Gli piaci ma non vuole impegnarsi? Ecco che cosa fare

gli piaccio ma non vuole impegnarsiGli piaccio ma non vuole impegnarsi. Ti sei trovata anche tu in una situazione come questa?

Può darsi, eccome, capita spessissimo.

Diciamo pure che se hai conosciuto – magari anche non biblicamente – qualche uomo, ti è capitato di inciampare in questo fenomeno.

Del resto, come si fa a non capirlo? Intendo, il fenomeno. A tutti piace avere qualcosa gratis, senza impegno. A tutti piace ricevere senza dare nulla in cambio.

E’ umano, no? Minimo sforzo, massimo risultato.

“Tu mi piaci. Ma non voglio impegnarmi. Del resto, scusa, abbi pazienza, non sei già contenta, soddisfatta e appagata dal fatto che mi piaci? Fattene una ragione, ragazza mai, è tutto grasso che cola. Perché mai dovrei anche impegnarmi?”

"Le donne piangono il giorno del matrimonio. Gli uomini dopo. Boris Makaresko"

In effetti è abbastanza semplice. Anche se alcune donne, un po’ testone, faticano a capire.

Perché le donne pensano che se qualcuno ti piace, è perché lo ami anche e dunque ti vuoi impegnare.

Ma ne siamo sicure?

Siamo proprio sicure che “attrazione”, “impegno” e “amore” viaggino sempre insieme e debbano per forza non separarsi mai?

Io penso che non bisognerebbe avere determinate certezze.

Penso che anche le donne dovrebbero valutare di non impegnarsi, di non dare tutte se stesse, di non buttarsi a capofitto.

In una storia d’amore. Ma anche in una storia di carriera, eh!

Penso che molte donne potrebbero vivere non solo storie d’amore in modo leggero, ma proprio storie leggere, senza importanza, senza impegnarsi.

Ma, va bene, andiamo avanti.

Gli piaccio ma non vuole impegnarsi. Come può succedere?

Sembra strano ma qualcuna non ha ancora capito che uomini e donne vivono le storie sentimentali in modo diverso.

E perché le vivono in modo diverso? Se devo dare una mia opinione sintetica, è così per ragioni di cultura e di educazione. Non c’è da discuterne molto.

Se ti hanno cresciuta a furia di storie d’amore pattumiera e a immaginario in cui lei si realizza sposandosi e sacrificando la sua vita per un lui, è un po’ difficile vivere una relazione come un “episodio” senza conseguenze e senza impegni.

Ed è difficile mettersi nei panni dell’altro che invece è stato cresciuto a forza di esortazioni a “essere libero”, “fare più esperienze possibile” e “impegnarsi solo quando si è veramente sicuri e una serie di condizioni sono favorevoli e tutte finalizzate a un unico obiettivo: il proprio benessere”.

Molti uomini, spesso non a torto, ragionano così.

Dico non a torto perché, di nuovo, sono convinta sia un modo più utile di pensare.

La durata della vita media di una persona si è allungata enormemente rispetto al passato. Le opportunità che la vita offre, oggi, sono molte.

Le necessità di adattamento all’esistenza si sono moltiplicate: ciascuno di noi può davvero vivere molte vite diverse, in fasi diverse.

Con stili che possono continuamente cambiare.

Perché mai vivere ogni relazione della vita con impegno? Intendo quell’impegno spesso distruttivo e divorante che ci mettono alcune donne?

L’onestà, la trasparenza, l’integrità non devono mancare, certo.

E allo stesso tempo proviamo ad adattarci al “senza impegno”. Certo, non per sempre. Non contro il nostro personale e prioritario interesse. Questo è l’aspetto più importante.

Gli piaci ma non vuole impegnarsi. Come ti comporti?

Che cosa sto dicendo? Che ti è utile comportarti in maniera superficiale? Oppure che, di fronte a qualcuno che ti piace veramente e che non vuole impegnarsi con te, devi stringere i denti e fingere che ti vada bene, in modo da vivere una storia senza impegno anche tu, quando invece vorresti impegno?

Nient’affatto.

Comportarsi in modo superficiale non è MAI utile e auspicabile.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

Fingere di non desiderare quel che desideriamo è masochista e distruttivo. Si tratta di mentire a se stesse, tra l’altro. Non va fatto nel modo più assoluto.

Se stai con qualcuno che ti piace veramente (ma deve essere veramente-veramente, non quel veramente melodrammatico da Facebook) e lui non vuole impegnarsi, il più grande favore che puoi fare a te stessa e alla tua dignità, oltre che al tuo benessere, è lasciarlo.

Con determinazione e senza rimpianti. Anche se ti costa molto. Lasciarlo quanto prima ti costa sempre meno di quanto ti costerebbe tra un po’.

"Sposarsi o non sposarsi non è importante. In ogni caso ti pentirai. Socrate"

Perché in ogni caso tieni presente che un uomo che ti dice che gli piaci, ma non vuole impegnarsi è comunque un cafone egoista e di strette vedute. Un nano d’uomo.

Potrebbe essere anche un manipolatore o un profittatore che sta con te perché non ha di meglio sotto mano.

Magari è un ingenuotto incapace di autocensurarsi e di dire tutto quello che pensa. Fatto sta che non è un “cavaliere”.

O magari sta mettendo le mani avanti perché ha paura.

A te interessa un uomo emotivamente poco affidabile, tanto che ha paura di impegnarsi?

Se pensi di essere molto coinvolta, meglio che tu te ne vada. E’ quello che fanno molti uomini quando si trovano nella stessa situazione.

Bene, poniamo, invece che a te quest’uomo piaccia e interessi senza particolari coinvolgimenti.

Cioè, molto cinicamente, ti piace fisicamente, con lui ti diverti, non è un “peso” nella tua vita e con lui vivi momenti autenticamente divertenti. A tutto tondo.

Ti piace, ma non ti strapperesti il cuore dal petto per lui, ecco. (In ogni caso, non strapparti il cuore dal petto per niente e nessuno, vah, il tuo cuore lascialo al suo posto).

Posto questo, potresti ricambiarlo della stessa moneta.

Gli piaci ma non vuole impegnarsi? Fagli presente che tu di questo non vuoi sentire parlare, perché a te l’impegno non interessa e non sei nemmeno tanto sicura che lui ti piaccia. E delle cose inutili non si parla e non si discute.

Dopodiché lo frequenti a tuo piacimento, senza essere a sua disposizione.

Fai fatica a comportarti così? E’ perché non ci sei abituata. Se ti ci abitui (e credo valga la pena sperimentare certe sensazioni), ti verrà sempre più facile.

E’ una questione di allenamento.

Attenzione, non è una questione di strategia messa in atto perché qualche particolare reazione sorga in lui. No, è una strategia messa in atto perché tu diventi più amica di certi atteggiamenti e di certi comportamenti: per esempio proprio quello di sperimentare una relazione senza impegno, ma non nella posizione dello zerbino.

Da una posizione perlomeno paritaria.

A che cosa dovrebbe servirti tutto questo?

A ridimensionare le idee romantiche sull’amore che ti fanno solo danno.

A divertirti un po’.

Ad assumere una posizione in cui ti senti forte e in controllo (non su un altro, ma rispetto a te stessa) e quindi la tua autostima e la tua sicurezza aumentano.

A non vivere l’amore in modo assoluto e totalizzante.

A calarti nei panni degli interlocutori che spesso ti trovi di fronte, quelli che hanno una gran faccia di… bronzo.

Ad accumulare esperienze (mi raccomando, solo positive!!! Se vivi esperienze avvilenti, molla il colpo. E’ così facile: basta chiudere.)

A far cadere dal piedistallo l’idea di relazione nella quale è “lui” a decidere.

E a molto altro.

A te che cosa viene in mente?

Lascia un Commento!

84 Commenti

  1. Avatar di Barbara

    Barbara 1 anno fa (4 Luglio 2019 13:26)

    Io frequento da anni un uomo che non vuole impegnarsi e le ho provate tutte!! Sia l'atteggiamento del "ok allora lo faccio anch'io..." (come descrivi bene nell'articolo) e l'ho frequentato allo stesso modo e sia lasciandolo... Nel primo caso all'inizio lui si era un po' allarmato e poi invece ci si trovava benissimo in quella nuova (e comodissima) situazione. Nel secondo caso invece (quando l'ho lasciato) ha accettato dicendo che lui si adeguava al mio volere e chiedendomi però di sentirci ancora e di vederci ogni tanto! Il risultato è che io ho perso in entrambi i casi (non stando bene in entrambe le situazioni) mentre lui si è "adattato" ed ha cercato di trarne il meglio per lui. Io non ho tratto molto di buono da queste decisioni prese e mi capita di essermene pentita e di pensare che quando eravamo assieme, anche se lui non voleva impegnarsi, ahimè ero più felice!! Credevo di aver scelto il male minore invece mi sa che non è così considerando che mi ritrovo molto triste, mi sento sola e un po' pentita della mia scelta!
    Rispondi a Barbara Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 1 anno fa (4 Luglio 2019 17:59)

      Credo che i consigli di Ilaria non vadano interpretati come consigli per “vincere” o cambiare l’altra persona. Se vuoi una relazione stabile non potrai averla da uno che non vuole impegnarsi. Se vuoi una spremuta d’arancia, non compri pompelmi (e viceversa).
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 1 anno fa (5 Luglio 2019 0:38)

      Cara barbara, volete cose diverse. Penso che nella vita l idea si compromesso e di sacrificio che ci sono state trasmesse possano valere in determinate situazioni ma non nei rapporti a due sentimentali. Voglio una bella relazione appagante e l altro no. Punto, accetto e vado avanti alla ricerca della condivisione. Vai da zara a cercare 1 etto di crudo? Ecco allo stesso modo nelle relazioni. Non ci si può adattare, forzare, accontentare. Si chiama amore non trattativa economica. Un abbraccio grande
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Barbara

      Barbara 1 anno fa (5 Luglio 2019 1:56)

      Grazie AnnaV della tua risposta. Riguardo al vincere o meno io credo che i consigli di Ilaria abbiano lo scopo di aiutare (in ambito sentimentale ma non solo) a diventare vincenti le persone perdenti come me... almeno credo di aver capito questo! Di cambiare la persona non ho parlato ma di farlo innamorare e di conseguenza impegnare fra le righe sì... e credo che con certe "astuzie" avrei avuto qualche chance!! Più di qualche!!
      Rispondi a Barbara Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 1 anno fa (5 Luglio 2019 11:46)

      Non credo che sia possibile far innamorare qualcuno con l’astuzia. Con l’astuzia puoi creare dipendenza in qualche soggetto fragile, ma non è una bella cosa da fare e non porta nulla di buono. E poi, scusa, dopo tanti anni non pensi che lui ti conoscesse abbastanza da saper decidere da solo quel che voleva? O pensi che gli uomini siano esseri da irretire, e lui un idiota totale? E, se fosse, ti metti a fare carte false per ottenere in premio un idiota o uno stronzo? Meglio mettere a frutto questa esperienza per chiarire quello che vuoi veramente... Ci sono tanti post utili qui.
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 anno fa (5 Luglio 2019 12:41)

      Eh già, Mirandolina e il Cavaliere di Ripafratta ne’ La Locandiera di Goldoni...potresti leggerlo, Barbara, se non lo hai ancora fatto, è utile per vedere i propri pensieri e le proprie azioni con l’ironia che serve per tenere la testa fredda e i piedi per terra.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Doris

      Doris 1 anno fa (5 Luglio 2019 9:02)

      Ciao Barbara, sembra che tu abbia giocato di strategia x cambiarlo. Non essendoci riuscita, hai scelto quello che credevi essere il male minore... in tutte le tue azioni e decisioni l'obiettivo era sempre solo lui e non i tuoi desideri o il tuo star bene. Mentre lui aveva ed ha ben chiaro cosa vuole per sé. Ed è ancora e sempre là che corrono i tuoi pensieri. Finché non sposterai il centro della tua attenzione, starai sempre così. Questa è la mia opinione...
      Rispondi a Doris Commenta l’articolo

  2. Avatar di Carla

    Carla 1 anno fa (5 Luglio 2019 9:38)

    Ma alla fine, perché sfiancarsi per trovare un uomo, come se si cercasse un lavoro per poter campare? Ma basta, anche. Sono la prima a riflettere su questa cosa. Vogliamo il meglio? E se questo meglio non c'è, pazienza...energia sprecata, tempo preziosissimo perso, soldi sicuramente!
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Barbara

      Barbara 1 anno fa (5 Luglio 2019 11:03)

      Grazie ragazze siete state tutte molto carine! Avevo bisogno di qche parere!! Per completezza vi dico che anche lui vuole un impegno ma non con me!! Pazienza!! Arriverà la persona giusta!! Grazie a tutte!!
      Rispondi a Barbara Commenta l’articolo

    • Avatar di PAMELA

      PAMELA 12 mesi fa (16 Luglio 2019 16:36)

      BARBARA ti capisco benissimo, anche a me è capitato, e ci ho impiegato del tempo per capirlo , elaborarlo e superarlo, come l'ho lasciato andare mi sono concentrata su me stessa, ho iniziato a curare diu piu' il mio ego e la mia persona, e forse non attirerò piu' ne sarò a tratta da uomini simili
      Rispondi a PAMELA Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 1 anno fa (5 Luglio 2019 11:53)

      Infatti.
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 1 anno fa (5 Luglio 2019 12:34)

      Esatto, Carla. La cosa centrale, oltre a dedicarsi a sé, è evitare di perdere tempo ed energie con uno stronzo o con o un problematico o un indeciso o un giocoliere e via dicendo. Selezionare, sgrossare fin da subito, imparare ad ignorare quello che ti mangia la vita. Quanto tempo perdiamo perché non ignoriamo fin da subito coloro che ci distolgono dal senso della nostra vita e arrivano addirittura a consumarcelo? Alla fine diventa un’arte e l’arte richiede pratica e presenza mentale. Questo blog è prezioso per questo, perché se leggi gli interventi con attenzione si ha la gran fortuna, in alcuni casi, di imparare anche dall’esperienza e dalla saggezza altrui ed evitarsi così - auspicabilmente - ulteriori legnate in piena faccia. E questo non è per nulla poco, ma proprio per niente. È la libertà dallo schifo! Il resto, cioè incontrare un uomo maturo e adeguato, come dicono a Roma e per come la vedo io, è grasso che cola. Ben venga, se arriva, ottimo! Se non arriva, la vita va avanti e deve andare avanti bene, non si deve essere ricattabili per nessun motivo.
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 1 anno fa (5 Luglio 2019 14:07)

      Grazie FrancescaF! Bellissimo intervento!
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

  3. Avatar di Rexely

    Rexely 11 mesi fa (19 Agosto 2019 17:50)

    Ilaria ha ragione, bisogna lasciarlo. Se non si guarda nella stessa direzione è inutile rimanerci. Lasciandolo si dà anche la possibilità all'altro di riflettere e capire tante cose. Non sono rari i casi quando uno scopre di essere innamorato e di volere noi come donna della sua vita e impegnarci proprio quando ci ha "perse".
    Rispondi a Rexely Commenta l’articolo

  4. Avatar di Francesca

    Francesca 9 mesi fa (16 Ottobre 2019 11:26)

    Ecco è quello che ho appena fatto....stop! Mi è costato e mi sta costando una bella sofferenza ma se mi guardo dentro, so che non potevo fare diversamente. Ho 52 anni, da tantissimo tempo non mi innamoravo. Sono uscita con tante persone ma con nessuna ho mai avuto voglia di approfondire, poi così per una serie di eventi molto strani, ci incontriamo, abbiamo la stessa passione, il tennis! Appena l'ho visto mi è piaciuto, stavamo giocando da meno di mezz'ora quando mi ha detto che era sposato e io ho avvertito un piccolo "disagio" allo stomaco....Abbiamo continuato a vederci e dopo un mese e mezzo ci siamo baciati....è stato molto bello e gioioso.....Lui era in crisi con la moglie da 2 anni e nel corso di questo anno le cose non sono migliorate, ma anche se dovesse separarsi mi ha detto che non se la sente di impegnarsi più...che certe cose le ha già fatte etc etc.... Un muro, fatto di ricordi dolorosi, di paura e non so di che altro....ma non sono cose mie....Ho il cuore a pezzi....ma come dice Ilaria, occorre ascoltarsi e rispettarsi....
    Rispondi a Francesca Commenta l’articolo

  5. Avatar di Zeta

    Zeta 6 mesi fa (5 Gennaio 2020 12:56)

    Caro Emanuele, quando parlo di battute cattive intendo ironiche e assolutamente non aggressive. Certo abbiamo avuto modo di parlarne ma da una prospettiva diversa, qui non si affronta la stessa situazione. Mi dispiace che continuiamo a non capirci e che lei mi reputi, a quando pare, non una bellissima persona. Purtroppo scrivendo risulta anche difficile spiegare le cose in maniera chiara e quindi emergono fraintendimenti. Peccato. Buona giornata
    Rispondi a Zeta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (5 Gennaio 2020 13:16)

      "Cattiva" lo hai scritto tu, non altri. Attenzione, perché l'ironia da molti è ritenuta intollerabile, se rivolta a loro. In più, se riguardo qui ritieni tanto complicato intendersi per iscritto, mi immagino che cosa possa succedere via chat con un ragazzo. La prossima volta perché non spegnere lo smartphone e aspettare che costui chiami e inviti fuori o, alla peggio, chiamarlo tu? Così vi spiegate per bene. Perché sai, queste chat sono ottimi paraventi per tutti. Usciamo allo scoperto, invece.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 6 mesi fa (5 Gennaio 2020 15:15)

      Perfettamente d'accordo, Aggiungo solo che siamo responsabili di ciò che diciamo e le parole hanno il loro peso( vedi semantica e pragmatica ).
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 6 mesi fa (5 Gennaio 2020 16:54)

      Per chiosare non è valutazione sulla tua persona. Mi concentro sul risultato, ovvero che l'uomo in questione sia apparentemente scappato a seguito di alcune parole usate da te e come intendi tu ironiche. Posso sbagliare ma la mia sensazione è che vai in modalità contro anziché verso. E su questo che voglio far riflettere.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

  6. Avatar di Davy

    Davy 5 mesi fa (26 Gennaio 2020 20:48)

    Io invece conobbi una Gemelli poco tempo fa, ci piacevamo e tutto, ero il meglio che lei avesse mai conosciuto, ma nonostante ciò, la sua personalità si scontrava con la mia in tema di affetto e di legame. Lei è una personalità indipendente, fredda, distaccata e non quindi non incline ad impegnarsi sentimentalmente e a combattere nel nome dell'amore, una prospettiva sentimentale difettosa contrassegnata da un limite in termini di impegni e sentimenti. Ha provato anche a cambiare in meglio per me, ed è migliorata, ma purtroppo non si possono fare miracoli, con tutta la buona volontà che vuole, è una personalità indipendente ed è fatta così e basta, quindi dovrei essere io che dovrei accettare questo limite e fare un passo indietro. Ma io sono un carattere caldo e il suo modo di essere mi da una sensazione di insicurezza come se non ci tenesse veramente a me, come se non mi volesse abbastanza e sempre. Potrebbe anche farmi piacere per un periodo un legame di questo tipo, intrigante e stuzzicante certo, ma non appena smetti di condurre tutta la situazione, l'altra parte non si sforza minimamente e tutto si dissolve facilmente. L'amore per me è la volontà di esserci per l'altro anche durante le tempeste più violente. In questo tipo di relazione invece non c'è neanche la volontà di esserci a cielo sereno. Quindi beh, meglio non dare troppo peso alle storielle. L'amore è ben altro
    Rispondi a Davy Commenta l’articolo

  7. Avatar di Ally

    Ally 1 anno fa (17 Giugno 2019 22:20)

    Cara Ilaria, Ti rinnovo la mia stima, dopo questo pezzo così semplice e pulito che hai scritto. Ci sta tutto. In una maniera così secca e nitida che.. Niente!! I miei complimenti di cuore. Dalla mia casistica personale posso contribuire dicendo che sapere di piacere ma di non proseguire in un legame è un po' desolante. Ti fai la solita domanda declinata in mille varianti ossia: cosa mi manca per passare al livello superiore?. Ad oggi posso dire che la risposta é: niente. Non ci sono colpe. Si accetta, si passa oltre e non si perde tempo personale che è prezioso. Si incassa certo perché il dispiacere c é e molto ma personalmente continuo ad andare avanti, aggiustando sempre di più la mira, raddrizzando il percorso. Sto iniziando a sentirmi quando arranco, faccio fatica e mi sminuisco e.. mi concedo il diritto di cambiare binario. Cercando qualcosa che mi sia più congeniale. Grazie di cuore ❤️
    Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di Zeta

      Zeta 6 mesi fa (5 Gennaio 2020 11:52)

      poche sere fa ho baciato un ragazzo (un amico di famiglia), lui mi ha scritto, io ho riposto con una battuta , la conversazione è andata avanti per poco e poi non ha più risposto.. potrei aver sbagliato a fare quella battuta mostrandomi troppo “cattiva” o facendolo sentire meno sicuro del mio interesse?
      Rispondi a Zeta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (5 Gennaio 2020 11:54)

      Non valuti l'ipotesi che il suo interesse fosse molto limitato e sia finito lì? Non è la cosa più probabile?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Zeta

      Zeta 6 mesi fa (5 Gennaio 2020 12:27)

      Certo sicuramente sarà così ma a questo punto non mi spiego il messaggio pochi giorni dopo.. se non gli interessavo poteva evitare di scrivermi , no? ma comunque secondo te la battuta un po’ “cattiva” potrebbe averlo spaventato o è molto poco probabile? perché anche tu spesso parli dell’invogliare i ragazzi ad impegnarsi e quella battuta forse potrebbe avergli dato fastidio .. solo che se basta così poco per farli allontanare stiamo messi male ..
      Rispondi a Zeta Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 6 mesi fa (5 Gennaio 2020 12:43)

      Ciao Zeta, Mi pare di capire e forse sbaglio che il lanciare battute cattive sia per te lo standard. Abbiamo inoltre fatto delle considerazioni in merito. Forse è il caso di domandarti da dove nasce questa necessità di fare battute cattive.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di mari

      mari 2 settimane fa (23 Giugno 2020 20:43)

      Cara Zeta, fossi in te, glielo chiederei. Senza aspettarti nulla in cambio, magari non vorrà risponderti: ma a volte, quando ci si espone, lo si fa per se stessi. Ecco, chiediglielo per te, per toglierti il dubbio. Al limite, se capisci che la tua battuta magari detta con leggerezza è stata eccessiva, la prossima volta sarai più attenta. Ma almeno non rimarrai con il dubbio; del resto, quando siamo di fronte alle reazioni di un altro, l'unico che può spiegarle è proprio l'altro :)
      Rispondi a mari Commenta l’articolo