Standard, selezione e uomo giusto

standardPer trovare un uomo di valore, bisogna avere degli standard alti, non accontentarsi e non giocare al ribasso. Gli uomini sbagliati si evitano selezionado in partenza, pre-selezionando, stabilendo per sé standard elevati e rispettandoli rigorosamente, mica sbragando già alla prima uscita (come molte donne che credono di avere standard di livello fanno, scendendo a compromessi vergognosi – vergognosi rispetto a se stesse e alla propria dignità – appena incontrano uno che offre loro un caffé). Nota tra le righe: quando leggo queste mie riflessioni e altre del genere di quella che ho appena scritto, mi viene da ridere a pensare ai tanti commentatori – uomini e donne – che dicono che io attacco gli uomini o che mi ergo a giudice di questo e/o di quello.

Vedi un po’ tu se questa è una critica agli uomini oppure assomiglia di più a uno sconsolato strattone alle donne perché abbandonino, finalmente, alcuni loro comportamenti “ancestrali” e deleteri e smettano di fare i soliti vecchi errori che le danneggiano. Cominciando a definire degli standard che le mettano, come persone e come genere tutto, nella carreggiata del rispetto di sé e della dignità personale, una volta per tutte. Ok, andiamo avanti. (Non dovrei fornire certe “spiegazioni suplettive” per i pavidi che non vogliono capire. Le persone che non sono in grado di capire dovrebbero essere lasciate al loro grado, altro che standard).

"Lo stile è l’impronta di ciò che si è in ciò che si fa. René Daumal"

Stabilire i propri standard e stabilirli sempre verso l’alto fa parte della crescita personale, della maturazione come esseri umani e come donne. Un obiettivo per tutti noi (per molti lo è, di fatto) e per il nostro percorso esistenziale, dovrebbe proprio essere quello di crescere attraverso i nostri standard, facendo crescere i nostri standard mentre noi stessi cresciamo e crescere mantendendo continuamente alti i nostri standard e alzandoli sempre di più, mano a mano che avanziamo nella vita.

E dovremmo curare i nostri standard, mantenerli alti e alzarli in ogni area nella quale agiamo e ci muoviamo: lo studio, il lavoro, le passioni, il tempo libero, il nostro essere cittadini responsabili; relativamente  alle persone che frequentiamo, le amicizie, la qualità dei rapporti famigliari e, ovviamente, il rapporto di coppia. Si cresce noi, si matura, si smette di essere il tipo alla CappuccettoRosso Biancaneve BellaAddormentata PiccolaFiammiferaia e ci si trasforma in donne vere, in donne di valore che non si fanno mettere nel sacco dai tanti tipi di uomini sbagliati che circolano: il rospo, il dongiovanni, il perditempo, il confuso, l’irresponsabile, il fantasma, l’uomo sposato, quello che non voglio una storia seria etc etc

Standard alti e uomini sbagliati

Perché, tranquilla, se alzi i tuoi standard e soprattutto se li rispetti, col cavolo che gli uomini sbagliati si fermano nella tua area d’azione e ti intercettano (o col cavolo che vi intercettate reciprocamente). Le persone sbagliate colgono al volo quando possono “permettersi” di agire scorrettamente (e impunemente) con qualcuno e colgono al volo quando non possono permetterselo.

Gli uomini sbagliati non girano intorno a donne che hanno standard alti, non le considerano nemmeno e men che meno si azzardano a usare la manipolazione e quant’altro, nei loro confronti. Se hai degli standard alti sei nel pieno potere, hai il pieno potere su te stessa, sulla tua vita e anche sulle tue relazioni. Uomini sbagliati e donne con alti standard (in senso vero, eh, mica fasullo, si intenda) semplicemente non hanno nulla da spartire, nessun punto di incontro, nessun gancio.

"La felicità non dev’essere un punto d’arrivo, ma uno stile di vita. Federico Moccia"

Niente li unisce, tanto meno il desiderio di un rapporto disfunzionale , dato che se hai alti standard, i rapporti disfunzionali li eviti come la peste, giacché non corrispondono ai tuoi standard. E poi un uomo sbagliato “intuisce” perfettamente attraverso il proprio istinto che con una donna con alti standard, con il cavolo che riesce a instaurare un rapporto disfunzionale. E quindi le gira al largo. Per buttarsi sulle tante donne che invece, avendo bassi standard, o rinunciando nellla pratica ai loro standard teorici con la velocità di un battito di ciglia, sguazzano in rapporti disfunzionali. Dimenticando se stesse e la propria dignità.

Di più: se hai alti standard non è che eviti i rapporti disfunzionali per “via razionale” – cioè non ci fai un ragionamento sopra – ma li eviti spontaneamente e naturalmente, per via inconscia, senza passare nemmeno per l’analisi razionale. Ti viene naturale selezionare, ti viene naturale darti valore, ti viene naturale darti rispetto e farti rispettare.

Standard alti: che cosa significa nella pratica?

Già, che cosa significa nella pratica avere degli standard alti? Ti faccio un paio di esempi presi, ahimé, dalla vita vera, molto comuni, finanche abusati (che tristezza).

Qualche giorno fa ho ricevuto questa domanda attraverso la pagina Facebook de La Persona Giusta per Te: “Vorrei sapere cosa pensi degli uomini che per strada e in presenza della compagna si voltano a guardare le altre…quale reazione dovrebbe avere una donna sicura e amante di sé stessa?”. Io ho risposto: “Evitare a priori questi uomini.” La lettrice non ha dato seguito alla conversazione, non so se perché soddisfatta o convinta o se, invece, un po’ turbata dalla mia risposta, probabilmente troppo fuori dagli “schemi” e dagli standard rispetto a quello che lei avrebbe voluto sentirsi dire. Non so. Io credo che seminare bene sia sempre utile, se non nell’immediato, di sicuro a lungo termine. Il cambiamento in positivo, anche in campo sentimentale, non sono mai istantanei. Quindi credo che la mia risposta, ben accolta oppure no, sia stata utile.

"Tutti commettono errori è per questo che c’è una gomma per ogni matita. Proverbio giapponese"

Fatto sta che l’esempio viene a fagiolo: ci sono tante donne con standard tali che le portano a pensare che gli uomini proprio non si possono trattenere dal guardare allupati altre donne in presenza della compagna e che tale comportamento manifesta semplicemente e senza malizia la più intima, naturale e istintiva essenza del “maschio” e che quindi va accettata e non discussa. Subìta, insomma. In fin de’ conti, come dice qualsiasi maschio medio allupato di cultura e spessore emotivo e intellettuale medio-inferiore, non si guarda una donna come si guarda un’opera d’arte? (Uh, questa sì che è una riflessione di profondo livello speculativo, di fronte alla quale qualsiasi donna dovrebbe sentirsi più che lusingata, perbacco!). In fin de’ conti quante donne si sentono in colpa di fronte a una considerazione tanto vuota e tanto becera? Alla faccia degli standard, anche i più bassi, mi tocca dire.

Sfido a trovare una donna sulla faccia della terra che in realtà non si senta per lo meno delusa e avvilita dal fatto che il proprio compagno in sua presenza sbavi, si faccia cadere la mascella e sgrani gli occhi al passaggio di altre donne: che tristezza, caro mio, ma per te, neh, si intenda. Un comportamento penoso, a dire il vero, che nessuna donna con standard alti potrebbe accettare, un comportamento da considerare un “segnale” forte e chiaro sull’affidabilità a tutto tondo dell’uomo in questione. Avere alti standard significa non accettare compromessi rispetto a un comportamento del genere, ecco.

Standard: fatti non parole

Abbiamo detto spesso che quel che contano nelle relazioni, nei rapporti umani e negli scambi tra persone sono i fatti e non le parole. Lui può dirti tutte le più belle frasi romantiche del mondo, chiamarti amore e dirti cento volte al giorno ti amo. Può anche chiederti scusa un miliardo di volte in un anno e sostenere che sì, questa è l’ultima volta, poi mai più. Ma se continua a trattarti come uno zerbino, tu devi prendere atto che ti tratta come uno zerbino. Non c’è via di scampo, non ci sono dubbi. E questo discorso del far prevalere i fatti e non le parole, riguarda anche te e ti riguarda anche a proposito di standard.

"Avere stile significa essere se stessi, ma con uno scopo. Patricia Fripp"

Non c’è nulla di più patetico di quelle donne che proclamano la propria onestà, integrità e serietà (da tutti i punti di vista, si intenda) e poi, nei fatti, nemmeno un secondo dopo si smentiscono nei comportamenti. E, ancora più triste è il comportamento di quelle donne che dicono di volere il vero amore e di essere selettive e poi, finito il proclama, si accompagnano con il più stronzo e il più puttaniere del gruppo. Le interpretazioni possibili sono due: o si hanno standard infimi o, se per caso si ambisce a standard elevati, in questi casi gli standard sono gestiti davvero malissimo. E molte donne incappano in questo malinteso, forse per ingenuità e, semplicemente, si rendono ridicole, soprattutto agli occhi degli uomini.

Vuoi sapere qual è il grande classico della pessima gestione dei propri (presunti) standard? Ma il sesso, ovviamente. Non di rado ricevo messaggi del genere: “sto frequentando un ragazzo che veniva al mio istituto, quando andavo a scuola e che conoscevo solo di vista. Lui è stato fuori città per qualche anno e ci siamo persi di vista. Un mese fa è rientrato, ci siamo incontrati sul treno velocemente, mi ha chiesto l’amicizia su Facebook, ci siamo messaggiati un po’ di volte e siamo usciti una sera. Ilaria, il fatto è che io ero tranquilla e serena con lui, abbiamo bevuto un po’ (l’elenco delle scuse è infinito, come sempre) e abbiamo fatto l’amore. Io il giorno dopo gli ho detto che non sono assolutamente quel tipo di ragazza, che sono una ragazza molto seria e che non faccio mai sesso la prima sera con un uomo. Ora sono disperata sono quindici giorni che lui non si fa sentire. Dove ho sbagliato?”

Che cosa mantiene alto il desiderio di un uomo per te e solo per te?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Standard e gestione degli standard

Allora: il fatto di non essersi mostrata “seria” (secondo chi? In base a che cosa?) non ha nulla a che vedere con il fatto che lui non si sia fatto più sentire. Questo lo dico giusto per essere chiara. Non è quello il nocciolo della questione. Ma è interessante la prospettiva sugli standard, i compromessi e la propria dignità. Non c’è nulla di male nel fare sesso con un ragazzo alla prima sera (c’è del male nel pensare che questo cambi in qualche modo i presupposti del rapporto o che abbia strani significati e implicazioni reconditi). Il fatto è che fare sesso con un uomo la prima sera e subito dopo imbastire un discorso di scuse/giustificazioni/ricatti emotivi è per lo meno fastidioso e molto (ma davvero molto) incongruente.

Lui potrebbe vederla in questo modo: mi dici che sei una ragazza seria e che non fai mai questo genere di cose. Quindi significa (formulo le ipotesi che mi vengono in mente mentre ti guardo frignare): a) forse che io sono irresistibile a prescindere? b) Che tu ti sei innamorata di me? (E in questo caso, che devo fare, fuggire, dato che mi trovo con una che dopo qualche messaggio su Facebook e un’uscita insieme già dice di essere innamorata? Che cosa posso aspettarmi da una del genere?) c) Stai tentando di dirmi che mi hai riservato un trattamento speciale e che io, anche se manco ti conosco, a questo punto di devo qualcosa? (Che paura!) d) Sei una ragazza come tante altre, che è sì “seria”, o vorrebbe esserlo in teoria, ma è talmente poco controllo di sé che appena esce con uno ci fa sesso e poi, per lavarsi la coscienza, dice che è seria? e) Sei una come tante, che dice di essere seria, ma non lo è e ha bisogno di ribadirlo, rendendosi disprezzabile e ridicola?… f) Non me ne frega niente di quello che mi dici, sono problemi tuoi e per favore non seccarmi, dato che tu stai dando importanza, per questioni tue a qualcosa che per me non ha nessuna importanza. (Gli standard delle persone sono diversi, lo sai vero?).

Ora, ho fatto un esempio molto a portata di mano, quale quello degli standard riguardo il momento giusto per fare sesso con un uomo. Ma l’esempio che ho fatto può applicarsi a molti altri ambiti.

La qualità della tua vita – e la qualità delle persone che ti circondano – dipende dagli standard che ti poni e da come decidi di gestirli e di rispettarli. Se vuoi attrarre l’uomo giusto, devi dotarti degli standard che ti permettono di selezionare certi tipi di uomini e non altri e devi mantenere questi standard alti per tutto quello che riguarda la tua relazione con il tuo partner: il modo in cui lui ti tratta, in cui rispetta gli impegni presi verso di te, il modo in cui parla di te e di voi. E molti altri…

Se vuoi definire degli standard di livello e nello stesso tempo su misura per te, per quelli che sono i tuoi desideri e le tue aspirazioni, approfitta dei percorsi che ho messo a tua disposizione:

I 7 Pilastri dell’Attrazione.

Ti permette di definire i tuoi personali metri di misura, efficaci e utili per te.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso adesso.

Come Sedurre un Uomo senza Stress

In questo percorso ti spiego le fasi dell’attrazione e come entrare in controllo della relazione, mantenendo il tuo potere.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso adesso.

 

 

Lascia un Commento!

254 Commenti

  1. Avatar di Cris83

    Cris83 6 anni fa (10 Agosto 2015 12:59)

    Vorrei raccontare la mia esperienza, sperando possa essere d'aiuto anche a voi. Nel 2011, da Roma, mi sono trasferita fuori citta' dove, con mio fratello, abbiamo aperto una piccola azienda agricola. Produciamo confetture, passate ecc..i nostri prodotti, provengono da agricoltura biologica certificata e hanno la certificazione 100%made in Italy...non sono prodotti da discount. Abbiamo fatto incontri all'estero per trovare clienti, niente. Ho passato mesi....anni a contattare importatori...niente. Non ti rispondevano neanche. Non mi sono MAI arresa, mi sono impegnata tanto. Ogni NO, lo mandavo giù e guardavo avanti, provavo con altri. Quando volevano abbassare il prezzo? Non ho avuto paura di dire di NO e andarmene. Ho continuato e ho continuato, ho avuto momenti in cui credevo di aver sbagliato tutto, di aver investito male, ma ho continuato ugualmente non cedendo a chi voleva svalutare il prodotto, a chi mi consigliava di puntare in basso, facendo mercati (non ho nulla contro chi fa mercati, ma non era il mio obiettivo)...bhe, alla fine ce l ho fatta. Lavoro con negozi Gourmet in Svizzera, Austria,Germania, Regno Unito...dove apprezzano il mio prodotto e non lo svalutano. Da qui la svolta. La vita sentimentale deve essere lo stesso. Non accontentarsi di chi ti "svaluta", da chi " non vuole una relazione seria", da chi ti vuole a "poco prezzo", da chi esce con te, ma anche con altre, da chi esce con te solo per non stare solo o per manipolarti. Ora capisco quando Ilaria dice " trovare la persona giusta, richiede impegno". E' vero. Ed e' anche vero che tutto e' possibile se si alza la posta in gioco. Certo, ci sono molti rospi, ma basta allontanarli e andare avanti puntando in alto.
    Rispondi a Cris83 Commenta l’articolo

  2. Avatar di london

    london 6 anni fa (11 Agosto 2015 9:25)

    lui non si è fatto più sentire e alterno momenti strani, il pensiero è abbastanza fisso. E' normale, dopo averlo sentito quotidianamente da un anno a questa parte, vero? è un po' come un disintossicarsi? sto resistendo e non gli voglio scrivere, anche perchè non saprei cosa scrivere oramai. A lui riuscirà bene perchè è in vacanza, mentre io sono nella mia solita quotidianità dove lui era presente e forse perchè non gli importa. E' una fortuna che non mi scriva, vero? me lo devo ben ficcare nella testa...
    Rispondi a london Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 6 anni fa (12 Agosto 2015 22:26)

      London è normale si, non ti preoccupare. Ci vuole tempo per digerire, metabolizzare e poi espellere e ognuno lo fa nei propri tempi quindi non preoccuparti per di più di chi ti giudica. Adri: bene sono contenta per te. Anche a me piace molto la tecnica di cui hai parlato, è una cosa interessantissima ed una bella metafora (sono un po' fissata con la filosofia giapponese) e soprattutto veritiera: mi fa ridere chi chiede "perché non sei come eri prima di tizio caio o esperienza varia". Ma come fai ad essere la stessa persona? Qualcosa cambia, muore, si rompe, si evolve, ma non può rimanere come prima se si accetta di vivere i sentimenti ed esperienze appieno
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Adri

      Adri 6 anni fa (12 Agosto 2015 23:02)

      Ale grazie :) Sì, si cambia, anche quando non si vuole. Molti peggiorano, si incattiviscono e inaridiscono sprecando l'opportunità che ogni crisi dà per poter migliorare. Mi piacerebbe un giorno perdonare, ma mi conosco. Non dimentico, non perdono. Col primo ex ho un ottimo rapporto, gli voglio bene, sempre da me torna per consigli e sfoghi. Lo conosco meglio di quanto conosca me stessa. Ma non gli perdono niente. Ale, cerca di diventare la persona di cui vorresti innamorarti. C'è solo da guadagnarne. Big big big hug. :*
      Rispondi a Adri Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 6 anni fa (12 Agosto 2015 23:19)

      Ciao Adri, ci lavoro anche quando magari qua sopra non traspare o non sembra ;) sul perdono ti capisco. Nemmeno io non riuscirò a perdonare. Con alcuni ex sono amicissima e nessun problema, si supera la fine di un amore, quello che non si accetta (e io tollero) sono le cattiverie, le manipolazioni, il ferire gratuito e per puro piacere di farlo. Di sicuro è per questo che sono stata male (oltre all'amore che io ho dato è provato) e ci ho messo tanto ad uscirne. Sto ogni giorno meglio e cerco di gestire gli attacchi e di non credere alle manipolazioni altrui, conoscendomi meglio. I passi indietro fanno parte del percorso purtroppo ;) ma i dubbi durano sempre meno per cui si di essere sulla strada giusta. Baciotti grandi!
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

