Gelosia: che cos’è?

gelosiaRicevo spesso domande sulla gelosia. Quella “attiva” e quella “passiva”. Cioè la gelosia che si prova nei confronti di qualcuno (ad esempio il proprio partner: cioè quando tu sei gelosa di lui, quando ti struggi o per lo meno ti preoccupi per un possibile tradimento) e la gelosia che qualcuno può provare nei nostri confronti (cioè quando il tuo fidanzato è geloso, te lo dice, te lo fa pesare. Teme il tradimento o anche solo qualche “disattenzione” da parte tua).

Siccome mi piace condividere le mie opinioni e le mie riflessioni con le lettrici, sulla pagina Facebook de La Persona Giusta per Te ho fatto la domanda: “Che cos’è la gelosia?” Tutte le risposte che ho ricevuto sono state molto interessanti. C’è chi ritiena che la gelosia sia la “paura di perderlo”; altre che pensano che la gelosia nasca dall’insicurezza e che sia una sorta di “desiderio di possesso” che non ha nulla a che vedere con l’amore.

"Spesso la gelosia non è che un presentimento. Roberto Gervaso"

Siccome le percezioni e le opinioni di tutti sono sempre estremamente interessanti e il tema della gelosia è sicuramente molto controverso, mi piacerebbe molto che si aprisse una ricca discussione al proposito, proprio a partire da questa mia domanda “Che cos’è la gelosia?”. Nello stesso tempo, ci tengo a proporre alcuni spunti utili a una riflessione, per permetterti anche di prendere consapevolezza di che cosa significa provare gelosia o dover sottostare alle richieste spesso troppo “restrittive” di un partner che prova gelosia.

Gelosia e maturità della relazione

Partiamo dalle basi: stare in una relazione ad alto tasso di gelosia non è per nulla piacevole. La gelosia è “faticosa” da sopportare sia che la si provi verso il proprio partner, sia che il proprio partner la provi nei nostri confronti. So che ci sono “culture” e persone che ritengono la gelosia un valore aggiunto nel rapporto di coppia. “Se è geloso significa che tiena a me!”, “Se è gelosa vuol dire che ti ama!” , Se è geloso è un vero uomo, è un uomo di valore!”.

Su quanto siano dannose certe antiche convinzioni sui rapporti di coppia parlo ampiamente nella mia guida gratuita Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi (se non l’hai già fatto, scaricala adesso).

Perbacco, come si fa a pensare di costruire un rapporto di coppia sano e sereno pensando di metterci un ingrediente disturbante come quello della gelosia?

Intendiamoci: un certo grado di gelosia – naturale e minimo – è normale. Una coppia la si crea anche partendo dal principio di esclusività, non è un caso. E’ ovvio e assolutamente umano che ciascuno di noi tenga a proteggere e mantenere questa esclusività. E si tratta di qualcosa che appartiene alle nostre emozioni più profonde, che spesso sfugge alla razionalità e alla logica e nello stesso tempo mica è un’idea campata in aria.

Gelosia ed equilibrio

Essere naturalmente gelosi delle persone che si amano fa parte dell’amore, certo, dell’investimento emotivo che viene fatto sugli altri e per gli altri.

Si tratta di equilibrio, ancora una volta. Tenere all’esclusiva del rapporto è più che normale. Impostare o sbilanciare il proprio rapporto nella direzione di una gelosia fastidiosa per sé e per gli altri, non ha nulla a che fare con l’amore.

"La gelosia ha da entrar nell’amore, come nelle vivande la noce moscata. Ci ha da essere, ma non si ha da sentire. F.Algarotti"

Perché mai? Perché un eccessivo attaccamento all’altra persona e all’ idea della sua fedeltà significa che l’altra persona non è più il riferimento in sé e per sé, ma solo per quel che rappresenta. Come probabilmente sai già, io metto spesso in guardia le donne rispetto a un atteggiamento mentale molto comune e molto pericoloso: quello di iniziare una relazione con il solo scopo di avere un partner, un compagno, un fidanzato, per esigenze sociali e di “stabilità” personale.

Ecco qua che allora la gelosia non è più espressione di un sincero interessamento verso gli altri, ma solo un’inconsistente pretesa di un diritto di “proprietà” e di possesso. E, di sicuro, come spesso ci si rende conto spontaneamente, di profonda insicurezza in se stessi, di profonda disistima verso il proprio valore e i propri punti di forza.

Siccome non ci si sente sicuri, si ingabbia l’altro. Ma l’amore è libertà ed espansione, non chiusura e limitazione. Come si fa a essere terribilmente gelosi e ad amare con sincerità? Come si fa a essere felici in una relazione che opprime invece di far esprimere?

Gelosia e differenze tra uomo e donna

E già: se assilli il tuo fidanzato e tuo marito e fai la rompiscatole, non è che sia un gran bel vivere e un grande amore. E lo stesso nel caso sia lui a toglierti il respiro e a limitare la tua libertà e il tuo pontenziale: non è sano tenere ingabbiati gli altri, non è sano vivere ingabbiati dalla gelosia degli altri. Non è amore. E’ potere. Amore e potere non possono stare insieme.

Come fai ad attrarre un uomo senza sembrare una facile o una poco di buono?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

"La gelosia nasce sempre con l’amore, ma non sempre muore con lui. F. de La Rochefoucauld"

Se il tuo fidanzato ti fa delle sceneggiate per la gelosia, quello è desiderio di potere, non di amore. Se tu sei ossessionata dalla mania del controllo, nel senso che vuoi che lui sia a tua disposizione e anche fai sempre mille verifiche su di lui, hai un’ossessione, non si tratta di amore.

Il fatto è che, parlando di differenze tra uomini e donne, succede molto più spesso che siano gli uomini gelosi a creare terra bruciata intorno alle loro compagne. Le donne non hanno questa “predisposizione”, in generale. Quindi, a proposito di uomini sbagliati e di segnali, ecco, la sua eccessiva gelosia, fin dall’inizio, è un segnale che non si tratta, come ti piacerebbe credere, dell’uomo giusto, ma dell’uomo sbagliato.

Se ti interessa approfondire il tema del raggiungimento dell’equilibrio personale per evitare un’insana gelosia e comprendere i tuoi reali bisogni, fai il mio percorso I 7 Pilastri dell’Attrazione.

Gelosia e fiducia

La gelosia ha a che fare con la fiducia? Certamente sì. Se si ha fiducia nel proprio partner non si deve provare gelosia, giusto? Il fatto è che la fiducia nel proprio partner non è un prerequisito importante per non essere gelosi; invece, la fiducia è un prerequisito essenziale alla relazione. Detto in altre parole: se non hai fiducia in un uomo, non iniziare una relazione con lui.

"La gelosia è l’inferno dell’amante tradito. John Milton"

Riepiloghiamo dunque i punti importanti dell’articolo:

1)      La gelosia è un sentimento naturale e spontaneo. Non va bene quando domina incontrastata il rapporto, quando toglie equilibrio o quando è causata dalla mancanza di equilibrio.

2)      Quando è eccessiva la gelosia di certo nasce dall’insicurezza.

3)      La gelosia morbosa non ha nulla a che vedere con l’amore e con una storia d’amore.

4)      Un uomo morbosamente geloso non è un uomo giusto.

5)      Se non si ha fiducia in uomo (o in una persona in generale), la relazione va abbandonata.

Che cosa ne pensi? Fammi sapere opinioni, domande e curiosità.

Lascia un Commento!

90 Commenti

  1. Avatar di Marina

    Marina 5 anni fa (2 Giugno 2014 17:18)

    goldie certo che è stato un trauma e lo è stato x più di un motivo mio matrimonio nn funzionava da tempo. io..vuoi perché ancora gli volevo bene, vuoi perché eravam sposati da pochi anni, vuoi perché abbiam una bambina piccola, mi rifiutavo di prendere in mano la situazione finche una notte....qnd ho capito che il matrimonio proprio nn funzionava...ho deciso. però ti dico...x qnt mi riguarda nn è stato tanto il tradimento in se il problema (anche se cmq l'avrei lasciato) ma il dp ci sono arrivata io a capire mi tradiva. lui nn ha ammesso l'evidenza lui nn me ne ha parlato a "tavolino". ho dovuto rielaborare tutto da sola da qnd c'è lei lui come uomo è cambiato. tutt'oggi, a distanza di 2 anni, nn mi saluta e fa fatica a parlarmi. e qnd lo fa...sento quasi...disprezzo....nelle sue parole il trauma più profondo è qs.
    -2
    Rispondi a Marina Commenta l’articolo

  2. Avatar di Goldie

    Goldie 5 anni fa (2 Giugno 2014 17:52)

    Certo. Io ho capito tutto dopo circa un anno che ci eravamo separati. Il vuoto sotto i piedi. Mi consola il fatto che non siano rimasti insieme. Era evidente che non era lei la donna giusta. Per ora nessuna perché neanche lui si è ricostruito. Ci resta una figlia adolescente che ora cerca appigli nella famiglia del fidanzatino, pensando che sia lì il modello. Ma anche quelle sono famiglie ricomposte e incasinate. A lei sembrano migliori. Aspetto tempi nuovi
    -1
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  3. Avatar di Al

    Al 5 anni fa (2 Giugno 2014 18:53)

    Anche per me è stato brutto sapere di essere stata tradita e di essere stata lasciata per la persona in questione. Senza contare che questa la vedevo sempre intorno. La cosa peggiore per me è stata aver tradito me stessa stando con una persona che non mi meritava solo per la paura di stare da sola. La cosa peggiore è stata capire che nel lento declino dei peggiori ex del mondo io li avevo scelti e avevo scelto di starci insieme. Ora mi piacerebbe avvicinarmi di nuovo al sesso e all'amore, ma da un lato noto che a pelle ancora mi eccitano i soggetti irrecuperabili, dall'altra mi rendo conto che il mondo è pieno di ragazzi interessanti, pieni di passioni, che non hanno bisogno di trincerarsi dietro la spocchia e maschere-macchiette di vario tipo e adesso vorrei proprio una persona semplice, capace di amare e di condividere la sua vita. @Goldie e a tutte le altre ragazze, capisco quello che vi è successo, perché anche io ho vissuto quelle sensazioni. E' brutto. Ma forse è la strada per provare a scegliere il meglio.
    4
    Rispondi a Al Commenta l’articolo

  4. Avatar di Attila

    Attila 5 anni fa (2 Giugno 2014 19:00)

    @ Tatiana: io rispetto assolutamente la tua fede, e anzi sono sinceramente felice per te se essa ti aiuta a trovare serenità e gioia. Pero' non concordo sul fatto che al lavoro di Ilaria manchi un approccio religioso (la sua forza e' anche che ha un modo di pensare libero, e per tutti), ne' sul concetto secondo il quale l'unica via per stare bene e "salvare l'anima" sia quella di avere un credo religioso... penso anch'io che per alcune persone ciò sia un grandissimo aiuto, a maggior ragione in momenti di grande dolore, pero' secondo me non e' giusto dire che e' l'unica strada... altrimenti, cosa dovrebbero fare i non credenti? Perdere ogni speranza? Abbiamo tante risorse dentro di noi: possiamo vederle come doni di Dio, per chi come te crede con forza, o come nostre peculiari potenzialità, per tutti gli altri, comunque l'importante penso sia avere sempre fiducia In noi stessi e amore per ciò che siamo....creature complesse, splendide e preziose, aldilà di ogni fede, categorizzazione e idea. Ti auguro tutto il meglio! :-)
    5
    Rispondi a Attila Commenta l’articolo

  5. Avatar di Marina

    Marina 5 anni fa (2 Giugno 2014 19:26)

    @goldie ho capito nn è mai bello qnd si è tradite. pensa che io di mio ex marito mi fidavo ciecamente. era tutto casa lavoro e figli (ha una figlia con me e un figlio di precedente unione) nn avrei mai pensato che accadesse qs. nn a noi. ma la cosa peggiore, tradimento e fine matrimonio a parte, è stata appunto vedere il suo cambiamento. io anche oggi..nn lo riconosco più. c'è sempre modo e modo di fare le cose. con lui nn ero molto gelosa. ero sicura. da lui purtroppo mi si è approfondito un vuoto emotivo che probabilmente avevo già, quindi nelle storie che ho avuto successivamente no notato da parte mia gelosia...mancanza di fiducia. e difficoltà nell'aver un equilibrio nella coppia.
    0
    Rispondi a Marina Commenta l’articolo

  6. Avatar di Mery

    Mery 5 anni fa (2 Giugno 2014 19:35)

    ora ho cambiato nome...son cmq la ragazza qui sopra :-)
    0
    Rispondi a Mery Commenta l’articolo

  7. Avatar di Dario

    Dario 5 anni fa (7 Giugno 2014 12:02)

    Non so, io non ho mai subito il tradimento, ma una sorta di piccolo tradimento l'ho fatto io una volta e mi sono sentito molto male. Il tradimento è un mix di debolezza, insicurezza, codardia, mancanza di amore (anche di sè), insensibilità ed egoismo. E però un pò questa descrizione mi ricorda quella della gelosia. Se la gelosia non fosse anch'essa una forma di tradimento? Un tradimento della fiducia, dell'amore (che lascia liberi di "essere") della comunicazione, ecc. ? Non penso che la gelosia sia la giusta medicina alla prevenzione del tradimento, se non in dosi omeopatiche... infatti credo abbastanza nell'omeopatia :)
    2
    Rispondi a Dario Commenta l’articolo

  8. Avatar di stella

    stella 5 anni fa (7 Giugno 2014 12:19)

    x me dipende dal grado della gelosia. se io sono un po gelosa del mio uomo...ci può stare. cosi come mi fa piacere sapere che lui è un po geloso di me ma troppa gelosia è sintomo di qlc che no va. in tal caso o uno ha motivo di essere geloso o uno è insicuro e nn si fida del partner allora si. la cosa va presa e curata.
    -2
    Rispondi a stella Commenta l’articolo

  9. Avatar di tatiana

    tatiana 5 anni fa (8 Giugno 2014 16:02)

    @Attila: ho detto che, forse manca! " Forse al tuo lavoro,serve anche un approccio religioso, qualcuno che ci aiuta ad salvare la nostra anima...", ho fatto copia incolla. per il resto, non dico che è sbagliato come la pensi,anzi! siamo tutti diversi uno dal'altro,nessuno non deve condividere per forza quello che ho detto! Mi era stato chiesto da lei che oppinione avevo, pero ho sbagliato e l'ho scritto qui! comunque non volevo offendere nessuno, non era questa la mia intenzione! sono felice che esistono persone come Ilaria!
    0
    Rispondi a tatiana Commenta l’articolo

  10. Avatar di Giardinosegreto

    Giardinosegreto 5 anni fa (11 Giugno 2014 11:20)

    Chiedo aiuto. Io non sono particolarmente gelosa, lascio correre e amo la libertà. In questa occasione però, più che gelosa direi che sono molto, molto infastidita. C'è una ragazza che si rende ridicola mostrando pubblicamente il suo affetto nei confronti del mio ragazzo (è una sua amica). Ora, lui mi ha rassicurata, io mi fido di lui ma non tollero lei. Non riesco a sopportarla, perchè questa ragazza deve mancarmi così di rispetto? Sembra faccia tutto in modo simpatico, ma intanto con le sue battute su facebook mette sempre in risalto quanto lei ci tenga a lui e quanto lo faccia ridere. Lui non risponde nemmeno alle sue dimostrazioni. Fino ad ora mi sono comportata con classe e l'ho ignorata, però stanotte mi è salito il nervoso! Cosa fare?
    0
    Rispondi a Giardinosegreto Commenta l’articolo

  11. Avatar di Goldie

    Goldie 5 anni fa (11 Giugno 2014 15:16)

    cercare di tenerla LONTANA. te lo dico per esperienza vera, non solo come consiglio. tieni il tuo ragazzo alla larga da questa tipa.
    0
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  12. Avatar di Dario

    Dario 5 anni fa (15 Giugno 2014 12:58)

    Per me devi tenerla lontana prima di tutto da te stessa (cioè non essere "preventivamente" ed emotivamente gelosa) e poi da voi, come coppia, in quanto una persona che gioca coi sentimenti altrui (i vostri) è una persona da trattare con distacco e freddezza. Non far caso troppo a FB, perchè è un modo inesistente, concentrati su quello reale. Quello che non puoi fare (anche se ci puoi provare) è tenere lui lontano da una sua amica, devi accettare che in privato possano sentirsi e accettare per assurdo anche che lui potrebbe un giorno tradirti (la libertà prima di tutto). Quello che devi fare è renderlo il più consapevole possibile che questa sua scelta porterà alla fine radicale del tuo amore, della tua fiducia e del tuo rispetto e valore che gli dai ora.
    5
    Rispondi a Dario Commenta l’articolo

  13. Avatar di Paola P

    Paola P 5 anni fa (17 Giugno 2014 16:49)

    Carissima Ilaria e carissime lettrici, da due mesi litigo con il mio ragazzo (stiamo insieme da 4) perché ogni tanto esce con una sua amica. Non sono mai stati fidanzati e non c'è mai stato niente se non un interesse reciproco all'inizio della loro conoscenza 2 anni fa. Si sentono tutti i giorni per messaggi, chat e ogni tanto escono insieme. Lui parla male di lei e la definisce una poco di buono ed è per questo che non ha mai iniziato una relazione con lei, però la accetta ugualmente come amica. A me sembra eccessivo sentirsi tutti i giorni e uscire insieme da soli. Sono una gelosa patologica oppure ho almeno un punto di ragione?
    3
    Rispondi a Paola P Commenta l’articolo

  14. Avatar di Benedetta

    Benedetta 5 anni fa (8 Agosto 2014 15:06)

    Eleonora, stai un po' più tranquilla, secondo me! Gli uomini SONO UOMINI! É naturale che guardino le donne! Che facciano gli scemi e tutto il resto! Ed é naturale che un po' dia fastidio! Ma mentre lo guardi, pensa alle gambe DI CHI pensa di più! A me aiuta tantissimo sapere che alla fine della giornata le mie siano le uniche gambe che vuole davvero! Lasciarlo libero di fare quello che semplicemente é! Anzi! Assecondalo! E gia che ci sei scherzaci! Aiuta ad alleggerire la tensione e lo farai sentire molto più sicuro del suo ruolo! :)
    0
    Rispondi a Benedetta Commenta l’articolo

  15. Avatar di Luca

    Luca 5 anni fa (15 Settembre 2014 13:08)

    Stranamente sul web sono tutte sante, tutte a buttare li il "NON LO FAREI MAI", be è sempre l'uomo che guarda le altre oppure che tradisce, ma non siate ridicole per favore,altrimenti che senso ha discutere? Io penso che la gelosia sia scaturita dall'insicurezza che ti fa nascere il proprio partner, io sono stato gelosissimo in passato, ma perché?una volta al mese mi confessava di avermi tradito. Ora sto con una brava ragazza che non me ne dà motivo e mi sento sicuramente più sicuro.
    0
    Rispondi a Luca Commenta l’articolo

  16. Avatar di Vale

    Vale 4 anni fa (20 Febbraio 2015 12:30)

    sono d'accordo che ciò che conta è l'equilibrio .. e penso che la gelosia venga considerata uno dei ingredienti di una relazione perché ci si aspetta l'esclusività e perché se si ama qualcuno si teme sempre che possa distaccarsi da te. Però è l'equilibrio la cosa basilare e non l'ossessività che sfocia nella possessività. Un pò di sana gelosia non fa mai male sia nel darla che nel riceverla ma esistono gelosie e gelosie! bisogna stare sicuramente attenti.
    0
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  17. Avatar di Silvia

    Silvia 4 anni fa (20 Aprile 2015 23:08)

    Cara Paola P, che dire...ti capisco. Sto da qualche mese con un ragazzo di cui mi fido e che è sempre stato onesto con me ma certe sue amicizie faccio fatica a tollerarle, già gliene ho parlato e lui mi ha rassicurata. Come il tuo, anche lui frequenta un'amica delle medie per cui aveva avuto una cotta (era stato respinto), dice che gli ricorda la sua ex per i modi di fare e la ricerca continua di attenzioni, l'atteggiamento egoista e un po' da vittima e che quindi non si metterebbe mai con lei. Io credo che lui sia sincero con me, ma non riesco ugualmente a darmi pace quando si tratta di rapporti con altre donne. Lo so che sono una persona parecchio insicura e la mia autostima è piuttosto traballante, quindi sono propensa a drammatizzare le cose e interpretare ogni gesto o circostanza nel peggiore modo possibile. Mi rendo conto che è un problema soprattutto mio, anche perchè lui è davvero una persona buona e gentile di natura e non ha mai tradito nemmeno la sua ex nonostante fosse una rompiscatole e la relazione lo rendesse infelice (e visto che con me dice di stare molto bene, non ne avrebbe proprio motivo). Non sono arrivata a leggere i messaggi dal cellulare, ma mi rendo conto che la mia gelosia sta diventando un peso per me...per dire, mi sale un moto di irritazione se magari siamo io, lui e una qualsiasi nostra amica in comune e lui la saluta affettuosamente o le dà una pacca sulla spalla. L'apoteosi l'ho raggiunta ultimamente quando è capitato che chiamasse 'tesoro' una nostra amica (a cui pure io sono molto affezionata e che è davvero una persona dolce e benvoluta da tutti nel gruppo). Ora, razionalmente lo so che non c'era malizia in questo appellativo, ma nella mia testa sono arrivata al paradosso di pensare di mettermi a contare tutte le volte che chiama tesoro me rispetto a quelle in cui lo fa con lei. Mi rendo conto io stessa di quanto questo mio atteggiamento sia ossessivo ed eccessivo, però ho serie difficoltà a tenerlo a bada...per ora mi sto limitando a cercare soluzioni qua e là su qualche sito di psicologia (o su blog come questo) per evitare di opprimerlo con paranoie (di cui gli ho già parlato e sulle quali mi ha già rassicurato, tra l'altro). Forse tutto questo è un mio tentativo di autosabotare la prima relazione che sembra stia andando per il verso giusto. Non so perchè sto così, alla fine lui vive la sua vita serenamente e io sto male come un cane per una semplice pacca sulla spalla... Scusate lo sfogo...
    0
    Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  18. Avatar di elettra

    elettra 4 anni fa (3 Maggio 2015 23:44)

    Innanzitutto un saluto a tutti ed in particolare ad Ilaria! Ho letto tutti i vs commenti ed in molti mi ritrovo, in quanto mi definisco ahimè non solo gelosa ma ossessiva e devo dire che con altri partner la mia problematica veniva attenuata mettendo una specie di velo che attenuava il tutto, ora invece pur senza un reale tradimento, lui è sè stesso e di fronte alla mia gelosia si protegge sempre di più tanto che io ora ne sono ossessionata e sto iniziando un percorso terapeutico con una psicologa ! credo sia l'unica strada per me...
    0
    Rispondi a elettra Commenta l’articolo

  19. Avatar di alessia

    alessia 4 anni fa (4 Maggio 2015 9:41)

    bell'articolo Ilaria. Sicuramente è un punto sul quale io stessa rimugino molto a causa della mia storia con l'ex (di cui ho parlato già), per capire dove la mia era gelosia immotivata e dove invece era "innescata" più o meno consapevolmente. Concordo col dire che di base vogliamo tutti l'esclusiva in un rapporto a due, e se così non fosse ritengo sia essenziale metterlo in chiaro subito, affinché l'altra parte in causa possa prendere decisioni in merito (e non dopo, quando l'altro è coinvolto, cosi da riuscire a manipolare meglio la decisione perché consci che l'altro ama e non vuole perdere il/la partner). Nei miei rimuginii ho capito che si, io posso essere gelosa, ne sono capace, ma no, non sono un soggetto che parte subito con questi sentimenti, mi vengono provocati. Mi spiego meglio: come per il primo commento all'articolo, se il partner ti inizia a dire bugie e si fa beccare, diminuisce l'intimità, si passa da 100 contatti al giorno a 20 senza una reale spiegazione e senza considerare quello che a te può andar bene o meno, se ti dice che la tipa con cui si vedeva mentre riprendeva a frequentare anche te e con la quale "ha chiuso per te" lascia segreterie telefoniche piangendo, perché "sai abbiamo anche dormito insieme" allora sei uno stronzo che la gelosia nell'altro la istiga - magari per pulirsi la coscienza quando ti molla e poter dire che tu sei possessiva gelosa e controlling senza un reale motivo, perché la tua richiesta di smettere con questi atteggiamenti poiché ti creano insicurezza che ricade sulla coppia per lui sono immotivati, è solo un tuo problema (e parlo per mia esperienza personale). Per quanto mi riguarda la gelosia immotivata è quella che uno manifesta subito: non ti sta bene che esca per cavoli sua, che abbia i propri interessi, li coltivi anche senza di te etc. Io non ho questa tipologia di gelosia, anzi ti sprono a fare quello che vuoi, ma tengo presente che se si è in una relazione si deve far spazio all'altro nella nostra vita, è impensabile credere di continuare con la propria come se si fosse single, di fatto pretendendo implicitamente che l'altro si plasmi con la nostra vita e, quando l'altro chiede spazio a due che sia nella direzione dei suoi interessi, ma anche solo di coppia, venga bollato come "possessivo, soffocante, controlling". La soluzione per me resta sempre il dialogo e il confronto, ma anche li, si deve essere in due a voler lavorare, mettersi in gioco e in discussione ed accettare che ci siano atteggiamenti che più o meno consapevolmente creano disagio all'altro e accettare di lavorarci su per il bene della coppia e della persona. Purtroppo però sempre più questo tipo di atteggiamento viene rigirato da chi non ha voglia di mettersi in discussione ed è un bravo manipolatore come soffocante e possessivo e ti fanno passare a te da manipolatore/trice - atteggiamento che ritengo immaturo ma che vedo capita molto spesso. Ilaria leggendo i tuoi articoli sempre più vedo come questi atteggiamenti vadano a braccetto con la manipolazione e sempre più vedo come ne sono stata vittima. Purtroppo vedo anche che sono meccanismi difficili da scardinare e non trovo sia giusto vivere sulla difensiva sempre: non sono cosi e non ci tengo a diventarlo. Quello che credo sia difficile trovare oggi giorno non credo sia l'amore, ma proprio il rispetto e la voglia di dialogare e mettersi in discussione reciproca per il proprio bene e per quello della persona con cui ci si interfaccia; vedo un egoismo che passa la soglia del sano egoismo individuale e va ben oltre, portando con sé sentimenti e stati mentali, come questo della gelosia, che diventano poi strumenti con i quali manipolare gli altri. Strumenti che sono potentissimi su persone con una sensibilità ed empatia magari maggiore, persone che cercano di vedere il buono e tengono a mente che ognuno di noi combatte battaglie personali di cui non siamo a conoscenza e che non è corretto attaccarle ed eliminarle senza dare una chance, perché magari prese in giornata no (e chi non le ha le giornate no?) - e che quindi secondo i canoni della società contemporanea sono ritenuti inferiori e vanno manipolati sfruttati feriti etc.
    1
    Rispondi a alessia Commenta l’articolo

  20. Avatar di Luciana

    Luciana 3 anni fa (13 Luglio 2016 0:09)

    Bellissimo ciò che hai scritto..verissimo
    -1
    Rispondi a Luciana Commenta l’articolo