Che male c’è? (A fare sesso con un uomo e altre incredibili domande che assillano le donne moderne)

fare sesso con un uomoC’è un insospettabile vantaggio (o svantaggio?) nel fare quel che faccio io con questo sito e con questo blog: si ha una sorprendente prospettiva sulle grandi tendenze della nostra società. Per quel che mi riguarda, visto gli argomenti che tratto, ho l’opportunità di osservare alcuni spaccati della relazione di coppia (o dei modi di pensare e di immaginare l’amore) che di certo altri, che non fanno quel che faccio io, non hanno. Ok, lo so che ti interessa di più capire se fa male o no fare sesso con un uomo o se c’è del male o no nel fare sesso con un uomo. Un attimo di pazienza che mi interessa chiarire alcuni punti, prima.

"Il sesso è peccato… farlo male. Roberto Freak Antoni"

Ogni giorno ricevo decine di messaggi, in varie forme e attraverso i mezzi più diversi: mi fanno tutti molto piacere, li leggo tutti con grande attenzione e partecipazione. Purtroppo mi è davvero difficile rispondere a tutti. Mi spiace sinceramente che molte lettrici che mi contattano non ricevano risposta, non almeno in via diretta e personale. Io cerco di rispondere a tutte e alle esigenze di tutte attraverso gli articoli che scrivo qui, attraverso i percorsi che creo, o attraverso le riflessioni che posto sulla pagina Facebook de La Persona Giusta per Te. I vostri messaggi mi aiutano a capire se sto andando nella direzione giusta per ciascuna di voi e mi aiutano ad avere il “polso” di quali sono i temi caldi che riguardano il rapporto di coppia. Un consiglio dal cuore: partecipate alla conversazione e entrate a far parte della comunità commentando qui sul blog. Chi non l’ha mai fatto rimarrà sorpresa da quanto bene tutto questo può farle. Commentare su questo blog fa bene ed è sicuro. Il che non significa che ci sia del male a fare sesso con un uomo ;)

Fare sesso con un uomo e le domande inutili

Va bene, basta con le battute provocatorie, torniamo a noi, a quel che accade attorno le relazioni nel mondo d’oggi e alle domande “assurde” che imprigionano le menti degli esseri umani (tutti gli esseri umani, nessuno escluso, donne, uomini, vecchi e bambini). Perché ognuno ha le sue domande assurde, non credere, che rivelano pensieri assurdi e queste domande assurde e pensieri assurdi rovinano molto spesso le nostre vite e anche i nostri amori. Molto più di quanto lo faccia il fare sesso con un uomo al momento sbagliato.

Anche perché, non è che fare sesso con un uomo sia una tragedia: è un’esperienza che potrebbe essere sopportabile quasi per chiunque e, pensa un po’, secondo me, non è nemmeno peccato. Sì, lo so, ognuno ha le sue opinioni e io ho le mie.

"Il sesso al telefono è il più sicuro. Ormai sono diventata bravissima in questo campo. Naomi Campbell"

Tra le varie opinioni che le persone hanno e il vantaggio (o svantaggio) che la mia posizione mi offre come osservatrice di usi e costumi insospettabili, ti chiedo: sinceramente, avresti mai detto che al giorno d’oggi ci sono donne (anche molto giovani, ahimé,) che pensano che fare sesso con un uomo sia “male”?

Parrebbe impossibile. Eppure, tra le nuove generazioni, vi sono ancora donne (e molti più uomini, credimi) che “appiccicano” alle cose sensi e significati che cose (o esperienze, sensazioni, sentimenti) non hanno e, soprattutto non devono avere. E il sesso, ancora al giorno d’oggi, ha appiccicati addosso così tanti sensi e significati che non c’entrano nulla, che pare impossibile. Eppure questi sensi e questi significati sono catene per la mente, celle di isolamento per la vita. Strumenti prodigiosi di manipolazione. Prodigiosi!!!

(Se vuoi dare una bella “tirata” alle eventuali catene delle mente sul tema sesso, leggi questo articolo che ho dedicato al tema fare l’amore).

Perbacco, oh, mi sono lanciata in una predica incomprensibile. Quasi. Vediamo. (Nel caso, sappi che faccio apposta a fare prediche incomprensibili: sono sicura che alla fine si capisce meglio.)

Fare sesso con uomo: male o bene?

Fatto sta che qualche giorno fa ho ricevuto un messaggio di una lettrice che riporto integralmente, perché al di là del nocciolo della questione, tutto il testo esprime un approccio alla vita talmente “disarmato” che conto possa rivelarsi utile a molte, come termine di confronto. Siam qui per confrontarci d’altronde, giusto? Chi pensa di aver bisogno di un aiuto pratico perché si sente “disarmata”, dia un’occhiata all’articolo dedicato come diventare stronza o a quello, famoso, sul cinismo.

"Il sesso? A una certa età diventa un disturbo. Enzo Ferrari"

“Ciao Ilaria ho appena finito di leggere i tuoi articoli e ti ringrazio anticipatamente per ciò che scrivi. Sono molto utili, infatti sto prendendo grandi spunti. Però ho un dubbio e vorrei chiederti un parere. Mentre leggevo l’articolo sul dongiovanni e il non sembrare una poco di buono ho pensato a me. Nel senso, io ho 27 anni e non ho mai fatto l’amore con nessuno e ci penso spesso (forse troppo) tanto da non riuscire a sbloccarmi con nessuno anche se lo vorrei fare solo che poi penso a mille cose tipo “magari non è quello giusto” o altre cose così. È una cosa che vorrei fare solo che ne parlo con le mie amiche e mi dicono tutte di aspettare di non darla al primo che capita di essere paziente etc… Ma io dico ma se una sera esco con uno, mi attira e ho voglia (nel senso di appagare un mio piacere personale) che male c’è? Grazie mille è stato giusto uno sfogo personale. A presto.”

Allora, non credo ci sia più persona sbagliata al mondo di me alla quale chiedere che male c’è a fare sesso con un uomo in genere, ma nemmeno una sera che si esce e si vuole appagare un proprio piacere personale. Quindi credo che la domanda sia malposta in sé e di sicuro posta nel modo sbagliato alla persona sbagliata.

"Se davvero esiste la parità dei sessi, perché il mio è più corto? Rat-Man"

Sinceramente, puoi pensare che io pensi che c’è del “male” nel fare qualcosa del genere? Puoi pensare che sia io a decidere quando è il momento giusto per fare sesso con un uomo? Puoi pensare che ci siano libri, regole o strategie di seduzione per stabilire se c’è del male nel fare sesso con un uomo o quando è giusto farlo o non farlo? Puoi – soprattutto! – pensare che le tue amiche ne sappiano più di te o abbiano voce in capitolo o possano – orrore! – decidere al posto tuo?

Ti svelo un segreto: dopo l’infanzia e l’adolescenza tutti dovrebbero entrare nell’età adulta. E sai perché l’età adulta è così straordinaria, per i privilegiati che riescono ad entrarci per davvero e con tutti se stessi? Perché tu ti assumi le tue responsabilità. Tu entri a pieno titolo in quella che si chiama “responsabilità personale”. E responsabilità fa rima con libertà. In poche parole, tu pensi con la tua testa – magari prendendo “vecchi” pensieri, opinioni e credenze e rovesciandoli da capo a piedi, e ne inventi e ne scopri di completamente nuovi che hanno un potere sovversivo, rivoluzionario ed estremamente positivo nella tua vita- e ti crei la vita che sta bene a te, facendo le tue scelte in prima persona senza doverle delegare alla tua mamma (reale o immaginaria: di mamma vera ce n’è una sola, ma di immaginarie ce ne sono a centinaia), a un manuale di psicologia o a un sito di strategie di seduzione. O – peggio mi sento – alle amiche!!!

Che cosa mantiene alto il desiderio di un uomo per te e solo per te?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Hai voglia di fare sesso con un uomo? Lui è consenziente? Fai sesso con lui. Che male c’è? Non hai voglia, anche se lui è consenziente o insiste o racconta un sacco di stupide balle per portarti a letto? Non farlo. Molto semplice.

Il punto, qui, non è se c’è del male o no nel fare sesso con un uomo.

Fare sesso con un uomo e una vita fatta di scelte

La vera crescita personale, quella che porta alla libertà, all’affrancamento dalle stupidaggini di cui sono pieni il nostro mondo, le parole e le menti altrui e le nostre menti e le nostre parole e che porta anche – come naturale conseguenza – a una relazione d’amore sana e soddisfacente è quella che permette di assumersi la piena responsabilità delle proprie scelte, con “coscienza”.

Che cosa significa? Significa, per esempio, che leggere quello che io scrivo alla ricerca – spesso disperata e irrazionale – di una risposta precisa e speciale per quello che credi essere il “tuo vero problema”, non ti porta molto lontano.

Qui la nostra attenzione non è sul modo in cui puoi sedurre un uomo usando un particolare linguaggio non verbale o alcuni “trucchi” per comunicare efficacemente con lui.

Il nodo per me è che tu acquisti il più grande potere possibile sulla tua vita, quel genere di potere che ti permetta di affrontare la tua esistenza con la tua piena umanità, quindi con le tante debolezze che appartengono a te come a qualsiasi essere umano. Ma anche mettendo utilmente all’opera le tante risorse che hai e che, spesso non utilizzi, per uno scarso e inconsapevole “senso di responsabilità” personale verso la tua vita e la tua felicità.

Ci può essere un momento “giusto” per esempio per iniziare a far sesso con un uomo in una relazione? Certo che sì.

E la tua indipendenza di giudizio viene ben prima ed è più importante di quale può essere il “momento giusto” per fare sesso con un uomo.

Ci sono “tecniche” che possono facilitare la comunicazione tra le persone e la comprensione tra i partner? Certo che sì.

E la tua indipendenza di giudizio e le tue scelte di vita vengono ben prima e sono più importanti di qualsiasi tecnica tu decidi di applicare.

Molto spesso sapere quando è il momento “giusto” per fare sesso con un uomo o qual è il modo più efficace per comunicare con lui è importante, arrichisce la nostra vita e può fare la differenza. Rende anche il nostro viaggio nel mondo più interessante e divertente.

Quello che va tenuto ben in mente è che tecniche e strumenti sono dei grandi facilitatori a disposizione di chi sa scegliere e decidere con la propria testa, per il proprio bene e in modo indipendente, anche perfino e addirittura, dall’opinione delle amiche. Le quali, nel 90% dei casi sono legate da catene più corte e più forti delle tue.

Lascia un Commento!

81 Commenti

  1. Avatar di Vale

    Vale 5 anni fa (13 Settembre 2014 18:32)

    @Ilaria: E' quello che mi domando anche io sai? Credo di idealizzarlo... e forse questo mi blocca.... ma soprattutto, a bloccarmi, è il fatto che in una persona cerco un compagno... e condividere la mia prima volta con qualcuno che l'indomani si dimentica di me mi darebbe parecchio fastidio.... e siccome in questo periodo mi sembra che le persone che incontro siano interessate a me fisicamente mi alimentano i dubbi :( non è che io non voglia farlo... alla fine, anche se lo idealizzo, conoscendomi, mi lascerei andare.. ma se sento di essere ricambiata... e nel caso in specie chi ci prova con me non mi conosce così bene....e già mi parlano si sesso sulla base del niente! Sicuramente le tue domande sono volte a farmi riflettere ma chi ho accanto mi alimenta i dubbi :(
    1
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  2. Avatar di Claudia

    Claudia 5 anni fa (13 Settembre 2014 19:41)

    @Gianluca Ma infatti non ho detto che hai torto. Però mi sembra che generalizzi troppo. Ciò che intendevo è che non è detto che chi è dolce all'inizio è falso e vuole solo sesso. E poi scusa, io non parlavo di uomini che promettono mari e monti già ai primi appuntamenti, io parlavo di segni di dolcezza o scherzi maliziosi... Per me ci stanno. Il mio fidanzato l'ho conosciuto per la prima volta in un locale facevamo la fila per il bagno e siccome era già da un pò che ci incontravamo se ne è uscito con una frase del tipo: " Mi segui pure in bagno? Vuoi entrare con me?" (sorridendo). Uscita poco carina, maliziosa ma ora stiamo insieme da anni... Cioè: l'inizio non determina il seguito. Sta alla donna poi (furba e matura) a comprendere, stare con i piedi per terra e a decidere durante la frequentazione.
    1
    Rispondi a Claudia Commenta l’articolo

  3. Avatar di Claudia

    Claudia 5 anni fa (13 Settembre 2014 20:13)

    @ Vale Se posso dirti la mia sì, son d'accordo con Ilaria. Stai idealizzando il sesso e pure l'amore. La mia personale esperienza è questa: ho circa trent'anni e ho cominciato a fare sesso verso i sedici. Le prime volte sono state le peggiori: 1. per il dolore fisico che ho provato per la perdita della verginità. 2. per le sensazioni di inadeguatezza poichè non sapevo cosa fare e come comportarmi. Eppure avevo al mio fianco un ragazzo che mi piaceva molto. Ho fatto sesso con altri ragazzi in questi anni e ti posso dire che dopo circa quindici anni di esperienze, ora riesco a viverlo pienamente in modo soddisfacente, mi sento libera, mi piace esprimere me stessa è come una forma d'arte, so cosa fare, so cosa mi piace e mi piace scoprire ciò che piace all'altro... Insomma, ciò che ti voglio dire è..... Che cosa stai aspettando????? ;)
    2
    Rispondi a Claudia Commenta l’articolo

  4. Avatar di Claudia

    Claudia 5 anni fa (13 Settembre 2014 20:19)

    @Vale Non è una cosa negativa che un ragazzo si avvicini perchè ti trova attraente!
    1
    Rispondi a Claudia Commenta l’articolo

  5. Avatar di Vale

    Vale 5 anni fa (13 Settembre 2014 21:55)

    Grazie a tutte :) i vostri consigli sono preziosi.
    1
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  6. Avatar di Fiorediloto

    Fiorediloto 5 anni fa (13 Settembre 2014 23:09)

    Riallacciandomi ad alcuni dei commenti letti, anche io mi ritrovo nelle donne che si coinvolgono molto, da un punto di vista affettivo ed emotivo, con l'uomo con cui hanno fatto sesso.... Innanzitutto perché non riuscirei a priori ad andare a letto con un uomo dal quale non mi sento attratta, e spesso l'attrazione non è solo fisica, ma un intreccio di componenti fisiche e mentali... Nello stesso tempo sono una persona cui piace la condivisione fisica, provo facilmente piacere, sono abbastanza disinibita, ma non riesco a vivere il sesso fine a se stesso con piacere puro, perché alla fine, e non voglio più raccontarmi frottole in merito, io cerco l'innamoramento, la relazione affettiva, la condivisione non solo fisica ma anche mentale ed emozionale. In passato più volte mi sono lasciata trascinare da questa "chimica speciale" che si creava tra me e l'uomo in questione, tanto da andare a letto senza problemi con il lui di turno, anche al primo appuntamento. Ma poi, appunto, a seguito del nostro rapporto sessuale, io mi cominciavo a sentire ancora più profondamente coinvolta. E spesso proprio a causa di questo coinvolgimento, perdevo completamente lo spirito del piacere misto a divertimento, la leggerezza seduttiva. Le conseguenze: spesso l'uomo in questione si spaventava non poco per questo mio cambiamento repentino, e prendeva le distanze. Forse sono stati uomini sbagliati, forse sono stati certi miei atteggiamenti ad averli allontanati... fatto sta che ho sofferto molto, in più di una occasione. Dunque ora ho scelto di valutare molto ben se e quando fare sesso con un uomo.... e di sicuro non lo farò più ai primi tempi di frequentazione. Ma questa è una mia scelta personale, senza alcun giudizio per scelte ed esperienze di relazioni diverse dalla mia.
    7
    Rispondi a Fiorediloto Commenta l’articolo

  7. Avatar di Gianluca

    Gianluca 5 anni fa (14 Settembre 2014 1:00)

    @ Claudia Quel tipo di malizia di cui parlo è diversa. Io intendo quella spinta oltre il limite in relazione al tipo di legame. Ci sono uomini che sembrano dei maniaci sessuali, solo perchè una donna ha acconsentito a frequentarli e dopo un paio di uscite, parlano esplicitamente di sessualità spinta. Quella del tuo ragazzo non è nemmeno malizia, è solo umorismo. Era una battuta. Sarebbe stata maliziosa se ti avesse detto di fare porcherie in bagno. La dolcezza e la malizia si crea con il tempo. Non dopo un paio d'ore di frequentazione, dato che di certo i primi appuntamenti non durano delle intere giornate.
    6
    Rispondi a Gianluca Commenta l’articolo

  8. Avatar di Claudia

    Claudia 5 anni fa (14 Settembre 2014 11:36)

    @ Gianluca Ok ora ho capito ciò che volevi dire. Grazie per la tua spiegazione e per il tuo intervento in questo blog. Lo apprezzo molto!
    3
    Rispondi a Claudia Commenta l’articolo

  9. Avatar di Stella

    Stella 5 anni fa (14 Settembre 2014 11:46)

    Io credo che Gianluca abbia centrato in pieno il succo della faccenda quando suggerisce di prestare attenzione al comportamento degli uomini e al " sesto senso " femminile. Sicuramente le donne oggi sono molto più emancipate ed è giusto che vivano in modo libero anche la sessualità, ci si come è vero che non tutti gli uomini sono degli approfittatori di ingenue fanciulle... diciamo che dopo i 16 anni si dovrebbe essere un po' meno ingenue e un po' più concrete ;) . Il punto secondo me rimane che credo ci sia una differenza nei 2 generi su come viene vissuto l atto sessuale e credo che sia anche un fattore biologico oltre che un retaggio culturale. Credo che per molte donne l atto sessuale porti con se una componente emotiva più significativa che per l uomo che invece riesce a scindere la parte fisica da quella emotiva molto più facilmente. Ci sono poi ovviamente fattori personali, culturali, psicologici ecc ma questa questa caratteristica generale spiega come mai certi uomini si fingono dolci e romantici solo per portarsi a letto la donna di turno. Se un uomo è veramente interessato a una donna nella sua totalità anche caratteriale non la spingerà mai ad affrettare i tempi ma aspetterà il momento opportuno che lui stesso vivrà con intensità come parte integrante di una relazione è non come scopo principale. Credo che il coinvolgimento emotivo che ne consegue sia l unico fattore che ogni donna dovrebbe davvero tenere in considerazione prima di iniziare una storia di letto o anche solo l avventura di una notte; e questo fattore è molto soggettivo.
    6
    Rispondi a Stella Commenta l’articolo

  10. Avatar di Vale

    Vale 5 anni fa (14 Settembre 2014 12:06)

    Stella mi trovo d'accordo con te :) ciò che frega noi donne è il fatto che non tutte riescono a staccare la spina e a non considerare il lato emotivo.... quindi, spesso, dobbiamo capire chi abbiamo davanti... il post di Ilaria è comunque davvero utile in quanto è volto a dirci che siamo grandi e siamo noi stessi a dover decidere e nessuna persona può sostituirsi a noi... inoltre se una cosa viene fatta in modo consapevole non dobbiamo vergognarci perché dobbiamo distaccarci da preconcetti radicati dentro di noi che non ci consentono di esprimerci al meglio.... poi è ovvio che ogni persona agisce secondo il proprio modo di essere. Chi preferisce aspettare, chi preferisce farlo subito chi decide di essere casto ecc...ecc... sono solo scelte ma non ci si deve sentire in colpa per questo. L'importante è distaccarsi dai preconcetti e scegliere liberamente.
    4
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  11. Avatar di Valeria87

    Valeria87 5 anni fa (14 Settembre 2014 12:39)

    D'accordo con Claudia: sta a noi decidere quando vale la pena di continuare una frequentazione oppure no. Le persone pericolose esistono, ok, ma io penso che una persona adulta ed equilibrata non possa essere indotta a fare qualcosa contro la sua volontà (oddio, magari se ti puntano una pistola alla tempia, ma negli altri casi...). Siamo noi responsabili delle azioni che compiamo, e anche di eventuali nostre aspettative eccessive sugli altri. Sull'argomento "prima volta". Io ho avuto i primi rapporti tardi. Ma questo perché, in generale, ho cominciato tardi a relazionarmi con gli uomini dal punto di vista sentimentale-sessuale. Prima, ero bloccata da un assurdo senso di inadeguatezza e altre menate del genere. Oggi cerco di vivere il sesso e, più in generale, le relazioni con gli uomini con più leggerezza, senza sentire il mio valore messo in discussione al minimo rifiuto ("Ma stiamo scherzando?" mi dico adesso, quando mi assalgono certi rimuginamenti senza senso :D ).
    2
    Rispondi a Valeria87 Commenta l’articolo

  12. Avatar di lisa

    lisa 5 anni fa (14 Settembre 2014 13:12)

    Ho letto tutti i vostri commenti e molti li ho "approvati" con un mi piace e sono giunta alla conclusione che ci vuole solo un pizzico di fortuna: puoi essere bella, brava, simpatica, ricca,se non hai fortuna non vai da nessuna parte. (Vi ricordate la miss picchiata dal fidanzato?) Non solo conosco donne che non valgono niente né fisicamente perché non si curano e sono sciatte né caratterialmente perché sono cattive attaccabrighe e criticone (non sono invidiosa) eppure hanno trovato bravi fidanzati e/o mariti allora come la mettiamo? E non mi parlate di virtù nascoste perché le conosco bene.
    2
    Rispondi a lisa Commenta l’articolo

  13. Avatar di Vale

    Vale 5 anni fa (14 Settembre 2014 13:20)

    Valeria grazie per quello che mi hai scritto:) anche io mi relazionando tardi per tante motivazioni non molto piacevoli però. @Lisa: Questo è vero... alle volte mi sorprendo nel vedere come certe donne sciatte, per nulla curate ed anche volgari riescono tranquillamente ad avere storie e addirittura a sposarsi, avere figli ecc...ecc... ma magari anche nel loro quotidiano hanno i loro problemi ed insoddisfazioni che noi, dall'esterno, non vediamo :) Sicuramente nella vita è davvero tutto destino...
    -1
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  14. Avatar di anna

    anna 5 anni fa (14 Settembre 2014 15:11)

    Lisa me lo sono chiesta sempre anche io sai? Non è invidia ma davvero certe situazioni non le comprendo, forse l'unica cosa che mi viene da pensare sai qual è? E l'ho notata spesso..è che sono donne molto sicure di se stesse, che del giudizio altrui se ne fregano e sono anche particolarmente egoiste. E forse loro hanno proprio capito tutto..che più ci si comporta così e meglio è. Poi come sempre ribadiscono è anche questione di fortuna, fato chiamatelo come volete.
    0
    Rispondi a anna Commenta l’articolo

  15. Avatar di lisa

    lisa 5 anni fa (14 Settembre 2014 15:40)

    @Vale: anche io mi sorprendo e hai detto bene sono volgari e aggiungerei che lo sono anche nel linguaggio che usano da scaricatore di porto che mi vergogno io per loro. Sicuramente avranno i loro problemi che noi da fuori non vediamo ma anche noi abbiamo problemi; diversi semmai ...........si si ognuno ha il suo karma.
    -1
    Rispondi a lisa Commenta l’articolo

  16. Avatar di Vale

    Vale 5 anni fa (14 Settembre 2014 16:39)

    @Lisa: Si, sicuramente :)
    0
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  17. Avatar di Michela2

    Michela2 5 anni fa (15 Settembre 2014 11:16)

    Scusa Lisa "conosco donne che non valgono niente né fisicamente perché non si curano e sono sciatte né caratterialmente perché sono cattive attaccabrighe e criticone (non sono invidiosa) eppure hanno trovato bravi fidanzati e/o mariti allora come la mettiamo?" Ma cosa t'interessa?Vai per la tua strada tu! Intanto sei criticona anche te perchè hai criticato queste donne, generalizzando su diverse persone che,sicuramente così bene non conosci. "puoi essere bella, brava, simpatica, ricca,se non hai fortuna non vai da nessuna parte"...Sei sicura di essere bella brava simpatica e ricca tu?Se pensi sia solo fortuna allora puoi stare li ad aspettare che la fortuna bussi alla tua porta, se invece pensi che ogni persona puo' scegliere di vivere nel migliore dei modi allora non preoccuparti delle donne sciatte e cattive, pensa a come puoi migliorare tu!
    2
    Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo

  18. Avatar di Michela2

    Michela2 5 anni fa (15 Settembre 2014 11:22)

    Se parliamo di luogni comuni possiamo dire che la Seredova ha perso il marito.E' bellissima, è simpatica è ricca ed è intelligente.Non la conosco chiaramente, tolto il lato estetico posso supporre.Noi non viviamo a casa loro per poter conoscere le dinamiche della loro coppia.Non serve a nulla giudicare da fuori.Ognuno di noi deve pensare per se stesso.Lei è meravigliosa esteticamente e su questo non ci piove e magari tra poco sarà ancora piu' felice di prima, chi puo' dirlo?Le delusioni le hanno avute tutti, in tutti i campi, tutto sta nel come si reagisce alle delusioni. Io vedo anche fantastiche donne che hanno fantastici uomini accanto, semmai prendiamo ad esempio quelle...
    2
    Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo

  19. Avatar di mochi

    mochi 5 anni fa (17 Settembre 2014 12:19)

    Anch'io mi trovo d'accordo con l'articolo di Ilaria, soprattutto quando parla di libertà e responsabilità. Ma io direi anche maturità. Ilaria più volte ha detto che per far funzionare una relazione ci vuole equilibrio. Vale anche nell'equilibrio per il sesso? Io credo di sì. In una relazione sana e appagante ci deve essere sicuramente l'aspetto sessuale, ma per come lo intendo io, anche il sesso dovrebbe essere uno strumento per la crescita personale di tutte e due. E secondo me l'equilibrio si realizza nel momento in cui c'è anche un (sano) distacco. Anche quello può essere un modo per conoscersi meglio e per conoscere anche il partner.
    1
    Rispondi a mochi Commenta l’articolo

  20. Avatar di libellula89

    libellula89 5 anni fa (23 Settembre 2014 19:04)

    Noi donne dovremmo semplicemente diventare "adulte". Usiamo il sesso nella speranza di conquistare chi amiamo, o di conquistare persone di cui siamo infatuate, lamentandoci poi di essere state "usate". Il sesso si fa sempre in DUE. E se non siamo sicuri di qualcuno e lo facciamo lo stesso, è perchè lo vogliamo anche noi. E' vero, ci sono uomini manipolatori, ma anche molte donne a cui piace fare la vittime... Io penso - secondo il mio punto di vista - che bisogna provare a comportarsi coerentemente con ciò che si vuole. Se si hanno solo storie di sesso è perchè, in fondo, si vogliono solo storie di sesso. Per avere una relazione bisogna essere predisposte all'ascolto, alla conoscenza dell'altro.. il sesso non è un male, di per sé, ma lo diventa quando lo si sovraccarica di aspettative e quando lo si strumentalizza.
    6
    Rispondi a libellula89 Commenta l’articolo