Conquistare il mondo: il segreto per avere tutto dalla vita

conquistare il mondoConquistare il mondo è un modo di dire forse un po’ antiquato che pone l’accento sull’entusiasmo e la fiducia nelle proprie forze e nelle proprie capacità di ottenere quel che si vuole dalla vita. Tu hai abbastanza fiducia in te stessa e una autostima sufficiente per muoverti determinata verso quello che desideri? O sei convinta che sì, a pensarci bene, probabilmente non è impossibile per te raggiungere i tuoi obiettivi, ma, a dir la verità sono troppe le condizioni avverse che si frappongono tra te e la realizzazione dei tuoi desideri?

"Si fanno regole per gli altri ed eccezioni per sé. Charl Mens"

Forse conquistare il mondo sarebbe anche una missione possibile, solo se il mondo fosse meno complicato, gli altri fossero più aperti e più comprensivi e le condizioni generali fossero un po’ più facili. Ma, così come stanno le cose, conquistare il mondo non è impresa tanto facile. Certo, in altri tempi e in altri luoghi, a dirla tutta, forse sarebbe possibile, ma, adesso e qui, come si fa?

Conquistare il mondo, conquistare un uomo e…

Conquistare il mondo non è poi così diverso dal conquistare un uomo: in fin de’ conti quante donne brave, belle, cortesi e piene di amore ci sono in giro? Quanto donne che non vedono l’ora di trovare l’uomo giusto e di riempirlo di tutta la loro immensa capacità di amare ci sono da queste parti? Tantissime. Il fatto è che tutte queste signore e signorine che hanno tante buone intenzioni si scontrano con un problema ben difficile: gli uomini. Pare che al mondo non esistano uomini così ben intenzionati quante sono le donne desiderose di avere una storia d’amore fantastica, romantica ed eccitante. E come la mettiamo?

"Conquista te stesso, non il mondo. Cartesio"

Qualche giorno fa una lettrice ha scritto un commento al mio articolo dedicato all’intelligenza e al comportamento più intelligente e più utile per sé: “Cara Ilaria, grazie per questo articolo. Sarebbe molto utile se potessi approfondire anche il tema del come vivere in un mondo di maschi (quelli non fidanzati) il cui unico interesse è portare la ragazza a letto una volta e basta, che lo dicono chiaramente di non essere interessati a conoscerla, ad averci un rapporto più profondo e che soprattutto appena intuiscono che lei ha una sua emotività ed intelligenza ben delineata scappano a gambe levate. Ok, stiamo da sole (ogni tanto cediamo a qualcuno perché siamo esseri umani e gli istinti sessuali non è possibile eliminarli del tutto, ma cediamo comunque sapendo) – quello che vorrei sapere è come poter sopravvivere in una realtà così, mi sto deprimendo sempre di più.”

Ora i presupposti di questa domanda sono che il mondo sia affollato da uomini interessati alle donne solo per fare sesso e nient’altro, che questo fatto renda difficile la “sopravvivenza” e – soprattutto – che si sia obbligate a relazionarsi con uomini di tal genere. Interessante, vero?

E’ un po’ come dire che a tre isolati da casa mia c’è un negozio di alimentari famoso perché vende cibo pessimo, a prezzi esagerati e il negoziante è anche sgarbato, ma io voglio comunque farci la spesa, pretendendo di portarmi a casa cose buone e a buon prezzo. Curioso.

Ti dò una notizia: nessuno ti obbliga a frequentare le persone che non ti piacciono. Nessuno ti obbliga a compiacere qualcuno che non merita la tua attenzione. Niente e nessuno ti costringr a porre la tua attenzione su quello che non ti va bene, che non ti piace e che non ti aggrada.

Conquistare il mondo e la manipolazione “involontaria”

Un commento come quello che ho citato – i cui presupposti so bene che sono condivisi da molte donne – fa pensare che ci sia un atteggiamento mentale improntato alla critica dell’altro e al desiderio di cambiarlo perché possa soddisfare alcuni “standard” di comportamento ritenuti più consoni a un certa idea della vita di coppia e di relazione. Anche se non gli appartiene e non la comprende.

Attenzione: gli altri sono liberi di fare della propria vita quel che vogliono e di immaginare e desiderare la vita di coppia e di relazione che preferiscono. E tu non sei obbligata a frequentarli o ad adeguarti ai loro desideri. Non ti piace il modo di fare e di pensare di qualcuno? Lascialo perdere. Occupati di altro. Frequenta un altro genere di persone. Cambia frequentazioni.

Conquistare il mondo o dare retta alla mediocrità

Adegua i tuoi standard di vita alla vita che vuoi vivere: affronta sfide più impegnative per incontrare persone con le quali puoi trovare più sintonia di ideali e corrispondenza di valori. Alza i tuoi standard per incrociare sulla tua strada persone con standard più alti.

Datti da fare per compiere una tua evoluzione personale che ti porti, in modo naturale e spontaneo, ad avere a che fare con persone che meritano la tua attenzione, il tuo impegno, l’intimità con te.

Che genere di ambienti ferquenti di solito per avere a che fare sempre e soltanto con tipi da “una notte e via”? Che cosa fa sì che tu ti senta attratta da personaggi del genere, tanto da fartene un problema? Che cosa, nel tuo modo di fare fa sì che persone di questa risma si azzardino ad avvicinarti, a rivolgerti la parola e a iniziare un approccio con te?

Te lo chiedi mai?

Voler “cambiare il mondo”, desiderare di convertire gli altri è la via più rapida e certa all’infelicità. La volontà di controllo e di manipolazione divora risorse immense in termini di serenità, concentrazione, capacità di raggiungere i propri obiettivi di vita. Un atteggiamento del genere ti trasforma in una donna bisognosa, in una rompiscatole, in “donna-zecca” come certi uomini definiscono le donne che tolgono loro il fiato.

Allo stesso modo lo sforzo di adeguarsi, di compiacere, di andare incontro alle esigenze degli altri è distruttivo e improduttivo.

Come fai ad avere una buona vita? Come fai a conquistare l’uomo giusto per te? Lasciando perdere questa ansia di manipolare, cambiare e controllare gli altri: tutti atteggiamenti tipicamente femminili che provengono da un’educazione tesa a creare insicurezza e a rafforzare dunque il bisogno di controllo sugli altri, molto spesso nascosto sotto le mentite spoglie dell’amore, dell’affetto, dell’interessamento.

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Nella tua cerchia non ci sono uomini con i quali riesci a trovare un’intesa? Poco male. Cambia cerchia. E cambia ancora.

Gli uomini che conosci hanno un’idea che tu ritieni totalmente superficiale del rapporto di coppia? Gli uomini nei quali ti imbatti sono di quel genere interessato solo al sesso? Ci credo, non è che non ci credo. Il mondo è abitato per la maggioranza da persone che pensano in piccolo e che sono mediocri. Ma i pensatori meschini e i mediocri non sono l’unico genere di persone in circolazione.

"Il contrario dell’amore non è l’odio, ma l’apatia. Leo Buscaglia"

Ci sono anche persone che sanno pensare in grande e che hanno menti e cuori aperti. E’ a quelli che bisogna dare retta. E’ con quelli che bisogna creare relazioni. E per farlo bisogna essere noi per primi persone con menti e con cuori aperti, non chiusi nelle meschinità dell’abitudine, del modo “normale” e comune di pensare.

Un uomo che vuole solo relazioni di sesso è un uomo ordinario, non certo stra-ordinario. Ce ne sono a mazzi in giro per il mondo, a carrettate, li distribuiscono con i TIR. Sono la massa dei mediocri.

Premiare i mediocri perstando loro attenzione, cercando di compiacerli, cercando di adeguarsi ai loro desideri non fa altro che alimentare la loro mediocrità. Ed è quello che accade molto spesso: i mediocri in ogni campo “fanno giornata” perché vi sono altri mediocri che danno loro forza, energia, attenzione. Tutta mediocrità si intenda, nulla più.

" Chi dice che è impossibile non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo. Albert Einstein"

Se si smettesse di dare corda a questa tipologia di maschio minuscolo che “spopola” grazie alle moltitudini di donne sospiranti per ottenere uno sguardo, una piccola attenzione, anche solo una scopata, beh, questo maschio minuscolo comincerebbe a ridimensionarsi, a cambiare il proprio atteggiamento, a porsi in un altro modo nei confronti delle donne. Forse comincerebbe a nutrire il sospetto che per ottenere quel che vuole, deve un minimo affinare il proprio pensiero, aggiustare il tiro, alzare il livello.

Tu e la tua conquista del mondo

E allora come fai a conquistare il mondo? Come fai a ottenere tutto dalla vita? C’è un piccolo segreto, tipico delle persone di successo: conta su di te. Porta la tua attenzione verso le tue risorse, le tue capacità. La tua voglia di fare. Lascia andare l’idea vecchia e reinventata ogni generazione che una donna abbia bisogno di un uomo per realizzare se stessa. E’ quella che ti frega e ti fa pensare che tu debba cambiare la testa agli omuncoli che vogliono solo sesso da te. Punta in alto, sogna in grande, datti da fare per te stessa. E non perderti in considerazione che ti tolgono entusiasmo, forza e fiducia in te stessa.

***

La comunità de La Persona giusta per Te è attiva anche su Facebook. Se vuoi partecipare agli scambi metti il tuo “mi piace” alla pagina.

***

Ti interessa avere un supporto pratico nel tuo percorso verso una relazione sana e soddisfacente? Non aspettare oltre.

Intraprendi i miei percorsi:

I 7 Pilastri dell’Attrazione

Come sedurre un uomo senza stress, né per te né per lui

***

Lascia un Commento!

50 Commenti

  1. Avatar di Emanuela

    Emanuela 5 anni fa (16 Marzo 2015 23:37)

    un po' lunga da spiegare, in breve sono tornata a vivere con i miei dopo un matrimonio fallito alle spalle e quest'anno terminerò la mia formazione professionale, che mi occupa tempo e mi costringe a fare lavoretti salutuari. Mia mamma è depressa e passa la maggior parte della sua giornata a letto e a piangere lamentandosi di tutti i dolori del mondo... è in cura da uno psichiatra e nonostante i nostri tentativi non vuole affrontare un percorso psicologico perchè lei è una di quelle che nella sofferenza ci sguazza... in breve ,,, finchè non termino il corso (questa estate) non posso cercare qualcosa che mi porti a vivere lontana da casa. Non manca molto lo so ma nel frattempo ho bisogno di evadere e distrarmi,,, a volte ce la faccio, con corsi di ballo e uscite con amici... ma ammetto che a volte ho talmente tanta tensione che mi ha portato ad avere gli sfoghi sbagliati... che, immagino mi dirai, peggiorano solo la situazione perchè aggiungono frustrazione a una routine triste ...spero tu mi creda se dico che voglio cambiare registro!
    0
    Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

  2. Avatar di Emanuela

    Emanuela 5 anni fa (16 Marzo 2015 23:08)

    Auguro a tutte noi che arrivi il più in fretta possibile quel momento in cui lui non ci piace più...ammetto che con "l'uomo sbagliato per me" ho lavorato molto di fantasia e mi son costruita castelli in aria, ma poi guardo a terra e non c'è nulla. Ammetto di provare eccitazione, brivido di vittoria quando si fa sentire perchè lui è fidanzato e quindi non ci sono regole fra noi. Forse io non voglio lui come persona ma questo brivido di tensione che mi scuota da una vita un po' pesante da sopportare...e allora è tutto un meccanismo perverso il mio..il punto è.. riuscirò a procurarmi quel brivido da sola senza dover dipendere da qualcun altro? come si fa a diventare padrone della propria vita.. a fare qualcosa per se stesse?Ilaria cara, mi daresti qualche dritta da utilizzare nella routine quotidiana? te ne sarei grata...Un abbraccio a tutte coloro che sono le persone giuste per loro stesse, solo che ancora non lo sanno
    1
    Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

  3. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 5 anni fa (16 Marzo 2015 23:13)

    @ Emanuela, domanda: ma hai proprio bisogno di quel brivido? La vita non ti basta? Quel che ti accade non ti basta? :)
    2
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 5 anni fa (17 Marzo 2015 14:39)

    @ Emanuela. intanto io non sono la professoressa di lettere che ti dice cosa devi fare e che ti sgrida che non lo fai. E non sono nemmeno la tua mamma e il tuo papà, di fronte ai quali ritieni (o ritenevi) di doverti giustificare. Sei una persona adulta, ormai, se hai anche un matrimonio alle spalle (che mi serve a capire che i 18 anni devi averli superati da un pezzo). E' ora che tu ti assuma le tue responsabilità, inclusa la tua scelta di essere tornata nella casa familiare e di aver deciso di terminare la tua formazione professionale. Ogni scelta comporta delle conseguenze. Io sono totalmente contraria alla vita in comune tra genitori e figli dopo una certa età. Io sono dell'idea che è meglio fare la fame che accettare un compromesso del genere. So che molti invece accettano questo compromesso di buon grado. Io lo ritengo deleterio. Quel che voglio dire, è, ok, tu hai fatto la tua scelta, probabilmente conoscendone i dettagli (i problemi della mamma) e ora velatamente ti lamenti della situazione. E' come se tu spostassi la responsabilità su terzi. Anche quando dici che hai bsiogno di evadere e di distrarti è un po' come se tu spostassi la responsabilitä sui tuoi bisogni e non su te stessa. Quindi, alé, in questa "deresponsabilizzazione" è ovvio che poi si cade tra le braccia del meno giusto degli uomini. Che fare? Considerare da dove si parte, quel che si è fatto finora, soffernarsi il giusto anche sul considerare che cosa è successo nel matrimonio che non ha funzionato e scoprire quali sono gli schemi non utili che si mettono in atto nella propria vita, tanto da creare un insieme di situazioni come quello descritto. E mettere mano, passo passo, ai rimedi. Su dài, non evadere, non distrarti con scemene leggere. Evadi e distraiti prendendo in mano la tua vita e rimanendo concentrata sui pensieri, le azioni, le scelte che ti possono rendere (emotivamente) autonoma e indipendente e permetterti di creare una bella vita, della quale puoi sentirti orgogiosamente responsabile. Ti sono vicina e tifo per te.
    3
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  5. Avatar di Emanuela

    Emanuela 5 anni fa (17 Marzo 2015 17:05)

    Quanto hai ragione ... chi mi conosce mi prende bonariamente in giro perchè sto sempre a dire scusa scusa,,, ma questo è un modo infantile per non crescere.. ti ringrazio di cuore cara Ilaria, avere una "curva " che fa il tifo per me è uno stimolo ad andare avanti.. come primo passo per riprendere la mia vita in mano voglio tagliare i rami secchi invece di perdere energie inutili ad annaffiarli .. un abbraccio
    0
    Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

  6. Avatar di alessandra

    alessandra 4 anni fa (8 Novembre 2015 18:42)

    Sei fantastica Ilaria!
    0
    Rispondi a alessandra Commenta l’articolo

  7. Avatar di patrizio

    patrizio 4 anni fa (27 Marzo 2016 17:51)

    .....articolo fantastico ed azzeccatissimo per chi vuole uscire dalla mediocrità e dal frequentare persone mediocri.....ottimo spunto di riflessione per cambiare marcia e per non abituarsi ad accontentare ed assecondare le troppo persone che voglio tutti i santi giorni manipolarci. ....i tuoi articoli Ilaria sono un importante punto di riflessione anche per un pubblico maschile, di quei maschi che non vogliono confondersi tra i mediocri e che invece vogliono crescere come uomini di valore e frequentare donne di valore. Grazie Ilaria.
    8
    Rispondi a patrizio Commenta l’articolo

  8. Avatar di ELENA

    ELENA 3 anni fa (20 Agosto 2016 9:34)

    Nell'articolo Ilaria dice di cambiare spesso cerchia di amici se non si è soddisfatte ma come fare? Io non ci riesco non so dove e come fare amicizia, chiunque esce con me anche ragazze, poi mi evita non so cosa sbaglio è questo mi mette tristezza e trascorro le giornate in casa e la sera esco sola e vedo gli altri tutti in comitiva e realizzati ma per me è difficile, voi cosa mi consigliate?
    1
    Rispondi a ELENA Commenta l’articolo

  9. Avatar di Alessia

    Alessia 3 anni fa (5 Marzo 2017 21:10)

    Mi è piaciuta molto la schiettezza di questo pezzo! È pieno di verità su cui riflettere. Mi piace l'invito ad alzare i propri standard, lo condivido profondamente
    1
    Rispondi a Alessia Commenta l’articolo