Come far innamorare un uomo: realtà e favole

come far innamorare un uomoScommetto che molto spesso ti sei chiesta come far innamorare un uomo e soprattutto che ti sei chiesta che cosa fa innamorare un uomo, cioè qual è la differenza tra un uomo innamorato e un uomo che non è innamorato. O, per meglio dire, qual è il motivo profondo, il click, la scintilla che provoca in un uomo un cambiamento fondamentale: lo trasforma da un perditempo qualsiasi, che, come la stragrande maggioranza degli uomini che ci sono in giro, non ha voglia di impegnarsi, in un compagno fedele e soprattutto affidabile, che tiene a te e che vuole costruire con te una relazione solida, serena e duratura. Insomma, che cosa fa sì che un uomo si impegni con te, sul serio, senza raccontarti bugie e senza comportarsi da stronzo?

"Innamorarsi non è soltanto essere attratti da una persona.È un mutamento interiore di tutto l’essere. F. Alberoni"

Perché, diciamoci la verità, non ci sono solo uomini sbagliati a questo mondo. Ci sono anche un sacco di uomini giusti, con i quali è possibile costruire delle relazioni sane e appaganti nelle quali ciascuno dà il meglio di sé e all’interno delle quali si cresce, oltre che come partner, anche come persone, come singoli individui. E allora dov’è la risposta alla domanda “come far innamorare un uomo”?

Come far innamorare un uomo: il principio base

Pensaci un momento, quando succede che tu ti dài da fare per ottenere o per mantenere qualcosa? Ti dài da fare e ti impegni quando consideri qualcosa unico, indispensabile e insostituibile nella tua vita. Se qualcosa è per te unico, indispensabile e insostituibile, non te lo lasci sfuggire.

E questo accade anche agli uomini. Anche gli uomini si comportano nello stesso modo. Ecco che cosa ci sta sotto la famosa questione di come far innamorare un uomo.

"“Innamorarsi”, l’imprevista caduta delle barriere che esistevano fino a quel momento fra due estranei. Erich Fromm"

Un uomo si innamora di te e, soprattutto, decide di impegnarsi con te e di legarsi a te, quando ti considera unica, indispensabile e insostituibile nella sua vita. Quando, anche, la sua relazione con te è unica, indispensabile e insostituibile. Ecco la regola d’oro su come far innamorare un uomo.

Allora, se gli uomini preferiscono in genere essere liberi da legami e se decidono di impegnarsi e di legarsi a un’altra persona solo quando considerano quella persona e la relazione con lei davvero unica, indispensabile e insostituibile, non c’è, sotto sotto, il rischio che un uomo che ti considera “unica, indispensabile e insostituibile” sia di fatto un uomo bisognoso e quindi inaffidabile e propenso a usare la manipolazione su di te e sulle altre persone che gli stanno intorno?

Come fare innamorare un uomo: una distinzione

Il dubbio è legittimo: come ben sai se segui questo blog anche solo da un po’, considerare un’altra persona “unica, indispensabile e insostituibile” non è un atteggiamento mentale positivo, anzi, di solito denota un alto livello di bisognosità.

"Innamorarsi significa spostare il baricentro della propria vita e orbitare intorno a un nuovo punto di riferimento.Piero Angela"

Quindi è il caso di fare una distinzione importante sulla quale porre molta attenzione, sia che si tratti dei tuoi sentimenti, sia che si tratti dei sentimenti di altre persone. Considerare una persona “unica, indispensabile e insostituibile” non è da persone bisognose purché e fino a che questo sentimeto forte e potente si poggia su una modalità adulta e matura di affrontare la vita. O, detto con specifico riferimento agli uomini, se un uomo è pienamente maturo, cioè totalmente virile, non ha atteggiamenti bisognosi e il suo considerarti unica, indispensabile e insostituibile è il frutto di grande consapevolezza, di forte volontà, e anche di una decisione specifica, ponderata e razionale.

Un uomo veramente adulto non è per nulla bisognoso, come pure una donna adulta non è mai bisognosa, ma è interessante, affascinante, indipendente. Ricordi quell’articolo che ho recentemente dedicato a come diventare stronza per essere felice e quello dedicato al cinismo? Ecco, lì ho tratteggiato le caratteristiche della donna adulta (e fascinosa e attraente) che poi sono anche le caratteristiche dell’uomo adulto, dell’uomo-uomo, dell’uomo virile, che non è l’uomo-bambino, il bambinone.

Dì la verità: se hai avuto una storia con un bambinone per tanto tempo e magari più di una volta, scommetto che in quelle storie non ti sei mai sentita veramente donna, veramente appagata e veramente amata. Questo perché il bambinone non è un uomo-uomo, adulto e virile, ma è, appunto, come un bambino, bisognoso e frignone. Quindi non è capace di amare. E quindi non c’è risposta positiva possibile alla domanda come far innamorare un uomo che uomo non è.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Come far innamorare un uomo: 5 segnali essenziali

Solo l’uomo-uomo è in grado di innamorarsi e di amare davvero (e di farsi amare davvero). L’uomo-bambino, il bisognoso, non sono in grado di amare e di farsi amare davvero (esattamente come la donna-bambina e la bisognosa). Quindi, prima di tutto, stai alla larga dai bisognosi e dai bambini o bambinoni. Sono vampiri,  sanguisughe emotive e sentimentali. Sono persone che cercano solo sostegno rispetto alle proprie fragilità e insufficienze e che soprattutto cercano qualcuno (o più di una persona) che rendano la loro vita migliore, senza impegnarsi per crearesela da soli, la vita bella che vogliono. E senza dare nulla agli altri.

"Quel che proviamo quando siamo innamorati è forse la nostra condizione normale. L’amore mostra all’uomo quale dovrebbe essere. A.Čechov"

Quali sono le caratteristiche fondamentali che definiscono l’uomo-uomo e che ti possono aiutare a identificare un partner che sia veramente innamorato di te, di quell’amore che lo rende determinato a impegnarsi e a costruire con te una relazione degna di questo nome?

1)      Un uomo-uomo ha ben chiaro che cosa vuole dalla vita per sé e lo persegue con determinazione e senza esitazioni. Questo non significa che si comporti da stronzo o da egoista o che se ne infischi degli altri, te compresa. Se questo genere di uomo decide di stare con te e di impegnarsi con te, fa in modo che i suoi progetti di vita siano compatibili con la relazione sentimentale e colloca te (e la vostra relazione) tra le sue priorità. Un uomo-uomo crea la vita che vuole in autonomia e indipendenza, cioè senza il bisogno di ricorrere in modo bisognoso all’aiuto e al sostegno degli altri. Con gli altri convive e collabora, godendosi le relazioni appieno e dando il proprio pieno contributo alle relazioni. Un uomo-uomo non ha nessun bisogno di strumentalizzare te o qualcun altro.

2)      Un uomo-uomo non è un essere perfetto e invincibile, non è un eroe e non è nulla che assomiglia neppure lontanamente a un principe azzurro. Un uomo-uomo è pieno di difetti, debolezze e dubbi, come tutti noi. Semplicemente, è consapevole dei propri difetti, delle proprie debolezze e dei propri dubbi e come tutte le persone veramente adulte, compie il suo personale percorso di crescita e di sviluppo per attraversarli e superarli. Un uomo-uomo ha molte paure (come tutti noi) e spesso si sente insicuro, ma gestisce paura e insicurezza in proprio senza frignare appresso le gonne di una donna e senza buttargliele addosso (la paura e l’insicurezza).

3)      Un uomo-uomo si assume le responsabilità delle proprie debolezze, dei propri pensieri e delle proprie azioni. Queste responsabilità sono per lui una sfida – e spesso una sfida che lo appassiona – e lo fa crescere. Sono responsabilità che confermano quanto è virile e che lo rendono ancora più uomo. Un uomo-uomo non affronta la vita con rabbia o con disprezzo e non recrimina per quello che non ha o non è riuscito a ottenere. Non frigna. Non dice ogni due per tre che ha sofferto molto, che si sente confuso e che ha paura di vivere delle storie sentimentali intense.

4)      Un uomo-uomo non ha paura di impegnarsi in una relazione e di condividere la propria vita con una donna-donna. Un uomo-uomo non perde tempo in frigne e lamentazioni.

5)      Un uomo-uomo ha un sacro rispetto per le donne e non viene nemmeno, ma nemmeno mai lontanamente sfiorato dal dubbio che le donne non siano esseri umani uguali al 100%. Non pensa di sfruttarle, maltrattarle, insultare. Ma no, non ci pensa proprio.

"La felicità è avere il cuore innamorato. Alessandro D’Avenia"

Lo ripeto ancora una volta: se ci fai caso, le caratteristiche dell’uomo-uomo sono precise precise quelle della donna-donna. E’ un buon punto di riflessione, vero?

E secondo te, quali sono le situazioni in cui un uomo-uomo si rivela al suo pieno o un uomo-mezza-calzetta viene fuori in tutta la sua miseria?

Lascia un Commento!

131 Commenti

  1. Avatar di Patrizia

    Patrizia 4 mesi fa (17 Agosto 2019 2:13)

    Ciao mi chiamo Patrizia.Ma se una persona una donna soffre di problemi emotivi per un infanzia terribile per difficoltà di ogni genere e sta anche facendo un suo percorso per uscirne ,deve considerarsi squalificata?Non sempre uno frigna perché è bisognoso e non affronta la vita e le sue responsabilità e non ha consapevolezza di sé a volte le sofferenze e le condizioni di vita sono dure alcuni hanno avuto genitori che hanno amato veramente altri invece no anzi...sono d accordo sul dire che se si è bisognosi si rischia di vivere male e far vivere male il rapporto all altro.Ma attenzione ai toni perche sembra dire che se uno ha problemi emotivi è meglio evitarlo e che stia solo...Saluti.Patrizia
    4
    Rispondi a Patrizia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 4 mesi fa (17 Agosto 2019 13:20)

      Ciao Patrizia, Penso che il tema principale sia di non riversare sulla coppia i problemi. Ho passato 10 anni con una donna così. Sai quante volte gli dicevo: tu sei qui a piangere perché un collega ti ha risposto male e la fuori c'è gente che si diverte e dovrei farlo anche noi. Il tempo è volato a consolarla su ogni minima cosa. Hai me aveva problemi di calibro troppo grosso per fino per me che ero considerato un uomo d'acciaio.
      1
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 4 mesi fa (17 Agosto 2019 13:49)

      L’amore è roba per adulti e persone risolte. Una persona con problemi emotivi probabilmente non è in grado né di dare né di ricevere amore. Certe cose o si superano, o si resta al palo comunque, da sole o in coppia non fa nessuna differenza. Parlo di me, ad esempio.
      -3
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 4 mesi fa (17 Agosto 2019 15:41)

      Naturalmente io mi riferisco a situazioni in cui i problemi sono così grandi da interferire pesantemente nella coppia. Di base chiunque ha qualche genere problema. L'importante è che la coppia non sia uno sfogatoio o pensare al patner come stampella. Al di là di quella situazione umanamente comprensibili in cui si chiede conforto o supporto alla persona che hai scelto per la vita
      0
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

  2. Avatar di Elena

    Elena 2 mesi fa (17 Ottobre 2019 9:45)

    Cara Ilaria, innanzitutto complimenti, ti ho scoperta da poco e trovo molto illuminanti i tuoi punti di vista, non solo rivolti agli uomini ma anche in un ambito più generale. Comunque in breve la mia storia.. Ho 38 anni, un matrimonio problematico, da tempo, e da circa un anno e mezzo una relazione con un altro uomo, 15 anni più di me, più o meno nella mia situazione. È stato più forte di me, ed ho fatto e faccio tutt'ora quello che ho sempre criticato negli altri ma non ho scelta, posso dire adesso di esserne innamorata e forse di non esserlo mai stata in precedenza. Io vorrei aprirmi a lui, capire se possiamo uscire da questa brutta situazione, anche se so che per lui per motivi economici e famigliari sarebbe molto difficile, non gli ho mai esternato i miei sentimenti apertamente perché lui in primis non lo fa, ma so, e vedo che anche lui è innamorato di me, lo capisco meglio adesso che tu "mi istruisci" :) Secondo te sbaglio? Anche in caso non devo fare la prima mossa?? Grazie mille
    -2
    Rispondi a Elena Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (17 Ottobre 2019 10:08)

      Ciao Elena, grazie per le belle parole nei miei confronti. Per arrivare al punto: in sostanza temi che lui non lasci la moglie, per motivi economici e famigliari? E' così? Lo sai vero che è una storia vecchissima, chissà perché questi uomini sono capaci di grandi amori e di grandi passioni, in special modo per donne più giovani e a loro dedite, ma sempre per validissimi motivi rimangono come sono. Interessante, vero? Si sappia comunque che esistono le separazioni e i divorzi, che sono una grande invenzione, non sono particolarmente complicati al giorno d'oggi - tranne rarissime eccezioni - e neanche più tanto onerosi economicamente. Infatti moltissimi si separano e divorziano. Potresti farlo anche tu, potrebbe farlo anche lui. Il resto, per tutti, temo sia solo una montagna di scuse. Sempre le solite peraltro, magari solo raccontate in maniera un po' più romanticante.
      -6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 2 mesi fa (17 Ottobre 2019 19:03)

      Resta curioso come molte lettrici, pur di stiracchiare la loro tela su un'intelaiatura fuori misura, facciano "cherry picking" su ciò che in questo blog è scritto (in modo cristallino).
      -4
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (17 Ottobre 2019 19:57)

      Tutti i giorni, più volte al giorno. Non è particolarmente curioso, è denegare, cioè negare qualcosa in modo reciso. Tanto reciso che se va palesemente contro la mia volontà e le mie fantasie, riesco a farlo diventare il contrario di ciò che è. E' per quello che su certi commenti intervengo più e più volte con commenti a mia volta, proprio perché voglio evitare di diventare complice di denegazioni e disfunzionalità.
      -5
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo