Come fai a capire se è la persona giusta?

capire se è la persona giustaCome fai a capire se è la persona giusta per te? Come fai a essere sicura che la relazione nella quale sei sia una relazione che ti fa stare bene per davvero e che ti permette di crescere come donna, come persona, come partner? Come fai leggere i segnali che un uomo ti manda e che ti fanno riconoscere ed evitare i tanti uomini sbagliati che ci sono in giro?

"Il segreto per trovare la persona giusta è dimenticare le volte in cui ci si era convinti di averla già trovata.M. Mei"

La mia esperienza a contatto con molte donne di età diverse e con storie diverse alle spalle mi fa pensare che molto spesso – per non dire nella maggioranza dei casi – le persone iniziano una relazione sulla base di alcuni “richiami” come l’attrazione fisica, la simpatia reciproca e la condivisione di certi passatempi e si “buttano” ed entrano in questa relazione con tutte se stesse. Perdendo un po’ il lume della ragione.

Tutte prese dalle forti emozioni che caratterizzano l’iniziale innamoramento e l’esordio di una relazione con un uomo o con una donna, tralasciano un aspetto davvero importante, cioè quello di capire se è la persona giusta per loro.

Capire se è la persona giusta: pensarci per tempo

Molto spesso la domanda: “come faccio a capire se è la persona giusta per me?” sorge quando è un po’ troppo tardi, quando la relazione sta dando segnali già troppo forti di “malfunzionamento”.

Molte donne mi scrivono e mi interpellano dichiarando apertamente che hanno una relazione alla quale tengono ma che si stanno ponendo la fatidica questione: “Come faccio a capire se è la persona giusta per me?”.

In realtà si pongono la domanda perché “sentono” che c’è qualcosa che non va proprio come dovrebbe andare. Percepiscono che si sta delineando un qualche genere di problema nel loro rapporto di coppia.

"L’amore si scopre soltanto amando. Paulo Coelho"

Perché accade tutto questo? Tutto questo accade perché la tendenza più comune delle persone è quella di pensare nel breve termine e non nel lungo termine. Le persone tendono a concentrarsi a quello che le fa stare bene adesso e non usano uno sguardo lungo, proiettato nella prospettiva di un tempo futuro, per valutare quel che accade loro e per prendere delle decisioni giuste per loro.

E questo accade ancora più spesso se ci si trova tutte prese dalle emozioni dell’innamoramento, del corteggiamento e dall’inizio di una relazione e ancora di più se ci si trova in uno stato di ansia, di bisogno, di desiderio incontrollato.

Ecco perché, ancora una volta, io insisto sul fatto che prima di trovare una relazione che possa definirsi soddisfacente è necessario concentrarsi sul proprio benessere personale e sul proprio equilibrio emotivo. Per questo è necessario uscire dallo stato di bisognosità e di necessità “assurda” di una storia d’amore nella quale molte donne vivono in varie fasi della loro vita e spesso per lungo tempo.

Diversamente, succede che si arriva a incontrare un uomo qualsiasi e a innamorarsene, ma solo perché c’è un disperato bisogno di una relazione e non perché si tratti della persona giusta e della relazione giusta.

La persona giusta, il bisogno e la realtà dei fatti

"Puoi amare solo quando sei felice dentro di te. L’amore non è un indumento che puoi indossare.Osho"

Non solo: ci sono due altre “forze” potenti che molto spesso governano il comportamento delle persone senza che loro nemmeno se ne accorgano. La cultura nella quale sono immerse e la “fantasia” che si sovrappone alla realtà e che la cancella.

Un esempio di condizionamento culturale che pesa sulle tue emozioni, sulla tua capacità di decidere e di scegliere in libertà come essere felice? La convinzione che una donna sia più felice se vive in coppia, se ha dei figli e una famiglia e la convinzione che per ottenere tutto ciò si debbano rispettare dei tempi dettati dall’esterno.

E per quel che riguarda la fantasia e le fantasie d’amore, come ti possono condizionare? Ti limitano nella tua percezione obiettiva della realtà, dato che le si sovrappongono. Prima dei vent’anni, diciamo anche prima dei dieci anni, le bambine sono “impregnate” da una moltitudine di idee, storie e sciocche bugie sull’amore che “cadono dall’alto” e sono però continue e martellanti. Solo che una bimba e un’adolescente che esperienza diretta ha dell’amore e delle relazioni. Nessuna. Ma proprio nessuna. E a quindici/diciotto/vent’anni ma anche a quaranta, come fa, poverina ad affrontare la realtà della vita, dove non mi risulta nessuno mai abbia visto un principe azzurro e i cavalli bianchi non si usano più nemmeno per fare gli spettacoli al circo?

"L’amore guarda non con gli occhi ma con l’anima. W. Shakespeare"

Nel mondo reale, quello nel quale viviamo tutti quanti, che ci piaccia o no, si incontrano i perditempo e i dongiovanni. Si incontrano un sacco di uomini sbagliati: lo stronzo, il rospo, l’indeciso, il confuso. Questa è la verità che nelle favole non scrivono.

E allora, cara amica mia, sveglia! Inizia a fare la rivoluzione e a porti un obiettivo di cui nessuno o ben pochi ti hanno parlato: essere felice. Per anni ti hanno stordito con il fatto che tu sei una donna, devi essere dolce e accogliente, che gli uomini sono uomini e che vanno compresi, accolti, blanditi. Per anni ti hanno spiegato come vestirti, truccarti, muoverti. Ti hanno persuaso che devi fare dei figli ed essere una buona madre oltre che una buona moglie.

Ti hanno anche fatto capire che dovevi essere brava a scuola – comportarti bene – e che devi essere brava al lavoro.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Quando mai ti hanno spiegato che puoi essere felice? Che fare sesso per esprimere la tua energia sessuale e non per compiacere o tenerti un uomo? Quando mai ti hanno chiarito il fatto che se una relazione non ti piace, puoi lasciarla, senza stare ad arrovellarti nei sensi di colpa?

Capire se è la persona giusta, 6 passi pratici

E allora, per tornare al tema centrale dell’articolo, come fai a capire se è la persona giusta per te?

Intanto tenendo presenti le considerazioni che ho fatto poco sopra e quindi. riassumendo:

1)      Metti la tua felicità come obiettivo prioritario. Considera che si può essere molto infelici con una famiglia e molto felici da sole.

2)      “Proiettati” nel futuro, nel TUO futuro. Guarda al progetto della tua vita con ”occhio lungo”, anche se sei molto giovane: perdere tempo in storie che consumano energie ti allontana dalla tua felicità, sempre e comunque.

3)      Elimina ogni aspetto di “fantasia” dalle tue convinzioni su un rapporto di coppia

E poi, procedi:

4)      Affidati al tuo inconscio e al tuo intuito, alle tue sensazioni.

5)      Non avere paura di fare cambiamenti, anche rivoluzionari. Rovesciare le situazioni, molto spesso è la via più semplice alla piena realizzazione di sé

6)      Per capire se è la persona giusta per te ascolta quel che ti comunicano i tuoi sensi, sempre e in ogni situazione, senza mai sottovalutarli e anzi, facendoti guidare da loro. Ogni volta che pensi alla tua relazione chiediti: che cosa vedo? Mi piace o non mi piace? Mi fa stare bene o non mi fa stare bene? Che cosa sentono le mie orecchie? Mi piace o non mi piace? Mi fa stare bene o non mi fa stare bene? Che cosa provo con il mio corpo? Quali sono le mie sensazioni profonde? Mi piacciono o non mi piacciono?

Questo è un modo per vivere la storia nel presente e nel contempo comprendere te stessa e i tuoi desideri in modo da proiettarti nel futuro e da fare le scelte migliori per te.

E secondo te, in quali altri modi puoi capire se è la persona giusta per te? In passato che cosa ti ha permesso di capire se era o non era la persona giusta per te?

***

La comunità de La Persona giusta per Te è attiva anche su Facebook. Se vuoi partecipare agli scambi metti il tuo “mi piace” alla pagina.

 

Lascia un Commento!

30 Commenti

  1. Avatar di sabrina

    sabrina 4 anni fa (3 Febbraio 2016 0:41)

    Io non capisco invece l'odore le sensazioni erano positive pero lui era sfuggente non mi voleva se non per sollazzarsi periodicamente il classico sfuggente evasivo, bugie ecc però ha incontrato un'altra e con lei è diverso .. è lui credo che faccia da cagnolino la rincorre ora stanno insieme .. quindi uomini sbagliati per alcune sono giusti per altre?
    0
    Rispondi a sabrina Commenta l’articolo

  2. Avatar di Fabrizio

    Fabrizio 3 anni fa (17 Marzo 2017 17:29)

    Vale anche per l'uomo.
    0
    Rispondi a Fabrizio Commenta l’articolo

  3. Avatar di Laura

    Laura 1 anno fa (18 Ottobre 2018 14:18)

    Ciao a tutti. Io ho sempre detto che le favole sono la rovina delle donne.
    0
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  4. Avatar di Shy

    Shy 9 mesi fa (3 Marzo 2019 23:27)

    Buonasera a tutte. Ormai vi sto tenendo aggiornate perché vi considero come una famiglia virtuale. Ebbene il tizio numero 1 è sparito come doveva, il tizio numero 2, quello che non mi prendeva molto, sta continuando a comportarsi bene. Ed io ho paura che sia proprio questo il problema. È come se, ogni qualvolta vedo uno interessato a me, scatti un meccanismo che mi fa svalutare quella persona. E mando tutto a quel paese. Sto facendo una fatica immensa ad accettare che sia bravo con me e gli trovo tutti i difetti del mondo, per trovare una giustificazione meno assurda del semplice fatto che gli possa interessare davvero. Non so come uscirne. Non so se sia questo o se veramente non mi prenda caratterialmente. Sono stra confusa. Alla quarta uscita ancora non sono riuscita a baciarlo. Mi sento in un labirinto e non so a quale filo agganciarmi per uscire.
    1
    Rispondi a Shy Commenta l’articolo

    • Avatar di Vittoria

      Vittoria 9 mesi fa (4 Marzo 2019 13:57)

      Ciao Shy! Ti do un consiglio, che spesso cerco di fare anche a me stessa: più leggerezza! Il momento della conoscenza, del corteggiamento, deve essere anche un piacere... Mi sembra che affronti la situazione senza ascoltare te stessa, i tuoi bisogni e la tua voglia di vivere felicemente. Non deve essere tutto un lavoro, un impegno. Al tuo posto io mi prenderei un momento per riflettere, per dedicarmi a me stessa e capire se questo ragazzo può piacermi davvero o se me lo sto facendo piacere per forza (senza pause di riflessione annunciate a lui, è il momento della conoscenza e non c'è nulla di certo)
      1
      Rispondi a Vittoria Commenta l’articolo

    • Avatar di Shy

      Shy 9 mesi fa (4 Marzo 2019 17:20)

      Grazie Vittoria" Seguirò il consiglio! Purtroppo non è facile perchè sono una persona molto emotiva e sensibile e quindi spesso analizzo, mi fermo, rianalizzo...proverò a fare come dici! Grazie :)
      1
      Rispondi a Shy Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 9 mesi fa (4 Marzo 2019 14:45)

      Yeah. https://youtu.be/Q5II2y1VtuA
      0
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 9 mesi fa (4 Marzo 2019 15:39)

      Ma se non ti piace, chi ti obbliga a farci qualcosa? Se è un ragazzo valido, tienilo come amico. Tante volte vale molto di più un amico, invece di bruciare questa conoscenza che può arricchirti, pensa a coltivarlo da un punto di vista umano. Quando poi apparirà uno che ti piace, la confusione passerà! È così importante che questo ragazzo diventi il tuo partner? Un po' di spontaneità dai. ..
      2
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 9 mesi fa (4 Marzo 2019 15:45)

      Ciao Shy, hai preso in considerazione che potresti avere semplicemente voglia di stare da sola per un po'? Magari inconsciamente questa è una tua esigenza adesso...
      1
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 9 mesi fa (4 Marzo 2019 17:04)

      Ma scusa, ti piace il fatto che si comporti bene? E' il minimo sindacale. Ti consiglierei di fare un elenco spassionato su carta di quello che ti piace di questa persona. Se alla fine si riduce a: è una brava persona e porta delle magnifiche cravatte, direi che no, non arriva alla sufficienza. Si può provare a conoscere qualcuno per capire se uscendo dai propri schemi alla fine si sviluppi attrazione, ma se non succede, amen. Non è che un qualsiasi non-stronzo non-attraente vada bene a prescindere .
      0
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo