L’Uomo Giusto non esiste: ridimensionare il maschio ed entrare nel suo sistema binario!

uomo giustoL’articolo che segue è di un’ospite d’eccezione, Marina “Morgatta” Savarese. Atipica e ironica fashion designer, Marina ha un blog molto seguito, I hate bananas   e, soprattutto, ha scritto due libri La Bruttina che conquista (Manuale semiserio di seduzione)  e – nuovo nuovo – Come tenersi un uomo. Dopo averlo conquistato. Perché ho chiesto il prezioso contributo di Marina? Perché lei dice e scrive concetti che condivido e lo fa con grande spirito e molto senso dell’umorismo. Qual è la sua tesi in questo articolo? Che l’uomo giusto non c’è e che la storia dell’altra metà della mela non è vera. E’ per questo che è meglio ripiegare sulla ricerca di un uomo non giusto, ma semplicemente, “Adatto”. E, nel caso lo troviate, ecco i preziosi consigli di Marina per affilare le lame del vostro ingegno e riuscire a tenervelo.

"Smettete di sperare che gli uomini seguano il vostro pensiero. Non ce la possono fare. Marina “Morgatta” Savarese"

Lo so, non è carino essere ospitata in un blog e confutarne immediatamente il titolo. Ma io sono così, o entro a gamba tesa o palleggio per conto mio. Affinità calcistiche a parte, è un argomento di primaria importanza: prima di relazionarsi in qualsiasi modo con i cari amici dell’altro sesso, ci sono un paio di valutazioni iniziali da tenere ben presenti. Direi dei fondamentali spesso trascurati o addirittura dimenticati; nella più onesta delle ipotesi sono solo seppelliti nella mente sotto strati di polvere e quintali di speranze. Mi propongo di fare pulizia e di riportarvi alla realtà.

L’Uomo Giusto non esiste!

Ebbene sì, quello che ci hanno propinato fin dall’infanzia sotto forma di “Principe Azzurro” è in realtà una truffa. Una bugia raccontata a fin di bene, una storiella che mamme, nonne e amiche ci propongono ogni volta che usciamo dilaniate da una storia d’amore “Vedrai che quello Giusto arriva”. Certo, come no. E fino ad oggi dov’è stato nascosto? Si era perso nel bosco insieme a Cappuccetto Rosso? Oppure sta aspettando che raggiunga l’età della pensione? Una quantità spropositata di donne aspetta con speranza proprio quello Giusto, conservandosi immacolata (ma anche no) o saltellando da un uomo giusto all’altro, senza però aver ben compreso quale fosse quello con la “G” maiuscola. Giusto, purtroppo, non esiste, non è mai esistito e non esisterà mai. Basta idealizzare, basta con la costante disillusione di aspettative giganti. Un uomo solo, unico, perfetto e meraviglioso così come lo vogliamo non c’è. Troppe sono le variabili umane, gli stadi vitali, la crescita psicologica ed anagrafica delle persone per pensare anche solo lontanamente che esista un “Giusto” da qualche parte nel globo che aspetta di ricongiungersi proprio con noi… A questo punto può entrare in scena l’Uomo Adatto, più credibile, realistico e duttile. Vi sembra solo una differenza semantica? Ecco un esempio chiarificatore: una scarpa lucida con tacco 12 è Giusta, ma non è Adatta ad una scampagnata tra le colline. Quindi, scegliete quella più Adatta a voi e proseguite il cammino allegramente. Prima però, dobbiamo memorizzare un altro paio di nozioni fondamentali.

L’uomo è diverso!

Molto diverso da noi donne. Praticamente un mondo a parte. So che avete presente questa evidente diversità (che non è limitata a ciò che è visibile, è proprio radicata nel DNA), ma temo che sia proprio la cosa che non entra in testa alla maggioranza delle donne, altrimenti non si lamenterebbero in continuazione. L’uomo è un essere semplice, basico e lineare. Non nell’accezione negativa, ma in una sana e genuina schiettezza comportamentale che a volte risulta spiazzante. Il sistema di pensiero maschile è binario (come quello dei computer), utilizza fondamentalmente due numeri, 0 e 1, con i quali elabora e distrugge. Non è affatto una limitazione, è una linearità e una semplificazione con la quale riesce a produrre anche cose meravigliose (basta pensare a tutti i grandi artisti, scrittori e filosofi del passato… e qualcuno anche nel presente). La relazione con i suoi simili funziona alla perfezione. I problemi comunicativi arrivano quando ha a che fare con le nemiche del sistema, le hacker della situazione, le detentrici di numeri infiniti: le donne. Sono loro che, con i loro milioni di numeretti (che usano e danno in continuazione) e con la tendenza all’arrotolamento mentale, creano dei grovigli nel quale l’uomo resta imprigionato senza però capirci niente. So che avete quotidianamente esperienze di questo tipo, in cui vi fate in quattro per far capire una cosa per voi semplicissima che Lui non coglie, o prende nel modo sbagliato. Ecco alcuni consigli che possono tornare utili.

Consigli utili per comunicare efficacemente

Ricordatevi sempre che gli uomini sono semplici, davvero! Accettate questa diversità e non cercate di condurli nei vostri pensieri complicati.

Smettete di aspettarvi cose che non arriveranno mai.

Piuttosto, cercate di avvicinarvi al loro modo di pensare e imparate la loro lingua.

Che cosa mantiene alto il desiderio di un uomo per te e solo per te?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Perché dovete fare voi lo sforzo? Primo, in quanto donne, avete una marcia in più e siete portate per gli studi e le lingue. Secondo perchè è un sistema che può risultare utile anche alla vostra vita, talmente elementare che consente di semplificare anche la questione più complicata. Infine, smettete di sperare che seguano il vostro pensiero, non ce la possono fare.

Comunicazioni dirette, schiette e semplici saranno più efficaci di logorroici tentativi di spiegazione. O volete essere etichettate come “rompicoglioni” a vita?!?

Buona pratica e…buona fortuna!

Marina “Morgatta” Savarese

Che ne pensi di quel che hai appena letto? Che ne dici della differenza tra uomo “Giusto” e uomo “Adatto”? Il punto di vista di Marina, con tutta la sua ironia, può essere utile e vantaggioso per te? Sei d’accordo sul fatto che per sedurre un uomo bisogna comunicare in modo semplice e diretto e che è meglio lasciar perdere arrotolamenti e grovigli mentali?

Lascia un Commento!

59 Commenti

  1. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 6 anni fa (4 Giugno 2013 1:57)

    @Ilaria, in sintesi, un bel post sulla psicologia femminile con tanti esempi che facciano riflettere!!! Riconoscendomi in certi esempi, io in passato ho capito molte cose...
    -2
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  2. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 6 anni fa (4 Giugno 2013 2:02)

    @Marika: la storia dell'uomo che parte convinto di fare solo sesso e poi si innamora è molto pericolosa: non vorrei che qualche donna qui si facesse illusioni in questo senso. Personalmente ho fatto sesso con diversi uomini che volevano solo quello e tutto è rimasto così dall'inizio alla fine (però mi sono molto divertita)... credo sia molto più facile che ci siano donne che partono dicendosi "è solo sesso" e poi si innamorano. Forse perché per una donna, in realtà, è molto meno spesso "solo sesso", solo che le donne sono tanto complicate (non binarie) da riuscire a raccontarsi il contrario. Insomma, secondo me quello che scrivi dell'amore e degli uomini è più vero per le donne.
    7
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  3. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 6 anni fa (4 Giugno 2013 2:10)

    E concordo con Luca: l'uomo è diretto nei fatti, molto più che con le parole che non sono il suo forte... tanto che non sa nemmeno davvero raccontare una bugia (e comunque basta guardare i fatti). Faccio un esempio: "mia moglie mi ha chiesto se la tradivo, io non ho risposto niente... avrebbe dovuto capire!" Cosa? chiesi "Che la tradivo" (e non potevo certo dirglielo). D'altra parte lui stava in ufficio fino alle 3 di notte... Sì, poi ci sarà anche quello che invece di stare zitto cambia discorso o altro... e pure quello capace di mentire bene, almeno più della media. Ma sono i fatti che parlano e spesso parlano molto chiaro, solo che le donne non li vogliono vedere, si affidano alle parole... e questa scelta la chiamano "superiorità"... mah! Scusate, eh, ma quando ce vo' ce vo'... sveglia!
    9
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  4. Avatar di Rossana76

    Rossana76 6 anni fa (4 Giugno 2013 9:29)

    @paolaquellavecchia Hai aperto una parentesi interessante... Guarda che una moglie (compagna Etc.) 'lo sa' Non è vero che è l'ultima sapere, Casomai rimuove, o meglio, lo nasconde a se stessa...
    0
    Rispondi a Rossana76 Commenta l’articolo

  5. Avatar di Eleonora

    Eleonora 6 anni fa (4 Giugno 2013 14:12)

    già:gli uomini,questi"cosi"curiosi...
    -1
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

  6. Avatar di Alessandro

    Alessandro 6 anni fa (4 Giugno 2013 16:38)

    @ Paola quella vecchia Non posso che applaudirti per la tua franchezza e visione delle cose, finalmente una donna che esce dagli schemi e stereotipi, mi sa che qui ci sono parecchie donne incazzate con il mondo e a quanto pare le "pipe" non sono una prerogativa di soli uomini. Chi disprezza compra, se gli uomini fanno tanto schifo, perché si continua a cercarli (disperatamente)? Forse sperano ancora nel principe col cavallo bianco, ma allora tutta questa intelligenza superiore che pretendono di avere le donne finisce, nel momento in cui incontrano un oggetto misterioso che cammina, e basta poco per farle cadere come pere mature. Se si parla di ALCUNI o MOLTI uomini sbagliati, stronzi, chiamiamoli come volete, è un conto, è giusto e va bene così, se invece la campana è sempre la stessa, cioè TUTTI gli uomini sono bastardi, allora devo dire, come in un altro commento, che anche di donne stronze ne esistono a tonnellate, ma da uomo riconosco che non TUTTE sono così, la maggior parte delle donne è tranquilla e ne sono strafelice. Questa è una delle differenze di pensiero tra un uomo e una donna, saper vedere, qualche volta, il bicchiere mezzo pieno piuttosto che sempre il vuoto completo, anziché vedere sempre tutto grigio, sarebbe meglio guardare anche un po' a colori. Sarebbe anche opportuno che qualche donna, (parlo in generale) scendesse dal piedistallo e facendo un esamino di coscienza si domandasse seriamente perché viene regolarmente mollata, (Io alla sfortuna credo poco).
    7
    Rispondi a Alessandro Commenta l’articolo

  7. Avatar di Cristina

    Cristina 6 anni fa (4 Giugno 2013 17:41)

    Certo che a posteriori è facile capire che la persona, per qualunque motivo, era sbagliata. Difficile accorgersene prima, checchè se ne dica quando ci si innamora si è in uno stato mentale piacevolmente alterato! questo non significa che non dobbiamo pensare o imparare dagli errori, ma se fosse così facile...conosco persone che si sono buttate ad occhi chiusi e hanno trovato l'amore della loro vita, e viceversa persone che si credevano parecchio furbe ed erano sempre all'erta ricevere cocenti delusioni! L'ultima relazione che ho avuto, sì mi ci sono buttata ad occhi chiusi e non è andata bene, mi assumo ogni responsabilità (per quanto ora sia lui a cercarmi e io a non volerne sapere!) , ma sono convinta che se in quel momento della tua vita devi incontrare uno sbagliato lo incontri e basta!!
    1
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

  8. Avatar di Marika

    Marika 6 anni fa (5 Giugno 2013 0:05)

    @paola quella vecchia Le donne amano la completezza, lo sappiamo, e vogliono tutto: sentimento e passione. Le cose a metà non ci piacciono molto. Ciò che mi contesti era in risposta al pensiero di Luca ed ho solo ribadito che le illusioni spesso sono reciproche, perchè non credo si possa mai dare nulla per scontato (soprattutto nei rapporti e relazioni). Poi, va da sè che non sempre scatti qualcosa e questo vale sia per gli uomini che per le donne. Esiste una filosofia come il Taoismo che spiega bene certe dinamiche interiori ed esteriori. Nessuno è binario per me, siamo complessità diverse, intelligenze diverse. Sappiamo tutti che non esiste un solo tipo di intelligenza ma ne esistono di svariate. Allo stesso modo esistono svariate tipologie di uomini e di donne. Poi, Paola, io direi che le donne veramente incattivite, come dici tu, secondo me, sono proprio quelle che dicono di divertirsi molto. E' una bella difesa, un bel muro alzato... come dire: "A me non mi freghi, non mi spezzerai il cuore, sarà solo divertimento". Nààààà.... mai barare con se stesse! Il risultato, alla lunga, nella migliore delle ipotesi sarà un cuore indurito. Una donna dovrebbe esaltare la propria femminilità, non soffocarla con atteggiamenti virili. Il termine "divertimento" equivale a "gioco" e mi sembrerebbe davvero superficiale ridurre la bellezza della sessualità (compresa la sacralità che contiene) soltanto ad un gioco, un passatempo divertente e basta. La fusione di Yin e Yang, di energia maschile e femminile, è un vero Big Bang! Altro che gioco! Ridurla a gioco per me significa svilirla, davvero. Ridiamo valore a ciò che ha "valore". hanno tolto valore a
    2
    Rispondi a Marika Commenta l’articolo

  9. Avatar di morgatta

    morgatta 6 anni fa (5 Giugno 2013 10:28)

    @Marika...ora, io un po' la ricerca l'ho letta, ma non sono andata così a fondo. L'ambiente influisce, ma lì si parla proprio di materia grigia e bianca sviluppate in maniera diversa!!! @Paola quella vecchia: STIMA!!! ;)
    2
    Rispondi a morgatta Commenta l’articolo

  10. Avatar di Luca

    Luca 6 anni fa (13 Giugno 2013 15:20)

    a chiosa di tutto questo la cosa fondamentale è la continua ricerca d'amore che si ha..e noto che, a mio modestissimo parere, qui di persone che hanno voglia di dare e ricevere amore ce ne siano molte..l'importante è amarsi prima di amare perchè se non pensiamo di essere il top(come direbbe Crozza-Briatore), come potremo cercare una persona alla nostra altezza???(modestoooooooo!!!!) @morgatta: la mezza mela era un'immagine semplice e conosciuta,concordo con te che la coppia deve essere un'insieme di 2 "io" e non un'unico "noi",troppe volte ci si snatura per essere quel che vuole l'altro..
    1
    Rispondi a Luca Commenta l’articolo

  11. Avatar di Me_

    Me_ 5 anni fa (14 Dicembre 2014 14:47)

    Dopo l'ennesima discussione col mio ragazzo, discussione in cui oltretutto io sto male da morire e non riesco a reagire come dovrei e lui semplicemente non capisce, leggere questo articolo mi ha strappato qualche sorriso. Sono dritte che ho già imparato, purtroppo però al momento di seguirle ricasco sempre negli stessi errori, o debolezze.
    0
    Rispondi a Me_ Commenta l’articolo

  12. Avatar di Goldie

    Goldie 5 anni fa (21 Dicembre 2014 17:49)

    mi vien voglia di dire: chi si accontenta non gode, si accontenta (cit)
    2
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  13. Avatar di Dabo

    Dabo 3 anni fa (13 Giugno 2016 16:50)

    Ci sono due sentenze meritevoli di attenzione, ecco la prima: "Primo, in quanto donne, avete una marcia in più" - forse si tratta di 2 retromarce? :-) ----------------- ecco la seconda: "Il sistema di pensiero maschile è binario ...... Non è affatto una limitazione, è una linearità e una semplificazione con la quale riesce a produrre ANCHE cose meravigliose (basta pensare a tutti i grandi artisti, scrittori e filosofi del passato… e qualcuno anche nel presente)." Merci, troppa grazia. ed io mi illudevo che, pur conscio delle differenze, fossimo sullo stesso piano. Mi rassegnerò a vivere nello scantinato, sperando che qualche donna dai piani superiori mi getti i suoi avanzi..... Dichiarare di avere una marcia in più è certamente un ottimo avvio di un dibattito serio chepotrebbe essere molto interessante. Come i monaci buddisti, continuerò a peregrinare con la mia ciotala in mano, sperando nella manciata di riso, o meglio SORriso femminile. E' stato scritto "il carattere di una persona si svela pienamente nel momento in cui può esercitare del potere" Un concetto che trovo molto appropriato e che aiuta a capire gli altri, uomini o donne che siano.
    1
    Rispondi a Dabo Commenta l’articolo

    • Avatar di Giusi

      Giusi 3 anni fa (14 Giugno 2016 0:06)

      Dabo, in effetti non significa nulla dire che le donne hanno una marcia in piu', tra l'altro anch'io penso che siamo sullo stesso piano. Quanti uomini pensano che la donna giusta non esista? Tantissimi!!!! Dipende forse dalla NON comunicazione delle proprie aspettative all'inizio della conoscenza. Secondo me vale la pena essere schietti da subito. Al prossimo appuntamento, se la persona che ho davanti mi piace abbastanza da intavolare il discorso, gli diro' chiaramente cosa pretendo da lui e gli chiedero' cosa pretende lui da me, da quel momento in poi. Una sorta di consenso informato. Se uno dei due non sottoscrive, addio! Non siamo persone giuste...
      0
      Rispondi a Giusi Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 anni fa (14 Giugno 2016 10:16)

      Forse il verbo "pretendere" é un po' fortino, no? Peraltro, se un uomo a un primo appuntamento mi sciorinasse "la lista del menu" e mi chiedesse di fare altrettanto, scapperei a gambe levate!
      2
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Giusi

      Giusi 3 anni fa (14 Giugno 2016 14:40)

      Esattamente quello che voglio...che scappi prima che scappo io! Ti devo confessare che ultimamente mi bastano poche uscite per lasciare perdere anche chi mi intriga parecchio. Tuttavia mi voglio troppo bene ormai per accontentarmi. Ovviamente la mia era una provocazione, pero' un fondo di verita' c'e'. I primi appuntamenti sono fondamentali per inquadrare una persona e sia che ci vai a letto o no, appena sento odore di bruciato, scappo! Per questo e' utile mettere un pochino alla prova deliberatamente l'altra persona per capire com'e'.
      -1
      Rispondi a Giusi Commenta l’articolo

  14. Avatar di cristian

    cristian 3 anni fa (6 Luglio 2016 15:45)

    Finalmente un bel articolo , intelligente e che coglie nel segno , alla fine noi uomini siamo cosi ovvero semplici e lineari . E brava marina......
    1
    Rispondi a cristian Commenta l’articolo

  15. Avatar di Alice!

    Alice! 6 anni fa (6 Giugno 2013 15:55)

    Non avrei mai immaginato di essere io a dire queste cose, ma il tempo e le esperienze mi hanno portato a fare una semplice considerazione: è vero, l'uomo perfetto non c'è... e la tale cosa non è nemmeno poi così rilevante!!! Il proprio compagno va goduto, un po' come tutte le cose della vita, nei suoi pregi e nei suoi difetti, tenendo a mente che nulla è permanente, per cui lui potrebbe andarsene, cambiare (anche in peggio) o potremmo andarcene noi, questo però non ci impedisce di goderci il qui ed ora con tutte le sue sfumature. Gli uomini non sono così male, basta incontrarli da persone con buona autostima, che sono concentrate più su di se anzichè sul proprio compagno e sul suo ipotetico cambiamento! Io dico che il modo migliore per trovare l'uomo adatto è quella di costruirsi una vita appagante in solitaria, colmando quanto più possibile i propri vuoti.. e quando lui arriverà noi saremo preparare ad accoglierlo così com'è (sempre nel rispetto)... a me è successo :)) baci!
    13
    Rispondi a Alice! Commenta l’articolo