Articolo Successivo >>

Attenzione al bambinone

Le caretteristiche del bambinoneUrca, doveva essere il lancio promozionale di una nuova serie tv a confermare una drammatica sensazione che molte donne conoscono bene: gli uomini per lo più sono degli immaturi e la sindrome del bambinone, ahimé, è molto diffusa. Lo dice un sondaggio condotto dagli americani, sulle donne americane. Che, come molte altre donne, sono convinte che gli uomini non siano persone mature e che, molto spesso, o maturano molto avanti con l’età o, addirittura, non maturano proprio per niente. Mai nella loro vita.

"Si è giovani una volta sola, ma si può essere immaturi per sempre.Philip Roth"

Ok, se tu hai la sensazione di essere circondata da uomini-bambinoni, di avere un partner che è un “bambinone” o di essere passata, nelle relazioni che hai avuto, da un bambinone a un altro bambinone, non sei la sola al mondo. Sei in numerosa compagnia. E questo, però, non significa “mal comune mezzo gaudio”.

Ma procediamo con calma.

Un importante canale televisivo americano, Nickleodeon, sta mandando in onda una nuova serie intitolata Wendell & Vinnie. Wendell è un ragazzino (per davvero) che ha dodici anni ed è molto intelligente, serio e posato. Vinnie è un uomo tra i 35 e i 40 anni che ha un’attività ben avviata e nessun problema nella vita. Fino a che non è obbligato a prendersi cura di Wendell, che è suo nipote e del quale è stato nominato tutore legale.

Lì iniziano i guai – come in tutte le serie tv che si rispettino – dato che lo zio-bambinone non è proprio in grado di comportarsi da bravo adulto.

Il bambinone e le donne

Fatto sta che per pubblicizzare Wendell & Winnie, gli addetti marketing della Nickleodeon hanno fatto un grande sondaggio e hanno chiesto alle donne americane che cosa ne pensano degli uomini che hanno accanto o con i quali hanno avuto storie passate. Il verdetto del popolo femminile americano è stato impietoso (o forse realistico, giudica tu): secondo le nostre amiche d’oltreoceano gli uomini maturano almeno con un ritardo di dieci anni rispetto alle donne, talvolta non maturano mai e molte donne lasciano o hanno intenzione di lasciare il proprio compagno dato che di fatto non è un adulto, ma un bambinone, spesso davvero insopportabile.

Due informazioni interessanti in più: la prima è che gli uomini non sembrano essere rimasti molto toccati da queste considerazioni, anzi, in molti casi si sono dichiarati – orgogliosamente – “immaturi cronici” e quindi bambinoni per sempre; la seconda è che è stata stilata una lista dei 30 comportamenti ad alto tasso di infantilismo, che le donne considerano intollerabili da parte di un uomo/bambinone.

La lista include perle come “giocare ai videogiochi”, “fare scherzi in continuazione” e  “stare zitti durante i litigi”.

Il bambinone: come riconoscerlo, come evitarlo

Inutile dire che i risultati del sondaggio hanno suscitato polemiche: molti uomini non solo sono orgogliosissimi del bambinone che è in loro, ma sostengono che, molto spesso, le donne non sono meno bambine di loro. Per esempio quando pensano troppo allo shopping o si perdono in chiacchiere fiume con le amiche.

Va bene. Teniamo presente anche l’”altra campana”, è importante. Nello stesso tempo è essenziale che, se vuoi realizzare una relazione sana e duratura, tu debba saper riconoscere quanto è bambinone l’uomo con cui stai e che ti interessa. Perché sei sempre in tempo a evitarlo e a incontrare un uomo adulto con il quale instaurare un rapporto alla pari.

Perché – sono sicura che l’hai già intuito – molto spesso la prima caratteristica che definisce un bambinone è che non ha nessuna voglia di impegnarsi davvero in una relazione seria. E, se per caso sta vivendo una relazione di coppia anche da tanto tempo, in realtà “va al traino”, ci sta come un bambino con la mamma, insomma lascia a te il peso di tutte le fatiche e di tutti i compromessi del rapporto. Vita durissima con lui. Ne vale la pena?

Le 10 caratteristiche-base del bambinone

Quali sono le altre caratteristiche del bambinone?

1)      Non si assume le “grandi respondabilità” della vita. Molto spesso è perfettamente in grado di guadagnarsi uno stipendio – magari anche un ottimo stipendio – o di avere un buon lavoro e di fare una grande carriera. Ma, per esempio, rifugge dalle responsibilità che possono venire dall’avere figli. O preferisce non averne dle tutto, di figli, o, se li ha, delega l’impegno vero dell’educazione agli altri. In compenso è un ottimo “amicone” dei propri bambini e un grande compagno di giochi.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

2)      Non sa decidersi: tra due relazioni, per il matrimonio o per una separazione. Se è un uomo sposato che ha un’amante, ama (a modo suo) entrambe le compagne e non sceglie mai tra le due. Almeno che una delle due (o entrambe) decida per lui.

3)      Non vuole grane. Molto spesso sa risolvere egregiamente problemi pratici e tecnici (gestisce le faccende con la banca e con il commercialista, sa come si parla con il meccanico e quale macchina è meglio comprare) ma tutto quello che ha un risvolto “emotivo” è davvero troppo grande per lui.

4)      Si comporta con la compagna come si comporta o si comporterebbe con la sua mamma: in un certo senso le riconosce autorità e capacità e si affida a lei.

5)      E’ un simpaticone, cerca affannosamente e molto spesso trova il lato buffo di ogni aspetto della vita: questo serve a placare le sue ansie, ma spesso aumenta quelle della compagna, fino a condurla all’esasperazione.

6)      E’ molto attratto dall’esteriorità e non riesce ad andare nel profondo delle relazioni e ad ascoltare le esigenze dell’altra persona.

7)      Preferisce non fare progetti a lungo termine. E molto spesso nemmeno a breve: fissare un appuntamento una settimana per l’altra lo fa sentire “ingabbiato”.

8)      Come tutti i bambini di questo mondo, anche il bambinone cambia umore spessissimo e apparentemente senza motivo. Cambia anche opinione molto facilmente, cambiando le carte in tavola. “Un giorno è sul melo, l’altro giorno è sul pero”, come si dice…

9)      Dice frasi infelici senza pensarci e rischia di offenderti con facilità, perché, come i bambini veri, anche il bambinone non ha schermi.

10)   L’ho già detto ma è importante ribadirlo: sa di essere un bambinone e, più che esserne orgoglioso, usa questo suo tratto caratteriale come scudo, scusa e giustificazione per non tirarsi su le maniche, non crescere e non assumersi le proprie responsabilità.

Se conosci o se stai con un bambinone ora hai qualche elemento in più di valutazione. E’ importante che prima di pensare al tuo bambinone tu pensi bene a che cosa vuoi realmente per te e come puoi ottenerlo, senza far conto su nessuno.

Che cosa ne pensi, è sconfortante o è solo la cruda realtà? Secondo te è possibile realizzare una bel rapporto di coppia con un bambinone? Quali sono le caratteristiche che tu aggiungeresti o quelle che proprio non riesci a sopportare in un uomo del genere?

Lascia un Commento!

198 Commenti

  1. Avatar di Anna

    Anna 11 mesi fa (21 Dicembre 2020 20:56)

    ciao Silvia e grazie x avermi risposto 🤗! Temo sia davvero un suo convinto modo, perpetuo, come tanti altri di essere, tra cui x nulla "tollerante" e rispettoso nel comunicare "civilmente" ogni volta ke io e altri s'esprima nei suoi riguardi un pensiero diverso dal suo, sempre sulla difensiva e all'attacco! Nonostante il dolore ke mi provoca ammetterlo credo non sia Amore ciò ke prova x me, ma un gran bene/affetto ke non è peró sufficiente x darmi ciò d cui ank'io ho bisogno. Dopo altre ore trascorse a discutere e litigare in presenza anke d mia figlia e la sua compagna, ke a loro volta sostengono ke ha sbagliato a comportarsi cosí contro d me dando nuovamente conferma anke ai suoi d quanto poco conti x lui e il mio ultimatum (in cui ho fermamente ripetuto ke sono disposta a porre fine al nostro matrimonio) con la richiesta di darmi prova del contrario confrontandosi con sorella e nipote, resta convinto d essere nella ragione in quanto secondo lui, visti i pregressi e conoscendo le sue reazioni, non avrei dovuto intervenire in quella telefonata e prendere le sue difese! Sono senza parole ed esaurito forze e volontà d comunicare nuovamente il mio disagio e malessere. Ho continuato a "sbattere" contro un muro di gomma! Leggevo proprio oggi un articolo ke tratta d'immaturita emotiva descrive in toto molteplici suoi atteggiamenti.....🙄
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 11 mesi fa (23 Dicembre 2020 15:25)

      "Sono senza parole ed esaurito forze e volontà d comunicare nuovamente il mio disagio e malessere. Ho continuato a "sbattere" contro un muro di gomma!" E infatti a leggerti il tuo appare un rapporto che ti prosciuga le energie, piuttosto che sostenerti, renderti rigogliosa e appagata. Coraggio, Anna!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  2. Avatar di Anna*

    Anna* 11 mesi fa (26 Dicembre 2020 20:15)

    Ciao Silvia e grazie nuovamente x avermi risposto 🤗! Ancora una volta, prima d'arrendermi definitivamente e rinunciare alla mia Famiglia, parcheggiando orgoglio e dignità fuori provincia, ho tentato il tutto x tutto e coinvolto i suoi familiari, raccontando loro tutte le situazioni, ultima compresa, vissute e sofferte in tutti qst anni. Sembra abbiano compreso e parlando anke con lui ho ricevuto da entrambi le reciproche assunzioni di responsabilità e scuse! Non nascondo d'avere ancora qlke timore d poter rivivere situazioni come quelle ripetute troppe volte nel tempo, e anke x questo, passate le feste vorrei poterci far dare una mano da una terapia di coppia.
    Rispondi a Anna* Commenta l’articolo

  3. Avatar di Andrea

    Andrea 1 anno fa (23 Agosto 2020 14:14)

    Leggendo l'articolo e i commenti vedo critiche indirizzate solo al genere maschile. Non un racconto che parli di amiche sorelle o figlie che narri un uguale comportamento tenuto da donne. Eppure quante donne egoiste frustrate e vittimiste conosciamo? Quante eterne 20enni a 40 anni suonati?
    Rispondi a Andrea Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 anno fa (23 Agosto 2020 15:07)

      Ciao Andrea, beh per lo più commentano donne etero. Parlaci tu delle donne egoiste e frustrate se vuoi, tanto i consigli li diamo lo stesso. Stare con un "bambinone" o con una "bambina" viziata e capricciosa è frustrante per tutti, ma c'è anche un tratto masochistico in chi insiste nel portare avanti queste relazioni. Perché ti ritrovi con un/a figlio/a grande da gestire, e magari di figli ne hai già e piccoli oppure non li hai né li vorresti. Sono relazioni che ti logorano ed esauriscono e non ti danno niente, tranne la gastrite.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 1 anno fa (23 Agosto 2020 16:19)

      Il blog era nato principalmente per le donne ma da anni intervengono anche gli uomini ed è scontato che questi articoli valgano anche per criticare le donne sbagliate. Girando nei vari forum leggerai anche esperienze di lettori. Buon proseguimento
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Nimue

      Nimue 1 anno fa (23 Agosto 2020 16:25)

      Ciao Andrea, senza dubbio! Il campionario umano è infinitamente vasto. E se esplori un po' questo spazio, che non ha nessuna pretesa di completezza o esaustività in merito, troverai anche uomini che parlano di donne o donne che parlano di altre donne. Ma perché secondo te sarebbe costruttivo fare processi ad amiche, sorelle e figlie? Lo spirito non è quello di stigmatizzare i comportamenti altrui ma di migliorare quelli propri. Se leggi con meno prevenzione e pregiudizi qui troverai più autocritiche che linciaggi. Ma, in tutto questo, a te cosa aggiunge nella vita che qualcuno ti confermi che esistono donne frustrate, egoiste e vittimiste?
      Rispondi a Nimue Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 12 mesi fa (19 Dicembre 2020 21:20)

      52anni io e 53 lui, conviventi da quasi 13anni e sposati dagli ultimi 2, ho ritrovato in qst articolo moltissime similitudini con mio marito. Ci "combatto" da sempre xké ha sempre dato più "importanza" alla sorella e al nipote, unici parenti rimasti (gelosi e possessivi) e al loro rapporto piuttosto che a me e noi, nonostante sia consapevole (non x supposizioni, ma diverse situazioni spiacevoli vissute) che non m'hanno mai "sopportata, accettata e benvoluta", perché a detta loro sarei stata quella che gliel'avrebbe "portato via". L'ultima discussione, degenerata in forte litigio sono scaturiti da una sua telefonata in vivavoce con la sorella in cui io ho preso le sue difese dicendole di dirgli la verità e non la terza bugia di seguito. Dopo anni che non trascorrevano le festivitá insieme, anche stavolta han preferito accettare inviti da estranei piuttosto che trascorrerlo con lui, al che rispostomi che il fratello non ha bisogno dell'avvocato difensore e il conseguente attacco da parte di lui, urlandomi che delle sue cose a me non deve interessare e devo pensare e farmi i c... miei! Sto mettendo la parola fine a una relazione x me molto importante e cara, in cui anche mia figlia 30enne e già sposata e i miei genitori sono molto affezionati a lui, ma che io sentendomi troppo spesso così poco considerata e importante x lui vorrei evitare di protrarre oltre... Qualcun altro ha vissuto qlcsa di simile ? Grazie e mi scuso x lo sfogo biblico 🙈...
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 11 mesi fa (21 Dicembre 2020 13:09)

      Ciao Anna, per quanto sia doloroso, tuo marito non pone la vostra relazione e te - come sua compagna - tra le sue maggiori priorità. In aggiunta, una famiglia presente (allargata ai parenti più vicini, come genitori, sorelle/fratelli e nipoti) dà sostegno, calore e magari anche sollievo nei momenti bui. Nel caso che descrivi tu, invece, queste persone sono invadenti, invischianti dei loro problemi e paturnie e non vengono messi confini chiari. Forse tuo marito non è consapevole di cosa siano e come poter mettere questi confini, perché questa è la quotidianità a cui è abituato. Ma tu vuoi continuare ad averla come tua quotidianità? Non mi pare che tuo marito abbia intenzione di cambiare rotta e, al contrario, si rivolge a te in malo modo. Non ho vissuto una situazione simile alla tua perché non sono mai stata sposata, ma ho visto mia madre prendere la tua stessa strada. E quello che salta all'occhio è che mia mamma, come te, non era felice della sua relazione. E questa è la cosa secondo me più importante e a cui dare attenzione.
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Fati

      Fati 9 mesi fa (5 Marzo 2021 9:43)

      Ciao io sono sposata da quasi 7 anni ho 26 anni e lui 38 abbiamo 2 bambine e mio marito è il classico bambinone ogni momento cambia da contento ad arrabbiato a romantico. Fa figuracce davanti tutti cherza con tutti anche con chi è la prima volta che vede anche se non è il momento di scherzare e parla senza senso non è responsabile si aspetta che io faccio tutto e lui solo deve portare soldi a casa e basta io da tempo che ho capito che qualcosa non va ho è ritardato o deve andare da uno psicologo.
      Rispondi a Fati Commenta l’articolo

  4. Avatar di Laura

    Laura 6 mesi fa (23 Maggio 2021 22:19)

    io sto da un anno e mezzo con un ragazzo di 28 anni, io ne ho 29. lavora da circa 10 anni, non ha fatto l'università, ha subito iniziato a lavorare quindi rispetto a me ha un contratto indeterminato e più stabile. io fossi stata in lui, me ne sarei andata da tempo, ma lui vive ancora con la madre (vedova). non hanno ancora superato il lutto del padre/marito che è morto 5 anni fa e delle volte è capitato che se partiva un video di lui da piccolo e comparisse il padre a momenti scoppiavano a piangere davanti a me creandomi un po' di imbarazzo e che immediatamente spegnessero la tv. aggiungiamoci che io ora vado a vivere sola perché ho trovato un lavoro stabile e lui non vuole venire con me, io l'ho accettato, Le volte in cui mi ha dato un passaggio per vedere la casa, ha sempre detto che si sarebbe portato la playstation per giocare...e che prima o poi gli sarebbe venuta la voglia di venire anche lui in quella casa...io posso campare di speranza? nel frattempo, la madre continua a inventarsi scuse tipo che non ha niente in casa da cucinare oppure che è stanca (non lavora) quando si tratta di invitarmi a casa. ieri c'è stata la ciliegia sulla torta: si è incavolato perché devo uscire con i suoi amici. badate, l'ho fatto a volte, ma ha amici che hanno 24 anni e giustamente hanno altri obiettivi a quell'età e dunque spesso gli argomenti non si trovano. lui si è arrabbiato tanto e da ieri non lo sento perchè dice che devo riflettere perchè lui fa di tutto per me, e io non voglio uscire con i suoi amici e quindi non voglio fare parte della sua vita. insomma, sto iniziando a pensare se sia il caso di lasciarlo.
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo