Ma che cos’è questa benedetta zona amicizia?

la zona amiciziaZona amicizia: è un termine recente e molto spesso abusato – sia dagli uomini, sia dalle donne – per definire una relazione platonica (cioè senza i “benefici” del sesso) tra un uomo e una donna. Il fatto è che a uno dei due partner piacerebbe moltissimo fare sesso, ma all’altro no. Questo disequilibrio fa nascere l’ambiguità della zona amicizia. Pare che il termine nasca in America (ma guarda un po’, quando si tratta di cose strane che riguardano le relazioni), dopo la messa in onda – nel 1994 – di una puntata della serie tv Friends nella quale uno dei protagonisti definisce il proprio amico, innamorato senza speranza di un’amica comune, “il sindaco della zona amicizia”.

Ben prima, e cioè nel 1989, il tema dell’amicizia tra un uomo e una donna era stato affrontato, sempre dagli americani, nel celeberrimo film Harry ti presento Sally. Se non l’hai mai visto – magari perché nel 1989 neanche eri nata – corri ai ripari e vedi di procurartelo subito: i dialoghi, le battute e le trovate di quel film sono da non perdere, “a prescindere”.

"Uomini e donne non possono essere amici perché il sesso ci si mette  sempre di mezzo. Harry in Harry ti presento Sally"

Beh, questa è la storia del modo di dire “zona amicizia”. E tu magari ti starai chiedendo: “ma Ilaria, che cosa me ne importa a me della storia del modo di dire “zona amicizia”?” Uhm, se ci pensi bene, la storia è interessante. Pensa ai tuoi nonni: te li vedi, ai tempi in cui erano giovani, dirsi tra loro o rispetto a un altro partner o un’altra partner: “Noi due possiamo essere solo amici”? Naaahhh, una volta non esisteva il concetto di “zona amicizia”. O si stava insieme, oppure ognuno per la sua strada… Non ti dà da pensare questo fatto? Non ti viene il sospetto che il concetto di “zona amicizia” sia l’ennesima menata di un modo moderno di affrontare le relazioni che trova sempre un sacco di giustificazioni e scuse e si fa – scusami il termine – tantissime seghe mentali?

Zona amicizia e relazioni tra uomo e donna

Gli usi, i costumi e le abitudini degli esseri umani cambiano e si evolvono. Per esempio, la questione “zona amicizia” fino a poco tempo fa era un problema che in genere toccava soprattutto gli uomini. Era l’uomo, tra i due, che più spesso si sentiva dire da una donna dalla quale era attratto: “Mi sei simpatico, sto bene con te e mi diverto, ma noi possiamo essere solo amici.” E, zac, il nostro si vedeva rifiutato – con garbo eh, grande garbo, sia ben chiaro e magari anche un sacco di complimenti sul suo buon carattere – l’elemento che in effetti rende davvero speciale e unico il rapporto tra due persone. L’intimità sessuale.

Ora, a dirla tutta, gli uomini, che hanno preso a prestito e fatte proprie alcune abitudini un tempo tipicamente femminili – tipo: depilarsi, tingersi i capelli, andare dall’estetista – e dopo aver sperimentato anni di “zona amicizia”, hanno ben pensato, che al pari della manicure, anche loro possono mettere in atto la fantastica strategia della “via di mezzo”, la zona amicizia.

"Nessun uomo può essere amico di una donna che trova attraente, vuole sempre portarsela a letto. Harry in Harry ti presento Sally"

Zona amicizia e chiodo fisso sul sesso

Qualche giorno il famoso coach Claudio Belotti ha scritto un articolo per il blog intitolato Uomini e donne: capire l’incapibile e una lettrice ha commentato: “Il sesso per voi NON è un chiodo fisso. O almeno, non lo è, se non lo ottenete subito… o in tempi ristretti. Se vi abituate alla piacevolezza della persona che avete intorno, dopo vi è assai difficile ‘partire all’arrembaggio’ per paura di rovinare il bel rapporto che, inaspettatamente, si è instaurato. Non volete la relazione, ma non sapete nemmeno più fare a meno della donna che avete scoperto e che doveva essere ‘solo’ una ‘trombatina’….. ‘trombatina’ che poi alla fine manco c’è stata. Nel frattempo, la donna si è pure rosolata e vi concederebbe ben più che una perla fra le lenzuola, ma il rapporto rimane nello stallo amicale. Io aspetto sempre e caldeggio, un bel post sulla ‘zona amicizia’. Vero Ilaria che ce lo fai?”