  3. Avatar di Adri

    Adri 6 anni fa (12 Agosto 2015 0:40)

    Ilaria, ragazze, sono sempre qui a leggervi. Volevo dirvi che se ne esce, se ne esce e se ne esce. Ogni giorno che passa ringrazio la tipa con cui sono stata tradita, perché se non ci fosse stata lei può darsi che sarei tornata con lui e avrei perso le occasioni che mi sto creando. Ribadisco: che mi sto creando. La storia dei treni che passano è stupida, i treni si vanno a prendere in stazione, si cercano gli orari, si sceglie il posto e si paga il biglietto. Si decide dove si vuole andare. Sto conoscendo piano piano altri ragazzi, alcuni più giovani di me, altri più grandi e rimetto insieme i pezzi della mia autostima (ancora bassa) come fanno i giapponesi con la tecnica dello kintsugi, riparare con l'oro il vasellame rotto. Mi sento sola ogni tanto, ma succedeva lo stesso col mio ex. Né più, né meno. Non ho incontrato nessuno che mi piaccia e chi mi piacerebbe conoscere meglio è felicemente fidanzato, quindi per me off limit. Anzi, devo stare attenta a non illudere le persone. Quando non hai ansia di piacere agli altri a tutti i costi, finisce che piaci senza volerlo. L'unica persona a cui voglio piacere sono io, voglio competere solo con me e migliorare ogni giorno. Ho imparato che spesso ci si infatua delle persone a cui vorremmo assomigliare, delle loro qualità. Pascal scriveva nei suoi "Pensieri" che ci si innamora di qualità prese a prestito. Non voglio più debiti, non voglio dipendere, ho altre priorità. Ho imparato a pensare come un uomo, ora si tratta di mettere in pratica. Farò altri errori, ma almeno saranno nuovi. E ultima cosa: c'è tanta gente là fuori. Ma tanta. Andiamola a conoscere, senza pregiudizi. E senza "fame". Usciamo "già mangiate". :)
    Rispondi a Adri Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 6 anni fa (12 Agosto 2015 15:51)

      Grazie Adri per quello che hai scritto e per la speranza e la forza che trasmetti, grazie! un raggio di sole!
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Adri

      Adri 6 anni fa (12 Agosto 2015 19:50)

      @London son contenta! Quando stavo male cecavo come un'ossessa testimonianze di chi si era ripresa, così sono approdata qui. Non è facile, è doloroso e richiede molta volontà, però per fortuna anche la natura ci mette del suo. Col tempo tutto sbiadisce. Se penso a lui non provo nulla, ma se vedo una foto di adesso online ancora mi si chiude lo stomaco. Lo stesso accade con le canzoni che ascoltavo allora. Non ho mai pensato che il mondo finisse con lui, però. E nemmeno quando è finita (male pure quella) la storia con un ex precedente. Io ci credo davvero al fatto che esista tanta brava gente a questo mondo, pensa solo a quante ne siamo qui. Solo che non tutti ci piacciono, anche se "giusti" e non ci si sforza di andare a cercarle le occasioni per incontrare altre persone. È una cosa che fortunatamente inizio a trovare assurda. Se si tratta di comprare un paio di scarpe siamo capaci di girare mille negozi, provare e riprovare. (Dopotutto ci dobbiamo camminare, devono essere comode o almeno non una tortura.) Quando si tratta di scegliere le persone con cui stare, anche solo amicizie, ci facciamo andare bene chiunque, perché "le cose succedono per caso", "ci vuole fortuna" ecc ecc. Che ci sta pure, ma questo "caso" e questa "fortuna" (che altro non sono che interpretazioni che diamo agli eventi della vita) li vogliamo un po' aiutare o no? E non intendo dire che si debbano usare app di dating online o andare al rimorchio il sabato sera (son gusti), ma mentre si fa qualcosa per sé stessi. Biblioteca, teatro, cinema,palestra, corso di giardinaggio, corso di ceramica, corso di informatica, volontariato. Servono buone abitudini. Andiamo nei posti dove va la gente con cui vorremmo stare. Questo l'ho imparato adesso e devo tanto, tantissimo a questo blog. Sto notando che forse qualcosa inizia a smuoversi a livello culturale. Ho linkato l'articolo ieri, oggi ho trovato altre due cose interessanti nella mia home di fb. (non sono andata a cercarmeli e questo mi fa sperare bene, perché la maggior parte della gente ha le convinzioni sbagliate attaccate alla pelle. e vale anche per gli uomini. Ho amici che soffrono e che hanno sofferto per amore e ancora rimestano nella stessa melma, per dirla alla Ilaria. http://qz.com/474766/the-biggest-mistakes-people-make-when-choosing-a-life-partner/ http://www.internazionale.it/video/2015/06/19/perche-sposerete-la-persona-sbagliata
      Rispondi a Adri Commenta l’articolo

  4. Avatar di Adri

    Adri 6 anni fa (12 Agosto 2015 1:19)

    ilaria, leggendo questo ti ho pensata. http://goop.com/getting-smart-about-love/
    Rispondi a Adri Commenta l’articolo

  5. Avatar di Silvia

    Silvia 6 anni fa (12 Agosto 2015 18:02)

    Ti ringrazio, per fortuna è solo un conoscente ma non mi ha mai convinto e di questi tempi non si convince nemmeno più da solo.
    Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  6. Avatar di London

    London 6 anni fa (13 Agosto 2015 10:57)

    Ho una rabbia che se l'avessi davanti gli spaccherei la faccia! sono indignata con me stessa in primis perchè ho permesso ad uno stronzo simile di infilarsi nella mia vita con le sue falsità. Mandiamoli tutti a quel paese sti sfigati, che si atteggiano a dio in terra e si credono chissà chi, e noi, da stupide ad illuderci per qualche carineria da tre soldi...e a farci imbambolare dai loro modi falsissimi. Non bisogna considerarli nemmeno di striscio e io non vedo l'ora che si faccia risentire, perchè lo farà di certo, non per mandarlo a caxxre a parole, ma per mandarlo a quel paese con il silenzio! a vita. Lui è morto per me.
    Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Monichina

      Monichina 6 anni fa (13 Agosto 2015 20:11)

      Il mio mollusco invece non ha nemmeno letto il messaggio su whatsapp, son passati 7 giorni e non si è degnato nemmeno di leggere del perché gli avevo scritto. Così imparo per tutte le volte che mi scriveva e chiamava e io correvo come una deficiente assecondandolo di continuo. Mi ero fatta il film che il phatos che provavo lo stesse provando anche lui ,che tutte le volte che lo pensavo mi stesse pensando anche lui... Mi sta bene,bella lezione. Per quanto riguarda la tua situazione, non sentirti in colpa per esserti fidata, non essere arrabbiata con te stessa, se loro sono degli attori di merda, mica è colpa nostra! Pensa che io credevo,avevo la percezione netta che quando parlava di noi,rispetto a quando parlava di lei (della sua ex) cambiasse il tono di voce,e da quello credevo fosse sincero. Solo ora capisco che a volte le nostre percezioni ci fanno credere o vedere quello di cui abbiamo bisogno in quel momento. Dura da mandare giù quando,come nel mio caso, pensi di essere una persona fortemente intuitiva quasi da rasentare la sensitività!
      Rispondi a Monichina Commenta l’articolo

  7. Avatar di Ele

    Ele 6 anni fa (13 Agosto 2015 17:29)

    Ti auguro che rimanga a non farsi sentire come sta facendo ora ma se riapparirà sarà ignorato!
    Rispondi a Ele Commenta l’articolo

  8. Avatar di London

    London 6 anni fa (13 Agosto 2015 19:52)

    Prima ho avuto un'illuminazione... Le esperienze o quello che si deve imparare si ripetono a cicli? Per me ogni sette anni e nello stesso periodo ho avuto una delusione simile con sensazioni simili. Nel 2001, nel 2008 ed ora. Tutte ad agosto. Ogni sette anni. Forse non ho ancora imparato bene questa lezione visto che si è ripetuta. So per certo che se ne esce. Nessuno muore. La vita va avanti. Potrebbe essere collegato ad un ciclo?
    Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Monichina

      Monichina 6 anni fa (13 Agosto 2015 23:28)

      L'anno scorso un signore anziano mi disse che le persone ci vengono date per far evolvere la nostra anima e che le cose tendono a ripetersi fintanto che non le capiamo. Sono dell'idea che ognuna di esse ci insegni molto, nel bene e nel male.
      Rispondi a Monichina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 anni fa (13 Agosto 2015 23:42)

      Questo è per giustificare chi ha storie continue con uno stronzo via l'altro? ;)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Monichina

      Monichina 6 anni fa (14 Agosto 2015 0:10)

      Ilaria ti adoro hahahah :D
      Rispondi a Monichina Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (14 Agosto 2015 7:54)

      Ilaria, adoro la tua concisione e la tua ironia! :-) London: anch'io una volta avevo notato con stupore una specie di ciclicità di eventi, pero' in realtà non esistono cicli, ma solo coincidenze, che possiamo interpretare in tanti modi, perdendoci in riflessioni poco utili, oppure leggere razionalmente e capire che, quale che sia la loro periodicità, tali eventi si ripetono (mutatis mutandis) perché non abbiamo ancora capito i nostri vecchi errori, o non siamo ancora passati alla fase di azione concreta per non ricadervi ancora. E qui arrivo al commento di Monichina. Secondo me niente e nessuno ci viene "dato" per insegnarci qualcosa: non esiste un destino dispensatore di incontri, lezioni, castighi e premi, ma esistono le circostanze, molto spesso aleatorie e in altri casi provocate da nostre scelte; ed é da queste circostanze che, casomai, possiamo trarre insegnamento, se siamo arrivati a un livello di consapevolezza tale da poter usare le nostre esperienze familiari, scolastiche, lavorative, amicali ed erotico-sentimentali per essere e fare cio' che vogliamo davvero. Se ammantiamo di fatalità (non necessariamente "portafortuna", come cantava la Carrà quando ero piccina piccio' ;-) ) persone ed eventi, rischiamo di prendere abbagli o di dare troppo valore a questi eventi e a queste persone. Quando pestiamo una pupù canina per strada, mica diciamo che ce l'ha mandata il destino, ma pensiamo: "Cazzarola! Non ho fatto attenzione!" Un abbraccio a tutte e due (e anche a Ilaria) e bravissime per il nuovo atteggiamento verso questi ometti di pupù che non fanno più parte della vostra vita. :-)
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 6 anni fa (14 Agosto 2015 14:44)

      Lol Ilaria: piu' che giustificare mi sa come una "colpa": e' colpa tua che trovi stronzi, e' colpa tua che esistono. No. Gli stronzi ci sono punto e basta. Gia' ci martorizziamo abbastanza, non diamoci altre colpe... Chiediamoci perche' non ce ne siamo accorte prima, questo si, ma basta con le balle dell'evoluzione dell'anima, vibrazioni e compagnia cantante! :)
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

  9. Avatar di Ele

    Ele 6 anni fa (14 Agosto 2015 8:29)

    Balle! Siamo noi che ci scegliamo certi esseri e che continuiamo ad assecondarli anche quando sono palesemente stronzi/disinteressati/irrispettosi...etc etc...altro che cicli altro che persone mandate, oh mamma!
    Rispondi a Ele Commenta l’articolo

  10. Avatar di London

    London 6 anni fa (14 Agosto 2015 10:24)

    Ahahahahahaha grande Ilaria e grandi voi. È vero. Siamo noi che ci avviciniamo a sti sfigati. Certo per me tre stronzi con la S maiuscola, rivelatisi dopo. Prima molto presenti e carini. A dire il vero quello che mi ha corteggiata di più e meglio era questo essere, forse perché sposato, mentre gli altri no non lo erano, per me era la prima volta che mi facevo fregare così spudoratamente da un uomo per di piu sposato... Non era mai successo e ci sono sempre stata alla larga da quelli impegnati. Per fortuna non si fa sentire... Penso sia la mia fortuna...
    Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (14 Agosto 2015 10:50)

      @London: la tua fortuna é che hai aperto gli occhi e che con questo tipo non vuoi più avere a che fare. Si faccia sentire o no, non serve neppure domandarselo. Passata la rabbia, nei suoi confronti sarai totalmente distaccata... e intanto, avrai pensato a star bene per te, e continuerai su questa strada. :-)
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 6 anni fa (14 Agosto 2015 11:47)

      Mi sembra strano che non si faccia sentire, a dire il vero mi sembra strano che non lo faccia visto che si è fatto sentire molto sempre, anche quando era via. A dire il vero gliel'ho detto io però altre volte avevo provato a tagliare e non ha mai rispettato. Anche da qui poco rispettoso. Forse ha capito davvero e quindi non scrive. Mi fa strano perché si era instaurato un rapporto quotidiano di messaggi e telefonate e lui era molto presente e quindi mi sembra mi manchi qualcosa, ma penso ne guadagnero in serenità mia una volta passato il periodo. E mai più. Basta. Prime avvisaglie si cambia strada. Non si risponde. Pensavo se si fa sentire di non rispondere neanche tanto non si arriva a niente con certi soggetti o è meglio cantarle se insiste? Meglio il silenzio....
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (14 Agosto 2015 12:45)

      Magari "Emmo Bovary" si è suicidato... :-D Scherzi a parte, London, ma che te ne frega? Lui é su altri binari... per tua fortuna. Aspettare l'occasione per dirgliene quattro serve solo a farti pensare ancora a lui. Oltretutto, questa gente (uomini o donne che siano) é generalmente immune da sensi di colpa. E se pure, ipoteticamente, fra 10 giorni o 50 anni questo bel tomo venisse da te col capo cosparso di cenere a chiederti scusa e ammettesse di essersi comportato da mer*accia, che te ne fai? Pensa alla tua vita! Quando ho chiuso col mio ex, col quale avevo passato quasi otto anni di malissima e infelicissima vita, lui per un po' mi mandava mail chilometriche, che io mi limitavo solo a scorrere rapidamente per capire dove volesse andare a parare (siccome quando stavamo insieme era stato violento, mi interessava capirlo per prendere eventualmente provvedimenti). Per fortuna non c'erano minacce, ma melensaggini miste a rievocazioni del nostro "felice" passato, qualche sviolinata e vari sottili tentativi di manipolazione che pero' ormai sgamavo subito. Certi passaggi erano irritanti... ma perché sto a raccontarti questo? Perché una mia amica mi consigliava di rispondere punto per punto a 'sti papelli per affermare le mie ragioni. Le ho detto che non me ne importava nulla, e che qualsiasi comunicazione con lui che non fosse necessaria per motivi pratici (separazione ufficiale) era inutile. Scusa se mi sono dilungata, ma spero possa servire a te e ad altri per capire che la comunicazione protrae il legame... e non fa bene. A te basta sapere che ti sei tolta da piedi uno "stronzo di prima qualità". ;-) Pensa al tuo bene: solo questo conta!
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Monichina

      Monichina 6 anni fa (14 Agosto 2015 13:35)

      Molto probabilmente ha preso la palla al balzo per non essere disturbato ora che non gli "servi". Vedrai quale sarà la prima cosa che farà al rientro: chiamare come se niente fosse. Ora sta a te decidere se vuoi solo i suoi " preziosi " ritagli, oppure ignorarlo come meriterebbe. Non c'è niente di peggiore dell'indifferenza, pensaci... Scrivo a te dicendolo a me stessa. Dai forza!
      Rispondi a Monichina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 6 anni fa (14 Agosto 2015 13:42)

      Ma London quante domande...intanto lui si fa la sua vacanza e non ti calcola neanche di striscio...Perché? Non ti vuole calcolare...e tu? Non hai altro da fare che pensare a quando si farà sentire a se lo farà a se é meglio non rispondere o a se é meglio cantargliele...Vai al mare in piscina a fare shopping, dormi mangia e non pensare più a sto qua...
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 6 anni fa (14 Agosto 2015 14:47)

      London quello capita perche' spesso questi "signori" sono bravi a manipolare e a fingere, anche per mesi o anni eh. E quando si rivelano per quello che sono si rimane di stucco e ci si chiede se si sia noi che non capiamo e abbiamo commesso errori. Guarda, film vissuto purtroppo. Sei fortunata che lo hai capito a sto giro, non fasciartici il capo se puoi, davvero. Goditi questa "estate" londinese (che schifo mamma mia, in 12 anni e' decisamente la peggiore che ho vissuto) e distraiti. Ti consiglio (anche a te Ilaria) un bell'aperitivo da Italian Farmers a Finsbury Park con tanto di porchetta, vedrai come non ci pensi (e' il mio posto per le coccole, ve lo consiglio davvero)
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

  11. Avatar di London

    London 6 anni fa (14 Agosto 2015 10:26)

    Non capisco cosa stavo cercando.... E poi lo sapevo....
    Rispondi a London Commenta l’articolo

  12. Avatar di London

    London 6 anni fa (14 Agosto 2015 17:14)

    Avete ragione tutte, grazie dei consigli preziosi! Alcuni uomini sono davvero privi di sensi di colpa, incredibile. Fa parte della perversione. Fanno paura. Alla larga. E per fortuna mi sono sempre frenata con lui altrimenti ora ero tipo post tritacarne... Ho fatto bene a frenarmi. Pessimo. Comunque ognuno ha quel che si merita..... Per la legge del boomerang, gli tornerà pure indietro un po' di melma????? Perché estate londinese brutta? Brutto tempo as usual? Col caldo che è qua, un bel freschino non mi dispiace per niente....
    Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 6 anni fa (14 Agosto 2015 17:30)

      London credevo stessi qua :) si fa abbastanza pena, qualche giorno caldo e di sole (ma estate solo due giorni a 37 e 30 gradi). Oggi piove. e' grigio e sembra novembre e c'e' una bella cappa di umidita'. Si staresti come dopo una sessione tritacarne: sei fortunata che te la sei evitata, te lo dico davvero :) goditi il sole, gli aperitivi, i bagni a mare e le vacanze!
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 6 anni fa (14 Agosto 2015 19:32)

      Si sto arrivando!!!!! ;)
      Rispondi a London Commenta l’articolo

  13. Avatar di London

    London 6 anni fa (14 Agosto 2015 18:34)

    Si, lo sfigato mi ha scritto... Ciao, non ti posso scrivere. Poi ti spiegherò perché.. Appena sarà possibile... Si, è guardato a vista. Per favoreeee
    Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 anni fa (14 Agosto 2015 20:56)

      Fiuuuu!!! Meno male che si è fatto sentire... Eravamo tutte preoccupate, mica di che l'umanità avesse perso un imbecille. Aspettiamo pazienti.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alessia

      Alessia 6 anni fa (15 Agosto 2015 9:36)

      mandalo a fare due passi con la guardia London. Tanto le spiegazioni saranno solo una marea di stronzate
      Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 6 anni fa (15 Agosto 2015 11:46)

      Ma chissene London!!! Pensa ad altro!
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 6 anni fa (16 Agosto 2015 8:01)

      London a parte dirti che è un cretino ti metterei in guardia dal perfido giochetto del "poi ti chiamo". C è anche il gioco " non ho avuto un attimo di tempo ma poi ti farò sapere" e " ho cose importantissime da dirti e presto ti contattero'". Per quanto tu pensi e ripensi che sia un cretino queste frasi bibliche che annunciano il verbo, l oracolo ecc. ti mettono inconsapevolmente in uno stato di attesa e certe m.de son capaci di metterti in uno stato di attesa per mesi, anni, ere geologiche. È l ennesima forma di violenza, la più subdola e schifosa. E quando tu sbotti con un bel :" ma che c.zzzo mi devi dire????" loro fanno i costernati, perché non si aspettavano tanta maleducazione da parte tua. Quindi, per cortesia, dacci un taglio con le attese, non sei la vergine maria in attesa dell annunciazione. Se proprio vuoi mandalo a stendere alla grande, lo so che stare zitti è molto più signorile, ma io non sono più una signora da un pezzo, quando ce vo' ce vo'.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

  14. Avatar di London

    London 6 anni fa (15 Agosto 2015 14:33)

    Sono in viaggio... Penso alle cose belle e nuove che vedo...
    Rispondi a London Commenta l’articolo

  15. Avatar di Clay

    Clay 6 anni fa (15 Agosto 2015 18:49)

    ...il mio badboy a differenza di quello di london nn è sposato ma è un dongiovanniegocentricostronzo (si può scrivere stronzo vero :D) e io pendo dalle sue labbra e il bello è che lo cerco (mannaggia a me!) fisicamente ne sono completamente attratta. Riuscirò mai a metterci un punto a tutto questo mio zerbinaggio!?
    Rispondi a Clay Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (16 Agosto 2015 7:48)

      No, Clay, non ci riuscirai mai, garantito! ;-) Finché lo chiamerai "badboy", ammantandolo di uno "charme maudit", anziché chiamarlo "merd*accia", e renderti conto che é solo un povero sfigato che ne sc*opa tante perché non sa fare l'amore con nessuna, e finché ti giustificherai dicendo che "la carne é debole", di sicuro continuerai a pendere dalle sue labbra e a dipendere dalla sua m... Perdona la crudezza, ma visto che per te il tizio non é un mero oggetto sessuale, mentre per lui tu lo sei, e ne sei consapevole, o ti smuovi o non avanzerai mai verso gente migliore. Visto che sai che é uno stronzo, perché non provi a immaginare che fare sesso con lui sia come copulare con un ammasso fecale antropomorfo? Forse finalmente ti calerà la libido e inizierai a ragionare. Insomma... sveglia!!! Altrimenti, vale il proverbio giustamente citato da Ele. ;-)
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 6 anni fa (16 Agosto 2015 8:25)

      Tu sei la destinataria dell eventuale spegnimento dei bollori e le parti alte (cervello e robe simili) non dialogano con te. Stai parlando col suo pisello disconnesso dal resto mettitelo in testa. E' ora di finirla di dire"sto parlando con una persona" , la comunicazione è dalla cinta in giù. Siccome l erotismo buono prevede l uso della testa neppure da un rapporto di letto ci caverai granché. Quindi rivolgiti ad altre pudenda collegate ad altre teste. Sottolineo collegate.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

  16. Avatar di Ele

    Ele 6 anni fa (15 Agosto 2015 20:57)

    Chi è causa del suo mal pianga se stesso...
    Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di Clay

      Clay 6 anni fa (16 Agosto 2015 0:58)

      Grazie ele molto confortante! :D
      Rispondi a Clay Commenta l’articolo

    • Avatar di Ele

      Ele 6 anni fa (16 Agosto 2015 11:44)

      Se io dicessi: Sono allergica alle fragole e quando le mangio mi riempio di bolle e mi gratto in continuazione...Però beh la carne é debole ed io continuo a mangiarle...Cosa mi deve rispondere una persona? Mangiale e grattati contenta te...
      Rispondi a Ele Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 6 anni fa (16 Agosto 2015 12:54)

      Ma vogliamo parlare anche della qualità di queste fragole? Un grande amatore parla poco e combina molto. Qua si pende dalle labbra e per ogni incontro temo si debba sudare sette camicie.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

  17. Avatar di Elena

    Elena 6 anni fa (16 Agosto 2015 16:37)

    Ciao a tutti, vorrei raccontarvi l'esperienza che sto vivendo da un po' di tempo, e sapere, se vorrete darmi il vostro parere, cosa ne pensate. Conosco da un po' un ragazzo, di sei anni più grande di me. Nonostante io non lo conosca proprio bene, credo di poter dire che corrisponda alla descrizione di uomo-uomo (almeno per buona parte) che Ilaria ha dato in uno dei suoi articoli: una perosona molto impegnata nel perseguire i suoi scopi, appassionata delle cose che fa, premurosa nei confronti degli altri ed estremamente gentile e rispettoso. Non sono ancora in grado di individuare dei veri e propri difetti, sto cominciando a scoprirli in modo graduale, quel che mi interessa al momento è che il suo atteggiamento verso la vita mi spinge a migliorare sotto molti aspetti: cerco di impegnarmi molto di più nello studio, mi appassiono ogni giorno di più alla musica (entrambi suoniamo uno strumento classico), dò importanza al mio aspetto (cosa che fino a poco tempo fa non mi interessava minimamente), cerco di organizzare e prendere le mie giornate in modo più sereno e produttivo. Ci sono dei momenti in cui mi vedo persino bella, e non mi era mai successo perchè, per carattere, tendo sempre a vedere il nero in ogni cosa! Diciamo che fin'ora mi sono comportata con lui in modo sia positivo che negativo: l'ho cercato, è vero (e Ilaria mi rimprovererebbe già qui), ma di certo in modo non insistente e lasciandogli i suoi spazi; lui non mi ha mai rifiutato un'uscita, tutt'altro, ha sempre accettato con entusiasmo, una sera in cui ci siamo incontrati per caso insieme ad altri nostri amici, mi ha espressamente chiesto se mi sarebbe piaciuto andare a bere una cosa insieme a loro. Il fatto è che, se non sono io a proporre, lui non lo fa e latita parecchio (per avere una risposta ad un sms, e io destesto i messaggi proprio per questo motivo, oltre al fatto che tolgono la possibilità ad un rapporto diretto, trascorrono giorni; la risposta però arriva)! Questi, penso, siano già dei chiari segnali di disinteresse riguardo ad una possibile relazione che sia più di un'amicizia, ma a me sembra che l'entrata di questa persona nella mia vita sia un segno molto positivo. Mi ascolta, cerca di capirmi e tiene a rendermi partecipe delle sue attività, o delle sue idee, non gli dispiace ascoltare le mie. Nel limite del rispetto per se stessi, desiderei tentare ancora di avvicinarlo di più a me. Secondo voi posso provare a farlo o dovrei rassegnarmi? Scusate le troppe parole. Grazie!
    Rispondi a Elena Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 6 anni fa (19 Agosto 2015 8:06)

      Scusa ma non vedo bene lui e non vedo bene te. Lui perché annacqua il brodo all infinito tu perché hai scoperto di essere bella a seguito di questo "interesse" di lui. Cerca di sentirti bella a prescindere da chi ti ronza attorno in maniera vaga.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Elena

      Elena 6 anni fa (19 Agosto 2015 12:38)

      In effetti, che annacqui me ne sono accorta bene... Temo che sia una di quelle persone che ama spropositatamente i libri e non vede il resto. Ossia, uno da lasciare un po' perdere...
      Rispondi a Elena Commenta l’articolo

  18. Avatar di Elena

    Elena 6 anni fa (19 Agosto 2015 15:01)

    Comunque i cambiamenti descritti, e scusate se mi sono spiegata male, non sono del tutto dovuti a questa persona. C'é di mezzo anche il fatto che sto cercando di migliorare me stessa, e evidentemente avendo anche iniziato l'universitá ho avuto un beneficio dal nuovo ambiente e dalle nuove esperienze.
    Rispondi a Elena Commenta l’articolo

  19. Avatar di helen

    helen 6 anni fa (19 Agosto 2015 16:38)

    Elena io sono Helen quasi un alter ego ahaha, va bene così. Se lui ti dicesse ad un certo punto :"sei brutta", tu che faresti? Lo piglieresti in parola? Spero di no. Parere relativo e personale non credi? Il fatto è che agli uomini dire sei bella è a costo zero, sanno che noi donne spesso ci troviamo un milione di difetti ( ho letto con orrore che sono in aumento vertiginoso gli inserimento di protesi nei glutei ohibo'), e così ci fanno marinare in attesa del loro prossimo complimento. Guarda ai fatti e meno alle chiacchere e ai complimenti a costo zero.Costui fatti ne fa pochini.
    Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Elena

      Elena 6 anni fa (19 Agosto 2015 17:32)

      Sì, ho notato la coincidenza dei nomi! :) Comunque non mi stupirei se mi fossi inventata quel suo interesse, purtoppo ho questa tendenza orrenda di farmi dei palazzi in aria fin troppo monumentali. Di complimenti ancora non ne ho sentiti di specifici, dovremmo approfondire un po' di più le cose immagino. Solo che, abituata come sono a buttarmi giù, sentire qualcuno che mi rincuora un po' evidentemente mi fa un effetto benefico (anche se so perfettamente che per imparare ad amarsi gli altri servono a ben poco se prima non siamo convinti noi). Sono solo felice del fatto che io sia più sicura ancora del fatto mio anche grazie a qualche suo consiglio. P.S. E pensare che se potessi io mi farei fare una riduzione! :D Che ci vede la gente nel gonfiarsi certe parti del corpo proprio non lo so!
      Rispondi a Elena Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 6 anni fa (19 Agosto 2015 18:58)

      Perché dovresti ridurti scusa? Lo vedi che in qualcosa non ti accetti? Per carità la bellezza è un dono da preservare, ma tanto io visto delle bruttine molto amate , quindi. ..conta relativamente anche quello.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Elena

      Elena 6 anni fa (19 Agosto 2015 20:03)

      Eh, lo so. E' un percorso complicato, a volte mi sembra di fare un passo avanti e tre indietro. Ma se non altro la situazione è migliore di qualche anno fa, quando evitavo gli specchi come la morte e preferivo girare a testa bassa. Se uno impara a fregarsene un po', le cose cambiano...
      Rispondi a Elena Commenta l’articolo

  20. Avatar di Gioia

    Gioia 6 anni fa (30 Agosto 2015 14:13)

    Buongiorno Ilaria, mi trovo d'accordo su tutto quello che hai scritto in questo articolo! Assolutamente. Io praticamente ho fatto questi errori e mi sono legata ad un uomo per vent'anni mantenendo bassissimi i miei standard, ed anzi, non mi sentivo neanche all'altezza addirittura inferiore a lui.... ho proprio bisogno di aiuto
    Rispondi a Gioia Commenta l’articolo