Pensare all’ex: il modo più semplice per rovinarti la vita (e l’amore)

pensare all'exCredo che se dovessimo fare un sondaggio tra le donne tra i 18 e i 75 anni e chiedessimo: “Ti capita più spesso di pensare all’uomo giusto per te o di pensare all’ex?” la stragrande maggioranza delle intervistate, rispondendo sinceramente, direbbe che le capita molto più spesso di pensare all’ex e non al rapporto di coppia che potrebbe realizzare con l’uomo giusto per lei.

"Con gli ex c’è sempre una gara. Si chiama: “Chi dei due morirà disperato?”. Samantha Jones"

Pensare all’ex è una pessima abitudine, alla quale, guarda un po’, sono in genere più avvezze le donne rispetto agli uomini.

Pensare all’ex è una delle tante pratiche distruttive: si tratta, cioè, di un atteggiamento mentale che non solo non porta nulla di buono, non è produttivo e non è creativo, ma, addirittura, fa camminare all’indietro, togliendo energia (anche energia sessuale) preziosa, voglia di vivere, vivacità. Cioè ti mangia via tutto il fascino di cui disponi. Bello, vero?

Di quanto sia stupido pensare all’ex e vivere con la “testa” rivolta al passato, parlo ampiamente nella mia guida gratuita Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi. Scaricala adesso e scopri un nuovo modo di considerare le relazioni.

Pensare all’ex, soffrire e non combinare nulla

Donne giovani e giovanissime soffrono come sante monache medievali: hai presente quelle che si mettevano il cilicio per soffrire il più possibile, digiunavano fino a sragionare e si facevano anche venire le stimmate? Ecco quella roba lì. Orrore! Un tormento unico, un sacrificio per l’inesistente, un pensiero costante a qualcuno (un uomo sbagliato e perduto) e qualcosa (una storia d’amore finita) che non hanno ragion d’essere nella propria vita.

"Essere un ex è già qualcosa. Luciano De Crescenzo "

Pensare all’ex ha la stessa valenza che costruire castelli in aria in base a storie d’amore mai nate, ma potentemente nutrite di fantasia e di bisogno d’amore ossessivo. Ha lo stesso significato che incaponirsi su amori impossibili con partner che non ti considerano o innamorarsi di qualcuno che ti approccia attraverso Facebook e non ti chiede mai di vederti. Tutte sonore strombate alle quali molte donne credono, nel tentativo (vano) di colmare il senso di vuoto d’amore di cui non riescono a liberarsi.

Non sono storie d’amore, ma storie di squallore. Squallore e amore: sono due parole che finiscono nello stesso modo, ma non hanno lo stesso significato.

Ex a che cosa servono?

In realtà gli ex sono una risorsa preziosissima se gestita con astuzia, intelligenza e un forte senso del valore di sé. Il ricordo degli ex deve servire da monito e da perenne avvertimento su quel che a noi non va bene e non ci fa stare bene. Come un cattivo capufficio è un utilissimo strumento per imparare come NON gestire un ufficio, il ricordo di un ex è un’indicazione importante su quel che NON dobbiamo fare per raggiungere felicità e serenità.

"Il sesso con un ex è deprimente. Samantha Jones"

Invece, guarda un po’, molte donne bruciano la propria vita nel continuo pensare all’ex e si aggrappano a questo pensiero come al pezzo di una zattera marcia che le porterà alla deriva. Pensare all’ex significa investire su azioni che sono solo carta straccia. Significa andara a marcia indietro nella direzione contromano sulla corsia dell’autostrada che conduce al mare. Significa appoggiarsi a un’illusione. Al nulla, allo zero, al niente.

"Un vero gentiluomo non parla delle sue ex fidanzate, né delle tasse che paga. Haruki Murakami"

Dirò di più: vi sono donne che pensano a più ex contemporaneamente. Mantengono legami non solo insoddisfacenti ma totalmente frustranti con l’ex fidanzato dei tempi dell’università, l’ex primo marito e poi l’ex fidanzato di dopo il divorzio.

Possibile? Sì possibile.

Pensare all’ex e distruggersi: come smettere

Ma perché mai molte donne si consumano, come le sante addolorate medievali, come moderne madonne sotto la croce, in tutto questo gran pensare all’ex? Le ragioni sono molte e diverse tra loro.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

C’è un senso molto basso del valore di sé e una bassissima autostima. Il pensiero sottostante: “Non valgo nulla, avere lui è stata una fortuna, non esisterà ma nessun altro come lui nella mia vita.”

C’è la paura del futuro e la “pigrizia” relativamente ai propri obiettivi di vita: “Oddio, ora devo rimettermi in pista, rimettermi in gioco, ma mi mancano la voglia e il coraggio.”

Da questo consegue anche il pensiero – totalmente distruttivo – che il passato sia stato l’età dell’oro e che, a causa dei propri errori, si sia “rovinato” per sempre qualcosa di unico, prezioso e irripetibile. E qui si torna al concetto di una bassa autostima. Il pensiero sottostante è basato sul senso di colpa ed è: “Accidenti, per una volta che per pura fortuna mi metto con un uomo, sbaglio tutto e la storia finisce.”

C’è un senso di impotenza e di incapacità. Il pensiero sottostante è: “Non sono buona a nulla, neanche a tenermi un uomo. Ora, per questo, non riuscirò ad affrontare le sfide della vita, non avrò mai più un compagno e non godrò mai più delle gioie dell’amore e del sesso.”

