Il rispetto: che cos’è e come funziona

rispettoSi fa un gran parlare di rispetto per quel che riguarda le relazioni umane. Si parla del rispetto dei figli verso i genitori, del rispetto dei genitori verso i figli, del rispetto dei giovani verso i vecchi, del rispetto dei politici verso i cittadini. Si legge, si scrive e si dice molto anche a proposito del rispetto degli uomini verso le donne. Poco – non a sufficienza – si parla del rispetto tra partner. E questo causa molti problemi di coppia.

Non si parla praticamente mai e mai ci si occupa della questione “rispetto di se stessi”, cioè del rispetto che si deve a se stessi. A  se stesse, per meglio dire.

"Preferisco l’odio che mi rispetta all’amore che mi insulta. Giuseppe Rovani"

Vuoi sapere come la penso? Io penso che chi vive in modo insoddisfacente e che chi ha relazioni insoddisfacenti abbia grandi carenze riguardo l’amore e il rispetto di sé.

In particolare le donne che sono “abbonate” a soffrire per amore, le donne che amano troppo, non conoscono affatto il rispetto di sé. E’ per questo che si fanno trattare da zerbini e permettono a qualsiasi uomo di pulirsi le scarpe su di loro, soprattutto se è un cretino, uno stronzo, un perditempo. Perché solo cretini, stronzi e perditempo hanno bisogno di donne-zerbini.

Il rispetto di sé e degli altri

Come forse sai – lo scrivo spesso – ricevo una grande quantità di messaggi ogni giorno dalle lettrici (e anche dai lettori) del blog. Nei messaggi che ricevo mi vengono raccontate le storie più varie nelle forme più diverse e con toni sempre differenti. Quello che spiego sempre alle mie interlocutrici, magari con un po’ di ironia, è che è molto più facile ingannare se stesse che gli altri. Che cosa intendo con questo? Che molto spesso – quasi sempre – mi è facile intuire qual è l’atteggiamento mentale che chi mi scrive ha nei confronti degli uomini e delle relazioni.

E’ che io sono un genio? No! E’ che è molto facile. Punto. E’ molto facile perché chi tratta me in un modo, di sicuro tratterà nello stesso modo il proprio partner – o l’uomo che le piace – , i propri genitori, i colleghi etc. E anche se stessa. Chi ha un comportamento abituale  di grande rispetto verso di sé, lo avrà anche nella comunicazione con me e con gli altri. Chi è remissiva e tende a subire, avrà un attegiamento remissivo e troppo conciliante anche con me. Chi si comporta in modo acido e arrogante con me non può farmi credere di essere sinceramente comprensiva e amorevole con l’uomo che le interessa (non sai quante superacide sono convinte di essere superdolci, anzi, sono proprio le superacide che sono convinte di essere superdolci, mentre le superdolci sono convinte di essere cattive!). E chi tenta di “mascherare” aggressività e prepotenza dietro belle e gentili parole spesso eccessive, beh, è ovvio che vorrebbe usare la manipolazione, sia con me, sia con gli altri. Ovviamente è anche piuttosto facile riconoscere colei che potrebbe diventare una stronza eccezionale, se applicasse un po’ di pratica.

"Non è in nome dell’altruismo, ma dell’egoismo che dovremmo rispettarci l’un l’altro. Pino Caruso"

Il rispetto: come farne un’abitudine facile e spontanea

Beh, che cosa voglio dirti con tutto questo pippone sul fatto che capire gli atteggiamenti altrui è facile? Voglio portare la tua attenzione su due aspetti molto importanti per la tua serenità, due aspetti utili a essere felici.

"Se hai un’idea rispettala, non perché è un’idea, ma perché è tua. Jim Morrison"

1)      Se vuoi davvero una vita soddisfacente e di valore, una vita che ti permetta di realizzarti a tutto tondo, non accontentarti dei risultati che hai raggiunto: continua a occuparti della consapevolezza di te, da adesso e per sempre. A che cosa ti serve essere consapevole? Ti serve a imparare l’amore e il rispetto di te, che sono le basi della felicità. Ti serve ad avere importanti rivelazioni e ad accorgerti, per esempio, che forse tu credi di essere gentile ed educata e invece sei prepotente e insistente. Hai idea di quanto una rivelazione del genere possa cambiare la tua vita?

2)     Poni attenzione agli altri con il giusto grado di cinismo, con tanta attenzione e anche sulla base di quello che scopri nell’essere consapevole di te: a poco a poco imparerai a leggere i segnali (anche quelli che oggi credi misteriosi e nascosti) e a evitare le relazioni sbagliate e le persone sbagliate in genere. Alla fine saprai gustarti a pieno il sapore del pieno rispetto di te da parte di te stessa (meraviglioso!) e da parte degli altri. E saprai che cosa significa portare rispetto a chi ti sta intorno. E il rispetto di te e il rispetto degli altri sono pratiche sacre per eccellenza.

Il rispetto ed essere uno zerbino: un esempio pratico

Poche ore fa ho ricevuto una mail da una lettrice, quel genere di lettrici che non hanno ben chiaro che il fatto che si comunichi via computer non significa scrivere delle frasi prive di punteggiatura in uno spazio e premere invio a un certo punto. Anche se si scrive attraverso il computer è utile usare la punteggiatura, iniziare una frase con la lettera maiuscola, esordire con un saluto, inserire magari un “per favore” e concludere, se possibile, con un “grazie”, un saluto di congedo e una firma.

Ma ci sono persone con davvero poco rispetto di sé, ci sono donne che, nello sforzo sovrumano di inseguire un uomo purchessia, hanno perso talmente di vista se stesse e la realtà che le circonda che non ce la fanno nemmeno a mettere un punto in più in una frase.

Non sto provocando (forse un pochino sì), non sto scherzando o ironizzando: le donne che amano troppo, le donne che soffrono troppo per amore, spesso si trovano in una condizione fuori equilibrio che non permette loro di distinguere il bene dal male, il giusto dall’ingiusto. Le donne di questo genere, prese letteralmente da una fame disperata di attenzione, amore e anche di sesso, fanno la cosa peggiore che possono fare: si perdono, perdono se stesse, perdono il mondo attorno a sé.

E non solo le donne che amano troppo: tutte le persone potentemente fuori equilibrio perdono di vista se stesse e gli altri. E mettono in gioco il rispetto.

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Il rispetto autentico: razionalità e amore di sé

Ecco il messaggio al quale mi riferisco, riportato integralmente: “Ma un uomo quando dice che è interessato solo al sesso e non ci può essere nient’altro e poi ti fa parlare al telefono con la mamma cosa vuol dire?”

Una mail di poche righe che contiene più messaggi nascosti (si fa per dire) di tutta l’Odissea intera. Non ci credi? Il primo aspetto interessante è che la lettrice suppone che il vuoto e l’insensatezza delle azioni altrui abbia un significato recondito. Che c’entra la storia di sesso, l’amore e la mamma? Cioè e io dovrei dare senso alle azioni sconclusionate di un pirla di quarta categoria? Con tutti gli sforzi che faccio per sembrare intelligente, mi viene chiesto di capire il pirlese? Mah…

Generosamente propongo un’idea interpretativa: prendere in considerazione l’ipotesi di avere a che fare con un idiota integrale che non sa distinguere, come si dice dalle mie parti, “il davanti e il di dietro” non è un’opzione? Non basta fermare l’attenzione sul fatto che questo signore ha in mente una cosa sola, il sesso, e molto probabilmente ce l’ha in mente nel modo anche più sbagliato possibile, dato che vuole avere una storia di solo sesso? Si vede che proprio ‘sto sesso gli manca proprio, poverino, tanto da ridursi ad avere (e soprattutto a richiedere) una storia di solo sesso.

Un’altra riflessione per la nostra lettrice: non ti basterebbe considerare il fatto che tu, cara amica mia, ti stai a perdere dietro a uno che da te vuole solo sesso, che ti considera solo per un tuo aspetto (il tuo essere uno strumento di soddisfazione sessuale, nulla più), per altro un aspetto per nulla unico e speciale, dato che il sesso, udite udite, possono offrirlo miliardi di donne – prostitute comprese -? Certo, bisogna anche essere capaci a prenderselo il sesso e mica tutti sono capaci di fare la cosa più semplice del mondo. Ci sono anche gli sfigati. Ci sono gli sfigatissimi, quelli che hanno la mamma e la fanno parlare.

Ma  siccome la donna disperatamente bisognosa non è sicura di avere a che fare con uno sfigato d.o.c., fa un passo in più: va alla radice di tanta genialità, va alla sorgente che ha prodotto tale risorsa fondamentale per l’umanità, la causa prima: la mamma.

Cioè, un uomo ti fa parlare con la mamma e tu le parli?! Solo per il fatto che “lui ti fa”: lui fa parlare te con lei e tu le parli. E tu, amica mia, non hai l’autonomia di decidere e di agire, di dire, fare, pensare: “ma io non parlo con la mamma di nessuno, io non permetto a nessuno di “fare di me quello che vuole””. Io decido per me, come voglio e come preferisco. Mica dò retta al primo sfigato che passa solo perché porta i pantaloni.”

Mi domando quale illuminazione fondamentale abbia portato la conversazione con la mamma di tale personaggio.

"Il rispetto s’inspira e non si comanda. Arturo Graf"

Insomma, in estrema sintesi, per tutte le audaci che mi hanno seguito fin qui e che non si sono lasciate turbare dal mio argomentare piuttosto diretto e dal mio vocabolario che non dà adito a fraintendimenti, direi che la storia è semplicissima: non c’è nulla da capire. Ma proprio nulla.

1)      La stragrande maggioranza delle azioni umane non ha una ragione sensata, soprattutto non ha una ragione che vale la pena considerare. Smettila di voler interpretare a tutti i costi quel che un uomo fa o dice. Attieniti ai fatti. I fatti contano.

2)     Non insistere nel voler vedere quello che non c’è: il mister ti ha detto che per lui è solo una storia di sesso. Basterebbe questo a emigrare in Patagonia, ma proprio nella parte desertica, per non rischiare di vederlo nemmeno con la coda dell’occhio.

3)     Impara il rispetto di te. Ma che cosa accidenti ti spinge a perdere il tuo tempo e la tua dignità in vicende di tale vuotezza, di tale meschinità, di tale orrore umano e relazionale? Decidi bene che la prima cosa e più importante della tua vita è scoprire la dignità e il rispetto di te e che niente-niente-niente viene prima. Quando avrai intravisto le prime ombre del rispetto di te in te stessa, di colpo ti scoprirai piena di amore autentico, senza nessuna bisognosità.

Lascia un Commento!

120 Commenti

  1. Avatar di federica

    federica 6 anni fa (12 Dicembre 2013 14:21)

    @goldie ma che discorsi sono? tu entra salutalo e fottitene. il problema è suo! tu di solito saluti e allora fallo e rispetta te stessa
    3
    Rispondi a federica Commenta l’articolo

  2. Avatar di Goldie

    Goldie 6 anni fa (12 Dicembre 2013 15:53)

    odio quando il mio saluto CADE NEL VUOTO ASSOLUTO, allora ho smesso
    0
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  3. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 6 anni fa (12 Dicembre 2013 16:52)

    Goldie, io sono d'accordo con Federica. Di queste persone bisogna prendersi gioco, trattandole serissimamente. E, soprattutto, non farsi condizionare da loro.
    5
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di Emanuela

    Emanuela 6 anni fa (20 Gennaio 2014 10:54)

    Ogni volta che ho un cedimento e tendo a tornare sulla cattiva strada ti leggo e ti rileggo, poi un respiro profondo e riprendo il cammino dal punto in cui lo stavo abbandonando. Grazie. Emaunela
    5
    Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

  5. Avatar di Francesca

    Francesca 6 anni fa (17 Marzo 2014 17:48)

    Ciao Ilaria e a tutti voi lettori, volevo ringraziarti e dirti che quando leggo le tue considerazioni sono molto divertita e mi dico :"è vero quello che dice" "emigrare in Patagonia" "la donna zerbino ecc.."....l'amor proprio, l'amore, il rispetto per se stessi sono fondamentali. Sei proprio un MITO.
    0
    Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

  6. Avatar di maya

    maya 6 anni fa (17 Marzo 2014 21:03)

    Buonasera a tutti. Sto soffrendo come un cane per la fine di una storia lunga. E, del rispetto e del mancato rispetto da parte di un uomo, sono vittima e responsabile probabilmente. Solo che ora non so come uscirne! Come fare quando il cervello sta tentando di archiviare perchè razionalmente ha capito ed invece il cuore grida ancora forte... l'attaccamento a lui, ai ricordi ed a decine di anni di tanto, tanto davvero! ? grazie.
    -2
    Rispondi a maya Commenta l’articolo

  7. Avatar di FEDERICA

    FEDERICA 6 anni fa (14 Aprile 2014 16:40)

    E come fare per una recidiva che si è annullata per un matrimonio di schifo per 15 anni ?? ù Come riprenderti la tua vita qunado sei a pezzi, senza lavoro nonostante laure esperienza e master, senza soldi con due figli adolescenti ?? Mi sono ritrovata bulimica con nulla!! Che faccio come posso riprendermi la mia vita? chi mi può aiutare??
    0
    Rispondi a FEDERICA Commenta l’articolo

  8. Avatar di Alida

    Alida 6 anni fa (14 Maggio 2014 11:42)

    Ciao Ilaria, sono grata alla vita che esistano persone come te, che dai un aiuto non indifferente a tutti noi. Sono in un periodo di totale confusione su me stessa. Sto cercando di cambiare perchè ero troppo remissiva, accondiscendente, sempre con risposte tipo: "non importa" e "non fa niente" .Ora sto dicendo ogni volta la mia, alla persona interessata anche se non ho un rapporto stretto, tipo il presidente di un associazione che secondo me non mi ha avvisata coi dovuti tempi. Ma forse son troppo dura o troppo avventata e avolte metto in dubbio il mio giudizio. Secondo te è essere falsi se con la persona A ci rimango male per qualcosa le voglio bene(credo di volerle bene) mi sfogo con la persona B secondo me fidata che dovrebbe temnersi le cose per se; intanto cerco di superare la cosa di lasciar andare, di vedere i suoi lati positivi, appena ci riesco io torno a parlare con A come se niente fosse, facendo leva sull affetto che comunque mi lega, A è ignaro/a di tutto e ne ho detto di ogni. Conclusione: mi sento falsa. Sono io quella che deve cambiare atteggiamento, sono una persona brutta! Mi dico che posso cambiare questo mio modo di fare e ci sto già provando. Anche se avolte quello che vien fuori di certe persone ti portano a non fidarti più di loro, le cose che dicono a me e gli atteggiamenti che assumono con me non tornano con gli atteggiamenti che mi raccontano altre persone di loro. Avolte son molto confusa, non so più chi è autentico. E mi chiedo ma io lo sono?sono degna di fiducia? Devo dire le cose solo alle persone interessate. Però avolte alcune persone ti dicono cose di altre che proprio non ti tornano e più si mettono insieme le cose più non tornano. E son quelle persone che alla fine lasci perdere, perchè non c'è più fiducia. C'è una tua affermazione che mi ha confusa: (non sai quante superacide sono convinte di essere superdolci, anzi, sono proprio le superacide che sono convinte di essere superdolci, mentre le superdolci sono convinte di essere cattive!). Ma come può essere??? Mah io dal canto mio non so più se son dolce, forse sono insistente. So solo che vorrei essere equilibrata e non sempre accomodante del tipo:"va bene", "fai tu", "a te come ti vien bene" in modo esagerato. Grazie A.
    1
    Rispondi a Alida Commenta l’articolo

  9. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 6 anni fa (14 Maggio 2014 11:53)

    @ Alida, rilassati, accettati per come sei e un passo alla volta starai meglio. Smettila di osservarti come si fa con un topolino da esperimento!
    1
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  10. Avatar di marym

    marym 5 anni fa (15 Giugno 2014 11:51)

    Salve...leggo spesso i suoi articoli. Li apprezzo e tento di farli miei, soprattutto ora che .....elaborando a fatica la fine di una storia in cui ho dato troppo e nel periodo in cui pensavo di riuscirci è capitata, come un fulmine disastroso, altra tragedia,(vera purtroppo!!),che, mi ha fatto perdere del tutto la speranza di risorgere, di vedere chiaro! Come, dove, riuscire a trovare un'ancora per stare ferma, per non affogare. In un botto ogni cosa è tornata a galla, si è mescolata insieme ad altre ed il bisogno di un riparo è diventato un miraggio? mary.
    0
    Rispondi a marym Commenta l’articolo

  11. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 5 anni fa (15 Giugno 2014 20:42)

    @ Mary, con gli elementi che mi dài la risposta è una scommessa. Posso dirti che ti sono vicina e che di sicuro non ci sono tragedie "vere" e tragedie "false". L'ancora per stare ferma sei tu. Questo è quello che posso dirti e che avere speranza è un atteggiamento che devi a te stessa.
    3
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  12. Avatar di marym

    marym 5 anni fa (16 Giugno 2014 15:05)

    Grazie Ilaria della saggia risposta...so che deve essere cosi---mi creda è durissima... quando poi le tragedie son le malattie....e le delusioni delle persone ti bombardano come missili impazziiti, inaspettate e cocenti, l'ancora è leggera e non riesce a fissarsi nei giorni. Ci proverò!
    0
    Rispondi a marym Commenta l’articolo

  13. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 5 anni fa (16 Giugno 2014 15:11)

    Le credo e, ora che la mia intuizione ha avuto conferma in quel che scrive, le riconfermo la mia vicinanza, a maggior ragione. Se lo trova utile, continui a seguire il blog, magari anche solo per distrarsi - con l'estate affronterò più spesso temi "leggeri" - e trovare ascolto tra le lettrici. E mi scriva anche in privato, se vuole.
    1
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  14. Avatar di patrizia

    patrizia 5 anni fa (3 Agosto 2014 19:44)

    Cara Ilaria, La seguo sempre con vero e autentico piacere, ma devo dirle che a mio parere... stavolta ha davvero superato se stessa! Complimenti! Patrizia
    1
    Rispondi a patrizia Commenta l’articolo

  15. Avatar di angymandr

    angymandr 5 anni fa (5 Febbraio 2015 18:20)

    bisogna ammettere che nessuno ci ha insegnato l'educazione sentimentale Importantissima Anch'io ho buttato via anni dietro a delle nullità Pensando che l'amore supera ogni cosa Si...Ma solo il mio A volte ci si perde dietro a personaggi che pensiamo di amare ma che in realtà non amiamo affatto! Anzi , sembra che dobbiamo raggiungere un obbiettivo Grazie a te Ilaria ho imparato a guardarmi con più rispetto Hai ragione a dire che a volte non c'è proprio niente da capire Lui continua a fare esattamente ciò che vuole tanto sa che tu sei la ad aspettare Come hai scritto in un articolo una bella pernacchia e girare i tacchi
    2
    Rispondi a angymandr Commenta l’articolo

  16. Avatar di simona

    simona 5 anni fa (18 Maggio 2015 18:27)

    La cosa che più mi dispiace, leggendo articoli importanti come questo, è non averti incontrata prima Ilaria! Sì perché se guardo al mio passato, mi rendo conto che più volte mi è capitato di farmi mancare di rispetto, di farmi trattare da stupida, e questo mi causa ancora tanta rabbia. Però sono certa che non capiterà più, grazie a te! Vorrei solo che chi mi ha trattato così male sapesse che d'ora in poi non può più accadere, ma alla fine mi rendo conto che questo mio desiderio di rivalsa, per quanto naturale, non devo alimentarlo, perché alla fine è su di me che devo lavorare: sono io che non devo permettere più a nessuno di trattarmi senza rispetto, indipendentemente da ciò che chi è stato nel mio passato sa e pensa di me.
    2
    Rispondi a simona Commenta l’articolo

  17. Avatar di tony

    tony 5 anni fa (19 Maggio 2015 19:29)

    Salve Ilaria. Questo blog è una rivelazione! Leggendo questo articolo ho capito il valore del rispetto, e ti ringrazio. Mi hai rivelato alcuni aspetti che non avevo mai considerato, e allo stesso tempo, mi accorgo, e devo ammettere, di essermi comportato da stronzo qualche volta. Alla luce di questo sento di dovermi correggere e migliorare. Grazie!
    1
    Rispondi a tony Commenta l’articolo

  18. Avatar di gio

    gio 5 anni fa (20 Maggio 2015 10:36)

    Ilaria buongiorno e buongiorno a tutte...piano piano sto leggendo tutti i tuoi articoli,che dire delle risposte esilaranti??in questi giorni sono riuscita anche a sorridere grazie a questo blog...credo di essere la remissiva ma vorrei essere la stronza eccezionale con un pò di pratica...anche io mi faccio domande su domande del perchè e come...e un giorno capirò che non ho niente da capire...capire chè lui mi cerca solo per e capire perchè a volte metto ancora in dubbio questa cosa pensando ci sia altro e aspetto che si faccia sentire...prima ero piccola e non mi rendevo conto ora so che sono una donna "bisognosa" "fuori equilibrio"...si dice che il primo passo per guarire e accettare di avere un problema..quindi che dire.."sono Giovanna e sono una ragazza che ama troppo sono stata per tutta la vita bisognosa di affetto,di attenzioni e di sesso...sono una di voi..e voglio guarire!!(ma sembra impossibile)"
    1
    Rispondi a gio Commenta l’articolo

  19. Avatar di Andrea

    Andrea 4 anni fa (27 Luglio 2015 4:18)

    Ciao! Sono Andrea da un angolo di mondo.. Curioso leggere il tuo articolo che è palesemente diretto all'essere umano donna e che malgrado questa esclusività diventa un messaggio universale adatto anche all'essere umano uomo. Tutto, praticamente tutto quel che hai scritto io l'ho vissuto ultimamente nella mia ultima travagliata relazione, dove appunto c'era una tipa che voleva solo una storia di sesso e non solo con me, in contemporanea anche con altri, ma da me voleva anche la figura del fidanzatino e faceva quelle tipiche azioni senxa senso.. oggi ho avuto un'illuminazione : sto vivendo un periodo di poco rispetto verso me stesso e così mi sono imbattuto nel tuo articolo. Condivido pienamente quel che scrivi: insomma io mi rispetto poco e per questo ho attirato una ragazza che si rispetta ancor meno di me visto che ama vendersi per sfida, per gioco, per noia.. È sempre utile il confronto con un punto di vista femminile quando soprattutto l'artefice di questa mia illuminazione è una ragazza. Grazie per la lettura.
    2
    Rispondi a Andrea Commenta l’articolo

  20. Avatar di Gea

    Gea 4 anni fa (21 Novembre 2015 22:07)

    Articolo molto bello, semplice e diretto. Nel costruire o preservare il rispetto di sé, aggiungerei, sulla base di una mia esperienza recente, un punto 4) Stai alla larga da chi non si rispetta e non sa farsi rispettare, perché non é in grado di apprezzare il fatto che lo rispetti... e prima o poi ti mancherà di rispetto.
    4
    Rispondi a Gea Commenta l’articolo