Rapporto di coppia: come realizzare un legame intenso e duraturo

rapporto di coppiaChe cosa rende un rapporto di coppia pieno e gratificante? Che cosa rafforza l’unione tra due persone? Che cosa cementa l’amore tra un uomo e una donna che non solo si attraggono, ma decidono di stare insieme facendo progetti, realizzando sogni comuni e superando fianco a fianco grandi e piccole difficoltà della vita? C’è un “trucco” o un “segreto” che può permetterti di realizzare un rapporto di coppia in cui tu si senta sicura, tranquilla e appagata? Un rapporto di coppia, cioè, in cui tu ti impegni perché le cose vadano al meglio e – guarda un po’ – a fronte dei tuoi sforzi, le cose vanno davvero al meglio?

"La coppia felice che si riconosce nell’amore sfida l’universo e il tempo. S. de Beauvoir"

Intanto sgombriamo il campo da qualsiasi dubbio e facciamo una doverosa premessa: trovare l’uomo giusto non dipende dalla fortuna o dal destino, ma dalla capacità di “essere pronta e preparata” alle occasioni e alle opportunità che la vita propone. Dipende dalla tua capacità e dall’attenzione che poni nel riconoscere gli uomini giusti, lasciando perdere gli uomini sbagliati. Dalla capacità di identificare velocemente lo stronzo che ti viene incontro con le peggiori intenzioni e di decidere di lasciarlo perdere, subito, subitissimo, senza perderci neanche una frazione di secondo. Nello stesso modo un rapporto di coppia sano e felice non dipende dalla “magia” dell’amore e dal fatto che hai incontrato la persona giusta per te, ma dipende dall’attenzione che entrambi ponete ogni giorno affinché ci sia reciproca comprensione, crescita e scambio di emozioni e di amore, alla pari. Quindi, sì, il rapporto di coppia non è un punto di arrivo, ma un punto di partenza. Se hai trovato l’uomo giusto per te e hai iniziato un rapporto di coppia con lui, hai dato inizio a un’avventura alla quale devi partecipare attivamente in prima persona. Se hai aspettative sull’altro e solo sull’altro e non pensi di dover compiere il tuo tratto di percorso, stai sbagliando.

Per questo, sii coerente: se davvero vuoi un rapporto di coppia serio, duraturo e che ti arrichisca, assumiti le tue responsabilità, prenditi la tua parte (la tua, eh, non quella di altre 6.567.876 persone) per quel che riguarda tutto ciò che può rendere il tuo rapporto di coppia proprio come lo volete tu e il tuo compagno.

Rapporto di coppia e felicità a due

Va bene, allora, tutto chiaro, vero?

"Il dare amore è una forma di allenamento. Eleanor Roosvelt"

Imparare a dare amore (e dunque anche a riceverlo) dipende anche dall’esercizio, dalla pratica, dall’abitudine. Diciamo che l’amore si crea, si costruisce e si mantiene. Dedicandoci, cuore, mente, anima e tempo. Come forse sai, io credo che nel nostro mondo vi sia un atteggiamento mentale che porta le persone ad essere “distratte” rispetto alla crescita sentimentale. Pochi sanno amare ed essere amati. Nessuno spiega come fare. Purtroppo amare e saper amare non sono comportamenti spontanei e naturali (o, meglio, se lo sono, fin dall’infanzia chi ci sta intorno provvede subito a far “disimparare” tale spontaneità). La capacità di amare e di essere amati si alimenta soprattuto attraverso un continuo desiderio, un’attenta consapevolezza e anche, appunto, un esercizio costante.

In realtà essere competente per quel che riguarda l’amare e il farti amare ti permette non solo di conquistare un uomo ma di creare con lui un legame forte e privilegiato, cioè un rapporto di coppia autentico e vero, dove entrambi crescete e vi sentite gratificati. E questo non ha nulla a che vedere con un rapporto di coppia di sola facciata, nel quale si sta per “comodo” o per “convenzione”o, peggio, per paura.

Non solo, saper praticare l’amore come una abitudine che conosci bene e di cui sei perfettamente padrona, ti permette di incontrare fin dall’inizio uomini interessanti (evitando quelli che interessanti non sono), di entrare con facilità in connessione autentica con il tuo partner (anche nella fase di corteggiamento) e di realizzare un legame che dura nel tempo.

"Non c’è niente di più completo di una coppia che attraversa il tempo. Marc Levy"

Rapporto di coppia: 6 regole per la serenità

E’ possibile definire delle regole o perlomeno delle linee guida che ti permettano di praticare e fare tua l’arte di amare e di essere amata? Oggi vorrei proporti 6 passi base con i quali puoi acquisire maggior consapevolezza della direzione nella quale andare, fin dall’inizio di un rapporto di coppia, perché possa riuscire il meglio.

"In una coppia, quel che è importante è rendere felici se stessi e offrire questa gioia all’altro. J. Salomé"

1)      Considera la regola del rispetto. Di che si tratta? Tutti parlano di rispetto, molti “pretendono rispetto”, la maggioranza delle persone che “esigono rispetto” di solito sono quelle che non vengono mai rispettate e che non concedono mai rispetto agli altri (questa “corrispondenza” è diffusa). Questo accade perché in molti considerano il rispetto solo un aspetto “formale” ed esteriore dei rapporti in generale o di un rapporto di coppia. Il rispetto, invece, è un aspetto sostanziale delle relazioni tra le persone. Rispetto, per esempio, significa accettare l’altro per come è, significa non pretendere di cambiarlo, significa non usare nessuna manipolazione o ricatto emotivo nei suoi confronti. Rispetto di un’altra persona significa pretendere che questa ci porti rispetto (come ho descritto sopra): non riterrai il tuo compagno tanto fragile, debole o imbecille da non essere in grado di rispettarti, vero? Ora butto un sasso nello stagno: lo sai che per avere rispetto è necessario essere stronza e usare il cinismo? Ricorda: se dài rispetto al tuo compagno e lo ricevi da lui, starete insieme per sempre.

2)      Dài importanza e pratica con costanza, fin da subito, riti, tradizioni e abitudini che alimenteranno il tuo rapporto di coppia. Questo ti permette di costruire molto rapidamente una sincera intimità – da tutti i punti di vista – e un dialogo fruttuoso con il tuo compagno e di mantenerli vivi e vitali per tutta la durata del rapporto di coppia. Che cosa sono queste “tradizioni di coppia”? Sono delle buone abitudini che solo voi condividete. Per esempio: fare colazione fuori tutti i sabati mattina; inviarsi un breve sms, magari poco prima di rientrare dal lavoro e di vedersi, per raccontare la cosa più “divertente” o strana che avete visto/sentito/sperimentato nella giornata, oppure decidere che la sera del primo giovedì del mese andate fuori a cena in un ristorante in cui nessuno dei due è mai stato.

3)      Presta attenzione alla “continuità del legame”. Perché sono utili i riti, le tradizioni e le abituidini positive all’interno del rapporto di coppia? Perché permettono di mantenere la continuità del legame, vi tengono uniti in qualcosa di unico, speciale ed esclusivo, che si mantiene nel tempo, che dà certezza e sicurezza a entrambi, creando apsettative positive e grandi spazi in cui il relax e il divertimento sono assicurati.

Il rapporto di coppia: un club esclusivo

"Che cosa sono i problemi di coppia? Se ci sono problemi, non c’è coppia. Romain Gary"

4)      Abbatti le barriere che si frappongono al legame e alla vera intimità. Quanti uomini e donne vivono nell’incertezza riguardo il loro rapporto di coppia, tanto da sentirsi in soggezione e intimiditi rispetto al proprio compagno e alla propria compagna? Soprattutto se poi sono distratti dal logorio della vita moderna, dal lavoro, dai vari impegni etc? Rispettare riti e abitudini di coppia significa pianificare in anticipo momenti dedicati e riservati e questo elimina lo stress del “lo chiamo o non lo chiamo?”, “ci vediamo o non ci vediamo?”, “preferirà uscire o restare in casa?”. Pianificare piccoli eventi regolari e piacevoli per entrambi abbassa lo stress e di conseguenza permette che aumenti l’intimità e si rafforzi il legame.

5)      Fonda e mantieni in vita il club esclusivo e riservato ai membri del vostro rapporto di coppia. Quanto è bello appartenere a un club esclusivo? Quanto è bello appartenere a un club esclusivo i cui membri siete tu e lui, un club “segreto”, che si riunisce regolarmente e con costanza per condividere esperienze, affetto ed emozioni che nessun altro può venire a conoscere e può sperimentare?

6)      Crea un susseguirsi continuo di piccole esperienze positive per entrambi nel tuo rapporto di coppia. Non serve una notte di sesso folle all’anno o una costosa megacena di pesce ogni sei mesi per costruire e tenere vivo un legame. Molto più utile un quarto d’ora tranquilli sul divano, una passeggiata rilassata nel parco, un caffé senza pretese nel bar “giusto”. E’ dimostrato scientificamente: il ripetersi di piccole esperienze “univoche” potenzia i legami. L’ho spiegato anch’io in questo articolo. Non solo, basare il rapporto di coppia su piccole cose semplici, riduce stress e fatica, non fa entrare nell’ansia da prestazione e permette di mantenere costanza e continuità.

E secondo te, quali sono le situazioni che interrompono un legame e quali sono le situazioni che più facilmente danno forza e intensità a una relazione?

Lascia un Commento!

63 Commenti

  1. Avatar di ste

    ste 1 anno fa (7 aprile 2016 21:29)

    E se si è distanti? Ma molto distanti,Africa e Italia...come si fa a raggiungere tutto questo ?ce la si fa? O è meglio lasciarsi anche se innamorati ?
    0
    Rispondi a ste Commenta l’articolo

  2. Avatar di Alessia

    Alessia 9 mesi fa (26 agosto 2016 12:10)

    Buongiorno! Gradirei ricevere la guida gratuita "come attrarre la persona giusta in 11 passi" ma quando inserisco il mio indirizzo e-mail mi dice che non va bene! Grazie e complimenti per questo blog che mi è di grandissimo aiuto in questo momento molto difficile
    0
    Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

  3. Avatar di Aurora

    Aurora 1 anno fa (15 aprile 2016 13:25)

    Il punto è che quando si ama una persona, si hanno le idee chiare. Si "sente" dentro che non si vuole nessun altro intorno a sé, non in senso sentimentale o fisico. Per cui, direi che se capita di sentirsi attratti da un'altra persona, vuol dire che non si prova più nulla per il proprio partner e sarebbe quindi opportuno prenderne atto. E' difficile farlo ma è la cosa migliore.
    5
    Rispondi a Aurora Commenta l’articolo

    • Avatar di DANIELE

      DANIELE 6 mesi fa (16 novembre 2016 10:23)

      Aurora, a 15 anni è sicuramente come dici tu..a 40 dopo 10-15 anni insieme la situazione è un po' diversa..provare attrazione per un'altra persona non solo è possibile ma è umano..la persona con cui stiamo non può soddisfare tutti i nostri bisogni, è normale provare anche un interesse per qualcosa di diverso, soprattutto dopo tanto tempo..il punto è capire cosa si ha, se il rapporto con la persona con cui si sta vale ancora la pena e prendere le proprie decisioni..non abbiate una visione troppo assolutistica dell'amore, vi esponete solo ad illusioni ed inevitabili delusioni
      1
      Rispondi a DANIELE Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 6 mesi fa (16 novembre 2016 16:45)

      daniele, ok la visione assolutistica, l' amore inizia e finisce...io ho lasciato una donna splendida diversi anni fa a qualche mese dal matrimonio perché non l' amavo più (e non ne avevo un' altra pronta), ma non giustifico le persone che sono sposati da anni, con figli e mettono le corna al partner in nome del "riprovare le emozioni di un tempo", del tornare adolescenti...quando si decide di mettere su famiglia, l' amore per quella determinata persona, unica ed irripetibile nel mondo, diventa una vera e propria scelta, con una assunzione di responsabilità assolutamente seria, con una promessa di esserci e di VOLER esserci per l' altra persona....non è una avventuretta da 18enni...e le persone quando si sposano o mettono al mondo dei figli la prendono sotto gamba questa cosa...e poi non sono capaci di tenere vivo un rapporto...ovviamente se la compagna o il compagno si rivelassero sbagliati per una serie di comportamenti gravi, ammetto la possibilità della separazione, anzi la auspico, anziché restare dentro la relazione, ed andare a farsi gli amanti in giro..
      7
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Aurora

      Aurora 6 mesi fa (17 novembre 2016 9:16)

      Perfetto. Sono d'accordo con ogni singola parola che hai scritto, Max.
      0
      Rispondi a Aurora Commenta l’articolo

    • Avatar di Aurora

      Aurora 6 mesi fa (17 novembre 2016 9:16)

      Daniele, ho 45 anni, non 15. Ho divorziato con un bambino abbastanza piccolo ormai più di dieci anni fa perché non amavo quello che era il "fidanzatino del liceo" poi divenuto marito. Eravamo cresciuti in modo diverso, penso. Ero attratta da altri uomini e non mi sembrava onesto iniziare una doppia vita, così ho detto basta ad un matrimonio-finzione. Dopo ho avuto una storia lunghissima con quello che si è rivelato essere un narcisista perverso (e mi rimane ancora il rimpianto di non averlo capito per tempo). Tre anni di solitudine per ritrovare e stabilizzare me stessa, poi incontro una persona splendida e adesso vivo una situazione di serenità stabile con un uomo con cui sto benissimo e che amo in un modo per me nuovo, anche grazie a questo blog e alle parole di Ilaria, a volte un po' dure ma sempre vere. Chiaramente non so cosa ci riserverà il futuro, ma so che entrambi mettiamo noi come coppia al primo posto e non trascuriamo niente. Uso una metafora un po' sfruttata ma secondo me ancora valida: la piantina dell'amore va coltivata giorno dopo giorno, senza mai dare nulla per scontato, senza mai adagiarsi nel comodo tran-tran della quotidianità. Daniele, vorrei sbagliarmi ma mi sembri tristemente deluso e adagiato in un rapporto ormai esaurito. Il punto è capire se è qualcosa che si può salvare o se si è arrivati troppo tardi, se troppi sono i rancori accumulati, la noia, il vuoto. Sicuramente, se credi nel tuo rapporto ti devi impegnare per salvarlo, senza distrazioni esterne, che sarebbero solo deleterie per tutti voi.
      4
      Rispondi a Aurora Commenta l’articolo

  4. Avatar di Sabry

    Sabry 1 anno fa (2 aprile 2016 15:06)

    Ciao a tutti! Ciao Ilaria! Per la mia esperienza personale una delle situazioni che interrompe un legame è provare una forte attrazione per qualcun'altro e non saperla gestire! Nel senso farsi travolgere da questa attrazione e non avere la lucidità di dire: "quello che ho in questo momento è molto molto più grande rispetto al l'attrazione Che provo per quest'altro". Ciò che più unisce due persone sempre per la mia esperienza sono le risate! Divertirsi e ridere per le stesse cose e per cose che solo in due si capiscono è la cosa più bella e unica al mondo, fa sentire esclusivi, poi ovviamente condividere momenti di vera intensa intimità sessuale, di sentire l'affetto e l'amore in qualsiasi momento pur sapendo ai reggere sulle proprie gambe.
    0
    Rispondi a Sabry Commenta l’articolo

    • Avatar di Raffa

      Raffa 1 anno fa (4 aprile 2016 10:31)

      E' vero Sabry, lo sto provando sulla mia pelle e si sta da cani... Non avevo mai provato un'attrazione così forte per una persona, una persona che la mia testa mi dice di allontanare perchè mi farà solo soffrire, ma che proprio non ce la fai, non ci riesci, la devi vedere per forza, devi sapere come sta, cosa fa... Io razionalmente so che questa persona non sarà mai la persona giusta, che non mi vorrà mai come lo voglio io, ma non riesco a togliermelo dalla testa e non riesco a capire niente, non provo nemmeno pentimento o dispiacere nei confronti del mio ragazzo per quello che provo e che ho fatto, ma mi rendo conto che sono completamente in balia dei sentimenti di impeto che provo per questa persona... Non riesco a gestirmi e la cosa mi ferisce e mi fa star male profondamente...
      -8
      Rispondi a Raffa Commenta l’articolo

    • Avatar di Sabry

      Sabry 1 anno fa (4 aprile 2016 12:02)

      Ciao Raffa!!!! Anche io ero nella tua situazione più o meno: fidanzata da tre anni ho provato una fortissima attrazione per un altro che non era solo fisica! Non so di certo consigliarti perché l'ho gestita malissimo, ma posso dirti come è andata a finire, magari ti aiuta ad essere più lucida! Sono rimasta confusa per qualche mese, poi ne ho parlato con il mio ragazzo e ci siamo lasciati! Io avrei dovuto prendermi del tempo da sola per capire me stessa e ciò che davvero desideravo, invece ho iniziato a frequentare quell'altro e dopo un paio di settimane dopo molti paroloni lui si è defilato con un sms! Così ho iniziato a stare da sola e cercare di capire me stessa! Sono tornata dal mio ragazzo perché mi mancava ma lui mi ha detto chiaramente che non mi ama più! L'ho perso per sempre! Ora staró da sola finché non starò bene veramente e spero di imparare dai miei errori!!!! In bocca al lupo!!! Scegli bene!! E con lucidità!!!un abbraccio
      2
      Rispondi a Sabry Commenta l’articolo

    • Avatar di Raffa

      Raffa 1 anno fa (4 aprile 2016 14:57)

      Ciao Sabry, ti ringrazio per la risposta, il fatto di leggere esperienze di altre persone simili alla mia mi da un pò di sollievo. Sai, è la stessa cosa che sento io... In questo momento quello che vorrei è solo stare sola.... Tornare a casa mia (perchè convivo, e proprio per questo la situazione è molto più complicata e amplificata) e smettere di vedere tutti e due per un pò... Ma so già che cadrei nel tuo stesso errore, ovvero cercherei l'altro... Lo so come sono fatta.... Per questo non prendo ancora questa decisione.. E soprattutto so che se dovessi decidere di prendermi una pausa con il mio ragazzo, lui mi mollerebbe definitivamente, come ha fatto il tuo con te... Quindi come mi muovo mi muovo succederebbe solo un gran casino... Come ho detto anche in un altro post, non mi resta che aspettare, cercare di capirmi, di entrare in contatto con me stessa perchè da un paio di mesi a questa parte mi sono completamente persa....
      -1
      Rispondi a Raffa Commenta l’articolo

    • Avatar di EMILIO

      EMILIO 6 mesi fa (22 novembre 2016 13:48)

      cornificae il tuo ragazzo continuandoci a stare una vera vigliaccheria io me ne vergognerei meglio una dura verita' che fargli del male alle spale VERGOGNA!!!!
      -1
      Rispondi a EMILIO Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (22 novembre 2016 14:31)

      Ho approvato questo commento perché offre un punto di vista. Insultare e giudicare gli altri non va bene e non mi piace.
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  5. Avatar di Rosy

    Rosy 4 mesi fa (8 febbraio 2017 16:28)

    Quello che non sopporto io. e quando l'uomo nasconde i messaggi che scrive. Questa è una delle cose antipatiche poi quando io mi assento di casa per giorni lui incomincia a messaggiare a tutti i suoi contatti della rubrica poi quando io manco per giorni lui va a mangiare fuoricon la mamma e parenti poi quello che non riesco a capire che un uomo di 45 anni ascolti Radio Maria tutte le notti prima di dormire. poi un uomo di 45 anni per me è un ragazzo un ragazzo di 45 anni che si fa la doccia due volte al mese non e normale.un rapporto di coppia per durare a lungo si deve condividere tutto. E non nascondere i messaggi.non rendermi partecipe delle sue cose...dicendomi che sono cose sue e non deve rende conto ala sua compagna. Io non so come comportarmi .quanto può durare questa covivenza.mi sento un estranea .
    -2
    Rispondi a Rosy Commenta l’articolo

  6. Avatar di dani

    dani 4 settimane fa (1 maggio 2017 14:57)

    Grazie. Farò tesoro dei vostri preziosi consigli e suggerimenti. In effetti noi donne siamo sempre troppi in ansia, soprattutto alla mia età (ho 54anni) e non ci rendiamo conto che la vita e le persone sono uniche: godiamocele! Dani
    1
    Rispondi a dani Commenta l’articolo