Quando un uomo diventa freddo che cosa fai?

quando un uomo diventa freddoSoprattutto che cosa è giusto che tu faccia?

In assoluto, in tutti i casi del genere, anche quando si tratta di amici, parenti e conoscenti, che di colpo diventano freddi e distaccati, è massimamente utile prendere le distanze.

Sissignora, prendere le distanze emotive e non farsi cruccio del suo raffreddamento.

E questo per due ragioni.

La prima è che il suo “raffreddamento” è una questione sua, che, nel 99,9% dei casi non ha niente a che vedere con te.

La seconda è che ci tocca abituarci ad avere che fare con le persone in modo da investire su di loro non di più di quanto loro investono su di noi, semmai molto di meno.

Lui si raffredda. Molto bene, se lui è a 0 gradi, tu va a -5.

Sai quanto ti è utile questo atteggiamento per diventare forte, mantenere il controllo e superare l’insicurezza in amore?

So benissimo – eh, se lo so! – che quando un uomo, che sia un corteggiatore, un fidanzato o un partner di lunga data  – si raffredda si rimane malissimo.

E come potrebbe essere diversamente? Sono certa che anche gli uomini di fronte a una donna che si raffredda nei loro confronti rimangono malissimo.

Tra le donne è molto comune interrogarsi sui propri errori e sulle proprie mancanze quando ci si trova in una situazione del genere.

I pensieri ricorrenti sono: “Oh poverino il mio fidanzatino! Di sicuro gli avrò fatto qualcosa di orribilmente terribile, senza nemmeno essermene accorta! Avrò ferito il suo amore e il suo orgoglio! Ma non ne avevo nessuna intenzione… Sono una brutta persona e una pessima donna…”

Oppure, nei migliori dei casi, nella testa di molte donne si affaccia l’idea: “Forse lui sta mettendo alla prova sia me, sia se stesso. Vuole vedere se lontano da me sente per davvero la mia mancanza e vuole vedere come reagisco al suo distacco, se assillandolo e cercandolo o se comunque ci rimango male pur non facendogli stalking.”

Quando un uomo diventa freddo

Mi tocca dire che quando un uomo diventa freddo non lo fa per nessuna delle due ragioni che ho descritto sopra.

Lui non sta mettendo te alla prova, ma si sta concentrando su se stesso, considerando le proprie emozioni e i propri sentimenti e anche, tocca dirlo, misurando le proprie priorità.

Quindi, prima di tutto, lui si sta raffreddando perché cerca spazio personale per sé e le proprie riflessioni.

E a te consiglio questi 7 atteggiamenti che sono i più efficaci da assumere in una situazione del genere.

1 Lascialo dov’è, nel suo spazio. Non è cercandolo o insistendo perché “torni quello di prima” che lui tornerà da te carico di affetto e di interesse.

Anzi, potrebbe trovare nella tua insistenza il motivo più valido per prendere una decisione radicale.

2 Davvero distaccati e se ti cerca dopo un bel po’, potresti fare anche lo sforzo di non rispondere alla sua telefonata o ai suoi messaggi subito, immediatamente, alla velocità della luce.

Puoi lasciare passare anche 3 o 5 ore o addirittura 24.

Pensa che bel messaggio gli mandi con questo atteggiamento: “Sto bene anche se ti raffreddi e te ne vai”.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

Pensa che paura di perderti potresti mettergli 😊

3 Non cercarlo con delle scuse: chiedergli come far partire la lavatrice che si è bloccata; annunciargli che hanno aperto quella mostra che dicevate interessarvi molto; chiedergli se ha bisogno del suo cappotto di cashmere per le temperature di luglio.

Sii leggera e positiva e goditi la tua vita

4 Se convivete, non fargli domande del tipo “Cosa c’è che non va? Ti vedo freddo. Che cosa sta succedendo? Sono io che ho sbagliato? Hai problemi sul lavoro? In famiglia? Non stai bene? Se vuoi ti posso aiutare tesoro mio, sai quanto ti voglio bene, farei di tutto per te!”

Credi che questo lo possa “riscaldare”? Credi che queste domande gli facciano piacere? Io francamente non lo credo.

Nemmeno un po’.

Ti farebbero solo risultare rompiscatole e il suo atteggiamento e le sue risposte sarebbero frustranti per te, svalutandoti e rubandoti energie.

Lascia stare.

Organizza la tua giornata e i tuoi impegni (anche in casa) aumentando il suo distacco da lui.

Vediamo un po’ se se ne accorge.

5 Non rattristarti, non deprimerti, non rabbuiarti, non arrabbiarti e non diventare aggressiva. Eh, no, cara mia, al primo cenno di raffreddamento, riscalda i motori della tua vita e pianifica una serie di impegni e di attività che ti tengano impegnata, fuori e dentro casa, di modo da non dover pensare al suo atteggiamento o vederlo davanti a te comportarsi in modo freddo.

Esci con le amiche e anche con gli amici.

6 Sii costante e congruente: non cedere e non fare concessioni finché non è lui a essere tornato sui propri passi. Se no, non vale

7 Oltre a essere distaccata, sii spensierata e fiduciosa riguardo lui e la relazione.

Non fartene un problema.

Se lui se ne sta andando, inseguirlo non serve a niente e non cambia niente.

Se lui ha intenzione di stare con te, tornerà a essere più vicino e più legato, e ti fornirà anche spiegazioni su quanto gli è successo.

Spiegazioni che chiariranno in positivo molti aspetti della vostra relazione avvicinandovi maggiormente e approfondendo il vostro legame.

Se invece deciderà di andarsene, tu ovviamente non solo te ne farai una ragione, ma capirai che non era cosa.

Ecco cosa fare quando un uomo diventa freddo.

 

Lascia un Commento!

31 Commenti

  1. Avatar di tiziana

    tiziana 1 mese fa (2 Maggio 2021 21:07)

    ciao. solo quando ho avuto una brutta lunga storia disfunzionale sono stata lì a scervellarmi per capire, chiedere ecc. col risultato che non aiutavo nessuno, tantomeno me stessa. e che lui faceva sempre pressione perchè io fossi interessata a lui nel modo in cui lui desiderava.. ma era, appunto, "malato". successivamente, con un altro, ho riacquistato quell'equilibrio che mi ha permesso di essere distaccata quel tanto che basta perchè lui sbollisse e ritornasse indietro. a volte m'è pesato un po' il fatto che, sebbene non dipendesse da me, lui fosse chiuso nel parlarmene. noi donne siamo molto più aperte al vero dialogo!
    Rispondi a tiziana Commenta l’articolo

  2. Avatar di Daniela

    Daniela 1 mese fa (2 Maggio 2021 22:38)

    Cara Ilaria mi riconosco in quanto scrivi. Quando mi raffreddo perché devo decidere o quando chiudo la frequentazione i corteggiatori-strasciconi sono una vera rottura. Non perdo tempo a spiegare cosa o non cosa.
    Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

  3. Avatar di Laura

    Laura 1 mese fa (3 Maggio 2021 0:58)

    Articolo bellissimo! Pratico, utile, chiaro e cristallino come tuo solito. Grazie, Ilaria! Lo stampo e me lo tengo vicino.
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  4. Avatar di fid

    fid 1 mese fa (3 Maggio 2021 10:55)

    Ciao Ilaria, articolo interessante come sempre. Io spesso ho assunto l'atteggiamento che tu consigli ossia "Sto bene anche se ti raffreddi e te ne vai” ma sai di cosa in seguito sono stata accusata? di essere io quella incostante nei sentimenti perchè ovviamente mi concentro su di me e non mi faccio sentire... Cioè...tu Maschio te ne vai, diventi freddo, distaccato, mi ferisci e magari mi lasci pure...io assecondo i tuoi atteggiamenti e ti lascio libero di fare ciò che vuoi..poi ritorni e ti concedo pure un'altra possibilità (stupidamente direi perchè si cede al sentimento) e sarei io l'indecisa e l'instabile? roba dell'altro mondo che non si possono sentire...ecco le accuse: "ma tu non mi hai mandato nemmeno un emoticon in questo periodo per farmi capire che ti mancavo"..."tu non capisci che io ho tante cose da fare (ossia non sono la sua priorità non gliene frega niente di me)".... "tu sei cattiva"...ecc ecc...
    Rispondi a fid Commenta l’articolo

    • Avatar di tiziana

      tiziana 1 mese fa (3 Maggio 2021 14:03)

      guarda, è quello che è successo a me col mio ex narcisista.. mi faceva sentire in colpa se facevo qualcosa o se non facevo qualcosa (cercarlo se si allontanava, non cercarlo se era arrabbiato.. ecc) qualsiasi fosse stata/non stata la mia reazione a un suo comportamento.. era sempre qualcosa di sbagliato. alla fine glielo dissi.. "con te tutto e il contrario di tutto è sbagliato!". allontanati a gambe elevate quando incontri tipi simili. ;)
      Rispondi a tiziana Commenta l’articolo

  5. Avatar di Tini

    Tini 1 mese fa (4 Maggio 2021 21:49)

    Se un partner si raffredda quasi sicuramente è coinvolta una terza persona. Anche solo fantasticata. E un sacco di valutazioni su cosa conviene di piú, se restare o andare. È brutto a dirsi ma i rapporti umani sono utilitaristici. Noi veniamo usati, noi usiamo. Forse bisognerebbe imparare a farlo con rispetto.
    Rispondi a Tini Commenta l’articolo

  6. Avatar di Ida

    Ida 1 mese fa (9 Maggio 2021 17:02)

    Consigli molto utili da seguire. Però Ilaria, sinceramente stento a credere che, come dici tu, il suo “raffreddamento” è una questione sua, che, nel 99,9% dei casi non ha niente a che vedere con la donna. E se questo fosse vero ti chiederei gentilmente una delucidazione. A mio parere un uomo che ama sta sempre vicino alla donna con calore e dedizione, a prescindere.
    Rispondi a Ida Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (9 Maggio 2021 17:51)

      Infatti, stiamo dicendo la stessa cosa. Premesso che per me il "a prescindere" non esiste, perché se tu sputi in un occhio tutti i giorni al tuo partner (uomo o donna), lui non ha nessun obbligo di nessun genere a starti vicino con calore e dedizione, se no si tratta di disfunzionalità e di patologia, io intendo dire che se lui si raffredda e non propone spiegazioni e chiarimenti, questo è un problema suo, non della compagna. La pasta è troppo salata? (Esempio banalissimo, guardiamoci bene da chi si inalbera o apre conflitti sulla pasta salata). Bene, mi dici che forse la pasta è un po' troppo salata e la preferiresti meno salata, non ti raffreddi e prendi le distanze.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  7. Avatar di Ida

    Ida 1 mese fa (9 Maggio 2021 22:21)

    Ho usato "a prescindere" nel senso "a prescindere dal fatto che lui abbia bisogno di un attimo di riflessione o abbia bisogno dei suoi spazi, etc, etc" non che dovrebbe stare con una persona anche se trattato a pesci in faccia. Forse ero stata poco chiara.
    Rispondi a Ida Commenta l’articolo

  8. Avatar di Anna

    Anna 3 settimane fa (25 Maggio 2021 20:49)

    Mamma mia...per me è difficile!!! Io sono la classica tipa brava con tutti, mi è difficile restare fredda quando qualcuno si comporta male, dentro di me partono i classici "sarà colpa mia?" So che è colpa dell'educazione avuta, mia madre di colpo si raffreddava (e continua a farlo) senza motivi apparenti prendendosela con me, è dura avere questo background! Comunque leggerò spesso questo artico! Ps. Ilaria, non è che ne scriveresti altri? Hai centrato il punto!!
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  9. Avatar di Kirsi

    Kirsi 1 mese fa (4 Maggio 2021 0:42)

    Mi dispiace, ma l'articolo è veramente incredibile, un vero concentrato di comportamenti infantili e manipolatori. Un parente, un amico (o una parente, un'amica) o addirittura un convivente o forse anche marito diventa "freddo" (valutazione soggettiva) e voi doveste fare uguale? Cercare di chiarire non sarebbe meglio, più responsabile o adulto? Fare finta di niente, ostentare indifferenza o addirittura "senza di te sto meglio" sarebbe il segreto per farlo ritornare? Mi dispiace, questa cosa non ha senso e un rapporto siffatto non vale la pena. Essere oneste e trasparenti sulle proprie emozioni, sui bisogni e desideri è l'unico modo per costruire un vero rapporto. Non questi trucchetti con tanto di numeri.
    Rispondi a Kirsi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (4 Maggio 2021 15:37)

      Questo è uno dei tanti commenti che dimostra quanto sia ancora viva una cultura che vede la donna come zerbino: del partner, del marito. della famiglia o del disadattato di turno. Kirsi tu fai della tua vita quello che ti va, ma avverto che è una china pericolosissima.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Francesca B

      Francesca B 1 mese fa (4 Maggio 2021 15:58)

      Ciao Ilaria sono una lettrice del blog e il tuo piglio generalmente mi piace molto, però in questo caso penso che ci sia un problema di percezione. Leggendo questo articolo sono rimasta molto interdetta come Kirsi, perchè quanto suggerito dall'articolo non è applicabile a tutte le situazioni. E il risentimento presente nella tua risposta con accuse di zerbinaggio mi lascia ancora più perplessa. Mi spiego: concordo che sia utile aumentare le distanze e concentrarsi su se stessi in molti casi (specie con relazioni agli inizi o in particolarmente ambigue e che andrebbero troncate sul nascere-su questo blog pullula di donne inamorate di uomini sposati). Ma se si trattasse di un convivente mi sembra un'ipotesi azzardata e mancante di empatia. Se chi ti sta accanto (indipendentemente dal suo e dal tuo genere sessuale) improvvisamente cambia atteggiamento rispondere con assoluta freddezza mi sembra inappropriato. Discorso cambia se si tratta di recidiva. Ma la difficoltà dell'altro non può essere trascurata a priori: i rapporti sono fatti di reciproco sostegno ed accoglienza, se si smette di comunicare questi elementi vengono a mancare. L'empatia deve essere esercitata da ambo i lati.
      Rispondi a Francesca B Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (4 Maggio 2021 19:22)

      Ciao Francesca B, appunto, se uno si raffredda, dove stanno la reciprocità e il sostegno e l'accoglienza? E l'empatia data a chi ti tratta male non è cosa buona, nemmeno per niente.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Enry

      Enry 1 mese fa (5 Maggio 2021 9:56)

      Ciao Francesca B, penso che il senso dell'articolo, e del commento al tuo post , di Ilaria, sia che è la persona che si raffredda, se ha un problema con noi, a doverne parlare per prima, senza aspettare che le leggiamo nella mente e che ci lambicchiamo il cervello per capire se eventualmente possiamo averle torto un capello. E questo è un atteggiamento che, per l'educazione ricevuta, molte donne hanno. Invece tirare dritto per la propria strada è molto liberatorio e molto più proficuo.
      Rispondi a Enry Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (5 Maggio 2021 12:26)

      Esatto!
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Kirsi

      Kirsi 1 mese fa (5 Maggio 2021 8:59)

      Direi, coach Ilaria, che il suo commento è inappropriato, il suo tono risentito e con quel tocco di superiorità che non so da dove deriva. Senza conoscermi mi "avverte" della "china pericolosissima" semplicemente perché esprimo un'opinione su un articolo che accomuna in un'unica categoria tutti i rapporti umani dagli amici, parenti, conviventi all'uomo forse appena conosciuto? "Zerbina", a me? Ma davvero?
      Rispondi a Kirsi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (5 Maggio 2021 12:37)

      "Zerbina”, a me? Ma davvero?" uhm, non è propriamente un tema al quale voglio dedicare tempo e attenzione, abbia pazienza. Non le piace il sito e non le piaccio io? Mi eviti, non venga, è così semplice. Ribadisco per chi mi legge ed è interessato a quello che dico in modo aperto e non alla polemica, non a lei, si rassicuri, che persone pessime, passivi aggressivi, persone che ricattano psicologicamente, psycho, manipolatori e violenti emotivi sono dappertutto e possono ricoprire qualsiasi ruolo e questa non è una notizia, né una scoperta. Si può trattare di mamma e papà, nonni, fratelli, figli, fidanzati, corteggiatori, mariti, amanti, amici, amici di letto, colleghi di lavoro etc etc. Io spiego alle donne come difendersi. Proteggersi sempre. C'è chi vuole farsi distruggere da uno o più dei tanti stronzi in circolazione? Non è un mio problema e non ho nessuna intenzione di dar corso a discussioni che alimentano questa cultura malata. Le sto antipatica? Pazienza. A maggior ragione, non mi infastidisca, non è obbligata a farlo. Mi lasci fare il mio lavoro come credo, esattamente come faccio io con gli altri. E si ricordi che io ci metto faccia, nome e cognome e le permetto di esprimersi. Lei si permette di giudicarmi grazie al fatto che IO glielo concedo e nascondendosi dietro a uno pseudonimo e un indirizzo mail che non possono permettere di riconoscerla immediatamente. Veda un po'. Comunque non scriva più, grazie.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 1 mese fa (5 Maggio 2021 11:42)

      Hai ragione Kirsi, bisogna spiegarsi, confrontarsi su ciò che non va, ma chi diventa "freddo" lo fa perché è incapace di esprimere il proprio disagio, e visto che non parliamo di bambini, perché mai dovrei "corrergli dietro" cercando di farlo parlare? Discutiamo di adulti che i problemi li affrontano, o dovrebbero affrontarli, non di immaturi che fanno il broncio. Mai mi permetterei di scaricare sul partner i miei problemi, ne posso restare dispiaciuto, ma la colpa non è di chi mi resta a fianco, a lei sempre il mio sorriso e la mia felicità. Fa il "freddo"? Mettigli una coperta addosso. Fabio
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (5 Maggio 2021 12:38)

      E' così, infatti.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (5 Maggio 2021 17:43)

      Scusa @Kirsi ma, a memoria tua, quante volte "cercare di chiarire" ti ha portato buoni frutti nelle relazioni sentimentali o nelle finte amicizie? E' pieno di donne che "cercano chiarimenti" e spiegazioni da uomini inaffidabili, incostanti, indisponibili, che un giorno ci sono e tre no, che appaiono e scompaiono. Certo, se si tratta di un uomo con cui si è sposate o si convive da anni e tutto era sempre filato liscio, ci sta chiedere spiegazioni. Ma molto più spesso si tratta di frequentazioni agli inizi o di relazioni mai decollate o che non hanno mai funzionato davvero. O di soggetti che i primi tempi ti promettono la luna e le stelle per poi farti piombare alle stalle. E in amicizia è lo stesso. Se un'amica si raffredda, non ti cerca, non ti invita, non ti risponde ai messaggi, ti ignora, cosa vuoi "chiarire"? E' già chiaro che preferisce fare a meno di te, che non le servi, che ha altro di più importante per la testa. Perché con un uomo dovrebbe essere diverso? Invece rincorriamo, chiamiamo, messaggiamo, cerchiamo, inseguiamo. Col risultato che vieni pure bloccata e umiliata.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 1 mese fa (10 Maggio 2021 16:01)

      Vic, non potevi dirlo meglio. A parte che il tuo discorso su un'ipotetica amica latitante si applica perfettamente ad una mia situazione, che mi era sì già chiara, ma leggerlo nero su bianco detto da un'altra persona è ancora più utile, comunque a proposito dell'ostinazione di certe donne a volere chiarimenti da emeriti pirla che scompaiono dopo una breve frequentazione, volevo citare la pagina FB "Mentire davanti alle spunte blu", che pubblica conversazioni WhatsApp (alcune autentiche, altre palesemente create ad hoc) sui temi più disparati fra cui anche il ghosting. Di recente ne avrò lette almeno due in cui la sedotta e abbandonata di turno non voleva farsi una ragione della sparizione dell'ominide e lo contattava espressamente per "un chiarimento". Ebbene, in entrambi i casi la motivazione era qualcosa di veramente umiliante (per chi la riceveva) e come se non bastasse, le tizie insistevano pure, come a dire "ma com'è possibile, ma perché mi hai fatto credere che ti piacessi bla bla bla", offrendo il fianco ad ulteriore offesa. Beh io paradossalmente in questi casi "sto dalla parte" del pirla, perché se le tranvate te le vai a cercare con la torcia si vede che te le meriti.
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (10 Maggio 2021 20:28)

      Concordo con te, @Atolla. Ieri un lettore ha scritto che è sempre meglio ricevere un rifiuto esplicito piuttosto che il silenzio. Ecco, ehm, parliamone. Intanto bisogna valutare com'è finita la frequentazione/relazione. Perché, se finisce con lui che scompare in una bolla di sapone, ti blocca e fa ghosting per giorni, non ci vuole mago Merlino a capire che per lui sei preziosa come una banconota del Monopoli. Il ghosting È un rifiuto esplicito. Cioè, più esplicito di quello c'è solo il non presentarsi all'altare, penso. Ci sono persone che addirittura vanno sul posto di lavoro dei pirla a chiedere spiegazioni, non potendoli contattare in altro modo perché bloccate. Capisco benissimo il dolore e la frustrazione, ma a che giova umiliarsi e mostrare il sedere aspettando la pedata definitiva? Magari anche in pubblico... Se la spiegazione si limita a farsi dire frasi del tipo "mi dispiace, purtroppo non funziona, siamo incompatibili (classicone questa, chi non c'è passato?), non sento quel che vorrei sentire, sono io non sei tu, meriti una persona migliore" ecc. ci può stare. Non che serva a molto per l'autostima sentirselo dire, anzi. Ma c'è chi ha bisogno di chiudere il capitolo vis a vis per voltare pagina, e lo capisco. Molto spesso, però, si esige di sapere il motivo reale e la ragione. E se quello, visto che non gliene frega nulla di te e volendo fare la parte del "sincero", se ne uscisse con la Verità, del tipo "è che c'è un'altra meglio di te" o "ti puzza l'alito", oppure "sei bigotta e ti vesti male" ecc., come la mettiamo? A che serve conoscere tutta la Verità e nient'altro che la Verità, quando la verità è che non gli piaci abbastanza e, alla fine... sti caxxi dei motivi. P. S. Mi vado a leggere questa pagina FB :)
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 1 mese fa (11 Maggio 2021 12:16)

      Vic, non si discute, più chiaro di un ghosting - in una frequentazione "giovane", almeno - non vedo altro, io peraltro ho problemi ad accettare di essere rifiutata da qualcuno, il ghosting è più che sufficiente e non andrei mai a chiedere il vero motivo della sparizione. Mi hai fatto venire in mente un film di una 15ina di anni fa, "Alfie", remake di un omonimo film degli anni '60, che racconta di uno sciupafemmine (bello come il sole, infatti è Jude Law) che passa da un letto all'altro finché si imbatte in una donna matura, intraprendente, indipendente, ricca e gaudente, con cui ha degli "incontri" e quando, in una crisi di coscienza stile Innominato, si rende conto di aver usato a suo piacimento tutte le donne fino a quel momento, decide di mettere la testa a posto e di "sistemarsi", la va a trovare con un mazzo di fiori e con l'intenzione di coltivare seriamente il rapporto. Lei lo accoglie in accappatoio, benevolmente, apprezza molto i fiori ma è palese che non veda l'ora che lui vada via e infatti gli dice che non può dedicargli del tempo. E così lui si insospettisce e capisce che non è sola in casa. Infatti va a sbirciare in camera da letto e vede che c'è un uomo (noi non lo vediamo nella scena). Piccato le chiede, più volte: "Cos'ha che io non ho?" e lei "E' più giovane di te". Ecco :D
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 1 mese fa (11 Maggio 2021 17:36)

      e beh e beh...chi la fa, l'aspetti :D
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna C

      Anna C 3 settimane fa (26 Maggio 2021 14:39)

      Hai pienamente ragione.
      Rispondi a Anna C Commenta l’articolo

  10. Avatar di Anna C

    Anna C 3 settimane fa (26 Maggio 2021 14:50)

    Ciao ragazze, io vi parlo del mio caso. Sono fidanzata da un anno e mezzo con un ragazzo. Per varie motivazioni che non sto a spiegare, secondo me siamo diversi e non funziona: a me piace leggere, rintanarmi in casa per dirla breve, lui invece non legge libri dal liceo e gli piace uscire e stare in compagnia. Io tutte queste cose le ho superate perché in linea generale si è sempre comportato bene con me, ma non mi ha mai detto che in realtà non era felicissimo della cosa, l'ha tenuta per sé (e io direi che c'entro poco o nulla se una persona non è capace di dirlo/esprimersi). Fatto sta, che nell'ultimo periodo , siccome si può uscire di più, riceve inviti da amici vari, a me non piacciono molto, sono immaturi e non ho argomenti comuni. Gli ho sempre però detto che lui può vedere chi vuole. Questa cosa ahimè è immaturo, non riesce a superarla. Sicché abbiamo litigato ed è sparito. Io a mia volta ho mantenuto la freddezza. Al terzo giorno mi stavo preoccupando. Ho chiesto ad amici/conoscenti come si sarebbero comportati se fossero stati me, e mi hanno detto che se la cosa mi faceva stare male, allora per risolverla, dovevo scrivergli e chiedergli spiegazioni. Anche perché in passato ho trascinato il silenzio, stando malissimo e ho risolto ben poco con questo atteggiamento. Gli scrivo, risponde, ci vediamo. E dice che era una "messa alla prova" ha detto che dallo sfinimento se non avessi fatto nulla, mi avrebbe scritto lui. Ma ha detto che siccome era sempre stato lui quello che mi scriveva sempre, voleva mettermi alla prova. Si può essere pro-contro questa cosa, chiaramente io penso sia immaturo il suo atteggiamento, però direi che cercare/insistere serve per far pace con le proprie emozioni. Ma una volta fatto, stop, non ha senso insistere. Infatti, lui continua con la freddezza, io mi sto guardando intorno, perché se non è cosa, molto probabilmente ci lasceremo.
    Rispondi a Anna C Commenta l’articolo

  11. Avatar di Eleonora

    Eleonora 3 settimane fa (28 Maggio 2021 13:20)

    Ciao a tutti... Avevo commentato tempo fa con un accenno della mia storia, ma purtroppo ho avuto bisogno di sbatterci la testa fino a stare davvero male e toccare il fondo per iniziare a uscirne. 30 anni passati, solo relazioni platoniche/immaginarie per paura di soffrire (nemmeno mai fantasie erotiche, zero energia sessuale), trincerata nell’obesità per riempire il vuoto con il cibo e per non essere vista dagli uomini... inizio un percorso su me stessa, perdo kg, credo di guadagnare autostima e mi sembra di stare meglio. Due anni fa mi contatta un artista di cui sono fan da tantissimo tempo, sposato con figli, e inizia un percorso direi di manipolazione da parte sua e di ingenuità patologica da parte mia, in cui intrecciamo attenzioni e sesso virtuale e da candida innocente (fondamentalmente, pur avendo tanti amici, non avevo nemmeno mai flirtato con un uomo nella mia vita) cerco di diventare una specie di pornostar virtuale per sperare di renderlo felice. Pensavo che per dargli attenzioni sarei stata disposta a morire, semplicemente perché finalmente da lui mi sentivo vista e riconosciuta, anche se in due anni non mi ha mai nemmeno chiesto “come stai” e io mi sono consumata per dargli sostegno e scrivergli lettere in lutti e momenti difficili di depressione. Mi diceva grazie di esistere, sei la mia medicina, e io compativo la moglie perché pensavo che se lui diceva queste cose a me ero io quella amata da lui. Mi ha anche detto che il mio farlo sentire amato era una droga per lui... Forse in questo è stato sincero. Non voglio nemmeno pensare con quante donne si è comportato così, anche se voglio credere di essere stata speciale, ma so che crederlo non mi è utile ed è dannoso, e che comunque se cosí fosse non era certo per la persona che sono, ma per la qualità e quantità del mio nutrimento affettivo. Il problema è questo, io non mi amavo e non avrei mai accettato di essere riconosciuta davvero come persona degna di amore ed essere amata. Volevo emozioni, ma su cui non potere costruire, perché avevo troppa paura di perdere la felicità e preferivo vivere un sogno. E poi, dopo che mi ero annullata al massimo per lui e fino al giorno prima mi diceva che gli salvo la vita, ha iniziato a essere freddo dicendomi che era successo un casino pazzesco e che un giorno mi avrebbe spiegato... continua a contattarmi, per cercare attenzioni, ma è diventato freddo e non mi spiega. La moglie ha incrementato post e foto di coppia e famiglia felice. Presumo sia stato scoperto, probabilmente con una ragazza che non sono nemmeno io se non mi ha bloccata, e da un giorno all’altro la gratitudine per la mia esistenza si sia tramutata financo in mancanza di una spiegazione. A questo punto quello che senza questo blog non avrei mai fatto. Mi sono distaccata anche io anzichè implorarlo, sono andata da una psicoterapeuta e una psichiatra che mi hanno diagnosticato tratti borderline e disturbo dipendente della personalità, inizierò una psicoterapia ma soprattutto un atto di volontà per stare meglio e ho inizato a compatirlo, perché sono due anni che penso di non poter esistere senza le sue attenzioni, ma invece sono una persona libera e che ha la libertà di fare delle scelte e cercare la felicità, mentre lui si è ingabbiato con le sue ma ni in una vita infelice e da cui non ha la minima intenzione o prospettiva di uscire. L’unica cosa che mi fa rabbia e che mi fa capire che ho ancora tanta strada davanti a me è che riesco a invidiare la moglie... lei non vede la sua essenza, lo vede come il sogno che vedevo io all’inizio e io provo tanta rabbia per la perdita di quel sogno. Ma tutto questo mi è servito a evolvere e devo riuscire a farne tesoro. Grazie a Ilaria, al blog e ai commenti, senza i quali non sarei mai giunta a questa seppur tardivissima consapevolezza ❤️
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

  12. Avatar di Anna C

    Anna C 2 settimane fa (30 Maggio 2021 18:25)

    Ciao Ragazze. Dopo il mio ultimo commento volevo dare degli aggiornamenti, alla fine mi sono lasciata con il mio ragazzo. Non è che stia benissimo, ma chi si sente bene quando rompi? Sono delusa, arrabbiata, mille emozioni vorticano in me. Mi sento anche in colpa ma non ho l'istinto di prendere il telefono. Lui era diventato freddo una settimana fa quando al mio ennesimo no nel vedere i suoi amici - badate visti in passato ma non siamo mai andati molto d'accordo e per lui questa è una cosa inaccettabile - mi dice che è stufo, perché lui si forza e fa mille cose per me e io zero. Io non credo sia proprio così, ma sorvolo. Il fatto è che non ho mai avuto così tanto problemi a dialogare con una persona che anzichè favorire un buon dialogo sano e reciproco fa monologhi in cui attacca l'altra! E questo è successo ieri, 1) mi ha elencato tutte le volte in cui mi ha accompagnato in un posto e io no, 2) tutte le volte in cui ha pagato la cena e io no, 3) dirmi che l'ho usato, 4) dirmi che lui in realtà prima di conoscermi andava dietro a quelle frizzanti e non a quelle chiuse come me, 5) dirmi che se a livello sessuale lui non andava era anche colpa mia, e non vado oltre, al che gli ho chiesto che grado di maturità e senso di liberazione potesse avere uno che dà le responsabilità all'altro? E' strana la vita, lui non era così, per un anno e mezzo è sempre stato gentile, comprensivo, sono riuscita a raccontargli di tanti problemi personali (gli abusi di mio padre su mia madre) poi tutto a un tratto diventa lui quello intrattabile. So che non devi aspettarti molto nella vita, però devo essere sincera questo per me è stato un bel tram.
    Rispondi a Anna C Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 settimane fa (31 Maggio 2021 9:31)

      Mi dispiace @Anna C, probabilmente non è la persona giusta per te, però certe batoste fanno comunque tanto male. Una cosa però: "poi tutto a un tratto diventa lui quello intrattabile". Vuol dire che per un anno e mezzo tu sei stata intrattabile? Perché sai, i primi tempi è facile essere gentili, disponibili e comprensivi, c'è l'entusiasmo di avere una nuova storia. Dopo il primo anno, invece, viene fuori il carattere perché l'entusiasmo si attenua e non è facile stare accanto a una persona "intrattabile". Non so come sia questo ragazzo, ma è evidente che si è voluto togliere parecchi sassolini dalla scarpa e "te le ha dette tutte". Ovviamente questa è solo la sua versione, però dimostra come tra voi non ci fosse comunicazione né complicità. Senza darti colpe, lavora sulle tue insicurezze e rafforza il carattere, in modo da non aver più bisogno di un uomo come contenitore e stampella. Gli uomini cercano solidità di carattere e indipendenza nelle donne, come noi la ricerchiamo in loro. E più si va avanti con l'età più si diventa esigenti su questo punto. Coraggio, evolvi e inizia a volare da sola.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo