia? simpatia? amore? si vedra.....non pensare troppo...perderesti in spontaneita! "rilancia"una delle proposte fatte da lui...se lui non puo..pazienza..aspetta la prossima volta! facci sapere
    Rispondi a molly Commenta l’articolo

  5. Avatar di Claudia

    Claudia 7 anni fa (20 Febbraio 2014 23:02)

    Cavoli dovevo arrivare a 40 anni per capire la differenza tra desiderio d amore e bisogno di amore..a questo punto penso che non ho mai sentito forse un desiderio d amore ma sempre un bisogno di amore che quasi pretendevo con tutte le conseguenze..devo rifletterci un po..ma se poi questo nostro desiderio di amore ricco di entusiasmo viene spento da una persona senza scrupoli che si fa?
    Rispondi a Claudia Commenta l’articolo

    • Avatar di Malika75

      Malika75 6 anni fa (13 Settembre 2015 12:30)

      Claudia anche io sono giunta alla tua stessa conclusione. Se riuscissi a superare il senso di vuoto, sono certa che starei bene anche solo con me stessa. Le passioni aiutano ad amarsi
      Rispondi a Malika75 Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 anni fa (13 Settembre 2015 12:38)

      Infatti, il senso di vuoto è il cattivo consigliere che spinge verso gli uomini e i rapporti sbagliati. Ma può anche diventare il buon consigliere che spinge all'amore di sé, la pietra fondante della serenità personale e della fortuna nelle relazioni e nella vita.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  6. Avatar di bianca

    bianca 6 anni fa (13 Settembre 2015 16:56)

    Sono consapevole di aver bisogno di essere amata ma avendo avuto una vita per niente facile, sono riuscita a schivare molte persone che si sarebbero approfittate di me. È difficile non sentire questo bisogno quando si ha la cosapevolezza di aver ricevuto un finto amore, ma solo egoismo, da chi te lo avrebbe dovuto dare!
    Rispondi a bianca Commenta l’articolo

  7. Avatar di bianca

    bianca 6 anni fa (13 Settembre 2015 16:57)

    Non parlo di uomini ma dell'ambiente familiare. È quindi molto difficile. :)
    Rispondi a bianca Commenta l’articolo

  8. Avatar di helen

    helen 6 anni fa (13 Settembre 2015 19:37)

    Il senso di vuoto a tratti c'è e spesso combacia con la stanchezza fisica. Mangiare male, dormire male e soprattutto andare in tilt quando i dati da mandare a memoria sono troppi. Troppe scadenze, incombenze e doveri fanno davvero male alla salute e una si trova a pensare come sarebbe bello...un consolatore. Ma gli altri non possono essere usati, non è giusto e non è corretto. Meglio consolarsi da soli.
    Rispondi a helen Commenta l’articolo

  9. Avatar di Monichina

    Monichina 6 anni fa (13 Settembre 2015 20:50)

    Ho avuto il coraggio di lasciarlo. Ricordate, il mio uomo da qualche mese, non facevamo l'amore causa la sua posso dire semi impotenza o ansia da prestazione o non so cosa. Sono sicura che ho fatto la scelta giusta, ma sono amareggiata perché lui avrebbe rapprese
    Rispondi a Monichina Commenta l’articolo

  10. Avatar di Monichina

    Monichina 6 anni fa (13 Settembre 2015 21:41)

    Sono spiazzata da questa mia "freddezza" che non riconosco, ho un po' paura che a forza di prendere delle tramvate sui denti, mi sia un pochino chiusa a livello di emozioni. Beh a volte qualche lacrimetta la faccio ma la imputo più a un mio stato di asfissia dell'anima rispetto al dolore inesistente di non averlo. Ora sono neutra anche verso il mio ex diciamo da un mesetto, verso il quale quando ci siamo lasciati, ho provato un dolore talmente forte che ho rasentano la follia. Non so che pensare. Magari smetto di pensare valá.
    Rispondi a Monichina Commenta l’articolo

    • Avatar di cinzia

      cinzia 6 anni fa (13 Settembre 2015 22:16)

      Cara Monichina, il dolore che senti è il dolore lacerante e forte delle separazioni e degli abbandoni. Spesso il dolore che senti viene da lontano, dai primi abbandoni o separazioni fatte senza identità e consapevolezza. La freddezza non è freddezza ma la parte di te buona e sana che ti dice e ti diceva di salvarti da un non rapporto con un uomo con grossi problemi relazionali. Piccola considerazione: prima di andare in giro a iniziare relazioni un uomo dovrebbe farsi curare e risolvere i problemi, non usare altri esseri umani su cui far ricadere le proprie problematiche in modo da costringerli in una ragnatela o ancor di più in una gabbia. Vivi la tua vita con il coraggio e l'orgoglio di essere una persona con sentimenti. E' normale non sentirsi bene agli inizi ma passerà e ogni giorno di più sentirai più forza dentro di te perchè allontanarsi dalle brutte situazione permette il recupero e l'eliminazione delle tossine acumulate. Ci saranno giorni migliori ed alcuni dove la tristezza potrà riapparire ma fa parte del percorso..ora vedi tutto nero perchè frequentare persone così fa apparire te stessa ed il mondo dello stesso colore nero...adesso non pensare se il mondo è buono o brutto. Pensa alla tua persona e al tuo equilibrio. Tu vieni prima di ogni cosa!! Stavi rasentando la follia perchè l'hai frequentata (Lui) in questi mesi.........
      Rispondi a cinzia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (13 Settembre 2015 22:26)

      Ben venga la freddezza, quando ti permette di fare la scelta giusta! ;-) Sono sicura che, quando si incontra qualcuno che ci piace e ci corrisponde appieno (non la chimera dell'anima gemella, ma una persona vera che é in sintonia col nostro modo di essere e di sentire, con la quale stiamo bene per davvero e comunichiamo in modo spontaneo e senza patemi d'animo), i sentimenti sbocciano, spontanei come fiori di campo e non come fiori di serra. Buona notte e sogni d'oro a te, a Ilaria e a tutti :-)
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  11. Avatar di Monichina

    Monichina 6 anni fa (13 Settembre 2015 20:59)

    Rappresentato l'uomo adatto a me, sono un po' triste anche per l'ennesima fine di un rapporto. Sono stanca, vorrei scappare, ma dato il mio stato finanziario al limite della sopravvivenza, non posso nemmeno pensare di dedicarmi a me stessa coltivando qualsiasi cosa. Sono un po' avvilita, io di mio, non c'entra niente lui
    Rispondi a Monichina Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (13 Settembre 2015 21:30)

      Cara Monichina, anche se lui non c'entra con i tuoi problemi, da quanto scrivi, il fatto di averlo lasciato aggiunge tristezza al quadro generale. Per quanto riguarda lui, evidentemente non é l'uomo adatto, altrimenti avreste avuto una relazione di coppia vera, completa e appagante... Cinicamente, mi vien da dire... peggio per lui, e buon per te che puoi andare avanti per la tua strada. ;-) Per i problemi economici, spero tu possa presto risolverli. Ma non dire che per ora non puoi fare nulla per te! Ci sono tante cose, a costo zero o quasi, fattibili e godibili: passeggiare in un parco o in centro, una gitarella fuori porta, libri da leggere gratuitamente, prendendoli in prestito in biblioteca... Coraggio! :-) Un abbraccio!
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 6 anni fa (13 Settembre 2015 22:25)

      Uhm credo si avvicina la nuova edizione di "puliamo il mondo" cui vorrei partecipare. Migliaia di persone coinvolte, ottima occasione per mettere il naso fuori casa...so che raccogliere monnezza potrebbe non essere esaltante ma sono belle le persone che la raccolgono e questo basta.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (13 Settembre 2015 22:39)

      Hai ragione, Helen: é una bella iniziativa. Fra l'altro, questa é l'unica monnezza che va raccattata ;-)
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  12. Avatar di Ides

    Ides 6 anni fa (5 Ottobre 2015 12:12)

    Ciao! Leggendo questi articoli sul senso di vuoto mi ci rivedo in tutto e per tutto. Ho 25 anni, sono sempre stata una ragazza con poca autostima, in passato ho avuto dei problemi personali (di cui oggi ancora porto gli stascichi) e mi sono autoconvinta che io "sono solo questi problemi", che sono sbagliata, che non ho nulla di interessante. Ho avuto solo una storia importante durata pochissimo e da quel momento si è accentuato il mio senso di vuoto, questa bisognosità d'amore e di avere qualcuno. Sono uscita con tante persone ma con nessuna è andata bene, dopo un paio di appuntamenti il ragazzo spariva o mi diceva che non gli andavo. E io vivo male questi rifiuti, li vivo proprio con un senso di fallimento e mi chiedo sempre "c'è qualcosa che non va in me". Questo vuoto mi ha portata a intraprendere una relazione (anche se non è proprio una relazione) con una persona sbagliata, inaffidabile, che mi tratta come un giocattolo, che si fa vivo solo quando gli comoda e per certi scopi...e io purtroppo non riesco ad allontanarmi da lui, lo cerco sempre, sono appiccicosa, giustifico ogni suo comportamento. Sono triste, demoralizzata. E frequentare da anni come compagnia di amiche ragazze tutte fidanzate (ogni weekend mi ritrovo ad uscire da sola con tutte coppie e il disagio, il "sentirmi di troppo" è forte) non aiuta.
    Rispondi a Ides Commenta l’articolo

  13. Avatar di Malena Mazza

    Malena Mazza 5 anni fa (19 Gennaio 2016 1:34)

    a me sembrano la stessa cosa, non vedo la differenza
    Rispondi a Malena Mazza Commenta l’articolo

  14. Avatar di maria

    maria 5 anni fa (16 Febbraio 2016 23:02)

    Il.senso di vuoto ti rovina la vita,e non ti fa apprezzare l amore che hsi intorno,e qwello che vali.,ogni volta che ho ricevuto e dato amore,ma parlò di qwell amore sano,mi sono sentita carica di energia, forte ,contenta di qwella che sono ... E felice di potere svegliarmi ogni giorno,per poter fare cose nuove.
    Rispondi a maria Commenta l’articolo

  15. Avatar di Sara

    Sara 5 anni fa (19 Marzo 2016 7:36)

    Tutto vero, tutto molto bello, ma come si fa? Io so di avere un problema. Ogni fallimento di un rapporto e non ne ho avuti tanti, diventa per me una tragedia, inoltre spesso è il mio stesso atteggiamento che porta la fine dei rapporti. L'inizio già con l'idea che tanto finiranno che tanto quella persona non mi ami e poi ogni suo atteggiamento diverso da come lo voglio alimenta questo sospetto fino a farlo avverare. Loro poi si stufano di me. Perdo completamente il senno soffro non lavoro più, mi perdo completamente. All'età di 40 anni non ho ancora capito come fare! Razionalmente è tutto bello ma poi non riesco a modificarmi. Quindi mi chiedo come si fa? Amare se stessi si ma come? Ora a causa mia ho distrutto una storia, forse sbagliata, ma che in qualche modo stava prendendo la piega giusta ed io con le mie paure angosce e questo senso di solitudine profondo che volevo colmare solo con lui l'ho rovinata del tutto e non riesco a reagire. Mi sento vuota, passo le ore a riflettere sola al buio. So esattamente cosa voglio un compagno di vita, una famiglia eppure rimango sempre sola e tutto questo a causa mia. Vorrei solo sentirmi amata davvero essere scelta anche con le mie insicurezze utopia?
    Rispondi a Sara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 anni fa (19 Marzo 2016 14:58)

      Sara, ma a leggere il tuo commento vengono i brividi. Accidenti quanta negatività. No, dico, adesso che l'hai sparsa un po' in giro per il mondo, che cosa ti aspetti, grappoli di uomini di valore intorno a te? E dài, su va bene a fare le Cenerentole comprensive ma di fronte a tanto veleno...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  16. Avatar di Stella

    Stella 5 anni fa (20 Marzo 2016 10:10)

    "Il senso di vuoto ti rende triste, ti rende bisognosa e ti fa perdere lucidità. Non solo: ti rende ben poco attraente, perché ti fa perdere l’autostima, ti riempie di insicurezza e forse ti fa diventare anche un po’ rompiscatole." Ecco Ilaria questo è il pezzo dell'articolo dove mi rivedo di più. Ho 30 anni e sono arrivata ad un punto della mia vita dove non so se riuscirò ad andare avanti. Mi sento vuota. Ho bisogno di amore..ne ho tanto,troppo da dare. Ma non riesco a trovare nessuno. E così mi metto sempre in storie particolari che alla fine non li lasciano niente,assolutamente niente di buono. Solo senso di vuoto e di tristezza. Non so come uscire da questo circolo vizioso. Eppure sono una ragazza normale come tante altre. Sono bloccata in questo punto della mia vita e non so se riuscirò mai ad andare avanti
    Rispondi a Stella Commenta l’articolo

  17. Avatar di joanna az

    joanna az 5 anni fa (4 Agosto 2016 0:04)

    Cara Ilaria,x trent'anni mi sono occupata della mia famiglia,marito due figli ,facendo l'errore di dimenticare me stessa.sei mesi fa lui mi ha detto che era finita,ha un altra....OK ci siamo separati,ma ora il senso di vuoto mi attanaglia sono forte,mi dico,vivo lo stesso senza lui,ma quando rientro la sera dal lavoro e non devo più aspettare i miei famigliari....è un po dura.....passerà sono sicura ,ma per il momento .....è dura....
    Rispondi a joanna az Commenta l’articolo

  18. Avatar di Gianpaolo

    Gianpaolo 5 anni fa (9 Agosto 2016 1:15)

    Cara amica mi spaventi tu mi mi hai descritto perfettamente senza neppure sapere che esisto il senso di vuoto e devastante ti fa sentire solo anche se sei in mezzo a centinaia di persone e ti priva di ogni capacità di reagire ti ringrazio per avermi fatto riflettere su tutto questo e ti aiuta a cercare di capirlo ed individuarlo come tuo nemico personale e quindi cercare di reagire ad un nemico invisibile e molto insidioso che ti fa commettere un sacco di errori uno dietro l altro ciao grazie di cuore ora ha un volto.
    Rispondi a Gianpaolo Commenta l’articolo

  19. Avatar di Gloria

    Gloria 5 anni fa (17 Aprile 2016 11:03)

    Un paio di giorni fa ho riletto questo articolo e mi ha molto colpito il concetto che il desiderio d'amore é voglia di connessione semplice e naturale con gli altri, tutti gli altri. Riflettendo su questo, mentalmente ho fatto una lista di tutte le persone con cui avrei potuto entrare in connessione quel giorno: i bambini e le famiglie di cui mi occupo, la mia collega diretta, le donne che frequentano il mio corso di danza, mio fratello che al momento abita da me, il ragazzo del ristorante sotto casa che mi fa la pizza quando la sera sono stanca e non ho voglia di cucinare... Proprio mentre iniziavo a rallegrarmi di tutte queste possibilità di contatto e di ricevere e dare, mi é venuto questo pensiero: "Cosa??? Ma tu davvero paragoni il saluto dell'autista del bus che prendi al mattino con l'avere una relazione? Come fai ad accontentarti in questo modo di questi stupidi palliativi! Ti stai prendendo in giro da sola, sei patetica". Mi ha toccato molto la brutalità e cattiveria di questo pensiero. Poi però mi é venuto in mente un esercizio che ho fatto qualche tempo fa ( forse preso dai 7 pilastri, non mi ricordo esattamente) dove elencavo le emozioni positive che provavo durante il giorno. Ed erano spesso legate a gesti, come dicevo prima, semplici e naturali: sorrisi, saluti, frasi gentili, brevi conversazioni. Sia con persone a me molto care, sia con persone che non conosco bene. Non mi sto accontentando: parto da dove sono e prendo quello che la vita mi offre oggi. Sono libera tutti i giorni di scegliere di entrare in connessione con gli altri e manifestare e soddisfare il mio bisogno di amore in diversi modi e con persone diverse. E soprattutto di non ascoltare e dare spazio a quella voce che cerca di buttarmi giù e di boicottare i miei passi verso la felicità. Anzi sono convinta che più sarò capace di stare bene e godere di questi momenti con gli altri meno sarò bisognosa anche in futuro quando avrò una relazione. Buona domenica a tutti! ;)
    Rispondi a Gloria Commenta l’articolo

    • Avatar di Goldie

      Goldie 5 anni fa (9 Agosto 2016 11:00)

      Hai ragione Gloria, anche io faccio continuamente lo stesso ragionamento. ma dentro di me ho ancora una voce che grida : amami amami amami. Non so quando tacerà e se tacerà mai.
      Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  20. Avatar di luna

    luna 5 anni fa (10 Settembre 2016 8:14)

    ilaria,sei fantastica. Non avevo mai colto la differenza tra bisogno d'amore e desiderio d'amore. Io , a 55 anni, non credo più nell'amore ardente, cerco piuttosto compagnia....meno stress per me e per lui.
    Rispondi a luna Commenta l’articolo