Come si fa a uscire da questa distruttività?

Il primo passo è analizzare i propri pensieri e i propri “circoli viziosi” di ragionamento.

Il secondo passo è rovesciare i pensieri autodistruttivi nel loro contrario, cioè volgerli da negativi a positivi per sé.

Il terzo passo è immergerti nella realtà, dandoti da fare attivamente per realizzare i tuoi progetti di vita, esplorando il mondo maschile e impegnandosi in una missione personale che ti rispecchi in modo autentico.

Per favore metti il tuo “mi piace” alla pagina Facebook de La Persona Giusta per Te.

Se ti interessa approfondire quali sono i tuoi bisogni più profondi e come soddisfarli, fai il mio percorso I 7 Pilastri dell’Attrazione.

Lascia un Commento!

290 Commenti

  1. Avatar di Otello

    Otello 2 anni fa (14 Gennaio 2017 21:31)

    Ma va le donne sono quelle che ci pensano di+? Ma dove ma quando io conosco solo storie di donne che lasciano morire soli i loro ex dimenticandosi nel giro dia manciata di ore.. .tutto cancellato nel giro di nemmeno di2gg. Ma x favore Co sta storia delle donne fragili e vittime....
    Rispondi a Otello Commenta l’articolo

  2. Avatar di Marcela

    Marcela 2 anni fa (7 Maggio 2017 10:14)

    Io mi sento cosi in colpa e pure adoravo mio ex .Lui non ha mai capito ciò che aveva accanto,o pure la troppa convinzione l'ha fatto sbagliare milioni di volte fino a stancarmi io pur amandolo. Il rispetto è fondamentale e quando si permette lo sbaglio una sola volta ,non si torna più indietro ,perché tutte le altre sono di normale routine .
    Rispondi a Marcela Commenta l’articolo

  3. Avatar di Margherita

    Margherita 2 anni fa (21 Maggio 2017 18:12)

    Gentile Ilaria, Ancora grazie per i suoi articoli e preziosi consigli. Credevo di aver pienamente capito quanto fosse "sbagliata" la relazione col mio ex compagno. Ho poi conosciuto un altro uomo che sto frequentando da pochissimo tempo. Credo di stare bene con lui, ma il confronto è inevitabile. Al punto che ho cercato il mio ex e appena l'ho rivisto, ho perso tutto quello su cui avevo lavorato negli ultimi mesi. Cosa mi manca? Manca quel potere che il mio ex aveva su di me, quel potere che però mi faceva soffrire! Preferisco continuare a soffrire ma sentire ancora il cuore che batte forte, piuttosto che stare accanto ad una persona che mi fa stare bene ma che non mi fa battere il cuore. Lei spiega come trovare la persona giusta. Mi rendo conto che quest'uomo possa davvero esserlo, eppure sento che qualcosa non va, che avrei di nuovo bisogno dell' "uomo sbagliato". Perché? Alla fine vince il ragionamento o l'istinto? La testa o la pancia?
    Rispondi a Margherita Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (21 Maggio 2017 19:37)

      Hai preso in considerazione l'ipotesi che il tuo cuore batta per ansia? Per caso ti viene anche il nodo allo stomaco come prima di una interrogazione? Non è che è questo il potere che esercita su di te, come se tu dovessi sempre conquistarlo e metterti alla prova? Come se aspettassi il responso? Sono cose abbastanza normali ai primi appuntamenti, o quando si aspettano le prime telefonate, proprio perché c'è la paura di non piacere all'altro o di essere rifiutate/i ... ma poi dovrebbe subentrare il benessere e una certa tranquillità. Io ti consiglierei di ascoltare meglio questa sensazione.
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Margherita

      Margherita 2 anni fa (21 Maggio 2017 20:15)

      Grazie per il tuo messaggio Anna. Sì, è sempre stato così, anche durante gli anni della convivenza. Mi dicevo sempre "Te lo devi imporre devi essere brava" e vedevo qualsiasi cosa come una conquista. Fino a quando siamo scoppiati e lui se ne è andato. So che in una coppia il rapporto dovrebbe essere di solo benessere, ma allora perché ora che ho conosciuto un'altra persona che mi fa stare bene, mi manca qualcosa? Può funzionare una relazione quando si hanno tutti questi dubbi, quando sembra che manchi qualcosa e non si sa cosa. Forse l'attrazione? O forse proprio quest'ansia, come la definisci tu Anna.
      Rispondi a Margherita Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (21 Maggio 2017 21:26)

      Ciao Margherita, concordo con Anna e credo che tu sia ancora abituata alle forti emozioni che confondi con l'amore, un po' come chi soffre di dipendenza da droghe e, pur sapendo che fanno male, quando cerca di smettere va in crisi da astinenza. Ma puoi venirne fuori e sarà una grandissima soddisfazione. Coraggio!
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Margherita

      Margherita 2 anni fa (21 Maggio 2017 21:52)

      Grazie Gea. Interessante quello che scrivi. Questo paragone mi aiuta ad aprire gli occhi. Grazie!
      Rispondi a Margherita Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (21 Maggio 2017 22:04)

      Voler stare bene e slegarsi dalle relazioni tossiche implica sicuramente uno sforzo non facile, un voler qualcosa di diverso, di nuovo, ed il nuovo -forse un nuovo giusto- che non si conosce fa più paura di un vecchio sbagliato che è già noto
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (21 Maggio 2017 22:18)

      Di niente, Margherita! Forza e coraggio, che l'abitudine alle relazioni sane é possibile ;-)
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (21 Maggio 2017 22:55)

      Dovresti scindere le cose e non fare paragoni... non è detto che questa persona sia giusta per te, solo perché non ti fa stare in agitazione. Questo è il minimo sindacale. Se ti fa stare bene e hai piacere ad uscirci, escici senza pensare che debba per forza essere l'uomo della tua vita. L'attrazione è fondamentale, ma fino anche applichiamo noi gli schemi sbagliati, saremo sempre attratte dalle persone sbagliate. Il che, come raccontavo prima, non significa che una persona sia giusta, perché non proviamo attrazione. Pian piano allontandoti dalle abitudini sbagliate, la differenza ti sarà chiara. Io se mi prende la tachicardia, il mal di pancia e non riesco a dormire, penso di stare male, non di essere innamorata. Penso che sto frequentando qualcuno che mi sta facendo male da qualche parte in qualche modo, invece di rassicurarmi e farmi stare bene. Però se uno mi attrae, il cuore mi batte, si! E dormo molto ma molto meglio.
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  4. Avatar di Chiara

    Chiara 2 anni fa (22 Maggio 2017 12:27)

    Ciao a tutti, Onde evitare illusioni il farsi ancora prendere in giro gli ho bloccato il numero. E' durissimo adesso. Non so neanche in quale fase mi trovo dell abbandono, e' un susseguirsi di emozioni diverse e non gradevoli per niente. Mi vedo così: io che sono in una barchetta in mezzo al mare, e sto remando, guardo avanti perché so che ho fatto la scelta giusta, ma ogni tanto mi viene lo sconforto, mi giro e rivedo la riva che ho lasciato.
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (22 Maggio 2017 12:53)

      Brava, complimenti è dura. "Conosco delle barche" di Prevert, mi hai fatto venire in mente. La trovi googlando
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  5. Avatar di Anna

    Anna 2 anni fa (13 Maggio 2017 17:50)

    Ciao Ilaria. É la prima volta che scrivo anche xché é da poco che ho scoperto il tuo sito. La mia storia é che 6 anni fa mi sono separata da mio marito dopo anni che le cose non andavano. La decisione l'ho presa xché mi ero innamorata di un collega di lavoro il quale ricambiava i miei sentimenti. Purtroppo la separazione é stata più dolorosa del previsto specialmente x il "distacco dai miei figli. Insomma con quest'uomo é andata avanti tra alti e bassi fino a marzo quando lui ha chiuso la ns storia e dopo una settimana aveva già un'altra. Io sono entrata in crisi xché lavorando nello stesso posto é piuttosto doloroso vederlo tutti i giorni. Premettendo che non posso cambiare lavoro, come posso affrontare questa separazione da uno che lavora nell'ufficio a fianco al tuo??????
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (13 Maggio 2017 22:08)

      La lingua italiana prevede che un solo punto interrogativo sia sufficiente a definire un proposizione interrogativa. Nel caso si voglia strafare, ne bastano comunque tre. Non credo che tu non possa cambiare lavoro. Magari trovare un altro lavoro è difficile, non dubito, ma non credo tu non possa. Comincia con il dirti la verità. Andarsene è la cosa più utile e dignitosa da fare, quindi va messa in conto. Per il resto, avere relazioni, tanto più con alti e bassi, con colleghi di lavoro non è mai una buona idea. Però oh, siamo libbberi e siamo demmmoccratici e dare questo semplice consiglio fa passare per retrive, retrograde e conservatrici, ergo meglio che le donne si brucino con il capufficio dongiovanni in minima piuttosto che imparino a cautelarsi. Veniamo a noi: nel caso il simpatico ex sia vicino di stanza, va considerato se è un collega con il quale è davvero indispensabile mantenere relazioni di tipo professionale. Magari no, e questo è positivo. Se sì, allora si può valutare di andare dal direttore generale o dal padrone delle ferriere e chiedere di essere spostate di ruolo, evitando le scene da sedotta e abbandonata (con lui e con chiunque altro sul lavoro) e inventarsi, al contrario, un improvviso incoercibile interesse per un altro settore. Se anche questo - fatalità - non dovesse essere praticabile, è giunto il momento di raccogliere tutti i propri brandelli di dignità, metterli insieme e assumere un atteggiamento super ultra professionale. Che non è mai una cattiva idea. Ridurre le iterazioni con l'ex amore al minimo, senza pretese di seduzione e di vendetta (siamo serie), evitare di parlare di sé e dei propri affari privati con lui e con altri, evitare maldicenze e chiacchiere o sguardi e allusioni, lavorare duro a testa bassa e in economia di parole, uscire allo scattare del minuto secondo dell'orario contrattuale. Potrebbe diventare, finalmente, un fantastico tirocinio al rispetto di sé.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 2 anni fa (22 Maggio 2017 9:19)

      Ilaria, ciao, ho adorato questa tua risposta, grazie :)
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 2 anni fa (22 Maggio 2017 9:20)

      Ciao Ilaria. Purtroppo faccio fatica a riprendermi. Questa vicinanza giornaliera e in piú le telefonate con la sua nuova fiamma mi hanno atterrato. Lo psichiatra mi ha prescritto farmaci, un periodo di distacco dal lavoro e terapia psicologica....
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (22 Maggio 2017 12:54)

      Ciao Anna, mi spiace per il tuo malessere. Certo che se ci si presenta da uno psichiatra accusando tanto stare male lui/lei si trovano a non avere scelta, prescrivono farmaci che ritengono possano "sostenere" nel momento di crisi e terapia psicologica (meno male che non ti ha ritenuto una paziente psichiatrica). Ti consiglia anche di stare lontana dal lavoro, che è un palliativo e non certo una terapia dal momento che prima o poi al lavoro ci devi tornare e poi perché smettere di lavorare è svalutante per sé e per l'immagine che si dà agli altri. Tra l'altro tu non ti stai allontanando dal lavoro, ma da lui e per questo hai bisogno di una prescrizione medica. Come se la vicinanza a lui fosse la malattia. Che dire? E' necessario che questo tipo di schemi vadano compresi e smontati con molta cura di sé e senza trascurarsi. La sofferenza d'amore ha delle peculiarità che vanno comprese e non sottovalutate, altrimenti si ripresenta a ogni occasione possibile, anzi, è essa stessa la causa delle occasioni che si vengono a creare.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  6. Avatar di Margherita

    Margherita 2 anni fa (28 Maggio 2017 13:35)

    Buongiorno a tutte e a tutti. Premetto che mi sono sentita un po' a disagio trovando nel blog un commento recente di una persona iscritta col mio stesso pseudonimo. Mi scuso se la mia iscrizione è avvenuta dopo e in quel caso di aver scelto un nome già in uso. Mi rivolgo poi a lei, Ilaria. Oggi ho letto un suo vecchio articolo sull'essere single e sulle sue più che giuste critiche verso chi single non lo è mai stato, passando da una storia importante (convivenza o matrimonio poco importa...) ad un'altra in poche settimane. Ho scelto però di commentare l'articolo "Pensare all'ex" perché è una delle cause che lei elenca come motivo dell'essere ancora single. Leggendo i suoi articoli, percepisco che se non troviamo la persona giusta è per il semplice motivo che ci siamo affidate a "persone sbagliate " (magari è una mia interpretazione e sbaglio). Allora da una parte si sente il peso di ciò che dovrebbe essere "giusto", ovvero aspettare, perché bisogna vivere un periodo da single e bisogna imparare a stare bene da soli prima di iniziare una nuova relazione (concordo, ma solo a parole purtroppo), dall'altra leggo "non trovi la persona giusta perché pensi ancora all'ex" e io interpreto: Eccola la persona giusta, ma non ne sono attratta perché penso ancora all'ex. Allora le chiedo Ilaria, questo "non pensare più all'ex" arriva davvero dopo un percorso da soli? Quando non siamo attratte da qualcuno è dovuto solo al fatto che ci sia ancora questo benedetto/maledetto ex in testa. Grazie.
    Rispondi a Margherita Commenta l’articolo

  7. Avatar di Sasi

    Sasi 2 anni fa (31 Maggio 2017 12:17)

    Anche grazie ai tuoi articoli, mi sono data da fare, ho smesso di pensare all'ex e sono andata avanti. Ma poi dopo anni l'ex ritorna e chiede di riprovarci. Sono convinta che il passato sia appunto passato...ma mi chiedo se ci sono dei casi in cui si potrebbe riprovare e casi in cui è assolutamente sconsigliato. Ad esempio, nel mio caso, era un ex geloso, svalutante, irascibile che cercava di isolarmi, di manipolarmi. Non credo che persone del genere non possano cambiare, ma penso che sia molto difficile. Sarebbe interessante leggere in tuo articolo in proposito. :)
    Rispondi a Sasi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (31 Maggio 2017 13:24)

      Ciao Sasi, il cambiamento è difficile per tutti e per queste persone è totalmente impossibile giacché a loro la loro mostruosità piace, e questo li definisce per quei mostri che sono. Stai molto attenta, costui ti sta cercando per continuare il proprio schema di gelosia, svalutazione e di gelosia, per esercitare il tuo potere su di te, a maggior ragione se ti ha visto affrancata. Il passo vero che devi fare è cancellarlo dalla tua vita, immediatamente. Ho scritto molti articoli in proposito. Leggiti questo: http://www.lapersonagiusta.com/capire-se-gli-piaci/trovare-uomo-giusto-seduzione-attrazione/
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Sasi

      Sasi 2 anni fa (31 Maggio 2017 14:33)

      Cara Ilaria, mi trovo assolutamente d'accordo con te. Certe persone non cambiano. Anche se sono passati 4 anni. Quando stavo con lui, ero attratta da quegli schemi disfunzionali e tossici, ci stavo male, ma anziché alzare i tacchi, stavo lì a interrogarmi sui miei "errori". Se ci ripenso ora, mi vengono i brividi. Ora non ha più potere su di me - né lui e né nessun altro - ed è una sensazione bellissima. Mi voglio "troppo" bene per riavvicinarmi ad un uomo sbagliato. Lui non sarà cambiato, ma io sì! :D
      Rispondi a Sasi Commenta l’articolo

  8. Avatar di Valentina

    Valentina 2 anni fa (13 Agosto 2017 17:56)

    Mi ha lasciata una settimana fa dopo una storia di 6 mesi, all'apparenza perfetta. Lui divertente, colto, romantico, dolce Tre settimane fa, il giorno del mio compleanno, mille sorprese e una dichiarazione in cui diceva di amarmi. Mi sono fidata, lo sentivo anche io e mi sono lasciata andare ricambiando. Una settimana fa mi lascia dicendomi che non sa se potrà mai essere un compagno, un sostegno per affrontare problemi futuri. Gli dico che sono pronta a prenderlo per mano, ad affontare insieme i problemi quando si presenteranno. Dice che non sa se vuole più stare con me, che forse non è pronto per una relazione. Chiudiamo. La sera stessa gli telefono piangendo chiedendogli di ripensarci. È convinto della sua scelta. Non mi faccio più viva. Gli riporto tutti i regali a casa un paio di giorni dopo,lasciandoli velocemente alla portinaia, rifiutandomi di vederlo. Sparisco. Non si fa più vivo. So che ho agito per il meglio, se non capisci il valore che ho, non meriti che mi faccia sentire solo per vedermi sbattermi la porta in faccia di nuovo. Ma mi manca. Stavamo bene e non litigavamo mai. Avevamo equilibrio, avevamo mantenuto i nostri spazi e impegni.sentivo un forte sentimento tra noi. Ma ora mi chiedo: smetterò mai di sperare che cambi idea? Al momento penso fosse l'uomo giusto e l'ho perso, e non so neanche perché.3 settimane fa ilprimo TI AMO. La sera prima di lasciarmi,la promessa che non lo avrebbe mai fatto. E il.giorno dopo..
    Rispondi a Valentina Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (13 Agosto 2017 18:17)

      Se ha agito così, per qualsiasi ragione SUA, non è l' uomo giusto per TE...non importano i ma si stava bene, ma non si litigava mai, ma etc..non è quello giusto valentina...auguri di cuore per un veloce giro di pagina e scrittura di un nuovo e migliore capitolo
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Valentina

      Valentina 2 anni fa (13 Agosto 2017 19:57)

      Grazie Max. Sto cercando di comportarmi nel modo giusto. È dura, ma sono sicura ripagherà. Saluti
      Rispondi a Valentina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (13 Agosto 2017 18:28)

      Ciao Valentina, ora sei scottata e soprattutto nel bel mezzo dell'illusione o, per dirla meglio, dell'inganno. Perché è evidente che questo signore ha costruito tutto solo per ingannarti e giocare un gioco perverso. Le conferme di questo sono proprio nel fatto che lui abbia dichiarato di non fare quel che ha poi effettivamente fatto. Un odioso imbroglione. So che le mie parole non ti risultano gradite e quando avrai preso atto di quanto realmente successo lui smetterà di mancarti. Per intanto sei stata molto brava a tenere il comportamento che hai tenuto.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (13 Agosto 2017 19:48)

      @Ilaria, leggendo la storia di Valentina mi è sorta una domanda che volevo farti. Quel fare promesse per rassicurare l'altro, quando magari nemmeno ci si pone il dubbio, non è di per se stesso un segnale negativo? Mi spiego meglio, non ho mai sentito di dover promettere nulla a qualcuno perché non credevo fosse necessario giurare e spergiurare o mettere in chiaro cosa avrei fatto io per l'altra persona, semplicemente perché lo stavo mettendo in atto bei fatti. Dire qualcosa in più mi è sempre apparso come offrire una cena e poi comunicare quanto è venuto il conto e quanto incide sul proprio stipendio. Nel senso che non riuscirei mai a farlo anche se donassi tutto quello che ho sul conto e questo per non far sentire in debito oppure in obbligo l'altro. Quello che dono: il mio tempo, il mio affetto, le mie attenzioni, hanno un valore in quanto tali ed esclusive, cos'altro c'è da aggiungere?
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Valentina

      Valentina 2 anni fa (13 Agosto 2017 21:00)

      Grazie Ilaria.sono parole scomode, ma non mi sono sgradite. Mi fa bene avere qualcuno che mi apra gli occhi, non ha senso vivere nell'illusione. Mi sprona a portare avanti una condotta che mi porti a stare bene. Grazie per tutti i preziosi consigli che dona a tutte noi in difficoltà. Saluti
      Rispondi a Valentina Commenta l’articolo

  9. Avatar di Chiara

    Chiara 2 anni fa (22 Settembre 2017 11:20)

    Volevo solo una parola di conforto ilaria, o comunque un pensiero che mi potesse dare coraggio, illuminazione. Ogni tanto una caramella per addolcirti😉Grazie per l'ascolto.
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (22 Settembre 2017 11:45)

      Dipende da che genere di conforto cercavi. Volevi sentirti dire che quest'uomo potrebbe essere un compagno di valore? Tu evidentemente non te ne accorgi, ma quest'uomo non solo non è un compagno di valore, ma è una persona da evitare. Un uomo che ti disprezza, dato che un uomo che ti ama e ti ammira non te la mena con circonvoluzioni di parole e finte problematiche psicologiche, ma ti dice e ti dimostra: "Cara ti amo come nessuna, sei unica e speciale per me". Una relazione che nasce è piena di gioia e di entusiasmo, non di grigiume e di ricatti morali. Cerchi l'amore (ma lo cerchi davvero?) e ti vai a infilare in una fogna con un topo che è un cretino. Ma dov'è la gioia di vivere? Il rispetto di sé, l'entusiasmo dato da un legame e dalla scoperta di una persona? Poi dici che non state insieme. E che noia allora, peggio mi sento, rimuginare su uno squallore del genere. Ma è questo il bello dalla vita. Parli di una caramella per addolcirmi? Vorresti manipolarmi come fa lui con te e trasformarmi come tu per lui nella tua crocerossina? Ma no dài, c'è troppa sproporzione di forze, non è leale. La dolcezza valla a cercare da lui, che con tutti i complessi che ha e i giochi psicologici disfunzionali che imbastite di zucchero sintetico ne scorre a fiumi. Io non ti devo niente, come tutti gli altri non ti devono niente. E ti dico di più, detesto gli uomini bastardi, ci tengo ad aiutare le donne che si trovano invischiate in storie disfunzionali e comincio a provare una autentica insofferenza per la superficialità di donne che, senza nessuna dignità, senza nessun rispetto di sé e con una buona dose di ingenuità che spesso sconfina nella crassa ignoranza (la vera padrona dei nostri tempi) rovinano le loro vite e ammorbano gli altri. Statemi lontano che ho da fare.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  10. Avatar di Chiara

    Chiara 2 anni fa (22 Settembre 2017 9:21)

    E se lui pensa ancora alla ex?Dichiarando con sincerità il suo stato d'animo, non volendo rifare l'errore precedente commesso con lei (l'ex) di iniziare qualcosa nel momento sbagliato?è una scusa per rimanere legato al passato?non lanciarsi?storia complessa la loro:lui che sta con lei non sentendosi pronto di iniziare una storia, pur piacendogli molto, lei che si innomora di lui, lui che non riesce a dirle di amarla, lei che dopo un anno lascia lui per questo, lui che si rende conto di amarla, tornano insieme ma la storia finisce lo stesso.Il cordone lo hanno tagliato definitivamente 4 mesi fa. Nel momento in cui ho lasciato perdere lui, prendendo le distanze, mi ha cercata dicendomi che in me aveva trovato una persona in grado di capirlo e aiutarlo ad uscire da questo periodo di m***a, aveva bisogno di parlare con qualcuno nonostante si rendesse conto fossi l'ultima persona da cercare.Ho subito detto lui di non essere la sua pattumiera emotiva nè la sua psicologa, nè di star lì a sentirmi parlare della ex. Mi ha parlato del perchè non si sentisse pronto, del malessere che prova quando qualcosa gli ricorda di lei, ma che sono momenti, voleva sapere come poterli affrontare. Dopo ore di parlarne, lo sentivo abbastanza positivo verso se stesso, e verso il suo percorso di ripresa.Ma ha continue ricadute. Penso si stia ossessionando. Dice che non vuole perdermi, sentirsi in amicizia non ha senso, e finirebbe per rovinare tutto, continuare la conoscenza neppure dal momento che andando avanti finirei per piacergli e anche molto,ma che la decisione presa di non sentirsi è l'unica, le persone "giuste" nel momento "sbagliato"?non saprei.Apprezzo la sua maturità, la sua sincerità, per certi versi, ma faccio difficoltà, nonostante sappia che è la scelta migliore per me stessa.
    Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (22 Settembre 2017 9:51)

      Che tristezza di rapporto, eh. Che tristezza. Che squallore di uomo e che squallore di scambi. La sua maturità? Apperò. Ma davvero ti piace 'sta storia mortifera?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 2 anni fa (22 Settembre 2017 10:23)

      Scusa ilaria, non sono stata quì a dilungarmi parlandoti dei miei scambi con lui, altrimenti avrei scritto un papiro di cose in comune, e di cose condivise. Ho raccontato i principali. Non abbiamo avuto una storia, solo una conoscenza, la sua maturità nel dirmelo molto prima sì, certi uomini pensano in ritardo, quando è troppo tardi e si è coinvolti totalmente dall'altra parte.
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (22 Settembre 2017 10:49)

      Ma cara Chiara, è la tua vita, non la mia. Come dire, vivila come ti pare, non avrai mica bisogno della mia approvazione, giusto?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (22 Settembre 2017 11:28)

      @Chiara, un comportamento simile l'ho visto in un soggetto affetto da doc. Aveva la necessità di parlare in continuazione della ex all'attuale ragazza, era più una sua necessità che affetto o nostalgia. Poi sentiva il bisogno di parlare con me della sua ex e della sua attuale. Roba di chiacchiere puramente liberatorie. Personalmente non avevo tempo da dedicare al nulla. Per me è nulla e i problemi vanno risolti nelle sede più opportune e non torturando la gente con discorsi che poi riprendono esattamente nel punto in cui pensavi fossero risolti.
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiaragrazie ema, mi bastava una risposta così, non volevo nè attaccare ilaria nè sentirmi attacata.

      Chiaragrazie ema, mi bastava una risposta così, non volevo nè attaccare ilaria nè sentirmi attacata. 2 anni fa (22 Settembre 2017 13:00)

      Scusa ilaria, non sono stata quì a dilungarmi parlandoti dei miei scambi con lui, altrimenti avrei scritto un papiro di cose in comune, e di cose condivise. Ho raccontato i principali. Non abbiamo avuto una storia, solo una conoscenza, la sua maturità nel dirmelo molto prima sì, certi uomini pensano in ritardo, quando è troppo tardi e si è coinvolti totalmente dall'altra parte.
      Rispondi a Chiaragrazie ema, mi bastava una risposta così, non volevo nè attaccare ilaria nè sentirmi attacata. Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (22 Settembre 2017 13:22)

      Ciao Chiara, hai pubblicato due commenti uguali nel testo e poi un testo al posto del nome. Il testo dice sostanzialmente che io ho usato un'aggressività nei tuoi confronti che tu non pensi di meritare. Se vuoi puoi riscrivere tutto in modo corretto così è leggibile a tutti. Che vuoi che ti dica? Ho già osservato queste reazioni da parte di chi si sente ferita dai miei modi diretti quando esorto a distaccarsi da storie distruttive e da uomini distruttivi. Queste persone che si sentono ferite dalle mie esortazioni ad amarsi, aprire gli occhi e vivere una bella vita sono le stesse che amano e si sacrificano per dei buzzurri che le usano. Così va (male) il mondo.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 2 anni fa (22 Settembre 2017 13:45)

      Si scusami, evidentemente ho avuto un problema di connessione. Dicevo soltanto che per quanto io apprezzi il tuo essere diretta, sia attraverso la rubrica, sia nei commenti, mi dispiace soltanto che tu ti fossi rivolta in un certo modo, a mio avviso molto duro. Ecco il perchè della mia battuta ironica sulla caramella. Se ho scritto della mia esperienza era semplicemente per un confronto con te e con gli altri che avrebbero voluto rispondere, non cercavo la tua approvazione nè mi sento in diritto o dovere di manipolare le persone come tu hai asserito che stessi facendo, mi spiace dirti che forse lì hai esagerato, non era una cosa che stavo pensando, nè permettendo di fare.Non mi sento neppure una ragazza ignorante, o che obbliga la gente a leggere le sue paturnie, ma mi sembra che questo sia uno spazio di confronto, sai magari ascoltare le esperienze degli altri a me serve, non mi sento arrivata e sicuramente ho tantissimo da migliorare nella vita, ecco perchè sono quì. Il fatto che tu sia diretta, va bene, ma i modi sono importanti, non sono mai scesa a giudizi, e allo stesso tempo non mi sento meno meritevole dello spazio che tu dedichi a tutti, quando puoi, stavo solo chiedendo un confronto costruttivo, per me. E alcuni mi hanno risposto tranquillamente con il loro parere, tutto quà. Scusate se è sbagliato a volte anche attraverso un parere setirsi di stare sulla strada giusta, sì è indice di insicurezza la mia, ma sono la prima a dire che nessuno nasce istruito su come comportarsi nelle situazione che ci accadono ogni giorno. Tutto quà.
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (22 Settembre 2017 13:57)

      Va bene, Chiara, andiamo avanti ancora un po' a discettare dei miei modi, dài, che cosa non faremmo per evitare di ammettere: "Oh, ma la storia (non storia, per carità, non vorrei mancare di correttezza filologica) con costui è di uno squallore immondo, ora mi metto sotto per risolvere questa questione." Meno male che ci sono io di cattiva, che fortuna.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 2 anni fa (22 Settembre 2017 14:23)

      Infatti ilaria lo sto facendo, ho allontanato la persona, mi sembra che sia il punto fondametale della cosa, cercando di rafforzare sempre più la mia autostima, ed evitare di imbattermi in sta gente, se avessi continuato avrei fatto sicuramente un errore. Sono la prima a dire che voglio uscirne. Grazie comunque per il tuo tempo! 😊
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (22 Settembre 2017 14:26)

      Quello è il punto fondamentale, infatti.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiaragrazie ema, mi bastava una risposta così, non volevo essere invadente o che altro con il mio racconto, ma ho notato anche una certa aggressività nei messaggu successivi che sinceramente non credo di meritarmi. Grazie ema❤️

      Chiaragrazie ema, mi bastava una risposta così, non volevo essere invadente o che altro con il mio racconto, ma ho notato anche una certa aggressività nei messaggu successivi che sinceramente non credo di meritarmi. Grazie ema❤️ 2 anni fa (22 Settembre 2017 13:02)

      Scusa ilaria, non sono stata quì a dilungarmi parlandoti dei miei scambi con lui, altrimenti avrei scritto un papiro di cose in comune, e di cose condivise. Ho raccontato i principali. Non abbiamo avuto una storia, solo una conoscenza, la sua maturità nel dirmelo molto prima sì, certi uomini pensano in ritardo, quando è troppo tardi e si è coinvolti totalmente dall'altra parte.
      Rispondi a Chiaragrazie ema, mi bastava una risposta così, non volevo essere invadente o che altro con il mio racconto, ma ho notato anche una certa aggressività nei messaggu successivi che sinceramente non credo di meritarmi. Grazie ema❤️ Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (22 Settembre 2017 13:21)

      "la persona giusta nel momento sbagliato" non è la persona giusta...lascia perdere chi facendosi troppi problemi con fiumi di parole da reality, non riesce a viverti appieno ;)
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 2 anni fa (22 Settembre 2017 13:49)

      È certamente così, non avró sicuramente sbagliato, ad allontanarlo e allontanarmi immediatamente. Cercando di avere più rispetto per me stessa.
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 anni fa (22 Settembre 2017 14:17)

      Chiara, al di là dei modi di Ilaria che non ti sono piaciuti, fai tesoro di quello che ti ha scritto. Credo che il discorso sulla superficialità delle donne fosse generico, non sentirti offesa per questo. Preoccupati di stare bene, 'ché è la cosa che conta.
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 2 anni fa (22 Settembre 2017 14:00)

      Io Max credo che Chiara ( se è il suo nome reale ) sia molto giovane e ancora inesperta del Blog per cui come tutti noi dovrà con pazienza leggere e rileggere . Attendersi ogni tanto qualche lisciabusso ( che male non fa anzi , Ilaria non deve esser dolce o tenera ma aprirci gli occhi ) ...solo così ce la farà ad avere la giusta consapevolezza...
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 2 anni fa (22 Settembre 2017 14:54)

      In realtà leggo da poco il blog, non sono un'esperta ma neanche un'inesperta di relazioni. Ho 27 anni, ma penso che ci sia sempre da imparare e stare accorti, l'unica cosa è che a volte mi lascio influenzare da queste robe che mi accadono.
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

  11. Avatar di Stefania

    Stefania 2 anni fa (20 Marzo 2017 23:10)

    Ciao Ilaria, In primis volevo ringraziarti per ogni spunto e aiuto, che ci offri ogni giorno, per muoverci, al meglio nel fantastico mondo delle relazioni umane. Oggi ti volevo parlare di una mia difficoltà, che mi capita sempre, sia nei rapporti di amicizia che in amore. Quando devo chiudere un rapporto, con una persona che reputo lontana dal mio modo di essere e per cui non ho nessun interesse. E spesso preferisco allontanarle dalla mia vita ,spesso quando poi si allontanano davvero mi sento delusa e sconfitta dal fatto che non insistano a rimanere in rapporti con me. So che è una forma di contraddizione pero ne sono vittima. Grazie mille per aiuto Stefy
    Rispondi a Stefania Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (22 Marzo 2017 22:11)

      Cara Stefania, hai un gran bisogno di amore e di attenzione, di attenzione soprattutto. E' più utile raggiungere equilibrio e gestire le relazioni in modo razionale.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alisia

      Alisia 1 anno fa (3 Febbraio 2018 9:48)

      Ciao Ilaria, anch'io mi sono resa conto di avere lo stesso atteggiamento di Stefania. Anche se mi rendo conto che una persona non fa per me e la allontano poi ne soffro se non insiste per continuare i rapporti con me. Anzi alcune volte credo di farlo di proposito, inconsciamente, allontano la persona e poi mi metto lì ad aspettare a guardare se torna. Come dici tu è bisogno di attenzione. In che modo posso raggiungere un equilibrio e abbandonare questo schema?
      Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (3 Febbraio 2018 11:20)

      Beh, intanto brava per l'intelligenza, il buon senso e la consapevolezza che hai. Sono gli strumenti essenziali. La "ricetta" è sempre la stessa: riempi la tua vita di cose belle e gratificanti, cerca qualche piccola sfida e tra le sfide inserisci quella di frequentare ambienti nei quali incontrare persone veramente interessanti, uomini e donne, quel genere di persone che fanno nascere in te un desiderio di competizione positiva.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alisia

      Alisia 1 anno fa (3 Febbraio 2018 14:00)

      Eh già Ilaria, la tua "ricetta" segreta! Infondo infondo credo di saperlo che l'unica cosa importante è arricchire la nostra vita di cose belle e che ci piacciono. In effetti cerco di farlo anche se avvolte me ne dimentico e cerco chissà dove la soluzione o la "ricetta" segreta. Ecco forse quello che mi manca è una sfida importante.....grazie Ilaria!
      Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (3 Febbraio 2018 14:01)

      Ho anche detto di cercare ambienti dove ci sono persone che ti stimolano :)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alisia

      Alisia 1 anno fa (3 Febbraio 2018 14:24)

      Sarà proprio questa la mia prossima sfida Ilaria..anzi una delle sfide che cercherò 😉
      Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

  12. Avatar di Abby

    Abby 1 anno fa (11 Marzo 2018 13:08)

    Buongiorno Ilaria, sono una ragazza di 20 anni ed il mio ex con cui ho avuto una storia durata tre anni e che é stato lasciato recentemente perchè mi ha tradita (peraltro in un momento in cui stavo soffrendo molto per la morte di una persona cara) ha iniziato, non so perché, a uscire tutte le sere con il mio gruppo che non ha mai frequentato prima così sono costretta a vederlo spesso e sono sia molto infastidita che "incuriosita" perché ho il sospetto che lo faccia per starmi vicino anche se io non lo voglio più e lui non manifesta l'intenzione di provarci (non mi guarda nemmeno in faccia) Sono confusa, secondo te come dovrei comportarmi? Grazie per l'eventuale risposta e complimenti per il blog:)
    Rispondi a Abby Commenta l’articolo

  13. Avatar di Viviana

    Viviana 4 mesi fa (15 Novembre 2018 18:01)

    Sento che risuona molto questo articolo dentro di me. Spero di riuscire ad applicare tutti i consigli suggeriti. Penso comunque in questa fase, di aver bisogno di star sola per recuperare le energie e tirarmi insieme, niente cilicio. Curare le ferite sí. Specialmente perché frequenta un’altra. E che altra: una stripper, fitness model e con tette e labbra rifatte.Quindi sono sconcertata. Per il tempo sprecato con lui, per il tipo di donna che cercava davvero, l’opposto di ciò che sono io? Non voglio stare a puntualizzare sui miei attributi fisici, tuttavia mi reputo una bella ragazza, ma soprattutto una persona con una certa ricchezza interiore, non ho bisogno di mettermi a confronto con una così. Penso ci vorrá del tempo per buttarmi alle spalle tutto. Nel frattempo continuo a seguire questo sito. Grazie Ilaria! Viviana
    Rispondi a Viviana Commenta l’articolo