Perché un uomo scappa anche se gli piaci

perché un uomo scappa anche se gli piaciPerché un uomo scappa anche se gli piaci?

Sono sicura che è una situazione nella quale ti sei trovata anche tu almeno una volta nella vita.

Hai incontrato un uomo o sei fidanzata e hai un partner o un corteggiatore e sei sicura che sia davvero attratto da te.

Però a un certo punto lui si allontana, si distacca, si “raffredda”.

Tu non riesci a spiegarti perché. Che accipicchia sta succedendo?

Intanto chiariamo che questo fenomeno può accadere in ogni fase della relazione.

Sia al suo inizio, sia quando è ben avviata e già dura da tempo.

Ora, considera un aspetto fondamentale, che fa la differenza nel tuo modo di affrontare le relazioni e di ottenere risultati positivi per te.

Qualsiasi sia l’atteggiamento di un tuo corteggiatore o del tuo partner, è opportuno che ti comporti in modo distaccato: gli altri e le emozioni degli altri appartengono a loro sono una questione loro, che si devono risolvere loro.

Una responsabilità loro e non tua. Tu non sei responsabile di come gli altri pensano, sentono e si comportano.

Almeno che non si tratti dei tuoi figli piccoli o che tu abbia un ruolo formale di relazione di aiuto (psicologo, psichiatra, coach, counselor, educatore etc), le emozioni degli altri sono fatti altrui.

Premesso che tu non agisca o abbia agito costantemente, deliberatamente e volontariamente in modo da danneggiare gli altri materialmente o moralmente.

Quindi, cara amica, prendi un attimo le distanze e allo stesso tempo dotati delle giuste competenze sui comportamenti umani e soprattutto sulla psicologia maschile.

Le 10 ragioni principali per cui lui si allontana

1. È confuso dalle proprie emozioni. In questo caso “confuso” non lo uso a mo’ di benevola presa in giro.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

In effetti è verosimile che una persona, un uomo, in certe fasi della vita, non capisca bene che cosa gli sta succedendo e quindi per non confondersi ulteriormente prenda le distanze per mettere una pausa di relax alla propria emotività.

Purtroppo siamo in un mondo nel quale manca l’intelligenza emotiva e teniamo presente che, in genere, gli uomini sono ancora più scartine delle donne in questo ambito.

2. Magari sì gli piaci, ma non è sicuro al 100% del proprio coinvolgimento, non vuole ferirti perché non ha intenzione di avere una storia seria con te.

Vuole mettersi alla prova per vedere se gli manchi e nello stesso tempo è una persona seria che se la vuole sbrigare da solo, senza buttare addosso a te le proprie paturnie

3. È inesperto, anche se magari ha accumulato storie una via l’altra. Tutte superficiali però e, magari, che ne sai? È la prima volta che si sente coinvolto e se ne vuole stare un momento in pace a capire e a capirsi.

4. Vuole capire se gli manchi e se sente la tua mancanza, per misurare così il proprio coinvolgimento.

5. Ha paura del rifiuto e di essere deluso e ancora una volta si mette alla prova, non per verificare se gli manchi, ma per verificare la propria indipendenza e forza. Vuole verificare se riesce a starti lontano. Vuole mostrarsi abbastanza forte da potere fare a meno di te.

Perché un uomo scappa anche se gli piaci: attenzione a non fraintendere

6. Gli piaci sì, ma non così tanto dal rinunciare ai suoi interessi e divertimenti e si vuole riprendere (dal suo punto di vista) la sua libertà.

7. È vero che gli piaci ma non è così ansioso di stare con te e vuole tornare per un po’ alla sua vita di single e magari guardarsi attorno perché può fare tranquillamente a meno di te, gli piacciono anche altre persone ed è sicuro che qualcun’altra che gli piaccia e che lo coinvolga la trova di sicuro.

8. Improvvisamente si è accorto che gli piaci ma NON così tanto da continuare la frequentazione con te e magari sta solo prendendo tempo in attesa che qualcuna di meglio (secondo lui) gli si presenti di fronte. Ti avverto che questo è un comportamento diffusissimo.

9. Gli piaci ma ha altre priorità alle quali non vuole rinunciare: gli studi, il lavoro e la carriera, gli amici, lo sport, i guadagni e non vuole essere distratto da una relazione impegnativa.

10. Non gli piaci e sei tu che ti sei sbagliata, hai frainteso le sue intenzioni e i suoi sentimenti e/o lui ti ha preso in giro.

Ecco. E secondo te, in base alla tua esperienza, perché un uomo scappa anche se gli piaci?

Lascia un Commento!

38 Commenti

  1. Avatar di Doris

    Doris 3 mesi fa (25 Aprile 2021 8:16)

    Buongiorno Ilaria, grazie per questo articolo e buona domenica alla community. Qualche anno fa mi capitò qualcosa del genere. Sul suo coinvolgimento non avevo dubbi lì per lì, ma dopo pochi mesi di frequentazione ebbe un brusco dietrofront che mi lasciò di stucco e mi fece soffrire moltissimo. Mi disse che i suoi affari stavano decollano e lui doveva restare molto concentrato... Tempo dopo (poco) lo incontrai nel bar dove prendevamo il caffè prima di recarci al lavoro e con notevole imbarazzo mi informò che stava per diventare padre. Insomma c'era una ex ai tempi, che era ritornata in carica. Chiaramente la gravidanza aveva avuto inizio durante la nostra storia. Ebbero una bimba e recitarono per qualche mese la parte della happy family, poi si separarono. Io mi sentii profondamente ferita e cambiai bar, strada e successivamente, anche posto di lavoro. Lui poi ha continuato a cambiare fidanzate una via l'altra sempre più giovani (è un imprenditore quasi cinquantenne di successo e di bell'aspetto). Ora abbiamo una collaborazione professionale della quale sono piuttosto soddisfatta.
    Rispondi a Doris Commenta l’articolo

  2. Avatar di Kicca

    Kicca 3 mesi fa (25 Aprile 2021 10:49)

    Grazie mille Ilaria, interessante e illuminante
    Rispondi a Kicca Commenta l’articolo

  3. Avatar di Martina

    Martina 3 mesi fa (25 Aprile 2021 10:54)

    Nel mio caso è l opzione 9...secondo me ha pure paura di coinvolgersi troppo...
    Rispondi a Martina Commenta l’articolo

  4. Avatar di Adele

    Adele 3 mesi fa (25 Aprile 2021 13:31)

    Ottimo articolo! Per la prima volta analizza un uomo, anziché una donna, e in maniera benevola e obiettiva al tempo stesso.
    Rispondi a Adele Commenta l’articolo

  5. Avatar di Enry

    Enry 3 mesi fa (25 Aprile 2021 20:45)

    Mentre leggevo questo articolo pensavo a quello precedente Il silenzio di un uomo innamorato, in cui Ilaria scrive che il silenzio di un uomo innamorato è un ossimoro. Secondo me anche l'uomo che "gli piaci ma scappa" è un ossimoro. Se gli piaci non scappa.
    Rispondi a Enry Commenta l’articolo

  6. Avatar di kate

    kate 3 mesi fa (26 Aprile 2021 22:08)

    ogni tanto mi capita di leggere questi articoli sulla psicologia maschile e sta volta mi ritrova a pensarla come loro. Le ragioni elencate sono proprio quelle che ho avuto per allontanarmi un attimo. Dal canto suo, lui è stato paziente e comprensivo!
    Rispondi a kate Commenta l’articolo

  7. Avatar di Nekomimi

    Nekomimi 3 mesi fa (27 Aprile 2021 22:03)

    Buonasera Ilaria e community, torno in questo blog per avere un consiglio da voi community che in passato mi avete aiutata moltissimo e mi avete fatto sempre riflettere. Da un mese mi sono messa con un uomo. Lui è stato un mio amico da tempo e solo nell'ultimo periodo abbiamo iniziato ad avvicinarci. Inizialmente è stato lui a dichiararsi mentre io mi frequentavo con un altro che si è rivelato poi una persona poco affidabile. Dopo aver chiuso con quest'ultimo, ho iniziato ad uscire con la comitiva dove c'era anche questo mio amico e piano piano settimana dopo settimana, in maniera del tutto naturale, abbiamo iniziato a vederci solo noi due. Dopo un po' mi ha chiesto lui di ufficializzare la cosa e io tranquillamente ho detto sì. Ha raccontato di me agli altri amici in comune e mi ha fatto conoscere sua madre, la quale lui ha detto ha un rapporto sincero e aperto e non voleva nascondere la nostra relazione. Da quel giorno è passato un mese. Lui è una persona molto riservata, vecchio stile ed io molto orgogliosa e titubante. Come coppia ci scriviamo pochissimo causa anche impegni di entrambi, ma quando possiamo ci vediamo almeno 1 giorno a settimana e durante i weekend. L'altro giorno è spuntata da una conversazione, una sorta di recap generale del nostro andamento di coppia e lui mi ha confessato che non si sente molto "in coppia", che forse è un po' arrugginito e non si sente molto premuroso nei miei confronti, che gli manca una sorta di confronto che fa crescere con me e che mi vede sempre troppo tesa. Io sono rimasta impietrita. Da lì è partita una piccola discussione senza toni accesi e finita quella mi ha detto che è rimasto colpito positivamente e che finalmente vede qualcosa di più. Mi ha rassicurato che vuole continuare la nostra storia eppure le sue parole mi hanno creato non poca ansia. Devo dire che io nella relazione sono stata molto cauta, sempre me stessa, ma cauta. Siccome nelle mie relazioni passate perdevo un mucchio di tempo a messaggiare, non messaggio con lui mai (nemmeno lui) o almeno solo per le cose necessarie come quando vedersi. E non mi dispiace nemmeno che lui non lo faccia. Mi da l'impressione di essere libera, cosa che purtroppo ho avuto a che fare con manipolatori che volevano sempre tenermi in gabbia. In più lui dice di essere poco premuroso, ma i pochi complimenti, frasi dolci e piccoli gesti (mi ha fatto trovare dei dolcetti del mio paese natio) e il fatto che appena si libera dalle sue incombenze mi chiama sono a dir poco sufficienti come premura perché li sento "sentiti" e non dovuti. Anche per quello le relazioni passate mi hanno insegnato che il troppo stroppia anzi spesso era un modo per manipolarmi. Io ripeto ho fatto qualche gesto carino ma sono sempre stata cauta a non dimostrare di più. Ad esempio il voler mandare dei messaggi di "mi manchi" o un semplice "come stai?" oppure non gli ho detto di un lavoro per paura di disturbarlo (ne è rimasto risentito). Quando sono con lui tendo ad essere affettuosa ma a non rispondere cose come "nel futuro vorrei fare con te x" oppure a volte mi dice: "ti volevo proprio vedere" io mi limito a sorridere. Ecco forse appaio troppo chiusa? A volte sento come se, nel caso mi dovessi lasciare andare lo perderei. O comunque se mi affezionassi troppo lo perderei. Sinceramente non so come interpretare le cose che mi ha detto visto che le relazioni passate mi hanno segnata sempre perché quando mi innamoravo per l'altra parte l'amore finiva. Troppe seghe forse? Spero in un vostro consiglio accurato. Io al momento ho deciso di lasciarmi andare... togliere le barriere ed essere me stessa al 100%. Voi pensate che lui, invece, non si stia "disinnamorando" (anche se è presto per parlare d'amore)? Grazie dei consigli e del vostro tempo.
    Rispondi a Nekomimi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (28 Aprile 2021 7:34)

      Un mese è nulla Nekomini. La mammonite non è un bel segnale. Tu non messaggiare e non cercare, fatti la tua vita e stai alla finestra. Vediamo se il cavaliere uccide il drago per te, sennò al diavolo.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Nekomimi

      Nekomimi 3 mesi fa (28 Aprile 2021 14:23)

      Grazie Ilaria del consiglio. E' ciò che faccio ma siccome sono stata sola 2 anni pensavo di essere arrugginita pure io. Non sono più solita appoggiarmi all'altra persona e cerco di mantenere sempre un'indipendenza che ormai è diventata imprescindibile nel mio modo di vedere le cose. Temevo, però, di aver assunto un atteggiamento piuttosto chiuso. Non so vedo le altre coppie chiamarsi già amore dopo nemmeno un mese e vedersi ogni singolo giorno, fare regali, cene e tubare a più non posso. Pensavo che come coppia avessimo qualche problemino da quel punto di vista. Anche lui ha avuto relazioni più o meno così e forse sente anche lui una sorta di barriera. Io ad esempio sono piuttosto diesel nelle relazioni, tendo ad innamorarmi tardi ed essere affettuosa ma non troppo. Le smancerie non fanno per me e preferisco i fatti alle parole. Per ora lui si è dimostrato affettuoso a modo suo con piccoli gesti, parole e fatti. Non si prodiga in complimenti ma quando li fa sembrano autentici. Quindi non capisco le sue parole del "mi sento poco affettuoso". Per quanto riguarda la madre entrambi per problemi economici viviamo ancora coi genitori, quindi il fatto di conoscerla ci ha giovato perché se devo andare a trovarlo lei sa chi sono. L'unica mia paura è quella che mi ha perseguitato nelle ultime frequentazioni ovvero la perdita di interesse quasi repentina da parte dell'altra persona. Del tipo proprio un'ora prima tutto bene un'ora dopo fine della relazione, non mi piaci più. Quindi ciò che mi ha detto il mio cuore l'ha interpretato come una mancanza d'interesse creandomi un po' di ansia. Ma forse sono le solite paranoie. Come hai detto bene tu un mese è nulla… contando anche che per una settimana e qualche giorno non ci siamo visti per via della regione rossa il mese si riduce di molto. Starò in campana e vedrò come va. Spero che funzioni perché mi sembra una persona a modo ma ancora devo conoscerlo approfonditamente.
      Rispondi a Nekomimi Commenta l’articolo

  8. Avatar di Fisa

    Fisa 3 mesi fa (25 Aprile 2021 15:53)

    In base alla mia esperienza scappa perché non gli interessi davvero. Al massimo gli piaci come gli piace un film, carino ma non essenziale per i suoi piani sul futuro. Il maschio non è così " contorto " in genere, se ti vuole davvero non scappa. Solo il 10% scappa o si raffredda per le ragioni valide che ha giustamente e ben illustrato Ilaria.
    Rispondi a Fisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 3 mesi fa (25 Aprile 2021 17:46)

      Accidenti Fisa, allora vuol dire che noi che siamo capitate, capitiamo e capiteremo su questo blog, siamo incappate tutte in quel risicato 10% di uomini che scappano? Mazza che iella!!!😅😅😅
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (25 Aprile 2021 21:07)

      @Lela In effetti, io ho sempre interpretato le "fughe" con "la verità è che non gli piaci abbastanza". Ma non nego che i motivi potrebbero essere stati anche quelli elencati qui da @Ilaria, solo che non ci avevo mai pensato. Interessante questo articolo, infatti. Ad ogni modo, ci sono uomini che mettono dieci mani avanti dicendoti che non è il momento per loro di pensare alle relazioni, che hanno in ballo progetti lavorativi importanti ecc. e non possono legarsi a una persona. Poi tempo un mese scopri che si sono felicemente fidanzati e progettano convivenza e figli. E ti chiedi: "Ma come? Ma Pinco Pallo non era il tipo no legami, voglio stare solo, non voglio illudere nessuno?" Forse, la risposta al quesito è che quando ti arriva la botta c'è poco da fare, e anche lo scapolotto più risoluto capitola. Questo prendendo per buono che quando dice di voler stare solo ti stia dicendo la verità e non sia la solita menata per portarti a letto easily.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 3 mesi fa (26 Aprile 2021 23:12)

      Sai Vic, io non sono così sicura che sia solo 'perché non gli piaci abbastanza'. Cioè, spesso è così, ma credo che possano entrare in gioco anche altri fattori. Una volta, non ricordo bene dove, ho letto che l'innamoramento non è solo il frutto dell'incontro di una persona speciale, ma necessita anche e soprattutto della giusta predisposizione d'animo, ci vuole un po' di leggerezza perché possa sbocciare. Penso ci sia del vero. Ad esempio, spesso leggo qui le storie di alcune donne che raccontano dell'ennesima fuga del loro innamorato concludendo: 'eppure questa volta ho fatto tutto per bene, sono sempre stata presente, allegra, non sono mai stata pressante, ho cercato di lasciargli tutta la libertà di cui aveva bisogno'...come se recitassero una parte! Un tantino manipolativo no? Dov'è la leggerezza qui? E pensi che loro, gli uomini, non colgano quel vago sottofondo (ma sarà poi così vago?🤔) "oddio potrebbe essere quello giusto cerchiamo di fare tutte le cose per bene altrimenti mi sfugge anche questo'. Pensiamo davvero di averli solo noi i famosi campanelli d'allarme? Con questo non voglio dire che siamo sempre noi a farli scappare, anzi la maggior parte delle volte le motivazioni non hanno niente a che fare con noi, come giustamente fa notare Ilaria in questo articolo. Quello usato era solo un esempio possibile. Ma un po' di leggerezza, che non è intesa come superficialità intendiamoci, credo che sia un modo sicuramente più salutare per noi di affrontare le cose e far sì che le relazioni diventino una questione di piacere e non di bisogno.
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (27 Aprile 2021 23:03)

      Sicuramente, @Lela. Ci vuole la giusta predisposizione d'animo di entrambi, cioè ambedue devono essere in un momento giusto della vita per avere una relazione, per aprirsi ad un'altra persona. I tempi sono importanti, a volte sarebbe potuta andare diversamente se avessimo conosciuto quella persona qualche tempo prima. O qualche tempo dopo. Magari tu sei "leggera" e l'altro no, o viceversa. E sono d'accordo che, spesso, "fingendo" con la persona che stiamo frequentando di essere tranquille, leggere, aperte, per niente ansiose, otteniamo l'effetto contrario, e che trapeli tutta la nostra insicurezza e pesantezza. Bisognerebbe essere sé stesse, niente più, e lavorare sui propri difetti e sulle proprie insicurezze. Quanto alla "leggerezza" come la intendi tu, che dire... Io ho preso tante batoste, ho accumulato delusioni e alcune ancora mi fanno male a ripensarci (e infatti cerco di non pensarci). Quindi la leggerezza per me è un po' come la pietra filosofale: a trovarla. Non penso di essere mai stata "leggera", in verità. Non nel modo giusto, utile. Da più giovane ero ingenua, superficiale, sognatrice. Ero leggera nel modo in cui ti fai male. Avevo quel tipo di coraggio che è temerarietà, che è incoscienza. Mi buttavo dal trapezio senza rete. Ora ho perso quell'ingenuità e sono diventata più cinica e disincantata. Nei rapporti umani mi proteggo, attuo quel sano distacco di cui parla @Ilaria, non mi lascio andare se non capisco che ne vale la pena. In amore come in amicizia. E comunque non mi lascio mai andare del tutto, certe cose le tengo per me. Affronto le frequentazioni con chi mi interessa senza aspettative, ma questa non è "leggerezza". E' un distacco emotivo che mi serve per non coinvolgermi, per rimanere lucida; ma non è leggero, anzi, è molto pesante. Sono molto sincera nello scrivere questo, sarebbe inutile raccontarmela. Vorrei essere "leggera" come dici tu, credo che vivrei molto meglio. Però boh, la vedo dura a questa età e col mio bagaglio di esperienze negative. In quanto al fatto che il modo di pensare femminile che hai descritto sia un tantino manipolativo... beh, forse sì, però io non sarei troppo "dura" con noi (è ironico :) ) E' vero, a volte sbagliamo, alcune tentano di manipolare l'altro e si autosabotano; ma per quelle come noi, che da sempre sognano una bella storia d'amore, è davvero difficile stare tranquille pensando che "se son rose, fioriranno". Troppe volte le rose sono appassite, quindi l'ansia c'è. Specialmente se sogni di avere una famiglia e ti avvicini ai 40 anni. Sai, oggi al museo è stata inaugurata una retrospettiva su Yervant Gianikian; leggevo che questo artista ha condiviso la sua vita, la sua attività e la sua ricerca artistica con la compagna, l'artista Angela Ricci Lucchi. Insieme, hanno realizzato opere importanti di cinematografia sperimentale e d'avanguardia. Ecco, questo sarebbe stato il mio sogno: condividere la mia vita, quotidiana e artistica, con l'uomo della mia vita. Come Marina Abramović e Ulay, per dire :D In mancanza di condivisione artistica, il compagno giusto con cui trascorrere decenni, come è successo ai miei genitori che sono insieme da 47 anni. La mia ex coinquilina comunque, che è tutto fuorché leggera e ha 49 anni, ha trovato un uomo con una grande intelligenza emotiva e profondità d'animo, che ha saputo guardare dentro di lei e vedere la bella persona che è. Quindi, forse se è la persona giusta ti saprà capire e "vedere" anche con le tue barriere, i tuoi scudi e le tue insicurezze. Come noi vediamo quelle maschili e le accettiamo. Io confido anche in questo :) L'importante è non essere bisognosi, come giustamente scrivi tu, e saper stare da soli senza sentirsi menomati. Come diciamo sempre, bisogna prima di tutto amare sé stessi per essere poi amati da qualcun altro.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 3 mesi fa (28 Aprile 2021 14:55)

      Ciao Vic, lungi da me il voler ‘essere dura con noi’ 😊 😊 e mi dispiace se dal mio commento è trasparso questo. Ci mancherebbe, pure io ho avuto tanti di quei comportamenti imbecilli che capisco perfettamente le motivazioni che possono esserci dietro. Questo però non mi impedisce di leggere le cose, anzi mi rendo conto che è proprio una cosa che fa parte di me, con lucidità e disincanto. E questo non c’entra nulla col giudizio verso la persona o la situazione, è solo un modo in cui, letteralmente, le cose mi si dispiegano davanti agli occhi. Non so se riesco a farmi capire. Io dico sempre le cose per come le vedo, anche se questa non deve essere necessariamente la verità, e mi rendo conto che dall’altra parte di solito le reazioni sono due: chi ascolta ed è disposto al confronto dice ‘cavolo forse ha ragione’, e chi vuol solo ascoltare ciò che gli fa comodo dice ‘cavolo che stronza!’ Ma il pericolo è il mio mestiere e io preferisco dire ciò che penso davvero, anche se scomodo 😊😊 Per quanto riguarda la leggerezza, chi dice che essere leggera non implichi anche l’essere accorta? Nella Bibbia (in Matteo 10:16) Gesù dice: “Siate prudenti come i serpenti e semplici come le colombe”, e Gesù di natura umana ne sapeva eehhh!!! Persino lui dice che per essere buono, o leggero, non devi per forza essere fesso e farti abbindolare da chiunque. Non sta forse dicendo, proteggetevi? Ma cinica no, cinica è una parola che non mi piace. Cinica è oltre l’accortezza, perché implica il disprezzo, dei sentimenti, dei valori. E tu non mi sembri cinica. Un po’ in ansia forse, e permettimi di dirlo, sempre troppo presa dagli altri che sono felicemente in coppia e tu no. Questo traspare un po’ da ogni tuo commento, anche dove parli solo di cinema!😊 Ed è un peccato perché sei davvero una ragazza intelligente, divertente e interessante. Credo che l’equilibrio sia la chiave giusta: accortezza (il serpente) e leggerezza (la colomba). Cinismo no, cinismo è pesantezza, e di solito serve a mascherare la paura, orribile connubio. Comunque Vic, se ti può consolare, io ti sposerei!!! 😉😊 Un abbraccio!
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (28 Aprile 2021 21:32)

      Grazie per l'abbraccio, mi mancano gli abbracci, @Lela. Mi manca abbracciare ed essere abbracciata. È vero, sono ansiosa di innamorarmi di nuovo, ma stavolta di una persona giusta. Non mi accontento di niente di meno. È il motivo che mi ha spinto a scovare questo blog e a restarci. Molto bella la citazione biblica, anche se all'atto pratico mi sembra difficile essere serpente e colomba insieme. Ci rifletteró. Ed è vero che non sono cinica nel senso proprio del termine, il mio "cinismo" sfocia nell'autoironia e nella satira :)
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 3 mesi fa (29 Aprile 2021 10:55)

      @Vic quanto ti capisco. Serve essere anche pronti. Dopo l'ultima badosta che è partita da una scossa iniziale che non sentivo più da anni c'è voluto diverso tempo per ritrovare serenità. Mi auguro che un giorno potrò scrivere su questa pagina di aver trovato la donna della mia vita. Un abbraccio.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (29 Aprile 2021 11:44)

      Te lo auguro di cuore, @Emanuele <3
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 3 mesi fa (29 Aprile 2021 15:34)

      Vic, non dobbiamo creare una specie di chimera, una commistione di colomba e serpente, solo una cosa dell'uno e dell'altra: prudenza/accortezza e semplicità/leggerezza. Ma occhio che vadano insieme, è importante. Che solo la prima diventa durezza e solo la seconda diventa dabbenaggine! Sì che ce la facciamo Vic, se partiamo già pensando di non farcela non ci proveremo nemmeno! 2 Abbracci! :)
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (29 Aprile 2021 23:04)

      Vero @Lela, dobbiamo provare. Ma da me si dice che "quello a cui ha pizzicato la vipera ha paura pure della lucertola" :) Devo dire però che sono contenta di me, di come sono migliorata. Prima ero di un pessimismo cosmico leopardiano e, anche se avevo i miei motivi, esserlo non mi ha portato niente di buono, né nelle amicizie né tantomeno in amore. Penso che in definitiva ognuno debba essere com'è, con la sua corazza che si è fabbricato negli anni e che si toglie solo se capisce che ne vale davvero la pena. Alla fine, tutti i lati del carattere fanno la personalità. Io ho una vena comica e un'altra malinconica, entrambe molto sviluppate. Quella comica mi aiuta a non prendermi mai troppo sul serio, mi fa sorridere, mi fa dire battute spiritose, mi fa ridere di gusto. Mi sostiene nei momenti difficili, è la mia forza d'animo. Ma, ti dirò, anche quella malinconica piace. E mi piace. Fa parte di me, è fonte di ispirazione artistica. Perché non è una vena melodrammatica, è tragica. E nella tragedia, come mi ha detto un tipo che mi piace, c'è maestosità, c'è grandezza. Io sono comica e tragica, sono entrambe le cose. E come io accetto anche i lati oscuri della persona che scelgo di avere accanto, così voglio essere accettata. Certo, bisogna lavorare sui propri difetti e trovare un equilibrio, non essere pesanti, gelose, noiose o puntigliose e manipolatorie. Io penso di essere sulla buona strada per trovare quell'equilibrio, sto lavorando sulle mie insicurezze e non sono più negativa come prima. Non sono perfetta e neanche vorrei esserlo. Prima volevo esserlo, non facevo che assecondare gli altri per essere apprezzata, col risultato di diventare invisibile o fastidiosa. Ho passato tanto tempo a considerarmi fortunata ogni volta che incontravo un uomo che sembrava voler stare con me. Adesso penso invece che un uomo sia fortunato ad incontrare me, perché, con i miei difetti, sono una persona di valore. Sono preziosa. Quindi che diamine, non sarò leggera ok, ma la vita un po' mi ha castigato e i segni ci sono. Me li tengo, come la grande Anna Magnani si teneva le sue rughe. Non posso avere quella leggerezza lì, non in questo periodo della mia vita almeno. Magari, quando sarò anziana ci arriverò. Anzi, conto di arrivarci sul serio. Non sono neanche pesante però, non mi lancio ingenuamente senza paracadute ma nemmeno resto fredda e immobile per non rischiare di soffrire ancora. Penso che per essere felici sia necessario mettersi in gioco e prendere dei rischi. Non si vince una guerra stando seduti sul divano, bisogna scendere in campo. Forse è questo che intende Gesù sull'essere serpente e colomba. Che ne pensi?
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 3 mesi fa (1 Maggio 2021 15:19)

      Ciao Vic, ricordo che la tragedia era lo stile che più si addiceva agli argomenti più elevati, ma tragico vuol dire anche doloroso, triste. La tragedia sarà anche maestosa ma sempre triste rimane! Sarà mica che te la stai facendo raccontare perché il tizio ti piace, anzi te piasce, come si dice a Roma (ho visto una puntata di Voice Anatomy in cui Insegno, Pannofino e Ward hanno ironizzato per tre quarti d'ora sul 'scescio', da morir dal ridere :))) Dimmi che non è il pilota/attore/ammogliato, che 'il mi piaci perché sei tragica' mi sa un po' di pirlata seduttiva!!! (come invece si dice a Milano) :)))) Te lo dico con ironia Vic :)))) Parlando seriamente, credo che il lato ironico ti si addica molto di più e soprattutto fa meglio alla salute! Capisco cosa intendi quando parli di corazza. Io stessa l'ho portata per anni. Ma tutte le persone che ho incontrato che la indossavano (compresa quella che vedevo ogni giorno allo specchio), non erano persone felici, proprio per niente. La corazza è pesante, dura, coriacea, fa male e provoca ferite essa stessa. La corazza serve per la guerra, e se scendi per strada vestita per la guerra, indovina un po', troverai la guerra. Tu vuoi sentirti in guerra Vic? Vuoi davvero indossare quella corazza per sempre? Davvero vuoi essere definita da una corazza? Io no, io non sono più la mia corazza, non lo voglio essere! A che serve essere leggere ultraottantenni quando hai passato tutta la tua vita nella prigione di quella corazza? O no, qui e ora! Nemmeno io sono perfetta e nemmeno io lo voglio essere, e quando parlo di leggerezza non voglio dire che io sia una piuma. A volte sono troppo serpente, altre troppo colomba. Ed è vero che bisogna anche accettarci per quello che siamo, ma è altrettanto vero che ci sono dei lati del carattere che proprio non vanno bene, non vanno bene per noi, non per piacere agli altri, per essere accettati, proprio per noi. Perché non ci fanno bene, perché sono autodistruttivi, o per usare una parola un po' meno forte, poco salutari. Sempre per citare la Bibbia, Paolo dice: “Non conformatevi a questo mondo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della mente”. Mai sentito dire 'noi siamo quello che pensiamo', 'secondo come pensiamo così agiamo'? Oh ma quante ne sa la Bibbia!!! :))) Il più grande libro di psicologia!:))) Trasformarsi è un processo lungo, uno strato di pelle per volta e a volte quanto fa male! Ti ci ribelli pure! Ma è proprio dove fa più male che, invece di distogliere lo sguardo e pensare, ora no, magari quando sarò vecchia, bisogna dire, no è proprio qui che devo scavare, pulire. (guarire?) Certo che Gesù intendeva dire di coinvolgerci, provare, rischiare: “Io vi mando come pecore in mezzo ai lupi, siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe”. Come pecore, non come leoni. Questo non vuol dire che ci sta mandando al macello. Il suo discorso si riallaccia a quello di Paolo: non conformatevi agli altri (al loro egoismo, avidità, cattiveria, indifferenza.........), rimanete semplici, ma siate accorti, perché la fuori ci sono i lupi! Quello che voglio dire è che se sei semplicemente accorta, la corazza non ti serve nemmeno. Tu dici che te la tieni ben su e che te la togli solo quando capisci che ti puoi fidare, ma quando puoi essere sicura al mille per cento che te la puoi togliere e rimanere nuda e quindi indifesa davanti a una persona? Quante persone sono state deluse, ferite, uccise da persone di cui si fidavano? Perché è così, quando una persona che indossa un'armatura improvvisamente se la toglie, rimane nuda, perché non l'ha rimpiazzata con la forza interiore necessaria. L'accortezza invece è una parte di quella forza interiore e non la dismetti mai, nemmeno quando ti fidi delle persone, perché non è diffidenza, né sospetto, che invece fanno parte della corazza, ma semplicemente avvedutezza nel pensare e nell'agire! Quindi Vic, daje togliti sta corazza e.... dimenticati il pilota! ;)
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (1 Maggio 2021 20:31)

      Ciao @Lela, oggi sono stata a un parco avventura con i miei amici e mi sono divertita da matti, come non mi capitava da tanto tempo :) Certo che non bisogna girare con l'armatura, essere accorti ok, ma non freddi e distaccati. Non era questo che intendevo, forse mi sono spiegata male. Con chi vale la pena mi lascio andare, l'ho scritto, e questi miei amici sono tutte belle persone con cui posso farlo. Si è formato un bel gruppo e ci sto bene. In amore, invece, faccio più attenzione. Non mi lancio più senza paracadute, perché troppe volte sono cascata col sedere per terra. Però mi lancio, eccome se mi lancio. Col paracadute e il "para-chiappe", si intende :D Questo intendevo. Non voglio essere definita da una corazza, hai ragione, e ho lavorato tanto su questo. Ho speso un mucchio di soldi ed energie, ma i risultati adesso si iniziano a vedere. Prima mettevo un muro invisibile tra me e le persone, una vera barriera; ora mi lascio andare se capisco che meritano, ed è bello sentirsi apprezzata e cercata dagli altri. Prima non mi capitava mai. Mai. Riguardo l'essere tragica, se il pilota mi avesse detto "mi piaci perché sei tragica" avrei pensato "ammazza, che pirla" :)))) Mi sa che tu mi sottovaluti, so riconoscere un idiota quando lo vedo :D! In realtà, lui non sa che mi piace, perché non ho fatto nulla per farglielo capire né intendo farlo. Perché è sposato, quindi inutile perderci tempo. Poi lo vedo ogni morte di papa. Tempo fa, però, ha letto una mia poesia, che era effettivamente una poesia triste, ma l'ha apprezzata perché non triste in modo melodrammatico bensì in modo tragico e fiero. Ed era quello il senso che avevo dato io al componimento, quindi mi ha fatto piacere. Mi piace quando la gente comprende quello che voglio trasmettere, è anche per questo che mi è parso interessante. Ma la cosa finisce qui, avanti un altro :)
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 3 mesi fa (2 Maggio 2021 9:19)

      I parchi avventura!!!!! Ma sono già aperti??? Qui ieri ha diluviato tutto il giorno! Wwwaaaaa! Anche a me piacciono tutte quelle robe lì! O anche Raptor e Oblivion di Gardaland, ci sei mai stata? Mia sorella, che ha solo 3 anni più di me, mi dice sempre che non ho più l'età per fare quelle cose! Ma quest'estate sono riuscita a convincerla a provare a fare una discesa di Rafting e si è divertita pure lei, e mi sono pure tuffata da una roccia di 5 metri! (mai tuffata in tutta la mia vita) avevo una fifa blu, ma poi l'ho fatto! Very proud of me! E' il mio lato bambino, ce l'ho e lo trovo prezioso in termini di leggerezza!!! Effettivamente, il fatto di amare tutte queste cose a cinquant'anni è che poi ti ritrovi sempre insieme a compagnie di persone che hanno minimo 20 anni meno di te perché gli amici col cavolo che verrebbero a farle! Ma io me ne frego e se proprio ci vado da sola! E questa è una parte della forza acquisita togliendo la corazza, perché me ne frego ora, prima non l'avrei mai fatto, ora lo faccio, mi diverto e ogni volta mi sento più forte! E' chiaro che non sto parlando solo di andare sulle giostre eeehh!!!! :):):) Parlo di seguire il proprio cuore e di non rinunciare a fare cose che ti piacciono e ti appassionano solo perché le circostanze sembrano avverse. L'anno scorso per esempio avevo prenotato lo spettacolo Shen Yun (hai presente?). erano anni che avrei voluto vederlo e ogni volta rinunciavo perché non trovavo nessuno che venisse con me. Beh l'anno scorso ho detto chissene, ci vado da sola, e ho prenotato proprio l'8 di marzo, quale modo migliore di festeggiare con uno spettacolo che è un tripudio di bellezza e armonia! Non sono ancora riuscita a vederlo, me lo hanno già spostato 2 volte causa covid, conto di vederlo a luglio! E ogni volta è un pezzo di armatura in più che si sgretola. No io non ti sottovaluto, lo vedo (lo leggo) che sei intelligente, profonda, riflessiva e con tanta voglia di migliorare, ma ancora un po'vulnerabile (ricordi il discorso sull'ansia dell'altro post?) per quello dico di stare attenta alle lusinghe soprattutto di una persona 'che te piasce'! :))) E comunque vedi che c'ho preso che era il pilota!!! Nun me la si fa!!! :D:D Un abbraccio!
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (2 Maggio 2021 14:59)

      Ciao @Lela, non conosco lo spettacolo Shen Yun, ora mi informo! Sì era il pilota, ma non c'è nessuna lusinga, non c'è proprio una mazza, per fortuna-purtroppo :D Anch'io ho iniziato a fare viaggi e uscite da sola, meglio soli a fare cose belle che soli a casa tristi e arrabbiati. Quindi fai benissimo, ti approvo in pieno. E' vero che sono ancora un po' vulnerabile, sono in cammino. Ma avanti tutta.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 3 mesi fa (1 Maggio 2021 20:46)

      @Lela sottoscrivo tutto. La corazza attira gli psycho come una sfida da vincere (facilmente: se hai la corazza hai paura)
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 3 mesi fa (2 Maggio 2021 9:27)

      Esatto AnnaV, la corazza la indossa chi ha paura, ma così non la sconfiggi, la amplifichi. Proprio come una ferita coperta e non curata suppura, così fa l'armatura! No, no, via tutto, aria fresca, pulita!
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Fisa

      Fisa 3 mesi fa (26 Aprile 2021 0:35)

      No Lela, intendevo che dalla mia personale esperienza a scappare anche se interessato davvero alla donna è solo il 10%. Il 90% scappa perché non gli piaci abbastanza per citare il film 😅😂
      Rispondi a Fisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 3 mesi fa (26 Aprile 2021 17:18)

      😂😂😂 Aaah ok Fisa, avevo interpretato male il tuo 10% e devo dire che mi sento più sollevata!!!😥 Sono d'accordissimo, chi è davvero interessato non scappa, ci fossero mille problemi sarebbe disposto ad affrontarli! Oddio mille magari no, che Ilaria ci insegna che i problematici è meglio lasciarli da parte, quindi vale anche per le problematiche!😉
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Lali

      Lali 3 mesi fa (26 Aprile 2021 11:02)

      No, io credo che Fisa volesse dire che noi su questo blog spesso capitiamo in quel 90% di uomini che scappano perché non ci amano... E se sono il 90%, è facile incappare in loro :)
      Rispondi a Lali Commenta l’articolo

    • Avatar di Fisa

      Fisa 3 mesi fa (27 Aprile 2021 18:26)

      Esatto Lali, intendevo proprio quello che hai detto tu. Ma mica io sono in una posizione superiore rispetto a chi frequenta questo blog. Ilaria ha concluso l'articolo chiedendo la nostra opinione al riguardo in base alla nostra esperienza. E io proprio in base alla mia esperienza ho capito che la maggioranza degli uomini davvero interessati ad una donna non scappa. La maggioranza delle volte che ci troviamo in situazioni in cui l'uomo scappa ( e metto me in questa frase ) si tratta di uomini che crediamo essere interessati a noi MA non lo sono veramente. È tristissimo per noi accettarlo al presente ma nel lungo periodo ci offre la possibilità di trovare gli uomini davvero interessati e di non perdere energie, salute mentale e vita dietro a " chimere ". Parlo proprio perché ahimè ci sono passata e me ne sono resa conto.
      Rispondi a Fisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Laura

      Laura 3 mesi fa (26 Aprile 2021 15:58)

      Credo che Fisa intendesse che invece incappiamo spesso nel 90% che scappa solo perché non realmente interessato (che poi è il punto 10 illustrato da Ilaria)
      Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  9. Avatar di Cri

    Cri 3 mesi fa (16 Maggio 2021 15:44)

    Ciao Ilariaho letto questo post è non so se può fare al mio caso. Da circa 4 mesi ho iniziato, si fa per dire, una frequentazione con un amico. Lui ha mostrato interesse oltre l'amicizia per me dall' inverno scorso e dopo qualche mese ho deciso di dargli una possibilità. Inizialmente sembrava bello, poi ha iniziato a essere distaccato. Dice che ha un forte interesse per me, di aspettare, andare con calma...io sento che lui èsincero, è una persona schietta ma ad oggi io non so quello che lui vuole e soprattutto se è il caso di aspettare. Se questa attesa porterà a qualcosa. Quando faccio a lui queste domande non risponde ovviamente! Questo mi confonde davvero..spero che presto si accenderà quella lucina in me che mi porterà a fare la giusta scelta..
    Rispondi a Cri Commenta l’articolo

  10. Avatar di Lali

    Lali 3 mesi fa (25 Aprile 2021 14:20)

    Ciao Ilaria, buon 25 aprile. Leggendo questo articolo ho pensato che sì, i motivi per cui un uomo si allontana possono essere molti, ma alla fine quello che più conta è come io vivo la faccenda; se per me diventa un dolore, forse non è il caso di continuare, qualunque sia il motivo. Meglio chiudere. Se è qualcosa di "sopportabile" (non mi viene un termine più adatto) e che sono convinta si possa risolvere in positivo, allora può avere senso prenderla con calma e cercare di vivere al meglio finché ritorna il sereno. La difficoltà mi pare più quella di capire davvero se stessi senza tenere conto degli altri. L'istinto, tanto nominato e secondo me tanto frainteso, é un buono strumento? Non saprei. A volte mi fido di me e altre no. Forse il problema è tutto lì.
    Rispondi a Lali Commenta l’articolo

  11. Avatar di Elisa

    Elisa 3 mesi fa (25 Aprile 2021 20:45)

    Ciao Ilaria, mi sento chiamata in causa da questo articolo, considerando i miei ultimi commenti ! Trovo la premessa davvero importante, tenersi distaccati e non prendersi la responsabilità delle loro emozioni. Nel mio caso lui mi ha effettivamente dato come motivazione più punti che hai elencato e in aggiunta una vera proprio paura nei confronti delle relazioni importanti, perché ha visto persone vicine a lui soffrire per amore. Ho imparato che bisogna lasciare andare queste persone, chiudere e farsene una ragione. Mi sta aiutando molto il tuo percorso Supernova, lo consiglio anche a chi come me non ha vissuto una vera relazione, ma purtroppo si è fatta prendere troppo da una persona che non la ricambia. Grazie di tutto!
    Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Cri

      Cri 3 mesi fa (16 Maggio 2021 15:59)

      Ciao Lali concordo con te. Anche io seguo sempre quello che sento e a volte mi chiedo se ne vale la pena...forse quello che è più giusto fare, come dici tu, valutare quanto questa situazione mi faccia vivere bene o meno..e magari aspettare tempi migliori
      Rispondi a Cri Commenta l’articolo

  12. Avatar di Chris

    Chris 3 mesi fa (21 Maggio 2021 10:38)

    Buongiorno leggendo il suo articolo ho deciso di chiederle un consiglio. 1 anno fa ho conosciuto un ragazzo, dolce, bello, intelligente. Mi ha corteggiata tantissimo fino a che abbiamo iniziato una relazione. Voleva una vera storia da me, voleva conoscere la mia famiglia, far parte della mia vita. Pian piano come ci stringevamo sempre di più, spariva improvvisamente per poi tornare dicendomi che gli mancavo. Fino ad un mese fa che ci siamo avvicinati davvero molto, dopo aver passato una bellissima serata, la mattina ci siamo svegliati con il sorriso in faccia entrambi, è stata l ultima volta che l ho visto. Ha evitato le mie telefonate e si rifiuta di vedermi. Sono andata nel panico pensando che avesse un altra, ma non c'è nessuno. Dice di non volermi più vedere perché per me non prova niente. Sta facendo un percorso da uno psicologo per i vari traumi che ha avuto durato l infanzia, fa pensieri brutti come il suicidio, o dire che lui è un maledetto perché fa appassire tutto ciò che ha intorno. Non riesco a credere che non gli interessa niente di me perché appena mi vedeva gli brillavano gli occhi, non riesco a capire che gli stia passando per la testa, non so come aiutarlo o come riconquistarlo. Ha avuto altre 2 storie importanti e lo hanno sempre tradito, l ho pensate tutte, avrà paura di un legame più serio? È una sorta di scudo che sta facendo tra me e lui? Come si può passare da essere il suo amore a "non mi interessa niente di te" in un mese, dopo 1 anno!
    Rispondi a Chris Commenta l’articolo

  13. Avatar di Chris

    Chris 3 mesi fa (21 Maggio 2021 12:31)

    Buongiorno leggendo il suo articolo ho deciso di chiederle un consiglio. 1 anno fa ho conosciuto un ragazzo, dolce, bello, intelligente. Mi ha corteggiata tantissimo fino a che abbiamo iniziato una relazione. Voleva una vera storia da me, voleva conoscere la mia famiglia, far parte della mia vita. Pian piano come ci stringevamo sempre di più, spariva improvvisamente per poi tornare dicendomi che gli mancavo. Fino ad un mese fa che ci siamo avvicinati davvero molto, dopo aver passato una bellissima serata, la mattina ci siamo svegliati con il sorriso in faccia entrambi, è stata l ultima volta che l ho visto. Ha evitato le mie telefonate e si rifiuta di vedermi. Sono andata nel panico pensando che avesse un altra, ma non c'è nessuno. Dice di non volermi più vedere perché per me non prova niente. Sta facendo un percorso da uno psicologo per i vari traumi che ha avuto durato l infanzia, fa pensieri brutti come il suicidio, o dire che lui è un maledetto perché fa appassire tutto ciò che ha intorno. Non riesco a credere che non gli interessa niente di me perché appena mi vedeva gli brillavano gli occhi, non riesco a capire che gli stia passando per la testa, non so come aiutarlo o come riconquistarlo. Ha avuto altre 2 storie importanti ma le sue ex l hanno sempre tradito. Può essere paura di soffrire? Una sorta di scudo che sta mettendo tra noi? L ho pensate tutte, non so darmi una risposta
    Rispondi a Chris Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (22 Maggio 2021 18:35)

      L'ennesimo psyco narcisista e l'ennesima crocerossina "io ti salverò". @Chris, fidati, non c'è nessuno da salvare né da riconquistare. Ti ha fatto fare l'altalena delle emozioni per legarti e illuderti ma non gli importa di te, non gli importa di niente e nessuno. I suoi ripescaggi ti hanno illuso di essere importante, credi davvero di essere l'unica in partita e che le sue ex l'abbiano sempre tradito. Può darsi che si renda conto di essere una melmina con le gambe e che vada davvero dallo psicologo, diamogli il beneficio del dubbio. Ma, se anche fosse, è una battaglia sua, deve salvarsi da solo, e tentare di stargli vicino e raccogliere col retino acchiappafarfalle quelle microscopiche briciole di attenzioni che ti darebbe non farebbe altro che logorarti dentro e fuori. Credeteci quando vi mettono in guardia su di loro: quella è la verità, ve la stanno dicendo. Ti ha detto che per te non prova niente. Credici, gli anaffettivi non sono capaci di amare, di provare empatia, di affezionarsi. Ti ha detto che è un maledetto perché fa appassire tutto ciò che ha intorno. Credici, farà appassire anche te. Non è paura di soffrire, è il suo modus operandi. Fanno love bombing, ti fanno innamorare, poi spariscono. Tu ti disperi e loro tornano a intervalli per riagganciarti, per poi risparire. Tu ti angosci e ti scatta una dipendenza biochimica che ti tiene legata all'idea fasulla di uomo perfetto che ti aveva mostrato all'inizio. In buona sostanza, tu ti disperi e angosci, ti mangi il fegato e scoppi di gastrite. Intanto, loro si fanno gli affari propri con le altre. Tante altre. Hanno un vero harem tra nuove prede e ripescate. Fai una ricerca sull'abuso narcisistico e capirai.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo