Uomini e donne: capire l’incapibile

Capire gli uominiQuesto articolo della serie Capire gli uomini porta la firma autorevole di Claudio Belotti. Pioniere del coaching in Italia, Claudio, negli ultimi vent’anni, ha lavorato con migliaia di persone in quattro continenti aiutandole a raggiungere risultati importanti, anche attraverso la sua società di formazione, Extraordinary. Autore di numerosi libri e audiolibri di successo, ha appena pubblicato il suo nuovo saggio, Prendi in mano la tua felicità.

"Obbligateci a essere i maschi che dovremmo essere. Claudio Belotti "

Sono onorato dell’invito della mia cara amica Ilaria a scrivere qui. Cercherò di essere all’altezza del compito nonostante sia un uomo :) .

Ti parlerò da uomo, e cercherò di farlo in modo semplice e diretto. Come a noi uomini dovrebbe riuscire bene.

A parte gli scherzi e gli stereotipi cerchiamo di fare qualcosa di utile che possa aiutarti a essere più felice e a goderti di più l’altro sesso, nei ruoli che ha nella tua vita: partner, padre, fratello, colleghi…

Partiamo da una mia convinzione, non ci capiremo mai fino in fondo. È impossibile, siamo diversi nel cervello, nella mente, nel corpo, ormoni, educazione e tutto il resto. Non abbiamo l’hardware, quindi nessun software può fare il lavoro a pieno. Possiamo però conoscerci, così da rispettarci e apprezzarci un po’ di più.

La seconda cosa di cui voglio informarti è che prenderò le parti degli uomini. È una questione di gioco di squadra e poi, diciamoci la verità, siamo molto in difficoltà ultimamente.

Siamo confusi, frastornati. Le donne finalmente stanno prendendo il posto che dovrebbero avere e noi non sappiamo cosa fare. Stiamo diventando sempre più deboli, narcisi, attenti alla nostra estetica… non a caso il testosterone nei nostri corpi sta diminuendo sempre più. L’educazione poi peggiora le cose.

Detto questo lascia che ti sveli alcuni segreti che ti possono servire a trovare la persona giusta.

La tua estetica conta ma non così tanto

L’uomo, cioè l’essere umano di sesso maschile, ha la sua sessualità legata alla vista. È genetica, siamo stati disegnati così. Non a caso siamo noi a fare il mercato del porno. Non fraintendermi, un bel viso, il seno e il sedere (e tutto il resto) ci piacciono e tanto. Ma non conosco nessun uomo, cioè quelli con gli attributi, che hanno relazioni lunghe, magari di una vita, con donne che sono solo belle. Le eccezioni, se ci pensi, sono uomini che hanno bisogno di un soprammobile, come i pirati che avevano sulla spalla il pappagallo colorato. L’eccezione a questa regola c’è, come sempre. Una l’abbiamo appena detta, l’altra è in caso di una relazione basata solo sul sesso. In quei casi l’estetica conta di più del resto. Ma non penso sia l’ideale di relazione a lungo termine, anche perché non dura.

Quindi? Quindi curati di te stessa. Soprattutto nel tempo. Evita di fare la casalinga in tuta e pantofole che si chiede perché il compagno non ci prova più. Però ricordati che la tua femminilità ci seduce (dal latino portare a sé). Cioè la leggerezza, l’allegria, la vulnerabilità, la “sicurezza insicura” di te, le contraddizioni, il bisogno di essere aiutata ad aprire i vasetti di olive… L’energia maschile è statica, monotona quasi noiosa. Ci servite voi per sentirci vivi. Ed è quello che hai dentro che conta di più. Almeno per l’uomo che vuoi nella tua vita.

Sii sicura di te ma lasciaci essere sicuri di noi

Lo so che siamo testardi. Concordo, siamo dei bambinoni. Lo sappiamo tutti, è inutile dirlo sempre. Tu devi essere forte, sicura e determinata. Però lasciaci decidere dove parcheggiare, che cravatta mettere e cosa mangiare. Noi siamo bambinoni ma vogliamo essere il tuo eroe. Se tu sei felice io mi sento uomo. Tutte le volte che mi correggi mi togli testosterone, poi se sono moscio è anche merito tuo.

Ci sono tanti uomini stronzi

Ce ne sono molti di più senza palle ma ci sono anche gli altri. Il segreto sta nel capire chi è chi. Prima di innamorarmi di quella che poi è diventata mia moglie ho fatto il birichino. Mi sono divertito, e la mia relazione più lunga è stata di meno di un anno. Però ho sempre rispettato, onorato e viziato chi era con me, magari per una sola sera. Cher dice che le donne dovrebbero cercare l’uomo giusto ma nel frattempo dovrebbero divertirsi con quelli sbagliati. Trovare quello giusto è difficile, sono rari e si nascondono. Nel frattempo ti imbatterai negli altri. Non confonderli. Sto cercando di insegnare alle mie due figlie di concedersi (quando avranno l’età per farlo) a chi se lo merita. Poi insegnerò loro che se è per una notte, che una notte sia. Se pensano che sia per la vita soffriranno. Noi uomini siamo avvantaggiati, siamo più razionali e possiamo scollegare la testa dal cuore e/o dal pene. Voi avete tutto collegato, quindi devi fare attenzione!

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

Siamo davvero tonti

Lo so questo non è un segreto. Quindi visto che lo sai benissimo invece di trattarci come dei geni che capiscono da pochi indizi, rendici la vita più facile. Se dagli indizi che ci dai non ci arriviamo non insistere, rimarrai delusa. Aiutaci, rendila più facile, spiegaci, insegnaci.

Una volta i bambini maschi crescevano da maschi. A un certo punto venivano tolti alla mamma e diventavano uomini. Non sapevano nulla delle donne ma almeno sapevano fare gli uomini. Oggi non succede quasi più.

I maschietti vengono educati dalle mamme che si lamentano del loro uomo che non è sensibile mentre dicono al figlio: “non piangere che sei un uomo!”. Si lamentano che il marito è una femminuccia che mette il contorno occhi e lo educano a lavarsi le mani dopo aver fatto pipì, ma non prima di farla (il pene è intimità e le mani sono spesso sporche).

C’è un livellamento delle polarità. La parità è stata, da troppi, confusa con l’uguaglianza. È un vero peccato. Tra le due parti direi che l’uomo è quella più in difficoltà.

Ecco perché penso che voi ci potete dare una mano. Non accontentatevi, obbligateci a essere i maschi che dovremmo essere e, ovviamente, lasciatecelo fare. Ci piace pagare il conto al ristorante, e sì vogliamo portarvi a letto. Che c’è di male? Lo vogliamo anche se paghiamo a metà quindi fateci almeno pagare.

Una cosa vale per entrambi i sessi. Abbiamo bisogno di più comprensione, rispetto e tolleranza. Se ci giudicate con la mente da donne sarà sempre un giudizio sbagliato. Ovviamente lo stesso vale anche al contrario.

Sappiamo troppo poco una dell’altro e quel poco esce da libretti simpatici o rubriche di riviste lette dal parrucchiere. Meglio leggere blog informati e libri di veri esperti. Ci conosciamo poco e, secondo me le donne hanno la pretesa di conoscere gli uomini mentre questi ultimi hanno almeno la consapevolezza di non capire.

Un’ultima cosa. Sì il sesso per noi è un chiodo fisso. È la nostra natura, non c’è nulla da fare. Per noi quella è l’intimità. Non siamo maiali, siamo uomini. Se ci capiamo magari sapremo apprezzarci ed amarci di più e meglio.

Grazie per avermi ascoltato così tanto.

Claudio Belotti

Che cosa ne pensi? Sei d’accordo con Claudio quando dice che una volta gli uomini almeno sapevano fare gli uomini e oggi questo non succede quasi più? E’ vero che tra le due parti di una coppia è l’uomo quella più in difficoltà?

Lascia un Commento!

103 Commenti

  1. Avatar di M.

    M. 6 anni fa (29 Settembre 2015 15:35)

    Ciao a tutti. Frequento un ragazzo da molto poco. Ci sentiamo da inizio settembre, ogni santo giorno. Tre settimane fa ci siamo visti per il primo appuntamento, é andato alla grande. La scorsa settimana ci siamo visti due volte, nulla da dire, tutti e due ci siamo trovati benissimo. Ci siamo divertiti moltissimo, abbiamo molte cose in comune. Ci siamo baciati. L altro giorno parlando gli chiedo se vuole uscire di nuovo nel suo giorno libero dal lavoro, lui mi risponde dicendo che non ha più quel giorno libero e che non lo avrà per le prossime 2 settimane perchè va in ferie il ragazzo che lo sostituisce. Fin qui tutto bene, fino a quando mi dice "poi sarei impegnato ugualmente perchè devo vedermi con una ragazza". Io rispondo scherzosamente "bene salutamela" credendo che scherzasse, e invece lui mi risponde con: "se vuoi e sai un po' d inglese puoi farlo da sola" (la sua ex ragazza è americana).... ovviamente da quel momento io non ho più risposto, credendo che dicendomi queste cose non mi volesse più vedere. Invece la sera stessa mi arriva un suo messaggio con scritto che cosa avrei fatto la sera e nonostante io non abbia risposto, il giorno dopo mi invia il buongiorno come se non avesse detto niente. Oggi non mi ha scritto. Ovviamente io continuo a non rispondere e a non scrivergli perchè mi sono sentita umiliata dal suo comportamento. Vorrei pareri, perchè sinceramente non ci capisco niente. Perché mi dice certe cose e poi mi continua a cercare? Certo, so che non era ancora una cosa seria e che sicuramente avrebbe visto altre persone, come me, ma se voleva vedere altre ragazze poteva farlo senza dirmi niente cioè sarebbe stato più furbo, è una cosa che avrebbero fatto molti altri ragazzi, perchè umiliarmi e sperare che io continui ad esserci? Forse voleva farmi ingelosire? O voleva solo mettere le mani avanti e farmi capire che non sarebbe mai stata una cosa seria? Non capisco. La tentazione di rispondergli è tanta ma resisto perchè ho una dignità che di certo non la faccio calpestare a nessun ragazzo.
    Rispondi a M. Commenta l’articolo

  2. Avatar di Rosy

    Rosy 5 anni fa (17 Settembre 2016 9:07)

    Ilaria ho bisogno, avrei bisogno di porti una domanda diretta. Come fare? Rosy
    Rispondi a Rosy Commenta l’articolo

  3. Avatar di isabella

    isabella 5 anni fa (5 Maggio 2016 19:05)

    Ciao Mi chiamo Isabella e ho 26anni.a dicembre ho conosciuto un ragazzo di 34anni a capodanno abbiamo deciso di festeggiare insieme e tutte due un Po ubriachi siamo finiti a fare sesso. Da lì iniziamo a vederci 2volte a settimana tutto bello fino a quando a febbraio succede un inghippo una sera abbiamo fatto sesso ma prendendo l antibiotico non ha fatto effetto e ci sono rimasta in pieno il 30marzo vado abortire...(brutta esperienza quanto mai l ho fatto) e niente sembrava che la situazione stesse andando tutto bene fino a qualche settimana fa m invia un messaggio dicendo di andare piano perché stavo correndo troppo... il giorno dopo mi scrive freddamente mi dispiace che tu ti sei presa ma io non ricambio ... e da lì tutto freddo fin ad oggi.... mi scrive dicendo che non ha tempo per se stesso e non se la sente di avere una relazione e che sono un amica... io mi domando in 4mesi ci siamo visti 2volte a settimana i primi due mesi correva anche lui non solo io... é un ragazzo non tanto realizzato lavorativamente non ha un lavoro stabile non sa quando non lavora ho quando lavora... a un sacco di problemi personali da risolvere... ma io mi domando in 4mesi 2 volte a settimana che mi facevo il culo li davo attenzioni qualche regalino festa di compleanno a sorpresa per non disturbare i genitori suoi andavo in albergo ha dormire.... come cavolo si fa ha dire a una ragazza non provo gli stessi sentimenti tuoi (mi sono affezzionata) Ti vedo come un amica e poi non in faccia dietro a un telefono e diciamo (e sempre stato un ragazzo che parla poco le cose bisognava tirarle fuori con le pinse) cosa devo fare? Grazie del consiglio
    Rispondi a isabella Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 5 anni fa (5 Maggio 2016 20:32)

      Dimentica questo lurido pirla e con il prossimo (non pirla né lurido, spero) usa il preservativo. Mi dispiace molto che tu abbia dovuto abortire, ma da una storia iniziata facendo sesso ubriachi non é che ci si possa aspettare granché...
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 5 anni fa (18 Settembre 2016 10:14)

      Un vigliacco purtroppo. La verità é che tutte le azioni hanno un peso, fare sesso ha un peso, ha delle conseguenze anche emotive, che gli uomini negano e che noi stiamo permettendo di negare perfino a noi stesse..non va bene....
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 5 anni fa (18 Settembre 2016 13:55)

      In primis non va mai bene negare le proprie emozioni, mai..ci si preclude di vivere la vita, di provare a superare il vuoto social dilagante...e non va mai bene nemmeno generalizzare sugli uomini che negano le emozioni, perché di uomini che hanno un ideale dell' Amore serio, che pone il rispetto, la comprensione e la cura della propria Donna, ce ne sono, eccome...se una persona (di entrambi i sessi,eh) nega delle emozioni, o semplicemente non è innamorato, o -forse peggio- ha dei problemi dovuti a paure ed orgoglio ferito nel passato (quelle che poi purtroppo fanno dire che sono tutti vigliacchi, stron*i o tro*e, che è meglio starsene da soli), non si può andare contro i mulini a vento come don Chisciotte, se l' altra persona non ti pone sullo stesso piano...ma l' Amore, come unione fisica, è un passaggio fondamentale, e dovrebbe essere anche naturale e voluto da entrambi i partner, nel darsi e nel ricevere l'Altro.
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  4. Avatar di Francesca

    Francesca 5 anni fa (29 Marzo 2016 19:55)

    Se gli uomini sono la poca cosa descritta nell'articolo, non vale la pena spenderci energie. Spero che qualcuno possa smentire nella vita reale.
    Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 5 anni fa (18 Settembre 2016 10:10)

      Esatto Francesca...quello che ho pensato anche io...che quadro triste e misero...se hai ancora voglia di lottare per trovare l' uomo giusto questo articolo te la fa passare
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 5 anni fa (18 Settembre 2016 14:26)

      Massì, se passa la voglia, la colpa è tutta di questo piccolo articolo che deve obbligatoriamente generalizzare (anche con un filo di ironia, per altro), fatto da uno dei tanti life coach maschi presenti sulla scena italica...lottare, lottare, lottare, perché la vita non ti ha dato, perché va di moda dire che si lotta (salvo poi, al netto dei proclami, non agire mai veramente), ma non serve a niente, la persona giusta arriva sempre dalla magia di un incontro non voluto quando noi per primi siamo pronti ad accoglierlo.
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  5. Avatar di Maura

    Maura 4 anni fa (17 Maggio 2017 14:23)

    Mia nonna e mia zia, stiamo parlando di persone nate a inizio '900, sono state due mogli appagate e felici. Adorate dai loro mariti, dai figli e dai nipoti, mai tradite, rispettate, con oltre sessantanni di matrimonio. I loro segreti, che hanno provato a trasmettere a noi nipoti, invano, erano due: sapere che gli uomini, dice Malgioglio "son tanto fragili, maneggiali con cura, fatti di briciole che l'orgoglio tiene su". Anche i migliori. Tocca alla donna di essere forte, ma mai renderlo palese. Loro lo sanno, ma amano pensare che non lo sappia tu. Che tu pensi che siano loro il sostegno. Mia nonna chiamava il marito "il padrone". Diceva: "il padrone è uscito, il padrone dorme". Nessuno pensava minimamente che il padrone fosse lui. Neppure mio nonno. La seconda regola: se sbagliano, lasciali sbagliare in silenzio da parte tua. Poi tanto faranno quello che vuoi tu. Ma mai dire "te l'avevo detto". Mio nonno voleva costruire un muro così, mia nonna cosà. Mio nonno lo faceva così. lei zitta. Dopo una settimana, lui lo buttava giù e lo faceva cosà. Lei zitta. Quello che rende felice un matrimonio è una donna intelligente, diceva mio nonno. Io ho sposato la più intelligente di tutte. Questo articolo dice la stessa cosa. Chi avrà ragione? Io o mia nonna? lei ha avuto ciò che voleva.
    Rispondi a Maura Commenta l’articolo

  6. Avatar di London

    London 4 anni fa (10 Ottobre 2017 12:31)

    Ho appena parlato con un misogino per eccellenza. Da cosa l'ho capito? Farneticava mentre mi lasciava dei documenti (a lavorare), sembrava uno spostato, poi fa: tanto io ormai faccio quello che mi pare. E io: fai bene, se puoi! e lui: posso!! mah...tanto ormai,. due matrimoni, due divorzi, un figlio con una e uno con l'altra. A quel punto faccio: Ah, ok, meglio fermarsi qui e lui: anche perché con l’ultima tre gravidanze andate a male perché non stava bene quindi tre aborti, ad un certo punto le ho detto che poteva anche andare che questo non era un b&b!! La mia espressione deve avere detto molto e lui : cioè non è per quello che l’ho mandata via, anche per altro.. Senza parole! Certi uomini non so come facciano a trovare delle donne.....
    Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 anni fa (10 Ottobre 2017 14:05)

      Psicopatico, altro che misogino. Spero che non sia un tuo collega. A proposito, nel lavoro ora come va? Meglio?
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 anni fa (10 Ottobre 2017 15:19)

      Psicopatico sicuro!! :D mi è sembrato un tantino anche misogino. No, grazie a Dio comunque non è un collega! :D Che memoria Anna! Alti e bassi, la situazione è sempre quella e, a proposito di adattamento, a volte mi sembra di andare un po' oltre ...grazie Anna!
      Rispondi a London Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 4 anni fa (10 Ottobre 2017 16:14)

      Eh purtroppo i fidanzati si possono lasciare, i colleghi spesso no ... :(
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di London

      London 4 anni fa (10 Ottobre 2017 16:55)

      Vero, fino a che non ne hai le scatole piene... :D
      Rispondi a London Commenta l’articolo

  7. Avatar di Silvia

    Silvia 3 anni fa (8 Ottobre 2018 21:48)

    Ciao Claudio, grazie. Sono piuttosto d'accordo con quanto hai scritto e, soprattutto, apprezzo chi si pone in modo autentico nei confronti del prossimo. Uomo o donna che sia. Credo poi anche molto nel dialogo fra sessi. Curiosa questa nostra umanità...passano le ere, ma niente..siamo ancora qui a farci domande gli uni sulle altre e viceversa...E io credo che sia un "diabolico piano divino" per costringerci ad evolvere con le nostre forze. Lentamente. Per diventare veri uomini e vere donne e, solo così, incontrarci davvero. Buona vita. Silvia
    Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  8. Avatar di Giulia

    Giulia 3 anni fa (27 Ottobre 2018 23:19)

    Che squallore di articolo...
    Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

  9. Avatar di Margot

    Margot 2 anni fa (25 Febbraio 2019 22:06)

    Ciao Ilaria, ti scrivo per parlarti di una cosa che mi sta a cuore. Sto girovagando nel tuo blog e rimango molto colpita dalle storie degli altri utenti oltre a rispecchiarmi con loro. Sono anni che trovo uomini sbagliati e ho iniziato un percorso di psicoterapia. L’articolo qui descritto mi fa venire in mente l’ultimo mio ex che mi ha fatto molto male e ti dirò anche che, ho sentito tante storie in cui uomini si sposavano ma guardavano le altre dicendo di non aver mai tradito la moglie (ma non ci credo), poi una volta divorziati, si mettono assieme alla tipa che gli era sempre piaciuta già da quando erano sposati. A me queste cose fanno venire la tristezza. Mi viene la tristezza a pensare a questi uomini senza p... ho sempre creduto nel matrimonio ma più vado avanti e più vedo lo schifo totale. Purtroppo mi fa ribrezzo vedere quanti manipolatori e persone poco rispettose ci sono. Sai come si giustificano questi uomini sul perché non andava il loro matrimonio? “Mia moglie non si metteva mai in tiro, non leggeva e non avevo uno scambio di dialogo, non mi cercava sessualmente ed io avevo la dipendenza da videogiochi per questo.” Dopodiché finisce che si lamentano se ora la loro ex si mette in tiro con il suo nuovo compagno, esce e si diverte vantandosi anche che (a detta loro) queste ex mettono le foto con i loro compagni per farli ingelosire. Più vado avanti e più provo tristezza.
    Rispondi a Margot Commenta l’articolo

  10. Avatar di Giulia

    Giulia 7 mesi fa (5 Gennaio 2021 18:54)

    Ciao Ilaria, dopo un anno di solitudine (volontaria e non) ho conosciuto un ragazzo con cui frequento lo stesso corso di laurea. La prima volta che ci siamo visti, dove non so perché ma la mia voglia di approfondire la conoscenza si è attivata, è stato a inizio ottobre all’università; poi per causa del COVID le lezioni in presenza sono state sospese e non ci siamo più visti. Un giorno, qualche tempo dopo, lui mi comincia a seguire su Instagram e io ricambio il suo segui. A inizio dicembre lui pubblica una storia dove chiedeva consigli su alcuni libri e io, facendomi coraggio, gli rispondo. Da lì abbiamo iniziato a parlare di tutto: libri, salute, futuro professionale etc. Finché 2/3 giorni dopo mi chiede il numero e di andare a prendere un caffè, io ho accettato volentieri la sua proposta e due giorni dopo abbiamo avuto il nostro primo appuntamento. All’inizio abbiamo parlato, riso e scherzato tantissimo, infatti dentro di me si era creata l’idea che tra di noi ci potesse essere solo un’amicizia, poi andando avanti con l’uscita ci siamo iniziati ad avvicinare fisicamente, abbiamo iniziato a scherzare in modo più intimo, fino ad arrivare a darci un bacio molto delicato come fine dell’appuntamento. Lui molto premuroso, mi ha chiesto di scrivergli quando fossi arrivata a casa e anche io ho fatto la stessa cosa. Abbiamo continuato a parlare tutti i giorni fino a che poi io ho chiesto di rivederci per una seconda volta. Lui ha accettato molto volentieri e mi ha invitata a casa sua perché gli avrebbe fatto piacere cucinare per me il suo piatto forte. Inizialmente, a causa di storie passate finite male basate solo sul sesso, avevo paura di andare da lui poi però mi sono fatta coraggio e sono andata. Siamo stati benissimo e non abbiamo fatto sesso perché, quando abbiamo iniziato a fare petting, lui si è accorto che io fossi diventata rigida e nervosa e mi ha chiesto cosa c’era che non andava. Inizialmente io ho svagato dicendo che non era nulla ma lui ha insisto per sapere e così gli ho esternato le mie “ansie”, ovvero dopo che gli uomini ottengono ciò che vogliono spariscono. Lui mi ha detto che non aveva un obiettivo ben preciso ma che si stava vivendo la cosa così come veniva e che prima di decidere qualcosa voleva conoscermi, senza dire storia seria o solo divertimento. Anche io la pensavo esattamente come lui. Dopo quella giornata insieme abbiamo continuato a sentirci come sempre tutti i giorni e lui, dopo due giorni, mi ha chiesto di vederci una terza volta prima del dpcm di Natale. Ci siamo visti e siamo andati al giardino degli aranci. Questa uscita la reputo la più bella perchè siamo rimasti per due ore di fila seduti su una panchina, io con le gambe su di lui e lui che avvolgeva il mio corpo, a parlare di tutto e ogni tanto ci davamo qualche bacio. Lui ha iniziato a parlarmi della sua ultima relazione, la quale è stata inferno e paradiso allo stesso tempo, e mi ha detto che è per questo che se una ragazza gli chiede immediatamente una storia seria va nel panico. Poi mi ha chiesto della mia ultima relazione e gli ho raccontato che per me è stato più inferno che paradiso ed è per questo che come lui mi stavo vivendo le cose piano piano. Mi ha parlato del suo rapporto con il padre (ha i genitori separati ma che sono rimasti in buoni rapporti) e abbiamo continuato la piacevolissima uscita con una passeggiata. Abbiamo pianificato le nostre prossime uscite e siamo tornati a casa, dove lui come sempre mi ha chiesto di mandargli un messaggio quando fossi arrivata a destinazione e io con lui ho fatto lo stesso. Da lì a causa del dpcm abbiamo iniziato solo a parlare per messaggi (entrambi odiamo le telefonate) come sempre tutti i giorni. A Natale mi disse che stare chiuso dentro casa lo faceva pensare troppo e che aveva un frullato di stress e ansia nella testa. Gli ho chiesto se fosse successo qualcosa in particolare e lui mi ha risposto di no e che le sue ansie erano ordinaria amministrazione. Ho provato ad indagare un’altra volta ma lui non ha voluto rispondere e così l’ho lasciato stare e ho spostato la conversazione su altro. Dopo due giorni le nostre conversazioni sono iniziate a cambiare, ad assumere un tono molto più debole. Così, il 29 dicembre ho deciso di non mandargli il solito buongiorno (siccome lui si svegliava sempre dopo di me ero sempre io a scrivergli la mattina per prima) e aspettare un suo messaggio. Mi ha scritto il pomeriggio tardo dicendomi che mi doveva parlare e che erano giorni che stava pensando e che non sapeva di preciso cosa io provassi/pensassi ma che lui a livello emotivo non sentiva quasi niente e che voleva essere sincero con me. Io gli ho risposto che avevo percepito il fatto che fosse strano e che comunque io con lui mi trovavo bene a parlare e a starci insieme. Gli ho detto che il suo discorso lo trovavo incoerente perché quello che mi aveva detto (al solo pensiero che qualcuno mi chiede subito una storia seria mi manca il respiro) non coincideva con quello che mi aveva scritto (ovvero che il problema con me era a livello emotivo). Gli ho detto che forse era normale non avere un coinvolgimento a livello emotivo dato che siamo usciti tre volte e che ci stavamo sentendo da tre settimane. Inoltre ho aggiunto che mi ero stancata di rincorrere le persone e di accontentarmi ma che mi dispiaceva perché credevo che con lui potesse essere diverso. Mi ha risposto dicendo che il suo discorso era semplice: “ Io anche con te sto bene nel parlare e quando ci vediamo sto bene con te. Però, dopo quasi un mese non sento quello che aspettavo di sentire, ovvio che dopo tre volte non doveva esserci chissà che, ma qualcosa sono riuscito a capire. ” La mia risposta (impulsiva) è stata “apposto, l’importante è che l’hai capito.” Io alla fine della conversazione ci sono rimasta malissimo perché dopo tanto ero riuscita a vivermi una cosa senza farmi troppi problemi ed ero riuscita finalmente a rimettermi in gioco. Per me la conoscenza con lui era anche una prova per me stessa. Il problema aggiuntivo è che lui mi piace e quindi ci sono rimasta molto male perché poi il suo discorso lo trovo del tutto insensato. Nei giorni seguenti ho pensato e ripensato a tante cose, a me, a lui e alla nostra conoscenza. Arrivando alla conclusione che io meglio di così non potevo fare, per la prima volta mi sono comportata bene sia nei confronti di lui, sia nei miei confronti. Però, siccome andiamo insieme all’università e non voglio rovinarmi questa esperienza, avendo il timore di incontrarlo e via dicendo, ho deciso di comportarmi in modo naturale e di mandargli delle informazioni riguardanti corsi/esami che mandano sul gruppo whatsapp dove lui non è presente. Così ho fatto, tutto è andato liscio come l’olio fino a ieri, perché lui mi ha dato della permalosa e mi ha iniziato a prendere in giro e li ho risposto a tono dicendo che sono permalosa ma con lui mi sono comportata bene perché l’avrei potuto mandare a quel paese settimana scorsa per le cose che mi ha detto e lui ridendo mi ha detto fallo, sopravviverò. Io gli ho risposto che se l’avessi voluto fare, l’avrei fatto e che non mi serviva il suo permesso e lui mi ha risposto “ah ok 😂😂”. Gli ho detto che lo stavo odiando e non mi ha più risposto. Scusa per questo messaggio super lunghissimo, ma ho bisogno di parlarne con qualcuno per potermi tranquillizzare un po’. È da ieri che penso al fatto che vorrei dirgli quello che provo (non che sono innamorata anche perché non lo sono però che con lui stavo bene e che ci sono rimasta male del fatto che io non abbia suscitato in lui emozioni ma soprattutto che abbia troncato, a parer mio, prima del tempo e che un po’ mi manca parlare, scherzare e passare del tempo con lui). Razionalmente dico di non farlo perché sarebbe da stupidi però a livello emozionale sento come il bisogno di farlo. Sono confusa e divisa, non ci sto capendo più niente. Sono nel pallone più totale. Per me era iniziata come una semplice conoscenza che mi stavo vivendo in tutta tranquillità e lui l’ha trasformata in un pensiero fisso. Ho bisogno di un tuo consiglio, aiutami tu. Grazie mille per aver dedicato del tempo alla mia storia!
    Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (5 Gennaio 2021 21:26)

      A me pare che lui ti abbia bullizzata e che tu ti sia fatta bullizzare, quel suo "Sopravviverò" lo ritengo violento e teso a umiliarti. A te invece pare che questo ragazzo meriti interesse? E che sia stato lui a trasformare questa storiella molto superficiale e adolescenziale (lui voleva portarti a letto e subito hai fatto la cosa che gli uomini detestano più di tutte: hai messo le mani avanti. Cosa abbastanza irritante, perché se tu accetti un invito a casa sua, non puoi credere che lo faccia per offrirti il suo piatto forte in cucina) in un pensiero fisso? Sei giovane e anche lui lo è. Lui è scaltro, tu per niente. Fatti scaltra anche tu e tratta le persone come meritano.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 7 mesi fa (5 Gennaio 2021 22:54)

      Ciao Giulia, la verità è che non gli piaci abbastanza, per citare il film. Come dice Ilaria, lui voleva solo portarti a letto. "Mi fa piacere cucinare per te il mio piatto forte" is the new "vieni a vedere la mia collezione di farfalle". E' così, senza eccezioni. Al secondo appuntamento poi, figurati... Si è urtato quando ti ha visto rigida e ha lasciato perdere, e dopo il terzo appuntamento "romantico" si è reso conto che l'andar in buca era lontano e che il gioco non valeva la candela. Anche senza covid ti avrebbe invitato a cena a casa, col cavolo che questi spendono due soldi per una cena fuori. Pure io ti consiglio di diventare più furba e prudente. Innanzitutto, non ha molto senso andare a casa sua se hai paura che il giorno dopo sparisca, e hai paura perché non lo conosci affatto (giustamente). Secondo, "esternare le proprie ansie" nel momento in cui magari sei sopra di lui a fare petting ha ancora meno senso. Voglio dire, non basta dire a qualcuno "cerco una storia seria" per avere il cuore sollevato nel caso risponda "anch'io". Ti intortano come e quando vogliono. Quindi, invece di umiliarci svelando le nostre paure e fargli cascare le braccia mentre pensano "ecchene n'artra, Santa Maria Goretti de noantri, la solita profumiera" ecc., dovremmo rispondere con i fatti. Se hai paura che ti usi per sesso, a casa sua non ci vai. Se non si fa più sentire vuol dire che effettivamente ti avrebbe usata solo per quello. E non cercare sempre tu, non rincorrere. A questo cretino l'hai cercato per prima, gli scrivevi per prima, l'hai rincorso, l'hai redarguito. Ti ha pure umiliato con quella frase a sberleffo, lo stronzetto. Ti ha riso in faccia (in chat, ma è uguale). E tu che vorresti ancora parlargli e dirgli quello che provi. Non farlo, non ti umiliare ancora. Capisco che faccia male e ci si senta stupide, l'ho provato anch'io. Ma andresti incontro ad un'altra umiliazione, che ti farebbe precipitare l'autostima in fondo al pozzo. Ignoralo, sta melmina.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 11:13)

      Vic sono d’accordo con il succo di quello che dici. Però io vorrei che si smettesse di dare degli stronzi senza fare distinguo. Questo voleva portarsela a letto e lei si è buttata tra le sue braccia dicendo che voleva la storia seria. Lui è un piccolo predatore che considera le donne un buco, ma si può anche stare alla larga da costoro. Ripeto è un po’ come andare nel quartiere più malfamato della città pretendendo di vedere le vetrine di Versace e poi lamentarsi che non c’è Versace e ti hanno pure borseggiato.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 12:16)

      Sisi vero, Ilaria. Similitudine calzante. Diciamo che "stronzo" in questo caso perché le ha risposto da stronzo e ometto qual è, e poteva risparmiarselo. Però il segnale che fosse interessato solo al sesso c'era, e bello in vista. Non è colpa loro se siamo così ingenue. Quello che non sopporto sono gli uomini che fingono un vero interesse solo per portarti a letto. Non è il caso di questo qui, che dall'inizio si è fatto rincorrere e ha elargito briciole. Bisogna in effetti evitare le zone infestate dai piccioni, per non piangere poi se uno ci caga in testa.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 13:27)

      Appunto. Poi lui è un pessimo soggetto, il classico "adolescente iena" (che non ha età, ma questo ha pure l'età), di quelli che passano tutto il loro tempo a guardare le ragazze, commentare ferocemente su di loro con gli amici, disprezzarle in coro sempre con gli amici, dichiarare quanto le donne siano stupide e quanto sia facile gabbarle. Un soggetto sicuramente poco apprezzabile, ma è lei che si è buttata tra le braccia di lui subito usandolo come psicologo e poi lui, le ha risposto da stronzo anche perché provocato. Non lo giustifico, ma i cartelli "attenti al cane" bisogna leggerli.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 0:19)

      Grazie per i consigli ma avrei da ridire su alcune cose. A: Non reputo questa conoscenza come una storiella adolescenziale e superficiale dato che comunque per essere usciti poche volte abbiamo affrontato diversi argomenti di diversa natura e abbiamo raggiunto l’intimità a livello graduale. B: non ho dieci anni, so benissimo che se un ragazzo mi invita a casa sua è perché spera di portarmi a letto. Ma non sta scritto da nessuna parte che se vengo a casa tua, io debba allo stesso tempo venire a letto con te. Ho accettato l’invito proprio per mettermi alla prova e dirgli di no. C: siamo in tempo di pandemia globale a causa COVID e l’unico posto rimasto dove poter star tranquilli senza essere multati è andare a casa di qualcuno. Quindi ho anche accettato per poter stare tranquilla senza mascherina e poter conoscere una persona come si deve senza avere il timore di pagare 400€ se non di più o addirittura di rischiare di prendermi il virus. Sicuramente ha ragione lei riguardo a tutta questa storia, visto che nel tempo non ho avuto successo con gli uomini, ma ci tenevo a precisare alcuni aspetti. Comunque la ringrazio ancora del suo tempo e dei suoi consigli, cercherò di diventare scaltra.
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 11:02)

      Gentile Giulia, guardi che non deve negoziare le mie risposte. Lei fa quello che vuole come è giusto che sia, mi chiede un parere e glielo do’. Non sono i suoi genitori o i suoi insegnanti con i quali negozia e tratta ogni questione. A me interessa poco di come lei se la racconta e ancor meno di come vorrebbe raccontarla a me. Tra l’altro non si va a casa di un estraneo se c’è il Covid.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Doris

      Doris 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 10:01)

      Ciao Giulia, mi permetto di notare che, dal tuo racconto, a me non arriva la sensazione che tu stessi vivendo una semplice conoscenza in tutta tranquillità, anzi leggo una sorta di monitoraggio continuo di situazioni e sensazioni, unito alla forzatura del "farsi coraggio" per vivere situazioni che non ti convincono al 100%. Mi sembra che il superamento delle delusioni passate non sia completo e che su questo tu te la stia un po' raccontando...
      Rispondi a Doris Commenta l’articolo

  11. Avatar di dianalasi@virgilio.it

    dianalasi@virgilio.it 6 anni fa (17 Luglio 2015 17:16)

    un piccolo consiglio : non si fidi mai piu' di un medico il quale non potra' mai fermare l'avanzare degli anni . e mi lasci dire: "vecchio è bello." "quale giovane ha l'esperienza di un anziano?" Tanti auguri e si goda la vecchiaia. LASI DIANA
    Rispondi a dianalasi@virgilio.it Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 anni fa (18 Luglio 2015 12:30)

      Grazie per gli auguri. E tutto a tempo debito :)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Tiziana

      Tiziana 7 mesi fa (5 Gennaio 2021 21:31)

      Ciao Ilaria, mi chiamo Maria Tiziana, ho 38 anni e vivo in provincia di Lecco. Ti scrivo per chiederti un parere. Tempo fa ho chiesto l'amicizia via Facebook ad un ragazzo che negli anni 90 faceva il modello, oggi ha 45 anni, è sposato e ha 3 figli. Lui ha accettato la mia richiesta di amicizia e subito dopo gli ho detto che mi ricordavo di lui in quanto abitavamo nello stesso villaggio al mare nell'estate del 1995. Abbiamo sempre avuto un'amicizia via Facebook normale, lui ha messo anche alcuni "like" a qualche foto mia così come io ho fatto con lui. Una volta, sempre su Facebook, lui ha scritto scherzosamente in bacheca " Quanto mi date da 0 a 10 come bellezza?" Ed io gli ho risposto 8, lui mi replica e mi scrive "A te 8 ed il doppio +". Lui adesso lavora presso un negozio di arredamento ed una volta mise col suo negozio degli stands al centro commerciale, così decisi di andare, ovviamente l'ho avvisato. Arrivata agli stands, ho fatto il giro e sono uscita fuori, una volta fuori, lo vedo in lontananza uscire fuori da una porta e venire verso di me, capisco che è lui e quindi ci salutiamo. Io ero imbarazzatissima, è stato un imbarazzo che mi sono portata dentro fino a casa. Lui mi guardava fisso negli occhi quando ci siamo visti di persona. Tornata a casa, mi collego su Facebook e trovo un suo messaggio privato dove mi scrive: "Grazie di essere venuta, scusa ma ero un po' imbarazzato, eheheh... succede". Volevo sapere, Ilaria, secondo te, lui si è imbarazzato perché potevo essergli piaciuta oppure è stato l'effetto dell'impatto che ci eravamo visti per la prima volta di persona? A me lui è sempre piaciuto, mi piaceva fin da quando ero piccola. Grazie in anticipo
      Rispondi a Tiziana Commenta l’articolo

    • Avatar di Shibumi

      Shibumi 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 13:11)

      Mamma mia Tiziana, che brutto fantasticare su un uomo sposato......e hai anche 38 anni.....Capisco sempre di più il motivo per il quale gli uomini pensano di poter fare i piacioni con tutte.
      Rispondi a Shibumi Commenta l’articolo

    • Avatar di Tiziana

      Tiziana 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 14:34)

      Ma io non è che sto fantasticando su un uomo sposato, volevo solo capire il motivo del suo imbarazzo, tutto qua, cosa ne pensavate voi. Quando ci siamo visti non ha fatto il piacione in nessuna maniera, anzi, mi ha anche ringraziato poi di essere venuta tramite messaggio
      Rispondi a Tiziana Commenta l’articolo

    • Avatar di Panterarosa

      Panterarosa 6 mesi fa (27 Gennaio 2021 0:51)

      Tiziana, sono molto piu' grande di te e ne ho viste tante. Un uomo in quella circostanza puo' essere imbarazzato per tanti motivi, dal piu' "maligno" (fans nei paraggi?) al piu' benigno (sono al lavoro, faccio una cosa trasgressiva). Il punto non e' questo. E non e' un fatto morale. Il punto e' capire che uno sposato e' un Everest che ti appresti a scalare con le scarpe da tennis. Non stiamo in in USA dove la gente si risposa 2 o 3 volte nella vita. L'uomo italiano e' ancorato per educazione al concetto della famiglia e magari ha storie parallele e finisce col far soffrire tutte. O molto piu' prosaicamente sta malissimo in famiglia, cerca altrove cio' che non ha piu' a casa ma non ha i mezzi economici per separarsi. Rimane la scalata dell'Everest.
      Rispondi a Panterarosa Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 14:00)

      Premesso che sono d'accordo con la sintetica e calzante risposta di Shibumi, aggiungo cosa pretendi/pretendete di ottenere da un uomo sposato con figli? Di buttare via un po' del vostro tempo e della vostra dignità? Interessante che quello che sembra importarti di più sia il fatto che lui sembrasse e si sia detto imbarazzato. A me non me ne fregherebbe una cippa del suo imbarazzo ma, bisogna capire che cosa intende lui per essere "imbarazzato". Comunque una persona che combina un mezzo incontro clandestino sul luogo di lavoro, in un centro commerciale, è sposato e con figli e magari si trova messo alle strette dall'aspirante amante che in effetti si fa viva in zona pubblica qualche ragione di imbarazzo ce la deve avere di certo. Quello che non capisco, ma tu che cosa speri di ottenere da un vicenda del genere? Non ti sembra squallida e avvilente?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Tiziana

      Tiziana 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 14:44)

      Io non spero di ottenere nulla, Ilaria, ho solo chiesto un tuo parere sul motivo del suo imbarazzo, come mai i ragazzi in queste situazioni si sentono così.. Poi non è stato un incontro clandestino, sono stati messi degli stands al centro commerciale ed io sono andata, tra l'altro, come ho detto, lui mi ha anche ringraziata di essere venuta dopo tramite messaggio e poi mi ha detto che era un po' imbarazzato. Tra noi non c'è mai stato nulla. Io ho scritto di questa situazione per avere un tuo parere se può avere provato imbarazzo in quanto non mi aveva mai vista prima ed è stato l'effetto dell'impatto con la mia persona che può averlo messo a disagio oppure se potevo, ipoteticamente essergli piaciuta, solo questo
      Rispondi a Tiziana Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 16:18)

      Va bene, scusa, ho capito male io. La tua era una curiosità esistenziale, mi sembra chiaro, E' legittimo. Come è legittimo essere curiosi sul funzionamento della fotosintesi o dello spinterogeno (il quale forse non esiste più). Scusa se ho frainteso. Un uomo di 48 anni con figli, non è un ragazzo. Questo è un dato oggettivo.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Tiziana

      Tiziana 7 mesi fa (6 Gennaio 2021 16:30)

      Si... certo, non è un ragazzo, volevo solo capire da un punto di vista psicologico e comportamentale, cosa può avere innescato in lui questo imbarazzo, questa specie di disagio, visto che in un certo senso, Ilaria, potevi darmi una risposta in quanto affronti spesso tematiche simili sugli uomini in generale. Sicuramente, forse puoi essere d'accordo con me, quando credo che deve essersi sentito a disagio per la situazione in cui eravamo entrambi, perché non ci eravamo mai visti prima d'ora. Poi se un uomo è imbarazzato perché ha una ragazza davanti a lui che può essergli piaciuta, questa situazione nel mio caso, non è detto sia proponibile al cento per cento. A me ha fatto sicuramente piacere averlo rivisto dopo tantissimo tempo
      Rispondi a Tiziana Commenta l’articolo

  12. Avatar di manuela

    manuela 6 anni fa (4 Agosto 2015 15:21)

    è la descrizione perfetta dell'uomo che ilaria dice di evitare :D
    Rispondi a manuela Commenta l’articolo

    • Avatar di Panterarosa

      Panterarosa 6 mesi fa (27 Gennaio 2021 1:02)

      E' un articolo veritiero. E'quel che un uomo ti direbbe in confidenza. Mi chiedo che fine hanno fatto le madro che erano femministe (io lo dono ancora) negli anni 70...cosa hanno insegnato questi maschi? Come hanno fatto a "sdoppiarsi" ed sd impartire ai figli maschi insegnamenti fuori tempo che in alcuni casi portano francamente alla misoginia? Io ho vissuto in Francia e gli uomini li' sono gia" piu' rispettosi. Le francesi sono diffidenti verdo gli italiani, che considerano mediamente maschilisti e irrispettosi.
      Rispondi a Panterarosa Commenta l’articolo