Seduzione e attrazione: troppo facile per essere vero?

Seduzione e attrazione“Quali sono le più efficaci strategie di seduzione e di attrazione?” “Quali sono gli insuperabili segreti per conquistare un uomo (o una donna)?” Spesso le persone si pongono queste domande con un atteggiamento mentale che è un misto di curiosità, di un po’ di ansia e di  molta eccitazione. Un po’ come se l’abilità nella seduzione e nell’attrazione fossero chimere irraggiungibili e che sedurre e attrarre siano competenze che richiedono chissà mai quale genere di conoscenza misterica e soprannaturale alla portata solo di qualche iniziato che è stato dotato dalla natura di superpoteri incredibili.

Insomma, come se imparare la seduzione e l’attrazione fosse più complicato dell’algelbra e della fisica nucleare.

"Solo le persone gentili sono veramente forti. James Dean"

E invece, notiziona, non è così: ciascuno di noi ha un potenziale innato per la seduzione. La forma del tuo corpo, il tuo sorriso, il colore dei tuoi capelli e anche e soprattutto la tua curiosità e il tuo interesse verso le persone sono i naturali strumenti di seduzione che la natura ti ha fornito, per attrarre gli altri ed entrare in relazione con loro. Certo, poi bisogna vedere che cosa se ne fa una persona delle dotazioni naturali che ha e come le usa o, invece, come le annulla a forza di pensare, riflettere e cercare, appunto, chissà quale chimera lontana e irrangiungibile.

Seduzione, attrazione e fisica nucleare

Dico io: non ti sei mai accorta che molto spesso, noi privilegiati e insoddisfatti esseri umani del terzo millennio tendiamo a guardare troppo lontano, cercando soluzioni improponibili ai nostri problemi e perdendo di vista quello che, invece, è a portata di mano e qui, subito disponibile?

Ci sono persone che vanno alla prima lezione di ballo e il giorno dopo si guardano su Youtube i video del Campione del Mondo di ballo – il John Travolta della situazione – e si preoccupano e si sentono frustrati per la distanza che li separa da lui. E invece dovrebbero godere ed esserre orgogliosi dei primi passi – i più importanti – che hanno imparato a fare ed esercitarsi su quelli.

Sarebbe un ottimo punto di partenza per cominiciare a fare qualche uscita con gli amici e le amiche del corso e divertirsi, cogliendo il meglio del ballo. Ma no, molti, siccome non sono John Travolta, rinunciano ad allenarsi.

E’ un po’ come quel genere di uomini che hanno un aspetto chiaramente e indiscutibilmente trasandato, non si radono di frequente, sono mesi che non vanno dal barbiere a sistemarsi i capelli, spesso non salutano – o lo fanno indossando la tutta mimetica, mica per essere scoperti, grugnendo suoni incomprensibili – non pronunciano la fantastica frase “Per favore” nemmeno con la pistola alla tempia e si struggono perché le donne non li considerano.

Perbacco, va bene che l’apparenza non è tutto, ma ci vuole tanto a farsi una bella doccia, radersi con regolarità, tagliarsi i capelli di tanto in tanto, dare un’aggiustatina alle buone maniere e vedere, poi, che effetto tutto ciò fa sugli altri e sulle donne in particolare?

Seduzione e attrazione: la soluzione semplice

No, per molti è meglio perdersi (perdere tempo ed energie) in rimuginamenti piscologici e antropologici che, credimi, non portano a niente e anzi spengono del tutto la scintilla dell’attrazione e della seduzione (“Non ci sono più le donne di una volta”; “Le donne non sanno più amare, non esistono più i veri sentimenti”; “Le donne cercano solo il figo che abbia i soldi”). Meglio lamentarsi, per alcuni, anziché dedicarsi a soluzioni “facili” e a “portata di mano. Ecco, le persone inseguono chimere lontane e non perseguono soluzioni possibili e praticabili. Perché lo fanno? Perché in questo modo possono continuare a lamentarsi anziché darsi da fare nel concreto e affrontare la realtà, con i suoi rischi e le soddisfazioni che può offrire.

Seduzione e attrazione 7+7 errori comuni

Leggo e sento spesso dire in giro che è difficile fare nuove amicizie, conoscere persone interessanti, incontrare ed entrare in intimità  con un uomo di valore. Va bene, accettiamo l’assunto che sia difficile creare nuove relazioni. Accettiamo anche l’assunto che tutti sembrano pensare alle proprie faccende e che agli altri poco importi di entrare in connessione con le persone. La domanda che faccio: quando si tratta di relazioni, noi diamo davvero il meglio di noi stessi o ci facciamo prendere dalla pigrizia e ci comportiamo un po’ come capita, senza offrire agli altri il rispetto, l’attenzione e la gentilezza che, invece, pretenderemmo per noi?

Te lo confesso: anch’io vivo in questo mondo. Sul pianeta Terra. E colgo spesso da parte degli altri un forte bisogno di amore, di attenzione, di importanza. Ma non posso certo dire che chi è in cerca di amore e di connessione abbia un comportamento coerente e congruente con i desideri che vorrebbe soddisfare. Vuoi attenzione dagli altri? Bene: tu dài agli altri l’attenzione che pretendi da loro? Vuoi connessione con gli altri? Bene: tu offri agli altri la possibilità di entrare in connessione con te?

"Nella vita nessuno di noi trova la gentilezza che dovrebbe. Memorie di una geisha"

Ora tu mi dirai: “Ilaria, grazie per il lunghissimo predicone, ma ora che cosa me ne faccio io di tutto questo, nella pratica?”.

Di seguito ti elenco i 7+7 errori che io riscontro ogni volta che vedo interagire persone tra di loro. O con me.

Sono errori comuni sia a uomini sia a donne e basta che tu ponga un po’ di attenzione alle modalità di relazione degli altri e alle tue nei loro confronti, perché tu sia immediatamente più attraente e interessante.

Seduzione e attrazione: banali e pericolose distrazioni

1) Non salutare con entusiasmo, con voce chiara e sicura. Vuoi essere più seducente quando incontri per la prima volta una persona? Guardala bene in faccia e negli occhi, soffermati per un attimo, sorridi e saluta sorridendo e pronunciando il suo nome con chiarezza. “Ciao Giuseppe!”.

2) Non guardare negli occhi l’interlocutore. Quando parli con una persona guarda lei e guardala negli occhi. La timidezza non è una buona scusa per non guardare gli altri in faccia. Smettila anche di guardarti intorno continuamente e con agitazione alla ricerca di qualcuno di più interessante o dell’approvazione degli altri. E smettila anche di continuare a rimirarti nella vetrina che hai di fronte: guarda la persona con la quale stai parlando. Stop.

3) Parlare troppo poco: conversare con gli altri è importante. Non puoi continuare a fare la bella statuina e non parlare mai o – peggio! – rispondere per monosillabi. Inventati qualcosa da dire, esprimi la tua opinione con calma e rilassatezza. Più spesso lo farai, più facile diventerà.

4) Parlare troppo: lascia spazio anche agli altri. Smettila di parlare a ruota libera ignorando, di fatto, chi ti sta davanti e intorno. Ogni tanto fermati a respirare e a pensare.

"E’ una regola delle buone maniere quella di evitare le esagerazioni. Ralph Waldo Emerson"

5) Non ascoltare. La mancanza di ascolto nelle relazioni, a tutti i livelli, è distruttiva. Se ascolti chi hai davanti non hai poi problemi a capire se hai trovato l’uomo giusto per te o se si tratta dell’ennesimo uomo sbagliato.

6) Non capire l’altro, non mettersi nei panni dell’altro. Capire gli altri è fondamentale. Va fatto da subito. Non certo nello spirito della crocerossina, ma con lo spirito della connessione.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

7) Non sapere quello che vuoi: se non sai quello che vuoi dalla tua vita, non sai nemmeno quello che vuoi da una relazione. Come fai a interagire con naturalezza e sicurezza?

Seduzione e attrazione: se eviti gli errori, trovi la via

8) Non aver ancora capito chi ti piace davvero e ti fa star bene davvero. Questa confusione non è produttiva nelle relazioni e ai primi approcci della conoscenza, perché, in realtà, porre dei filtri è molto importante. Ti fa risparmiare un sacco di energie.

9) Non dare la giusta attenzione a chi ti sta di fronte. Lo si fa quando si è con qualcuno, ma si pensa ad altro o si fa qualcos’altro (tipo fissare lo schermo dell’odioso tablet). Oppure, al contrario,

9 b) Dare troppa attenzione a chi ti sta di fronte, dimostrandoti rompiscatole e bisognosa.

"La gentilezza consiste nell’amare la gente più di quanto essa non meriti. Joseph Joubert"

10) Considerare troppo qualcuno e considerare troppo poco qualcun altro: se vuoi creare nuove relazioni devi imparare a essere “inclusiva”, ad accogliere tutti e ad approfondire la conoscenza con la maggior parte delle persone. Senza svenderti, ovvio. Il fatto è che l’uomo giusto per te potrebbe essere tra coloro che preferiscono mantenere un basso profilo e magari tu, invece, stai dando importanza solo al “simpaticone” e la “bulletto” del gruppo. Grave errore. Che molte donne commettono, anche se non se ne accorgono.

11) Essere concentrata troppo sugli obiettivi degli altri e essere sempre in ansia per poterli compiacere.

12) Essere troppo concentrata sui tuoi obiettivi e non essere in grado di andare incontro agli altri.

13) Voler fare colpo a tutti i costi e cercare in tutti i modi di essere al centro dell’attenzione, perdendo di vista le tue emozioni e sensazioni, la logica e il buon senso. E’ un modo efficacissimo per annoiare le persone e soprattutto gli uomini.

14) Voler passare inosservata, fare di tutto per mantenere un profilo defilato, per non mettersi in gioco davvero. Ok, l’amore e le relazioni devono smetterla di farti paura. Da subito.

L’estate ti permette di avere più momenti per te. Approfittane per aumentare la tua competenza emotiva e il tuo fascino personale e realizzare così una bella relazione con l’uomo giusto per te.

Fai adesso i percorsi di crescita sentimentale che ho preparato per le mie lettrici

I 7 Pilastri dell’Attrazione.

E’ il primo passo verso la conoscenza di te e del tuo potenziale di attrazione.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso adesso.

Come Sedurre un Uomo senza Stress

In questo percorso si spiegano i passi dell’attrazione “autentica”, quella attraverso la quale ti dài valore, smetti di essere bisognosa e rompiscatole e riesci davvero a realizzare una relazione appagante e duratura.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso adesso.

E se vuoi aumentare la tua autostima, c’è un percorso pratico ed efficace, con una parte dedicata tutta all’Autostima femminile:

APP Autostima Passo Passo.

Lascia un Commento!

67 Commenti

  1. Avatar di stella

    stella 6 anni fa (30 Luglio 2014 7:32)

    buondi ragazze...vi dovrei chiedere un altro parere, so che questa non è la sezione indicata ma in questi giorni la più gettonata e forse leggete prima il messaggio io ho la tentenza a sentirmi in colpa con mia figlia (certo non son perfetta ma faccio del mio meglio e faccio tante rinunce, è x lo più con me) se spendo qualcosa (spendo poco x risparmiare) se mi capita di dar una risposta un po più..nervosa a volte se uso più acqua del normale (x farmi capire :-) ) ma come mai questo? non riesco a spiegarmelo
    Rispondi a stella Commenta l’articolo

  2. Avatar di Luisa

    Luisa 6 anni fa (30 Luglio 2014 8:59)

    Secondo me siamo andati fuori tema."Seduzione e attrazione: troppo facile per essere vero?"Di questo di dovrebbe piu' o meno parlare...
    Rispondi a Luisa Commenta l’articolo

  3. Avatar di Goldie

    Goldie 6 anni fa (30 Luglio 2014 9:00)

    Sì Spiritolibero, ho imparato anche questo col mindfulness, e soprattutto a subire meno le cose sgradevoli. un esempio : durante le vacanze, ogni sera sulla spiaggia c'era la capoeira. la musica dopo un po' mi innervosiva perché monotona e lamentosa. così ho deciso di andare a vedere e di partecipare ad un corso. mi sono divertita molto pur non essendo capace, ma il fatto di partecipare mi ha cambiato il punto di vista :-) buona giornata
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  4. Avatar di Giuly

    Giuly 6 anni fa (30 Luglio 2014 9:53)

    Io ho 28anni e da aprile frequento un uomo di 41.All'inizio lui aveva dei dubbi perchè era single solo da un mese dopo una storia di 17anni.Siamo stati anche 20 giorni senza vederci a maggio.Io l'ho lasciato libero, non l'ho pressato.E' tornato.Piano piano prima,forte forte poi.Da un mese a questa parte viene ogni sera a casa mia(fa un'ora di strada tra andata e ritorno),andiamo a cena fuori,usciamo con i miei amici,se sono da qualche parte viene dove sono io.Mi ha montato il mobile nuovo e mi ha portato a comprarlo.Mi chiama almeno 2 volte al giorno,mi manda sms, mi scrive il buongiorno e la buonanotte.Se non rispondo mi richiama o mi riscrive.Mi ha portato fuori un weekend ed ha pagato lui,ha organizzato un nuovo weekend assieme a breve.Ha parlato di me ai suoi amici,mi chiede cosa pensano di lui i miei amici.E' venuto alla festa del mio paese dove c'erano tutti i miei parenti (Poi io ho deciso di andare da un'altra parte).Mi fa complimenti...Se sto poco bene si preoccupa... Secondo voi?Cosa prova?
    Rispondi a Giuly Commenta l’articolo

  5. Avatar di lisa

    lisa 6 anni fa (30 Luglio 2014 10:47)

    Ilaria anche io condivido in pieno punto per punto questo tuo commento. Io purtroppo ho il difetto di farmi "abbagliare" dal tipo non bello anche brutto ma con un certo non so che, e soprattutto simpatico e regolarmente prendo fregature. Quelli timidi purtroppo appaiono musoni e non mi attirano, anzi penso di non piacergli e per questo non faccio io lo sforzo di lanciargli un segnale. Adesso però cambio tattica perché se dietro il musone-timido si celasse una persona con molte qualità? Dimenticavo di aggiungere che non sopporto i trasandati e quelli che non si lavano (ma credetemi ci sono donne che accettano anche quelli). Non sopporto nemmeno quelli che vanno dall'estetista, si fanno la maschera, insomma che esagerano nel senso opposto perché sono narcisi. Oppure quelli che ti dicono come devi pulire, come devi cucinare e criticano qualunque cosa tu faccia.
    Rispondi a lisa Commenta l’articolo

  6. Avatar di Ella

    Ella 6 anni fa (30 Luglio 2014 11:06)

    @Giuly: Cara Giuly, credo che la vera domanda sia : TU, cosa provi? : ) Un abbraccio
    Rispondi a Ella Commenta l’articolo

  7. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 6 anni fa (30 Luglio 2014 11:13)

    L'articolo sull'autosabotaggio lo potete trovare a questo link: https://www.lapersonagiusta.com/errori-comuni/auto... Se il link non funziona, copiatelo e incollatelo nella finestra del browser.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  8. Avatar di Goldie

    Goldie 6 anni fa (30 Luglio 2014 13:49)

    non so se ritenermi soddisfatta, comunque ieri ho rivisto una vecchia fiamma con cui ho avuto una breve avventura. dopo diversi episodi in cui siamo volutamente ignorati, ieri ho notato che lui ha cercato il mio sguardo, poi mi ha sorriso, poi me lo sono ritrovato all'improvviso vicino e ci siamo abbracciati amichevolmente. il tutto con molta spontaneità, abbiamo chiacchierato un po', abbiamo riso con altre conoscenze comuni, in simpatia, contenti di ritrovarci. in altri tempi, non mi sarei mai comportata così.
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  9. Avatar di Cassy

    Cassy 6 anni fa (30 Luglio 2014 14:36)

    @Giuly onestamente non so dirti cosa provi lui, con certezza. Da ciò che scrivi credo che indifferente tu non gli stia. Credo che provi interesse nei tuoi confronti e che sia preso. Ma ti chiedo, avete "chiarito" quale sia la vostra posizione? Intendo, avete parlato sul "cosa siete"? Lui si è mai sbilanciato in questo senso? Non so se siano cose prettamente adolescenziali, però personalmente parlando, per me è importante che ci sia un chiarimento diretto sulla direzione verso la quale si sta andando. Fare cose carine e gentili senza prendere posizione è una cosa, fare cose carine e dire esplicitamente "voglio stare solo con te" è un'altra. Specifico sempre che si tratta di opinione personale :) ovvio, non sono cose di cui parlare dopo un giorno di frequentazione, però voi vi frequentate da un bel pò, e da un mese a questa parte ha assunto una condotta abbastanza "impegnativa". Per cui credo sia lecito avere delle risposte in questo senso. Perchè personalmente non prenderei più in considerazione un uomo che fa il galante, mi chiama, mi scrive e si preoccupa, ma che allo stesso tempo non vuole un impegno serio con me. Il quale non intende stringere un rapporto esclusivo con me. Ma anche lì è del tutto personale. Magari per te non è fondamentale! :) In base alla sua risposta sul modo in cui ti vede e sul modo in cui vuole essere considerato da te, allora saprai cosa lui provi nei tuoi confronti!
    Rispondi a Cassy Commenta l’articolo

  10. Avatar di Cassy

    Cassy 6 anni fa (30 Luglio 2014 15:04)

    @SpiritoLibero ero un pò indecisa sul risponderti o meno. Ma non perchè non abbia trovato interessante il tuo commento, quanto perchè avevo la sensazione che questo scambio quasi si potesse trasformare in un discorso polemico. Però alla fine ho pensato che lo scambio, altro non sia che un confronto di idee, ed allora mi sono convinta a scrivere. :) Mi hai posto delle domande in modo da offrirmi uno spunto per riflettere, mi chiedi: "il tuo farti o non farti scrupoli nel comunicare con gli altri dipende dal fatto che chi ti trovi difronte sia o non sia fragile? Significa che se ti trovi difronte ad una persona “forte” allora credi di poter dire tutto ciò che ti viene di dire? Allora una persona “NON fragile” solo per il fatto che magari si sa difendere meglio, può essere destinataria di qualsiasi verbalizzazione altrui? Sei sicura che sia proprio così?". No SpiritoLibero non sono sicura che sia così semplicemente perchè non è una cosa che ho mai detto nè lasciato intendere, ma mi rendo conto del fatto che leggere dei commenti di un estraneo possa condurre a farsi delle idee differenti rispetto alla realta;) e forse sto rispondendo anche ad un'altra tua affermazione. Io penso che se una persona sia fragile, allora, probabilmente vivrebbe delle opinioni in maniera differente rispetto a come le vivrebbe una persona in equilibrio. Che stia bene con se stessa. O che sia serena in toto. Nel momento in cui mi rendo conto che la persona che io, magari erroneamente consideravo fragile, in realtà si pone nella posizione di dire determinate cose, allora rivalutando la mia considerazione nei suoi riguardi, mi convinco che usare lo stesso modo "diretto" di cui lei stessa si fa portatrice (o meglio schietto, come lei stessa asserisce"), non avrebbe turbato gli animi. Dall'esprimere un'opinione su dei commenti, sempre in maniera educata (dal mio punto di vista) al dire che solo perchè una persona non è fragile allora le si possa dire tutto quello che voglio ce ne passa! Tu stai giudicando il mio commento a Goldie e lo giudichi come un commento col quale, sbottando, le ho riversato addosso tutte le emozioni che fino a quel momento trattenevo. Ma non è così. Io non considero le cose che ho detto "forti", le considero normali e personali deduzioni. Tu, pensi che io abbia "sbottato" (ho capito in che accezione hai impiegato il termine :)) non io. Poi dici che il tuo modo di comunicare non varia in base alla persona che hai davanti. Il mio sì :) per il semplice fatto che, magari per inesperienza, non so, io non riesco a comportarmi come un robottino. Se alla base delle opinioni non ci fossero emozioni io credo che allora non si avrebbero opinioni ma analisi algoritmiche di accadimenti. Le opinioni nascono da un personale sentire, e sono rette da emozioni, e non riesco proprio a capire come potrebbe essere diversamente. Poi mi dici "Io ad esempio non potrei mai asserire con tanta certezza che "nessuno di noi sia realmente in grado di asserire che l’autore del commento medesimo sia mosso da questo o quello stato d’animo”" ed io ti rispondo ribadendoti il concetto. Nessuno può farlo, perchè nessuno è un veggente. Io capirei il tuo discorso se conoscessi l'interlocutore( ma neanche sempre), o se ci stessi parlando al telefono o faccia a faccia, ma le capacità o potenzialità intuitive di una persona non possono nulla contro la barriera virtuale. Tu puoi immaginarlo, e magari anche intuire correttamente, ma sarebbe solo un caso, la certezza non potresti mai averla. Ecco io intendevo questo. (come io ovviamente non ho la certezza su nessuna delle percezioni che mi pervengono dai commenti qui sotto gli articoli). Concludo poi con questa frase che francamente, non ho proprio capito: "Non vorrei mai sentirmi dire che sto asserendo qualcosa, anche perché ti assicuro che questa è solo una mia OGGETTIVA VALUTAZIONE, e che non sento alcuna particolare e fastidiosa emozione nei tuoi confronti." Come fa una TUA valutazione ad essere OGGETTIVA?? Nel momento in cui è tua non può che essere personale, cioè soggettiva. Puoi aver capito tante cose di me dal mio commento, come anche il contrario. Non puoi averne la certezza. Ci tenevo a spiegare alcune cose, per evitare di essere fraintesa, proprio perchè io sono forte sostenitrice del fatto che i commenti sono facilmente fraintendibili, tra persone che si conoscono, figurarsi tra estranee :) Detto questo, ricambio volentieri il tuo abbraccio!! :) e confermo che anche da parte non ci sono emozioni negative o fastidi nei tuoi riguardi :)
    Rispondi a Cassy Commenta l’articolo

  11. Avatar di Goldie

    Goldie 6 anni fa (30 Luglio 2014 16:12)

    Io penso che scriviate papielli inutili.
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  12. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 6 anni fa (30 Luglio 2014 16:28)

    Scusa, Goldie, qual è l'effetto che vuoi sortire con commenti del genere?
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  13. Avatar di Goldie

    Goldie 6 anni fa (30 Luglio 2014 17:52)

    voglio dire che mi sembrano solo esercizi di retorica. Scusate, ma mi sembra che ci si allontani dalla sostanza. Il dialogo e il confronto devono essere utili e sinceri. Mi sembra che queste due persone si stiano dilungando troppo. Ecco tutto :-)
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  14. Avatar di SpiritoLibero

    SpiritoLibero 6 anni fa (30 Luglio 2014 18:27)

    Goldie, grazie! Non credo però ci sia alcun obbligo di stare qui a leggere i papielli che tu consideri inutili. Quante cose hai scritto tu sulle quali gli altri potrebbero giudicare senza peli sulla lingua così come tu hai fatto. Mi darai atto spero che il tuo commento non ha aggiunto nulla di utile, e tantomeno ha spiegato il motivo per cui tu li consideri inutili. Ma a questo punto ti assicuro che non mi interessa saperlo, anzi ti chiedo cortesemente di non dirmelo proprio, perché probabilmente non lo leggerei. Io qui leggo tutto. Ciò che è interessante per me e anche ciò che non lo è così tanto. Faccio tesoro delle cose che mi sono utili, e lascio che il resto sia utile per chi lo ritiene tale, senza sentire il bisogno interiore di sputare sentenze ad ogni costo ogni qualvolta qualcosa non mi piace. Al massimo rispondo esprimendo il mio parere e corredandolo con le mie motivazioni. Oppure me ne sto zitta. Ma ti assicuro che non mi sto trattenendo, semplicemente non ho la necessità interiore di attaccare per forza ciò che non è in sintonia con me. Ci stanno gli altri così come ci sto io. C'è spazio per tutti, (ovviamente tutti quelli che la "padrona di casa" ritiene di poter far entrare, perché cerco anche di non dimenticarmi mai che sono in uno spazio altrui e un minimo di educazione e rispetto è dovuto). Scusami Ilaria se ti ho chiamata "padrona di casa" ma considero i siti e gli spazi web come luoghi con una porta di ingresso dove si entra come quando si va a visitare qualcuno, tenendo quindi ben presente che si sta entrando in casa altrui.
    Rispondi a SpiritoLibero Commenta l’articolo

  15. Avatar di stella

    stella 6 anni fa (30 Luglio 2014 18:27)

    lo so Luisa che di qs si dovrebbe parlare. e mi scuso se sono andata fuori tema. solo che in qs giorni questa è la sezione più letta, mi sembra, e x ciò ho pensato qui avrei avuto risposta. tutto qui :-)
    Rispondi a stella Commenta l’articolo

  16. Avatar di Cris83

    Cris83 6 anni fa (30 Luglio 2014 19:45)

    @Giuly da come lo descrivi,lui sta facendo seriamente..a te piace? Se la ris è si..GODITELO;))
    Rispondi a Cris83 Commenta l’articolo

  17. Avatar di Ramona

    Ramona 6 anni fa (30 Luglio 2014 20:26)

    In passato, una ragazza aveva chiesto aiuto qui sul blog con un commento particolarmente lungo e dettagliato: alcune di noi le hanno risposto con delicatezza, altre le hanno intimato di non scrivere commenti così lunghi dato che questo è un blog pubblico e non privato. Ora, alla luce di questo, mi chiedo come mai alcune commentatrici in questi ultimi due articoli si siano dilungate così tanto, in uno sproloquio di parole che mi ha davvero sorpresa. Penso che sarebbe meglio cercare di rispolverare la sottile arte del riassunto: una mente chiara è in grado di comunicare il suo concetto in poche righe. Mi viene quasi il dubbio che si sia perso il filo originale del discorso, e ora si commenti solo per il gusto di farlo.
    Rispondi a Ramona Commenta l’articolo

  18. Avatar di Cassy

    Cassy 6 anni fa (30 Luglio 2014 22:04)

    Rispolvereró le mie doti di sintesi ;) mi sono dilungata per cercare di spiegarmi ed evitare fraintendimenti. In futuro eviterò :)
    Rispondi a Cassy Commenta l’articolo

  19. Avatar di Luisa

    Luisa 6 anni fa (31 Luglio 2014 0:51)

    @Cassy io parlo come se fosse il mio fidanzato e lui anche...
    Rispondi a Luisa Commenta l’articolo

  20. Avatar di Cris83

    Cris83 6 anni fa (2 Agosto 2014 16:18)

    Io invece non capisco dove sbaglio quando scelgo di uscire con qualcuno. Ho un lavoro in proprio che amo,ho passioni,ho amiche. Non mi sento bisognosa. Vengo attratta da uomini seri sul lavoro,responsabili(sempre sul lavoro),timidi..che alla fine si rivelano peggio degli altri..hanno altre storie contemporaneamente,non vogliono una relazione stabile ecc..quindi L'ESATTO OPPOSTO di quello che credevo. Ci tengo a dire che non ci perdo tempo. E me ne vado,ma non capisco dove sbaglio,come faccio a non capirlo subito?
    Rispondi a Cris83 Commenta l’articolo