Come fare per conquistare un uomo: stai bene attenta a non farti incantare da quello sbagliato

come fare per conquistare un uomoNon ti capita di pensare di essere un po’ troppo buona? Non pensi mai che forse sei troppo accondiscente e un po’ troppo disponibile e che alla fine ti fai un po’ “fregare” e, soprattutto, ti fai usare dagli uomini? Ci sono anche donne che sono alla ricerca quasi disperata di ricette su come fare per conquistare un uomo, credono di essere furbe e sagaci e di sapere come fare e poi rimangono “intrappolate” in storie sbagliate che rovinano loro la vita. Oppure, a proposito delle errori delle donne in amore: ci sono quelle che sono abbastanza presuntose da pensare di sapere perfettamente come fare per conquistare un uomo (si credono più furbe degli altri e pretenderebbero di sedurre il seduttore), e invece alla fine si fanno un gran male, senza aver sedotto proprio nessuno.

"L’amore non possiede, né vorrebbe essere posseduto poiché l’amore basta a all’amore. K. Gibran"

E poi ci sono le donne che amano troppo, le donne che si mettono con gli uomini sbagliati e non li lasciano oppure continuano ad avere relazioni sbagliate, anche se con uomini diversi. E ci sono donne che stanno con uomini sbagliati e con uomini che odiano le donne e credono invece di stare con degli eroi magnifici, con dei cavalieri senza macchia e senza paura.

Queste donne non solo vogliono disperatamente sapere come fare per conquistare un uomo (che non le ama e che non le amerà mai), ma vogliono a tutti costi rimanere con lui, anche se lui le svaluta, le svilisce, non è l’uomo giusto per loro.

Sono donne che non hanno ancora interiorizzato un concetto fondamentale: se vogliono essere felici in amore e nella vita è da se stesse che devono cominciare. Se vuoi approfondire l’argomento scarica la mia guida gratuita Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi.

"Lei è vicino al mio cuore come fiore di campo alla terra. R. Tagore"

Come fare per conquistare un uomo: angelo o diavolo?

L’aspetto più drammatico è che queste signore stanno con un diavolo e lo considerano un angelo. E considerandolo un angelo, pendono dalle sue labbra. E attenzione, attenzione, siccome è un diavolo vestito da angelo, costui le danneggia, fa loro del male e loro sono convinte che faccia loro del bene, e voglia loro del bene! Non mettono in discussione lui, ma mettono in discussione se stesse.

Queste signore si fanno ingannare dall’apparenza (credono di avere a che fare con un figo e invece si tratta di uno stronzo) e sono incapaci di cogliere le incongruenze della sostanza.

Sono donne che vivono in una bolla di illusione, in uno stato ipnotico ininterrotto nel quale si sono convinte – attraverso un continuo lavoro di fantasia e di immaginazione – che l’uomo con il quale stanno è il migliore possibile.

E non è così: la loro convinzione di stare con un uomo di valore nasce da una profonda svalutazione di sé, e da una spropositata e irreale sopravvalutazione dell’altro. Hanno una così bassa autostima e sono convinte così poco del proprio valore da arrivare a pensare di aver bisogno di un salvatore, di qualcuno che le tiri fuori dalla loro insicurezza, dalla loro titubanza, dalle loro incertezze esistenziali. E con un atteggiamento mentale del genere (per lo più inconscio) sono cieche a qualsiasi evidenza e incapaci di leggere tra le righe i segnali e i comportamenti pericolosi dei loro partner.

Per questo è importante imparare a camminare sulle proprie gambe e a essere emotivamente indipendenti. Di questo parlo nel mio percorso I 7 Pilastri dell’attrazione.

"Se un giorno ti capiterà di cercarmi, guarda nei tuoi occhi perché è li che mi sono persa. Alexandra"

Come fare per conquistare un uomo: usa il senso critico

Per cui come fare a conquistare un uomo per davvero, cioè un uomo giusto per te, con il quale creare una rapporto di coppia maturo, sereno, stabile? Un rapporto di coppia che di certo non aumenti la tua insicurezza, ma ti permetta di mantenere equilibrio e serenità?

"Ti donerei il mio cuore ma non sarebbe abbastanza per te! Ti amo! Martina"

Lo ripeto ancora una volta: per amare ed essere amata devi essere stabile, avere le idee chiare, essere determinata nella tua vita. Non devi vagare tra le strade dell’esistenza alla ricerca di un punto di equilibrio esterno. Non devi inseguire un sogno di amore per il quale pensi che una relazione di coppia ti salvi dalle inadeguatezze che ti attribuisci o che ti riscatti da quel che pensi che il destino non ti abbia dato.

Come spiego nel mio percorso Come sedurre un uomo senza stress, se cerchi un rapporto di dipendenza, beh, sei destinata a soffrire molto.

Qualche giorno fa ho ricevuto questo messaggio da una lettrice, che chiamerò Carmen, con un nome inventato.

“Ho letto con molto interesse il nuovo articolo che parla della sicurezza in se stesse.  Molto ben articolato, chiaro, esplicito. Devo dire che mi ha aiutato a focalizzare meglio un problema che percepivo e che forse non ero in grado di definire. Posso ora dire che il peso troppo grosso da sopportare che sento, che sento spesso è proprio quello dell’insicurezza. E’ davvero pesante gestirlo, ti blocca, ti ingabbia e ti limita. Ed è
così che io mi sento. Nonostante abbia preso davvero in mano la mia vita da quando mi sono liberata di quell’uomo sbagliatissimo di cui ero innamorata e che mi teneva in sospeso.

Adesso, probabilmente il problema dell’insicurezza mi sta creando disagi perché ho al mio fianco un meraviglioso uomo, Uomo. Un uomo intelligente. Concreto. Razionale. Talvolta cinico. Un uomo che ritengo essere più preparato di me sotto tanti aspetti. E’ così tecnico e sa sempre qualcosa  in merito ad ogni argomento. Io spesso ho invece idee sulle cose, che sono meno approfondite, più superficiali. Beh ecco, accade che io temo di non essere all’altezza. Stiamo insieme da sei mesi, e più vado avanti più mi sento di avere accanto la persona giusta e importante, più temo che io stia perdendo di spontaneità. Intendo dire con questo che, sono pesata, ponderata, attenta a ciò che dico. Ho spesso paura e questo è sciocco, è come se temessi che lui non mi trovi alla sua altezza. Naturalmente io faccio di tutto per non lasciar trasparire questo. Non gli direi mai che non mi sento all’altezza.

Come fare per conquistare un uomo: scegli bene

Ho letto i 10 punti con i passi da intraprendere per procedere verso una migliore autostima. Il punto 5 (“Coltiva il tuo giardino interiore”) in particolare è quello che mi ha incuriosito di più. Credo che i miei punti deboli siano lì. C’è stato un momento in cui il mio modo di muovermi e parlare erano spontanei e non me ne facevo un complesso. Adesso ci faccio caso, e mi sembra quasi di non essere brava ad espormi, a farmi capire. Mi sono convinta di non essere  chiara e piacevole da ascoltare. Ci sono momenti in cui anche con altre persone evito di dire la mia. Credo che questo non sia un bene e che io debba cambiare approccio. Il timore è quello che lui possa percepire  questa mia insicurezza.

I tuoi articoli sono capaci di fare prendere consapevolezza, aprono voragini di punti interrogativi. Mi piacerebbe sapere cosa pensi in merito a quanto ti ho raccontato. Se credi che sia superabile questa mia insicurezza.”

Certo che Carmen supera la sua insicurezza. Carmen ci si deve dedicare con passione e amore. Per ora ha scelto di stare con una specie di primo della classe portatile con il quale a quanto pare non parla di nulla: lo lascia parlare, dato che lui sa tutto di tutto e si pavoneggia. Lui si gode il suo presunto senso di superiorità (come se tra esseri umani ci fossero delle classifiche) facendo leva sull’insicurezza di Carmen che con lui non si sente libera di essere se stessa. Come si fa a coltivare la propria sicurezza e il proprio giardino interiore stando con uno con il quale si ha timore di esprimersi e di mettersi allo scoperto? Ma è una contraddizione di termini!

Ecco, è proprio così: per coltivare la propria sicurezza bisogna accettare di amare se stesse per come si è, senza scavarsi una fossa e mettere su un piedistallo un uomo che non merita (nessuno merita un piedistallo).

E poi bisogna scegliere qualcuno capace di amare e desideroso di farlo, nella maniera più genuina possibile. Gli sputasentenze presuntuosi pretendono di minarla la sicurezza altrui, non di rafforzarla.

Sulla pagina Facebook de La Persona Giusta per Te c’è una comunità unita e vivace: unisciti a noi, metti il tuo “mi piace” alla pagina!

Lascia un Commento!

40 Commenti

  1. Avatar di Dany

    Dany 5 anni fa (10 maggio 2014 13:27)

    Ilaria, grazie per la tua risposta così schietta. Hai tracciato bene il profilo dell' uomo-bambino che avevo accanto, una persona indecisa e profondamente egoista, che ha sempre anteposto il suo benessere e i suoi capricci a me e alla "coppia", utilizzando la manipolazione per farmi credere che le mie richieste erano esagerate e sintomo di insicurezza (come mi ha detto più volte). Un uomo-bambino che ha quarant'anni e che non vuole fare una scelta precisa nella sua vita. E' evidente che non si è innamorato di me, a parte la paura reale o infondata che ha.... Come hai scritto tu più volte, Ilaria, tutte noi dovremmo uscire da quel pensiero-trappola che, personalmente, mi ha bloccato per tanto tempo: quello di non pretendere più di tanto dall'uomo che vuole stare con noi e di accettare ciò che può offrirci, sperando che con il tempo la situazione cambi. Invece non funziona così! Chi vuole stare con noi deve guadagnarsi la possibilità di poterci essere accanto e sentirsi fortunato!! Fiore: lascia perdere questo ragazzo, continueresti a farti del male. E sarebbe meglio tagliare tutti i ponti con lui. Forse per te non è ancora arrivato il momento di farlo, ma bisogna avere il coraggio di chiudere delle storie che non porteranno a niente e ricostruire la nostra autostima. Per quanto mi riguarda, in futuro non consentirò più a nessun uomo di minarla....
    Rispondi a Dany Commenta l’articolo

  2. Avatar di solitaria1

    solitaria1 5 anni fa (10 maggio 2014 13:50)

    @Fiore: ti sconsiglierei di mantenere l'amicizia con lui, a parte tutto il resto, sarebbe solo una tortura per te.
    Rispondi a solitaria1 Commenta l’articolo

  3. Avatar di Pentesilea

    Pentesilea 5 anni fa (10 maggio 2014 14:02)

    Cara Fiore, dalle parole che scrivi si intuisce benissimo che sei una ragazza insicura. Non sei l'unica su questo blog, siamo in tante ad esserlo. Però, per piacere, smettila di preoccuparti delle sue emozioni. Hai scritto "Non rispondergli senza dare spiegazioni sarebbe più drastico". E' drastico. E allora? La verità è che hai paura di confrontarlo. Non fai altro che trattarlo come se fosse una statuetta di vetro da idolatrare e proteggere - "Mollarlo? No poverino, magari ci potrebbe rimanere male!" " Non posso lasciarlo così su due piedi, ci starebbe male e poi chissà cosa penserebbe di me! Meglio restare con lui e farmi umiliare altre 100000 volte"-. So di essere stata dura ma lo sono perchè mi rivedo nella tua delicatezza verso i sentimenti altrui ma completa mancanza di rispetto e amore per sè stessi in primis. La tua ultima domanda "C'è un modo migliore e meno traumatico per chiudere o è meglio mantenere l'amicizia visto che ci conosciamo da tanti anni?" ha ricevuto diverse risposte da diverse ragazze e da Ilaria stessa. No, Fiore, non esiste un metodo meno traumatico per lasciarlo. Lui non ha mai pensato a modi meno "traumatici" per te. Tu gli hai offerto la possibilità di una relazione e lui ha detto che non vuole essere "vincolato". Più chiaro di così. Penso che il tuo problema risieda nel fatto che quando sei con lui ti rilassi, ti senti bene, pensi solo ai bei momenti passati insieme e dimentichi o meglio archivi completamente quelli pessimi che sono di gran lunga più numerosi dei primi. La prossima volta che lo incontri focalizzati sulla realtà, su tutto il male che ti sta facendo e non su quella volta quando ti ha tenuto la mano per cinque minuti al parco, tanto per fare un esempio. Ti auguro tanto coraggio e in bocca al lupo - anzi allo stronzo!
    Rispondi a Pentesilea Commenta l’articolo

  4. Avatar di rosita

    rosita 5 anni fa (10 maggio 2014 14:33)

    @Ilaria, quando incominci a renderti conto del pirla che avevi accanto e provi rabbia dentro di te, come si fa a far sparire questa rabbia? O almeno incanalarla in qualcosa di costruttivo per se stessi...A me capita in questo momento che dopo tante batoste prese in famiglia e con lui non sia più remissiva, ma mi ribello o dico se c'è qualcosa che non va, però lo faccio in modo sbagliato...
    Rispondi a rosita Commenta l’articolo

  5. Avatar di Vittoria

    Vittoria 5 anni fa (10 maggio 2014 15:07)

    Magari mi sbaglio, non ho le competenze per dirlo, ma il fatto è che gli insicuri sono loro. Quando hanno di fronte una donna che ha un minimo di idee chiare e che li "stana", fra l’altro inconsapevolmente e senza intavolare discussioni sterili e inutili, è la fine. A quel punto intuiscono che devono tenere il passo con chi gli sta di fronte, e magari vorrebbero anche farlo, ma come si suol dire “non gli regge la pompa”, e conciliare quel che si dice di essere con quel che si riesce davvero a fare non è cosa da tutti. C’è modo e modo di fallire, anche i “vincenti” falliscono. I deboli, quando falliscono, riescono per habitus mentale a dare le colpe agli altri, a scrollarsi di dosso le responsabilità e soprattutto a scappare, mentre i forti si interrogano solo su se stessi, ne accettano il dolore, per quanto lungo esso sia, e prima o poi in qualche modo risolveranno. Prova provata: rapporto che definire discontinuo è poco con un uomo che mi ha letteralmente messo in mano la sua vita dal punto di vista emotivo. Apparizioni e sparizioni e mai una volta che lo abbia cercato io per quanto ci tenessi a lui, e spesso ho piazzato anche dei sonori vaffa senza tanti giri di parole, e, credetemi, il tutto è davvero logorante. La costante era che riappariva ogni volta che doveva "giustificarsi" di un qualche fallimento suo proprio personale (del quale io non avrei saputo nulla se non fosse venuto a dirmelo di sua spontanea iniziativa, visto che non lo contattavo neanche di striscio, ma evidentemente voleva l'assoluzione urbi et orbi). Oppure mi portava in omaggio quelle che io definisco “piccole vittorie”, ovvero qualche buona occasione (lasciamo perdere se poi si concretizzava o no…), che avrebbe dovuto compensare tante cose più importanti in cui quagliare, ma per le quali bisognava esporsi, mettersi alla prova e tirare fuori i cosidetti. Io dopo l’ennesima sparizione sono sparita a mia volta senza una spiegazione, dato che le carte in tavola le avevo messe per bene. Ho fatto bene? Non lo so. So che comunque sia andata in questa storia o i falliti siamo tutti e due o UNO solo di noi due.
    Rispondi a Vittoria Commenta l’articolo

  6. Avatar di Tina

    Tina 5 anni fa (10 maggio 2014 15:46)

    Domanda: quanta importanza dare all'emotività e all'istinto in amore? a volte queste due componenti possono portare in errore.. Quando l'istinto suggerisce una cosa ma la razionalità il contrario diventa difficile orientarsi... BUON WEEK A TUTTE!
    Rispondi a Tina Commenta l’articolo

  7. Avatar di Ana

    Ana 5 anni fa (10 maggio 2014 16:27)

    @fiore: meglio non restare amici, aumenterebbe la sofferenza se già il distacco da parte tua richiede impegno, almeno per il momento. Vedrai che un domani sarai orgogliosa delle tue scelte.
    Rispondi a Ana Commenta l’articolo

  8. Avatar di elizabeth

    elizabeth 5 anni fa (10 maggio 2014 18:13)

    Ilaria sei spiritosissima e al contempo molto saggia...Questi esserini sono molto bravi a farti credere che la vita vicino a loro sarà emozionante. A volte hanno anche un buon lavoro e quindi credi di essere tu quella poco in gamba perché un buon lavoro non riesci a costruirtelo. E poi avete notato che è la nostra chimica che ci frega? Perché i maledetti sono pure sensuali...Come mai spesso e volentieri gli uomini peggiori hanno queste caratteristiche? Ah,dimenticavo sono dotati pure di un bell'eloquio
    Rispondi a elizabeth Commenta l’articolo

  9. Avatar di Mary indicizzazione

    Mary indicizzazione 5 anni fa (10 maggio 2014 20:47)

    bell'articolo.. mi trovi d'accordissimo!! poi beh.. qui si parla a freddo.. quando si è immersi in qualcosa di profondo spesso si perde la ragione.. forse è anche per questo che succedono certe follie.. io sono stata molto fortunata!! ma insomma non si può mai sapere.. sempre avanti!! Bellissimo post!! grazie della condivisione!!
    Rispondi a Mary indicizzazione Commenta l’articolo

  10. Avatar di fiore

    fiore 5 anni fa (11 maggio 2014 13:39)

    @Ilaria e a tutte voi che mi avete sconsigliato di mantenere l'amicizia: è ver, non è il caso di mantenere i contatti perché tra noi non ci sarebbe mai vera amicizia. Probabilmente lo penso perché insensatamente e nonostante tutto ho paura di uscire dalla sua vita del tutto.. @pentasilea mi sono commossa a leggere il tuo commento, hai colto perfettamente il mio stato d'animo e le mie emozioni quando sono con lui. Grazie perché mi aiuti ad essere più consapevole di come mi sento. Purtroppo è vero che lui non ci pensa proprio a come fare per non ferirmi ed è riuscito a farmi davvero male, anch'io dovrei iniziare ad essere più egoista e realista senza aspettarmi più niente da lui. Però passo dei momenti di vera disperazione, grazie per il sostegno.. Baci a tutte! Buona domenica
    Rispondi a fiore Commenta l’articolo

  11. Avatar di Valeria

    Valeria 5 anni fa (11 maggio 2014 21:20)

    Io sono stata per anni con un uomo cosi', ma non perche' avessi bisogno di un salvatore o lo ritenessi di valore. E' stato semplicemente il primo e l'unico a mostrare interesse nei miei confronti. Nessuno prima, nessuno durante, nessuno dopo, cioe' da tre anni, da quando abbiamo finito la nostra penosa convivenza. Una a volte e' pure costretta ad accontetarsi di quanto passa il convento.
    Rispondi a Valeria Commenta l’articolo

  12. Avatar di Cris83

    Cris83 4 anni fa (4 maggio 2015 23:43)

    Articolo e commenti meravigliosi. Che ci aspettiamo da uomini che hanno paura d impegnarsi?? Pensate a quando la vita si fa un po' più: difficile ?? Scappano?? Un giorno ci sono e un giorno no?? Meritiamo storie alla nostra altezza, capaci di stimolarci mentalmente e fisicamente...non stare dietro a bambini che hanno "paura" di perdere la liberta'...;)
    Rispondi a Cris83 Commenta l’articolo

  13. Avatar di Federica

    Federica 4 anni fa (12 giugno 2015 20:48)

    Ciao ilaria voglio chiederti un consiglio.ho frequentato un ragazzo per un mesetto ,è stata una conoscenza iniziale molto tranquilla.poi alla fine del mese mi comunica di dover partire x 4 giorni per la Germania(un viaggio di piacere).i giorni precedenti la partenza dice di volermi vedere x recuperare la partenza ma tra un suo impegno e l'altro di lavoro riusciamo a vederci poco.mi viene a salutare il giorno prima della sua partenza e fin qui tutto normale.il tempo che è fuori non si fa sentire e io faccio lo stesso ,passato qualche giorno dal suo rientro ancora niente così decido di chiamarlo senza ricevere risposta...passata una settimana lo incontro x caso e mi dice di essere in difetto con me e che mi avrebbe chiamata,in quel momento mi mostro molto fredda e gli do poca corda .la chiamata non è mai arrivata.l'ho incontrato ancora successivamente e lui si comporta come prima che iniziassimo a frequentarci,è simpatico ,scherza come se niente fosse successo .io continuo a trattarlo con freddezza e distacco però mi dispiace..secondo te devo lasciar perdere o posso ancora rimediare cambiando atteggiamento??cioè mi chiedo se la mia freddezza lo blocchi a tentare una riconciliazione o semplicemente non è interessato
    Rispondi a Federica Commenta l’articolo

  14. Avatar di Silvia

    Silvia 4 anni fa (9 luglio 2014 19:23)

    @Dany e Fiore Ragazze, vi capisco perchè anche io come voi mi ero innamorata di un ragazzo che non voleva impegnarsi. Sembrava il ragazzo perfetto: sportivo (fisico da paura), ottima media all'università, benvoluto da tutti, educato e cortese...e come se non bastasse mi faceva stare veramente bene, per la prima volta un ragazzo con cui mi sentivo a mio agio! Peccato che, accecata com'ero dalla mia insicurezza (oddio un figo del genere mi considera, MI STA FACENDO UNA GRAZIA!) e dal mio bisogno, non mi sono resa conto che, in realtà, lui stava solo giocando con me, stava solo "provando". Quando dopo mesi di frequentazione, uscite insieme, sesso e tutto come fossimo una vera coppia (tutti pensavano stessimo insieme) ho accennato al fatto che non capivo esattamente cosa fossimo e cosa provasse lui per me, è saltato fuori che lui considerava questo nostro tempo insieme un 'frequentarsi' e che per come era fatto lui, lui viveva al momento, 'senza fare proiezioni a distanza'. Ora non mi va di dilungarmi nei dettagli della storia, il messaggio che voglio darvi è che magari i modi dei singoli soggetti possono essere diversi (traumi con le ex, non voler rinunciare alla propria vita, relazione a distanza, sono così per natura, etc...) ma la sostanza resta sempre la stessa: sono degli irresponsabili, eternamente confusi-indecisi e bambinoni. Su persone così non si potrà mai contare per una relazione stabile e soddisfacente, un giorno ci sono, il giorno dopo partono e non li vedi per un mese e poi ritornano come niente fosse. Ora, a distanza di più di un mese dalla fine della storia sono felice che sia andata così. Ho analizzato bene i miei errori, ho capito quali sono stati gli schemi che ho ripetuto sempre in tutte le mie relazioni anche precedenti e ora sto facendo dei passi avanti per capire chi sono io e cosa voglio dalla mia vita. Per troppo tempo mi sono fatta fregare dalla mia insicurezza e dalla mia scarsa autostima accettando situazioni che mi facevano stare male perchè non ho mai pensato di potermi meritare di meglio. Vi esorto a non fare lo stesso errore e lasciar perdere questi individui che non potranno mai darvi niente alla lunga e a prendervi veramente cura di voi stesse, dei vostri desideri e della vostra felicità.
    Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  15. Avatar di francesca

    francesca 2 anni fa (16 novembre 2016 10:23)

    Ciao a tutte , spero che Carmen sia scappata da questo tizio del racconto. Mi ha fatto venire i brividi nel leggere la sua descrizione. Io ho capito che per sapere se quell'uomo va bene per noi , bisogna per prima cosa darsi tempo per conoscerlo dal punto di vista umano e capire se "lui" ha un bel giardino interiore ,senza erbacce e mostri nascosti . Seconda cosa bisogna chiedersi :mi sento rilassata quando passo il tempo con lui ?. Ecco per questo punto io ho imparato ad ascoltare la mia pancia ,perché ha sempre ragione ,se la testa mi dice sì lo chiedo anche alla pancia che di solito ha già capito tutto. Mi ha salvato parecchie volte . Se sta bene continuo la frequentazione e se no cerco di capire cosa c'è che non va. Terzo ho imparato a chiedermi se "lui va bene per me è non il contrario . Quando frequento un uomo mi chiedo :mi rispetta in toto o mi critica (la critica è un segnale che è meglio lasciar perdere ) ,è gioioso di vivere o si lamenta della vita e vuole fare la vittima per fregarmi? (L'uomo vittima è subdolo :scappate perché vi sta tessendo una bella ragnatela e non la vedete). Il sui viso è coerente con ciò che dice ,il suo corpo è coerente con ciò che dice? Ho imparato a riconoscere i segnali di aggressività anche nelle donne e fidatevi ,gli aggressivi cercano di dominare e vi schiacceranno e se la pancia dice scappa ,scappate!. Pensate che ora nemmeno la bellezza esteriore o la prestanza fisica o il lavoro etc mi colpiscono ,nemmeno il super simpaticone che se la tira mi fa un baffo. Già dal modo di parlarmi o di chiedere di uscire capisco tante cose. Ma poi quando esco con un uomo non ho più fretta ,ho imparato a prendermi cura di me e del mio giardino interiore e sto molto attenta a non farlo calpestare. In sostanza lo dico a tutti : non abbiate fretta di accasarvi o di avere un ragazzo o ragazza . Chi se ne frega se siete single godetevi la vostra compagnia rendete la bella e se volete un uomo o una donna fatelo perché vi piace il fatto di condividere la vita una persona che sia speciale non il/la primo/anche passa . Datevi tempo per tutto . Chi vi dice è ma stare soli è brutto o è da sfigati, è più sfigato di tutti poveretto . Buona giornata a tutti/e
    Rispondi a francesca Commenta l’articolo

  16. Avatar di Nimerya

    Nimerya 1 anno fa (28 agosto 2017 18:18)

    Ciao Ilaria, Ho scoperto da poco il tuo blog e devo dire che è molto interessante. Mi sono ripromessa di leggere anche la tua guida appena ho finito gli esami (sono all'università). Ti scrivo però per chiederti un consiglio. Io sono innamorata di una persona ma non so come comportarmi. La storia è la seguente. A giugno questo ragazzo si è lasciato dopo un anno con la sua morosa perchè lei lo ha tradito. Io e lui eravamo molto amici e parlavamo e inizialmente gli sono stata vicina. Poi mi sono fatta avanti e avevamo deciso di provare a vedere come potesse andare tra di noi, con la possibilità che la situazione potesse anche evolvere. Ero felicissima. E' stato poi inoltre lui a prendere l'iniziativa e baciarmi. Ma in realtà la situazione è durata lo spazio di un mattino. Aveva molti dubbi, perchè non voleva rovinare il rapporto con me e non voleva "svegliarsi una mattina e vedere che io e lui eravamo solo amici". Finchè una sera, impulsivamente, gli ho mandato un messaggio che era come una sorta di dichiarazione d'amore e lui li è andato in panico e io non sapendo come gestire la cosa ho chiuso. Mi sono poi scusata, dicendogli che mi dispiaceva di averlo forzato ad intraprendere una relazione con me e le cose si sono sistemate più o meno. Ci sentiamo lo stesso ma come amici, ma mi tiene a distanza. Da quando abbiamo chiuso, nonostante in teoria siamo amici, non ci siamo più visti solo sentiti per messaggio e nonostante gli chiedessi di vederlo, trovava sempre una scusa per rimandare. Io credo di piacergli, ma per via di quello che è successo con la sua ex, si debba ancora riprendere e non vuole impegnarsi. Solo che, non riusciamo a distaccarci. Ho provato ad allontanarmi, ma siamo come due calamite. Abbiamo bisogno di sentirci l'un l'altro. Al momento le nostre conversazioni vertono più su argomenti neutri come serie tv e cerco di farlo ridere e non ho più insistito nel vederlo, ma in realtà io vorrei conquistarlo senza però essere troppo invasiva. Non so se puoi consigliarmi come procedere . consigli?
    Rispondi a Nimerya Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 anno fa (28 agosto 2017 18:31)

      Sparisci dal suo orizzonte, scompari, frequenta altri. Questi giovanotti che non si decidono a nulla dato che hanno l'agio di tutto, soprattutto di un'amica disposta a diventare fidanzata e chissà che altro e si gingillano nella certezza che il pallino ce l'abbiano sempre in mano loro. Pensa come cresceresti, in dignità, autostima e rispetto di te.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo