Conquistare un uomo: Biancaneve, i 7 nani e le donne che giocano al ribasso (Seconda parte)

conquistare un uomoNella prima parte di quest’articolo dedicato a Conquistare un uomo, Biancaneve, i sette nani e le donne che giocano al ribasso (puoi leggerlo cliccando qui) mi sono concentrata su un atteggiamento molto comune fra le donne: il desiderio di conquistare un uomo “qualsiasi” pur di avere un compagno, un fidanzato o un corteggiatore in modo da soddisfare una convinzione che giunge dal mondo esterno, ma che molte hanno fatto propria. Si vale solo se si è in coppia. Soprattutto: una donna ha un qualche valore solo se ha un partner accanto.

"Ogni donna è una ribelle, e solitamente in violenta rivolta contro se stessa. Oscar Wilde"

Eccoli qui quindi gli insopportabili nani della detestabile Biancaneve, la fanciulla creata a immagine e somiglianza di un mito culturale immortale secondo il quale la donna deve sopportare con pazienza e spirito di sacrificio le peggio cose dalla vita, i compromessi più umilianti pur di dimostrare, dopo una lunghissima trafila di compiti onerosi e di sfide crudeli – da cui peraltro la sua immagine esce pregiudicata per sempre, dato che è lei a fare la figura della stupida, cadendo nell’inganno della strega ed essendo costretta all’esilio nella casa dei nani – di meritarsi il premio più ambito: il principe azzurro. Il quale, al pari di molti uomini del passato e del presente, sfide e fatiche non ne ha dovute affrontare e forse per questo non ha imparato nulla di speciale su se stesso e sulla vita. E tutto questo ha ben poco a che vedere con il conquistare un uomo.

Ed ecco che al pari di Biancaneve, che deve accudire i nani e fronteggiare gli attacchi della strega cattiva, molte fanciulle, donne giovani e donne nel pieno della maturità, si accontentano di nani, credono di innamorarsi di nani e spasimano per i nani. Molto spesso, metaforicamente o anche nella pratica, dai nani le prendono anche. Invece di conquistare un uomo, molte donne lo subiscono. E confondono il dolore che provoca la relazione con un uomo indadeguto e non all’altezza con le pene d’amore, credendo che siano eccitanti, mentre sono solo deludenti e umilianti.

Di confusione di ruoli, di fraintendimento nel comprendere le relazioni e di sovvertimento delle parti ho parlato tempo fa in un articolo dedicato agli errori delle donne, dove raccontavo la storia di una mia lettrice, caduta in pieno nella manipolazione di un cosidetto stronzo. Nella sfida che lei – e solo lei – credeva di aver ingaggiato con questo suo corteggiatore – che in realtà era un dongiovanni, un seduttore seriale, – di fatto la nostra amica rappresentava la pedina del gioco di lui. Peccato che fosse convinta all’inizio di poter sedurre il seduttore, uscendo indenne da una gara di seduzione con uno di quei personaggi che fanno della seduzione malefica la propria ragione di vita. Lei credeva di essere spregiudicata e di sapere stare al mondo. Invece, proprio in quel suo credersi spregiudicata e donna di mondo, si era semplicemente trasformata nella vittima del seduttore, che si diverte nel vedere la sua preda comportarsi da “pantera” e sottometterla, dato che questo lo eccita e lo fa sentire forte e vincente. Lo fa sentire potente, dominante. Lei pensava di poter conquistare un uomo, invece docilmente e volontariamente recitava solo la parte che lui aveva deciso per lei. Non che questa lettrice abbia una storia unica e irripetibile. Quante donne credono di fare le pantere e invece si fanno solo manipolare?

Conquistare un uomo e gli inganni dell’invenzione

Ecco dove conduce l’ipnosi del voler conquistare un uomo a tutti i costi. Perché di ipnosi, di condizionamento, di imbambolamento si deve parlare. Come possiamo spiegare diversamente le tante, tantissime storie di donne che stanno con uomini che incontrovertibilmente sono dei nani, di donne che si innamorano di nani e che insistono nella falsa pretesa di essere ricambiate (come onestà e correttezza per giunta) e che accettano le peggio umiliazioni inflitte loro da dei nani?

