Come raggiungere la serenità (in amore e nella vita)

serenitàChe cos’è la serenità? E’ una sensazione stabile di appagamento e di soddisfazione. E’ data da un buon senso del valore di sé e da una buona autostima. E anche da un buon livello di fiducia negli altri e nel futuro. Essere sereni, avere un buon grado di serenità, non significa avere il certificato di garanzia che la nostra vita andrà sempre e soltanto bene. La nostra vita non è come il cartone animato (o la favola) di Cenerentola che la bambine piccole guardano cento volte in una settimana, vivendo tutte le emozioni delle cattive sorprese con la certezza che la storia andrà a finire bene (perché sanno già come va a finire, l’hanno già visto 99 volte).

La serenità e la vita vera

Ti dò una notizia: questo non è il mondo delle favole, ma è il pianeta Terra. La nostra esistenza non è una favola, ma ciascuna delle nostre vite è una storia unica e irripetibile e nessuno di noi sa come andrà a finire (ma nessuno, proprio nessuno: non è eccitante questo?). Nello stesso tempo, siccome ciascuno di noi è il protagonista della propria storia, può fare molto per costruirsela a proprio gusto, piacere e soddisfazione. Ed è in questa costruzione continua che si trova la serenità personale.

"Per essere sereni, bisogna conoscere i confini delle nostre possibilità, e amarci come siamo. Romano Battaglia"

Detto in parole povere: tu sei padrona della tua vita. Se proprio proprio non è possibile che tu realizzi la tua vita esattamente come la vuoi tu, con tutti i dettagli precisi precisi (sarebbe una roba da matti, non trovi?), di sicuro puoi realizzarla a tua immagine e somiglianza in modo che ti rispecchi. Ecco: a tua immagine e somiglianza, in modo che ti rispecchi: questo è coerente. Questo ti permette di raggiungere la serenità.

E’ da bambini che credono nelle favole pensare di avere una vita “perfetta” che corrisponda in ogni dettaglio a quello che immaginiamo nella nostra testa. Pensare di avere una vita perfetta toglie serenità.

E’ da persone adulte invece darsi da fare con fiducia per condurre la propria vita attraverso le opportunità e gli ostacoli del mondo proprio perché diventi lo specchio fedele delle proprie potenzialità, delle proprie aspirazioni e dei propri talenti.

Questo sì che ti permette di vivere con serenità.

La serenità e la perfezione che non esiste

E’ da bambine pensare che esista l’uomo perfetto. E’ da adulte costruire la propria indipendenza e autonomia in modo da trovare l’uomo giusto, una persona con la quale costruire un progetto comune, da pari a pari.

E’ da bambine pensare che esista il rapporto di coppia perfetto. E’ da adulte dotarsi degli strumenti giusti per vivere e costruire una relazione d’amore, giorno per giorno, imparando a comunicare efficacemente, offrendo rispetto all’altro e portando rispetto a se stesse.

"Non accontentatevi della felicità, aspirate alla serenità. Aldo Busi"

E’ da bambine pensare che la propria vita abbia senso solo con un uomo accanto e che sia indispensabile sedurre un uomo e tenerlo legato a sé per avere gioia e serenità. E’ da adulte essere consapevoli che saper stare sola è un atteggiamento mentale vincente, sempre e comunque.

E’ da bambine pensare che la serenità sia dovuta “d’ufficio” a una ragazza bella, brava e buona. La serenità si raggiunge con un costante impegno e con grande concentrazione, ma non ubbidendo a regole precostituite che ordinano di sacrificarsi per essere al servizio degli altri. Meno che mai al servizio di un uomo. E’ utile per questo dotarsi del giusto cinismo ed essere stronza quanto basta. Altroché essere sempre disponibile per gli altri.

Tra l’altro, quella di “darsi agli altri” è un’ottima scusa per non occuparsi seriamente della propria vita.

La serenità: 7 passi facili per conquistarla e mantenerla

E allora, come fai a costruirtela questa benedetta serenità, magari se e quando sei reduce da una separazione, da un rifiuto o se ti senti triste e sola?

Breve ed essenziale, la guida che ti spiega i passi base e fondamentali per costruire o ricostruire la tua autostima e mantenerla. Per stare bene con te stessa e con l’uomo giusto.
"Il dono della serenità è nascosto nel cuore di ciascuno di noi. Paulo Coelho"

Ti propongo 7 passi, che puoi compiere in qualsiasi momento. Anche solo uno di questi è sufficiente a trovare più serenità, molto rapidamente. Puoi scegliere, in tutta libertà.

1)      Rompi i vecchi schemi. Quali sono i vecchi schemi? Per esempio uno schema di pensiero non utile è che per essere felici si debba essere accoppiati, con figli e famiglia. La felicità ha mille volti diversi.

2)      Concentrati su quello che ti piace: smettila di pensare al passato, agli errori, alle cose che non vanno tra tuoi amici, nel mondo e nella politica. Porta i tuoi pensieri su quello che ti piace. E se i tuoi pensieri si “spostano”, tu riconducili di nuovo su quello che ti piace. Insisti, insisti, insisti. Con calma e pazienza.

3)      Concentrati sul modo di ottenere quello che ti piace: ogni volta che pensi a quello che ti piace fare o ti piacerebbe avere, fatti la domanda “Qual è il modo in cui posso avere sempre di più di quello che mi piace?” Lascia che quella domanda gironzoli libera nella tua mente e nel tuo cuore. Vedrai, sentirai e rimarrai piacevolmente sorpresa da quel che fai e che ti accade se ti ripe

"L’uomo sereno procura serenità a sé e agli altri. Epicuro"

4)      Archivia i tuoi errori: sì, questa frase ha un doppio senso. Le donne di norma sono ossessionate dai propri errori (anche da quelli che non commettono, che non hanno mai commesso e che mai commetteranno: sostengono di sbagliare anche quando fanno giusto). Se proprio non puoi pensarci e quindi non riesci ad “archiviarli” buttandoteli alle spalle, mettili bene in ordine, in un archivio mentale che ti serva da “esperienza” e da “confronto” per il futuro. Se fatto bene e con attenzione, questo è un lavoro davvero utile. L’importante è che tu non ti pianga addosso, ma faccia tesoro di quel che è accaduto.

5)      Prendi nota mentale (e magari metti per iscritto) le nuove scoperte che fai su di te, sulla vita, sugli altri. Fallo regolarmente. Scoprirai che la tua vita è molto più eccitante di quanto pensi. E imparerai a divertirti per questo.

6)      Frequenta le persone che ti interessano, che sono interessate a te e che ti offrono stimoli positivi. Rompere i vecchi legami dannosi e costruirne di nuovi è impegnativo. Ma se vuoi la serenità, diventa una sfida stimolante, che ti porta grandi soddisfazioni.

7)      Enfatizza le tue buone qualità: ok, sei stata educata a essere umile, a sminuirti e a trovare solo gli errori. Ora abituati a trovare tutte le tue doti (puoi scoprirne una al giorno, usando capacità investigative e creatività) e a metterle in risalto, prima di tutto davanti a te stessa. Questo ti fa crescere, ti fa diventare selettiva (anche per quel che riguarda la scelta degli uominio da frequentare) e ti fa essere molto serena. Quindi ne vale assolutamenta la pena.

***

La comunità de La Persona giusta per Te è attiva anche su Facebook. Se vuoi partecipare agli scambi metti il tuo “mi piace” alla pagina.

Lascia un Commento!

32 Commenti

  1. Avatar di Emilia

    Emilia 6 mesi fa (5 Giugno 2022 12:08)

    Mi domando: chi non riesce a raggiungere serenità nella propria vita, deve rassegnarsi all'idea di non trovare l'amore? Credo di avere difficoltà nel raggiungere la serenità. Questo rappresenta un ostacolo alla possibilità di realizzare una relazione sentimentale appagante? Cioè, detto in altri termini: solo le persone serene riescono a trovare l'amore vero? Perché, se così fosse, penso di rimanere single a vita.
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (5 Giugno 2022 18:29)

      Emilia, ma prima di tutto non è importante essere sereni? :)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 6 mesi fa (5 Giugno 2022 19:46)

      Certo Ilaria, sarebbe auspicabile. Ma con un lavoro precario e altre questioni di cui, purtroppo, non posso liberarmi (almeno per il momento) la vedo bigia...
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (6 Giugno 2022 17:52)

      Emilia, come ho detto diverse volte, la vita non è un percorso facile. Per nessuno. ti garantisco dall'alto dei miei molti "over" che non lo è per nessuno. La nostra esistenza e la nostra serenità la costruiamo passo passo, come dice Silvia, non è mai qualcosa di dato per certo. Prendi una casa, un edificio, nuovo. E' stato appena finito e rifinito. Ti garantisco al cento per cento che per quanto possa essere stato costruito con attenzione e senza badare a spese, qualche magagna piccola o grande già ce l'ha. Un serramento che non si chiude perfettamente, una piccola imperfezione nel bagno. Poi passa un anno e l'uso, l'usura, le intemperie fanno altri piccoli danni. Allora, si mette mano, si ripara, si adatta alle nuove esigenze e anche alle nuove leggi. Quando hai una casa nuova, non sarà nuova per sempre e mai perfetta. E così un auto o un abito. Vogliamo tirare fuori la metafora del giardino e del giardinaggio? Non è la nostra vita un giardino o un orto che richiede cure costanti e continue? Il segreto non è aspettare la serenità come un traguardo definitivo che deve avere rigide condizioni per essere definito tale. La serenità è un atto di volontà che prevede l'adattarsi alle circostanze del momento o a cambiarle dove possibile, accettare quello che si ha nel qui e adesso, nel lasciare andare rancori e recriminazioni verso gli altri e sensi di colpa verso se stessi. Certo il contingente è importante, ma con le premesse che ho fatto il contingente si può affrontare al meglio delle proprie energie e cambiare.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 6 mesi fa (8 Giugno 2022 19:32)

      Grazie a tutte per le risposte. @Ilaria, in effetti la serenità non è un traguardo definitivo. Devo imparare a convivere con i miei momenti di sconforto, e chissà se qualcuno un giorno avrà voglia di far parte della mia vita, nonostante le imperfezioni (come ha scritto Vic, raccontando il bellissimo aneddoto su Alda Merini).
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (8 Giugno 2022 21:45)

      Mettila così, se un giorno troverai qualcuno degno di essere tuo compagno...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 6 mesi fa (10 Giugno 2022 0:48)

      Grazie Ilaria🌷❤
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 6 mesi fa (6 Giugno 2022 15:15)

      Secondo me hai centrato la questione: come raggiungere la serenità nella propria vita! Una volta che siamo centrati sul questo, tutto il resto viene da sé - che sia lavoro, una relazione sentimentale, le amicizie. Passo passo, comunque. Dai, Emilia :)
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 6 mesi fa (6 Giugno 2022 20:02)

      Penso anch'io che la serenità non sia un traguardo ma uno stato mentale. Un'accettazione di sé, del pacchetto completo. È accettare di avere dei difetti, di aver commesso degli errori, di aver scelto male, di aver fallito a volte. E poi significa prendersi per mano e diventare autoalleati, ascoltarsi, non dire sì quando si vorrebbe dire no, non assumere atteggiamenti per compiacere gli altri o per non deluderli. Mostrarsi per come si è, accettare di stare sullo stomaco a qualcuno (molto difficile è stato per me superare questo scoglio, il fatto di poter stare sulle balle a qualcuno per il mio modo di essere). Sì è quel che si è. Se sei te stesso veramente, con una bussola morale in tasca che non ti faccia agire per male, non puoi non provare un po' di serenità. Dobbiamo superare la paura del giudizio, di quello degli altri e del nostro. Dobbiamo smetterla di sabotarci e nasconderci per paura della verità, di scoprire o ammettere che siamo imperfetti, che proviamo sentimenti spesso egoriferiti o immorali o di invidia, che ci sopravvalutiamo e giudichiamo a nostra volta. Non vogliamo accettare il nostro lato oscuro, l'altro lato della luna. Io credo che sia importante essere brave persone, inclini al bene, ma non perfette. Non possiamo essere perfette e non dovremmo aver paura di mostrarlo. Mi viene in mente Alda Merini e le sue foto di nudo e lei che diceva: "Scandalizza di più l'imperfezione fisica che quella dell'anima. Mi fa sorridere il moralismo della gente: non lo tirano fuori per il nudo in sé, ormai ovunque, ma per quello non perfetto. È l'imperfezione a scandalizzare, quasi fosse una colpa. Il mio è stato un gesto di provocazione, e anche di profondo dolore: in manicomio ci spogliavano come fossimo cose. Mi sento nuda ancora adesso". Dovremmo imparare a metterci a nudo e a fregarcene dei giudizi, sospendendo il giudizio a nostra volta.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

  2. Avatar di Silvia M

    Silvia M 6 mesi fa (17 Giugno 2022 23:17)

    Ciao ragazze, avrei bisogno di consigli.. ma sono in un momento di crisi e ne risento sia fisicamente che mentalmente. Cerco di spiegarmi nel modo più conciso possibile. Ho una relazione ormai da 7 anni e convivo da 2 con una persona davvero bella. Ormai da qualche mese mi sento persa. Come se non lo amassi più e secondo me mi sento così perché non riesco ad ammetterlo a me stessa. Sento che non è il fatto della routine, che magari dopo tanto tempo ci si abitua e sento che non è nemmeno un momento “no”. Ho 24 anni e ho davvero tanta voglia di vivere, di fare tante cose ma lui è l’opposto di me. È il tipo di persona a cui piace molto stare a casa nella sua bolla. Poche uscite e poca voglia di fare cose diverse. Questa “negatività” porta anche a me poi ad essere così e non mi piace. Sento che sto buttando via tempo prezioso che non mi sarà dato indietro. Ho paura, gli voglio un mondo di bene ma non vorrei essere solo un’egoista. Ci sono tanti aspetti belli ovviamente. Questo non lo metto in dubbio. Ho un vuoto enorme dentro, sento che non sono felice, allo stesso tempo non vorrei mandare all’aria tutto per poi pentirmi e pensare che invece è questo quello che veramente dovrebbe farmi felice. Insomma una confusione totale. Quindi vi chiedo, è questa la fine di un rapporto? Cosa dovrei fare? Grazie in anticipo
    Rispondi a Silvia M Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (18 Giugno 2022 17:32)

      A 24 anni rimanere legata a un uomo che non condivide stile di vita e ed energia è una specie di condanna a morte lenta. Credo che tu gli abbia dedicato fin troppo tempo, è ora per te di cambiare aria e soprattutto di fare nuove esperienze.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di SoleLuna

    SoleLuna 3 mesi fa (5 Settembre 2022 4:42)

    Condivido ciò che dice Emilia qui sotto, anche io penso spesso che se prima non lavoro su me stessa (serenità, autostima, sicurezza e il giusto menefreghismo verso i giudizi) non attrarrò mai a me le persone giuste (anche amicizie). Ho il timore di non farcela a diventare la mia migliore versione perchè dovrei compiere non dei passettini, ma una vera e propria rivoluzione! E delle volte non mi sento all'altezza. Come se avessi sogni troppo grandi rispetto a quello che sono e che sono capace di fare. Ho paura che certe discriminazioni saranno sempre più forti e contribuiranno a farmi sentire sempre più "di fretta", altra cosa che non aiuta.
    Rispondi a SoleLuna Commenta l’articolo