Allora, eccomi qui a parlare della zona amicizia e nello stesso tempo ho l’impressione che la lettrice e commentatrice, come spesso accade a tutti noi quando pensiamo che il nostro vissuto particolare sia comune a tutti gli altri, parli di una storia ben precisa, che la riguarda da vicino e della quale io, per ovvi motivi, non conosco i dettagli.

"Stai dicendo che un uomo riesce ad essere amico solo di una donna che non è attraente? Sally in Harry ti presento Sally"

Che cosa significa essere nella zona amicizia?

Allora, per non fare confusione tra caso singolo e casi generali, il tema richiede una serie di distinguo. Un tempo – agli esordi del concetto di “zona amicizia” (e magari ancora al giorno d’oggi, quando si tratta di rapporti tra adolescenti), –  si veniva “confinati” nella zona amicizia quando uno dei due partner aveva grande considerazione – a parole – dell’altro, ma non si sentiva attratto sessualmente. Non aveva il coraggio di dirgli: “caro, sono un po’ una vigliacchina, mi fa piacere stare con te, perché ti presti, sbavandomi dietro, a farmi da cavalier servente, non ho nessuno di meglio per le mani in questo momento, tu mi stai pure simpatico e sai un sacco di cose, ti stimo (la stima è importante, eh! ;)), ma l’idea di venire a letto con te, mi ripugna.”

L’incredibile guida gratuita che ha illuminato la vita sentimentale di migliaia di donne. Scopri quali sono le risorse fondamentali (che possiedi anche tu) per attrarre la persona giusta per te.

Poi, dài, lo sanno tutte le vere tiracazzi che se alla fine cedi, il cavalier servente (ooops, volevo dire l’amico) non ti porta più le bottiglie d’acqua a casa dal supermercato.

"Harry, ti sembrerà impossibile ma non venire a letto con te non mi è mai sembrato un sacrificio. Sally in Harry ti presento Sally"

Ma il sesso è poi davvero così importante?

Ma procediamo con calma, e lasciamo da parte il passato. Veniamo all’oggi. Oggigiorno non è più nemmeno vero che si è tenuti in congelatore nella “zona amicizia” perché non si è attraenti o non si è considerati attraenti. E questo vale sia per gli uomini, sia per le donne. Cioè: oggigiorno puoi incontrare molto facilmente un uomo che vuole tenerti nella zona amicizia e che nello stesso tempo ti considera molto attraente, anche e soprattutto dal punto di vista sessuale.

Come è possibile? Per comprendere quello che sembra impossibile serve andare oltre il modo usuale di vedere le cose. Per esempio, serve considerare che non sempre e non per tutti il sesso è un richiamo così importante. O, meglio, molto spesso lo è, solo che fare sesso viene considerato rischioso, in quanto rende la relazione più profonda, concreta e coinvolgente, complicato (per molte persone, uomini e donne, fare sesso implica “scoprirsi” e avere intimità e l’intimità terrorizza molti), faticoso (sì, alcuni considerano il sesso un’attività impegnativa, per la quale il gioco non vale la candela) e “compromettente” (una sorta di “salto del fosso”, come si diceva una volta, dal quale è difficile tornare indietro).

La “trombatina”, come la definisce la nostra amica, non è di grande interesse per alcuni uomini, soprattutto se si considerano i tanti problemi che ci affliggono al giorno d’oggi: il lavoro – che è troppo o manca – il tempo – o piove, o c’è il sole – il “mister” della squadra che viene licenziato un giorno sì e un giorno no. La “trombatina” è davvero troppo. Figuriamoci le altre “perle fra le lenzuola”. Se si tratta di perle, perbacco, c’è il rischio di non esserne all’altezza. E chi ha voglia di rischiare?

La famosa zona amicizia invece permette di disimpegnarsi, di non impegnarsi e anche di non rimanere del tutto soli. Oltrettutto dà la magnfica sensazione – seppure enormemente falsa – di essere amati, corteggiati e apprezzati da qualcuno che ci piace. E tutto questo senza nemmeno una goccia di sudore…

La domanda è: perché mai tu dovresti accontentarti di restare nella zona amicizia e non coltivare attivamente il desiderio, l’ambizione e la determinazione di un uomo che con te si impegni sul serio?

P.S. E’ scoppiata l’estate, è il momento giusto per intraprendere i percorsi che io propongo: I 7 Pilastri dell’Attrazione e Come sedurre un uomo senza stress.

Lascia un Commento!

122 Commenti

  1. Avatar di anonima

    anonima 10 anni fa (25 Giugno 2014 20:59)

    @stella: io cerco di essere sempre sincera, anche con lui. anche perché sono una di quelle persone non brave a fingere e che se qualcosa non va si vede da chilometri... e penso di stare facendo male più a me stessa che a lui. vorrei trovarr il coraggio di avvicinarmi alle persone che mi piacciono davvero, le ho quasi sempre guardate da lontano, con la dedizione a oltranza di chi non ha le palle di agire per cercarr la felicità...
    Rispondi a anonima Commenta l’articolo

  2. Avatar di stella

    stella 10 anni fa (25 Giugno 2014 22:20)

    perché anonima? temi la felicità? quindi è più semplice stare con lui, giusto? e perché la temi? x' hai sofferto in passato? chiediti qs chiediti se è anche senso di solitudine (dici nn avresti più una vita sociale) occorre coraggio a guardarsi dentro. bisogna esserne pronte e volerlo. lo dico sempre anche a me stessa :-)
    Rispondi a stella Commenta l’articolo

  3. Avatar di anonima

    anonima 10 anni fa (26 Giugno 2014 4:46)

    @stella: sì, è più semplice stare con lui. credo di temere il rifiuto, o meglio la vergogna di essere presa in giro x quello che provo davvero, uno stato d'animo che ho provato a scuola e ke probabilmente ancora mi trascino... riguardo alla vita sociale non voglio essere lagnosa, a me piace stare sola e anke quando sn in compagnia me ne sto sempre due passi indietro. ma mi piace skerzare e ascoltare le persone. ultimamente nn frequento piu gli amici di prima, una si è lagnata con me x un ragazzo ke si ostinava a far innamorare avendo solo sesso in cambio, l'altro è sparito quando ha capito ke di sesso cn lui nn ne volevo sapere... a 26 anni diventa già difficile inserirsi in gruppi già formati... molto difficile, xk mi sembra di dover kiedere l'elemosina a qualcuno e mi sento sfigata...
    Rispondi a anonima Commenta l’articolo

  4. Avatar di stella

    stella 10 anni fa (26 Giugno 2014 10:02)

    al giorno d'oggi sicuramente nn è semplice, ti capisco molto bene però fino a che nn ti guardi dentro....e finchè nn metti giù qs..maschera di copertura....dentro di te nn sarai serena, nn ti sentirai te stessa. devi imparare ad accettarti. nn è semplice la cosa, pure io sto lavorando su me stessa. ma stando con persone che in realtà nn vogliamo e servono solo x compensare alla mancanza di altro...alla lunga nn ci aiuta e nn ci fa stare bene peraltro sei giovanissima. puoi benissimo riprederti in mano la tua vita come tu desideri.
    Rispondi a stella Commenta l’articolo

  5. Avatar di anonima

    anonima 10 anni fa (26 Giugno 2014 18:56)

    @stella: grazie
    Rispondi a anonima Commenta l’articolo

  6. Avatar di stella

    stella 10 anni fa (26 Giugno 2014 20:58)

    figurati :-)
    Rispondi a stella Commenta l’articolo

  7. Avatar di manuela

    manuela 10 anni fa (13 Agosto 2014 3:40)

    Ho un rapporto del genere con una persona che mi ha messa nella zona amicizia, ovvero ci conosciamo da 4 anni parliamo tutti i giorni, mi da consigli e mi dice che mi vuole bene. Credo di non dispiacergli fisicamente, perche mi fa complimenti, chiede le mie foto e le conserva, fa battutine ammiccanti, mi dice io sono sempre pronto, flirta con me e so che gli piace. Ma quando cerco di capire se la cosa puo andare avanti o no allora mi stoppa e mi dice se pensi qursto allora non possiamo stare vicini.mi chiede di vederci come se ci tenesse tantissimo ma poi quando lo incontro resta fermo impalato. Continua a provocarmi con le parole ma a fatti nulla di nulla.
    Rispondi a manuela Commenta l’articolo

  8. Avatar di Goldie

    Goldie 10 anni fa (13 Agosto 2014 13:36)

    invitalo a fare una passeggiata lunga 10 km. DA SOLO
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  9. Avatar di Malika75

    Malika75 9 anni fa (10 Agosto 2015 14:39)

    E se fosse la donna che cercasse un uomo in amicizia? 10 anni fa sono uscita qualche volta con un ragazzo della mia citta, poi le nostre strade si sono separate... Ci ritroviamo negli ultimi tempi su Facebook, mi chiede l 'amicizia. La settimana scorsa la sorpresa per un invito ad un gelato. Ma non ci ritroviamo nella stessa citta per andare in macchina al lago insieme..preferisce ritrovarsi davanti la gelateria del lago, quindi ognuno con la sua macchina. Ci salutiamo..ci raccontiamo...aggiungendo solo testuali parole "ho avuto in intermezzo non felice" - "anche io" a riguardo agli ex..passiamo una piacevole serata. Ora secondo voi..a me interessa avviare un amicizia, (non voglio piu avviare rapporti se non conosco bene una persona) se possibile ma non voglio spingere..se lo invito IO per un altro gelato vi sembra eccessivo? Non l ho piu sentito da allora....forse e' meglio che lascio stare? Magari e' preso ancora dalla ex...
    Rispondi a Malika75 Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 9 anni fa (10 Agosto 2015 15:00)

      Ma lo vuoi come amico o ti preoccupi che sia preso dalla ex? Che cosa vuoi, davvero?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Malika75

      Malika75 9 anni fa (10 Agosto 2015 15:19)

      che forse forse vorrei fosse piu di un amico...e Magari nascesse un sentimento. Ma non voglio nemmeno fare la disperata in cerca di elemosina di sentimenti... Mah..diciamo vorrei tastare il terreno..e vedere la sua reazione ad un mio invito.
      Rispondi a Malika75 Commenta l’articolo

  10. Avatar di Michela2

    Michela2 9 anni fa (10 Agosto 2015 16:02)

    Lascia stare. Mettiti alla finestra e non fare nulla!
    Rispondi a Michela2 Commenta l’articolo

  11. Avatar di Malika40

    Malika40 8 anni fa (13 Febbraio 2016 16:29)

    Mi presento anche io come nuova frequentatrice della zona amicizia. Vi racconto. Vivo una giornata di festa in un paese e conosco questo ragazzo tra l altro piu giovane di me di 5 anni. passiamo dei momenti insieme durante la giornata. E poi la serata..va beh si finisce insieme in macchina..perche' comunque l attrazione per entrambi c e. Io pero' esco da una separazione dolorosa per cui per il momento non me la sento di impegnarmi con una persona che nemmeno conosco. L ho fatto in passato e ripensandoci me ne pento. Non e' meglio prima conoscersi, capire se c e compatibilita' e affinita' e poi mettersi assieme? Anche questa fase della conoscenza e' chiamata zona amicizia?Il sesso - inteso come rapporto completo- non dovrebbe essere il punto d'arrivo che completa la relazione? Questo per evitare almeno sofferenze da separazioni per incompatibilita'.. Mi chiede di uscire , subito gli dico di si..ma poi ci ripenso gli dico che nn voglio illuderlo e che per il momento non voglio impegnarmi, ho bisogno di smaltire il vissuto passato. Quindi lui mi propone di uscire come amici per conoscerci. E lascia a me l iniziativa di invitarlo quando me la sento..perche' non vuole forzarmi. Cosa ne pensate? Io sto benissimo anche da sola, non perdero' lemie priorita' per lui..ma vorrei approfondire l amicizia
    Rispondi a Malika40 Commenta l’articolo

  12. Avatar di Malika40

    Malika40 8 anni fa (13 Febbraio 2016 16:31)

    Che differenza ponete tra zona amicizia e periodo di frequentazione per la conoscenza reciproca (all inizio di una relazione?)
    Rispondi a Malika40 Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 8 anni fa (13 Febbraio 2016 17:57)

      Per me se iniziate così. ...rimarrete così. Amici con una certa attrazione fisica. O meglio conoscenti, perché anche amicizia è una parola grossa. Non è che mettendosi d'impegno nasce qualcosa. Mi chiedi una differenza tra le prime battute di quella che poi diventa una relazione e una fase esplorativa di due sconosciuti che si piaciucchiano ? Secondo me non ci sono "programmi". La relazione veleggia da sola verso la sua realizzazione e l'unica cosa che viene da pensare è :"Ho proprio voglia di rivederti, troviamoci!"Non : adesso mettiamo in atto una fase di studio reciproco perché chissà forse-magari nasce qualcosa e io vigilo sullo sviluppo della cosa. Il secondo modo è una forzatura rispetto al primo. Non so se riesco a spiegarmi.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Malika75

      Malika75 8 anni fa (13 Febbraio 2016 18:37)

      Quindi occorre buttarsi e come deve andare..se e' destinata ad andare va? Se non ci si trova ..ognuno poi a casa sua? Perche' a me la persona non dispiace...ma ho una fottuta paura di sbagliare ancora..e perdere tempo..non capisco perche' non riesco a vivere una storia serenamente e mi devo gia' fare 2000 cinema in testa di cosa sara'....forse sbaglio nel come vivo la storia..mi lascio coinvolgere senza io coinvolgere. Un altra cosa di me che non capisco ..e' che quando sto insieme ad una persona che mi piace, non riesco a dire no e ..peggio...ad esporre comportamenti dell altro che mi danno fastidio....o come un blocco che non ho con i miei amici maschi...mi sono accorta che e' anche questa mia sudditanza,questo senso di inferiorita', a non far valere le mie ragioni..a rovinare le mie storie.... Ilaria dammi un consiglio tu! Imparare a dire no!
      Rispondi a Malika75 Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 8 anni fa (13 Febbraio 2016 23:54)

      No no, non intendevo buttarsi nel senso di essere poco cauti. Coltivare vuol dire prendersi spazi e tempi per conoscersi ma comunque con la voglia di farlo perché con questa persona si avverte un senso di benessere. Senza anticipare i tempi e girarsi i film. Insomma senza ansie.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Malika75

      Malika75 8 anni fa (13 Febbraio 2016 18:39)

      Helen....per te Come inizia quindi una relazione tra due sconosciuti?
      Rispondi a Malika75 Commenta l’articolo

  13. Avatar di Shy

    Shy 8 anni fa (15 Marzo 2016 17:21)

    Ciao a tutte. Ho rovistato nel blog per trovare la sezione giusta dove inserire questo commento. Che dire, senza farla troppo lunga, il mio "migliore amico" si è innamorato di me quando io ero già impegnata con un'altra persona. Essendoci già passata e sapendo che si sta male, l'ho assecondato quando mi ha detto di non scrivergli e lasciarlo stare. Il punto è che adesso mi ritrovo a essere gelosa delle altre perchè a me non rivolge neanche più la parola. Mi fa male stare così se penso al rapporto che avevamo. A volte ci piango anche. Mi fa paura chiedervelo, ma non so come interpretare questa mia reazione. Forse mi sento semplicemente sola dopo la rottura della mia relazione e lui era l'unica "attenzione" che mi era rimasta. Forse non ho mai avuto modo di soffermarmi su quello che provo veramente perché prima ero impegnata con un altro? Se qualcuna ha dei consigli o esperienze vissute da raccontarmi li aspetto volentieri.
    Rispondi a Shy Commenta l’articolo

  14. Avatar di Bianca

    Bianca 8 anni fa (31 Maggio 2016 9:35)

    Lo conosco bene, abbastanza da pensare che anche se provasse davvero qualcosa per me non me lo direbbe mai, basti pensare a questa sua famosa migliore amica alla quale non si è mai dichiarato. Allo stesso tempo però se gli chiedo se sia interessato a qualcuna dice di non avere testa, o che, con una in particolare, parlano ogni tanto, ma non assiduamente (mentre noi parliamo ogni giorno, pur non essendo lui un tipo che sta sempre al cellulare..) Per questo i dubbi ci sono, anche perchè certi messaggi farebbero davvero pensare che ci sia qualcosa di più, ma non so come comportarmi per fargli pensare che può esporsi ancora un po'..
    Rispondi a Bianca Commenta l’articolo

  15. Avatar di Bianca

    Bianca 8 anni fa (30 Maggio 2016 18:02)

    Salve a tutte, vorrei condividere con voi la mia storia perchè credo di aver bisogno di pareri esterni. Ho 20 anni, due anni fa ho conosciuto su Internet un ragazzo, e, inspiegabilmente, abbiamo continuato a scriverci nonostante vivessimo in due città molto, molto lontane (quindi non c'era assolutamente possibilità di incontrarci). Da due anni, insomma, ci scriviamo praticamente ogni giorno, eccetto rarissimi casi, e siamo diventati molto amici, lui è molto importante per me e a quanto dice io lo sono per lui, gli parlo di tutto, lui parla a me di tutto., inclusi/e ex e vecchi amori, in particolare una mia storia che mi ha dato problemi in questi ultimi due anni, e per lui una ragazza, che era la sua migliore amica, e di cui lui era innamorato, ma alla quale non si è mai dichiarato ( me ne parla da quando ci conosciamo, ma credo che solo da poco stia riuscendo davvero a dimenticarla). Comunque, molto spesso mi faceva complimenti, dicendomi quanto fossi bella, o intelligente, o simpatica, che begli occhi avessi, cose del genere. A me ha sempre fatto piacere, ma non l'ho mai visto come qualcosa in più di un amico, anche perchè non lo avevo mai incontrato. Quest'anno poi, mi sono trasferita per gli studi in un'altra città, stavolta molto vicina alla sua. Avevamo già ipotizzato di vederci, ma poi è stato lui a prendere l'iniziativa e chiedermi se mi andava che venisse a trovarmi. Ci siamo visti, e siamo stati molto bene, temevo l'imbarazzo che però non c'è stato, se non in minima parte. Quel giorno, dopo che ci eravamo salutati, mi ha detto che ero bellissima e abbiamo commentato insieme l'uscita, entrambi felici di come fosse andata. Un mese dopo mi sono offerta io di andarlo a trovare, e anche stavolta è stata una bella uscita, che mi ha lasciato belle sensazioni. In tutto questo, dall'assiduità dei nostri messaggi e da alcune cose che lui mi ha scritto, le mie amiche hanno iniziato a ipotizzare che lui provasse qualcosa per me. Devo dire però anche che da quando il nostro apporto è diventato un po' più reale, quindi da quando ci siamo incontrati, lui mi fa quel genere di complimenti molto meno spesso, non so se perchè abbia smesso di pensare quelle cose o per altri motivi. Inizialmente non ho voluto credere alle mie amiche, ma poi non ho potuto fare a meno di rifletterci e di pensare a come potrebbe essere. Credo che lui mi piaccia, e probabilmente anche molto, ma mi manda segnali contrastanti, a volte è molto dolce, molto presente, altre volte risponde ai miei messaggi dopo ore, o mi parla di altre ragazze, pur sostenendo che in questo periodo non ha testa per una relazione, non so queindi se lo faccia per farmi ingelosire o semplicemente perchè mi vede come un'amica e basta. Vorrei trovare un modo di fargli capire che potrei provare qualcosa di più, ma senza espormi troppo perchè tengo troppo a lui per rischiare di perderlo. Qualcuna di voi ha consigli da darmi?:(
    Rispondi a Bianca Commenta l’articolo

  16. Avatar di Bianca

    Bianca 8 anni fa (31 Maggio 2016 12:58)

    Ho seguito il tuo consiglio cindy e ho letto tutti gli articoli che mi sembravano riguardare il tema amicizia-amore, ragazzi indecisi, virtuali.. ma non riesco a capire in quale 'categoria' possa rientrare la mia situazione. Perciò vorrei chiederti, Ilaria, se hai un'idea di che tipo di relazione sia quella di cui parlo, visto che io non riesco ad inquadrarla molto bene.
    Rispondi a Bianca Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 8 anni fa (31 Maggio 2016 14:20)

      Beh, anche in questo caso il presupposto di partenza è che tu non riesci, ovviamente, a inquadrarla molto bene. Ma la sensazione forte è che l'amico di penna, di piume e di tastiera sia un incrocio magico tra indeciso, virtuale, coniglione, con una grande percentuale di inconsistenza. Non è mica una colpa eh, è che le donne dovrebbero davvero smetterla di prendere dei bambolotti di pezza e fantasticare su quanto siano attraenti e meravigliosi. Che è buttare addosso a questi poveretti trasparenti responsabilità che non hanno.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Bianca

      Bianca 8 anni fa (31 Maggio 2016 17:23)

      Probabilmente è così, in tal caso dovrei solo prendere un po' le distanze da lui.
      Rispondi a Bianca Commenta l’articolo

    • Avatar di cindy

      cindy 8 anni fa (31 Maggio 2016 21:31)

      Ciao Bianca, le persone conosciute su Fb (sia per amicizia sia per sentimento) devono poi iniziare una frequentazione reale/costante nella vita vera. Vedersi! Questo ragazzo fa il "mollicone" come si dice a Roma...un po' fa il galante, un po' fa il distante, uno è amico, un po' fai il probabile fidanzato, un po' tiene a te, un po' tiene (e ti racconta) alle altre...La personalità del soggetto non è per niente bella anzi questi sono i peggiori...sono melliflui o come ha detto Ilaria in una articolo fluidi...(come l'acqua la senti nelle tue mani ma scorre via....). Lascia perdere ma stacca proprio i contatti. Gente così è nociva e tanto!!!
      Rispondi a cindy Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 8 anni fa (1 Giugno 2016 9:28)

      Verissimo Cindy, sono tipi fluidi come l'acqua... un'acqua zozzissima, da rischio epatite! :-D
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  17. Avatar di Bianca

    Bianca 8 anni fa (8 Agosto 2016 10:50)

    Volevo dirvi com'è andata a finire. Dopo qualche tempo dal mio ultimo commento, è venuto fuori il discorso con il diretto interessato, e si è scoperto che questo interessa era reciproco, semplicemente lui, come me, aveva paura di avvicinarsi troppo, paura di esporsi troppo e perdermi. Ora stiamo insieme, e va tutto molto, molto bene tra di noi.. perciò non sempre la situazione è quel che sembra.
    Rispondi a Bianca Commenta l’articolo

  18. Avatar di Mary

    Mary 7 anni fa (28 Ottobre 2016 9:30)

    Io conosco di rado delle persone perché ho paura di affezionarsi e poi essere rifiutata ho paura del no mi fa stare male. Non ho capito ancora come farsi che un omo possa accettare la mia persona ho provato a essere sincera dalla a alla z scarso successo ,ho provato a nascondere le mie situazioni passate anche cosi non va bene non saprei essere un'altra Mary. Cosa dovrei fare o meglio chi dovrei essere??
    Rispondi a Mary Commenta l’articolo

  19. Avatar di Bianca

    Bianca 7 anni fa (19 Dicembre 2016 20:31)

    Quello che è accaduto a me... sono finita nella zona amicizia e dopo un mese che recitato la parte della amica gli ho detto la verità è ho chiuso (è una cosa recente ma credo di avere la forza di proseseguire nella mia decisione). Soffrire inutilmente è appunto inutile.
    Rispondi a Bianca Commenta l’articolo

  20. Avatar di Gretel

    Gretel 6 anni fa (7 Settembre 2017 20:50)

    L'altro giorno una mia conoscente, che fra l'altro ha superato la soglia degli "anta", parlandomi delle sue storie con il mondo maschile, mi fa: "mi sono innamorata, ma lui mi ha FRIENDZONATO". Friend...che? che cosa? Non ne sapevo nulla. Mi sento un po' vecchia (e ne vado fiera). Come se, poi, l'amicizia fosse un surrogato dell'amore, una sottospecie, un prodotto da discount...
    Rispondi a Gretel Commenta l’articolo