Perché è molto importante avere delle amiche fidate: 7 segreti da scoprire

amicizia femminileLo sai che molte donne diffidano delle altre donne? Lo sai che molte donne non sono interessate all’amicizia femminile, cioè all’affetto e alla solidarietà con altre donne? Strano, vero? Soprattutto se si pensa che molte donne invece si affidano e si innamorano del peggior genere di mascalzoni…

E infatti molto spesso la ricerca spasmodica dell’uomo giusto e l’alto tasso di bisognosità dal quale sono invase, allontana le donne l’una dall’altra, le rende reciprocamente ostili, se non rivali. Invece, il fatto di avere buone amiche fidate può essere di grande aiuto alla tua serenità personale, alla tua crescita, allo sviluppo del tuo carisma personale, del tuo fascino e anche della tua capacità di attrarre gli uomini.

Non solo: avere buoni rapporti di amicizia con altre donne aumenta le tue possibilità di trovare l’uomo giusto e di vivere un buon rapporto di coppia?

Non ci credi? Continua a leggere e scopri alcuni veri e propri “segreti” che possono rivoluzionare la tua vita in modo positivo.

La prima e la più semplice ragione per la quale è bene coltivare amicizie femminili è che si tratta di costruire legami e cerchie di relazioni. E ogni legame o relazione che hai può “condurti” e “collegarti” ad altri legami e ad altre relazioni. Cioè, di conoscenza in conoscenza, in qualunque momento della tua vita è possibile che la relazione con una tua amica ti metta in contatto con un’altra amica o con un altro amico e di legame e in legame, attraverso una catena invisibile tu ti trovi a conoscere un uomo che fa per te.

"L’amicizia è certamente il migliore balsamo per le piaghe di un amore deluso. Jane Austen"

In ogni caso, anche se non si arriva per forza all’uomo giusto, una catena fatta di molte relazioni è un’enorme sostegno per la tua serenità e la tua autostima.

Amicizia femminile e sostegno pratico ed emotivo

In secondo luogo, una buona amica, matura e fidata è una compagna preziosa nel viaggio della vita, cioè una persona sulla quale poter contare per avere un sostegno nelle faccende “pratiche” dell’esistenza quotidiana, come in quelle più divertenti e da “tempo libero”.

Con una amica puoi confidarti e farti consigliare su quel che, ad esempio, è la migliora ginecologa sulla piazza o il supermercato con il miglio rapporto qualità/prezzo della zona.

Con un’amica puoi andare a cena in quel nuovo ristorante che desideri provare o a vedere una mostra che ti interessa.

So bene che queste per te sono informazioni  già note e io intendo sottolinearle ugualmente perché molto spesso anche a livello pratico le donne tendono a sottovalutare i vantaggi “concreti” e di “intrattenimento” e svago – impagabili – che dervivano dal coltivare un’amicizia aperta e sincera con un’altra donna.

Gli uomini questo “trucco” per la felicità personale lo conoscono molto bene e infatti, per la maggior parte, sono ben attenti a coltivare le proprie amicizie maschili..

"In ogni vita ci sono amicizie che non possiamo tradire. Il cacciatore di aquiloni"

In realtà vi sono motivazioni ancora più valide e più profonde, rispetto a quelle elencate sopra, per le quali è importante coltivare dei legami di amicizia “seria” con altre donne.

Amicizia tra donne: un fattore fondamentale

Mi viene spesso chiesto dalle lettrici quale sia il modo per superare il senso di vuoto e il bisogno, o anche per superare l’insicurezza quando si tratta di sedurre un uomo o di iniziare una relazione con lui, oppure di come si possa “ricostruire” la propria vita dopo una separazione dolorosa, un rifiuto, una delusione.

Ebbene, uno degli strumenti più potenti è proprio la solidarietà e l’amicizia femminile.

Attenta, per favore: per amicizia femminile o per solidarietà femminile io non intendo il semplice e frivolo ritrovarsi con lo squadrone chiassoso di vecchie amiche tra le quali ce ne sono molte da “sopportare” “perché le conosco da tanto tempo” e perché il collante che tiene unite è la chiacchiera-sfogo-maldicenza sui classici temi del tipo uomini-parrucchiere-vestiti.

Molto spesso relazioni impostate solo su queste “basi” possono somigliare più a piccole scatole chiuse e anguste che a vere relazioni d’amicizia. Sono più simili a trappole soffocanti che a sorgenti di vitalità e di motivazione.

Quando parlo di autentica amicizia femminile intendo di relazioni forti e rinforzanti, di rapporti di valore con persone selezionatissime, di livello, che siano per te dei modelli di riferimento e per le quali, reciprocamente, tu costituisca un modello, un legame selezionatissimo e prezioso.

"L’unico modo per avere un amico è essere un amico. Ralph Waldo Emerson"

Dunque, perché è così importante costruire queste relazioni “importanti” con altre donne, che siano di spessore e importanti per te?

Ci sono 7 ragioni apparentemente insospettabili, alle quali di seguito dedico spazio e riflessioni

Amicizia femminile: vantaggi collaterali

1)      Il modo di vedere, di sentire e di percepire la vita e le sue esperienze è più simile tra donna e donna: avere delle amiche con le quali confrontarsi sui fatti dell’esistenza e delle relazioni sentimentali significa avere infinite opportunità di riflessione e di crescita. Le amiche più giovani possono permetterti di “rielaborare” in modo diverso quello che tu hai sperimentato in passato, quelle meno giovani possono comprendere bene quel che stai vivendo.

2)      Molte tue amiche stanno vivendo esperienze simili alle tue o possono averle già vissute: è un po’ come fare il viaggio avventuroso in compagnia, anzichè da sole.

3)      Coltivare amicizie vere e intense con altre donne ti permette di acquisire fiducia nelle donne in generale, indebolendo quella convinzione ancora così tanto radicata che porta a pensare che la vera differenza uomo donna è che l’uomo è superiore e la donna è inferiore. In questo modo avrai dei termini di paragone e di confronto e sarà molto difficile che tu ti lasci “imbrogliare” dagli uomini sbagliati. O che mantieni vivo in te il mito del “maschio” del quale è intrisa la nostra cultura. Questa è la ragione principale per cui io, trovandomi pienamente d’accordo con il pensiero di molte esperte, psicologhe e studiose di fama suggerisco, nel caso si avesse bisogno di supporto qualificato, di rivolgersi a professioniste donne, che si tratti di coach, terapeute, avvocate, medici e anche commercialiste etc etc.

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

3) bis Instaurare relazioni costruttive e profonde con altre donne ti permette di riconciliarti emotivamente con le figure femminili del tuo passato. Importantissimo!

4)      Le donne che ti sono davvero amiche ti aiutano a coltivare la tua autostima, sia perché essere amate e apprezzate da persone con i numeri e che ti amano ti dà una carica insostituibile, sia perché tu ti “rispecchi” positivamente in loro e riconosci di valere, in un confronto costruttivo e vincente per tutti.

"Il più grande privilegio, sollievo e conforto dell’amicizia è quello di non dover mai spiegare nulla. K.Mansfield"

5)      Siccome siamo in un mondo ancora costruito in base a canoni e a termini di riferimento prevalentemente maschili, il legame forte dell’amicizia femminile ti fa vedere il mondo da una prospettiva diversa, più creativa, più potenziante. Non a una sola dimensione. Una prospettiva in base alla quale, ampliando i tuoi orizzonti, ti diventa più facile trovare le soluzioni giuste per te.

6)      Le donne sono notoriamente più capaci di ascoltare, empatizzare, sostenere gli altri: questa caratteristica che, interpretata all’eccesso, porta a comportamenti distruttivi ed esasaperati quali quello della crocerossina o dell’amante inconsolabile, riversate in un legame tra “donne” possono diventare davvero l’arma segreta per una vita nella quale si può avere di tutto e di più.

7)      L’amicizia sincera con altre donne rafforza in te la femminilità positivita, quelle delle donne indipendenti, autonome, vincenti, che sanno amare e farsi amare. Questo genere di femminilità, che caratterizza il fascino autentico, è incredibilmente attraente e non subisce l’influenza del trascorere del tempo.

Vedi tu.

***

E tu che cosa ne pensi? Quali sono le situazioni nelle quali è meglio fidarsi e affidarsi e quali invece le situazioni in cui bisogna tenere le antenne ben alzate?

Che suggerimenti daresti a chi tende a fidarsi troppo? E a chi tende a fidarsi troppo poco?

***

La comunità de La Persona giusta per Te è attiva anche su Facebook.

Partecipa anche tu. 

Metti il tuo “mi piace” alla pagina.

***

Sei stufa di essere in ansia per amore e vuoi finalmente la tranquillità interiore per essere davvero interessante e realizzare una relazione felice  e serena, con l’uomo giusto per te?

Inizia subito il percorso: I 7 Pilastri dell’Attrazione

***

Ti senti sempre insicura e allora ti fai prendere dalla mania del controllo quando sei con un uomo? Vuoi finalmente liberarti dell’insicurezza e scoprire come capire un uomo per sedurlo e tenerlo legato a te?

Fai adesso il percorso: Come sedurre un uomo senza stress, né per te né per lui

***

Lascia un Commento!

139 Commenti

  1. Avatar di Sole

    Sole 4 anni fa (6 Febbraio 2016 10:41)

    Ciao Ilaria e ciao a tutte. Vi sottopongo questa questione e mi farebbe piacere avere il vostro punto di vista. Sono arrivata alla conclusione che nella mia vita - e in particolare nei periodi di singletudine - non imposto correttamente i rapporti di amicizia femminile e tendo spesso a riprodurre lo stesso schema. Vorrei capire cosa sbaglio, per cercare di rimediare e nel futuro evitare di cadere nello stesso meccanismo. Fondamentalmente, nei periodi in cui sono single mi vedo più frequentemente con una o due amiche; e all' inizio tendo ad essere eccessivamente accondiscendente, metto le mie priorità e i miei desideri in secondo piano, tendo a subire' i programmi degli altri e a ritagliarmi pochi spazi per me; poi succede che questa situazione mi inizia a star stretta, non sto bene, mi sento in una gabbia che mi sono creata da sola e quindi cerco di riprendermi gli spazi ai quali avevo rinunciato, ma accade che amica/amiche mi recriminino di farmi gli affari miei e di essere egoista..Ho capito il meccanismo, ma faccio fatica a capirne le cause e soprattutto come evitare di ricadere nello stesso schema. Grazie! Buona giornata! Sole
    2
    Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 anni fa (6 Febbraio 2016 12:28)

      Cambia amiche.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 4 anni fa (6 Febbraio 2016 18:13)

      Scusa sole, io però ho notato una cosa. Scrivi:" nei periodi in cui sono single frequento quelle amiche". Insomma anche tu ti ritagli spazi a tuo piacimento a seconda della presenza di un uomo. Il punto è che l'errore è dare un peso alternante uomo-amicizie. Dovrebbero essere coltivati assieme. Altrimenti le amiche diventano la ruota di scorta in mancanza di un uomo. Cosa che succede spesso e non tutte hanno la sensibilità di capirlo. Inoltre dare eccessivo peso alla relazione con un uomo al punto da fare troppe cose con lui è nefasto per la relazione stessa. Ci sono cose che interessano te e non lui e viceversa. Fare il full time con lui e il part time con le amiche? Tutti i rapporti richiedono dedizione, tempo e attenzione.
      1
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 4 anni fa (6 Febbraio 2016 19:01)

      Ciao Helen, condivido assolutamente il tuo discorso, forse però non mi sono spiegata bene. In realtà, ho coltivato le mie amicizie anche quando avevo una relazione (la sola che ho avuto è durata 5 anni); sicuramente avrei potuto fare meglio, però le amiche che avevo allora ce le ho tuttora e sono quelle con cui ho un rapporto più stabile. Loro sono fidanzate/ sposate. Adesso che sono single, però, ho creato nuove amicizie con altre ragazze altrettanto single ed è con loro che faccio fatica a trovare un giusto equilibrio e mi è capitato spesso che si creassero delle incomprensioni quando, come in questo periodo, mi ritaglio degli spazi per fare delle cose solo mie...
      0
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 4 anni fa (6 Febbraio 2016 20:34)

      Sole, grazie per la precisazione e non darti pensiero per gente che non puoi ancora definire come amiche. Sono solo conoscenze. E visto che tali sono, se vedi superficialità e opportunismo, taglia senza remore e senza delusioni e rimpianti.
      1
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 4 anni fa (6 Febbraio 2016 21:17)

      Grazie a tutte, buon weekend!
      0
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 4 anni fa (6 Febbraio 2016 20:36)

      Helen, ti quoto e straquoto! Anche se (dopo precisazione dell'interessata), il tuo commento non riguarda il caso di Sole, quello che dici é verissimo. Buon fine settimana!
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  2. Avatar di Giulia

    Giulia 4 anni fa (15 Aprile 2016 9:09)

    Ciao Ilaria, Mi trovo assolutamente d'accordo con tutto ciò che hai scritto. Mi chiedevo se secondo te le stesse donne che amano troppo, Che hanno una bassa autostima e che si innamorano del non amore di uno stronzo hanno anche la tendenza a dare troppo per poi ricevere nulla anche con le amiche. Secondo te c'è un filo conduttore? Perché io penso che se una persona non ama se stessa non lo fa in ogni ambito e per questo poi si ritrova privo di energie perché prosciugata non solo dallo stronzo di turno ma anche dalla amica di turno. Ti scrivo questo perché a me spesso è capitato di instaurare amicizie per me importanti, dando molto o comunque essendoci quando l'altra aveva bisogno e non ma nel mio periodo di crisi non venivo capita e aiutata (non che penso che sia qualcun altro a dover risolvere i miei problemi ma la comprensione non solo familiare a volte può aiutare). Mi rendo conto del riprodursi di uno schema /sto bene/le amicizie vanno alla stragrande Ho problemi con me stessa/mi sento di non ricevere supporto e cominciano i problemi. Ora non so se il problema è mio o se le persone che incontrano vogliono solo prendere il mio meglio.
    0
    Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 anni fa (15 Aprile 2016 11:44)

      Ciao Giulia, sicuramente c'è un filo conduttore e va anche considerato che dare troppo e amare troppo sono forme di manipolazione. E la manipolazione viene rifiutata dalle persone sane e la manipolazione è un comportamento altamente disfunzionale.
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 4 anni fa (15 Aprile 2016 17:19)

      Cara Ilaria, Ho letto la tua risposta e intendi dire che il mio dare troppo sia un modo per compiacere gli altri, per rendermi essenziale col fine di manipolare? Perché come hai detto chi vuole cambiare un uomo in realtà esercita una forma di manipolazione dato che già è difficile cambiare noi stessi che vogliamo cambiare figurarsi chi non vuole essere cambiato. Ma con le amiche? Far notare una mancanza, o sentirla è sintomo di una cattiva amicizia? e quindi come con gli uomini stronzi cambiare aria? Oppure imparare a dare meno perché si vuole riuscire ad amare davvero se stessi e lasciare che le cose vadano come vadano? Ossia Seguo il mio percorso, la mia strada, mi impegno nel perseguire i miei obiettivi e chi vuole starmi accanto bene gli altri lasciarli andare automaticamente senza intervento. La verità è che ho la paura di isolarmi e so che proprio questo è sinonimo di bassa autostima e poco amore. Sono diversi mesi che leggo i tuoi articoli, ho scaricato la tua guida e cerco di mettere in pratica ciò che insegni ma penso che il lavoro da fare su me stessa sia ancora molto e ho molto voglia di capire, e di imparare a stare al mondo a 24 anni e perché no non essere più manipolata e volerlo fare a mia volta. Grazie di tutto!
      0
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 anni fa (15 Aprile 2016 17:30)

      Perché mai bisognerebbe cambiare gli altri? Con quale diritto?
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 4 anni fa (15 Aprile 2016 19:42)

      No no non intendevo cambiare gli altri o un'amica.
      0
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

  3. Avatar di Laura

    Laura 3 anni fa (12 Dicembre 2016 10:23)

    Io non la vedo come "manipolazione", piuttosto "ricerca di affettività", forse incondizionata, nel donare agli altri! Per poi ricevere solo egoismo!
    0
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  4. Avatar di Vivy

    Vivy 3 anni fa (11 Aprile 2017 15:12)

    Ciao Ilaria... Ho letto il tuo post. Sto leggendo i 7 Pilastri. Dici che la gelosia ci rende meno attraenti, ci consigli di avere "buone" amiche.. Proprio in questi giorni la mia buona amica "flirta" con il mio compagno e lui contraccambia... Gelosa io?? Io li distruggerei entrambi!
    4
    Rispondi a Vivy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 anni fa (11 Aprile 2017 17:08)

      Distruggerli no. Lasciarli al loro destino di certo. Lei non è un'amica, lui non è un compagno degno.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vivy

      Vivy 3 anni fa (11 Aprile 2017 17:23)

      Grazie :((
      0
      Rispondi a Vivy Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 3 anni fa (12 Aprile 2017 8:28)

      VIVI è appena successo anche a me, sai cosa ho detto a entrambi? siete fatti l'uno per l'altra: vi siete trovati, ecco perche tra me e lui non poteva funzionare, alla fine ci si trova tra simili...che amarezza...ma che liberazione anche
      -3
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Vivy

      Vivy 3 anni fa (12 Aprile 2017 11:12)

      Pamela!!! Certo è una liberazione! Ma che schifo! Sto facendo una cernita anche io.
      0
      Rispondi a Vivy Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 3 anni fa (12 Aprile 2017 13:33)

      Ti capisco benissimo, credimi, è umiliante, ma se ci rifletti bene queste persone non hanno rispetto nemmeno di se stesse, ( ma dico : non c'è abbastanza scelta per tutti??? pensa che roba: non si flirta con ex , compagni ecc...delle amiche mi dispiace e non parlo da buonista ma da persona corretta cavoloooo) mentre tu puoi circondarti di bella gente autentica come te. Sarà un regalo che farai a te stessa
      -1
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

  5. Avatar di giulia

    giulia 2 anni fa (29 Maggio 2017 20:15)

    Io faccio molta fatica a fare amicizia con le donne...probabilmente sono rimasta male da tante brutte esperienze in cui mi manipolavano e trattavano male. Finchè mi vestivo male, non mi truccavo ed ero brutta tutto ok, amiche, non appena acquisivo indipendenza ed ero carina, erano tutte invidiose e me la facevano pagare. Scusate ma faccio fatica ora a fidarmi. Le donne sono più cattive degli uomini da questo punto di vista. Già ieri, non faccio in tempo ad uscire di casa che una dall'altra parte della strada (straniera tra l'altro) rideva col suo fidanzato guardandomi (secondo me per gelosia perché ero molto carina con i pantaloncini ecc, e lei stava tutta coperta e coi capelli zozzi). Salgo finalmente sul bus e mi si para davanti una tamarra mezza nuda - con un fisico niente male però - e dico io, invece di pensare a questo ed esserne contenta, a momenti mi spintona. Scusate, ma certe ragazze sono troppo complessate e si scaricano sulle altre donne peggio degli uomini!
    5
    Rispondi a giulia Commenta l’articolo

  6. Avatar di Daniela

    Daniela 7 mesi fa (29 Aprile 2019 17:39)

    Ciao, bello questo articolo. Col tempo ho selezionato le amicizie e il “gruppo” più o meno chiassoso lo vedo poco, anche perché non vivo più in paese dove sono rimaste alcune che quindi si possono vedere anche con un piccolo preavviso. Avendo anche un orario di lavoro lungo e spezzato, vado solo quando organizziamo una cena per tempo e ci sono le amiche giuste. Ho notato che col tempo sono diventata solitaria ma non perché non voglia frequentare gli amici, è che le amiche selezionate con la A maiuscola, in pratica due, una è all’estero, e quindi la vedo quando torna (due, tre volte l’anno circa) la seconda si sta trasferendo in un’altra città e la vedo sempre meno, e la vedrò sempre meno. Questa cosa un po’ mi fa pensare e mi rattrista ma certo, piuttosto che frequentare gente così per fare, preferisco starmene da sola. Hai qualche buona lettura da consigliare sul tema dell’amicizia? Grazie mille.
    -3
    Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

    • Avatar di Francesca

      Francesca 7 mesi fa (29 Aprile 2019 19:07)

      Io sto uscendo da sola! Mi sento forte e come ti guardano gli uomini quando sei da sola!
      -8
      Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 7 mesi fa (29 Aprile 2019 21:05)

      Anche io Francesca sto uscendo spesso da sola. Sia perché è importante per me avere conferma che da sola sono pienamente in grado di affrontare diverse situazioni e di goderne, sia perché dopo tanti anni di coppia e di accondiscendenza nei confronti delle necessità del mio ex, posso dire di non conoscermi ancora bene e devo sperimentare per capire cosa mi piace e cosa no. Non ci vedo nulla di male e mi sento piano piano sempre più forte ed orgogliosa di me! Una cosa che proverò da qui ai prossimi giorni sarà quella di inserirmi in un gruppo che organizza diverse uscite alla scoperta di Roma e delle sue ricchezze: andrò come sempre da sola ma punto anche a conoscere persone nuove. Cara Daniela, ti consiglierei se già non lo fai, di buttarti in qualche attività: sto facendo anche un pò di volontariato, frequento un gruppo di lettori.. ci vuole del tempo per costruire, ricominciare e nel mio caso anche ri"conoscersi" ma confido nella buona volontà. Conoscerei tanto volentieri anche voi :D! Un abbraccio e buona serata a tutti!
      0
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Francesca

      Francesca 7 mesi fa (30 Aprile 2019 8:31)

      È bellissimo uscire da sole, non devi dare conto a nessuno, scopri che ci sono tante possibilità se una le vuole afferrare e conosci un passo alla volta tante persone nuove e diverse e ti rendi conto che le belle persone esistono, che condividono i tuoi stessi ideali, basta non stare attaccate alle solite amicizie e ampliare i propri orizzonti.
      -5
      Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 7 mesi fa (30 Aprile 2019 14:38)

      Io non esco perché incontro sempre la stessa gente: ciao come va? (E mi sparerei, stavo tanto bene a guardare il cielo e il Duomo, ma vabbè). Bene, tu come va? ... lo sai che tizio... ? lo sai che caia...? che mi racconti? (Niente!!!) :) però appena posso allontanarmi, si. In giro a guardare le cose, nella folla, sentendomi invisibile. Bellissimo. Una sensazione di libertà assoluta. Non conta il passato, non conta il lavoro che fai, il vestito che porti, sei tu che ti perdi in cose, che -diciamolo- sono più interessanti dei pensieri con cui mi arrovello (sempre meno). Poi, se incontri qualcuno che conosci, ti senti Livingston che incontra un altro inglese nel bel mezzo dell’Africa, non una di quelli di Beautiful che gira che ti rigira stanno sempre a brigare fra di loro e a parlare delle brighe loro e altrui, cioè dei cugini ... si rifiata, insomma. Come la gente si senta sola quando l’alternativa al mare aperto è uno stagno, non saprei proprio :)
      -4
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

  7. Avatar di Alisia

    Alisia 8 mesi fa (1 Aprile 2019 10:55)

    Ciao Ilaria, commento in questo articolo perché non riesco a capire il comportamento della mia migliore amica e mi crea un po di disagio. Ci conosciamo da tantissimi anni, abbiamo condiviso tante cose insieme, belle e brutte. Sono due anni che lei frequenta un uomo, non me lo ha mai presentato, è una storia che va un po a rilento o meglio la solita classica storia dove lui divorziato, poverino, ha bisogno di molto tempo, comprensione e attenzioni perché è rimasto deluso dalla moglie. Ovviamente la storia è sua e quindi ha il diritto di viverla come meglio crede, e di fare ciò che vuole! Io non mi sono mai espressa su questo con lei, anche perché non mi ha mai chiesto consigli su nulla. Ed è proprio questo il problema, non dico che lei dovrebbe raccontarmi per filo e per segno quello che succede con quest'uomo, ci mancherebbe, ma ci rimango un po del fatto che non me lo abbia mai presentato, del fatto che invece di dirmi questo fine settimana non ci sono perché sono con lui, mi liquida semplicemente dicendomi non ci sono. Mi da l'impressione come se volesse nascondersi, per altre cose parliamo di tutto e lei si confida su tutto, tranne che di lui! È una mia percezione o forse c'è qualcosa che non va nella sua storia? E sopratutto io cone devo comportarmi, perché mi sento molto a disagio su questo argomento.....
    0
    Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 8 mesi fa (1 Aprile 2019 11:25)

      Ciao Alisia, capisco il tuo disagio perché siamo fatti così, ci lasciamo coinvolgere da questioni che non ci riguardano, per affetto, senso di responsabilità, bisogno di fare il meglio. In realtà fai un favore a te e alla tua amica comportandoti esattamente come adesso: tenendo fuori la faccenda della sua relazione. Perché, sì, certo, non si tratta di una relazione esente da problemi. Meglio tenersi fuori.
      -19
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Alisia

      Alisia 8 mesi fa (1 Aprile 2019 12:56)

      Ho capito, proseguo come ho fatto finora! Tante volte ho pensato di dirgli ciò che penso della storia che sta vivendo, per il suo bene, ma come ho detto lei non mi ha mai chiesto nulla in merito, per cui rispetto la sua decisione e ne sto fuori. Grazie ilaria
      -5
      Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

    • Avatar di Viviana

      Viviana 4 mesi fa (28 Luglio 2019 12:40)

      Ciao a tutte/i, mi piacerebbe avere un vostro parere. La mia migliore amica d'infanzia sta per sposarsi e in questo anno di preparativi l'ho vista pochissime volte e solo per questioni legate al matrimonio. Addirittura dopo avermi dato la partecipazione e spiegato come ci si deve regolare con il regalo mi ha riaccompagnato a casa, perché per lei, assolto questo dovere, l'uscita era finita. Ho la sensazione di essere considerata come una comparsa, alla stregua dei fiori e dei segnaposto che riempiranno le foto di nozze. Dopo il matrimonio lei si trasferirà lontano per ragioni legate al lavoro del futuro marito e tutti i suoi discorsi lasciano intendere che dopo questo matrimonio non ci vedremo più. Io sono profondamente amareggiata dal modo in cui sono stata trattata e sto seriamente pensando di disertare l'invito. Sarebbe un gesto puerile? Dovrei invece andare e fare buon viso a cattivo gioco? Io le voglio molto bene, ma da parte sua ricevo solo freddezza, i miei tentativi di vederci per fare qualcosa insieme cadono tutti nel vuoto per scuse neanche ben costruite. Si sposerà ad ottobre, ho ancora dei mesi per pensare a cosa fare. Leggerò con molto interesse i vostri consigli :)
      0
      Rispondi a Viviana Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 4 mesi fa (28 Luglio 2019 13:16)

      Ciao Viviana, hai già segni molto chiari che non c'è volontà, da parte della tua amica, di continuare ad investire nel vostro rapporto. Probabilmente la tua figura è importante in quanto fai parte del 'quadro' dell'evento. Però è molto probabile che in futuro ti troveresti nella situazione di essere l'unica a tirare il carro. Di solito i buoi sono due, proprio perché condividono il lavoro da fare. Non che l'amicizia o l'amore debbano essere intesi come 'lavoro', ma certamente come un rapporto a cui entrambe le parte contribuiscono sì!
      -5
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 4 mesi fa (28 Luglio 2019 13:22)

      Esiste qualche ragione speciale per comprare il vestito e il regalo e andare a questo matrimonio? A questo punto direi di no, a meno che lei non faccia parte di un giro di amicizie o parentele più ampio.
      -13
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 4 mesi fa (28 Luglio 2019 13:44)

      Ciao Viviana, da come la racconti, con molta probabilità io diserterei. Le amicizie vanno coltivate e bisogna costruirle con una certa costanza, altrimenti i begli inviti ad eventi e quant'altro non hanno senso, perdono valore. Certo, si può partecipare comunque anche se non si è grandi amici e non c'è coinvolgimento - come mi è successo personalmente ma si trattava di matrimoni di parenti, ai quali è più difficile sottrarsi -. Io ti consiglierei di fare quel che senti con molta tranquillità, senza pensare che il tuo sia un obbligo verso questa tua "vecchia" amica. Se hai percepito un allontanamento da parte sua, credo che dipenda anche da altri fattori concomitanti, non soltanto dalle nozze in sé. Magari lei si offenderà perché non prevede la tua assenza, ma non ti riguarda. Le persone - che si tratti di un amico, di un compagno, di un conoscente oppure di un parente - devono imparare ad assumersi le proprie responsabilità. Un abbraccio!
      -6
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 4 mesi fa (28 Luglio 2019 14:28)

      Cara Viviana, io le parlerei per un confronto. Alla fine cosa potresti perdere? Spieghi le tue sensazioni e pensieri, metti insieme risposte, gesti ecc e valuti. Un abbraccio
      8
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 4 mesi fa (28 Luglio 2019 15:26)

      Ciao Viviana, Mi spiace per questa situazione. Compromettere un amicizia perché una persona che si sta sposando e per quanto importante possa essere per quest'ultima il matrimonio è sconcertante.Io andai al matrimonio di una carissima amica nel 95 perché eravamo legati fin da bambini e si sarebbe trasferita a Roma. Per un altra amica non andai perché era simile alla tua. Valuta o per lo meno parlagli e spiegale come ti senti.
      -4
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 4 mesi fa (28 Luglio 2019 18:15)

      Molto spesso i nostri comportamenti parlano più chiaramente di tanti confronti. E quando c'è bisogno di parlare dei fondamentali di un rapporto, c'è già qualcosa di evidente che si è incrinato. Io credo che anche il non parlare e l'allontanarsi progressivamente da alcune persone che ci sono state amiche sia naturale. Fa parte di come evolviamo come persone, nonostante il distacco possa avere contraccolpi. Uno spunto di riflessione, perché in passato ho molto parlato e spiegato alla mia famiglia, agli amici e agli amori, e spesso era superfluo.
      -6
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 4 mesi fa (28 Luglio 2019 19:27)

      Sono pienamente d'accordo con te Silvia :)
      -3
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Viviana

      Viviana 4 mesi fa (28 Luglio 2019 20:35)

      Grazie di avermi dato un parere. Ho letto tutto con molta attenzione e ci rifletterò su. Anch'io credo che sia superfluo discutere dei fondamentali e dopo aver tentato più volte, invano, di fissare un incontro per trascorrere serenamente del tempo insieme non intendo cercarla, ho un briciolo di dignità dopotutto, starò ad aspettare un segnale di apertura da parte sua e se non ci dovesse essere mi regolerò di conseguenza. Lei non fa parte di nessun giro di amicizie più ampio e tutto ciò che ci lega sono i ricordi delle cose fatte insieme da adolescenti, non condividiamo più nient'altro da molto tempo.
      -2
      Rispondi a Viviana Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 4 mesi fa (28 Luglio 2019 20:51)

      Ti capisco Silvia. Si quando devi spiegare ciò che dovrebbe essere naturale già c é una forzatura. Diciamo che in passato io personalmente non ho voluto spiegare e ho pensato invece che almeno informare sarebbe stato giusto. Poi magari non cambia nulla ma ho concesso il beneficio del dubbio :D un abbraccio
      -4
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 4 mesi fa (29 Luglio 2019 7:27)

      Ciao Viviana, Ally, le vostre riflessioni mi ha fatto venire in mente che, alle volte, ho sentito e sento ancora il bisogno di rimanere vicina a persone con cui, in realtà, non condivido più la mia quotidianità. O che sanno poco di me, ma sono rimaste nell'interland della mia vita perché un tempo eravamo molto amici. Non che bisogni allontanarsi dalle vecchie conoscenze in generale, ma soppesare l'importanza e il prezioso tempo (e denaro) che dedichiamo si.
      -6
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo