La storia d’amore dei sogni: ma che cosa credi?! (Due convinzioni pericolosissime)

Urca! E che sto facendo? Mi metto a sgridarti, adesso?

No, non sia mai. Non sono una persona particolarmente delicata.

Se mi segui da un po’ sul blog di sicuro tra le righe, l’hai ben capito.

Se poi sei anche un mio o una mia cliente di coaching sai che nei modi spesso sono piuttosto diretta, anche se nella sostanza sono leggera come una piuma.

In ogni caso non mi passa neanche per l’anticamera del cervello di sgridarti. E che sono io, la tua mamma?

Ognuno deve fare quello che vuole della propria vita e delle proprie relazioni.

E se mi chiede un metodo più facile e più veloce – rispetto a continuare a soffrire, a far fatica e ad accumulare esperienze traumatiche – per ottenere ciò che vuole, non mi risparmio, nemmeno nell’essere diretta.

Ne approfitto subito: se sei tra coloro che davvero vogliono trovare la persona giusta, scarica subito la mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi” e leggila.

Poi, ti sei accorta/o che sul sito abbiamo messo l’opzione “Cerca sul sito”?

Che te ne fai?

Te ne fai che se vuoi cercare altri articoli sul blog su argomenti che ti interessano, vai nello spazio rettangolare in alto a destra, dove c’è scritto “Cerca sul sito”, digiti la parola o le parole relative al tema che ti interessa (ad esempio “autostima”) e ti escono tutti gli articoli che ho scritto sul tema. Mica male, eh?

Insomma, qui non si dorme sull’umido e io con il mio team di valorosi collaboratori ci diamo da fare per renderti sempre più piacevoli e sempre più utili i contenuti che realizzo, dato che li realizzo apposta per te.

Aspetta che ti racconto…

Va beh, intanto devi sapere che in questi giorni ho deciso di registrare, intendo registrare la mia voce, mentre spiego alcuni punti importanti relativi a come sedurre un uomo.

Questo fatto mi piace e mi emoziona tantissimo e sto pensando di farci qualcosa di interessante per te. Sono al lavoro :).

E più lavoro, più lavorerei, dato che vengo presa dal “gorgo” della passione per quello che faccio e dato che ogni volta che mi dedico a un tema, mi rendo conto che quel tema ne richiama un altro e un altro ancora e io vorrei non lasciare niente indietro.

D’altra parte oltre all’analisi, ci vuole anche la sintesi, giusto?

Questo è un principio importante della filosofia e anche della scienza e perché non dovrebbe esserlo anche della vita pratica e della vita sentimentale?

Riguardo al mio lavoro sai quali sono le domande che mi pongo più spesso?

“Come faccio a dire per bene a chi mi legge tutte le cose importanti su quel determinato argomento?”

“Come faccio ad aiutare quel cliente o quell’altra cliente ad arrivare il più velocemente e il più semplicemente possibile dove vuole arrivare?”

L’altro giorno mentre registravo, prendevo appunti, stendevo progetti di lavoro utili a chi vuole scoprire come sedurre in modo facile e naturale, ho fatto una riflessione che ora mi piacerebbe condividere con te.

E’ una riflessione sulle convinzioni profonde che molte persone hanno riguardo la seduzione e il modo di stare in una relazione.

Noi tutti abbiamo convinzioni profonde riguardo la realtà che ci circonda: il mondo in genere, gli altri, noi stessi.

E quelle convinzioni, ti piaccia o no, condizionano enormemente il tuo atteggiamento verso il mondo gli altri e te stesso/a.

Per esempio, se tu pensi di essere negato/a a sciare sai che cosa farai? Non andrai mai in montagna a sciare e alla fine non imparerai a sciare, confermandoti l’idea di essere negato/a nello sci.

Semplice e pericolosissimo.

Ebbene, se c’è un ambito nel quale  le persone hanno la testa piena di convinzioni apparentemente semplici e pericolosissime è l’amore, il concetto di relazione, di vita di coppia e i sentimenti.

Desideri il rapporto della tua vita e vuoi scoprire il modo giusto per far innamorare un uomo e costruire con lui una relazione sana, serena e che duri nel tempo? Ecco il precorso che ti guida passo passo nella realizzazione di una vita di coppia sana e appagante, dal primo incontro fino alla convivenza

Proprio mentre stendevo i programmi relativi ai progetti imminenti che riguardano questo blog, riflettevo su quali in assoluto tra queste convinzioni sono le più diffuse e le più pericolose e sono arrivata a delle conclusioni.

Per esempio, in moltissimi credono che al mondo esista una sola persona giusta per loro e che l’incontro con lei avverrà quando sarà il momento, quando il destino lo riterrà più opportuno e quando entrambi si sarà pronti.

A quel punto incominceranno a vivere felici e contenti, un’esistenza sempre in discesa, costellata di piacere, romanticismo e un’intesa perfetta (sessuale, intellettuale, emotiva e progettuale). Per questo vale la pena aspettare e non darsi da fare: prima o poi il destino farà tutto lui e, una volta accoppiate, queste persone vivranno una vita di sola favola.

Mica male eh? (Scusa, tutto questo miele a me alla fine fa venire un po’ di nausea…)

Ma siccome di convinzioni pericole ce ne sono per tutti i gusti, abbiamo bella e pronta anche quella per i pessimisti a oltranza, i negativi a tutti i costi.

Eccola qua: l’amore non esiste, gli altri e le altre appartengono tutti/e alla terribile categoria degli stronzi, non ci sono più persone che credono nei valori veri della vita (quali questi valori siano non è dato di sapere).

Insomma tutti sono traditori, disonesti e malintenzionati.

E, comunque, l’amore è solo sofferenza e dolore.

Hai idea di quante persone hanno paura di conoscere qualcuno di interessante e di iniziare una relazione perché, per una ragione e per l’altra, temono di soffrire, anzi, ne hanno il vero e proprio terrore?

Sai che cosa penso? Te lo dico chiaro e tondo che cosa penso, anche se – seguendo questo blog – già l’hai capito.

La persona giusta per te esiste, non solo: ne esistono tante tra le quali puoi scegliere quella con la quale realizzare la relazione di una vita.

Una relazione soddisfacente, sana e che duri nel tempo è possibile per tutti a questo mondo.

Tutto questo è possibile per te, senza alcun dubbio.

A certe condizioni: la persona giusta non la manda il destino o la fortuna; una relazione sana e appagante non avviene per grazia divina o per colpo di c***  a dir si voglia.

La persona giusta la incontri, la sai riconoscere a patto che tu faccia un serio percorso di crescita sentimentale, che significa diventare un uomo o una donna autonomo/a e indipendente dal punto di vista emotivo e con le idee chiare rispetto a quanto vale e a quello che vuole.

Con la persona giusta per te impari a comunicare in modo gratificante a partire da una posizione di sicurezza in te stessa/o e di apertura verso le esigenze degli altri. E anche a partire da un certo esercizio (chiamalo allenamento, se vuoi) e da una certa esperienza.

La relazione sana, appagante e che duri nel tempo la costruisci ogni istante della vita, con intelligenza, pazienza, dedizione.

Per tutto questo ci vuole cervello, tempo e anche studio. In sintesi: ci vuole impergno. Come per tutte le altre cose belle e buone della vita.

Per molti – me inclusa – ne vale la pena.

Se non pensi che la persona giusta per te e la relazione della tua vita richiedano il tuo impegno migliore, fai una bella cosa –hooop! – smetti di leggere questo blog, smetti di leggere la mia newsletter e non comprare i percorsi che ho preparato per te.

Se hai deciso di continuare, lasciami i tuoi commenti. Per favore, non lasciare commenti pieni di “sì, ma, io in realtà credo… “ per sbrodolare una volta di più che non credi nell’amore o che credi nel destino. Mi vengono i vermi! ;)

Quando hai finito di leggere, per cortesia, ricordati di condividere questo articolo sui social (Facebook, Twitter, Google+, Pinterest etc.) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto.

In questo modo permetti che si allarghi la comunità delle lettrici (e dei lettori) e più si allarga la comunità delle lettrici e dei lettori di questo blog, più semplice è per me dare informazioni di interesse sui temi legati ad attrarre la persona giusta per te.

Grazie!

Cordialmente

Ilaria

P.S. Se vuoi liberarti dalle convinzioni che ti limitano dal profondo – senza che tu te ne accorga – e che ti impediscono di sedurre e di attrarre la persona giusta, fai il mio percorso di crescita sentimentale “I 7 Pilastri dell’Attrazione”.

Lascia un Commento!

59 Commenti

  1. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (29 Settembre 2012 10:02)

    @ Lunan, grazie! Mi fa piacere un commento così ed è utile. Giustamente mi aspetto che talvolta non si capisca: ci sono alcune modalità di pensiero tanto abituali e tanto radicate che non potrebbe essere diverso e con il mio modo di fare desidero proprio spingere a un pensiero differente. Intanto, per usare un modo di dire: ci sono le sfumature e non solo il bianco e il nero. Perché mai metterci impegno e dedizione dovrebbe essere lo stesso che perdere la propria identità? Se hai o hai avuto delle piante, un giardino o se ami cucinare, sai bene che la soddisfazione - impagabile - di avere dei bei fiori a primavera o di farsi una bella cena tra amici viene dall'impegno e dall'intelligenza che hai profuso nel curare le piante o nel prepare la ricetta. Perdi la tua identità per questo? No, diventi sempre più tu, esprimendo un tuo talento e realizzando qualcosa di buono per te e per gli altri. Ci vuole equilibrio, ecco quello che ci vuole. Una nota: io ritengo che un uomo non vada "inseguito" e per varie ragioni. Nello stesso tempo è utile incoraggiarlo. Anche qui ci vuole equilibrio. Attenzione: io parlo di relazioni equilibrate. Una relazione che ti sfinisce e che ti fa pensare che stai perdendo la tua identità non è una relazione. :)
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (29 Settembre 2012 10:05)

    @ Eleonora, ti ringrazio ma non ho bisogno di interpreti e soprattutto non ho bisogno che tu inglobi nel tuo pensiero unico e immutabile il mio. :)
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (29 Settembre 2012 10:13)

    @ Rafffaella, ok ora hai cambiato il nome di colpa in quello di responsabilità. Non so se per te questo cambia qualcosa. Ho l'impressione di no. Non solo, ho l'impressione, e non solo da questo commento, che tu voglia a tutti i costi generalizzare un principio di negatività che probabilmente ti viene dalla tua esperienza personale, la quale a sua volta nasce da un atteggiamento interiore. Per farla breve e cercare di esserti utile: mi pare che tu abbia un carico di rabbia al proposito che non può non manifestarsi e non influire nei tuoi rapporti. La domanda utile da fare a te stessa: sono disposta a considerare tutto questo da un punto di vista diverso - rivoluzionario - e a lasciare andare la rabbia (mandando a quel paese anche i concetti di colpa e responsabilità)?
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  4. Avatar di rosita

    rosita 10 anni fa (29 Settembre 2012 10:39)

    @Ilaria in questa settimana da più parti sono stata accusata di essere una persona troppo rigida e che dovrei smussare il mio carattere, altrimenti rischio di dare un immagine diversa di me e di fare allontanare le persone. Ma ho difficoltà a capire che cosa s'intende persona rigida, poco elastica, potresti aiutarmi nello spiegare a parole tue che cosa s'intende???
    Rispondi a rosita Commenta l’articolo

  5. Avatar di silvy

    silvy 10 anni fa (29 Settembre 2012 11:07)

    @Raffaella: scusami se sono schietta ma le tue parole mi fanno provare un sacco di tristezza.Ok, provo rabbia perchè anche io un tempo un pò la pensavo come te, ed è per questo che ora mi ci innervosisco se qualcuno fa queste considerazioni! Sai cosa ti dico? Se non trovi nessuno è per colpa tua. Non perchè tu sia sbagliata, ma perchè non desideri davvero cambiare. La nostra volontà, quella vera, ci dà una forza straordinaria e ci porta a trovare nuove e inaspettate soluzioni. Tutti possiamo incontrare persone compatibili con noi. Solo che ad un certo punto devi dirti: accetto solo persone con le quali sto davvero bene, che mi vogliono, mi amano, mi rispettano, sono presenti e vogliono fare progetti con me. Di tutte le altre non me ne frega niente. Quando arriverai a provare una vera rabbia per tutti coloro che fino a questo momento non ti hanno amato e si sono pure presi gioco di te, allora la frase che ti ho scritto potrai pronunciarla con vera convinzione. E da quel punto non guarderai altro che a persone che ti meritano.
    Rispondi a silvy Commenta l’articolo

  6. Avatar di raffaella

    raffaella 10 anni fa (29 Settembre 2012 13:17)

    @silvy: chiariamo subito un punto...io sono stata 18anni con una persona, dai 21ai 40, non sono mai stata presa in giro da nessuno e la mia storia si è esaurita con molto affetto e rispetto. E' stata la mia unica storia e nè prima nè dopo c'è stato altro. Non esco con un uomo da allora e a gennaio ho 45 anni. Lavoro, vivo da sola e ho un sacco di amici...ma purtroppo non ho facilità di incontro con gli uomini...non ci so fare, non sono capace a ispirare quel tipo di emozioni che portano a vedermi come possibile compagna. Sono una donna carina, divertente e spiritosa...questo quanto dicono di me ma evidentemente l'inconscio dice altro...e ci sto lavorando, con l'aiuto di addetti al lavoro ;) @Ilaria: la rabbia...mah, forse si, forse c'è rabbia per come sono stata educata, per la scarsa autostima, per la timidezza e i blocchi che si sono radicati in me, l'idea di non essere all'altezza di avere accanto qualcuno che mi ami come un uomo ama una donna...e per questo fottuto tempo..... che passa inesorabile e veloce. E' la staticità dl mio vissuto, la presenza del passato che non vuole essere archiviato....questo è il nocciolo,
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo

  7. Avatar di raffaella

    raffaella 10 anni fa (29 Settembre 2012 13:20)

    @Ilaria: termino il concetto....questo il motivo per cui avrei bisogno di conferme, di qualche tentativo di approccio da parte maschile...altrimenti hai bene da lavorare su te stessa ma io, lo ammetto, non sono in grado di fare tutto da sola senza effettuare confronti con chi certe paranoie non ha bisogno di farsele
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo

  8. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (29 Settembre 2012 15:48)

    @ Rosita, io ti posso dire che cosa intendo io per persona rigida, poco elastica. E che cosa te ne fai di quello che intendo io? Non è molto più utile che tu: 1) rifletta sul quello che intende la persona(le persone in questione, anche chiedendoglielo (e dimostrando quindi grande flessibilità) 2) valuti che ragioni possano averla/le spinte a dirti quello che ti hanno detto (cioè quali sono le azioni da parte tu che possano averle motivato a pensare che tu sei rigida e poco elastica) 3) ti osservi con calma e verifichi se in effetti ti succede di comportarti in modo rigido e poco elastico?
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  9. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (29 Settembre 2012 15:49)

    @ Raffaella: dici che hai bisogno di conferme e questo lo posso ben comprendere. Il fatto è che cerchi conferme a che cosa? Che cosa tu fai attivamente tanto da poterti aspettare delle conferme?
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  10. Avatar di rosita

    rosita 10 anni fa (29 Settembre 2012 16:08)

    @Ilaria, grazie per la tua risposta....sto pensando ai miei comportamenti che hanno portato alcune persone a considerarmi rigida, premetto che tra queste persone c'è anche chi avrebbe voluto una storia da me, pur essendo sposato e con figli grandi e io non ho mai preso in considerazione. Sul lavoro sono molto esigente, non ci sono sfumature o è bianco o è nero non sopporto la superficialità, strafottenza soprattutto quando i miei utenti sono gli emarginati della società, purtroppo questo viene percepito dagli altri come un problema, perchè non sono elastica e non mi adeguo, se le cose vanno male, anche se io protesto, andranno sempre male per cui perchè scaldarsi tanto mi viene detto, è meglio adeguarsi. Allora ho deciso di non lavorare più perchè le mie insoddisfazioni prevalevano sulle gratificazioni che ricevevo e adesso mi viene detto che sono troppo rigida e dovrei essere più elastica perchè potrebbe essere un problema anche per il mio futuro....
    Rispondi a rosita Commenta l’articolo

  11. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (29 Settembre 2012 16:46)

    @ Rosita. Vedi che lo sai? :) Quanto all'uomo sposato che vuole una storia con te, eh eh eh, rigida eh, ancora più rigida. L'unica morbidezza concessa è quella dei muscoli facciali nel mandarlo a quel paese!
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  12. Avatar di rosita

    rosita 10 anni fa (29 Settembre 2012 17:31)

    @Ilaria, lo so, ma per me questo aspetto di rigidità non è un problema, perchè per gli altri lo è e dovrebbe allontanare le persone? Spesso quando parli del tuo lavoro, percepisco dalle tue parole passione, oltre a naturalmente l'impegno, tu credi in quello che fai ed è quello che è sempre i miei utenti hanno riconosciuto in me. Almeno che uno non decida di lavorare solo per soldi allora non si pone nessun problema e si adegua. Forse quello che è sembrato strano che io precaria abbiamo deciso di dire basta ad una situazione lavorativa che mi chiedeva di scendere a compromessi con me stessa e di starmene a casa, non sono pentita della decisione anzi mi sento più leggera, c'è solo il problema di portare a termine gli ultimi impegni e cercherò di darmi qualche pizzico sulla pancia e di pensare che stare male non vale la pena...Riguardo a quello sposato, separato, vedovo, alla fine mi hanno detto che uso le persone a mio piacimento, perchè alla fine questi uomini non avendo ottenuto quello che volevano se ne escono con frasi del genere perchè un no come risposta non gli sta bene?
    Rispondi a rosita Commenta l’articolo

  13. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (29 Settembre 2012 19:23)

    @ Rosita la questione è molto semplice: se tu stai bene, vivi la vita che vuoi e sei soddisfatta, tutto è a posto. Gli altri possono dirti quello che vogliono. Se invece, quello che ti dicono gli altri può essere riferito a qualcosa che non ti fa stare bene, forse è il caso di riflettere su quanto ti dicono. Quanto agli uomini che non accettano un no, ma che ti frega?! L'importante è che ti si tolgano dalle scatole, si levino, non rompano!!!
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  14. Avatar di Elisa T.

    Elisa T. 10 anni fa (29 Settembre 2012 19:42)

    @Raffaella: leggendo la tua testimonianza mi sono fatta un'idea: siccome sei stata per quasi 20 anni con una persona, è successo che nel tempo hai perso l'abitudine a "flirtare" e a porti in modo se-ducente verso gli uomini..cosa che si fa per lo più quando si è single e "in cerca" mentre, al contrario, in coppia, gli atteggiamenti verso l'altro cambiano.. Una storia così lunga e importante, dentro cui sei cresciuta (da ragazzina a donna) sicuramente non si cancella con un colpo di spugna per cui non mi sorprende se da qualche anno sei sola..forse, inconsciamente, quella storia d'amore è ancora dentro di te perchè per tanti anni ha fatto parte della tua vita e solo da "poco tempo" ti sei resa conto che, d'istinto, vuoi voltare pagina e aprirti ad un nuovo amore.. Pensa a come ti comportavi col tuo ex compagno, come riuscivi ad affascinarlo, attrarlo, farti desiderare, recupera la tua parte seduttiva e prova ad esercitarti a trasferirla su altri uomini..così per gioco, per metterti alla prova..i primi risultati positivi ti aiuteranno a recuperare autostima e da lì inizierai a sentirti più sicura e ottimista sulla possibilità di incontrare il tipo giusto.. @Ilaria: io penso che la nostra vita sentimentale per un 75% ce lo costruiamo noi, il resto lo fanno le circostanze (un po' di fortuna nella vita ci vuole: "aiutati che il ciel ti aiuta" giusto?) Io da qualche tempo mi sono messa d'impegno per compiere un'evoluzione interiore che mi porti a crescere, imparando dai miei sbagli..ho ben chiaro di cercare un rapporto profondo e duraturo ma nell'ultimo anno ho collezionato due mini storie di 2 mesi, concluse perchè l'altro non era la persona giusta..forse ho voluto "accontentarmi"per paura della solitudine (eppure da sola riesco a stare, anche se con fatica, lo ammetto!!) e non mi sono data il tempo necessario per conoscere l'altro, prima di iniziare un rapporto..Purtroppo, però, quando scatta l'attrazione e il sentimento verso l'altro, la ponderatezza e la riflessione vanno facilmente a farsi benedire, salvo poi, dopo un paio di mesi, (come capitato a me..) valutare razionalmente la situazione e chiuderla se è il caso di farlo.. Che fatica, però..se ne esce di sicuro più forti ma con una ferita in più nel cuore..:-(
    Rispondi a Elisa T. Commenta l’articolo

  15. Avatar di rosita

    rosita 10 anni fa (29 Settembre 2012 20:10)

    @Ilaria, senza girarci intorno ci sono tante cose che non mi fanno stare bene e quindì quello che mi viene detto mi fa vacillare, non sono più convinta. La decisione di lasciare il lavoro è stata presa per i motivi di cui ti ho scritto in precedenza ma anche perchè c'era lui, quello del rapporto perverso, come si dice lontano dagli occhi lontano dal cuore, convinta mi sono allontanata da lui. Ecco all'improvviso si fa sentire, ha voglia di me, sembra cambiato, ma nessuno mi può dire se realmente cambiato oppure gli serve uno zerbino per scaricare la sua pervesione, allora che faccio? Notti insonni, cerco di non agitarmi, cerco di stare tranquilla e riflettere, chiedermi che cosa sia giusto per me, ma la paura di sbagliare c'è...di deludere nuovamente me stessa
    Rispondi a rosita Commenta l’articolo

  16. Avatar di raffaella

    raffaella 10 anni fa (30 Settembre 2012 9:54)

    @Ilaria: cosa faccio? Sono me stessa, non ho maschere, sono indipendente, rispettosa, e infatti ciò che non mi manca sono le amicizie e la stima...è il resto che non arriva mai...@silvy: recuperare la parte seduttiva? Ho conosciuto il mio ex come amico e poi abbiamo scoperto qualcosa in più. Da parte mia c'è stato grande affetto e riconoscenza per avermi dato ciò che mi mancava per sentirmi"normale"...quanto all'amore, alla vera attrazione, temo che in fondo non ci sia mai stata veramente. Lui mi è "servito" nell'acceziine più positiva del termine, mi ha dato un equiibrio che non trovavo in famiglia. Tu dici di provare con altri uomini...alla mia età dove vai? E poi io sono atipica :) dimostro molti meno anni e i miei amici sono mediamente più giovani e per lo più in coppia. Se non in coppia sono donne single come me...pazzesco, un universo al femminile
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo

  17. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (30 Settembre 2012 14:51)

    E' un chiodo fisso. E poi, accidenti, qualcosa di positivo ci sarà: anche il fatto di sembrare più giovane ti sembra uno svantaggio. Scegli una cosa, qualsiasi, che reputi buona della tua vita e costruiscici intorno quello che vuoi.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  18. Avatar di raffaella

    raffaella 10 anni fa (30 Settembre 2012 19:47)

    Boh...comunque grazie
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo

  19. Avatar di Giulia

    Giulia 10 anni fa (17 Ottobre 2012 16:58)

    @ Ilaria. Ciao scusa se ti disturboma in questo periodo mi capita di essere considerata noiosa dagli uomini. Non so che fare perché comunque io mi reputo una persona interessate, solare e sempre disonobile con tutti e questo li dicono anche tutti i miei amici. Che dovrei fare per rendere piú interessanti i miei discorsi ed essere piú " piccante" nelle mie relazioni. Grazie! :)
    Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

  20. Avatar di simona

    simona 9 anni fa (19 Settembre 2013 21:56)

    Bellissimo questo post. Mi viene in mente la mia storia d'amore, all'inizio tanta paura di lasciarsi andare, non mi sentivo meritevole e infatti la storia vacillava, tra un prendo e lascio andato avanti 6 mesi ora la storia si è stabilizzata, mi sono presa letteralmente in giro pensavo di essere forte ,volevo non innamorarmi per non soffrire volevo essere la dura quella che non avrebbe piu versato una lascrima, al limite solo per un mesetto, invece dopo l'ennesimo preso e lasciato lui si è stancato e li me la sono vista brutta...io a lui ci tenevo sul serio ma mi raccontavo che non era vero, non volevo piu aprire il mio cuore sul serio, poi invece ho capito che tanto dura non sono;) che stavo perdendo la persona piu importante , l'ultimo episodio che abbiamo avuto lui giustamente scocciato non voleva piu ritornare con me, io li ho iniziato a non mangiare piu per una settimana, il mondo mi è crollato, ce l'avevo con me, con la mia ostinazione a non voler amare, e lo stavo perdendo,quando ho capito che stavo soffrendo lo stesso e troppo, ho preso me stessa per il coppino e gli ho detto la verità. Di lui mi importava ma ero arrabbiata solo con me stessa e mi stavo facendo del male non mangiando. Che ne pensi ilaria??? Troppe delusioni troppa paura di riamare???
    Rispondi a simona Commenta l’articolo