Come fidarsi di un uomo, dopo che si sono ricevute molto delusioni

come fidarsi di un uomo

Come fidarsi di un uomo? Come iniziare una conoscenza, una frequentazione e un rapporto sulla base della fiducia e senza la paura di essere tradite, ferite, prese in giro? Come vivere le relazioni con le persone e soprattutto con gli uomini in modo sereno?

La fiducia è alla base di rapporti sani e generativi, cioè di rapporti che producono bene per noi e per l’altro, siano fonte di serenità interiore e di benessere emotivo. E non solo.

Non si può lavorare con persone delle quali non ci si fida, non ci si può far aiutare da qualcuno nel quale non abbiamo piena fiducia e non possiamo nemmeno aiutare chi non si fida di noi.

L’amore non può non contenere la fiducia, diciamo che la fiducia è una delle declinazioni dell’amore, come l’affetto, come l’attrazione sessuale, come il desiderio del bene dell’altro.

La fiducia è uno degli ingredienti base dell’amore, forse il più importante.

Come la pasta per la pizza.

Si può perdere la fiducia in una persona in particolare dopo una bugia, una menzogna grave, un tradimento.

Purtroppo si può perdere anche fiducia nella vita, nei rapporti tra persone, nei rapporti di coppia.

Verso tutti gli uomini, come genere.

Questo capita molto spesso.

Dopo aver infilato una serie di delusioni, si smette di credere negli altri.

Magari si è state tradite a ripetizione, si è state maltrattate o bistrattate da più partner nella propria storia sentimentale o, semplicemente, ci si è imbattute in molti interlocutori superficiali, inaffidabili, cialtroni, del tipo che sembra essere molto ben rappresentato di questi tempi.

Tutte queste sono motivazioni che fanno perdere la fiducia e che anzi fanno venire il sacro terrore di potersi fidare degli altri.

Perché fidarsi viene interpretato, a un certo punto, come lasciarsi andare, cadere in trappola, darsi senza protezioni e difese.

Come fai ad attrarre un uomo senza sembrare una facile o una poco di buono?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Mi rendo conto che questo, soprattutto a chi è stato ferito, può fare molta paura.

Senza fiducia non si può amare e non si può essere amati

Ma se non c’è fiducia si possono perdere opportunità, si può sembrare diffidenti e quindi respingenti verso gli altri e, fondamentalmente, si vive male.

E’ brutto vivere senza avere fiducia negli altri, che dici?

Tengo a far presente che qui non sto parlando di ritrovare o mantenere la fiducia in chi non la merita, cioè in chi ci ha tradito o ci ha mentito o in chi si mostra indubbiamente inaffidabile.

La fiducia è indispensabile concederla solo a chi dimostra di poterla avere.

Insistere nel credere alle promesse di ravvedimento e di cambiamento di chi persiste nei propri comportamenti è un atteggiamento disfunzionale.

Non sto nemmeno parlando di acquisire un atteggiamento fiducioso nel mondo e negli altri a prescindere, atteggiamento fiducioso che sfocia spesso in un’ingenuità intollerabile e distruttiva. Anche questo è un comportamento disfunzionale.

E allora di che cosa sto parlando?!

Sto parlando di come tornare a fidarsi degli uomini e di fidarsi di un nuovo amore dopo che questa fiducia si è dolorosamente esaurita e al suo posto è subentrata la paura.

Perché fidarti degli uomini e fidarti di un nuovo amore e della possibilità di un nuovo amore nella tua vita ti dà luce e fascino, ti rende parte di questo mondo e ti fa entrare in modo positivo e vivificante nel gioco della seduzione.

Come fidarsi di un uomo 5 regole da seguire

Come fidarsi di un uomo, allora, senza paura, senza rischi e senza perdere tempo e nemmeno la faccia, come spesso accade?

Per semplicità ho steso cinque regole che è utile fare tue per scoprire la fiducia e il senso vero della fiducia.

  1. Per fidarti degli uomini, di un nuovo amore e per lasciarti andare nel rapporto con un partner è necessario che prima di tutto tu ti fidi di te stessa. Che cosa significa? Questo ha molto a che vedere con l’autostima. Fidarsi di sé e del proprio giudizio significa avere un buon concetto di sé e un grande rispetto dei propri bisogni, delle proprie sensazioni e dei propri sentimenti. Significa smetterla di seguire i consigli della nonna o, peggio, quelli di amiche spesso con meno autostima, meno intelligenza e meno sensibilità di te. Amiche che, poi, magari inconsapevolmente, giocano con te e attraverso di te per non giocare la loro, di partita. Fidarti di te significa ascoltare il tuo intuito e il tuo istinto e le tue voci interiori che ti mettono in guardia rispetto a quel che stai sperimentando. Fidarti di te significa anche osservare con attenzione i comportamenti dell’altro, dare il giusto peso a quel che non torna, alle contraddizioni e alle incongruenze tra fatti e parole.
  2. E’ importante osservare la realtà con distacco e attenersi a quel che è reale, cercando di capire che cosa è verosimile, probabile, credibile o, invece, totalmente incredibile. Ci vuole buon senso, insomma. E’ realistico che un uomo ti dica che ti ama e che sei la donna della sua vita se vi siete visti appena due volte? Perbacco no! Se ci credi non dimostri molta intelligenza, riveli grande bisognosità e soprattutto in questo caso, sì, ti presti a essere presa in giro e a diventare facile preda delle peggio persone sulla faccia della terra. E’ verosimile che un uomo si innamori di te via chat ed è sensato e credibile che tu ti innamori di lui? Ma no, dài! Come si fa a credere a certe assurdità? Ma quando mai? Ma su quale pianeta? Come ci si può fidare di una situazione tanto lontana da ogni verosimiglianza? E’ credibile un uomo sposato che dice che si sta separando dalla moglie e che con lei la storia è finita ma è terrorizzato che lei scopra la frequentazione con te? Certo che non è credibile, su! Sveglia! Queste sono le basi.
  3. Darsi tempo. Avere pazienza. Metterci attenzione. La fiducia si costruisce come si costruisce una casa, un castello, un grande grattacielo. Pezzo pezzo, mattone dopo mattone. Non dopo una sola cena o una notte di sesso. Questo non ha niente a che fare con la fiducia. La fiducia si realizza in una frequentazione costante, in cui si condividono vari aspetti della vita (non solo la cena al ristorante e il letto), in cui si sta insieme per davvero, ci si parla, ci si ascolta, ci si aiuta se necessario. Viene data esclusività al rapporto e il rapporto diventa una priorità nella propria vita e in quella dell’altro. Si tratta di metterci concentrazione, dedizione, ingegno. Il meglio di sé, insomma, non il peggio…
  4. Dare prove e ricevere prove inconfutabili di fiducia, di impegno, di amore. C’è una bella differenza tra il piacersi (magari solo dalla vita in giù), l’essersi simpatici, il passare dei momenti insieme e, invece, fidarsi davvero dell’altro. L’attrazione a breve termine eccita e rende euforici. Non è mica faticoso stare con qualcuno che ci eccita e ci fa divertire, per qualche ora alla settimana. Non richiede nessun livello di fiducia reciproca (anche se bisognerebbe considerare la fiducia anche in questi casi). Non è una dimostrazione di impegno o una prova di fiducia fare del sesso con qualcuno che ci piace molto fisicamente. Si può fare facilmente. La fiducia richiede prove ben diverse e soprattutto esige una conoscenza molto approfondita dell’altro, della sua vita e del suo stile di vita, dei suoi progetti e dei suoi sogni.
  5. Non avere pietà. Mantenere la calma e porre fine all’”era del cialtronismo a oltranza”. Quando ci si trova di fronte all’ennesimo personaggio inaffidabile non bisogna avere pietà. Siamo circondati da persone inaffidabili. Il che significa anche che molti di noi sono inaffidabili, costantemente o a corrente alternata. Non saranno mica sempre e solo gli altri a sbagliare? Però sono convinta che dopo qualche decennio in cui il cialtrone e la cialtrona hanno imperversato, si stia arrivando alla fine di un’era e stiamo per arrivare all’alba di un’epoca nuova, dove gli inaffidabili saranno i veri perdenti e quindi saranno costretti a un cambiamento di grande portata. Contribuisci anche tu a questa evoluzione dell’umanità tutta. Di fronte ai primi segnali di inaffidabilità, mantieni la calma (cioè: non arrabbiarti, che non va bene) e manda il soggetto inaffidabile nello stesso posto da dove è venuto. Fuori dalla tua vita. In mezzo ad altri inaffidabili, con i quali avrà molto da divertirsi.

La fiducia negli altri dipende da te, non da loro. Sei tu che dài fiducia. La puoi concedere e revocare come preferisci. Ecco come fidarsi di un uomo.

Lascia un Commento!

75 Commenti

  1. Avatar di Marina

    Marina 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 11:14)

    Carissima Dr.ssa Ilaria tutto quello che Lei dice e' verissimo ma dopo 25 anni mi rendo conto di amarlo sempre e comunque anche se e' stato inaffidabile nel senso che si e' sposato una seconda volta con una donna piu' giovane di 20 anni 7 anni fa dicendomi che fra noi non sarebbe cambiato nulla. e' cosi e' stato.La ragione mi dice che non e' l'uomo per me ma quando lo vedo e' un'attrazione fortissima solo sesso ma molto bello .il sesso l'ho vissuto e lo vivo bene solo con lui me lo tengo cosi? il mio obiettivo e' portarlo a me ma so che e' impossibile la speranza di un miracolo e' sempre viva in me Sono una cretina lo so bene ma e' cosi
    5
    Rispondi a Marina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 11:54)

      In effetti dopo 25 anni mi pare che ci possano essere ampi spazi di recupero... Magari tra 25 anni... Del resto se è il solo uomo sulla terra con il quale fare del buon sesso, che ci possiamo fare? Gli troviamo una terza moglie?
      -7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di Carla

    Carla 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 11:56)

    L'ultimo uomo che ho incontrato e con cui ho parlato in maniera piû approfondita, mi ha detto che avevo molte barriere. L'ho appena conosciuto, ma lui ha avvertito questa cosa. Non ho cercato di negare, è normale proteggersi no? E il tempo non ce lo concede nessuno, purtroppo...
    -1
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

  3. Avatar di AnnaV

    AnnaV 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 12:05)

    Utilissimo articolo! In terapia ho lavorato molto su questo aspetto, e su ferite alla fiducia molto antiche che mi porto dietro. Nella mia esperienza, però, il comportamento che descrivi viene (erroneamente o in malafede) interpretato come “essere diffidenti”. E parte pure la psicoanalisi d’accatto... Incontro solo principi azzurri farlocchi io, o è una mentalità diffusa, secondo la tua esperienza?
    0
    Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 14:06)

      O tu dài troppo importanza al giudizio degli altri?
      -4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 15:12)

      Dipende dagli altri. Se cerchi di prenderti il tuo tempo e dopo due settimane inizia la filippica “sei diffidente per via del tuo passato”, oltre a chiudere, mi pongo il problema sì. Io so che è come scrivi tu, e tendo anche a sospettare che se ti mettono pressione ti stanno vendendo la Fontana di Trevi, nel perfetto stile venditore di enciclopedie o divani in offerta fino a domenica. Ma mi chiedo: siamo così dis-educati alle cose normali che loro sul serio si aspettano che io accetti caramelle dagli sconosciuti, o mi compri la Fontana di Trevi? Ho una certa età, e sta gente pure ...
      -5
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 15:25)

      Credo che tu generalizzi, cioè porti qualche esperienza che non fa statistica - né per te, né per gli altri - a diventare regola. Certo, ci sono molte persone che si comportano come descrivi tu, perché vogliono influenzarti, convincerti o manipolarti. O, ancora, affermare se stesse. Dunque il dire: "Signora! Ma come? Non ha comprato il nostro nuovo cellulare che le fa il caffé?! Si aggiorni!" o il dire: "Cara mia, sei una suora, non me l'hai ancora data!" è manipolatorio. O il dire: "Pina, non hai ancora installato WhatsApp? Modernizzati?" o "Non ci sei ancora andata a letto? Certo che lui si stuferà..." sono atteggiamenti manipolatori volti ad affermare se stessi. Prima ancora sono atteggiamenti maleducati e irrispettosi che dicono di chi li assume non di chi ne è oggetto. Quindi sì, può darsi che loro contino sul proprio potere di influenza. Ma ci sono anche quelli che credono alle scie chimiche. Che ci dobbiamo fare? L'obbligo scolastico c'è da quel dì, io pago le tasse, c'è la libertà di stampa e di opinione, più di così che devo fare? Non sono i miei figli. Sono adulti e magari anche vaccinati (cosa che al giorno d'oggi non si può dare per certa). L'età non è sinonimo di intelligenza, buon senso, esperienza o sapere. Il tema è che tu dovresti infischiartene, perché è una questione loro, non tua e se diventa tua vuol dire che ti fidi più di loro che di te stessa. Regola 1.
      -8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 15:39)

      Infatti è proprio così, sarà come per le scie chimiche ... ad ogni modo, non so se mi fido più di loro che di me, perché mi faccio domande ma li mando anche subito a spasso. Non mi viene il dubbio, come mi può capitare ad esempio quando sento la pressione di altri a “rifarmi una vita”, come scrivevo qualche tempo fa. No, in questo caso continuo solo a sorprendermi, un po’ in stile “signora mia che mondo!” :D Ad ogni modo bisogna essere veramente molto salde sul punto 1, non c’è questione.
      -3
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 15:43)

      Infatti è il punto 1. "Rifarti una vita"? Adesso cosa fai? Sei in pausa? Ma per favore, dài, che mondo profondamente, disperatamente, terribilmente vecchio.
      -6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 16:14)

      Il problema è che nel frattempo che lo frequenti e cerchi di capire chi hai davanti ti puoi affezionare, o addirittura innamorare. E loro sembrano dolci, sensibili. Finché da un giorno all'altro ti bloccano su WhatsApp e spariscono. Dovevate vedervi per cena e di colpo non esistono più. Come si fa a inibire i propri sentimenti e rimanere vigili? Per certe donne anche il sesso lega, e il sesso è bello però. Allora possiamo non andarci a letto subito o quasi, possiamo aspettare. E se anche lui è un tipo paziente che sa aspettare? Nel frattempo magari va a letto con un'altra e con noi fa lo stilnovista. Citando Samantha di Sex and the city "un uomo può mollarci sia che gliela dai al primo appuntamento che al ventesimo". Quindi qual è la soluzione? Quante mazzate si possono sopportare nella vita?
      1
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 18:46)

      Non so, nelle ultime frequentazioni che ho avuto non ho sentito granché la “mazzata”. Cioè se sei vigile e centrata su te stessa e la realtà, sai che una storia può andare come non andare, e che ci vuole tempo per capirlo. Va da sé che, se l’altro ti piaceva e non si fosse rivelato stronzo o comunque inadatto, sarebbe andata. Cioè se non ti fissi né sull’altro né sulla storia, ma solo sul tuo stare bene, le cose vanno come devono andare ... o preferisci sposare uno stronzo, piuttosto che avere una delusione, magari pure alla svelta? Io, quando sono presa dallo sconforto penso a come stavo male da sposata, e mi torna l’ottimismo.
      -1
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 12:00)

      Bravissima, è proprio come dici tu. Si sopporta finché si può, poi si chiude, si soffre, si piange, si ritorna a galla. E al prossimo si ricomincia. Ma anche no...
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 16:35)

      Appunto! Fra l’altro una pausa me la prenderei pure volentieri!!! :D :D :D Si un mondo vecchio, ma in questo caso vanno a infilare il coltello nella ferita dell’abbandono. Stanno dicendo: la tua vita senza un uomo non è una vita, e tu non vali niente. Confesso che in certi momenti mi buttano giù parecchio, e mi decentrano. Momenti che passano, però, perché è chiaro che non corrispondono a quello che penso. Però si, questa cosa sta ancora lì, e ultimamente si è pure riattivata. Invece, se la pressione è esplicita, il dubbio non mi viene proprio. No, beh, fin qui alla mia tenera età - e grazie a te e al blog - ci sono arrivata :D
      -2
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 19:34)

      Mi risulta veramente difficile pensare che qualcuno si innamori via wazzup. Ad ogni modo fidarsi è davvero complesso.
      0
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 0:06)

      Frequentazione di un mese nel mio caso, conosciuto sul luogo di lavoro. Blocco su WhatsApp, non innamoramento.
      -2
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Giulia

      Giulia 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 0:42)

      Allora ...... vediamo un po'....... è da talmente tanto tempo ( anni , secoli 😂) che non ho un uomo ..... non so neanche più com'è fatto ....... ormai penso che i bambini li portino le cicogne 😜......perciò la fiducia è l'ultimo dei miei problemi !!
      1
      Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

  4. Avatar di SARA

    SARA 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 9:20)

    Cara Ilaria, ti leggo da un po', e ho deciso che a breve acquisterò il tuo corso. Sei brillante, pungente quanto basta e positiva. Una combinazione vincente. Leggerti fa bene. Quando una persona il sabato sera (dopo 2 mesi di conoscenza) parla di trasferimenti, figli e convivenza. E la domenica mattina chiede una pausa di riflessione come si dovrebbe reagire? Oggi mi scrive "Come stai? Un bacio". La "me"più istintiva vorrebbe rispondere secca secca di andare a farsi friggere, ma la ferita è aperta..che delusione. Un abbraccio
    0
    Rispondi a SARA Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 13:56)

      Mi permetto di darti una risposta anch'io Sara... dai assolutamente retta alla parte di te più istintiva e allontanalo dalla tua vita. Esempio di persona inaffidabile che una sera dice una cosa e solo la mattina seguente il suo opposto! Pensa che se fa così in questa situazione farà nello stesso modo anche in altre e ti renderà la vita molto difficile. Tu cosa risponderesti a una persona che hai molto a cuore se ti chiedesse consiglio su questa situazione?
      -1
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 14:07)

      Ps. Ti consiglio di leggere l'articolo qui sul blog intitolato "Come trattare un uomo che gioca con i tuoi sentimenti" ☺
      -2
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

    • Avatar di SARA

      SARA 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 16:57)

      Maria grazie...in effetti le direi di scappar via :-)
      -1
      Rispondi a SARA Commenta l’articolo

  5. Avatar di Laura

    Laura 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 16:57)

    Ciao Ilaria, bellissimo articolo che fa riflettere. La fiducia si costruisce sì,  è ci vuole anche tempo perché essa cresca. Io non so, in fatto di uomini non ci ho mai capito molto e adesso meno che mai, e infatti vorrei sottoporvi una domanda: come lo inquadreste uno che  dice di sé stesso che "non é tipo che scrive", e infatti non lo fa, o se lo fa è piuttosto sintetico e infatti sono convinta di non interessargli,  però, nella realtà,  quando lo incontro é palesemente emozionato e mi dedica anche delle attenzioni sottili oltre che guardarmi come uno stoccafisso. A me lui piace molto, lo conosco di vista da tanti anni ma è solo da 4 anni che siamo diventati amici, abitiamo a 150 km di distanza ma lui per lavoro viene spesso dalle mie parti. Insomma, lui è timido con me, e io lo sono con lui, quando lo vedo mi blocco, si paralizzano le gambe, mi si secca la bocca e mi si murano le corde vocali, e a lui pure. Che fare?
    5
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  6. Avatar di Carla

    Carla 2 mesi fa (8 Ottobre 2019 15:34)

    So che Ilaria disapproverà. Ho un contatto da circa un mese con un uomo conosciuto su un sito. Ieri abbiamo parlato al telefono. Dai nostri scambi "epistolari", per chiamarli romanticamente, lui sembra interessante. Anche il modo di parlare e gli argomenti sono garbati. Abbiamo deciso di incontrarci alla festa di 40 anni di una mia amica. Lui non conosce nessuno, ma ha accettato di vederci in un luogo pubblico e "sicuro" per me, ma forse anche per lui. Verrà domenica, abita a circa 3 ore di treno. Che ne pensate ? Grazie dei vostri pareri.
    6
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

  7. Avatar di giusi

    giusi 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 12:27)

    ahahaha!! cioè pensa che si aspettava che gli saltassi addosso io?!?! l'ho sospettato...
    -2
    Rispondi a giusi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 13:20)

      No, penso che non abbia interesse particolare per il sesso. Il sesso richiede fatica e questi non vogliono fare fatica. Non vogliono avere una persona alla quale saltare addosso o che salti loro addosso.
      -5
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 13:34)

      Infatti. Pensano che a noi over 50 non interessi più il sesso, e quando capiscono che ci funziona tutto perfettamente bene (a differenza loro), scappano ...
      -8
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

  8. Avatar di Tofu A cubetti

    Tofu A cubetti 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 20:02)

    Confermo! Se sei separata e ancora non hai un uomo sei senza una vita, una sfigata, o pure peggio sfortunata. È la prima domanda che ti rivolgono tutti quando ti incontrano, se 'hai trovato'. E si permettono di rovistare tra le tue esperienze, di fare domande dirette, e soprattutto commentare. . Commenti scialbi/ritriti/ma Cmq potenti. Hanno la potenza della massa, del pensiero comune, a sensazione.. un muro energetico. nel caldo riparo, nella casella sociale riconosciuta della coppia invece sei ok, insindacabile, una di noi, ti invitiamo alle cene, hai il pass! Indipendentemente da quanta muffa o acqua facciano queste coppie. È così. Il mondo è vecchio, piccolo, parla x come ha sentito parlare. Pur vedendo chiaramente tutto questo, non sempre si ha la patina e la forza di non farsene demoralizzare o x lo meno rattristare.
    4
    Rispondi a Tofu A cubetti Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 7:27)

      Ciao Tofu a cubetti, queste persone proiettano sugli altri la loro visione del mondo e in particolare la loro fo**utissima paura di restare da soli: il fatto che qualcuno pensi altrimenti e viva felice senza essere in coppia li turba e per questo hanno bisogno di imporre la loro visione del mondo dando degli sfigati agli altri. Ha8 presente il famoso " chi lo dice c'e' " ?Quando ti rendi conto di questo le osservazioni altrui, pur restando oggettivamente fuori luogo, stupide, antipatiche e cattive, non ti scalfiscono neanche un po' e l'unico sentimento che ti suscitano e' pieta' per i poveri stronzi che le fanno. Buona giornata!
      -6
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 11:57)

      @Gea si ma quando esci solo con donne da anni, non sei mai invitata se non alle uscite fra amichE, ti guardano storto se ti informi da single al corso di tango, e per molti uomini sei appestata in quanto hai figli, succede che ti senti un po’ in quarantena. Certo non ti scalfiscono a livello personale, ma è una gran palla. Nel mio caso, il problema vero è che questo risuona con i miei problemi “atavici”, non solo in quanto non-in-coppia, ma soprattutto in quanto giudicata-inadeguata. Ma, ripeto, sono solo momenti. Da una parte hai di fatto la solitudine, dall’altra ti risuona la domanda “ho qualcosa che non va? devo ‘trovarmi’ qualcuno?” Certo come pressione è molto potente, c’è poco da fare.
      5
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 12:49)

      Scusa AnnaV, ma di che cosa stiamo parlando e soprattutto che tipo di pensieri e di convinzioni stiamo alimentando? Non dubito che esistano persone con i comportamenti che descrivi ma ritengo siano una minoranza appartenente a un sottobosco arretrato, provinciale, privo di fascino e interesse. Cerchiamo di volare alto. La maggioranza è fatta di persone ben diverse.
      -8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 17:10)

      È sempre il solito punto. Io credo che non si tratti affatto di una minoranza, e che la gran parte del paese sia “arretrata”, ovvero ferma agli anni 50 del secolo scorso. In ogni caso, io vivo senz’altro in un contesto arretrato, quindi per me è così, e occhio e croce direi almeno almeno per chi vive nella mia regione. Pessimismo della ragione e ottimismo della volontà, forse è l’atteggiamento più sano. Sono orientamenti culturali che possono e devono essere contrastati (ottimismo della volontà), ma che non sono stati affatto spazzati via (pessimismo della ragione). Io semplicemente evito di frequentarli, perché non è che cerco marito per avvelenarmi a fare la femminista in casa mia. Vivessero come vogliono.
      1
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 16:49)

      A Parma, si vende appartamento di 145 mq ma non a donne sole, specialmente se laureate. Non dovrebbe essere un contesto arretrato, provinciale forse (lascio il link alla notizia) https://www.parmatoday.it/attualita/annuncio-casa-donne-laureate.html
      -4
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 14:58)

      Gea!!! Che bello rileggerti :D :D Purtroppo ho sentito e ricevuto le stesse domande, insinuazioni, riflessioni inopportune ad alta voce riportate da Tofu. Ci sono persone che non appena sono tornata single dopo 14 anni in coppia non mi hanno più chiamato, contattato, invitato e a volte ahimè neanche più salutato. Alcuni lo hanno fatto non appena si sono sposati. Capisco benissimo che é orrendo e che dice molto di loro e poco di me. Chiaro che come sono passati dal lato "giusto" secondo loro, io sono vista come quella poverina (e nel pensiero della gente ci sta anche un: mamma mia fortuna che é capitato ad un altro e non a me), fuori dal club, una "non tesserata". È dura e mi fa pena. Ma non lo accetto. Rifiuto e vado avanti. Cerco persone con apertura mentale, empatia e sono convinta ci siano,qualcuno l ho già incontrato. Agli altri ci pensa la vita. Un abbraccio a tutte voi 🤗
      0
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Laura

      Laura 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 23:09)

      Ciao Ally ti faccio i miei migliori auguri per la tua vita, io ho imparato che "non tutti i mali vengono per nuocere " , anzi, alcuni vengono per fare del bene, io, ad esempio, dopo la separazione sono nata una seconda volta. Ho imparato anche a fregarmene di quello che pensa la gente, ci si guadagna in salute.
      -6
      Rispondi a Laura Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (8 Ottobre 2019 9:16)

      Ciao Ally! 😊 Quando sento storie del genere penso sia utile rovesciare la prospettiva: non stanno escludendo te, ma si stanno togliendo dalle palle! 😜 Fai benissimo a potare: ci guadagni tempo e buonumore! Per mia fortuna non ho mai sprecato tempo con gente triste che ritiene sia meglio stare (e restare) in coppia, fosse pure col mostro di Milwaukee, pur di essere "socialmente accettabile" dal loro squallido punto di vista. Buona giornata, un abbraccio!
      -7
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 10:04)

      Si certo anche essere esclusa dalla vita sociale in quanto separata o single non aiuta l’autostima. Hai voglia a dirti che hai valore, se per gli altri sei solo l’appendice di qualcuno, e in quanto donna separata sei una pericolosa rovina famiglie. Ogni tanto è veramente deprimente, sembra un circolo vizioso. Tornando allo sposato che mi cerca, pensate che se io reagissi in maniera un po’ più “forte”, e la cosa si notasse, non finirei per subirne (anche) IO le conseguenze? Per fortuna frequento poche persone, ma con una mentalità un po’ diversa. Eppure ... periodicamente tornano alla carica anche loro! :) :) :) Poi ci stupiamo se le donne si rovinano la vita e si accapigliano pur di stare in coppia e “tenersi un uomo”.
      6
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 11:32)

      Ciao AnnaV, "chi non ti vuole non ti merita". Certo, e' spiacevole essere esclusi ma alla fine, se ci rifletti, gente che ragiona cosi non vale nemmeno la pena di essere frequentata. Se si rifanno vivi quando sarai di nuovo in coppia, ricordati di mandarli a quel paese. 😉
      -6
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 12:05)

      @Gea io uno che frequenta sta gente non lo prendo neanche in considerazione
      -5
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (8 Ottobre 2019 9:04)

      @AnnaV, dal commento al quale avevo risposto sembrava ti riferissi a delusioni che avevi subito da gente del tuo entourage che ti aveva messa da parte. Se cosi non e', tanto meglio. 😊
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (8 Ottobre 2019 18:11)

      @Gea: già durante il matrimonio avevo notato la mentalità e le abitudini dei locali ... e avevo smesso di frequentarli, a meno che non ci tenessero i miei figli, o per non farne degli esclusi a scuola (chiarisco che questa non è la mia città di origine). Infatti inizialmente ero intervenuta per dire che le pressioni a trovarsi un uomo mi fanno venire l'angoscia. Non ho detto che l'angoscia è causata da queste persone (o dalla loro cattiva qualità), ma che c'è una parte di me che è sensibile a questa pressione, da qualunque parte arrivi, direttamente o indirettamente. Per l'esattezza, una parte che è sensibile alla ferita dell'abbandono, e mi riferivo a quella dell'infanzia. Quindi in pratica da qualche parte, IN ME, risuona con una certa potenza l'idea che non valgo niente (o sono cattiva, o ho qualcosa che non va) perché "nessuno mi vuole bene", dove nessuno = i miei, in primis. La sfiga è vivere in un posto dove se sei single ti riattivano questa cosa, magari sostituendo "essere amata" con "avere un(o straccio d') uomo", e dando il colpo di grazia definitivo alla tua autostima :D Ovvio che poi torno al presente, e vedo benissimo che le persone che mi vogliono bene esistono ... Però questo schema è stato il trappolone della mia vita, e a volte, per brevi momenti, mi ci ritrovo ancora. Direi che "per brevi momenti" sia una gran conquista, tutto sommato ...
      -5
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 2 mesi fa (8 Ottobre 2019 23:02)

      AnnaV, ti mando un abbraccio forte forte forte ❤️
      0
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 mesi fa (9 Ottobre 2019 9:02)

      Ciao AnnaV, ti ringrazio per la tua testimonianza: ora mi e' tutto chiaro. Non sapevo vivessi in una citta' diversa da quella in cui sei nata e capisco il dover sopportare certe frequentazioni per amore dei figli in eta' scolare. Quando si e' mancato di affetto in famiglia (o l'affetto e' stato mal dato, o non dato abbastanza perche' i genitori ne davano di piu' ad un altro figlio), i rifiuti banali di oggi risvegliano le ferite profonde di ieri. Purtroppo le ferite ci sono state e si impara a vivere con le cicatrici; l'importante, come scrivi, e' che i momenti siano brevi, e nel proseguire sulla strada dell'amore di se' questi momenti diverranno sempre piu' brevi e rari. Buona giornata e un abbraccio! 😘
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Laura

      Laura 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 17:57)

      Scusate, ma che gente frequentate? Imparate la difficile arte del giardinaggio e la potatura dei rami secchi, si chiama selezione. Essere single, al giorno d'oggi, è uno stato di grazia! Senza nessuno che ti dica di andare quando vorresti fermarti o viceversa, di fermarti quando vorresti procedere. Ma guardatele, queste persone che vi dicono che da single non valete niente , e osservate l'espressione da frustrati che hanno... loro sì che non vedo più spensierati da anni. Io da single sono rinata, e gli amici che mi amano mi dicono che ora sono davvero me stessa. Certo, se un giorno incontrassi veramente un uomo che migliora la mia vita anziché peggiorarla, allora sì, potrei pensare di tornare a fare coppia, ma così no, con la fauna che c'è in giro poi... no, ci vorrebbe fegato per stare con i più.
      -8
      Rispondi a Laura Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 18:55)

      Brava Laura! Potati tutti, glissata educatamente e a volte ho lasciato perdere anche di spiegare.. Tempo perso. Sopporto giusto qualche mio parente anziano perché comprendo il divario di mentalità. Devo ammettere che il tornare single mi ha permesso di vedere tante persone e gruppi in una luce completamente diversa che prima non avevo avuto modo di sperimentare, le ho viste per ciò che sono. Di alcuni sono rimasta proprio a bocca aperta, veramente. Prendo atto e vado avanti, c é posto per tutti in questo modo 😊
      -7
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (7 Ottobre 2019 20:36)

      Potatura alzo zero!!
      -8
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

  9. Avatar di Carla

    Carla 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 12:01)

    Secondo me hai fatto bene ad incontrare questo uomo, siete usciti allo scoperto. Considera FB come una piazza di paese dove vedi uno che ti sembra simpatico, attraente etc. Ci esci un paio di volte e poi decidi (o decide lui) di continuare o no la conoscenza. Punto. Non farne dei problemi. Poteva andare bene o male. Io non ci vedo tutta questa tragedia o egoismo o menefreghismo. Chi non risica non rosica ;.)
    8
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

  10. Avatar di Lavinia

    Lavinia 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 8:03)

    Buongiorno a tutti. Carissima Ilaria, cortesemente chiedo la tua opinione in merito ad un fatto che descriverò brevemente. Qualche tempo fa, sono stata 'illusa' e pesantemente maltrattata da un uomo che, a mio parere, ha una maniera delinquenziale di approcciarsi all'altro sesso. Ora, lui ha una nuova frequentazione: spinta dall'empatia soccorritrice e - lo ammetto- dal desiderio di togliergli dalle mani il giocattolino nuovo, ho commesso l'errore di avvertire la ragazza che, però, lo vede -e continua a vederlo- come il principe azzurro - lei afferma: 'on me è sempre stato dolce, educatissimo, amorevole e gentile, forse con te si è comportato così perché non ti amava, io sono buddista e non do giudizi sulle persone!-. Cara Ilaria, mi chiedo: può un uomo che, con me, solo due mesi fa, si è comportato come una bestia, come un animale, essersi improvvisamente trasformato in un capolavoro di gentilezza e correttezza? Forse ha ragione la ragazza? Grazie!
    -14
    Rispondi a Lavinia Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 16:31)

      Ciao Lavinia, chiaramente è impossibile rispondere alla domanda perché con lei si comporti in maniera totalmente differente (????), posto che sia vero, ci sarà stato pur un momento che anche con te si è comportato bene...ma questa cosa che uno, o una per carità, si comporti male o da s*****o/a con un'altra persona perché non è innamorato/a non si può proprio sentire!!! Una persona va rispettata a prescindere e se tu pensi di poterti comportare da bifolco/a con qualcuno, questa cosa dice molto di te, altro che non sono innamorato! Ma che questa è una giustificazione??? Bah... Io credo che prima o poi, in qualche modo, il vero carattere di una persona del genere venga fuori...io non mi porrei domande sul perché lei sì e tu no! Questa cosa definisce lui, non te, non credi? :)
      -1
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 17:08)

      Ciao Lela, grande contributo grazie. Tenendo conto che o le parole valgono qualcosa o non valgono niente. Io NON sono innamorata, in senso stretto, della gran parte delle persone, cioè di quasi tutte tranne una. Quindi è naturale che tratti male tutti gli altri, giusto e così pure che tutti facciano lo stesso con tutti, giusto? Poi non saprei dire se è peggio pensare che lui tratti male una donna perché non ne è innamorato e tratti bene un'altra perché ne è innamorato.
      -1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 16:57)

      Premesso che quel che scrive Lela è del tutto condivisibile, e dovrebbe essere la base per capire chi abbiamo davanti, hai scritto tu stessa che lui ti ha prima illusa e poi maltrattata. Con lei si starà comportando come si è comportato con te all'inizio, immagino. Se qualcuno all'inizio ti avesse messo sull'avviso, gli avresti creduto?
      -4
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Lavinia

      Lavinia 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 18:03)

      Cara AnnaV., ho creduto di compiere l'azione giusta, avvertendola. Infatti, lui con me si è dapprima dimostrato sensibile, gentile e corretto, per poi comportarsi come una vera bestia (e mi scuso con gli animali che, poveretti, a volte invece sono migliori delle persone). La ragazza lo giustifica a spada tratta e dice 'alla mia età (!), non trovo più nessuno che sia migliore di lui'
      -8
      Rispondi a Lavinia Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 20:27)

      Non volevo dire che hai fatto male a tentare. Dico che agli inizi era talmente gentile e corretto che anche tu non avresti mai creduto ad una ex che te ne parlava male. E questo conferma che lui non è affatto diverso da come è stato con te, che è sempre lo stesso.
      -9
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (13 Ottobre 2019 14:35)

      Ciao Lavinia, alla tua domanda se è possibile un uomo che con te ha usato atteggiamenti inaccettabili - ma che tu evidentemente hai accettato tanto da rimanerne colpita e da conservarne il ricordo e da continuare a pensarci - essersi trasformato in un capolavoro di gentilezza e di correttezza, la mia risposta è "certamente sì". E' proprio degli uomini violenti e perversi saper indossare mille maschere diverse e soprattutto giocare con atteggiamenti fortemente seduttivi per far cadere la donna presa di mira ai loro piedi. Quindi non vi è nulla di cui stupirsi tantomeno del fascino che lui agisce su costei. Fascino al quale anche tu sei stata e sei ancora sensibile altrimenti non saremmo qui a parlarne. Confesso che il tuo atteggiamento di intrometterti nella storia di costoro è stato quanto meno inopportuno, per loro e per te. Ma va bene, nella vita si sbaglia. Detto questo vorrei portare lo scambio, anche alla luce dei commenti delle altre lettrici al riguardo, su una posizione ben più importante da considerare. Da quel che tu dici, attribuendoti io la massima fiducia e credibilità, la signora attualmente in coppia con costui ti avrebbe detto: "Con me è sempre stato dolce, educatissimo, amorevole e gentile, forse con te si è comportato così perché non ti amava, io sono buddista e non do giudizi sulle persone!" Care le mie ragazze, tutte voi che avete commentato, scusate, ma a me questa fanciulla sembra svitata e non poco. Si dichiara buddhista (e già qui qualche allarme dovrebbe sorgere e lo dico io che di filosofia buddhista mi interesso e mi appassiono, ma non servendomene al discount), dice di non dare per questo giudizi sulle persone (aiuto!!! Qui siamo fuori proprio) e poi dice che con lei questo è squisito perché la ama e con l'altra evidentemente no, perché non l'amava, alla faccia del suo simpatico buddhismo. Oh cielo! Ma costei sta messa male e tanto. La vostra attenzione non dovrebbe essere sul comportamento "strambo" di lui ma sul comportamento "allucinato" e "allucinante" di lei che spiega bene perché lui l'abbia scelta come preda e soprattutto dovrebbe mettere a tacere ogni dubbio sulla funzionalità di lui, di lei e della loro storia. Insomma, ancora una volta, osserviamo la realtà per quella che è e soprattutto quelli che sono i segnali davvero importanti. Qui siamo di fronte a quella che un tempo saremmo stati autorizzati a definire "follia". Tutto il resto è totalmente irrilevante.
      -6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Lela

      Lela 2 mesi fa (13 Ottobre 2019 18:56)

      Ilaria sono d'accordo con te al 2000%!!! La signora, buddista per di più, che trova come giustificazione al fatto che uno si sia comportato come una bestia (secondo il racconto di Lavinia) con un'altra persona che semplicemente "Non era innamorato"! Lavinia che la prende come accettabile e plausibile! Persone, ma devo dire con dispiacere, per la maggioranza donne di tutte le età, che commentano situazioni simili con la stessa identica frase!!! Io penso che un ragionamento simile stia alla base del nostro modo disfunzionale di approcciarci alle relazioni! Una persona si comporta da stronzo/a non perché È di fatto uno stronzo/a, ma perché non è innamorato/a tatone!!! Allora speriamo che TUTTE le persone che incontrerò nella vita s'innamorino di me, ma tutte eh, compreso il mio datore di lavoro e il pescivendolo all'angolo, altrimenti potranno impunemente comportarsi con me come più gli aggrada senza che io possa in alcun modo risentirmi, dispiacermi o lamentarmi! E certo, non sono innamorati, mica sono tenuti a rispettarmi!!! È chiaro che la mia è un'estremizzazione ma credo davvero che dobbiamo cominciare a pensare a quello che pensiamo :), scusate il giro di parole, a quello che crediamo, perché da quello dipende il nostro agire! E credo che questo sia uno dei pensieri più tossici da abbandonare il prima possibile! Via! Estirpare alla radice!!! Ilaria for President!!! 😉
      -8
      Rispondi a Lela Commenta l’articolo

  11. Avatar di Giusi

    Giusi 2 mesi fa (9 Ottobre 2019 22:40)

    Buonasera Ilaria Leggo sempre gli articoli che pubblica anche se commento poco, sento che ho molto da imparare nonostante la mia età (53 anni) e le esperienze fatte Fidanzata a 21 anni, sposata a 24. Quando ci si sposa così giovani si deve crescere insieme, ma gli interessi, i caratteri sono cambiati al punto da non riuscire più a stare insieme. Con molta paura di restare sola (22 anni con i genitori e 22 con mio marito)​ e un nodulo al seno che ho imputato allo stress coniugale, decido di affrontare la paura e separarmi. Mi sono sentita un'adolescente, non spensierata, ma ingenua, nei rapporti con gli uomini che mi sono capitati, pur non cercandoli...un serial puttaniere di facebook, un alcolizzato, un'altro alcolizzato...ora ho capito che i segnali iniziali mi mettevano in guardia (odore fastidioso, brividi di paura) ma non li ho capiti. Mi sono fermata, da quasi due anni non frequento uomini, gli amici, la famiglia e il lavoro sono la mia fortuna. Poi 15 gg fa un uomo della mia città mi inizia a scrivere su facebook, ci conosciamo di vista, è molto serio e educato nello scrivere e mi dico " è ora che ti dai una possibilità, magari nasce un'amicizia". Ci vediamo la domenica pomeriggio, passeggiata per la ns piccola cittadina, gelato, chiacchierate interessanti, abbiamo in comune un lavoro simile. Ci piacciamo, ma io dentro sento la diffidenza per il fatto che mi ha scritto su fb e rimango rigida e distaccata. Due gg dopo mi invita a cena e offre lui ( non è da sottovalutare!!). Due gg dopo passiamo pomeriggio e sera insieme a visitare una cittadina dell'Umbria e ci scappa un mezzo bacetto, molto timido in realtà, che ho imputato alla mia "distanza" emotiva. Ho cercato di essere affettuosa, ma dentro avevo il freno a mano tirato! Devo aver dato segnali contrastanti. Eppure quell'uomo è serio, interessante e interessato. Nei gg seguenti serata al cinema, pranzo insieme il gg dopo, ma si era creata una distanza fisica che nessuno dei due riusciva a togliere. Il gg dopo ancora mi chiede di vedermi per dirmi che non è scattato niente in lui verso di me, che mi vede coinvolta e quindi è meglio chiudere prima che io mi coinvolga di più. Questo comportamento mi ha confermato che avevo davanti un uomo di valore: non è sparito come fanno molti uomini, ma ha affrontato con garbo e non ha​ approfittato del mio coinvolgimento per farsi una sc....! Ora mi tormento per non essere riuscita a coinvolgerlo emotivamente, per non aver sfoderato armi di seduzione, per essermela​ " tirata" per paura. In realtà la cosa che più mi ha spaventa di me è che alla seconda uscita con lui ho pensato che un uomo bello, serio e benestante non poteva interessarsi a me! E sono certa che ho trasmesso questa mia disistima Non so perché le ho scritto Ilaria, forse voglio essere consolata o rimproverata, o entrambe le cose .. Giusi
    5
    Rispondi a Giusi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 12:03)

      Giusi, come fa dire che costui è "serio"? Che cosa vorrebbe dire "serio"? Secondo lei un uomo che chiede di vederla per dirle che non è interessato è un uomo di "valore"? Se proprio devo dire la mia opinione, mi scusi e abbia pazienza, si tratta dell'ennesimo gaglioffo con poca vitalità sessuale (ce ne sono parecchi, mi creda) che ha giocato con lei sadicamente. Altroché "serietà" e "coinvolgimento"-- Si chiamano superficialità, egoismo, incapacità di affettività e incapacità alla sessualità.
      -15
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giusi

      Giusi 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 15:06)

      cosa del mio racconto fa dedurre che l'uomo in questione ha problemi sentimentali e sessuali?
      3
      Rispondi a Giusi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 15:24)

      Il fatto che abbia giocato con lei, facendosi avanti e tirandosi indietro, sminuendola. Usando la timidezza apparente di un adolescente malcresciuto e il sadismo di un uomo immaturo e irrisolto. Perché le persone che non hanno problemi lasciano gli altri in pace e non si divertono a usarli come giocattoli.
      -17
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giusi

      Giusi 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 17:46)

      Ma per capire se ci si piace, se c'è attrazione, da entrambe le parti, non è logico frequentarsi? avrei anche potuto dire io dopo 15 gg "guarda, è inutile che continuiamo a vederci, perché non sento attrazione per te" A me piaceva tanto, ci sono rimasta molto male, ma ho accettato il fatto che, approfondendo la conoscenza, non gli sia piaciuta. Il mio rammarico è che la paura causata dalle precedenti storiacce non mi ha permesso di essere me stessa, di farmi conoscere per quella che sono veramente. Proprio come spiega bene sull'articolo
      5
      Rispondi a Giusi Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 9:54)

      Non so, ma nel primo commento tu racconti di una certa freddezza da parte suo a livello fisico, e la imputi al tuo comportamento. Come minimo, non puoi saperlo. E poi, appunto perché è normale frequentarsi, eventualmente sarebbe anche normale non saltare addosso a nessuno. Ora, il fatto che lui non ti abbia fatto sentire particolarmente desiderata, e che ti senti anche in colpa, fa pensare alle classiche manovre di questi soggetti, dove da una parte corteggiano e fanno complimenti, dall'altra sono distaccati ("gentili") e freddi, se pure non mandano segnali espliciti in contrasto con le loro parole. In quanto all'essere gentile ed educato ... viene subito in mente la canzone "Renato" di Mina ("mi porti al cinema e guardi il film").
      -11
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 11:11)

      GIUSI UN PASSO ALLA VOLTA. Secondo me ci vuole un pò, non colpevolizzarti, ( lo hai sicuramente sopravvalutato . Te lo dice una che ci ha impiegato 7 anni per riprendersi autostima e crescere, uscire dal bisogno ( idealizzavo chiunque mi capitasse e vedevo ciò che non c'era per la voglia di vederlo ) . Dico la verità senza Ilaria non sarei a questo punto. Ora mi sento molto piu' sicura di me, e ogni giorno coltivo la mia autostima come una pianta che amo, mi coccolo e so che esiste chi mi apprezza ma tanto per come sono . Il mio ultimo fidanzato mi criticava in ogni cosa e pii mi diceva che ero la donna perfetta al 98%!!! sai cosa ho fatto? dopo un anno e mezzzo di arrovellamento (necessario forse per conoscermi meglio ) l'ho mollato e gli ho detto : voglio uno che ,mi apprezzi al 100%!!!! e non sei tu. Lui mi ha risposto: non esiste la perfezione e gli ho ribattuto: lasciami il diritto e la liberta di cercarla!!!!! Ole'
      -12
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 21:10)

      Pamela..per farti 4 risate: hai mai visto i filmati di Maccio Capatonda nel pezzo che fa ti amo al 40%?? A me fa sganasciare dalle risate e..quanta verità! Fai un salto a ridere anche tu ;) Un abbraccio
      0
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 22:04)

      Quando lei gli regala la forchetta e gli manda un bacio... Da morire dal ridere!
      0
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 2 mesi fa (12 Ottobre 2019 22:48)

      XD
      0
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 2 mesi fa (14 Ottobre 2019 13:22)

      esatto Ally!!!
      0
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 16:58)

      Grande Ilaria ( anche io Giusi ci sono arrivata col tempo e con le esperienze sbagliate : molto spesso gli uomini conosciuti su Fb, come te ne conoscono e frequentano altre 100!!!! ). Lui ti ha fatta sentire così, tu non sei da sminuire, direi che la tua " pancia " ti aveva avvertita ecco perchè non eri a tuo agio e disinvolta . Scusate se mi sono intromessa ma non ho resistito. Un abbraccio Giusi : sei meravigliosa così
      -8
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (10 Ottobre 2019 23:31)

      Questo spazio è fatto proprio per intromettersi.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Giusi

      Giusi 2 mesi fa (11 Ottobre 2019 9:39)

      Hai ragione Pamela, grazie!
      0
      Rispondi a Giusi Commenta l’articolo

    • Avatar di Elettra

      Elettra 2 mesi fa (12 Ottobre 2019 2:28)

      Ciao Giusi, io non penso che abbia giocato con te, hai detto pure che: non avete fatto nulla in intimità, quindi deduco non ti abbia usata. Penso solo che non gli sei piaciuta e non rimproverarti, capita. Ma non sono d'accordo con Ilaria perché mettendomi nei panni di quest'uomo, anch'io avrei bisogno di giorni(certo non troppo tempo) per conoscere qualcuno e poi, potrebbe anche non andare, ma non significa che abbia giocato con lui.
      15
      Rispondi a Elettra Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 2 mesi fa (14 Ottobre 2019 13:23)

      e di cosa Giusi, siamo qui tutte a tenerci per mano e chi prima chi dopo arriverà alla propria felicità sentimentale e con Ilaria magaria trovare la PERSONA GIUSTA
      0
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

  12. Avatar di Maria

    Maria 1 mese fa (1 Novembre 2019 21:34)

    Molto utile e interessante questo articolo, grazie! Mi fa venire in mente una situazione che si è verificata proprio in questi giorni e sulla quale mi piacerebbe avere un tuo parere Ilaria: avevo cominciato a risentire (su Messenger) un uomo che diversi anni fa si era mostrato interessato a me (allora ero fidanzata)e che ha cominciato di nuovo, lui per primo, a contattarmi. A me sarebbe piaciuto conoscerlo meglio per capire chi era veramente perché non mi piacciono molto gli scambi virtuali, e quando quest'estate ci siamo detti che avremmo potuto rivederci per andare al mare insieme (vivo in un paese sulla costa) dopo essersi mostrato molto contento della cosa e detto che ci saremmo organizzati non si è più fatto vivo, e io nemmeno.Dopo tre mesi, circa, ritorna a scrivermi su Messenger, con lo stesso tono accondiscendente e cerca di intavolare discorso come faceva prima, mettendomi via chat immagini e argomenti che sa che mi piacciono. Quello che mi chiedo è: che senso ha un comportamento così? A me sembra soltanto inconcludenza mista a non reale interesse. Ma che senso ha allora sentirsi in un modo così noioso? Ti ringrazio
    -3
    Rispondi a Maria Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (3 Novembre 2019 17:26)

      Ciao Maria, dici giusto, è inconcludenza mista a mancanza reale di interesse. E' un passatempo. C'è chi gioca ai videogiochi, ai solitari o ai giochini del cellulare e chi fa anche questo. Gli dà l'idea di sentirsi importante e al centro del mondo, con poca fatica, poco sforzo, poco coinvolgimento.
      -8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 1 mese fa (4 Novembre 2019 13:06)

      Grazie dei tuoi consigli e delle tue risposte Ilaria, sono sempre utili. Buona giornata!
      -1
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

  13. Avatar di Fabio

    Fabio 4 settimane fa (10 Novembre 2019 8:45)

    Buongiorno Tendenzialmente do fiducia a tutti, però in misura proporzionale alla conoscenza di chi ho davanti. Con uno sconosciuto la fiducia è salutarlo, consentire uno scambio di parole per poter capire chi ho di fronte e poi eventualmente approfondire un po', in questo caso ognuno resta nei propri "spazi vitali" senza avvicinarsi troppo. I conoscenti, qui le persone si conoscono di più e ad alcune si può aumentare la fiducia, gli amici sono ancora più degni di fiducia e via di seguito, perciò, a mio modo di fare, bisogna misurare ciò che si offre in base a chi si ha di fronte e comunque dare sempre un po' di più all'altro. Se poi per un qualsiasi fatto perdi la fiducia in una persona, non la puoi riaggiustare, la fiducia è una e non accetta altre occasioni, diverso è il mondo dei bambini dove si devono dare più e più volte occasioni per imparare, ma negli adulti no, se ho perso la fiducia in una persona sarei stupido a pensare che un adulto/a possa avermi ingannato senza accorgersene, un adulto ciò che fa' lo esegue coscientemente, sa cosa comporta, deve solo vergognarsi e sparire dalla mia vita.
    0
    Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

  14. Avatar di Emilia

    Emilia 2 mesi fa (6 Ottobre 2019 16:20)

    Il punto 5 mi ha fatto ridere... :D La tua ironia Ilaria è una delle cose che amo di più! La fiducia negli altri è un tasto dolente per me, ma forse devo imparare a fidarmi meno degli stronzi (uomini e donne) e più delle persone affidabili. Il punto è che io la fiducia la do, ma alle persone sbagliate evidentemente. Ciao a tutti/e!
    0
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di M.

      M. 1 settimana fa (29 Novembre 2019 1:57)

      Salve Ilaria,ho letto qst articolo dopo essermi fatta x la milionesima volta la stessa domanda:ma perché a me l'amore è stato negato? X molto tempo non ho avuto fiducia in me, nel mondo, in nulla! Sono stata vittima di un amore malato e violento, d un padre brutale e d una vita passata in solitaria. Ma ho 31 anni e ce l'ho fatta: O fatto pace con la vita e col passato, ho amici, lavoro, aspettative ed interessi, credo nella vita e nel futuro, mi amo e vorrei provare la sensazione più bella che c'è, un amore sano e vero ma mi sembra che x me non c sia! Gli uomini non mi corteggiano e nessuno sembra voler bussare alla mia porta, mi guardo intorno e non vedo nessuno interessante all'orizzonte. Devo rassegnarmi?
      3
      Rispondi a M. Commenta l’articolo