Come stuzzicare un uomo: consigli pratici

come stuzzicare un uomoSai come amoreggiare con leggerezza? O, come direbbero gli amanti delle parole straniere, sai come flirtare, come stuzzicare un uomo in modo simpatico e divertente? O hai una gran paura di esporti, di farti avanti, di mostrare la tua femminilità a un uomo, perché hai paura di essere giudicata, criticata o rifiutata?

"Un uomo che vuole sedurre una donna deve attraversare le montagne. Una donna che vuole sedurre un uomo non ha che un muro di carta da attraversare. Proverbio cinese"

Se hai paura del giudizio e del rifiuto, sai bene di non essere sola al mondo.

Si tratta di paure molto diffuse; figuriamoci di questi tempi, in cui sembra (sembra) che se non si dimostra di essere sicuri, invincibili e vincenti, si teme di essere scartati, come amici, come collaboratori, come partner.

Eppure relazionarsi con gli uomini con leggerezza e disinvoltura è uno dei grandi piaceri della vita e imparare l’arte giocosa di flirtare con gli altri è un passo importante verso l’evoluzione personale.

In un certo senso imparare come stuzzicare un uomo e diventare brava in quest’arte ti rende una persona migliore, più forte e più sicura di te.

Non solo all’apparenza, anche nella sostanza.

Detto in altre parole: imparare a mostrare il tuo interesse per un uomo, con la leggerezza di una farfalla che si posa di fiore in fiore e non si ferma insistentemente da nessuna parte, richiede da parte tua una ridefinizione di alcune tue competenze emotive che accresce la tua autostima e ti permette di metterti in gioco in un modo tale da rimandarti un’immagine positiva di te.

Dimostra il tuo interesse a un uomo divertendoti

Imparare a sedurre e a lasciarsi sedurre, imparare ad amare e a farsi amare non sono altro che tappe importanti della nostra crescita personale, della nostra evoluzione umana. Né più né meno.

E imparare a stuzzicare un uomo è un tratto fondamentale all’interno questo percorso.

Per cui, va bene la paura e va bene soprattutto anche andare oltre la pura e buttarsi, ovviamente facendo quel che è giusto.

Per esempio, stuzzicare un uomo non significa affatto far leva sul suo basso istinto sessuale e sulla propria becera capacità di attrazione fatta di tacchi alti, gonne corte e scollature vertiginose, più tutto l’armamentario artificioso di trucchi e parrucchi appariscenti.

"Gli uomini sono diventati così pigri nel corteggiamento che non ci provano più. Stanno immobili e prendono la prima che gli inciampa sopra. barby_s_l, Twitter"

Questo significa uniformarsi allo schema più banale (e decisamente perdente nel medio e lungo termine) della seduzione low cost. Non si fa selezione. Gli uomini abboccano, ti danno la loro attenzione a breve termine e ciao, tu rimani più frustrata e bisognosa di prima.

Oppure ti classificano come l’ennesima donna a corto di argomenti autentici, che usa il suo corpo per farsi notare, per manipolarli, con secondi fini o per pura disperazione. Peripatetica e patetica insieme.

E’ molto più utile, soddisfacente e “remunerativo” stuzzicare un uomo usando suggestioni che vadano al di là del messaggio: “Puoi portarmi a letto/non puoi portarmi a letto”.

Il che non significa lasciare da parte la propria femminilità e sensualità, ma semplicemente usarle in dosi omeopatiche e misurarle con intelligenza di modo che, come tutto quello che viene offerto con parsimonia, oculatezza e astuzia acquistino più valore.

"La seduzione è l’arte di dire ciò che non si fa per fare ciò che non si dice.Lois Lancaster"

Che poi è la sostanza del carisma: rimanere aperti agli altri senza buttarsi tra le loro braccia, senza rete. O, peggio, in pasto a loro. Centellinare le proprie risorse.

Pensa un po’ che conquista, poter avere questo genere equilibrio. Essere seducente e non essere bisognosa.

Soprattutto non essere bisognosa delle briciole della seduzione, cioè gli apprezzamenti, i fischi o gli sbavamenti.

Quante donne sono veramente tanto rispettose di sé e consapevoli del proprio valore da trovare questo equilibrio? Poche. Ma questo non esclude che tra quelle poche ci sia anche tu.

Come stuzzicare un uomo con gentilezza e intelligenza

Insomma, anche quando si tratta di stuzzicare un uomo è necessario usare il cervello.

Quella di usare il cervello non è un’abitudine consolidata, soprattutto nelle relazioni tra persone. Ti hanno insegnato a usare il “cuore”, così ti mangiano meglio.

Ti assicuro invece che prendere l’abitudine di usare il cervello, poco per volta e senza fatica, può cambiarti la vita e darti un vantaggio competitivo incolmabile.

L’uso del cervello non esclude quello del cuore; ma con il cuore senza cervello non vai da nessuna parte. Semmai, come dicevamo sopra, ti butti più facilmente nelle fauci del lupo.

Perché se vuoi sapere per bene come stuzzicare un uomo il cervello ti serve, anche e soprattutto per esercitare due abilità emotive fondamentali, la comprensione e l’empatia.

La comprensione e l’empatia sono importanti per entrare in connessione con lo stato d’animo di chi hai di fronte e per cogliere i fondamentali del contesto in cui ti muovi.

Per esempio non è una buona idea corteggiare un uomo o flirtare con lui in un contesto professionale o sul luogo di lavoro (la vogliamo capire?) o quando è arrabbiato o in una situazione impegnativa e complicata.

In genere è bene tenersi alla larga dagli uomini arrabbiati.

Chi si arrabbia facilmente ha delle magagne caratteriali e delle problematiche emotive e psicologiche che non lo rendono un compagno con il quale è bello e sicuro percorrere il cammino della vita.

Neanche solo un pezzo. E su, convinciamoci anche di questo, ché non è mai troppo tardi.

In più flirtare significa proprio interagire con gli altri con leggerezza, allegria e divertimento e per far questo bisogna che la persona sia “recettiva”. Se è concentrata su altro, si rischia solo di risultare fastidiosi.

D’altra parte spesso chi flirta con noi ci mette di buon umore. Quindi, lascia stare chi è arrabbiato e, se proprio vuoi, cimentati con chi ti pare sia un po’ giù di corda, purché non impegnato su altro.

Come fai ad attrarre un uomo senza sembrare una facile o una poco di buono?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Il tuo corteggiamento leggero potrebbe “risollevargli” lo spirito e lasciargli un’impressione davvero positiva di te. Ripeto: se vuoi essere empatica ti è utile usare il cervello più del cuore.

Che cosa significa dunque? Mi spiego meglio qui di seguito, dove entro negli aspetti pratici di come stuzzicare un uomo.

Corteggiare con semplicità: idee da mettere in pratica

Intanto è importante che tu affini la tua sensibilità e che metta in campo tutti i tuoi sensi.

1) Guarda, ascolta, senti.

Osserva il comportamento dell’uomo che vuoi stuzzicare per modulare parole e azioni.

E per questo ti servono innanzittutto il tuo intuito e la tua intelligenza

2) Mettiti a flirtare anche con uomini che non ti interessano.

Oltre a fare pratica ti servirà a conoscere meglio persone che di norma scarteresti e potresti avere piacevoli sorprese (tipo magari ti renderai conto che al mondo ci sono più possibilità di quante pensi e che quell’uomo che non avresti mai preso in considerazione, ora che ci stai parlando si sta rivelando davvero interessante).

3) Usa il contatto visivo, il tuo sguardo: guarda chi ti interessa e guardalo negli occhi.

Lo sguardo è anche uno strumento per rompere il ghiaccio, per attaccare bottone. Se un uomo si accorge che lo stai guardando e ricambia il tuo sguardo magari con un sorriso, significa che ti ha notato e che lo scambio di sorrisi e sguardi può trasformarsi in una piacevole conversazione.

4) Sorridi. Come fai a stuzzicare un uomo se non sorridi?

5) Saluta. Il saluto è fondamentale e sottovalutato. Se ti capita spesso di incontrare un uomo che ti interessa e che non conosci, perché vi incrociate per strada, al bar, sui mezzi o in qualche locale, dopo una serie di incontri puoi benissimo cominciare a salutarlo, con un sorriso.

6) Chiedigli un favore. Un favore facile facile da farti. Tipo che custodisca la tua giacca, che lasci momentaneamente sulla sedia del bar, mentre vai alla toilette, che ti regga il bicchiere mentre ti sistemi il foulard. Ringrazia e complimenta la sua gentilezza, con un po’ di ironia.

7) Fagli complimenti per come si veste, per un capo di vestiario nello specifico, l’orologio e la pettinatura. O per il sorriso e il colore degli occhi. Con ironia puoi dirgli una frase del tipo: “Per un uomo con una camicia come la tua potrei fare di tutto. O quasi…”

8) Prendilo in giro bonariamente, cioè senza aggressività o critica. Per esempio la frase di cui sopra, detta con un sorriso autentico, può funzionare alla grande anche se la camicia è oggettivamente inappropriata e fuori luogo.

Tutte le persone dotate di un minimo di equilibrio personale sanno riconoscere le proprie manchevolezze, soprattutto quelle di piccolo cabotaggio, e molti uomini – che non siano dei sottosviluppati caratteriali – sono molto autoironici rispetto al proprio buongusto e ci ridono su volentieri.

9) Fai domande. Fare domande che lo riguardino e che siano neutre – per esempio, puoi prendere spunto sempre da un capo di abbigliamento che indossa per chiedergli qual è il suo colore preferito, se gli piacciono gli orologi vistosi, se non gli piacciono le cravatte o se ama le cravatte di colori sgargianti – ti permette di dimostrargli che l’hai notato e che ha la tua attenzione. Questo non dispiace a nessuno.

Se vuoi usare l’arma dell’ironia o del complimentarlo con garbo e senza metterti a zerbino puoi dirgli frasi del tipo: “Accidenti quella camicia è della stessa tonalità di azzurro degli abiti del mio prof di matematica al liceo. Era un tipo simpatico, però, anche se non avresti detto…” (la camicia non ti piace per niente…) oppure, al contrario, “L’ultima volta che ho visto uno vestito così bene è stato in TV, Leo Di Caprio alla cerimonia degli Oscar…” (la camicia ti piace) “Hai un gusto molto speciale. La camicia te l’ha scelta la tua fidanzata?”

10) Stai al gioco. Se tu prendi in giro bonariamente, lasciati prendere in giro bonariamente. Per imparare come stuzzicare un uomo bisogna lasciare andare gli atteggiamenti mentali negativi – rabbia, autocommiserazione, senso di rivalsa verso l’universo maschile – e assumere un atteggiamento mentale positivo.

Solare, ottimistico, fiducioso.

11) Non ti lamentare, non criticare gli altri, non emettere giudizi. E’ un atteggiamento miserevole, anche se qualcuno crede di essere affascinante assumendolo.

12) Parla un italiano corretto, con un tono di voce adeguato alla situazione e al contesto. Sono fastidiosissime le persone che parlano in gergo, con un linguaggio da “ggiovani”, dicono parolacce, parlano a voce troppo bassa o troppo alta, usano il dialetto a sproposito, i tecnicismi con chi non li condivide o biascicano le parole. Sono tutti sintomi di insicurezza.

13) Gioca con le parole, fingi di non capire: “Come ti chiami? Come?! Come?!” e sorridi. E’ un gioco da fare con misura. Ovvio.

"Tutti gli amanti davvero grandi sono eloquenti e la seduzione verbale è la via più sicura per la seduzione affettiva. Marya Mannes"

14) Toccalo in modo opportuno e con delicatezza. Dopo un po’ che conversi con qualcuno puoi anche usare il contatto fisico per rafforzare la relazione. Meglio mettersi al suo fianco, anziché davanti a lui. Un’area del corpo neutra, da toccare in modo lieve e apparentemente casuale è il ginocchio. Dopo il tocco, presta attenzione alle sue reazioni. Il contatto fisico è un test fenomenale.

15) Interagisci attivamente e positivamente con il contesto. Se qualcuno fa una battuta che ti piace davvero, ridi di gusto; se sei in un posto particolarmente suggestivo rimarca il fatto che ti piace e perché; se c’è della musica che gradisci e non è fuori luogo, mettiti pure a ballare.

16) Trasmetti all’uomo con il quale stai flirtando una sensazione di esclusività e di unicità. Agli uomini piace essere ammirati dalle donne e al centro della loro attenzione, esattamente come alle donne piace essere ammirate dagli uomini. Quindi se stai flirtando con un uomo, concentrati su di lui e non sminuirlo mettendoti a flirtare con altri in sua presenza.

17) Non insistere. Se un uomo non è sensibile agli stimoli che gli lanci, lascialo perdere. E che te ne fai?

18) Rispondi a tono. Se i confini del rispetto e della necessaria riservatezza vengono violati, rimarcali con garbo e con fermezza. Come? Da sorridente e disponibile, per esempio, puoi diventare seria e affermare con sicurezza la tua posizione con una frase del genere: “Se era una battuta non l’ho capita e non mi fa ridere”.

Se l’interlocutore mostra di avere capito, puoi tornare a sorridere. Se no, lascia andare, non è persona alla quale dedicare tempo ed energie. Flirtare con un uomo serve anche a questo. A conoscerlo meglio e a valutare se ne vale la pena. Disimpegnati con un sorriso. Ne guadagnerà la tua autostima e la tua fama.

Lasciami i tuoi commenti e le tue opinioni sul tema come stuzzicare un uomo.

Come fare innamorare un uomo e tenerselo
Gratis per te!
Crea una relazione sana e soddisfacente con sincerità e onestà. Rispettando te stessa e l'uomo che ti piace, senza sembrare una facile, ma esprimendoti al 100% per come sei, molto più serena e sicura di quello che fai.
Ricevi i miei aggiornamenti esclusivi e riservati

Lascia un Commento!

113 Commenti

  1. Avatar di Silvia

    Silvia 4 mesi fa (5 Gennaio 2019 19:47)

    L'altro giorno, per caso, mi sono trovata a flirtare con un uomo conosciuto per caso. Ero in libreria e stavo cercando alcuni titoli. Si avvicina il commesso con fare affannato e, nonostante ciò, mi chiede se avessi bisogno di aiuto. Gli elenco con calma i miei titoli e lui commenta su alcuni di essi dicendo che, alla fine, non sono disponibili. Mi suggerisce altro. Io declino gentilmente e lo ringrazio, scambiamo due battute e continuo ad aggirarmi per gli scaffali immergendomi nella mia esplorazione. Mentre mi sposto tra gli scaffali della libreria, comincio a notare che questa persona si trova sempre a pochi passa da me. Come mi sposto, lui arriva e, guarda il caso, sistema libri nello scaffale vicino a me :D Allora ne approfitto: gli chiedo un paio di suggerimenti, e ci mettiamo a parlare del fatto che anche lui ha vissuto a Bruxelles in passato. Di sua sponte mi suggerisce delle letture e si prodiga nel segnalarmi alcuni titoli che avrei potuto cercare su internet, nonostante ci fossero parecchi altri clienti nella libreria. Mi sono divertita nel flirtare così in serenità. Ero molto tranquilla e sorridente, nonostante lui non mi interessasse come uomo, aldilà degli consigli e delle chiacchiere. Da rifare ;)
    0
    Rispondi a Silvia Commenta l’articolo