Quanti messaggi leggiamo anche qui: “Non mi chiama, ma non riesco a smettere di pensarlo”; “Mi ha offeso e mi ha mentito, ma voglio riconquistarlo”; “Sta con un’altra, ma io ne sono ancora innamorata”?

Di più: come possiamo spiegarci il fatto che molte donne, capaci e intelligenti, escono da relazioni a lungo termine, pesanti, conflittuali, che le hanno umiliate nel profondo e come prima idea, progetto o sogno hanno quello di conquistare un uomo (un altro, questa volta)? Sono donne che, per riscattarsi dal dolore passato e ritrovare – finalmente, vivaddio! – la propria identità, invece di sfoderare le proprie risorse e metterle all’opera – sfida, quella sì, che le renderebbe pantere forti e invincibili, donne affascinanti e attraenti per uomini di statura – per trovare equilibrio interiore ed esteriore, decidono ancora una volta di affidare il proprio futuro e destino, la propria vita, a un uomo. Che inevitabilmente sarà un uomo di bassa statura, considerati i presupposti dai quali si parte.

"Questo è naturale istinto nelle donne, sprezzar chi le ama, e amar chi le odia. Miguel de Cervantes"

Conquistare un uomo: l’ipnosi e le differenze

Non che abbia bisogno di spiegarlo: chi mi conosce perché mi legge su questo blog e ancora di più chi mi conosce di persona perché ha fatto coaching con me, sa benissimo che queste considerazioni le faccio con cuore partecipe e comprensivo verso questi atteggiamenti femminili, verso questa disperata fame d’amore e d’attenzione (verso questo tormentoso desiderio di conquistare un uomo), che viene nutrita sempre più spesso con atteggiamenti autolesionisti e controproducenti. In poche parole: capisco e il fatto di capire mi spinge ad essere ancora più veemente.

"L’immaginazione delle donne è molto rapida: balza dall’ammirazione all’amore, dall’amore al matrimonio. J. Austen"

Non è l’inseguimento continuo di un uomo, di una relazione, di un amore che risolve i problemi in sospeso dell’esistenza di una persona. Di più. Se è accaduto che sia stata proprio una relazione a creare problemi nella tua vita o ad accrescerli, non è una relazione – anche se con un altro uomo – che può aiutarti a risolvere quelle questioni e quei problemi e a uscire da un situazione di poco equilibrio interiore ed esteriore. Ok, va bene conquistare un uomo: per che cosa? Con quale progetto? Con quale obiettivo per sé e la propria vita?

Affrontare la vita da vincenti, con senso del proprio valore, con rispetto per sé e per il valore della propria esistenza significa davvero essere capaci di guardare alla propria vita con obiettività e farsi queste domande, appunto: che cosa voglio per me? Qual è il mio progetto di vita? Che cosa voglio realizzare per me?

Conquistare un uomo, uomini, donne e altro

Quando si parla di differenze tra uomini e donne non si insiste mai abbastanza su questo aspetto importante: donne e uomini danno una classifica di priorità completamente diversa alla loro vita sentimentale. Per la stragrande maggioranza delle donne, anche quelle più “fredde”, “calcolatrici” e “in carriera” la vita sentimentale, la realizzazione amorosa è prioritaria e intorno a quella si organizza l’esistenza. Certo, con maggiore o minore lucidità, con maggiore o minor calcolo.

"Nelle donne ogni cosa è cuore, anche la testa. Jean Paul Richter"

Per gli uomini, invece, una relazione d’amore è uno dei tanti aspetti della vita, probabilmente molto spesso importante, più frequentemente “accessorio” e di contorno.

Per riprendere l’esempio di cui sopra, difficile che un uomo, dopo la fine di una storia si butti tra le braccia di un’altra donna per ricevere un conferma di tipo esistenziale. Semmai lo fa per ricevere una conferma della propria virilità, della propria capacità di sedurre, della propria capacità di “rimediare” alle “sviste” precedenti.

Che cosa mantiene alto il desiderio di un uomo per te e solo per te?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Ecco perché le donne tendono a “disperarsi” di fronte al fallimento di una relazione: sono convinte di aver perso TUTTO, dato che come il giocatore che punta tutto il proprio patrimonio su quel numero, loro investono tutte le proprie risorse in una relazione, vera o inventata che sia.

Molto più difficile che questo lo faccia un uomo.

E questa rivelazione dovrebbe condurci a ulteriori considerazioni sul “perché” di certe differenze fra uomini e donne…

Le risorse per te e per il tuo benessere

Cogli l’opportunità del momento. Fai adesso i percorsi che ho preparato per le mie lettrici. Aumentare la tua capacità di capire te stessa e gli uomini:

I 7 Pilastri dell’Attrazione.

E’ il primo passo verso la conoscenza di te e del tuo potenziale di attrazione.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso adesso.

Come Sedurre un Uomo senza Stress

In questo percorso si spiegano i passi dell’attrazione “autentica”, quella attraverso la quale ti dài valore, smetti di essere bisognosa e rompiscatole e riesci davvero a realizzare una relazione appagante e duratura.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso adesso.

 

Lascia un Commento!

91 Commenti

  1. Avatar di Laura

    Laura 7 anni fa (10 Ottobre 2014 21:11)

    Cara Ilaria, A proposito di donne che giocano al ribasso, io ultimamente sto osservando il mondo alla rovescia. Premetto che sono d'accordo con il tuo articolo, anzi, con la maggior parte dei tuoi articoli, che mi hanno anche aiutata, più che a superare, ad evitare, una serie di situazioni per le quali normalmente avrei sofferto molto, e per questo ringrazio te ed il lavoro che fai! Tuttavia, io, che mi reputo un'osservatrice attenta, ho osservato tra alcune (non tutte!) amiche e conoscenti un comportamento diverso quando si tratta di sedurre un uomo, un comportamento che definirei spregiudicato, ma che ha dato i suoi frutti e positivi per lo più. Le signore in questione quando si trattava di sedurre il famigerato uomo, ebbene, si sono abbassate eccome, altroché ad altezza nano! Altroché aspettare prima di andarci a letto, altroché non mostrarsi bisognose, altroché non fare la prima mossa, altroché mostrare dignità e schiena diritta... Le signore in questione hanno ottenuto tutto quello che volevano, manipolando anche, ed ora si ritrovano felicemente in coppia (alcune con tanto di figli) e francamente, io, che ho conosciuto l'uomo conquistato dei diversi casi, ebbene, io non mi sento di dire che sempre si trattava di una persona di non-valore, ma piuttosto di uomini attenti e rispettosi della propria donna, per nulla zerbini. Certo, io non vivo la loro relazione di coppia, quindi non posso dare giudizi sul loro tipo di rapporto, ma la cosa che mi lascia perplessa è appunto l'osservare comportamenti totalmente contrari alle regole di seduzione mirate ad una relazione seria, che comunque, specifico, NON SEMPRE, ma a volte a volte si!, danno frutti. Quello che io voglio dire è che mi preoccupa eccome vedere certe donne scendere a compromessi, comportarsi come ti ho descritto sopra e poi, e poi... ottenere quello che vogliono comunque. Ma allora, sono io che sono ingenua? Qualcosa mi è sfuggito? Io non riesco a mettere in pratica quei comportamenti che definisco si spregiudicati, ma che non mi sento ciononostante di giudicare negativamente. Ognuno chiaramente fa quello che vuole. Solo che, ironia della sorte, quando sono io nel ballo, beh ecco... quelle cose li non funzionano! Quando sono io nel ballo... beh pare che debba seguire alla lettera le regole classiche, quelle che suggerisci anche tu e che mi aiutano ormai a smascherare i vari Pisolo, Brontolo, ecc. :-) Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi a questo proposito e ti ringrazio in anticipo.
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  2. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 7 anni fa (10 Ottobre 2014 21:29)

    "Le signore hanno ottenuto tutto quello che volevano"? Non hanno pianto, non si sono rovinate la vita, non hanno buttato via anni della propria esistenza? Sul fatto che si siano abbassate o meno mai mi permetterei di giudicare. A me quello che preme è che le donne non soffrano, non si tolgano anni di vita e di esperienze per un uomo. Le donne che ottengono quello che vogliono non possono che darmi soddisfazione.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di francy

    francy 7 anni fa (11 Ottobre 2014 11:35)

    beh Laura se ti può consolare io sono come te...! manco io capisco certe situazioni, o meglio non capisco come mai certe cose sembrino valere solo per me e per poche altre... anche per quello giorni fa ho scritto qui...per capire e confrontarmi un pò... però, non so, credo non ci sia una risposta, forse sono state semplicemente fortunate e forse l'amore non è per tutti.
    Rispondi a francy Commenta l’articolo

  4. Avatar di Valeria87

    Valeria87 7 anni fa (11 Ottobre 2014 12:33)

    Francy, anch'io fino a poco tempo fa mi definivo "insicura e complessata". E anch'io mi ritrovavo sempre in "situazioni strane". Una delle quali con un uomo impegnato, e ti assicuro che aveva non pochi punti in comune con quella che hai descritto. Quindi, anch'io a un certo punto mi sono chiesta se quella sbagliata, in fondo, fossi io :) Non ho nessuna certezza granitica, ovviamente. Però mi si è accesa una piccola lampadina quando ho letto in uno dei percorsi di Ilaria che l'autostima è una caratteristica che tende a essere molto simile tra due partner. In effetti, io ho sempre avuto la tendenza a essere attratta, e attrarre a mia volta, persone insicure, con qualcosa di irrisolto nella loro vita. Forse perché mi rispecchiavo nella loro insicurezza, e quindi mi sentivo più a mio agio in loro compagnia. Chissà. Comunque, al momento sono single al 100% e posso dire che, per la prima volta in vita mia, non mi sento inadeguata o sbagliata per questo. Ho colto al volo un'opportunità di lavorare all'estero che mi si è presentata. Mi sono quindi trasferita lontano da famiglia, amici e abitudini consolidate. E il fatto di dovermela cavare con una lingua che, prima di arrivare qui, conoscevo poco, e di dover superare una serie di piccole difficoltà senza poter chiedere consiglio a nessuno, contando solo sulle mie forze... be', mi ha fatto un gran bene :D
    Rispondi a Valeria87 Commenta l’articolo

  5. Avatar di Maria

    Maria 7 anni fa (11 Ottobre 2014 20:40)

    Concordo con te Ilaria. Indubbiamente siamo vittime, uomini e donne di una cultura antica. Noi donne addestrate ad avere l'uomo accanto a tutti i costi. Quanto al dongiovanni di cui parli sopra, è anch'esso un povero disgraziato, ipnotizzato dal maschilismo, e comunque, un grosso infelice destinato alla solitudine, prima o poi.
    Rispondi a Maria Commenta l’articolo

  6. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 7 anni fa (11 Ottobre 2014 21:25)

    Sì va bene riguardo al dongiovanni. L'importante è che la sua vita, il suo destino e la sua solitudine si svolgano il quanto più possibile lontano da noi. Questo è il principio.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  7. Avatar di silvia

    silvia 7 anni fa (12 Ottobre 2014 10:23)

    ciao a tutti! due domande per Ilaria (e per tutti): - parliamo sempre di quello che non va nelle relazioni e in noi stessi; mi piacerebbe leggere un bell'articolo pieno di cose positive sul COME PUO' FUNZIONARE BENE una relazione e su quanti uomini e donne di valore esistano al mondo. Che ne dici Ilaria? - io sono una di quelle che di fatiche nelle relazioni (in generale, verso tutti), ne ha affrontate molte e per questo ora ho imparato cose speciali su di me. Sono passata dalla scarsa autostima e rispetto verso me stessa, a riconoscere il mio valore e a pretendere rispetto da tutti.Ora sono senza dubbio una persona diversa e più forte, tuttavia a volte mi capita di relazionarmi con ragazze che hanno una personalità molto forte (o così sembra), che sono iper sicure, che non conoscono timidezza e che sono anche eccellenti in vari campi. Ecco, con loro mi intimidisco automaticamente e non mi sento all'altezza, e loro lo capiscono bene e ci marciano sopra. Tuttavia non voglio diventare come loro, perché sono "maschiacci", non hanno femminilità. Io credo anche che avere un po' di pudore e sana timidezza non guasti mai, anzi.... solo che vorrei aumentare ancora la mi autostima per non sentirmi "inferiore" quando mi tocca relazionarmi con questo tipo di persone...
    Rispondi a silvia Commenta l’articolo

  8. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 7 anni fa (12 Ottobre 2014 13:17)

    @Silvia il blog e' pieno di articoli come quelli che 'ti piacerebbe' leggere: forse dovresti prenderti la briga di leggere con attenzione; e' un atteggiamento che alla fine ti servirebbe moltissimo anche a relazionarti con le donne che tu definisci 'maschiacci' :)
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  9. Avatar di silvia

    silvia 7 anni fa (12 Ottobre 2014 13:26)

    Seguo da un po' il blog e vedo che gli articoli sono per la maggior parte incentrati su "come evitare uomini sbagliati, prendersi cura di sé e della propria autostima per stare bene con se stesse e quindi essere pronte ad una relazione vera". Tutto interessante, la mia non è una critica. Ma vogliamo parlare invece per bene di chi sono davvero gli uomini di valore? si parla sempre di quelli da evitare, vediamo invece chi sono quelli da frequentare e soprattutto: portiamo esempi di relazioni "giuste" che vanno a gonfie vele! p.s non vedo il nesso diretto tra leggere con attenzione e il relazionarmi con il tipo di persone di cui ho parlato sopra.
    Rispondi a silvia Commenta l’articolo

  10. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 7 anni fa (12 Ottobre 2014 14:44)

    @Silvia, il nesso e' su dove si pone l'attenzione e sui filtri che si usano. Sulla prospettiva che si vuole avere.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  11. Avatar di Martina

    Martina 7 anni fa (13 Ottobre 2014 10:31)

    Ilaria, se solo avessi scovato il tuo blog una quindicina di anni fa... quanti anni avrei guadagnato? grazie comunque per il tuo eccellente lavoro, ti assicuro che per quanto materiale di possa trovare in rete, per me tu sei la numero 1!! perchè grazie agli esempi, alla gente che riporta le proprie storie, io mi ci rivedo, e trovo risposte e ancora risposte!
    Rispondi a Martina Commenta l’articolo

  12. Avatar di Luigia

    Luigia 7 anni fa (16 Ottobre 2014 8:54)

    @francy Come molte ti hanno consigliato in merito al nano che hai incontrato, anche io ti dico di mandarlo al diavolo. Ma ti dico anche che hai commesso un errore che molte donne commettono e che nascondono con la convinzione di avere trovato la persona giusta per loro. Il fatto che nonostante l'uomo in questione abbia una relazione in corso, dovrebbe già essere escluso a priori dalle vostre vite. Lui sarà uno stronzo ma tu sapendo che è fidanzato non dovresti proprio pensare di volere una relazione con lui. Consapevolmente stai interferendo in una coppia fregandotene della sua ragazza. Rispettare se stessi, a mio parere, vuoldire anche imparare a rispettare gli altri. Invece di pensare a che razza di uomo sia, pensa anche alla ragazza con cui sta già in relazione. A lei nessuno pensa? Se tu ti impunti a volere un uomo già impegnato, con la sciocca convinzione di essere meglio della donna con cui già sta convivendo, allora sei tu stessa in errore insieme a lui. Lui è uno stronzo e farà a te quello che già sta facendo a lei, ma tu stai scendendo al suo stesso livello comportandoti egoisticamente. Lui non è per te e in questo momento non e' nemmeno tuo partner, ma lo è di un altra. Un uomo che vuole stare in due scarpe è un fallito della peggior specie. Ma lo sono anche le donne che iniziano una relazione con uomini fidanzati o addirittura sposati. Se cerchi la persona giusta, devi prima di tutto esserlo tu stessa. In gioco ci sono anche i sentimenti dell'altra ragazza che anche tu stai ingannando pensando di rubarle il fidanzato. Devi trovare un uomo non impegnato e di valore. Questi omuncoli sono destinati al dimenticatoio.
    Rispondi a Luigia Commenta l’articolo

  13. Avatar di francy

    francy 7 anni fa (16 Ottobre 2014 18:57)

    cara Luigia, alt! Io non ho iniziato proprio nessuna relazione, anzi non mi sono mai permessa di fare o dire qualcosa di più che non fosse parlare o berci una cosa insieme in mezzo a 20 persone. Se ti dicessi che non ci stavo bene a parlare e sottolineo a parlare mentirei, ma non ho mai accettato la richiesta di accompagnarlo in un posto piuttosto che altro. E ti dirò di più, lui mi diceva sempre "hai sempre paura" perché rimanevo molto in disparte mentre lui voleva magari darmi un abbraccio, e io invece non mi sentivo a mio agio e rimanevo nelle mie, giustamente. Prima di parlare bisognerebbe leggere bene Io non ho iniziato proprio nessuna relazione, non ho rubato il ragazzo a nessuna e non posso certo farmi io i problemi se un ragazzo gli piace fare lo stupidino..semmai è lui che deve rendere conto a lei. Io mi sono comportata più che bene, l'ho trattato come fosse un amico e nulla, nulla di più, infatti io sono tranquillissima perché non ho nulla di cui pentirmi. E non permetto a nessuno di offendermi per qualcosa che non ho fatto.
    Rispondi a francy Commenta l’articolo

  14. Avatar di Luigia

    Luigia 7 anni fa (17 Ottobre 2014 9:22)

    @Lugia Ma se non ti interessava comunque non ce lo avresti detto. Se per te è solo un amico non vedo perchè ti sei fatto mille problemi. Il solo fatto che tus ce lo hai raccontato e ti stai facendo mille domande è già un interesse da parte tua. Ti stupisci dei suoi attacchi di gelosia e del suo comportamento. Se lo vedi come uno stupido allora non è buono nemmeno come un amico. Non ti ho accusato di aver rubato il ragazzo a nessuno, ma sei su quella strada se ce lo stai confidando. Se per te è un amico, non raccontarci del tuo trascorso con lui allora. Ma l'impressione che hai dato non è quella di una semplice amicizia.
    Rispondi a Luigia Commenta l’articolo

  15. Avatar di francy

    francy 7 anni fa (17 Ottobre 2014 10:18)

    Io potevo anche avere un interesse per lui...i motivi li ho spiegati nel primo post, ma l'importante è che ho la coscienza pulita. E ce l'ho te lo assicuro. Questo non si sceglie, ma si possono scegliere altre cose. E io ho fatto le scelte giuste. Le domande che mi sono fatta erano legittime e siccome mi è piaciuto il blog ho sentito il piacere di scrivere due righe anche io. E se tu hai letto bene il mio scrivere qui è stato dettato anche da un discorso più generale, da un mio disagio personale....diciamo cosi. Pazienza se non hai capito. Per il resto non devo rendere conto a te, alla fine non sai nulla, e se anche tu hai avuto un impressione diversa, non importa, l'importante, ripeto, è che sono tranquilla io. buona giornata.
    Rispondi a francy Commenta l’articolo

  16. Avatar di Audrey

    Audrey 7 anni fa (17 Ottobre 2014 11:56)

    C’è questo tipo, bello, interessante e intelligente, che non sembra affatto un nano, anzi, e stuoli di donne cadono ai suoi piedi…. poi vedi che lui salta disinvolto di fiore in fiore e pensi che un pelo di nanaggine ce l’ha pure questo. Ora, purtroppo ci sei caduta anche tu. Il tipo bello-intelligente-interessante ti ha colpita e hai fatto la fine di tutte le altre, stecchita ai suoi piedi. Ma qualcosa t’illumina: lui ha il suo seguito di fan adoranti e sceglie le migliori per lui, prima ti degnava di uno sguardo poi ti ha tolto questo privilegio, a te non importa il perché visto che non spacchi i capelli in quattro ma hai alcune domande: 1.Come mai sei caduta nella trappola del colpo di fulmine quasi senza conoscere il tipo? 2.Come uscirne al più presto per vivere tranquilla la tua vita? 3.Come mai ti senti inferiore a quelle che lui sceglie/sceglierà e provi invidia? Non è che per caso, in fondo in fondo, lo hai un tantino idealizzato? Magari fa tanta scena e poi sotto sotto è una noia tremenda. Magari quelle che tu credi fortunate soffrono le pene dell’inferno con lui…. Magari sei pure fortunata che ti ha tolto di punto in bianco il saluto. Magari devi solo vedere il bicchiere mezzo pieno. O berlo.
    Rispondi a Audrey Commenta l’articolo

  17. Avatar di Noemi

    Noemi 7 anni fa (17 Ottobre 2014 14:21)

    Condivido le tue domande Audrey!!
    Rispondi a Noemi Commenta l’articolo

  18. Avatar di Michela2

    Michela2 7 anni fa (17 Ottobre 2014 14:38)

    "Magari quelle che tu credi fortunate..." Quelle??? Ma in questo blog siamo venute perchè cerchiamo "la persona giusta" o perchè cerchiamo "la persona che ci tenga nel suo harem di donne"? Cosa stai a rimuginare su un uomo che ti ha tolto senza motivo il saluto? Il problema non sono i nani ma l'importanza che noi donne diamo ad essi.Nel frattempo che tu ti fai 1000 domande su un nano (che poi anche se avessi delle risposte cosa guadagneresti tu?)Passa un vatusso e non lo vedi...
    Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo

  19. Avatar di Luigia

    Luigia 7 anni fa (17 Ottobre 2014 15:09)

    @Francy Forse ho capito male. Capirà a tutti di sbagliare. Ma hai detto che ti interessava all'inizio. Ma se hai la coscienza pulita, non dovresti farti delle domande. Se di lui non te ne frega nulla, non prenderlo nemmeno ad esame. È un coglione e basta. Secondo il mio parere lui ha visto il tuo iniziale interesse e ha cercato di provarco con te. Cercava l'amante che lo distraesse da una relazione che non lo appagava e forse lo soffocava. Ammetto di aver sbagliato a capire il tuo discorso. Ora ti do un mio personale suggerimento. Togliolo dalla tua vita se non lo hai ancora fatto...tra uomo e donna è rarissimo che possa esserci una amicizia. Di solito gli uomini sono i primi a volere altro oltre l'amicizia. Sbarazzatene. È un nano della peggior specie. Per lui sei una possibile preda. Le scenate di gelosia nei confronti di una persona che non è un partner le fanno gli ossessivi compulsivi perversi. Auguri.
    Rispondi a Luigia Commenta l’articolo

  20. Avatar di Michela2

    Michela2 7 anni fa (17 Ottobre 2014 15:10)

    Io lavoro in un ambiente di lavoro misto e, al mio piano per la maggioranza sono uomini. Partendo dal mio ufficio c'è l'uomo G.40 anni sposato da anni con una bambina.Sereno. D.41anni sposato in attesa di una bambina.Sereno.G.42 anni ha una compagna e 2 bambini.Sereno.L.31 anni, fidanzato da 2 non innamorato ma comunque va avanti con lei.P.38anni una compagna un bambino piccolo.Sta bene. Devo dire che di tutti questi uomini, tolto L. che alla fine non è innamorato,hanno una vita famigliare serena ed io penso che siano uomini di valore.Ci sono,ce ne sono.Le loro donne non sono da meno...
    Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo