Perché ti innamori sempre dell’uomo sbagliato?

Come evitare l'uomo sbagliatoAlcune donne scelgono sempre il tipo di uomo sbagliato. Cioè, non stanno con uomo sbagliato una volta sola, ma, pur cambiando partner, si rimettono sempre più o meno con lo stesso tipo di uomo (sbagliato). E la ragione numero uno per la quale molte donne non hanno storie d’amore soddisfacenti non è che non sono affascinanti e seducenti, è che scelgono sempre e solo l’uomo sbagliato.

Come si spiega questo fenomeno? In genere, le donne che passano da un uomo sbagliato all’altro sono  accecate dal proprio bisogno d’amore, tanto da non accorgersi che è proprio solo la scelta del partner a essere sbagliata, non il resto della relazione.

Tendono ad analizzare in modo maniacale la relazione in ogni dettaglio e sono costantemente a caccia dei propri errori, colpevolizzandosi e sminuendo se stesse.

Al contrario e purtroppo non mettono in discussione l’unica cosa che è utile mettere in discussione: il fatto che cercano di continuo l’uomo sbagliato e non riescono a “vedere”, proprio in senso letterale, l’uomo giusto.

Per questo mi permetto di usare il termine “cecità sentimentale”.

Non sono le circostanze o la sfortuna a spingere una donna sempre tra le braccia dell’uomo sbagliato, ma una serie di atteggiamenti mentali e di comportamenti che la portano fuori strada e che le fanno prendere “fischi per fiaschi”.

Che cosa succede allora nel caso delle relazioni seriali con uomini sbagliati?

Succede che ogni volta che una donna conosce un uomo che le interessa, entra in confusione e non solo non si accorge di avere a che fare con l’uomo sbagliato, ma non si rende nemmeno conto che l’uomo sbagliato con cui sta vivendo la sua storia attuale di fatto ha le stesse caratteristiche dell’uomo sbagliato con il quale ha chiuso una brutta storia precedente.

In sintesi: una donna che ha una vasta collezione di uomini sbagliati non è in grado di riconoscere i segnali che mostrano che quello con cui sta non è l’uomo giusto.

Ci sono una serie di motivi che ti spingono verso la relazione con un uomo sbagliato, e sono motivi dei quali probabilmente finora non sei stata consapevole. Ma tranquilla, è una consapevolezza che puoi acquisire con la giusta preparazione in modo da evitare – d’ora in avanti – altre storie con uomini sbagliati.

Perché le storie con uomini sbagliati ti logorano e alla lunga ti fanno perdere entusiasmo per la vita oltre che potere seduttivo.

Di seguito alcuni fattori importanti da considerare se vuoi smetterla di “scontrarti” sempre e solo con il tipo d’uomo sbagliato.

Uomo sbagliato: le 7 ragioni per cui ti attrae

1) Prima di tutto c’è la mancanza di una salda autostima e di un buon rapporto con te stessa (chiamiamola anche capacità di amare te stessa). Questa la sapevi già, vero? Una buona autostima è e rimane la base di una vita di relazione serena e di un’esistenza (in senso lato) felice. E sai perché la mancanza di autostima ti spinge verso  l’uomo sbagliato? Perché ti rende bisognosa e dipendente, ti fa credere che tu hai bisogno di qualcun altro per stare bene. Se hai questa convinzione, non stai a guardare i particolari, non rifletti, non soppesi i pro e i contro: vieni attratta da qualcuno e ti fai trasportare dalle emozioni, mettendo da parte la razionalità. La razionalità e la logica invece ti aiuterebbero a cogliere i segnali negativi. Purtroppo in certi momenti non riesci ad attivare queste due preziose risorse.

2) Al secondo punto c’è la convinzione che con l’impegno, con l’amore e con la dedizione (e forse anche con la devozione) puoi cambiare un uomo, trasformandolo nel partner perfetto. Tu sei tra coloro che credono che l’amore può tutto e che con l’amore si supera ogni ostacolo? Questa è una favola bella e buona. Non esistono medicine e sentimenti che cambiano un uomo sbagliato. Così come non è possibile costruire una casa sull’acqua. E’ la base che manca, non ci sono le fondamenta. L’illusione che un uomo sbagliato prima o poi si trasformi nell’uomo giusto porta solo dolore e fa stare per troppo tempo in relazioni disatrose, precarie, che impoveriscono corpo e anima.

Esistono delle regole da seguire per avere una vita fortunata e felice? Molto rapida e sintetica, la guida gratuita che rivela ciò che conta per avere una relazione che ti fa stare bene.

3) In terzo luogo c’è l’abitudine di ignorare i dati di fatto e fare supposizioni fantasiose, spesso autopunitive: molte donne, non appena un uomo comincia a maltrattarle (in vari modi e in varie forme) si mettono a pensare di aver sbagliato qualcosa, di essere sbagliate e di doversi correggere. Invece stanno semplicemente con l’uomo sbagliato: è lui che non va, è lui che ha comportamenti sbagliati. Anzi, ha comportamenti inaccettabili.

4) Al quarto punto possiamo considerare la tendenza a farsi incantare soprattutto dall’esteriorità. Molte donne, in assoluta buona fede, sono affascinate da quanto appare all’esterno: l’aspetto fisico di un uomo, la sua professione, i beni materiali che può concedersi e che magari condivide con lei. In realtà, per valutare una relazione ci vuole il tempo sufficiente per non innamorarsi dell’apparenza, di ciò che c’è in superficie, ma anche per valutare che cosa c’è nel profondo di una persona. Anche in questo caso è indispensabile usare la razionalità e prendere lucidamente e freddamente in considerazione altri aspetti ben più importanti che fanno la differenza tra l’uomo sbagliato e l’uomo giusto: il carattere, il desiderio di prendersi cura di una persona, la capacità di amare. E ancora: la voglia di costruire qualcosa a lungo termine, anche a costo di mettersi in discussione e di modificare alcuni comportamenti.

5) In quinta posizione troviamo un atteggiamento diffuso tra molte donne, cioè quello di farsi colpire da manifestazioni che sembrano essere “positive”, ma che in realtà non contano nulla: molti uomini sbagliati, all’inizio della relazione, sono particolarmente gentili, romantici ed educati. Fanno piccoli doni e usano parole piene di sentimentalismi. Poi un giorno, di colpo, si trasformano in mostri… La verità è che sono sempre stati dei mostri, ma molto capaci di fingere e di mentire.

6) In sesta posizione un altro atteggiamento molto femminile: essere attratte da tipi molto “spiritosi”, allegroni, davvero “troppo” simpatici: dietro tanti sorrisi e tanta capacità di intrattenimento molto spesso si nasconde una personalità superficiale e inaffidabile.

7) Un settimo atteggiamento “rischioso” è confondere il bisogno di controllo con l’amore. Molti uomini sbagliati a un certo punto della relazione cominciano a fare alla loro partner domande del tipo “Dove sei stata? Che cosa hai fatto?”. Ci sono donne che interpretano questo genere di domande come dimostrazioni di interesse e di affetto: in realtà si tratta di volontà di controllo, che nulla ha a che fare con l’amore.

Lo stesso vale per gli atteggiamenti da “paparino”. Cioè quando lui dice: “Dovresti fare in questo modo e non in quell’altro…”

Non si sta occupando di te, vuole solo controllarti, magari sminuendoti. Perché di fatto ti sta rimproverando di non essere come dice lui. E ti sta facendo intendere che lui sa come tu devi comportarti, mentre tu non lo sai.

Come fai a smettere di stare con gli uomini sbagliati?

Ecco allora, tre passi che ti permettono di spezzare la catena delle storie con uomini sbagliati:

A)  Rifletti con serietà e con metodo sulle tue ultime storie che non hanno funzionato e smettila di colpevolizzarti. Tieni conto invece di quali sono i fattori comuni a tutte queste storie. In particolare soffermati a pensare: a un certo punto della relazione hai permesso che lui esagerasse nei tuoi confronti usando della violenza, anche solo a parole? Gli hai permesso di rimproverarti, di dirti che qualcosa non andava in te o nei tuoi atteggiamenti?

B)  Definisci con chiarezza che cosa vuoi per te dalla vita. Stabilisci anche che cosa ti serve per ottenerlo. (La risposta: “Un uomo che mi ami” non vale, dato che è la “domanda diabolica”, quella che avvia la catena negativa)

C)  Comprendi bene quello che pensi di te stessa, qual è l’immagine che hai di te di fronte ai tuoi occhi: se non ti piaci, è da lì che devi partire.

Ricordati che ci sono un sacco di uomini di valore intorno a te, tutto sta nel riconoscerli senza farsi ingannare dagli altri. Tu hai le risorse per trovare e per stare con l’uomo giusto per te. Usale.

Un favore: metti il tuo “mi piace” sulla pagina Facebook  de La Persona Giusta per Te, https://www.facebook.com/lapersonagiustaperte. Grazie! :)

Lascia un Commento!

117 Commenti

  1. Avatar di Bellamy

    Bellamy 11 anni fa (15 Luglio 2013 17:51)

    continua Caratteristiche che dalla notte dei tempi attraggono le femmine in cerca di un maschio che le guidi e le protegga, mentre spesso e volentieri trovano solo un buffone con la ruota da pavone aperta, che al momento opportuno, e dopo aver attinto ampiamente alle loro grazie, le scaricano senza problemi o ne ignorano le aspettative come è successo a Dani. Quasi sempre quel tipo di uomo che ostenta queste doti le sta millantando, ma altrettanto spesso riesce ad incontrare una ingenua che crede siano vere, ricascandoci regolarmente come cita giustamente Dani che si incolpa di continuare a sbagliare. Segue
    Rispondi a Bellamy Commenta l’articolo

  2. Avatar di Bellamy

    Bellamy 11 anni fa (15 Luglio 2013 17:52)

    continua Sono sicuro che la stessa, se rivedesse le ragioni che l'hanno attratta da quei bellimbusti, ritoverebbe almeno i 6 punti di cui parla Ilaria,e forse anche il settimo. Perchè arrivano anche a farsi maltrattare come bambine pur di restare nell'interesse di questi individui. Care ragazza, vi lamentate degli stronzi, ma ne siete affascinati per motivi che neppure voi conoscete. Vi lamentate di come vi hanno trattato, ma quei caratteri che oggi vi fanno soffrire, ieri, nella fase "rosa" della relazione con quegli uomini, erano proprio quelli che ve li facevano piacere. Segue
    Rispondi a Bellamy Commenta l’articolo

  3. Avatar di Bellamy

    Bellamy 11 anni fa (15 Luglio 2013 17:53)

    Continua Invece di usare l'istinto primordiale (che oggi non serve più) per scegliere il maschio, cercate tra quegli uomini meno appariscenti, meno "protagonisti", meno piacioni e che non vi lusingano con la recita del corteggiamento, che sapete anche voi essere una finzione per entrambi, ma che tanto vi piace, anche se è una commedia dove si cerca di dare l'immagine di sè che l'altro si aspetta. Siete vittime dei vostri sentimentalismi, che chissà perchè sprecate quasi sempre con fanfaroni che dicono di amarvi, ma poi vi vogliono solo portare a letto, e ci riescono, facendovi pure innamorare! Care donne, gli stronzi non si estingueranno mai perchè siete voi che li allevate, sin da piccoli.
    Rispondi a Bellamy Commenta l’articolo

  4. Avatar di Flo

    Flo 11 anni fa (1 Agosto 2013 8:53)

    Mi chiedo.. Ma questi ( uomini) dopo che la loro o la nostra separazione , soffrono? Cos hanno in testa? Nn ci pensano al male che hanno fatto a noi?! Ma hanno un anima? Solo noi donne siamo le vittime.. Vorrei proprio essere come loro per almeno un po' e vedere se potrei fare soffrire anche a loro di quanto soffriamo noi .. Noi siamo fragili ma mannaggia alla miseria basta basta farci trattare cosi' ...
    Rispondi a Flo Commenta l’articolo

  5. Avatar di morosita

    morosita 11 anni fa (9 Settembre 2013 20:53)

    Ciao Donne gli uomini non cambiano maiiii!Nè siamo noi le sbagliate!!Il problema è che quasi sempre non riusciamo a metterci in testa che quello non è adatto a noi,non ci stanno santi che lo facciano cambiare,punto!Dobbiamo pensare solo a noi stesse,senza egoismi certo,però impariamo che quando non ci sono i presupposti per una relazione solida ed appagante,meglio lasciar perdere.Al partener come anche a noi stesse,dobbiamo e possiamo solo chiedere di smussare qualche difetto per stare meeglio in coppia.Stop! Ed ora ve ne racconto una,anni fà mi frequentai con un tipo..e che tipo..!Allora si andava fuori a mangiare mi diceva dove sedermi,poi siccome era fisato per le palestra voleva che mi segnassi e fossi più magra.Su ogni cosa aveva da dirmi sempre tutto,ed io dopo 2 mesi sapete che gli dissi: a bello tu con questi atteggiamenti altro che padre mi sembri mio nonno!Una pesantezza.Poi con questo ci sono rimasta amica,ogni tantco ci si vedeva da amici proprio.Un bel giorno mi invita a casa sua nuova per farmela vedere,che cosa poteva fare?
    Rispondi a morosita Commenta l’articolo

  6. Avatar di morosita

    morosita 11 anni fa (9 Settembre 2013 20:56)

    Ci provò insitentemente..io lo respinsi perchè non avevo più attrazione,vabbè lo richiami all'ordine e finì lì.Dopo 2 mesi circa viene presso la mia agenzia,perchè cerca casa.Mi dico ma come.. è da 2 mesi che ha fittato una nuova,come mai?Ebbene il soggetto cercava perchè si sposava e l'altra era piccola.Io ancora non ci credo perchè non mi aveva mai menzionato di avere una relazione seria.Comunque ci rimasi delusa ma come amicizia e mi chiesi:quale povera anima si è innamorato di costui?C'è da dire che lui non sapeva che io avessi cambiato agenzia,quindi che lavoravo lì dove venne.La cosa che mi ha amareggiato è stato che non ha avuto manco le palle di dirmi: mi sposo,mi puoi aiutare a cercare qualcosa di buono ad esempio..no,nulla!Io credevo che andasse a convivere,perche nell'agenda appuntamenti c'èrano anche i dati di lei.Insomma non avrei mai immaginato che facesse tale passo,infatti che si è sposato l'ho scoperto tramite FB.Ragazze vi giuro mi sembrava surreale,assurdo,cioè 2 mesi prima mi sbavi adosso e non mi dici tale cosa ,cosi bella.Cioè no dai.. raga non c'è più religione!
    Rispondi a morosita Commenta l’articolo

  7. Avatar di morosita

    morosita 11 anni fa (9 Settembre 2013 20:56)

    Per non dire che dopo un anno preciso,cioè a giugno scorso,mi contatta tramite mail(dicendo:che mi racconti di bello?Azzz io!)voleva un pò di sostegno e consigli,perchè aveva problemi con la moglie.Io non sapevo se ucciderlo o suicidarmi io.Tu hai problemi con tua moglie e vieni a piangere da me,quando non mi hai manco detto che t sposavi,e tra noi c'era comunque 1'amicizia,se pur sporadica.Sapete cosa gli ho risposto:vali meno di zero,un bel vaff...ed io non faccio ne la psicologa,ne la santa e le persone a cacchi loro non le mando giù!Ora lui si è dileguato,menomale!Però che soddisfazione che mi abbia cercato,come a dire lo sapevo.. come sei tu e come vuoi far andare un matrimonio avanti?Inoltre anche per avergli fatto una bella cantata a cacca:)) Aspettiamoci di tutto,madòòòò!! Saluti
    Rispondi a morosita Commenta l’articolo

  8. Avatar di paolo

    paolo 10 anni fa (14 Gennaio 2014 16:47)

    Flavia chi scrive è un uomo che crede senza peccare d'immodestia di essere l'uomo giusto.Oltre 30 anni di matrimonio mai un tradimento e mai un momento d'indecisione nelle mie scelte e nemmeno da parte di mia moglie eppure ne ho/abbiamo passate di disavvenuture. Trovo il tuo articolo estremamente saggio e soprattutto combaciante con quello che penso io su tali argomenti. L'uomo giusto se mi permetti è generalmente l'uomo buono che pensa sempre in bene. Purtroppo le mode portano molte donne ad innamorarsi del macho a tutti i costi dai muscoli scolpiti e dall'atteggiamento spregiudicato, in sostanza un uomo costruito dalle mode e non dal proprio pensiero. Comunque mi trovi perfettamente d'accordo con te... e sicuramente te se la donna giusta per uomini giusti. Un caro saluto Paolo
    Rispondi a paolo Commenta l’articolo

  9. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (14 Gennaio 2014 16:57)

    Ok, tu sei l'uomo giusto e sei d'accordo con me. La prossima volta non ti sbagliare il mio nome. Mi chiamo Ilaria.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  10. Avatar di Monica

    Monica 10 anni fa (17 Gennaio 2014 0:44)

    Ciao a tutti.....il tuo articolo Ilaria è davvero interessante, la tua disamina è illuminante, anche a me sono capitati uomini sbagliati ed ammetto che i segnali si possono sentire anche se in lontananza, bisogna mettersi in ascolto con calma x comprendere che chi ci sta davanti è solo un millatantore. L'ultima storia risale all'anno scorso durata poco + di 2 mesi e chiusa anche grazie al mio fiuto. Nonostante mi fossi innamorata del soggetto, ho capito di essermi imbattuta in un buffone che giocava a fare l'innamorato, si riempiva la bocca di belle parole, era dolce e gentile, x San Valentino mi aveva regalato una chiave che simbolicamente era la chiave del suo cuore che lui diceva "io possedevo", mi portava a feste frequentate da gente perbene, insomma un uomo tutto fumo e niente arrosto, dico io. Nonostante abbia sofferto molto, ho scritto una lettera al tipo, dove gli facevo presente il mio valore e gli dicevo di dirmi se fosse lo stronzo di turno......sottolineando che la sottoscritta non si sarebbe accontentata di regalini, cenette e paroline dolci (soplo briciole) ma avrebbe puntato ad una storia che la rendesse serena e le riconoscesse il suo giusto valore...che non mi sarei accontentata di nulla di meno ma che desideravo una storia che mi regalasse un coinvolgimento profondo e che non m'interessava le cenette, i regalini e via discorrendo. Morale della favola: si è dileguaato, ha capito che non c'era "trippa x gatti", si è reso conto che la donna che inizialmente appariva ingenua, aveva capito che il soggetto che stava frequentando era il classico pagliaccio da lasciare perdere. Monica
    Rispondi a Monica Commenta l’articolo

  11. Avatar di fabiola

    fabiola 10 anni fa (24 Gennaio 2014 17:54)

    Fabiola Ciao Ilaria colgo l'occasione per rigraziarti per il lavoro che fai,ho giaà acquistato il percorso dei 7 pilastri e scaricato la guida gratuita, mi stò documentado con altri libri , ed effettivamente credo di avere fatto un pò di marmellata , forse è meglio se rallento un pò. La mia foga in questo sudio viene da una domanda, " ome è potuto succedere di nuovo?" Alla mia prima separzione da una relazione lunga , ho fatto un percorso di studio per capire meglio me stessa e cosa era successo, e ne ho avuto dei gran giovamenti. La mia ultima relazione arrivata in momneto di estrema serenità dalla quale forse per intuito o per paura ne sono uscita molto in fretta Oggi mi chiedo tutti questi esempi di maschi sbagliati di cui parli e ceh milti dei quali ho incontrato,forse anche loro per diseducazione all'amore fanno del male a noi e a loro stessi, (non credo siano esseri umani felici), Sarà che anche tra questi uomini ci sia qualcuno che vale e che forse con tanta maturità da parte di entrambi si possa trovare un equilibrio. Spero che questo percorso finalmente mi porti ad essereuna donna grande. Cari saluti
    Rispondi a fabiola Commenta l’articolo

  12. Avatar di fabiola

    fabiola 10 anni fa (25 Gennaio 2014 14:31)

    Fabiola mi scuso per gli errori di battitura ma ho il portatile nuovo e ancora ho problemi a utilizzarlo correttamente
    Rispondi a fabiola Commenta l’articolo

  13. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (25 Gennaio 2014 13:46)

    Fabiola, ho letto. Ne parleremo.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  14. Avatar di Blumare

    Blumare 10 anni fa (26 Giugno 2014 16:30)

    "Ricordati che ci sono un sacco di uomini di valore intorno a te, tutto sta nel riconoscerli senza farsi ingannare dagli altri. Tu hai le risorse per trovare e per stare con l’uomo giusto per te. Usale." :)
    Rispondi a Blumare Commenta l’articolo

  15. Avatar di Unloso

    Unloso 10 anni fa (27 Giugno 2014 8:54)

    definire uomo sbagliato è considerare che esistono tipi ok e tipi non pk. Riduttivo, limitato e direi estremamente puerile, da bimba viziatella. Ognuno di noi, maschi e femmine può essere ok o può non esserlo dipende da incastri caratteriali e dalla volontà di ciascuno oltre da una capacità di amare senza aspettarsi niente. Tieni a mente che tutti possono cambiare in bene o in male che nessuno nelle sue caratteristiche è statico in quanto viviamo, ci muoviamo e facciamo esperienze che vengono elaborate e che ci condizionano poi per il proseguo della vita. Non ultima c'è l'età da giovani ci aspettiamo e cerchiamo determinate cose con l'età ne cerchiamo poi altre. Trovo poi esteremamente, passami il concetto, stupido definire che quelli sbagliati sono di solito simpatici, affascinanti, ecc. ecc. non puoi settorizzare un modo di essere. Ricorda che ognuno di noi muovendosi in ambienti diversi si comporta in modo diverso. Vi lascio con una bellissima frase di Dante Alighieri: "Amor non è amore se muta quando scopre mutamento" Quando conoscerai il lato peggiore del tuo patner e lo accetterai senza condizioni allora saprai che stai amando.
    Rispondi a Unloso Commenta l’articolo

  16. Avatar di ange

    ange 10 anni fa (3 Settembre 2014 17:55)

    analizzando le tipologie descritte nell'articolo, senza cadere nelle solite definizioni precostituite, da una parte troviamo una persona con una scarsa capacita, o nulla di empatizzare, o addirittura, ha imparato ad evitare di empatizzare, e dall'alltro lato una persona che fa dell'empatizzare un culto della propria vita. il problema una scarsa capacita di amare se stessi. entrambi hanno bisogno di qualcun'altro. il primo a bisogno di qualcuno che rifletta la propria immagine di bellezza ecc. nel momento che questa immagine si deteriora, iniziano a denigrare lo specchio e lo rimpiazzano con un altro. nel secondo caso, chi eccede nell'empatizzare , a bisogno dell'altro per valorizzare il proprio ego attraverso i desideri e bisogni dell'altro, poiche non connesso con i propro bisogni, i propri desideri, queste persono non hanno interessi propri, non danno la stessa importanza. l'altro è al primo posto rispetto a se stessi. questo sin tanto non incontrano un narcisista, ci sbattono le corna. ed imparano cosi che anche loro hanno delle priorità sino adesso trascurate.
    Rispondi a ange Commenta l’articolo

  17. Avatar di Mario

    Mario 10 anni fa (4 Settembre 2014 12:46)

    Grande Ilaria altro articolo interessantissimo :D da ragazzo nella mia piccola esperienza sentimentale ti posso anche aggiungere che mi è capitato di frequentare ragazze che vanno dietro per anni addirittura anche allo stesso "uomo sbagliato" (solitamente o un ex ragazzo ma anche uno piaciuto e basta e che le ha emozionate x non si sa quale motivo nel passato) e non per forza diversi "uomini sbagliati" ;) ovviamente alla fine non ci ho costruito nulla con loro nemmeno un impegno sentimentale...paradossalmente sono state anche loro per prime a "scaricarmi" perchè non corrispondevo alle loro aspettative ahahahahah...ad oggi dico che mi hanno fatto un regalo: oltre alle esperienze e agli errori da cui ho deciso di imparare sarei stato solo una compensazione... e poi da quando ho deciso finalmente di amare me stesso mi percepisco come ragazzo di valore...alla distanza non mi sento più manco attratto da una ragazza con una scarsa autostima ;) se posso aiutare gratis una ragazza ad amarsi va bene...ma se lei per prima non vuole il mio aiuto ogni scelta va rispettata :D un abbraccio :)
    Rispondi a Mario Commenta l’articolo

  18. Avatar di Mario

    Mario 10 anni fa (5 Settembre 2014 12:02)

    P.s.: tra gli errori da cui ho deciso di imparare c' era pure quello dove anch'io avevo per primo delle aspettative esagerate che fossero la "donna della mia vita" senza di fatto conoscerle a fondo per una bella e lunga frequentazione (non troppo). E soprattutto facendomi prendere dall' "emozione della novità" senza capire e valutare se avessero dei "conti in sospeso con il passato"...quindi ero: 1) io per primo a sbagliare e 2) quindi per la legge dell'attrazione dove il "simile attrae il simile" attraevo anch' io a mia volta ragazze con aspettative ;)
    Rispondi a Mario Commenta l’articolo

  19. Avatar di angymandr

    angymandr 10 anni fa (22 Novembre 2014 0:02)

    Ho qualche dubbio sul punto 5, se lui è carino attento ecc ecc. Mi chiedo allora di chi fidarsi Scusa Ilaria, l`articolo é interessante e davvero da quando seguo il tuo blog mi sento più forte e consapevole Ti ringrazio di cuore
    Rispondi a angymandr Commenta l’articolo

  20. Avatar di Fabiola

    Fabiola 9 anni fa (12 Gennaio 2015 13:12)

    Ottima guida, l'ho letta in questo momento ma avrei voluta leggerla tempo fa, da 10 anni, di cui quasi 3 anni di convivenza sto con una persona che rientra nella descrizione. Come mai è durata tanto? Perché tra alti e bassi ho voluto e mi ha fatto credere che le cose sarebbero cambiate. Ora non vuole neanche più uscire di casa e praticamente ha azzerato la mia vita sociale, ogni volta che propongo di uscire con amici non vuole, vuole restare a casa. Io ho 32 anni e non voglio passare la mia vita chiusa in casa davanti alla TV. Negli anni abbiamo sempre discusso, una volta sola ho preso la decisione di lasciarlo definitivamente, per la sua eccessiva gelosia, ma ho creduto alla sua promessa che sarebbe cambiato. Non voglio dilungarmi e scendere nei dettagli ma sto cercando la forza di lasciarlo, ho perseverato perché volevo a tutti i costi una storia e perché credevo di amarlo e non avendone mai avuta una seria e importante credevo fossero normali alcuni atteggiamenti...ora mi rendo conto di essere stata maltrattata in questi anni e di essermi fatta manipolare da una persona piena di sè, che vuole sempre avere ragione su tutto e che spesso mi ha spinta a pensare al suicidio! Ad un certo punto mi sono resa conto che l'amore non basta, il problema sarà farlo capire alla mia famiglia.
    Rispondi a Fabiola Commenta l’articolo