Perché gli uomini spariscono: le tante (spesso insensate) ragioni di un comportamento molto diffuso

perché gli uomini sparisconoAccidenti, è davvero un fenomeno molto comune, quasi ovvio e normale per alcuni e tutto dei nostri tempi: gli uomini che dopo una lunga o breve frequentazione – puf! – da un giorno all’altro si smaterializzano e non si trovano. Scompaiono. Sono irreperibili. Ma perché gli uomini spariscono?

"È davvero il tuo posto quando riesce ad essere anche la tua via di fuga. saraturchina –  Twitter"

Nel percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca sul titolo per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno), spiego che cosa motiva un uomo a stare in una relazione e a impegnarsi e che cosa lo allontana. E nel 99% dei casi non riguarda te.

Che cosa spinge, allora, persone con le quali si era instaurata (o almeno si credeva si fosse instaurata) una relazione di affetto, magari di intimità e fors’anche di amore a tagliare la corda e a non farsi vedere e sentire mai più?

Le modalità di sparizione possono essere leggermente diverse le une dalle altre: c’è quello che dalla sera alla mattina non si fa più sentire, dopo averti dichiarato il suo amore e magari aver pianificato nei minimi dettagli una settimana di vacanza con te, solo tu e lui, il mese prossimo.

C’è colui che, di punto in bianco, dopo aver dimostrato una presenza assidua e finanche assillante, con 13 sms, 17 messaggi whatsapp e 9 chiamate quotidiane per parlare del nulla, passa a uno svogliato sms al giorno e a una telefonata affrettata ogni tre e poi, in capo a paio di settimane, nulla più.

Magari vi siete conosciuti da poco ma tra voi c’è già stata tanta (presunta) intimità emotiva e anche fisica; oppure avevate incominciato a vedervi dopo una lunga frequentazione virtuale (via chat e affini); oppure eravate addirittura fidanzati, stavate facendo progetti seri e a lungo termine.

Le “sparizioni”, sebbene caratteristiche dei nostri tempi, in realtà sono una vecchia storia: da sempre molti padri di famiglia sono scomparsi nel nulla uscendo per fare benzina e/o comprare le sigarette.

O molti simpaticoni, in tempi in cui certe libertà della donna non erano acquisite – ma anche oggi – hanno piantato in asso la propria partner al solo sospetto che aspettasse un bambino.

Non facciamo finta di non sapere e di non ricordare. Non ci sono più gli uomini di una volta, che erano stronzi come quelli di questa volta.

Personaggi famosi hanno costruito le proprie fortune raccontando le storie dei loro o altrui padri dissoltisi da un momento all’altro e mai più riapparsi (se non per battere cassa, se del caso, dopo essere diventati bisnonni). O delle loro ragazze-madri.

Quindi il cavalleresco e virile gesto della fuga è da sempre tipicamente maschile. Altro che principi che uccidono draghi o eroi senza macchia e senza paura che si prendono cura di orfani e vedove o coraggiosi cacciatori pronti a stendere un mammuth con sassi e fionde. Balle.

E siamo sempre qui: perché gli uomini spariscono? Perché un corteggiatore, un partner, un fidanzato o addirittura un marito decidono di andarsene senza lasciare tracce, senza “chiudere”, senza fornire una spiegazione?

Soprattutto, dopo quello che c’è stato – poco o tanto che sia – perché se ne vanno senza nemmeno salutare?

Ho preparato un test che ti aiuta a capire perché un uomo sparisce e non ti cerca, per farlo ti basta cliccare sul bottone qui sotto:

Scopri perché non ti cerca: fai il test

Perché gli uomini spariscono: non è colpa tua

Già, ma quanto dà i nervi che le persone (chiunque esse siano e qualunque sia la situazione) se ne vadano senza una frase di congedo, una spiegazione qualsivoglia, un saluto.

C’è di che diventare matti, in effetti.

E le donne vittime di uomini che spariscono, spesso non se ne fanno una ragione e comprensibilmente: prima si preoccupano (magari temono che al lui in questione sia successo qualcosa di orribile); poi si danno delle spiegazioni razionali (“Avrà da fare, ci saranno imprevisti e novità spiacevoli che lo occupano e lo distraggono suo malgrado”), poi si arrabbiano e decidono di rivendicare  (e cominciano a cercarlo, senza fortuna e a chiedere ragioni e spiegazioni che non arrivano, o a supplicare), in ultimo si colpevolizzano. Si danno la colpa. Cercano in se stesse magagne incurabili. Si attribuiscono difetti, fisici, caratteriali orribili e inadeguatezze sessuali irrecuperabili…

Autocolpevolizzarsi è lo sport preferito dalle donne, in cui quasi tutte sono delle fuoriclasse. E di fronte agli uomini che spariscono ogni donna tira fuori il meglio di sé per quel che riguarda l’autosvalutazione e la picconatura delle proprie sicurezze: “E’ colpa mia; sono stata troppo assillante, bisognosa, precipitosa. Non gli ho lasciato i suoi spazi, non l’ho capito e non gli ho dato ciò di cui aveva bisogno.”

Stupidaggini, queste sono delle sonore stupidaggini. La donna bisognosa, rompiscatole e attaccaticcia, che vuole sposare uno conosciuto da appena due ore è insopportabile, certo. Allo stesso tempo questo fatto non giustifica l’atteggiamento contraddittorio del perla di turno che prima vuole frequentarla per un x periodo di tempo e poi smette di punto in bianco.

Cioè, mettiamo pure che tu sia assillante, controllante e soffocante: beh, se ne è accorto di colpo, dopo averti corteggiato per un po’, essere venuto a letto con te e magari – come spesso accade – averti fatto anche spericolate e quasi incredibili dichiarazioni d’amore? Se è così è comunque un vero perla.

"La morte raggiunge anche l’uomo che fugge. Orazio"

Allora: se pensa che tu sei insopportabile è stato un cretino a frequentarti, fin da subito. Debosciatello dei miei stivali.

Se ti sei trovata ripetutamente nelle vesti di coprotagonista della “Misteriosa storia dell’uomo innamorato scomparso senza spiegazioni dalla sera alla mattina” probabilmente sai meglio di me che è il susseguirsi di queste storie che ha minato la tua fiducia negli uomini e in un futuro sereno accanto a un partner serio e soprattutto affidabile.

So bene che l’autostima di molte donne viene più intaccata da tante sparizioni come queste che, per dire, forse esagerando un po’, da una storia abusiva o da una separazione contrastata o da un divorzio doloroso.

Anche se sembra sproporzionato, è più che verosimile che una si faccia una ragione di un matrimonio finito in modo drammatico e si prepari a vivere una nuova vita, con le gioie e le difficoltà che tale nuova vita può comportare, ma allo stesso tempo non riesca a comprendere perché gli uomini spariscono e soprattutto si comportano in modo tanto vigliacco.

In altre parole: va bene essere reduce da una storia importante finita male, ma quel che fa perdere fede e fiducia nel genere maschile, non è il grande amore conclusosi in modo crudele, ma lo stillicidio di storie finite ancora prima di cominciare, per le ragioni più stolide, non ultimo per il fatto che molti uomini con i quali sembrava essere nato qualcosa, scompaiono nel nulla dall’oggi al domani.

Come classificare un uomo che scompare: zero aspettative

Insomma, se si sono avute delle grandi delusioni, bisogna evitare quelle piccole, dato che spesso le piccole delusioni minano l’autostima più delle grandi.

Ecco perché è bene capire perché gli uomini spariscono. Sempre che sia importante: uno che sparisce va lasciato nel cimitero degli elefanti, degli stronzi che se ne vanno senza avere nemmeno il coraggio di chiudere. Questo in sintesi. Ma ti dò anche l’analisi, dato che so che sei curiosa.

Ci sono una serie di regole fondamentali per smettere di soffrire per amore e trovarlo per davvero questo benedetto amore:

1) evitare gli uomini sbagliati

2) e dunque saperli riconoscere velocemente, in modo da tenerli a distanza preventivamente, prima che si sentano autorizzati a fare danno ‘sti imbecilli

3) dimenticarsi e archiviare i molti nani che si incontrano e che mostrano comportamenti sociopatici o stronzi o anche solo cafoni.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

Inoltre bisogna considerare che sì, è fondamentale osservarsi con un po’ di autocritica e soprattutto tendere sempre al miglioramento di sé, ma è altrettanto fondamentale tenere a mente che nel mondo là fuori, quello vero e non quello che ti raccontano in famiglia/scuola/amicizie/giornali e tv ci sono un sacco di mediocri che non meritano attenzione ed energie.

Persone che non rispettano impegni, ingannano, non pagano fatture etc ce ne sono tantissime e spesso rimangono impunite, ecco perché perserverano nei loro comportamenti scorretti.

Le nostre città più belle, il nostro paese e le nostre istituzioni sono per lo più in mano a persone o a gruppi di persone che, se fossero sedute vicino a noi in treno, ci stringeremmo la borsa in grembo per paura che ci rubino il portafoglio…

Che vuoi pretendere da un uomo qualunque che gioca con i sentimenti di una donna, quando di sentimenti nulla sa? Che si faccia scrupoli? Che abbia un certo senso dell’onore e del rispetto dell’impegno preso e della parola data?

Ma no, dài. Un po’ di cinismo e di disincanto.

Questo è l’atteggiamento mentale dal quale partire: proteggerti sempre, contare sulla tua astuzia e scaltrezza e non farti aspettative sugli altri.

Ma non perché il mondo è brutto e cattivo: il mondo e la vita sono bellissimi. Solo che pidocchi, sanguisughe e ladri di ogni genere sono anche nei posti più belli. Tutto qui. Basta saperlo.

Non è che non bisogna avere fiducia negli altri. Bisogna avere fiducia solo in alcuni, pochi, sceltissimi.

Prima selezionare, conoscere, soppesare e mettere alla prova. E poi magari chissà cominciare a concedere un po’ di se stesse.

Non il contrario.

Chiaro?

10 motivi per i quali gli uomini scompaiono

Il primo motivo per il quale un uomo sparisce è di una banalità disarmante. Si tratta di un cafone, maleducato, scortese, che non conosce le regole della buona educazione. Hai idea di quanti supercafoni girano al mondo, a tutti i livelli? Quelli le cui madri vanno in giro dicendo: “Ho un figlio meraviglioso”. Seee…

Il secondo motivo è che ha una capacità di empatia sotto lo zero. Zero intelligenza emotiva. Zero interesse per la cosa davvero importante della vita: considerare gli altri – tutti gli altri – come compagni di viaggio degni di rispetto, attenzione e scambio. Sai che gli frega a lui delle relazioni umane? Nulla. Ma proprio nulla, veh. Semmai il suo problema è che Piguain sia passato al Real Madrid e che non abbiano lasciato giocare Storti, dopo il rigore, ecco.

Il terzo motivo è che è un essere umano di una pigrizia patologica e perversa: troppa fatica andarsene dando uno straccio di spiegazione. Una volta si chiamava accidia, il torpore esistenziale, per i cattolici uno dei sette vizi capitali, ecco.

Il quarto motivo è che è un vigliacchetto (o vigliaccone): ha paura di chiudere, di congedarsi, di salutare. E’ un adolescente dentro. Ma di quelli nemmeno particolarmente intelligenti.

Il quinto motivo è che ha paura della tua reazione. Sa che non saprebbe come gestirti, come rispondere, come spiegarsi. Un impedito della vita. Ma non saprebbe come gestirti, perché non sa nemmeno che cosa sta facendo. E’ inconsapevole di se stesso e della vita che vive. Un mollusco, ecco.

Il sesto motivo è che finora ha raccontato un sacco di bugie: a se stesso, a te, magari a qualcun’altra. Forse si sta vedendo con un’altra donna; forse era impegnato già da prima; forse si è accorto che si è fatto prendere la mano (mica è uno che si controlla lui e che pensa e soppesa le possibili conseguenze della sue azioni, vive alla giornata, non pensa al domani, è nel qui e ora, sta rilassato, ecchecavolo) e adesso è pentito di essersi spinto oltre con te e non osa rimangiarsi tutto affrontando la propria melmosità faccia a faccia.

Il settimo motivo è che consapevole di essere un perla e si vergogna mortalmente di quello che ti vuol fare (mollarti dopo aver iniziato e continuato qualcosa con te).

L’ottavo motivo è che si sente “schiacciato dalla responsabilità” del rapporto con te. Ha fatto di tutto per legarti a lui perché questo caricava il suo ego e ora che il legame si è instaurato, pensa di essere incatenato e la responsabilità gli fa paura (accidenti!) e siccome gli fa così tanta paura, non si prende nemmeno la responsabilità di tagliare la corda.

Il nono motivo è che sa che ti sta deludendo, provocando un dispiacere o addirittura dando un dolore e a lui i lutti non piacciono e il dolore tanto meno (questa mi è venuta dalla suggestione di una battuta semiseria fatta dalla psicoterapeuta Esther Perel  in un dialogo con l’antropologa e psicosessuologa Helen Fisher in un dibattito tra loro alla fine di un discorso di Ted dedicato all’influenza della tecnologia sulle relazioni.

Il decimo motivo è che ha proprio voluto farti del male, godendo del tuo dispiacere. Gode nell’avere tanto potere da far soffrire una persona. E’ un sadico. Uno psycho. Uno stronzo. Chiamalo come vuoi, basta che ti sia chiaro che è un mostro. Punto. Basta. Fine.

Lui è scomparso. Che cosa puoi fare tu

Un uomo che scompare dopo che sembrava che tutto filasse per il meglio in una relazione è una frustrazione da elaborare mica da ridere. Ripeto: spesso sono più distruttive queste sequele di micro frustrazioni di quanto può esserlo un evento tragico quale una relazione abusiva o l’abbandono da parte del compagno di una vita.

Superare una frustrazione è una sfida. Superare le frustrazioni è essenziale.

E poi la vita è piena di sfide: questa nello specifico è importante vincerla perché non è oggettivamente una tragedia (anzi, che il perla si sia dileguato è una fortuna) e  ti mette faccia a faccia con il senso della tua dignità e ti può permettere, con un piccolo sforzo e un atto di volontà, di proteggere la tua autostima, ma anche di accrescerla in modo di uscirne più forte e più sicura.

"Io per prima cosa ti costruisco tutte le vie di fuga. Non voglio pensare che rimani perché non te ne potevi andare. followfabrizio, Twitter"

Insomma, hai un’ottima opportunità per fare un corso accelerato di “Gestione e manutenzione della propria dignità e sviluppo dell’autostima” in un caso di vita reale. Cara la mia fortunella…

Qual è la direzione giusta da prendere, allora?

  1. Metti tutto nella giusta prospettiva: un buzzurro inaffidabile si è tolto dai piedi. Con il senno di poi pensi che avresti davvero potuto combinarci qualcosa di buono?
  2. Fai un rapido report in cui prendi nota di tutte le idiozie che ti ha detto e ha fatto prima di scomparire. Oggettivamente e con distacco, non ti fa ridere tutto ciò? Lui non è un miserabile che alla fine suscita pena? Ridici su, in modo da potenziare il tuo senso dell’umorismo, per il prossimo imbecille che incontrerai (e che grazie all’esperienza saprai riconoscere ed evitare). Semmai condividi: scrivi le perlate di colui qui sul blog, in modo da ampliare il nostro bagaglio culturale e non sprecare un patrimonio di conoscenza fondamentale. Gli idioti sono inutili e dannosi, a prescindere, ma possono essere preziosi maestri.
  3. L’ha fatto con te, ma l’ha fatto o lo farà anche con altre: il problema è suo. E’ un problema serio, dato che è un problema di molti, in un mondo sempre più affollato di mediocri emotivamente impotenti. E molto spesso non solo emotivamente.
  4. Ributtati a capofitto nei tuoi obiettivi personali, fosse anche solo imparare a pattinare con disinvoltura nei prossimi tre mesi (io non ce la facendo a imparare a pattinare con disinvoltura in tre mesi, mi hanno messo nel corso ripetenti, ma ce la sto mettendo tutta, giuro. Sai come ti insegnano bene a fare gli slalom quando fai lezione di pattini? Ecco. Questo sì che è utile).
  5. Non comprare quello che credi che il vigliacco abbia voluto venderti: che sei tu quella che non vale abbastanza, tanto da non meritarsi nemmeno un saluto. E’ lui che ha questo stile di comportamento. Detestabile. E di sicuro non ce l’ha solo nei rapporti di coppia. E’ una persona inaffidabile a 360 gradi. Brrr. Lontano, via, sciò.
  6. Che ti frega di lui? Lascia perdere. La vita è molto di più di queste scemenze. Più pensi a lui (e ai tanti come lui) più ti impedisci di trovare un uomo che sia un vero uomo e non una mezza calza. Davvero, tempo ed energie spesso.

In definitiva la risposta alla domanda perché gli uomini spariscono è: spariscono i vigliacchi privi di spessore umano. Se spariscono sono vigliacci privi di spessore umano. E tu con questi – voglio ben sperare – non vuoi avere nulla a che fare, giusto?

Lasciami le tue testimonianze, per favore. Le perlate, soprattutto.

E se vuoi davvero approfondire come funziona la psicologia maschile e come riconoscere tra gli uomini i “cavalli vincenti”, cioè coloro sui quali davvero investire le tue energie perché affidabili e seri, fai il percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca sul titolo per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno).

 

Lascia un Commento!

1.431 Commenti

  1. Avatar di Angy

    Angy 2 mesi fa (13 Ottobre 2020 14:22)

    Salve Ilaria, salve ragazze..Nutro molte insicurezze in un rapporto che termina. Conosco questo ragazzo due settimane fa.. Mi ha scritto tutti i giorni tutto il giorno, interessato a chiedermi come stessi e cosa facessi.. Mi chiese di uscire una volta la prima settimana.. Tante cose in comune, io molto tranquilla, non ho fatto cenno di futuro insieme, ho vissuto il momento,dopo tanto parlare mi baciò e fini li il contatto perché al massimo gli ho detto che oltre il bacio non sarebbe successo per come la penso io, perché aprimmo il discorso. Mi scrive quando torna a casa di rivederci presto, continuiamo nei giorni a sentirci, sempre lui a cercarmi per prima e a usare frasi riferite al domani al futuro di fare quello fare questo.. Ha 32 anni, io 31.. Mi disse che da un mese ha lasciato la sua ex 11 anno più piccola perché le esigenze erano diverse e che con me si trovava molto bene.. Molto imbarazzato in senso positivo mi diceva.. Fino a che ci rivediamo martedì, sempre allo stesso modo ridere parlare e il bacio verso la fine, e mi dice che il sabato ci teneva che andassi con lui il fratello il cugino e la ragazza del cugino al locale insieme, oltre che diceva che mi avrebbe poi una sera fatto conoscere I suoi amici. L indomani sempre carino coi messaggi mi ha detto che mi pensava sempre. Il giovedì più distante, il venerdi peggio.. Gli chiedo se la serata era ancora valida o mi sarei organizzata e lui ieri mi scrive"sono successe un bordello di cose che mi hanno innervosito, quindi la serata è saltata, scusa se sono distante In questi giorni ma devo risolvere un po di cose, tvb".non mi aveva mai detto di volermi bene. Gli rispondo che se ci fosse un reale problema ho interesse nel conoscerlo e si potrà far sentire lui e che se fosse una scusa per troncare io sarei andata avanti.. Non so se ha tolto spunte blu o no ma nn vedo visualizzato. Nessuna risposta.. Sparito. Rispetto alle storie che hanno un percorso, questa mi ha lasciato molto rimorso.. È finita sul nascere, come devo comportarmi e cosa è potuto succedere? Grazie ragazze per l ascolto
    Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (13 Ottobre 2020 20:47)

      Carolina e Angy, care mie, niente di nuovo sotto il sole. Le vostre storie sono uguali tra loro e uguali a centinaia di altre. Lui vi usa come giocattoli, quando si stufa vi molla. Il tema è che voi permettete di lasciarvi illudere da uomini che, in fondo fondo, non vi interessano davvero ma che accettate solo per non rimanere sole.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 2 mesi fa (13 Ottobre 2020 20:54)

      Si se ne sentono tante.. Ma questa inaffidabilita' perché persiste?
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (13 Ottobre 2020 21:45)

      Perché loro pensano a se stessi e non agli altri. Sono come ragazzini al luna park. Vanno sugli autoscontri, poi sul tagadà Le relazioni per loro sono la stessa cosa. E' un problema loro. Diventa tua quando insisti e persisti nel frequentare soggetti del genere. Tutto qui. Vanno lasciati dove sono.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 2 mesi fa (13 Ottobre 2020 21:53)

      Grazie Ilaria.. Con il percorso "Vola" sto notando che in situazioni come queste con l'autostima non mi darei colpe inopportune
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 2 mesi fa (14 Ottobre 2020 1:06)

      Ma quelli che vi scrivono costantemente messaggi e mettono ripetutamente i like ai vostri post/storie non vi danno fastidio? Chiedo...
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 2 mesi fa (14 Ottobre 2020 8:45)

      Non era il mio caso.. Nel cercarmi spesso intendevo dire "era presente".. E l attenzione è la presenza per me conta
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (14 Ottobre 2020 10:58)

      E quindi?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 1 mese fa (14 Ottobre 2020 11:17)

      Ho risposto a Francesca 😊
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 1 mese fa (14 Ottobre 2020 12:15)

      Ilaria.. Io ho già ricevuto le risposte che cercavo con le tue risposte 😊forse c'è stato il malinteso con Francesca tutto qui
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 mese fa (14 Ottobre 2020 11:29)

      “Mi ha scritto tutti i giorni tutto il giorno, interessato a chiedermi come stessi e cosa facessi.. “ Ho quotato te, non mi sono inventata nulla. :-)
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 1 mese fa (14 Ottobre 2020 12:10)

      Non ho detto che hai inventato.. Solo che non ho detto tale frase col significato che le hai attribuito tu 😊intendevo che non era un tipo che si ricordava di scrivermi a tempo suo
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (14 Ottobre 2020 12:13)

      E quindi? Ripeto, Angy, e quindi? Dove vuoi arrivare? Qual è la risposta che vuoi?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 mese fa (14 Ottobre 2020 13:41)

      In effetti, era un tipo stabile. Era. Ma se era stabile allora come ha fatto a smettere di esserlo? 🤔 Come il paradosso del mentitore. Sul telefono dovremmo avere un’app che ci dice quanto tempo ci è rimasto da vivere. Magari ci viene voglia di smettere di buttarne via.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 1 mese fa (14 Ottobre 2020 14:23)

      Francesca hai ragione.. Buttiamo via tempo prezioso per nulla
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

  2. Avatar di Carolina

    Carolina 1 mese fa (14 Ottobre 2020 11:18)

    Adesso mi rendo conto sempre di più che uno così è meglio perderlo che trovarlo, ma continua a bruciarmi il fatto che non ha avuto neanche la decenza di dirmi qualcosa, bastava anche un" sono incasinato in questo periodo e non voglio nulla, non me la sento", non chiedevo grandi cose. Voi dite che è meglio che non gli scriva niente e che lo lascio nel suo brodo di incertezze e paranoie oppure gli scrivo qualcosa per mettere un punto definitivo? Non so che fare.
    Rispondi a Carolina Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 1 mese fa (14 Ottobre 2020 13:45)

      Carolina, renditi conto definitivamente che il tipo non fa' per te, a meno che tu non stia studiando psicologia e ti serva un caso disperato da analizzare. Perché cerchi risposte da lui? Cosa cambia? Non perdere altro tempo, dedicati alla tua vita, dimenticalo e cercati una persona equilibrata che ti piaccia e non abbia "ombre" nella sua personalità. Fabio
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

    • Avatar di Carolina

      Carolina 1 mese fa (14 Ottobre 2020 17:08)

      Grazie Fabio, no, assolutamente non mi serve una caso disperato da analizzare. Come hai detto tu ho bisogno di una persona equilibrata e di una relazione serena, non sicuramente di qualcosa che mi faccia stare male. Meglio lasciar stare perché non ne vale la pena; mi servirà come esperienza per il futuro.
      Rispondi a Carolina Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 1 mese fa (14 Ottobre 2020 14:02)

      Ciao Carolina, sei tanto giovane :), ma la tua storia è uguale a un milione di altre che si sentono qui, da uomini e donne di tutte le età. Ergo, le storie e i meccanismi non cambiano mai, a 20 come a cinquant'anni. a pensarci bene fa un po' tristezza. Perché dobbiamo sempre immaginarci questi uomini che spariscono, anche solo dopo il primo incontro, come attanagliati da mille dubbi, incertezze, paure? Perché non riusciamo a pensare che semplicemente non gli interessa? Niente giudizi eh, l'abbiamo fatto tutte, l'ho fatto pure io, che oramai ho qualche annetto più di te, e se Dio vuole la lezione l'ho imparata! :) Non gli interessa e il resto sono solo scuse! E l'altra cosa che ho imparato, sicuramente anche grazie a questo sito, che dobbiamo proprio farci passare quella voglia (bisogno?) di ricontattare, spiegare, chiarire, puntualizzare, avere spiegazioni, chiarimenti, puntualizzazioni...Scrivere per mettere un punto definitivo? A cosa? Per dirgli cosa? Non c'è stato nulla Carolina. E credi davvero che uno che conosci da ieri, hai visto una volta e poi è sparito nel nulla abbia voglia di stare a sentire le tue rimostranze? Il fatto è che a noi sembra in questo modo di dimostrare di essere forti e di non farci mettere i piedi in testa (bello, a me così non mi ci tratti..) e invece riusciamo solo a dimostrare quanto siamo bisognose e ferite dal loro comportamento. per non parlare della segreta speranza di convincerlo, con le nostre rassicurazioni, di lasciarsi andare ad una relazione da cui lui è sicuramente terrorizzato! Seee, come no! Lascia perdere Carolina, tu non hai fatto niente di ché, non è successo niente di ché, semplicemente non è andata e...sinceramente ti sembra davvero di aver perso chissà che cosa? Sei giovane, hai tutta la vita davanti, non perdere altro tempo, rammenta la lezione e vai avanti e la volta prossima tutte queste domande non te le porrai nemmeno più! Un abbraccio!
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Carolina

      Carolina 1 mese fa (14 Ottobre 2020 17:24)

      Ciao Lela, purtroppo questo episodio che mi è successo mi ha colto impreparata perché non mi era mai capitato che una persona sparisse così, senza alcun reale motivo. In fatto di storie non ho molta esperienza, ho avuto un'unica relazione seria che è stata tutto fuorché normale e quindi è tutto nuovo per me. È vero, molte volte siamo noi donne che diciamo che gli uomini hanno paura, che hanno insicurezze etc, etc, tuttavia la prima spiegazione che mi ero data io sul comportamento di questo "desaparecido" era che non gli piacevo abbastanza o che non aveva interesse oppure che avevo detto/fatto qualcosa di sbagliato. Poi però mi sono detta, ma perché devo avere sempre io qualcosa che non va? Perché non può essere lui questa volta ad avere problemi, pare ed essere semplicemente un'ameba nel gestire le relazioni? Sicuramente la tua opzione è più che valida, potrebbe essere che non ha interesse nei miei confronti e per questo non mi scrive, ma avendo avuto modo di parlarci, anche se per poco, mi sembra che sotto ci sia dell'altro. Tornando al punto fondamentale di tutto ormai è insensato cercare di trovare spiegazioni e motivazioni, è andata così, fortunatamente è stato troncato ( anche se malamente) tutto sul nascere e sta a me ora mettermi il cuore in pace e guardare avanti. Come hai detto tu mi servirà come lezione, così la prossima volta col cavolo che inizio a frequentare un tipo del genere ( almeno spero ). Grazie per i consigli, mi sei stata d'aiuto!
      Rispondi a Carolina Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 1 mese fa (14 Ottobre 2020 18:15)

      Brava Carolina, è esattamente così che devi pensarla: un'ameba a gestire le relazioni! Non vale nemmeno un minuto del tuo tempo e del tuo pensiero! Purtroppo è molto probabile che qualche altra ameba ti capiti, ce ne sono troppe in giro per sperare di evitarle tutte😁, ma quest'esperienza potrà servirti a riconoscerla subito e liberatene alla velocità della luce! Avanti tutta!!!😉
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

  3. Avatar di A

    A 1 mese fa (22 Ottobre 2020 20:32)

    @Angel Mah...forse narcisista e pure patologico. Ma a me sembra un puro e semplice inetto ai rapporti con gli altri, di quelli che non pensano per nulla a quello che dicono, e magari si ritengono onesti e corretti, sinceri. Molto pieni di sé da permettersi di prendere carta e penna e addirittura fare un elenco dei difetti di chi incontrano. Più che narcisista un inconsapevole fuori di testa, capace di fare del male a destra e a manca a chi invece alle parole dà un peso. Noi, in generale, sbagliamo quando ci aspettiamo che un' altra persona abbia la nostra stessa coscienza, il nostro modo di ragionare, la nostra delicatezza nell'agire evitando di ferire il prossimo. Un idiota inconsapevole, ma appunto un idiota. Angel lascialo perdere. Che te ne fai di quello? E davvero ti può ferire il suo giudizio? È una persona che stimi? Che vorresti con te? Hai perso le tue aspettative e qualche sogno, questo lo capisco e so che si soffre, ma la sua realtà è diversa, piatta, arida. Non ci stavi bene in quella realtà, ricordatelo.
    Rispondi a A Commenta l’articolo

  4. Avatar di Martina

    Martina 1 mese fa (20 Ottobre 2020 15:02)

    5 anni fa, lui il mio capochef in un ristorante stellato. Io ultima arrivata, ma determinata a non cedere alle sue battutine/provocazioni seduttive, concentrandomi sul lavoro. Però mi piaceva e fuori dal ristorante non riusciva a guardarmi negli occhi (come fosse sempre imbarazzato). prima che lui se ne vada dal ristorante per un altro impiego in un'altra regione gli regalo uno scritto che legge, si meraviglia e mi scrive chiedendomi chi ero, cosa volessi ecc... Ne nasce un rapporto assurdo dove ci si scrive (o io o lui) ogni 4-6 mesi...sempre chiedendoci dove ci si trova. Questa estate, stanca di tanta evanescenza e del pensiero fisso su un rapporto mai nato, ci vediamo. Ero in vacanza nella sua regione e lui mi chiese di passarlo a trovare. Passiamo 2 giorni da sogno...senza fare sesso ma vivendo un'intimità estrema...nei discorsi..nella vicinanza fisica...lui riconosce la coraggiosità del mio gesto, dopo 5 anni di chat e simili; ci salutiamo con lui che mi propone di rivederci il weekend dopo. Torno a casa...ricomincia a mettere "mi piace" su fb e commentini e poco di più...dopo quello che abbiamo vissuto mi sembrava come se avesse fatto 10 passi indietro. Lo chiamo dicendogli che la mia non era stata una smattata estiva...e che avrei avuto piacere a rivederlo. La risposta? "Quando verrò a Milano ti chiamerò". Da lì ancora commentini e mi piace su fb, poi il silenzio..ma se gli scrivo (l'ho fatto solo un'altra volta) risponde immediatamente. Sono stanca del poco coraggio maschile...della loro incapacità di uscire da se stessi per provare a fare un passo con coraggio verso l'altro.
    Rispondi a Martina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (20 Ottobre 2020 15:55)

      Ma che mancanza di coraggio... Non gliene importa un fico secco di te. Si può dire? Come si fa, cara Martina, a imbastire delle storie così inverosimili? Come si fa a credere a tutte queste idiozie? Che libri vi hanno dato da leggere da piccole? Perché va bene tutto, ma un po' di responsabilità per quello che ci succede che la dobbiamo prendere.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (20 Ottobre 2020 16:42)

      Dai Martina, ha ragione Ilaria. Ma quale incapacità di uscire da se stessi, questa è volontà di tenerti fuori della sua vita. Neanche sesso avete fatto... Non gli interessi da nessun punto di vista, gli piace sapere che da cinque anni penzoli dalle sue labbra in attesa di ricevere udienza. Ti prego, dimmi che in questi cinque anni un po' ti sei divertita e hai avuto storie, anche solo avventure, e non sei stata al palo ad aspettare Casper...
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 1 mese fa (20 Ottobre 2020 21:25)

      Martina, scusa la franchezza ma a me sembra che abbia fatto un po' tutto tu. Ovviamente non posso sapere come siano andate le cose in realtà, ma il fatto che tu abbia detto di essere stata per 5 anni con un pensiero costante su questo rapporto virtuale mi porta a pensare che sia stata più tu a portare avanti la faccenda e che lui ti abbia un po' assecondato senza sbilanciarsi e poi si sia tirato indietro. Ritieni davvero che valga la pena di investirci altro tempo?
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Martina

      Martina 1 mese fa (21 Ottobre 2020 15:30)

      Ciao Vic. Si certo. Ho affrontato una convivenza disastrosa di un anno e mezzo. Ho però rifiutato anche diverse proposte di conoscenza perchè il mio cuore era per Casper, come lo chiami tu e non volevo prendermi gioco di terze persone. Chissà, prima o poi avrò la volontà di calarmi nel reale e affrontare un rapporto "vero". Al momento questa forza non c'è.
      Rispondi a Martina Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (22 Ottobre 2020 11:22)

      Ciao Martina, chiamo "Casper" tutti i fantasmini, niente di personale con te ovviamente. Capisco che ci siano altre problematiche in questo caso e non mi dilungo su questioni che non saprei affrontare. Fai quello che ritieni giusto per te, quando sarai pronta probabilmente troverai la maniera di calarti nel reale. Al di là comunque della tua situazione personale, il mio commento era rivolto al tuo pensare che quest'uomo non avesse il coraggio di farsi avanti con te. Secondo me la tua percezione è sbagliata e scambi un piccolo rifornimento dell'ego per interesse.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 1 mese fa (28 Ottobre 2020 0:14)

      Cara Vic, leggo sempre con piacere i tuoi commenti, molto profondi, e aggiungo che i sentimenti che "pensiamo" di provare per uomini che poi si rivelano "fantasma" sono dovuti al nostro bisogno di ricevere amore, calore, affetto... loro se ne approfittano quando vedono le nostre debolezze e ci tengono legate scomparendo e riapparendo...e ci fanno soffrire...ma sta a noi rompere l'incantesimo! Mai giustificarlo! Sparisci? Bravo! E non tornare più perché trovi la porta chiusa!!! A me piange il cuore quando leggo storie come quella di Angel, di Martina e di tante altre...anche io ho sofferto ma non ho mai dato una soddisfazione ad un uomo di elemosinare il suo amore, tanto che ci tornavo a fare? Chi te lo fa una volta te lo fa sempre....meglio chiudere e Amen! Notte
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (28 Ottobre 2020 12:35)

      Infatti, Michela. In fondo l'amore lo senti nel cuore, ma è nella mente. Io ho imparato una volta di più che le persone non cambiano e, se c'è amore, c'è dall'inizio. Almeno un po'. E se ce n'è almeno un po', quella persona non svanisce nel nulla da un giorno all'altro facendoti sentire sbagliata e non all'altezza. Non lo fa e basta. Un abbraccio
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Michela

      Michela 1 mese fa (28 Ottobre 2020 20:06)

      È proprio come dici...Non cambiano! Anzi peggiorano!!! E tutte le donne (me compresa) devono mentalizzarsi su questa verità sacrosanta: un uomo interessato non scappa e non gioca con i sentimenti degli altri... e se lo fa è perché aveva solo voglia di pompare il suo ego oppure è uno psicolabile, un frustrato, subdolo omino dal quale è meglio stare alla larga...l'amore vero è tutt'altra cosa...un abbraccio Vic
      Rispondi a Michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Martina

      Martina 1 mese fa (21 Ottobre 2020 15:25)

      Ricevuto forte e chiaro. Sicuramente c'è grande responsabilità da parte mia per ciò che mi accade, ovvio, e così è per tutti direi. In una relazione "Normale" non riesco a starci. Mi annoio dopo poco e quindi una persona distante e che mi lascia grande spazio per l'immaginazione mi alletta. Quando deciderò di volere un rapporto reciproco e reale, sono sicura che questo avverrà.
      Rispondi a Martina Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 1 mese fa (20 Ottobre 2020 20:04)

      Sai che in questi 5 anni potevi incontrare qualcuno di concreto. È chiaro che non gli interessi. Ma come si fa a vivere di like ?
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 mese fa (20 Ottobre 2020 21:33)

      Tra l'altro, Martina, tra i due il signore è quello che riceve regali e che ha trovato una persona che si fa i chilometri per andarlo a trovare. Commentare o mandare messaggini non richiede grandi energie, tanto meno tiene in piedi un 'rapporto' che tanto rapporto non è.
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  5. Avatar di Giada

    Giada 4 settimane fa (2 Novembre 2020 15:23)

    ...ma se il ragazzo in questione avesse 35 anni e stesse progettando da mesi una convivenza con me dopo una storia di 4 anni? Storia a distanza, trova finalmente lavoro dalle mie parti, giriamo per vedere case insieme. Dopo una discussione un po' accesa da parte mia (perché aveva deciso di prendere casa non più con me ma da solo per problemi economici e perché mi ha detto che ogni fine settimana sarebbe tornato dai genitori e con me sarebbe stato solo la domenica sera) lui sparisce. Dopo un paio di giorni provo a contattarlo, chiamate e messaggi, ma nessuna risposta... Al ché ho lasciato perdere. Ma sono delusissima, mai mi sarei aspettata un simile comportamento da lui. Cosa fare? Mandargli un messaggio per mettere un punto alla storia? (Lo so è tristissimo, siamo over 35 e sembriamo 15enni). Il mio timore è che lui possa farsi vivo e lasciarmi (cioè pure di sopra!) Per me questa persona non è quella che amavo.
    Rispondi a Giada Commenta l’articolo

  6. Avatar di Noemi.S

    Noemi.S 1 settimana fa (20 Novembre 2020 19:43)

    Cara Ilaria, fantastico articolo e capita a fagiolo! Sono reduce da una storiella neanche iniziata con un collega di lavoro che possiede tutte quante le incredibili qualità che hai descritto e sono appena tornata a casa da lavoro dopo averlo nuovamente visto intrattenersi con interesse con una nuova collega. Devo dire che a parte la profonda delusione iniziale (classica trama: si flirta, si esce, bacio e un po' di intimità, allontanamento e indifferenza immediati da parte sua), sto reagendo abbastanza bene alla cosa, perché in cuor mio so che non è la persona giusta anche per questioni caratteriali. Ciò che mi fa stringere lo stomaco ogni volta è però doverlo vedere quasi ogni giorno in ufficio e ora pure a parlare col sorriso stampato in faccia con la nuova di turno. Maledizione lui e il suo essere attraente! Penso che se almeno non lo vedessi più, il dolore sparirebbe completamente. Ad ogni modo, il tuo articolo mi ha fatto riflettere su come effettivamente noi donne ci attacchiamo a uomini anche quando non ne vale la pena e stiamo a indulgere nell'illusione pure quando la nostra ragione ci dice di darci un taglio. E soprattutto di quanto valutiamo noi stesse in base al risultato di una relazione, flirt o qualsivoglia. Ora spero davvero di ricadere sempre meno spesso nei pensieri ossessivi del tipo "sono io che sono sbagliata" o "attraggo solo i tipi sbagliati" e vorrei ricordarmi più spesso che i momenti più belli vissuti finora sono quelli in cui ero "distratta" dai miei obiettivi, hobby, interessi e pienamente concentrata su di essi e non sull'autocommiserazione e la ricerca ossessiva di un partner. Oltretutto questo flirt è avvenuto proprio in un momento felice, quando non avevo alcun interesse a conoscere qualcuno. Un altro segno che mi indica che le persone vengono attirate da te, quando hai interesse esclusivo per la tua vita, te stessa e nient'altro. Che le persone attratte da te siano delle mezze calze, questo è una altro discorso e una piccola sfortuna.. So che farà ancora un po' male per un po', ma sono contenta di aver fatto esperienza ed aver imparato che non bisogna porre aspettative su nessuno, ma viversi la vita seguendo le proprie passioni e con tanto amore verso se stessi.
    Rispondi a Noemi.S Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 1 settimana fa (20 Novembre 2020 19:55)

      Scusa la domanda, ma... Di tutti gli uomini del mondo proprio con il collega che fa il provolone con tutte dovevi avere un avvicinamento? E magari é pure sposato! Temo che tu non l'abbia beccato in un momento felice della tua vita, come invece dici, o non ci saresti caduta con tutte le scarpe. Ah povere noi e quanto siamo lontane dall'aprire gli occhi ed amarci!
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Noemi.S

      Noemi.S 1 settimana fa (20 Novembre 2020 22:29)

      È successo tutto molto inaspettatamente ed era davvero l'ultima cosa che mi sarei aspettata potesse accadere. Ci sono stata per la più semplice motivazione che potrei dare, ovvero che il tipo mi piaceva, e molto! Non penso che le cotte fulminanti ti facciano vedere le cose in modo del tutto razionale. Al cuore non si comanda, no? La personalità da provolone non l'ha dimostrata affatto all'inizio, anzi era parecchio timido e insicuro, e anche questo mi è subito piaciuto di lui. Solo dopo che il gioco è finito e il suo entusiasmo si è spento ho realizzato la sua superficialità. Poi che il tutto sia capitato a lavoro (non è così raro e certo non è il massimo proprio per le conseguenze che ciò comporta) è un'altra questione. Sarebbe potuto capitare in qualsiasi altro contesto.
      Rispondi a Noemi.S Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 1 settimana fa (20 Novembre 2020 22:54)

      Ti stai giustificando con me o con te stessa? Perché onestamente non capisco il senso del tuo commento...
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Noemi.S

      Noemi.S 1 settimana fa (21 Novembre 2020 1:26)

      Giustificarmi per cosa scusa? La situazione è poco piacevole e lo so. Se leggi bene il mio primo commento, mi sembra di averlo detto chiaramente. Il precedente commento vuole rispondere alla tua domanda e alle pure supposizioni che hai fatto (che è un provolone con tutte; magari è pure sposato; magari non eri felice come dici). Se è difficile questo, boh :) Se posso, perché sei in questo forum?
      Rispondi a Noemi.S Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 settimana fa (21 Novembre 2020 4:21)

      Scusa Noemi il tipo descritto è il calassico dongiovanni dei poveri che dovrebbe essere evitato perché vuoto come una lattina finita e strizzata, perché fa perdere un sacco di tempo e perché di sicuro fate quella che cade fra le sue braccia non è un buon indicatore di astuzia presso gli altri colleghi che di sicuro lo conoscono. Ci sei cascata perché non ne ha colto la malizia. Punto. Non pensarci più non cascarci più.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 1 settimana fa (21 Novembre 2020 9:00)

      Pure supposizioni non direi proprio, considerato che ho riportato quello che hai detto tu. Solo che io vedo la situazione con più lucidità. A te dà fastidio che lui ti stia preferendo un'altra, come se il problema fossi tu, ma il soggetto non era un uomo di valore. L'esperienza ti serve ad aprire gli occhi per la prossima volta. Perché sono su questo blog? Boh, forse per imparare qualcosa/aiutare gli altri... Tu? Non solo per fare la vittima spero;)
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 settimana fa (21 Novembre 2020 0:50)

      Ciao Noemi, io penso che in questo caso non si possa parlare propriamente di "sfortuna". Perché il tipo da te descritto è il classico collega attraente e dal sorriso smagliante, magari pure single, che fa il figo e ci provicchia con tutte per alimentare il proprio ego. Un po' come l'istruttore di fitness o di tennis. Quindi, in questi casi bisogna farsi furbe ed analizzare la situazione. Punto primo: vedere come si comporta con te e con le altre colleghe. Se è già stato a letto con una o più colleghe e la storia non ha funzionato, potresti essere contenta del fatto che ha mollato loro e ora sta corteggiando te. E questo è un errore perché, come ha piantato in asso loro, potrebbe riservare lo stesso comportamento umiliante a te. Se, invece, non è andato a letto con nessuna e tu sei la prima collega con cui ci prova, stai in campana lo stesso. Perché è un collega di lavoro, e se va male sarai costretta a vederlo tutti i giorni e, se va peggio, a vederlo tutti i giorni che fa il cascamorto con le altre. Cosa che, appunto, ti è capitata. Punto secondo: la strategia è semplice, invero. Tu devi essere quella che non gliela dà, che non ci sta. Senza essere un pezzo di ghiaccio, però. Devi flirtare, devi intrigarlo, devi punzecchiarlo ma appuntamenti nada, baci out, sesso caput. Se sul lavoro piace a tutte e in tante ci sono andate a letto, tu non farlo. Se vede che sei una sfida, che non riesce a convincerti anche se sembra di sì ma poi gli dai buca sul più bello, potrebbe infatuarsi di te. Penso che l'unico modo possibile sia questo, anche se non è detto che vada a buon fine o che la storia comunque duri. Però, perlomeno gliela avrai fatta sudare o ti sarai divertita, magari l'avrai mandato pure in bianco. E' vero che al cuore non si comanda, però bisogna essere realisti. Ormai, dopo innumerevoli batoste, io ho appurato che non ci si può fidare delle parole, degli atteggiamenti apparentemente "timidi e insicuri". Ci sono relazioni che partono benissimo, con lui che fa di tutto per conquistarti, che ti corteggia per mesi e tu pensi che, se non fosse davvero preso e interessato, non lo farebbe, no? Poi, all'improvviso, dopo pochi mesi di storia ti molla e se ne va. Quindi, se a conti fatti può andare male anche con chi parte in quarta e ci dichiara il suo amore, cosa ci fa pensare che con il bello dell'ufficio funzionerà? Funzionerà perché anche noi siamo belle? Perché i belli si attraggono? Naa. In generale, è difficile che funzioni. Però, per avere una chance, secondo me con questi qui bisogna rendersi inarrivabili.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 settimana fa (21 Novembre 2020 4:15)

      Ma con questi no si ha una chance, perché perdere tantontempo ed energia?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 settimana fa (21 Novembre 2020 10:25)

      Già, Ilaria, meglio lasciar perdere, si va incontro a delusione al 99%. Però, se si vuole provare, penso sia l'unico modo. Poi, come dici tu, chance reali non ce ne sono, almeno per le donne romantiche che vorrebbero una bella storia.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 7 giorni fa (21 Novembre 2020 11:36)

      Ragazze, con questi soggetti io mi darei alla macchia. A Noemi è capitato di essere caduta nella sua rete, è successo. E ora si è resa conto della realtà per quella che è. Io non mi metterei a fare giochini con questi soggetti (soprattutto al lavoro), perché un po' non abbiamo tanto tempo da perdere e un po' perché sono iper-allenati e si rischia di capitombolare.
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 7 giorni fa (21 Novembre 2020 12:49)

      Ma chi la vuole, poi, una chance con questi? Scusate, ma io diffido sempre dagli uomini particolarmente belli (non che i normali non possano essere dei perfetti schifosi, celo). Certo, riconosco il loro potere attrattivo, ma poi finisce lì. Se no, scomodiamo la Gianna a cantarci "Bello e impossibile". Non voglio fare nessun tipo di discriminazione, sia mai, non è una colpa. Ma in virtù di una società che attribuisce alla bellezza fisica una importanza totalmente sproporzionata, i belli non è che si siano impegnati tanto a svilupparsi interiormente perché ottengono le cose con più facilità, le cose, non necessariamente l'amore, eh, anzi. Proprio perché sono belli, dovrebbero aver una capacità introspettiva forse ancor superiore alla media e questo non sempre accade. L'eccezione è sempre ammessa. Mi viene in mente Alessandro Gassman che è da sempre con Sabrina Knaflitz (poi io non so come vada fra loro, eh). Parlo della norma. Fine del gossip.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 1 settimana fa (21 Novembre 2020 9:16)

      E una volta che si rende inarrivabile e gliela fa sudare? Sarà trascorso un periodo più lungo ma il risultato non cambia. Tempo poco e sarà a fare il filo alla prossima... E a te tocca vederli amoreggiare in ufficio tutti i giorni. Certi elementi non vanno proprio presi in considerazione. Noemi S. ormai c'é stata e non si può tornare indietro, farà tesoro dell'esperienza ed imparerà a dedicarsi alla sua vita(al di fuori del lavoro) ed a darsi valore. Un uomo di valore é attratto da una donna di valore. L'uomo di valore però non ha necessariamente un faccino da copertina, bisogna saper andare oltre e capire chi si ha davanti, altrimenti quella é mera attrazione sessuale
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 7 giorni fa (21 Novembre 2020 12:39)

      Ciao Noemi. Una bella scottatura. Secondo me, più che altro, bisogna darsi delle regole. Quanto segue è detto a ragion veduta. 1) E' buona norma "non prendere la carne dove si prende il pane" (e lo dico da vegana :-D quindi capisciammè). Certo, può capitare che nasca una storia fra colleghi. E allora che si fa? Allora la si prende con molta calma, non alla leggera. 2) Se devi prenderla alla leggera, un membro attaccato a un individuo attraente lo trovi quasi ovunque. 3) Se vuoi una storia seria, allora scali le marce, e se lui non è disposto a prenderla con calma significa che è un pirla da spostare dalla tua strada con grazia e fermezza. 4) Anche quando non si pensa a una storia, bisogna essere sempre, sempre!, pronte, sempre sveglie a valutare la situazione che ti capita quindi bisogna pianificare prima se non per trovare l'amore almeno per evitare l'ennesimo scemo con pochissimi o nulli danni. 4) La frase al "cuor non si comanda" è una delle più grande castronerie del mondo che ha condotto migliaia, ma che dico migliaia, milioni di persone a fare immense cretinate. E' una narrazione bislacca, immatura, irresponsabile. Alain de Botton (se non si sa chi sia forse è il caso di andarselo a vedere) dice giustamente che l'amore romantico (che è un fatto culturale e non biologico, fra l'altro recente) è una delle cose più pericolose. Werther docet. Quello, poi, non è manco il cuore, ma è l'ossitocina...
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Noemi.S

      Noemi.S 7 giorni fa (21 Novembre 2020 19:01)

      Ciao Francesca, mi piace la tua analisi. Eh già, mannaggia, ora avrò imparato la lezione e sarò più prudente :) Riguardo all'ultima parte del tuo commento: l'amore romantico sarà anche una delle cose più pericolose, ma a quanto pare a noi donne il pericolo piace, e da secoli! xD Per fortuna ci sono sempre altre cose, oltre agli uomini, che rendono la vita una cosa meravigliosa.
      Rispondi a Noemi.S Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 7 giorni fa (21 Novembre 2020 19:36)

      La tua risposta, oltre che estremamente infantile, mi sa tanto da troll. Mannaggia eh, mannaggia all'empatia femminile ed alle perle date ai porci! Beata te che, in un periodo come quello che stiamo passando, ti ecciti in situazioni pericolose! Visita un reparto ospedaliero e vediamo se non ti passa la voglia di prendere per i fondelli le persone!
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Noemi.S

      Noemi.S 7 giorni fa (21 Novembre 2020 20:08)

      La tua risposta mi ha dato la conferma della tua bassezza. Non ho altro da aggiungere se non complimenti. Come se io qui, avendo fatto la cavolata, non avessi neanche il diritto ad esprimere una riflessione generale (che manco capisci poi). Tienile pure per te le tue perle di saggezza, se così vogliamo chiamarle visto il bel linguaggio. E se vuoi discutere in stile facebook, il social apposito si chiama così. Li trovi i tuoi simili :) Ringrazio molto voi altri per i vostri commenti e a questo punto mi scuso per aver dato corda ad Eliana. Pensavo di trovarmi in un forum di condivisione, riflessione e sostegno femminile, ma a quanto pare neppure delle donne c'è da fidarsi.
      Rispondi a Noemi.S Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 7 giorni fa (21 Novembre 2020 21:34)

      Sei la dimostrazione vivente che a dare una mano in modo disinteressata si ricevono in cambio solo cattiveria e meschineria. Se volevi solo ricevere un applauso ebbene te lo faccio, un lungo interminabile applauso. Non venire qui a piangere perché sei stata il giochino di un approfittatore se non sei pronta a sentirti dire la verità in faccia. Onestamente, visto quanto veleno hai in corpo, non mi meraviglia che abbia fatto di te ciò che ha voluto e poi ti abbia dato il benservito. Sei ben lontana dall'avere l'umiltà necessaria a capire i tuoi errori ed attrezzarti per migliorare. La chiudo qui, ho perso fin troppo tempo prezioso a considerare degna di consigli un troll. Decisamente più soddisfacente avere uno scambio maturo e costruttivo con le persone adulte che frequentano il blog. Vai vai che Badoo ti aspetta!
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Noemi.S

      Noemi.S 6 giorni fa (21 Novembre 2020 23:27)

      Dove la meschineria e la cattiveria da parte mia le hai viste, io non lo so. Le offese sono arrivate tutte da parte tua. Darmi della poco di buono (perché fraintendi i miei commenti e senza conoscermi) è veramente un gesto ignorante. Viva il femminismo eh. Il troll qui sei tu o magari sei solo una donna frustrata e acida che si deve sfogare qui, perché nella vita reale non ne ha il coraggio. In tal caso mi dispiace per te. Ora ho davvero chiuso. Buonanotte.
      Rispondi a Noemi.S Commenta l’articolo

  7. Avatar di PAMELA

    PAMELA 4 anni fa (9 Marzo 2017 12:04)

    Carissima Ilaria e carissime amiche Aggiungo questo piccolo ulteriore ringraziamento…sotto questo articolo che come al solito mi riguarda: spariscono spesso anche con me, e sto capendo piano piano il perchè. Tuttavia volevo dire questo: Faccio un lavoro di orientamento al lavoro , motivo i disoccupati a ri- trovare forza in se stessi, e li preparo a riaffrontare colloqui conoscitivi , a studiare le aziende ecc... Poi però nel mio personale faccio ancora errori, ma anche stupidi …. O peggio ancora già fatti!!!!! Ma credo fortemente nel potenziale di ognuno che va continuamente "aggiornato" ecco perchè rileggo e suggerisco a tutte NOI di farlo spesso, perché ogni volta si possono apprendere cose nuove e i consigli di Ilaria ( per me per lo meno ) stanno diventando dei mantra. ANCORA GRAZIE Pamela
    Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (15 Ottobre 2020 12:16)

      Ciao a tutte La mia relazione è finita dopo 3 mesi. Sembrava essere il primo uomo capace di volermi per sempre nella sua vita. Dopo una settimana diceva che voleva un figlio e che volesse fossi io la mamma dei suoi figli. Dopo un pò gli ho fatto conoscere pa mia famiglia, i miei amici. Gli ho fatto vedere dove abito. Addirittura parlava di inseminazione artificiale per essere sicuri du avere un figlio (io 39 e lui 41 anni). Lui non era molto effusivo, non esaggerava con gli abbracci, i baci e le attenzioni. Forse perchè da piccolo non l'ha conosciuto dai suoi genitori, che tra l'altro si sono separati e lui ne ha sofferto molto. Lui ha una tranquillità incredibile, apparente secondo me. Anch'io cercavo di adattarmi, avevo paura di perderlo. Non litigavamo mai, vabbeh dopo 3 mesi. Insomma una settimana dopo che si parlava di figli e traslocare etc. lui mi ha lasciata per sms. Motivazione: non vuole una ragazza che sia dipendente da lui a livello emozionale. Mi mancava l'affetto da parte sua, sempre più, ma questo non vuol dire che sono dipendente da lui. Anzi. Non si telefonava mai, perchè a lui non piaceva, ci si vedeva solo il fine settimana o lavoravo da lui qualche settimana e poi me ne tornavo a casa. Lo voleva anche lui. A volte non ci si sentiva tutto il giorno e poi si parlava solo la seta. Cioè non ero appiccicata a lui. Mi sono permessa solo di dirgli a volte che mi sembrava mi desse sempre meno attenzioni, man l'avrò detto 2 volte. Insomma io ci volevo parlare dopo perchè credevo se ne potesse parlare e risolvere. Forsw non ci si era capiti o insomma nulla di grave. Ma secondo lui le persone adulte non cambiano e quindi è i utile parlarne. Mi ha detto che per lui è stato difficile decidere, perchè siamo stati bene assieme. Allo stesso tempo non vuole appunto una persona dipendente e non voleva sforzarsi in una relazione secondo lui a rischio. Molto triste. Cosa ne pensate?
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (15 Ottobre 2020 17:45)

      @Angel, ne penso che devi farti una ricerca sul narcisista covert. Parte in quarta per agganciarti, con proposte assurde di figli, matrimonio e convivenza dopo pochi giorni dall'inizio della frequentazione. Se ha fonti di approvvigionamento più solide (una donna ricca, con un'ottima posizione sociale ad esempio) le predilige e scarta improvvisamente e brutalmente le altre (un sms è, appunto, una maniera brutale e perfida di interrompere un rapporto con una persona). Non è vero quello che ti ha detto che non vuole una persona dipendente vicino. Quelli così puntano esclusivamente prede fragili ed emotivamente instabili, bisognose di affetto e attenzioni. Per poi farle a pezzi. E' così che riescono a respirare e andare avanti, sono dei disturbati. Tornerà alla carica con te tra qualche tempo, ma solo per testare se sei ancora lì a piangere e per rifarti male. Informati, guarda dei video su youtube, leggi le testimonianze e confronta questa tua relazione con altre simili. Ti saranno chiari molti atteggiamenti vissuti nel corso di questi tre mesi. Ad ogni modo, mai fidarsi di uno che dopo una settimana ti parla di figli. Le persone non si conoscono neanche dopo anni. Ricordatelo.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (15 Ottobre 2020 20:40)

      Ciao Vic Non credo, almeno non riesco ad trarre questa conclusione. Lui si è costruito il suo equilibrio ideale e tutto ciò che scombussola questo equiibrio gli crea pressione. Io vengo da una relazione molto difficile e quest'ultimo anno non è stato semplice per me. Mi ha percepita debole e bisognosa di affetto. E lui ha detto che non è in grado di darmi questo affetto. Di conseguenza dubiterei sempre del suo amore e saremmo infelici a lungo andare. Non tornerà ne sono certa. Quando gli ho chiesto di cancellare il mio numero lui l'ha fatto senza esitare. E poi 2 giorni dopo mi ha scritto una mail per spiegarmi ancora una volta perchè mi ha lasciata. Gli ho risposto 4 giorni dopo proponedogli di parlare e di partire dalle cose che non capiamo, dalle nostre limitazioni, dalle nostre paure e senza aspettative. Da allora sono passate 2 settimane. Credimi non è il tipico uomo che cerca solo un'avventura. Era la prima volta che diceva ti amo ad una donna, e che aveva chiesto ad una donna di fare un figlio. Certo io non so cosa ha detto alle altre. Ma qui pargliamo di un uomo incapace di manifestare i suoi sentimenti e direi anche molto freddo. Perchè lui è cresciuto cosí. Se non ricevi amore, affetto da piccolo come puoi esserlo da grande. Quando hai vissuto solo tutta la vita come puoi abotuarti alla presenza di una donna? Anche l'empatia secondo me è inesistente. Sinceramente non so che tipo di donna sia in grado di stargli accanto. Dev'essere una donna senza cuore, forte e non so cos'altro.
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (15 Ottobre 2020 22:14)

      Eh, lo so Angel che non cerca un'avventura, lo immagino. Non sceglierebbe persone come te per un'avventura, persone empatiche e belle dentro. Credimi tu, il ti amo e il fare un figlio insieme lo dice a tutte, ma proprio a tutte. Fa parte del copione. Se contattassi una sua ex ti racconterebbe più o meno la tua storia. Non lo giustificare, questo tizio ti ha illuso di volere una famiglia con te e ora dici che è molto freddo e incapace di amare. Ok, non ha empatia e non sa amare, è così. Ma all'inizio ha finto di averle per agganciati, come mai? È un manipolatore e tornerà, tornerà eccome.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (15 Ottobre 2020 22:41)

      Un mio amico dice che io ero un peso per lui. E ha ragione. Un peso per il suo equilibrio. Che triste sapere di essere solo un peso e di essere ricordata come tale. Io ne sono convinta di essere bella fuori e dentro e di valerne la pena che un uomo combatta per me. Ma a 39 anni non è facile. Non è per niente facile. Importante è averlo capito e non fare gli stessi errori. Cmq sono convinta non si faccia sentire più. Se avrò torto ti farò sapere. Sarebbe cmq una soddisfazione e mi darebbe tanta forza. Un saluto Angel
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (15 Ottobre 2020 23:14)

      Se dici che il tuo amico ha ragione vuol dire che la manipolazione è riuscita. Pensa a fortificarti, alla tua crescita personale, alla tua autostima. E rammenta che l'unico modo per vincere dopo il suo ritorno sarà ignorarlo totalmente. Ricordati la favola dei tre porcellini e costruisci la tua casa in mattoni. Attendo tue. Un abbraccio
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 mese fa (16 Ottobre 2020 10:42)

      Il considerarti come un peso fa parte di una distorsione di fatti e situazioni, a cui ti sei sentita di credere per una serie di circostanze. Come dici tu stessa, imparare dai propri errori ti darà tanta forza, soprattutto per scardinare quelle convinzioni depotenzianti che hai su di te, i.e. di essere un peso, di non essere all'altezza. Più le scardini, più troverai persone che davvero ti apprezzano!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 1 mese fa (15 Ottobre 2020 23:37)

      Angel, quel tipo di persona non è un uomo, è una mina vagante, meglio starci lontano, e non preoccuparti di chi può starci accanto, problemi suoi. Vola alto Angel.
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (16 Ottobre 2020 6:49)

      Grazie
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 7 giorni fa (21 Novembre 2020 19:16)

      Mi associo a Vic. Stare alla larga da chi fa progetti e promesse dopo poche settimane. Aprite gli occhi!
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 7 giorni fa (21 Novembre 2020 20:48)

      C'è chi le fa anche dopo giorni, Emi. C'è l'articolo sul velocista e l'illusionista se non ricordo male. Ma chi si sarebbe immaginata a 20 anni di diventare un'esperta di stronzi a 40? Chi? Io no.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 7 giorni fa (21 Novembre 2020 22:13)

      Certo, ci sono anche quelli. Anche peggio. Più veloci sono, più emanano puzza di imbroglio! Diffidare di questi ipocriti e ciarlatani. Sì Fra, ricordi bene, l'ho letto anch'io quell'articolo. P.S. Un grande abbraccio a Ilaria, con l'augurio che si riprenda al più presto!
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 7 giorni fa (21 Novembre 2020 22:29)

      Ma che è successo a Ilaria? Mi son persa un pezzo! 😭
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 giorni fa (21 Novembre 2020 22:35)

      Niente, sono stata poco bene, nulla di che. Bloccata per 4 giorni. Speriamo sia finita...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 7 giorni fa (21 Novembre 2020 22:40)

      Mi sono persa l’aggiornamento. Mi spiace. Buon riposo e buona guarigione!
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 giorni fa (21 Novembre 2020 22:42)

      Grazie! Infatti ora vado a lettuccio, che ne ho bisogno. Grazie davvero!
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 7 giorni fa (21 Novembre 2020 22:59)

      Auguri di pronta guarigione, Ilaria, con affetto!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Serena

      Serena 6 giorni fa (22 Novembre 2020 12:21)

      Buona guarigione Ilaria, un forte abbraccio!!!
      Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 giorni fa (22 Novembre 2020 17:29)

      Grazie, ricambio l'abbraccio :)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 6 giorni fa (22 Novembre 2020 17:46)

      Ciao Ilaria. Ho letto che sei stata male e mi dispiace tanto. Ti auguro di cuore una pronta guarigione. Buona domenica a tutti.
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 giorni fa (22 Novembre 2020 18:06)

      Grazie! Mi sto riprendendo!
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 mese fa (15 Ottobre 2020 21:26)

      Ciao Angel, a me viene da dire: una grande pirla in meno nella tua vita! Parlare di figli a poche settimane dall'essersi conosciuti? Addirittura di come poter avere un figlio? Ma anche no, e sintomo di grande instabilità da parte di quest'uomo. Mi complimento tanto con te per esserti accorta della polvere ben stipata sotto il tappeto, e aver cominciato a pensarci su. A buon rendere per il futuro!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 1 mese fa (15 Ottobre 2020 22:59)

      @Angel: posso chiederti cosa ti ha portato a pensare che la sua "tranquillità incredibile" sia apparente?
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (16 Ottobre 2020 6:54)

      Per lui sarà anche un equilibrio stabile. Credevo mi facesse bene. Che potessi raggiungere una certa serenità anch'io. Ma invece stavo in ansia perchè sicuramente non lo volevo perdere e perchè non riuscivo a capire cosa sentiva. Non aveva bessuna mimica. E una persona che sente pressione dopo cosí poco tempo, per nulla poi, non è stabile anzi credo sia una persona molto insicura. Tipo che non riuscirebbe mai a parlare ad una donna che gli piace per strada. Anche foto di 10-15 anni fa mi hanno fatto capire che era estremamente timido e insicuro. Cosa che mi è stata confermata da lui. Poi lavora a casa, ha un'impresa sua. È sempre a casa immerso nel suo lavoro. Secondo me un equilibrio instabile.
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 1 mese fa (16 Ottobre 2020 14:39)

      @Angel: Ho capito, avevo pensato nel senso di aggressività o cose del genere. Ma anche così Angel, che significa che si è sentito sotto pressione? È una persona a rischio per via di problemi di salute? Perché in tutti gli altri casi temo si tratti semplicemente di un immaturo, ed egoista. Anche quanto al suo descriversi come una persona timida, tutte chiacchiere, secondo me.
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (16 Ottobre 2020 16:42)

      La sua spiegazione è stata che non vuole stare assieme ad una persona emotivamente dipendente da lui. Aveva la sensazione che il mik stato d'animo dipendesse da lui e per lui questo vuol dire forte pressione. E quindi dice che avrei sempre dubitato del suo amore per me. E la nostra storia sarebbe diventata sempre più difficile di giorno in giorno fino a sviluppare delle depressioni e in più forse anche un bambino di mezzo. Mi ha detto che non vuole soffrire per una relazione e tanto meno vedermi soffrire. Aveva visto segnali di deterioramento nella relazione. Secondo lui era inutile parlarne perchè gli adulti non cambiano. Quindi mi ha mollata senza neanche darmi modo di spiegarmi. Ma io gli credo anche. Non credo sia stato un modo perfido per agganciarmi. Secondo me lui ci ha provato veramente, nel suo piccolo, ma ci ha provato. E poi si è reso conto che non poteva darmi ciò di cui avevo bisogno: affetto e calore.
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (16 Ottobre 2020 20:18)

      @Angel No no e no. Chi ha questa particolare sensibilità di cui parli ci va con i piedi di piombo con le persone, non parte per la tangente per poi rimangiarsi tutto quando sei coinvolta e far scattare in te sensi di colpa e inadeguatezza. Non ti molla con un sms. Te ne renderai conto quando tornerà dicendo che ti ha pensato e gli manchi ed ha sbagliato tutto con te, e poi ti scarterà di nuovo dalla sera alla mattina senza pietà.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (16 Ottobre 2020 22:59)

      Ciao Vic Grazie per il tuo sostegno veramente! Non è facile. Non è facile affatto. Ci si sente sbagliate sí. Si pensa che magari avendo fatto questo o quell'altro le cose sarebbero andate diversamente. Anche se nel profondo so che non è cosí. Non riesco a darmi una spiegazione. So soltanto che a una certa età non si corre dietro a degli individui che non se lo meritano. Lui è stato molto chiaro e deciso nella sua decisione. La sua decisione l'ha maturata lentamente. Non credo torni. Ma ti farò cmq sapere se dovesse farsi risentire. Un caro saluto Angel
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (16 Ottobre 2020 23:05)

      Ti dirò di più, Angel: tu eri effettivamente in ansia e dipendente dai suoi umori perché lui non ti ha mai dato tranquillità, hai sempre percepito un'incertezza di fondo. Per questo avevi costantemente paura di perderlo. Se una persona ti fa stare bene e ti rassicura non hai perennemente il terrore che finisca, neanche se sei insicura e hai sofferto. Ti instillava lui la paura che tutto potesse finire da un momento all'altro, ti ha fatto vivere sulle montagne russe per poi buttarti di sotto, dandoti la colpa. È lui che ti faceva venire i dubbi e lo faceva apposta. Tu adesso sei nel pieno della dissonanza cognitiva e nel pallone della manipolazione e non te ne rendi conto. Ma un giorno ti si farà luce.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (16 Ottobre 2020 23:58)

      Beh effettivamente quando non stai bene in una relazione, ti senti insicura e hai paura di perderlo costantemente, vuol dire che c'è qualcosa di fondo che non va. Una relazione soprattutto se fresca deve farti stare bene e non ansiosa. Effettivamente non riuscivo a comprenderlo. Ma secondo me lui ha un' immaturità di fondo che non riesce a capire neanche lui. Credo anche che a 41 anni non sappia neanche cosa sia una donna. Figurati fare un figlio e creare una famiglia. Impensabile! Credo cmq che non lo avesse fatto apposta. Credo che ci abbia creduto o più che altro sperato che funzionasse. Almeno è quello che penso io. Ma come dici tu. Ora sto male sí ma tra un paio di mesi ci riderò su, almeno spero. Poi un'altra cosa stranissima. In 3 mesi che siamo stati assieme non mi ha fatto una foto? Secondo te è normale? Una persona molto strana e nel suo mondo ma credo non manipolativa.
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (17 Ottobre 2020 21:49)

      @Angel non è strano se, appunto, fai una ricerca sul narcisismo patologico. Certo che ha un'immaturità di fondo: sono dei bambini fermi a 4 anni, rompono il giocattolo e poi piangono, lo riprendono e poi si stufano subito, si annoiano e vanno a prenderne un altro. Se ci fai un figlio insieme e ci crei una famiglia, decreti la fine della tua sanità mentale, almeno finché ci rimani insieme. Non ti aiuteranno mai in nulla e ti faranno sentire in colpa su tutto. Sarai sempre quella sbagliata, proietteranno tutti i difetti che in realtà appartengono a loro su di te. Sì, loro sperano che funzioni, è vero. Lo sperano davvero, come i bambini che sperano arrivi la befana. Ma per funzionare per loro tu dovresti essere bionica, una persona perfetta. Dopo il love bombing, il periodo in cui ti hanno idealizzata, si accorgono che hai dei difetti come tutti, che non sei perfetta. Quindi ti scartano, incolpandoti per questa tua grave mancanza, appunto quella di non essere priva di difetti, l'essere perfetto che credevano e volevano. Ti puniscono coi silenzi, con le assenze, con le buche all'ultimo. Infine, con lo scarto brutale e secco. Ti ripescano più volte, anche con un semplice sms, per verificare se ancora muori per loro e, se ci ricaschi, ti riservano lo stesso identico trattamento precedente. Non possono fare a meno di distruggere i rapporti con le persone migliori, perché non riconoscono quell'amore che gli viene dato, non lo conoscono, hanno una ferita dall'infanzia causata dal rapporto coi genitori che li ha resi anaffettivi. Sono totalmente privi di empatia e di capacità di amare, anche solo di apprezzare l'amore. Così scambiano l'amore per debolezza, e loro non vogliono assolutamente rendersi vulnerabili e abbattere quella maschera di superiorità fasulla che si sono costruiti negli anni. Se si mettono insieme a qualcuno è perché quella persona è conveniente per una serie di motivi, magari perché bella o benestante o introdotta in un certo ambiente. Quella è la risorsa "madre" e ci si mettono insieme, ci si fanno le foto, ci si fanno vedere in giro. Le altre invece devono rimanere nell'anonimato, e sai il perché? Perché, oltre te, lui ha molte altre "risorse" e non vuole farsi vedere impegnato. Quindi non pubblicherà mai una foto di voi due, neanche se ci stai insieme, anzi, in quel caso ti dirà: "Ok, facciamola ma non la pubblicare, non voglio pubblicare foto mie". Il mio ex narcisista psyco aveva zero foto sue su fb e meno che mai con me, mai messa neanche mezza in tre anni. Il motivo per cui fanno così è che non vogliono rovinarsi la piazza, soprattutto se non sono più tanto giovani e belli come un tempo e hanno meno occasioni. Tu credi che sia solo strano e non manipolativo ma non è così. Questa è manipolazione e loro sono allenati, la praticano dall'infanzia. E come attori sono dei premi Oscar, i covert sono capaci di tornare in lacrime da te chiedendoti perdono e il giorno dopo bloccarti. Ripeto: sono dei disturbati. E nell'arte della simulazione sono dei re.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (17 Ottobre 2020 23:57)

      È tutto plausibile quello che dici. Alla fine sí mi ero sentita sbagliata, inadeguata, causa della sua scelta schock. Quella cosa delle foto però non lo so. Lui non era sui social. Per neinte. Ci sono tante persona a cui i social non interessano. E poi veramente non ci credo che torni, ma neanche per dire ciao. Ma proprio non ci credo. Ha sottolineato più di una volta perchè mi ha lasciata. E alla fine mi ha mandato una mail spiegandomelo ancora una volta. Cosa inutile perchè era già stato chiarissimo. La relazione che avevo prima è stata una catastrofe. E lui dopo un anno mi ha mandato una mail inutile. Ha provato a riagganciare. Lo stesso una persona con cui non ci era stato nulla. Ma anche lui dopo un pò mi aveva bloccata e si é rifatto vivo dopo 4 mesi. Ad entrambi ovviamente non ho risposto più. Tipo persone come spieghi tu. Ma lui è diverso. Non si farà sentire mai più. Se dovesse sarebbe veramente una sorpresa e per me una rivincita. Come lo è stato per gli altri due. Il quadro che hai descritto è esattamente quello che penso anch'io. Tutto veramente, tutto quello che hai scritto. Un equilibrio malato dovuto sicuramente al suo passato. L'unica cosa che non vedo proprio è che si faccia risentire. Quello proprio non lo vedo. Manipolativo sí ma non voluto. Secondo me è semplicemente la realtà in cui vive, che si è costruita negli anni. Una realtà per lui apparentemente logica. Alla fine ha solo detto che non vuole soffrire e non vuole vedermi soffrire. Ovviamente ha scelto la strada più semplice. Come dico tu non ero perfetta.
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (18 Ottobre 2020 23:03)

      @Angel, se è un narcisista tornerà. Altrimenti, uno str***o in meno. Tu però devi imparare a proteggerti e fortificarti, non è un caso se ti sono capitati tanti uomini sbagliati. Non puoi credere a chi dopo pochi giorni ti dice un "ti amo" che non sta né in cielo né in terra, ti dice che sei la donna della sua vita e blatera di figli. Perché se uno fa così appena l'hai conosciuto, le cose sono due: o è un disagiato o un manipolatore. Comunque sia, tu arrabbiati, incaxxati, tira fuori la rabbia. Ti ha illuso e buttato via, non merita le tue giustificazioni. Poi, trasforma quella rabbia in determinazione e grinta. Io pure sono in viaggio verso l'autostima e la piena consapevolezza del mio valore. Sono una pellegrina, ancora ne ho di strada da fare. Tu inizia il viaggio, però, non rimanere ferma lì. Se no resterai sempre in una condizione di bisogno, di fame d'amore. E niente come il bisogno attira gli squali. Un abbraccio
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 mese fa (18 Ottobre 2020 9:01)

      Cara Vic, la tua analisi è davvero impeccabile! Accidenti, che brava! Un abbraccio
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 1 mese fa (18 Ottobre 2020 16:46)

      Ciao Vic, quali sono le caratteristiche del uomo sano ?
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (18 Ottobre 2020 22:51)

      @Emanuele, questa tua domanda è tendenziosa ma non mi tiro indietro :) Innanzitutto, direi che le caratteristiche dell'uomo sano sono uguali a quelle della donna sana, e i disturbi mentali, come il narcisismo patologico, si riscontrano indistintamente nei due sessi. Quindi, parlerei più in generale di "individuo sano". Dunque, quali sono secondo me... Direi: 1) un individuo sano riconosce la differenza fra bene e male, perché ha sviluppato una coscienza morale e possiede una scala di valori; questa coscienza di solito si sviluppa crescendo e maturando. Ecco perché mi terrorizzano ad esempio i bambini-soldato: un fucile in mano a un bambino è un'arma micidiale. Se un uomo adulto mi puntasse contro una pistola proverei ad impietosirlo e farlo desistere dal proposito di spararmi; se fosse un bambino a farlo penso che pregherei e basta. Questo per dire che divenendo adulti si comprende come sia facile ferire le persone, già da ragazzi a scuola appare evidente. Crescendo, un individuo sano comprende che gli capiterà nella vita di essere ferito e di ferire il prossimo, ma se succederà sarà per mancanza di alternative o per egoismo, per negligenza, pigrizia o ingenuità, non per il piacere di fare del male. Perché chi prova piacere nel ferire un'altra persona o un altro essere vivente è un sadico, e non è sano. 2) Un individuo sano non fa dipendere la propria vita totalmente da qualcuno o qualcosa di esterno a sé stesso; questa è la differenza che c'è, ad esempio, tra un fumatore e un cocainomane, tra uno che ogni sera si fa il cicchetto e un alcolizzato, tra uno che gioca al superenalotto e un ludopatico, ma anche tra chi considera il partner come un arricchimento e chi lo considera il suo "ossigeno", che senza non può vivere. Ci sono dipendenze accettabili, per quanto comunque nocive per fisico o portafogli, e dipendenze insane. Per questo si può rimandare ai 7 peccati capitali: c'è la persona semplicemente golosa e quella bulimica o anoressica con gravi problemi nel rapporto col cibo; c'è quella a cui piace il sesso e la ninfomane; c'è il tipo oculato e parsimonioso e l'avaro; c'è la persona suscettibile e permalosa e quella psicolabile o che odia le donne (o gli uomini); c'è il "pantofolaro" pigrone e il depresso apatico; c'è la persona competitiva, ambiziosa e sicura di sé e poi c'è il narcisista superbo e invidioso. Tutti i secondi soggetti sono individui non sani. Per essere "sani" bisogna aver raggiunto un equilibrio, equilibrio che ci permette di vivere nella società e non fare del male al prossimo o a noi stessi. Altrimenti finirebbe per tutti come in "Un giorno di ordinaria follia" con Michael Douglas. Una persona sana sa controllare i suoi impulsi, di qualunque tipo, e non solo per paura delle conseguenze ma perché sa di doverlo fare, sa che è giusto farlo. E sa scegliere per sé in autonomia. Ci sono tanti disturbi, alcuni meno gravi di altri ma che comunque vanno a rompere l'equilibrio di un individuo e, conseguentemente, inficiano i suoi rapporti interpersonali. Anche un "mammone" non può essere definito un disturbato grave, ma il suo legame non sano con la madre lo influenzerà nel suo rapportarsi all'altro sesso e causerà problemi nelle sue relazioni. Quindi, 3) un individuo sano stacca il cordone ombelicale e, pur avendo sempre a cuore la sua famiglia d'origine (a meno che non abbia ragioni valide per non farlo), va avanti da solo con la sua vita in autonomia. Mia madre dice che i genitori sono un arco e i figli le frecce, e ad un certo punto loro devono scoccare la freccia e lasciarli andare. Un individuo sano sa di essere "freccia".
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Alice

      Alice 1 settimana fa (18 Novembre 2020 3:22)

      Wow Vic hai fatto la descrizione perfetta di quasi tutti gli uomini che incontro, davvero uno stillicidio emotivo...ho una paura ora di relazionarmi con gli uomini che non hai idea. Comunque mi comporto, comunque faccia o dica va sempre male. Tutto bene all'inizio e poi spariscono. Una storia che si ripete all'infinito. Comunque leggere nero su bianco le tue parole fa impressione... più leggevo il tuo commento più riconoscevo in particolar modo il mio ultimo ex, ex si fa per dire. Il Covert non so cosa sia ma mi informerò. Ti ringrazio per quello che hai scritto.
      Rispondi a Alice Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 settimana fa (18 Novembre 2020 20:11)

      Grazie a te, Alice. Sai, ho di recente guardato un video rivelatore che mi ha aiutato molto. L'esperta diceva che a tutti può capitare di incontrare persone tossiche nella vita, se ne incontrano per la verità a iosa, sia sul lavoro che fra le amicizie o fra le conoscenze. Sono ovunque, esattamente come le persone belle dentro e sane. In campo sentimentale, più una persona è di bell'aspetto, in gamba, interessante, simpatica e carismatica e più attrae un maggior numero di uomini/donne e quindi, statisticamente, ha maggiori probabilità di incontrare manipolatori o disturbati vari. Pertanto, non farti mai una colpa se hai attratto molti uomini così. Io non credo a chi dice che attraiamo quello che siamo, anche se ritengo vera l'opinione che se ci poniamo verso gli altri da bisognosi e affamati d'amore o amicizia, riceveremo l'opposto. Perché il bisogno attrae mancanza, e chi si comporta da vittima bisognosa attrae un carnefice approfittatore. Detto questo, però, se una persona si comporta normalmente, avendo una buona autostima e considerazione di sé, può attrarre sia gente perbene sia gente malata o opportunista. L'errore che invece facciamo, e dobbiamo riconoscere, è quello di rimanere nella relazione o frequentazione o rapporto "strano" con quella persona sbagliata, fingere di non vedere i segnali di scarso interesse. Dobbiamo imparare a mollare il colpo e abbandonare la nave prima che affondi. Prima di soffrire come cani. Perché rimettere insieme i cocci del vaso è dura, a volte durissima, e non si può aspettare che siano sbriciolati. Come avevo scritto tempo fa: "Se devi insistere, non è la tua taglia". Ovviamente, metterlo in pratica è dura quando una persona ti piace molto e sei coinvolta. Ma bisogna riuscire e diventare padroni di noi stessi.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Alice

      Alice 1 settimana fa (18 Novembre 2020 22:17)

      Vic ma quello che scrivi è stupendo. Grazie davvero per le tue parole. Sei una psicologa/psicoterapeuta o la tua è ahimè esperienza sul campo e quindi documentazione?
      Rispondi a Alice Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 settimana fa (18 Novembre 2020 22:54)

      Sicura sicura sicura “tutto bene all’inizio“? Perché, se davvero così, saremmo nella casualità totale e allora inizierei a giocare al superenalotto. Io credo invece ci siano segnali e 1) o non si vedono proprio o 2) non si vogliono vedere (su questo ho intere litanie di mea culpa). Credo che questo nodo sia assolutamente cruciale per 1) proteggersi e 2) evitare di perdere tempo con dei perdigiorno, cioè dei perdivita. Il rischio di selezionare in modo freddo, veloce, metodico è quello di restare da “sole”, è questo ciò che frega. Meglio sole e serene che sole e piene di legnate, se proprio sole si deve essere. Invece l’unica cosa che spesso si fa velocemente è innamorarsi. Che ne pensi?
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 settimana fa (19 Novembre 2020 8:46)

      Ne parlavo qualche tempo fa con una mia amica, che ha vissuto una storia disastrosa, molto simile ad una mia esperienza passata. I segnali ci sono nella stragrande maggioranza dei casi, se non in tutti. Solo che o non riusciamo a coglierli oppure li bypassiamo portando avanti un ideale di storia con quella persona che appartiene solo a noi. Sull'incontro e la probabilità di incontrare manipolatori / persone sane, secondo me i nostri schemi giocano un ruolo importante. Cioè, nel momento in cui decidiamo di voler stare bene, ecco, assumiamo anche comportamenti che tendenzialmente attirano persone sane. Non sempre, non è così automatico, ma ci attiviamo per selezionare. E credo che anche il nostro modo di esprimerci lo dica. Tramite il nostro modo di porci, il linguaggio e anche gli interessi. A poco a poco questo atteggiamento viene percepito anche dall'esterno, e il tipo di persone che si fermano con noi cambia. Quindi, incontreremo comunque persone disturbate perché lì fuori ce ne sono tante. Allo stesso tempo, conosceremo sempre più persone sane e serene - perché noi stesse lo siamo.
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 settimana fa (19 Novembre 2020 13:30)

      Non sempre si porta avanti per la questione dell’ideale di storia. Si porta avanti perché ci si sente stronze a chiudere subito, ci si sente esagerate, delle rompicoglioni che puntualizzano su tutto. E allora vuoi essere accomodante. E compensi dicendoti “beh, dai qualche difetto deve pur averlo”, “in fondo, sul resto (?) si comporta bene”, “ecco perché sei stata spesso sola perché non ti accontenti di niente”...Tutte ‘ste frasi autopronunciate tossiche più che un’aspirina scaduta da 40 anni. E questo essere accomodante diventa come una colla, come le sabbie mobili. E ti freghi con le tue stesse mani. Ti butti fumo negli occhi da sola e ti ritrovi la volta dopo (dopo che lui alla fine ti lascia, lui!) a non fidarti più delle tue valutazioni bislacche.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 settimana fa (19 Novembre 2020 16:18)

      Già, è proprio così. Alla fine, la cosa più difficile da fare è osservare i segnali e prenderne atto. Accettare che l'uomo che vorresti al tuo fianco e con cui ti senti felice non prova niente di profondo per te, sei una delle tante, sostituibile in fretta. Fa davvero male accettarlo, anche se si è all'inizio della storia, peggio se la storia va avanti da tempo. In ogni caso, non serve a nulla mettere la testa sotto la sabbia. Arriverà il momento in cui qualcosa ci tirerà fuori il collo con forza e saremo esasperate dal constatare lo scarso interesse, la mancanza di progettualità comune, e dal constatare che non gli manchi come lui manca a te e che sta bene anche senza di te nella sua vita. Questo ci porterà a discutere e lui finirà per lasciarci comunque, o metterci nella posizione di andarcene. Ci vuole davvero poco ad innamorarsi a volte, ma tanto ad accettare l'idea di lasciar andare chi non ci ricambia o non fa per noi. Perché il pensiero di ritrovarsi di nuovo soli e senza amore terrorizza. Io ci sono scesa a patti con l'idea di lasciar andare in fretta chi non mi vuole o merita, ma non vuol dire che stia bene. Vorrei imparare ad essere serena anche da sola. @Alice, non sono un'esperta, magari. Ho solo delle storie da raccontare. La psicologia però mi affascina e, anzi, sono sempre stata appassionata di criminologia. Sarà la seconda laurea che prenderò una volta che avrò reso più stabile la mia situazione lavorativa.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 settimana fa (19 Novembre 2020 19:41)

      Affascinante criminologia, Vic. Tempo fa studiai parti di un manualone di Lino Rossi per un testo che dovevo scrivere. Da sguazzarci. Se ti piacciono i fumetti e non lo conosci, ti suggerisco il fumetto che esce mensilmente “Julia, avventure di una criminologa” della Sergio Bonelli editore. Molto ben fatto.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 settimana fa (19 Novembre 2020 23:12)

      Che bello trovare una compagna fumettara, FrancescaF! Julia è una perla, come persona(ggio) e criminologa, e Giancarlo Berardi è un curatore a mio parere eccezionale. Tra l’altro Julia è accompagnata da una gatta persiana di nome Toni!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 settimana fa (19 Novembre 2020 23:58)

      Yuppi. Stupendo che tu lo conosca, Silvia! :-) La miciona Toni! Come non citarla, a una gattara come me, poi. Mi piace anche perché la sua figura è ispirata a Audrey Hepburn (mio mito assoluto e intoccabile) e perché anche gli altri personaggi della serie hanno un attore di riferimento. La sua governante, per esempio, si rifà a Whoopi Goldberg; i due poliziotti con cui lavora a John Goodman e a John Malkovich, mentre l'investigatore privato ha i tratti di Nick Nolte.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 settimana fa (20 Novembre 2020 11:40)

      Sì, infatti c'è una meticolosa ricerca sui personaggi, e secondo me la loro personalità arricchisce davvero tanto la serie. Adoro Alan e Leo, e le sfuriate tra Alan e Julia che durano tre secondi netti e poi tutti amici come prima :D Ma anche la nonna Lillian e Norma, che mi piacerebbe tanto scoprire di più tra le nuvolette di Garden City. Come riesci a cibarti di Julia dalla Svizzera? Sto facendo un po' di lobbying buono alla Bonelli per riattivare le spedizione per l'estero. Mi fermo qui che sono decisamente off topic ;)
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 7 giorni fa (21 Novembre 2020 12:17)

      Ciao Silvia, a parte l'attuale momento in cui i confini sono bloccati, io mi reco in Italia piuttosto spesso, è vicina, ecco perché. Forse ci sono degli e-comics tipo e-book? Buona giornata!
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Alice

      Alice 1 settimana fa (19 Novembre 2020 17:30)

      Ciao Francesca, innanzitutto grazie per la tua risposta. Forse hai ragione, io però non mi innamoro facilmente, mi invaghisco e provo a credere che magari questa volta l'uomo che ho incontrato sia onesto e creda in quello che dice. Sono così spaventata di soffrire e di imbattermi sempre nel solito sfuggente che io non mi butto mai a capofitto, prendo tempo, cerco di conoscerlo e farmi conoscere... dall'altra parte noto spesso una resistenza a questo mio modo di approcciare le cose, della serie: vivi il momento, sono così perché sono passionale e vorrei vivere una storia con una donna passionale. Poi quando mi ritrovo a spiegare il perché io voglia procedere con calma mi incarto...inizio a dire che lo faccio perché non voglio avventure e che vorrei innamorarmi e avere una storia, per questo vado piano. Secondo me su queste frasi un uomo che praticamente non mi conosce già pensa di darsi alla fuga (questa non la conosco e parla già di relazione). Insomma la mia argomentazione credo che allontani gli uomini...e comunque anche quando la spunto e a fatica mi prendo i miei tempi, anche con discussioni plurime sulla questione, una volta che provo a credergli e ad abbassare le difese se ne vanno. Perché non vogliono una relazione, ci hanno provato, ma gli manca l'aria non ci possono fare nulla oppure mi dicono che sono bella, intelligente, che sulla carta sono la donna perfetta ma non si sono innamorati o ancora peggio che stanno bene con me, ma loro hanno dei canoni su come debba essere la donna sia fisicamente sia caratterialmente (di solito è il mio carattere che non corrisponde al loro ideale) quindi mi mollano: sai sto bene da solo, se non trovo la donna come dico io allora preferisco stare solo. Uomini disagiati ultra quartantenni che non sanno assumersi nessuna responsabilità, a caccia della perfezione che non esiste e io mio ritrovo a 46 anni sola, con nessuna esperienza di convivenza alle spalle né di una lunga e bella storia di amore. Sono molto sconfortata, credimi. Prima ero una donna bella, intelligente, simpatica ma soprattutto sicura di sé ora la sicurezza è svanita e questo mi porta ad avere un sacco di difficoltà in tutti gli ambiti della vita...
      Rispondi a Alice Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 1 settimana fa (19 Novembre 2020 18:57)

      Credo ti manchi un passaggio importante e cioé quello di imparare a stare bene da sola. Non so spiegarlo ma a pelle, da quello che hai scritto, mi trasmetti tanta bisognosità...
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Francesca

      Francesca 1 settimana fa (20 Novembre 2020 1:24)

      Esattamente. Hai ragione...non sto più bene con me stessa è tutta la vita che ci sto. Siamo animali sociali, non siamo fatti per vivere da soli. Necessitiamo di essere amati e di amare... la storia dello stare bene con sé stessi non mi convince più. Comunque ragazze questa community è una forza. Grazie @vic @francescaf e tutte voi. Leggervi mi fa sentire meglio. Vi abbraccio tutte. Buonanotte (◍•ᴗ•◍)❤
      Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 1 settimana fa (20 Novembre 2020 9:24)

      Attenzione che tra lo "stare da soli" e lo "star bene da soli" ce ne passa. Imparare a star bene da soli é indispensabile per non accontentarsi di una relazione con chiunque purché sia. Ed é indispensabile anche quando si é in coppia, a meno che non si punti ad un rapporto simbiotico con l'altro. Il che non é sano.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Alice

      Alice 1 settimana fa (20 Novembre 2020 16:48)

      Eliana ma infatti non è che esco o mi infatuo di chiunque. Comunque seleziono e respingo anche, se mi fossi accontentata ora non sarei a scrivere si essere sola 😂 Però non so mi sembra di essere circondata sempre da uomini narcisisti ed egoisti...ovvio che poi se non mollano loro mollo io... però è dura. Molto.
      Rispondi a Alice Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 1 settimana fa (20 Novembre 2020 19:37)

      É dura perché ritieni la vita non degna di essere vissuta se non con un uomo accanto. Ecco perché é dura.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 7 giorni fa (21 Novembre 2020 20:57)

      Semplice e potente, Eliana. Tuttavia la frustrazione di Alice è comprensibile, non può essere negata. Mi vengono in mente le parole di Anna Frank a cui la vita non è andata proprio benissimissimo: "Non penso a tutta la miseria, ma alla bellezza che rimane ancora".
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 1 settimana fa (20 Novembre 2020 11:54)

      Ciao Francesca, sì è vero, siamo animali sociali e di socialità ci nutriamo tutti i giorni. Il punto secondo me è che dipende da 'quale' socialità decidiamo di attorniarci. Quali persone decidiamo di frequentare. Perché è la socialità degli uomini che hai descritto tu che ci fa abbruttire, abbattere e sentire non all'altezza. Ma non perché siano effettivamente 'sti pezzi di uomini, loro, e noi invece piccole, svampite e poco simpatiche. Ma perché queste persone non avevano nessuna intenzione serie con te fin dall'inizio, a partire da tutti le discussioni sul fatto che tu voglia o meno una storia seria. Poi perché metterti tu per prima a discutere di questo tuo valore? Ti metti in una posizione di vulnerabilità e apri la porta ai lupi. Lo dice una che si è addentrata in tanti di questi scambi, quindi con tutta la solidarietà per te! Come ha detto Eliana, è fondamentale imparare a conoscersi e stare bene con sé stesse prima di tutto. Questo ci permette anche di selezionare le persone con cui vogliamo stare. Se no siamo in balia.
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Alice

      Alice 1 settimana fa (20 Novembre 2020 17:44)

      Silvia ciao! In generale dico che non cerco avventure perché non voglio che ci provino subito, lo utilizzo anche come deterrente per gli eventuali stronzi (non in effetti non funziona benissimo) e perché nella mia esperienza gli uomini che mi si avvicinano vogliono principalmente solo quello. Non so se sono io, non so se sia Milano, non se sia colpa anche dei social network o della paura di conoscere davvero una persona. Tendo a dirlo perché ho paura di essere usata e perché non voglio fingere di essere chi non sono e spiegare quelle che sono le mie esigenze e desideri. Ovviamente non è la prima cosa che dico ma quando vedo che un uomo dopo mezza uscita vorrebbe già baciarmi e io non sono pronta, comunico esplicitamente che non cerco avventure e che voglio conoscere bene una persona prima di altre implicazioni fisiche. Voi come vi comportate? Preciso che sono una donna che viene definita molto sensuale da tutti (non me la sto tirando ma esponendo il problema) quindi con le parole cerco di spiegare che non sono quella che vedono, che la mia anima non corrisponde solo alla mia estetica...
      Rispondi a Alice Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 7 giorni fa (21 Novembre 2020 11:32)

      Ciao Alice, se già da principio vedi che una persona corre a 100km / h e tu non sei dello stesso avviso, dispiace... ma la cosa finisce lì. Senza doversi mettere nella condizione di giustificare una scelta piuttosto che un'altra. Alla fine, in ogni inizio, entrambe le persone valutano e sono libere di scendere dall'auto in corsa nel momento in cui il viaggio non è più di loro gradimento. Tra l'altro, dicendo che vuoi andare con calma, secondo me ti rendi preda di chi invece vuole andare a grande velocità. Perché vale il gioco del 'dico no per dire sì', che tanti uomini pensano funzioni ancora. Quindi ascoltano ciò che dici, ma pensano che invece tu voglia dire al altro, o hanno comunque un loro obiettivo predefinito. Riguardo a ciò che dici sulla sensualità. Viene da chiedersi se, enfatizzando la tua sensualità esteriore, ti trovi poi ad attrarre persone che notano principalmente quella. Sono riflessioni di una persona che chiaramente non ti conosce, ma ha avuto qualche esperienza che è andata nella stessa direzione :)
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 7 giorni fa (21 Novembre 2020 18:20)

      Mi sono chiesta la stessa cosa. Si sa che metà lo fa l'abbigliamento e metà l'atteggiamento. Se vesti come una escort é ovvio che uno, per quanto tu "voglia" una storia seria, non ti si avvicina per quello. A prescindere che tu sia lì a fare tappezzeria. Ci vuole rispetto per se stesse, in tutti i campi. Non che una debba andare in giro vestita da suora di clausura ma mettere l'accento sull'intelligenza(e su mille altri pregi) prima che sulle curve questo sì.
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 7 giorni fa (21 Novembre 2020 21:59)

      Giusto per chiarire, quando parlavo del mettere l'accento sulla tua sensualità, Alice, non intendevo con abiti succinti. La femminilità si esprime attraverso il portamento, il modo di camminare o parlare, e gli abiti. E tutto ciò è molto naturale. E' quando la cura dell'aspetto prende il sopravvento, che è possibile incappare più spesso in persone che notano principalmente questo aspetto di noi.
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Alice

      Alice 7 giorni fa (21 Novembre 2020 22:10)

      Ciao Silvia, Quali sono le tue esperienze...voglio sentire anche di voi. Per quanto concerne la sensualità al contrario cerco di mascherarla. Ovvio che però non sono disposta a stravolgermi e a imbruttiti per questo motivo. Ci tengo a curarmi ma ai primi appunto esco sempre non appariscente, senza scolli e scarpe vertiginose. A questo punto mi chiedo...forse è qui che sbaglio cerco di nascondermi e modificarmi ma alla fine anche se mi vesto sobria (non che normalmente mi vesta audace, ma se voglio mettere una maglia scollata o dei tacchi alti lo faccio) tanto vedono comunque solo l'apparenza. Boh non so più che dire tanto comunque vada va da schifo quindi credo che da oggi non mi farò più problemi sull'abbigliamento né su come sono. Forse l'accettazione di chi sono è la scelta giusta. Buonanotte 😘
      Rispondi a Alice Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 6 giorni fa (21 Novembre 2020 23:20)

      Non vorrei che passasse il messaggio che bisogna cambiarsi. O che se oggi vesti così, Alice, domani dovresti vestire colà. Anzi, tutto il contrario a mio parere! Ci sono però atteggiamenti o modi di fare che, se ne diventiamo consapevoli, sono più funzionali ai noi stesse e ai nostri obiettivi. Gli abiti o il nostro modo di porci con gli altri sono uno di quelli, volevo dire. Ecco, ho riavvolto un attimo il nastro per chiarezza :) In passato mi sono capitati momenti in cui ero particolarmente bisognosa e quindi ho modificato il mio stile per conquistare o attrarre alcuni uomini. Ad esempio, ricordo che cominciai a mettere lo smalto perché ne avevo parlato con uno a cui piaceva (e all'epoca a me non un granché). Oppure ho usato la mia sensualità nel vestire, anche snaturandomi perché tendenzialmente sono una persona pacata, per attrarre l'attenzione di un altro. E l'ho attirata l'attenzione, ma in un modo distorto, legato alla fisicità e poco altro. Quindi il punto è che se ci poniamo, vestiamo o atteggiamo in un certo modo, gli altri se ne accorgo e attiriamo più facilmente i faciloni e quelli che non vogliono andare al di là della nottata.
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Eliana

      Eliana 6 giorni fa (22 Novembre 2020 0:26)

      Ci tieni a sottolineare che selezioni e respingi anche, cionostante ti trovi sempre a rapportarti con lo stesso tipo di personaggio. Ecco, io fossi in te comincerei a chiedermi perché ed a lavorare su questo... É evidente che qualcosa in te attira solo un certo tipo di soggetto, altrimenti(e non credo alla sfiga) non mi capacito del perché capitino tutti a te. Appena Ilaria starà meglio, magari ti dirà cosa ne pensa in proposito...
      Rispondi a Eliana Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 settimana fa (19 Novembre 2020 18:57)

      @Alice/Vic. Ragazze, quanto da dire. Quanto! Tanto proporzionale alla mia stanchezza. Condivido quindi il vostro sconforto, credetemi davvero. Alice, non mi riferivo all'innamorarsi in fretta. Anzi. Ma all'innamorarsi bene. Tu prendi tempo non per valutare lui, ma per non soffrire tu. Forse quel tempo dovresti usarlo per valutare lui. Lui è passionale e non vuole andare con la dovuta calma? Sciò, aria, out e con tutta la grazia di questo mondo. Se se ne va lui, allora si è autoselezionato. Alla fine coloro coi quali ci approcciamo sono degli estranei (a volte mi chiedo seriamente perché mai debba impiegare tempo della mia vita per degli estranei...ma va be'). Mi viene in mente Alberto Sordi (Vic sa senz'altra cosa dicesse dell'avere una moglie...). Abbiamo però sempre questo atteggiamento dell'essere scelte, volute, accettate e non dello scegliere, del volere e dell'accettare. Personalmente faccio come se accanto a me ci fosse mia figlia (non ce l'ho - è una figlia immaginaria, sto diventando pazza, ahah) che mi guarda e mi comporto come se dovessi trasmetterle dei valori e degli standard di comportamento e di approccio. Non mi piacerebbe dirle: "amore, mamma è sfigata e incontra solo degli stronzi". Ecco. Con me funziona, se no mi butto troppo giù.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 settimana fa (19 Novembre 2020 19:38)

      Però, “prima ero”, Alice, no, ti prego...perché dirti queste cattiverie?
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 settimana fa (19 Novembre 2020 21:59)

      "E che me metto un'estranea dentro casa?" :D :D :D Grande Albertone. Pienamente d'accordo, FrancescaF. Diamo a degli estranei tutto il potere, quello di sceglierci, usarci e scartarci quando si stufano. Invece di farci inquadrare e intortare spiegando loro che noi siamo così e vorremmo una storia cosà, dovremmo focalizzarci sulle nostre esigenze. Se lui vuole subito andare al dunque, accannare. Adelante, Pedro. Avanti il prossimo. Invece, per il terrore che lui sparisca acconsentiamo alle sue di esigenze. E poi sparisce lo stesso. Quindi cornute e mazziate. E hai ragione, non dobbiamo buttarci giù e considerarci delle sfigate. Caxxo, siamo belle, in gamba, simpatiche, altruiste. Perché dobbiamo farci affossare da gente che manco conosciamo e che, nella maggior parte dei casi, neanche se la merita una come noi? Dobbiamo scegliere di farci trattare bene e, se non lo fanno, quella è la porta. Tanto, se non lo fanno all'inizio, non lo faranno neanche dopo, anzi, andrà sempre peggio. E di solito dopo spariscono, ecco cosa fanno, lasciandoci umiliate e svuotate. Purtroppo è la paura della solitudine che ci frega, è quello lo spauracchio di tutti, anche il mio. Sempre meno però, sempre un pochino meno day by day. Sì, Fra, criminologia è super affascinante. Grazie per la dritta sul fumetto, adoro leggerli e lo prenderò :)
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Angel

      Angel 1 mese fa (18 Ottobre 2020 1:15)

      Forse semplicemente mi aveva idealizzata e dopo un pò si è reso conto che non era quello che lui si era immaginato. è un narcisista per questo? magari semplicemente amava la sua libertà e preferiva starsene solo piuttosto che stare con qualcuno che alla fine gli piaceva forse all'inizio. alla fine è stato onesto quando mi ha spiegato perchè non voleva continuare la relazione. potrebbe succedere a chiunque no?
      Rispondi a Angel Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 1 mese fa (17 Ottobre 2020 0:25)

      @Angel: sono d'accordo con quanto ti ha detto Vic,questo che dici è ciò che senti ora "a caldo", ma nei prossimi giorni/settimane/mesi è possibile che tu maturi una diversa visione della faccenda. Mi dai l'impressione di una ragazza "pulita" e di cuore, e ti auguro tanta felicità per il tuo futuro. Impara a proteggerti però ;) un abbraccio
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 1 mese fa (17 Ottobre 2020 0:29)

      @Vic: questo ultimo commento per me è stato prezioso. Avevi già sgamato il "mio" narcisista qualche mese fa, in queste parole ho trovato il tassello che mi mancava. Ti ringrazio :)
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (17 Ottobre 2020 22:39)

      Grazie a te, Sole :* Tengo a dire comunque che questa è solo la mia verità, maturata dopo una storia con un narcisista psicopatico con madre megera. Il cane lì era l'unico sano. In ogni caso, se esistesse il lavoro dello "sgama-scoppiati", mi candiderei all'istante per la posizione :D
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Sole

      Sole 1 mese fa (18 Ottobre 2020 20:36)

      @Vic: a mio avviso i contributi di chi ha imparato (purtroppo) sul campo aggiungono sfumature importanti ai lavori dei "tecnici". Il narcisismo nelle sue infinite gradazioni e sfaccettature è un fenomeno ormai talmente diffuso, che ogni elemento e conoscenza in più diventano estremamente preziosi sia per prevenire, sia per rielaborare a posteriori.
      Rispondi a Sole Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 1 mese fa (18 Ottobre 2020 21:52)

      La testimonianza di Vic è importante. Io mi pongo delle domande: siamo sicuri che la diffusione del narcisismo sia dettato dalle persone narcisiste ( presunte tali ) o dal mondo moderno ? Chiunque è un/ una narcisista nel momento che pubblica ogni secondo della propria vita sui social ? Non si rischia senza avere delle competenze in materia di scambiare chiunque per un narcisista ?
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (19 Ottobre 2020 11:18)

      @Emanuele C'è una grande differenza tra l'essere semplicemente dei narcisi, quindi dei vanesi, e l'essere narcisisti patologici. La seconda, lo dice il nome, è una patologia. Le cause sono da ricercare in traumi patiti nell'infanzia, nell'aver sperimentato la ferita dell'abbandono e del non sentirsi amati. Il narcisismo patologico è un disturbo mentale; il narcisismo generico, invece, è una declinazione della vanità. Il narcisista patologico appare vanitoso ma è in realtà molto insicuro e nel profondo si disprezza. Il narciso, al contrario, è innamorato di sé stesso.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 1 mese fa (19 Ottobre 2020 12:26)

      Ciao Vic, difatti io volevo fare. riflettere sulle differenze. E soprattutto quando a monte serve una diagnosi professionale per riconoscere una o l'altra variante di narcisismo. Diversamente si rischia di definire chiunque un disturbato mentale senza esserne in grado. Mi preoccupa molto oggi giorno grazie al mare magnum di informazioni disponibili l'invasione di campo da parte delle persone in ogni settore professionale. Sono ormai tutti esperti di qualcosa solo per aver visto qualche video su YouTube e/o letto Wikipedia. Senza contare tutti i vari coach qualcosa. Troppa fuffa gira.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (19 Ottobre 2020 13:50)

      @Emanuele, però qui non si tratta di definire "chiunque" un disturbato mentale. Questo qualunquismo qui non esiste, almeno non in questo blog. Io do la mia opinione, non professionale ma basata sulla mia esperienza personale, sulla base delle informazioni che ricevo. Non mi permetto di definire disturbato mentale uno che si fa i selfie a manetta, o un superbo che si sente er mejo del Colosseo o uno stronzo qualsiasi. @Angel ha fatto un quadro preciso di questo tizio: è un uomo che non è stato amato da bambino, è immaturo, non è empatico, le ha riservato un trattamento ambiguo e altalenante, è partito in quarta con dichiarazioni d'amore assurde dopo averla appena conosciuta, l'ha mollata brutalmente facendola sentire in colpa e inadeguata. Non è un semplice "stronzo". Gli stronzi di solito se ne sbattono se fanno soffrire le persone, sono egoriferiti e ti passano sopra perché girare attorno costa fatica. I manipolatori hanno uno schema di comportamento ben definito, che ripropongono costantemente. Ecco perché, una volta che li hai capiti, sono facilmente sgamabili. Perché si ripetono, sono prevedibili. E' vero che ormai in giro è pieno di mental coach, ma se sai valutare ce ne sono di preparati davvero, e a volte molto più ferrati in materia di tanti tecnici laureati che partono dalla culla, stanno un anno e mezzo sul rapporto con tuo nonno e la sua morte, ti spillano una marea di soldi e non ti forniscono gli strumenti per cavartela nel qui e ora.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Fisa

      Fisa 1 mese fa (19 Ottobre 2020 23:54)

      Vic sono stata con un narcisista covert per tantissimi anni e la rappresentazione che hai fatto lo rispecchia completamente. Io pensavo che il nostro rapporto non funzionasse per mie mancanze e ho fatto 10 anni di psicoterapia con cadenza mensile. Ho preso anche psicofarmaci. Quando grazie ad una persona non addetta ai lavori esterna ho scoperto che lui era un vero e proprio narcisista e la nostra relazione non andava da nessuna parte nonostante i miei sforzi, la mia psicologa ha detto che lei non fa i profili alle persone e che non ha sbagliato a farmi arrovellare il cervello per 10 anni senza avere risultati. Su questo aspetto hai completamente ragione su tutto ma proprio tutto e fai benissimo a mettere in guardia gli altri. Bravissima !!!
      Rispondi a Fisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (20 Ottobre 2020 13:22)

      Grazie, @Fisa :* Io penso che dobbiamo capire a fondo le persone e le situazioni per svegliarci. @Angel ancora non comprende che una lunga mail in cui lui ti spiega nei dettagli perché TU non vai bene, perché TU lo hai deluso e sei inadatta, bisognosa e dipendente, in soldoni SBAGLIATA, è una mancanza di delicatezza e rispetto IMMENSA. Soprattutto perché all'inizio ti aveva illuso dell'esatto contrario. Una mail per puntualizzare i motivi per cui sei stata scartata è cattiveria ed è finalizzata al farti sentire tremendamente in colpa, una nullità, un'incapace. E a tenerti LEGATA. Legata al pensiero di lui, all'idea ossessiva di aver perso l'occasione della tua vita, e all'idea di te, del tuo valere poco ed essere inetta nelle relazioni. Uno stronzo qualunque non arriva a tanto. Di solito, gli stronzi ti dicono "meriti di meglio, purtroppo siamo incompatibili, sei una donna in gamba ma io non voglio impegnarmi, fortunato chi starà con te, me misero (see vabbè), ti auguro ogni bene perché te lo meriti" e bla bla e poi spariscono. Ma non ti dicono che non ha funzionato a causa tua, spiegandoti nei dettagli le tue mancanze. C'est la différence!
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Fisa

      Fisa 1 mese fa (20 Ottobre 2020 23:16)

      Esatto Vic ! La tua interpretazione della vicenda di @Angel purtroppo corrisponde alla verità secondo me. Quando quella persona mi ha detto che il mio partner era un narcisista patologico e non ero io a sbagliare nella relazione, neanche per me è stato facile accettarlo. Io vedevo il mio partner come un Dio, era l' uomo perfetto ai miei occhi. Ma io stavo tanto male psicologicamente e fisicamente e quel mio amico mi ha fatto capire che se fosse stato come dicevo io sarei dovuta stare bene in quella relazione e non sempre male. Il mio partner era mio marito da 13 anni e quando l' ho lasciato è tornato alla carica tante volte ma, con mio stupore, sempre con modalità narcisistiche, mai in modo sano. Con mio stupore perché speravo che non fosse davvero un narcisista patologico ma la persona che avevo ' visto ' io. Il giorno del divorzio dopo la fine dell' atto di divorzio ha voluto parlarmi in privato e indovinate cosa mi ha detto ? Che lui non aveva colpe e aveva fatto il massimo. Quando gli ho risposto che invece lui aveva sbagliato con me, è scappato via senza salutarmi. Racconto tutto questo non per autocommiserarmi, ma per darti ragione sul fatto che è giusto mettersi in discussione in una coppia quando non funziona ma non nel caso che si abbia a che fare con individui con problemi psicologici gravi. In questo caso purtroppo non c'è nulla su cui arrovellarsi e nulla che da innamorate possiamo fare per fare funzionare la relazione. Niente di ciò che potremmo essere o fare andrebbe bene ai narcisisti e farebbe funzionare la relazione. E capisco che non è facile accettarlo e neanche capirlo a livello cognitivo subito. È esattamente come dici tu. Purtroppo. Se si tiene alla propria salute e alla propria vita bisogna scappare da persone così, non si può fare nulla se non venire distrutte. Una volta Ilaria ha usato l' espressione ' sei in un tritacarne ' riferita alla vicenda di una lettrice. Ecco: con i narcisisti patologici si accetta di infilarsi e rimanere in un tritacarne. Se si resta, si diventa carne macinata. Solo questo. Nessuna coppia felice o futuro sereno o amore vero. Tritacarne.
      Rispondi a Fisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (21 Ottobre 2020 13:03)

      Esattamente, @Fisa. Bisogna scappare e non colpevolizzarsi. Ovvero, "colpevolizzarsi" il giusto. Dire: ok, non è colpa mia se questo è un povero scemo, se è un disturbato. Io valgo, io merito, io conto. Però... ho un grosso problema di autostima e, se non lo risolvo, incontrerò altri disturbati, altri manipolatori, altri stronzi, che alla fine mi ridurranno a brandelli e neanche una schiera di psicologi ci potrà fare un cacchio di niente e avrò bisogno delle "goccette" per tirare a campare. Questo bisogna dirsi. Occorre quindi evolvere e imparare, perché ogni persona sbagliata che ci capita nella vita è un insegnamento. Ma non possiamo permetterci di rimanere ingenue a vita, di credere alle dichiarazioni d'amore precoci e insensate, di legarci a uomini inconsistenti e a relazioni di carta. Ho letto un aforisma di Pasolini sull'ingenuità che mi ha aperto gli occhi, perché non bisogna pensare che essere ingenui sia un'attenuante. Essere ingenui da adulti è una colpa e può causare anche grossi danni a noi stessi e a chi ci gravita intorno, come i familiari. Pasolini scriveva: "L'ingenuità non è un sentimento nobile, è un'eroica vocazione a non arrendersi mai, a non fissare mai la vita, neanche nel futuro". Io sono stata tanto ingenua nella vita, e mi sono trovata sempre tanto male. E' tempo di cambiare.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (18 Ottobre 2020 23:10)

      Grazie, @Emy :* E' vero @Sole, per me tutti gli articoli di Ilaria in questo blog e i vostri commenti sono un aiuto prezioso. Ci confrontiamo e aiutiamo a vicenda.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 1 mese fa (16 Ottobre 2020 9:46)

      Angel meglio perderlo, chiudi tutti i rapporti con lui e non farti trovare. Non esiste che un uomo, anzi un pirla, ti dica che sei un peso. Mandalo a quel paese, lui è un peso essendo un narcisista overt. Ti abbraccio
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo