L’Uomo Giusto non esiste: ridimensionare il maschio ed entrare nel suo sistema binario!

uomo giustoL’articolo che segue è di un’ospite d’eccezione, Marina “Morgatta” Savarese. Atipica e ironica fashion designer, Marina ha un blog molto seguito, I hate bananas   e, soprattutto, ha scritto due libri La Bruttina che conquista (Manuale semiserio di seduzione)  e – nuovo nuovo – Come tenersi un uomo. Dopo averlo conquistato. Perché ho chiesto il prezioso contributo di Marina? Perché lei dice e scrive concetti che condivido e lo fa con grande spirito e molto senso dell’umorismo. Qual è la sua tesi in questo articolo? Che l’uomo giusto non c’è e che la storia dell’altra metà della mela non è vera. E’ per questo che è meglio ripiegare sulla ricerca di un uomo non giusto, ma semplicemente, “Adatto”. E, nel caso lo troviate, ecco i preziosi consigli di Marina per affilare le lame del vostro ingegno e riuscire a tenervelo.

"Smettete di sperare che gli uomini seguano il vostro pensiero. Non ce la possono fare. Marina “Morgatta” Savarese"

Lo so, non è carino essere ospitata in un blog e confutarne immediatamente il titolo. Ma io sono così, o entro a gamba tesa o palleggio per conto mio. Affinità calcistiche a parte, è un argomento di primaria importanza: prima di relazionarsi in qualsiasi modo con i cari amici dell’altro sesso, ci sono un paio di valutazioni iniziali da tenere ben presenti. Direi dei fondamentali spesso trascurati o addirittura dimenticati; nella più onesta delle ipotesi sono solo seppelliti nella mente sotto strati di polvere e quintali di speranze. Mi propongo di fare pulizia e di riportarvi alla realtà.

L’Uomo Giusto non esiste!

Ebbene sì, quello che ci hanno propinato fin dall’infanzia sotto forma di “Principe Azzurro” è in realtà una truffa. Una bugia raccontata a fin di bene, una storiella che mamme, nonne e amiche ci propongono ogni volta che usciamo dilaniate da una storia d’amore “Vedrai che quello Giusto arriva”. Certo, come no. E fino ad oggi dov’è stato nascosto? Si era perso nel bosco insieme a Cappuccetto Rosso? Oppure sta aspettando che raggiunga l’età della pensione? Una quantità spropositata di donne aspetta con speranza proprio quello Giusto, conservandosi immacolata (ma anche no) o saltellando da un uomo giusto all’altro, senza però aver ben compreso quale fosse quello con la “G” maiuscola. Giusto, purtroppo, non esiste, non è mai esistito e non esisterà mai. Basta idealizzare, basta con la costante disillusione di aspettative giganti. Un uomo solo, unico, perfetto e meraviglioso così come lo vogliamo non c’è. Troppe sono le variabili umane, gli stadi vitali, la crescita psicologica ed anagrafica delle persone per pensare anche solo lontanamente che esista un “Giusto” da qualche parte nel globo che aspetta di ricongiungersi proprio con noi… A questo punto può entrare in scena l’Uomo Adatto, più credibile, realistico e duttile. Vi sembra solo una differenza semantica? Ecco un esempio chiarificatore: una scarpa lucida con tacco 12 è Giusta, ma non è Adatta ad una scampagnata tra le colline. Quindi, scegliete quella più Adatta a voi e proseguite il cammino allegramente. Prima però, dobbiamo memorizzare un altro paio di nozioni fondamentali.

L’uomo è diverso!

Molto diverso da noi donne. Praticamente un mondo a parte. So che avete presente questa evidente diversità (che non è limitata a ciò che è visibile, è proprio radicata nel DNA), ma temo che sia proprio la cosa che non entra in testa alla maggioranza delle donne, altrimenti non si lamenterebbero in continuazione. L’uomo è un essere semplice, basico e lineare. Non nell’accezione negativa, ma in una sana e genuina schiettezza comportamentale che a volte risulta spiazzante. Il sistema di pensiero maschile è binario (come quello dei computer), utilizza fondamentalmente due numeri, 0 e 1, con i quali elabora e distrugge. Non è affatto una limitazione, è una linearità e una semplificazione con la quale riesce a produrre anche cose meravigliose (basta pensare a tutti i grandi artisti, scrittori e filosofi del passato… e qualcuno anche nel presente). La relazione con i suoi simili funziona alla perfezione. I problemi comunicativi arrivano quando ha a che fare con le nemiche del sistema, le hacker della situazione, le detentrici di numeri infiniti: le donne. Sono loro che, con i loro milioni di numeretti (che usano e danno in continuazione) e con la tendenza all’arrotolamento mentale, creano dei grovigli nel quale l’uomo resta imprigionato senza però capirci niente. So che avete quotidianamente esperienze di questo tipo, in cui vi fate in quattro per far capire una cosa per voi semplicissima che Lui non coglie, o prende nel modo sbagliato. Ecco alcuni consigli che possono tornare utili.

Consigli utili per comunicare efficacemente

Ricordatevi sempre che gli uomini sono semplici, davvero! Accettate questa diversità e non cercate di condurli nei vostri pensieri complicati.

Smettete di aspettarvi cose che non arriveranno mai.

Piuttosto, cercate di avvicinarvi al loro modo di pensare e imparate la loro lingua.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Perché dovete fare voi lo sforzo? Primo, in quanto donne, avete una marcia in più e siete portate per gli studi e le lingue. Secondo perchè è un sistema che può risultare utile anche alla vostra vita, talmente elementare che consente di semplificare anche la questione più complicata. Infine, smettete di sperare che seguano il vostro pensiero, non ce la possono fare.

Comunicazioni dirette, schiette e semplici saranno più efficaci di logorroici tentativi di spiegazione. O volete essere etichettate come “rompicoglioni” a vita?!?

Buona pratica e…buona fortuna!

Marina “Morgatta” Savarese

Che ne pensi di quel che hai appena letto? Che ne dici della differenza tra uomo “Giusto” e uomo “Adatto”? Il punto di vista di Marina, con tutta la sua ironia, può essere utile e vantaggioso per te? Sei d’accordo sul fatto che per sedurre un uomo bisogna comunicare in modo semplice e diretto e che è meglio lasciar perdere arrotolamenti e grovigli mentali?

Come fare innamorare un uomo e tenerselo
Gratis per te!
Crea una relazione sana e soddisfacente con sincerità e onestà. Rispettando te stessa e l'uomo che ti piace, senza sembrare una facile, ma esprimendoti al 100% per come sei, molto più serena e sicura di quello che fai.
Ricevi i miei aggiornamenti esclusivi e riservati

Lascia un Commento!

59 Commenti

  1. Avatar di Laura

    Laura 6 anni fa (2 Giugno 2013 12:28)

    Beh, io ho fatto proprio quello che suggerisce lei: ho preso l'uomo "adatto", non quello giusto. Francamente non sono molto felice. Ho ottimizzato la mia vita, sarò stata realistica, ho davvero scelto l'uomo più adatto possibile, ma ripeto, non sono felice. Non me la sentirei di consigliare a mia figlia di scegliere l'uomo più adatto. Certo a scegliere il più adatto si hanno molti meno problemi nella vita e si ottimizza, ma l'infelicità è dietro la porta. E' poi il giorno che intravedi qualcuno di cui ti innamori veramente e ti fa sentire viva, vedi poi l'uomo più adatto che fine fa nel tuo cuore...ho trovato questo articolo più che inutile, direi proprio dannoso.
    10
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  2. Avatar di MARIA

    MARIA 6 anni fa (2 Giugno 2013 12:37)

    Penso che ciò che sia importante in tutto è una buona dose di autostima, conoscere bene se stesse, sapere cosa si vuole x andare avanti e vivere in modo appagante non solo una storia d'amore ma anche un'amicizia, il lavoro e la vita a 360°. Chi sa bene ciò che vuole è anche molto diretto nei suoi ragionamenti e/o atteggiamenti, indipendentemente se è uomo o donna; quando qualcosa non piace cambia direzione, non si consuma in pippe mentali e non stressa il prossimo...... xciò a me l'uomo semplice piace, PURCHE' VERO; quelli costruiti o che giocano a nascondino proprio non li sopporto non credo neanche sia una questione di superiorità del genere femminile rispetto a quello maschile o viceversa . . . in tutto ci vuole equilibrio, amore e passione e tanta onestà ....
    7
    Rispondi a MARIA Commenta l’articolo

  3. Avatar di Eleonora

    Eleonora 6 anni fa (2 Giugno 2013 13:10)

    ALESSANDRO CARISSIMO,non era JACK LEMMON a dire la celebre frase,quanto il tipo miliardario che si era innamorato di lui! ;))))))))))
    0
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

  4. Avatar di Milena

    Milena 6 anni fa (2 Giugno 2013 14:41)

    Concordo di sicuro su un punto .... l'uomo giusto non esiste!!!! e ne ho anche le prove .... l'unica cosa che mi lascia un pò in dubbio è una sola: perchè sempre noi donne dobbiamo impegnarci come se invece di una relazione (sentimentale o meno) fosse un lavoro???? e nemmeno retribuito???? Noi dobbiamo imparare il loro linguaggio, noi dobbiamo imparare ad essere semplici per farci capire, noi e sempre noi dobbiamo adattarci.....e quasi sempre sbatterci quasi ci fosse un premio in palio!!!! Forse sono un pò acida perchè in questo momento sono ferita da un uomo, che sicuramente non si può definire ne giusto, ne adatto ma solamente FUGGITIVO!!!!! Credo che potrei scrivere un libro su tutti gli uomini sbagliati o meno che sono passati nella mia vita... Comunque complimenti per gli articoli che trovo sempre piacevoli..... Ciao Milena
    8
    Rispondi a Milena Commenta l’articolo

  5. Avatar di Carmen

    Carmen 6 anni fa (2 Giugno 2013 18:52)

    Articolo molto veritiero !!!! L'uomo giusto nn esiste, è solo una favola....
    0
    Rispondi a Carmen Commenta l’articolo

  6. Avatar di Nikita

    Nikita 6 anni fa (2 Giugno 2013 19:41)

    D'accordo con Marina , semplicità e chiarezza sono alla base di un rapporto senza stress. Però per mia esperienza ci sono anche uomini che si fanno tante di quelle pippe, e più si mostrano duri e sicuri si sé, più sono degli insicuri pazzeschi. La comunicazione basata sulla semplicità aiuta non solo in amore ma anche nel campo lavorativo. Poi la semplicità porta a concludere a fare ad agire perché si tratta di fare una scelta. Il famoso "se" o "forse" non dovrebbero esserci sarebbe opportuno usarli di meno, perché non portano all azione, al fare, ma sempre al rimandare. Ecco che subentra poi la noia. Evviva la semplicità! Sembrerà strano ma io parlo tanto con i bambini, e mi trovo benissimo. Hanno un linguaggio binario. si o no. Ciao a tutti.
    3
    Rispondi a Nikita Commenta l’articolo

  7. Avatar di reggielove73

    reggielove73 6 anni fa (2 Giugno 2013 20:52)

    Che gli uomini siano semplici, addirittura BINARI, è un luogo comune che è semplicemente una CLAMOROSA SCIOCCHEZZA. Non appena sono un po' sensibili e intelligenti (i soli che mi interessano) sono più paranoici e complessi di noi. Che siano diversi è certamente vero (ad esempio, loro o sono innamorati o no, noi abbiamo più "sfumature" di sentimento, ma semplici/binari neanche per idea.
    5
    Rispondi a reggielove73 Commenta l’articolo

  8. Avatar di reggielove73

    reggielove73 6 anni fa (2 Giugno 2013 20:54)

    e concordo pienamente con Laura.
    1
    Rispondi a reggielove73 Commenta l’articolo

  9. Avatar di Marika

    Marika 6 anni fa (3 Giugno 2013 0:31)

    Articolo simpatico che ironizza in modo intelligente. Alcune cose sono condivisibili, altre meno. Penso che gli uomini siano meno maliziosi di una donna e poco interessati ai "dettagli" ed è per questo che appaiono "semplici". In realtà non sono così semplici.... e forse nessun essere umano lo è. Sono d'accordo sul fatto che noi donne dovremmo imparare ad essere più sintetiche e dirette, in relazione al fatto che un uomo dopo tre minuti non ti ascolta più, si stanca e stacca la spina. E' vero che non esiste l'uomo giusto, inteso come principe azzurro, ma esiste l'uomo ONESTO. Stampiamocela bene in mente questa parola perchè è fondamentale. Chi scappa, chi tradisce, chi non dà spiegazioni ecc.... ha un comportamento SCORRETTO. Quindi, io prima di chiedermi se tizio, caio o sempronio, è interessato o meno, è innamorato o attratto ecc... mi chiederei: questo suo comportamento è onesto e corretto? Se la risposta è NO, non vi merita. L'uomo giusto, vestito d'azzurro, non esiste. Ma esiste sicuramente ciò che ognuno di noi merita. Una persona onesta, (nel dna dico) non ce la farebbe mai a stare con chi si comporta disonestamente. E questo vale in qualsiasi tipo di relazione: d'amore, di lavoro, di amicizia e via dicendo. Poi, altro punto importante: un uomo non dirà mai che è finita e che non è più interessato a voi. Preferirà farsi lasciare o sparire. Perchè rifiutarvi sarebbe come ammettere a se stesso di aver fallito (l'uomo non è stato abituato a dire di no a una donna).... e la cosa che più odia al mondo è sentirsi "un fallito". Ecco perchè molte di voi lamentano "sparizioni improvvise". Molto spesso gli uomini non ci capiscono come noi vorremmo perchè molto proiettati nel mondo esterno, nel loro muoversi dinamicamente. Noi siamo più introspettive e siamo anche state abituate ad esserlo. Esistono, tuttavia, tantissimi uomini "introspettivi" che leggono tanti libri, che amano analizzarsi e farsi domande, che coltivano il proprio sesto senso, che cercano in ogni modo di ampliare i propri orizzonti. Sono uomini più profondi e evoluti, che amano la donna sul serio, e per questo nel tempo riescono a penetrare l'animo femminile nei minimi dettagli. (Teniamo presente che l'animus femminile esiste dentro ogni uomo... va solo svegliato!) Forse uomini così non invierebbero mai un sms vago o fuggevole... che ne dite?
    7
    Rispondi a Marika Commenta l’articolo

  10. Avatar di Ale

    Ale 6 anni fa (3 Giugno 2013 0:39)

    Non voglio più avere a che fare con uomini col sistema binario deragliato. Tutto da rifare, insomma.
    0
    Rispondi a Ale Commenta l’articolo

  11. Avatar di Alessandro

    Alessandro 6 anni fa (3 Giugno 2013 9:26)

    @ Laura Sono d'accordissimo con te, ciò che hai detto corrisponde alla sacrosanta verità, hai fatto una riflessione profonda, infatti prendersi l'adatto è quasi come accontentarsi, <Per ora prendo questo che mi sembra il meno peggio, poi si vedrà>. Questo accade quando si è in grado di valutare l'opportunità, ma non per tutte vale questa regola, molte volte succede che i sentimenti prevalgono sulla ragione e ci si butta a occhi chiusi in situazioni sbagliate, i motivi sono sempre gli stessi, paura della solitudine, voglia di un uomo a tutti i costi ecc eccc. Faccio un esempio banale: comprereste un paio di scarpe senza misurarle bene? Certo che no, quindi anche in caso di nuova conoscenza sarebbe meglio provare prima di decidere se è un acquisto giusto e su misura o se ci sta stretto, senza farsi abbagliare dai lustrini e luci al neon. @ Eleonora Grazie per la correzione, e dire che ho visto il film tre volte, l'età comincia a farmi brutti scherzi!
    4
    Rispondi a Alessandro Commenta l’articolo

  12. Avatar di raffaella

    raffaella 6 anni fa (3 Giugno 2013 14:20)

    Forse è meglio stare a guardare...osservare come si comportano...e valutare di conseguenza....mi piace o no....
    2
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo

  13. Avatar di morgatta

    morgatta 6 anni fa (3 Giugno 2013 15:06)

    Signore e Signori miei, la favola di Giusto e Adatto (con i nomi proprio appositamente scritti in maiuscolo), è la presa di culo parecchio ironica di persone che aspettano veramente quello che ritengono il più giusto e perfetto per loro (e sì, siamo d'accordo, la perfezione non esiste...ma va?!?), poco consce del fatto che tutto è relativo, che nulla dura per sempre e che, ahimè, prima o poi, tutti dobbiamo morire! Detto ciò, l'importante è non accontentarsi ed essere coerenti con se stesse...appurato questo...IN BOCCA AL LUPO A TUTTE/I! La semplicità non è un difetto, non è riduttiva e non implica il non saper elaborare pensieri complessi o essere immuni da seghe mentali...(perdonate il francesismo)! E' una diversità reale, giustificata da fior fiori di indagini scientifiche (New Scientist Docet) che definiscono "mente pratica" quella maschile, rispetto a quella femminile più orientata alle decisioni e alla concentrazione emotiva, con tanto di aree celebrali sviluppatesi differentemente tra i due! Scienza a parte, che entrambi i sessi abbiamo problemi a relazionarsi quando si tratta di rapporti interpersonali, è noto! Inutile cercare una soluzione per non soffrire il Mal d'Amore: NON C'E'! Per tutto il resto, invito disinteressatamente a leggere le mie "opere" complete! One Love
    5
    Rispondi a morgatta Commenta l’articolo

  14. Avatar di Luca

    Luca 6 anni fa (3 Giugno 2013 17:02)

    io da uomo la vedo così: solo una cosa non può essere fraintesa e sono i comportamenti..se ad un uomo interessate ve lo farà capire con gesti, attenzioni, semplici sms(a volte anche banali,ma che vi fanno capire che pensano a voi)...purtroppo ho troppe amiche donne che non vogliono capire gesti inequivocabili!!faccio un esempio banale: lei lo cerca(anche "solo"per una bella e intensa notte di sesso) lui si nega,inventa scuse etc....poi quando ne ha voglia lui si presenta sull'uscio e lei subito disposta a saziare i suoi appetiti. io da quest'atteggiamento come uomo(quindi binario-ma a volte stazione centrale con 3000 interscambi) capisco che per lui sei solo ed esclusivamente cisterna inesauribile per i suoi liquidi(scusate l'intercalare francese)quando non ha altre cisterne in cui scaricare..purtroppo l'amore rende ciechi!! Detto questo adoro Morgatta e leggerla è sempre un immenso piacere. Ciao, Luca Ps: scusate lo sfogo ma ho troppe amiche che si fan prendere per il culo...pane al pane e vino al vino..rispettatevi e fatevi amare.
    12
    Rispondi a Luca Commenta l’articolo

  15. Avatar di Luca

    Luca 6 anni fa (3 Giugno 2013 18:07)

    ora faccio una domandina provocatoria:ma se non esiste l'uomo giusto,perchè dovrebbe esistere la donna giusta??in fondo non è tutto un compromesso??si cerca sempre la metà della mela,ma spesso ci limitiamo(io per primo,non so se mia moglie sia la mia metà perfetta o dietro l'angolo ci sia una donna che collima di più con me) a scegliere le persone che tendenzialmente riteniamo più adatte a noi,con le quali pensiamo di poter invecchiare felici, con le quali decidiamo di dar vita a nuove vite, ma siamo proprio sicuri che siano la nostra mezza mela???io ci spero.......ma non ne ho la certezza....
    2
    Rispondi a Luca Commenta l’articolo

  16. Avatar di morgatta

    morgatta 6 anni fa (3 Giugno 2013 18:50)

    Lucaaaa!!! Nel libro c'è anche la storia dell'altra metà (che è un'altra truffa)! Gli esseri umani sono interi e funzionanti, non hanno bisogno di "metà" con cui collimare! Ma solo di altri "interi" con cui interagire sperando che vada bene...altrimenti ogni relazione sarebbe basata sul riempimento di un ipotetico vuoto...o no?!? ;)
    7
    Rispondi a morgatta Commenta l’articolo

  17. Avatar di Marika

    Marika 6 anni fa (3 Giugno 2013 21:05)

    @ Luca, ti capisco e concordo su quanto dici di molte donne che, ahimè, vogliono illudersi a tutti i costi anche quando risulta evidente che un interesse vero verso di loro non c'è. Dietro a questi comportamenti c'è sempre un discorso di autostima e voglia di sentirsi vive, e penso che molte donne nutrino la segreta speranza che il magico incontro possa accendere il cuore del partner. E' illusorio, lo so, ed è un errore che molte fanno. Fammi però sottolineare che è illusorio anche quando un uomo pensa di usare una donna, come dici tu, come fosse un contenitore. Non è mai così e sai perchè? Perchè nell'atto sessuale stesso si mettono in moto tante dinamiche emozionali, fisiche, biologiche, ecc.... che sfuggono alla razionalità umana. Un uomo può rischiare così facendo di invaghirsi molto (addirittura innamorarsi suo malgrado) mentre compie l'atto liberatorio, come dici tu. Non può sapere o prevedere quali saranno le reazioni emotive, biologiche e sensoriali che si scateneranno dentro di lui. Può magari, dopo, provare a negare a se stesso di provare qualcosa (anche perchè da millenni è stato abituato a negare le emozioni) ma il corpo non potrà mentire e quindi potrebbe innescarsi una lotta tra ciò che la mente crede e ciò che il corpo manifesta. Sai, io penso che ognuno di noi sia come un "magnete" che, guarda caso, va ad imbattersi sempre con persone che somigliano tantissimo (caratterialmente o addirittura fisicamente) a qualcuno della nostra famiglia, o qualche nostro parente o amico caro d'infanzia. In realtà, siamo noi che (inconsapevolmente) cerchiamo relazioni simili tra loro, o persone con punti in comune. I magneti siamo sempre noi e la responsabilità è sempre esclusivamente nostra. Secondo me ogni relazione diventa importantissima quando ti rafforza, quando ti fa essere una persona migliore di prima. Io è così che intendo le relazioni "sane". Una relazione che ti fa involvere o peggiorare non sarà mai una buona e sana relazione. :))
    2
    Rispondi a Marika Commenta l’articolo

  18. Avatar di Marika

    Marika 6 anni fa (3 Giugno 2013 21:08)

    @Morgatta Grazie Morgatta. Avrei una domanda riguardo alle aree cerebrali sviluppatesi in modo diverso tra i due sessi. Ma non è che l'ambiente, le nostre credenze, le nostre azioni, la nostra cultura, la nostra educazione ricevuta, ecc.... siano state le principali "cause" di modifica di queste aree?
    0
    Rispondi a Marika Commenta l’articolo

  19. Avatar di Rossana76

    Rossana76 6 anni fa (3 Giugno 2013 23:35)

    @marika anche il testosterone.... L'estrogeno...... alla fine dovrebbe essere chiaro il messaggio che resta ; viversi la vita, e bona lè. Parafrasando @morgatta; Cerchi la tua metà convinta di essere completa in due? Allora sòccazzi tua!
    7
    Rispondi a Rossana76 Commenta l’articolo

  20. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 6 anni fa (4 Giugno 2013 1:53)

    @Ilaria, ho l'impressione che qui la gran parte (o forse si fan sentire di più?) dei lettori siano donne incattivite che - deluse - ce l'hanno a morte con gli uomini... e che non sian pronte a cercare di capirli... e neanche a cercare di capire come stiano le cose tra uomini e donne. Questo è il secondo post, mi pare, dove ci si prova, ma il problema, secondo me, è che queste lettrici si ritengono infallibili e perfette e altrettanto pretendono. Insomma, è sempre l'uomo che sbaglia, le inganna, è un animale... guai ad ammettere che spesso sono loro che non vogliono capire l'evidenza, sono precipitose, danno prima del dovuto e poi si aspettano "in cambio"... insomma, queste donne così razionali e sofisticate nei loro pensieri non si rendono proprio conto di quante contorsioni mentali assurde facciano pur di non guardare in faccia la realtà... Secondo me (è solo la mia opinione), forse potrebbe essere più utile spiegare alle donne quanto son complicate e si nuocciano da sole, piuttosto che spiegare loro la linearità maschile... anche perché alla fine sarà il caso di prendersi le proprie responsabilità e prendere in mano la propria vita pensando a sé stesse. Altrimenti qui è sempre la caccia alle streghe... Mi si perdoni se mi sono rivolta a Ilaria riferendomi a qualche lettrice presente.
    9
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo