Capire se gli piaci: tecniche efficaci per comunicare con un uomo

capire se gli piaciCome fai a capire se gli piaci? Come fai, in genere, a comprendere la psicologia maschile? Sono domande molto importanti, dal momento che la comprensione reciproca e la capacità di comunicare efficacemente in una coppia sono i pilastri su cui poggiano l’intesa, il desiderio di scambiarsi affetto e di appagare ciascuno i legittimi bisogni dell’altro.

Ora, vuoi davvero capire se  gli piaci? Sì, di certo. “Come faccio a capire se gli piaccio?” è una delle domande che le donne di tutte le età si chiedono più spesso quando conoscono un uomo e iniziano a frequentarlo, quando non hanno ancora iniziato a frequentarlo, ma sono interessate a lui, o quando hanno appena iniziato un relazione.

Quando poi la relazione è bella che avviata, ahimé, smettono di farsi questa domanda e questo non va poi molto bene.

"L’uomo e la donna sono due scrigni chiusi a chiave, dei quali uno contiene la chiave dell’altro.Karen Blixen"

Capire se gli piaci: è così importante?

Perché le donne si preoccupano tanto della questione “capire se gli piaci”? Perché, poter leggere nella mente degli altri, in genere, è il sogno di tutti gli esseri umani. Poter leggere nella mente del proprio partner è il sogno di ogni donna e di ogni uomo e poter capire la psicologia maschile è considerata da tutte le donne la “pietra filosofale” di ogni relazione.

E questo perché? Perché, di certo, il modo di pensare e di comunicare tra uomini e donne è molto diverso, se non, (come molti credono) per ragioni biologiche, di sicuro per ragioni culturali. Uomini e donne vengono educati in maniera diversa e, in genere, frequentano mondi “diversi”.

Per cui molto spesso capirsi, tra uomini e donne, è più difficile che capirsi tra uomini e uomini e tra donne e donne. Non solo: in una relazione di coppia, la parte “emotiva”, rispetto a quella “razionale” è enormemente più importante che non in altri tipi di relazioni. L’incomprensione tra partner è fonte di un enorme stress, che sarebbe totalmente annullato se “magicamente” si potesse leggere nella mente dell’altro.

"La bellezza serve alle donne per essere amate dagli uomini, la stupidità per amare gli uomini.Coco Chanel"

Ma torniamo al tema principale: perché ti interessa tanto capire se gli piaci? Molto semplice: se tu riesci a capire se gli piaci, plachi molte delle tue ansie, puoi continuare la tua relazione al “riparo” dalla paura del rifiuto (essere certa che lui è interessato a te, significa non rischiare di essere rifiutata) e puoi procedere con maggiore sicurezza nella relazione. Puoi, dunque, sedurre un uomo senza stress. Giusto? Ti torna?

Capire se gli piaci: la via più facile

E come fai a capire se gli piaci? Puoi capire facilmente un uomo e dunque anche capire se gli piaci, aprendo un canale di comunicazione a due vie, attraverso il quale passino le informazioni davvero utili.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

Le regole da seguire sono 3:

1)      Abituati ad avere le idee chiare su quello che vuoi. Quante donne si attaccano a un uomo e all’idea di una relazione con lui, quando nemmeno sanno se sono veramente interessate a lui e a mettersi in gioco con lui (intendo lui-lui, quella persona lì)? Quante donne, invece, hanno tanta confusione in testa e sentono talmente forte il bisogno di una relazione da “innamorarsi” del primo che passa e da cominciare a soffrire se non lo riescono a conquistare? Elimina la confusione. Controlla le tue emozioni. Diventa genuinamente consapevole di quello che vuoi. Se non lo fai, crei un circolo vizioso in cui la confusione crea altra confusione e alla fine soffri.

2)      Tieni presente quello che dicevamo poco sopra: uomini e donne comunicano in modo diverso. Spesso quando tu dici/scrivi/messaggi al tuo partner e all’uomo che ti piace, lui non capisce quello che tu intendi oppure fra-intende, cioè capisce qualcosa di diverso rispetto a quello che hai detto. Questo non significa, però che non ti abbia ascoltato o che non sia interessato a quello che dici. Probabilmente ha bisogno solo di maggiori chiarimenti e di maggiori spiegazioni. Per esempio: ci sono uomini che continuano a corteggiarti anche se tu sei convinta di aver dato dei segnali chiari che non sei interessata o uomini che tu credi di aver “incoraggiato”, ma non hanno recepito il messaggio. Ribadisco: la tua chiarezza di idee deve portare a una tua comunicazione chiara e univoca.

"Si è vissuto abbastanza quando si ha avuto il tempo di conquistare l’amore delle donne e la stima degli uomini.Choderlos de Laclos"

3)      Come fai a rendere chiara la tua comunicazione? Esprimiti nel modo più semplice, lineare, chiaro possibile: vai dritta al punto, dì subito la cosa più importante per te, usa frasi brevi e e poche parole, inequivocabili. Non elaborare, ricamare o arricchire. Non dilungarti in spiegazioni arzigogolate (gli uomini si terrorizzano e scappano!)

"La logica comincia dove finiscono le donne e finisce dove cominciano gli uomini.Dylan Dog"

E secondo te, in quali occasioni è più facile capire un uomo? Quali sono gli stati d’animo che in genere rendono più semplice capire se gli piaci? Quali sono i segnali attraverso i quali, in genere, un uomo ti fa capire che gli piaci?

 

Lascia un Commento!

87 Commenti

  1. Avatar di Goldie

    Goldie 8 anni fa (8 Ottobre 2013 20:40)

    Tutta sacrosanta verità
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  2. Avatar di Paolaquellavecchia

    Paolaquellavecchia 8 anni fa (8 Ottobre 2013 23:36)

    @Alessandro: sempre interessanti i tuoi interventi, spero continuerai a scrivere. L'unica cosa che voglio sempre sottolineare è che certi consigli valgono per persone "normali", che non hanno troppi problemi... intendo che se una donna è molto ansiosa di accalappiare, per motivi legati a varie ragioni profonde che fanno parte della sua natura, sarà dura che riesca davvero a gestire i suoi comportamenti in modo da non farlo trapelare... così, se un uomo è uno "stronzo", niente lo farà cambiare dei nostri comportamenti. La donna dovrebbe riflettere profondamente e fare un suo percorso, che la porti a lasciar perdere "naturalmente" certi uomini e ad avere naturalmente comportamenti che la salvaguardano. Io ho letto manuali su manuali su come comportarsi, ma non c'è niente da fare finché non cambiano convinzioni profonde in me, che magari neanche so di avere... e che non è detto vengano da esperienze amorose (ma magari da atmosfere respirate da bambina in famiglia o in relazioni importanti di natura amicale...). Ma che vanno cambiate! (quando ci sarò davvero riuscita al 100% vi avviso, intanto però devo dire che la psicoterapia è una illuminazione...)
    Rispondi a Paolaquellavecchia Commenta l’articolo

  3. Avatar di Amanita

    Amanita 8 anni fa (9 Ottobre 2013 20:08)

    Mi chiedo se sia mai possibile recuperare una situazione...Mi sono accorta di aver fatto un sacco di errori...
    Rispondi a Amanita Commenta l’articolo

  4. Avatar di Goldie

    Goldie 8 anni fa (9 Ottobre 2013 22:23)

    @Paolaquellavecchia: é vero quello che scrivi, quanti progressi devo fare x superare traumi vero e propri. Non so se trovero' mai piu' un uomo paziente e comprensivo. Malgrado i miei difetti ho tante altre qualità e molto da dare
    Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  5. Avatar di Fiorediloto

    Fiorediloto 8 anni fa (11 Ottobre 2013 20:58)

    @Paolaquellavecchia Giusto, hai centrato il punto.... io sento di essere a tratti bisognosa, questo sì, ma trovo che ci sia anche un "sano" bisogno di relazione che va rispettato..... il problema è quando incappi in questi uomini sfuggenti, che però riescono anche a essere tanto affascinanti quando vogliono... io ormai li capto con sempre più lucidità, ma a volte si mascherano così bene......
    Rispondi a Fiorediloto Commenta l’articolo

  6. Avatar di rosy

    rosy 8 anni fa (12 Ottobre 2013 12:24)

    @ilaria, ho parlato al mio medico di come mi sentivo dopo l'incidente, mi ha fatto bene...avevo bisogno che lui semplicemente ascoltasse quello che provavo, sentivo dentro. La mia famiglia non mi è stata vicina, è stato archiviato tutto con due semplici parole..sono imbranata e capitano tutte a te!!....ti chiedo un'altra cosa, è normale immaginare in questo periodo di parlare con una persona di cui mi fido, a cui voglio un gran bene e che riesco a confidare qualsiasi cosa, ma che purtroppo non riusciamo a vederci??
    Rispondi a rosy Commenta l’articolo

  7. Avatar di laura

    laura 7 anni fa (2 Agosto 2014 12:57)

    ..cara Ilaria , la mia storia mi ha portato ad uno stato tale da desiderare ..di lasciare questo mondo.. secondo la mia esperienza posso solo affermare , con tutto il rispetto che ho per la tua professionalita'.. che non ci sono regole che tengono per cercare o tenersi un uomo.. basta solo amarsi..
    Rispondi a laura Commenta l’articolo

  8. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 7 anni fa (2 Agosto 2014 15:17)

    Cara Laura, se la tua storia ti ha portato allo stato che dici, non era una buona storia e bisogna occuparsi del tuo stato, con urgenza e competenza. Per quanto riguarda le tu altre considerazioni, sono del tutto secondarie rispetto alla questione che hai sollevato ed evidentemente quel che ti ha portato in questa condizione non era amore. Quindi calma, e occupati di te.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  9. Avatar di Rossana Urso

    Rossana Urso 7 anni fa (19 Maggio 2015 17:05)

    cari tutti! è interessante leggervi perché qui io mi sento un pò confusa su entrambi i fronti. ma soprattutto sul fronte n.1 non so che cosa voglio e per questo quando incontro qualcuno non so come riconoscere se è la eprsona giusta o meno. sensazioni molto ambivalenti...... ho 33 anni e voglio una vita di coppia serena e non per forza figli o convivenze...voglio solo stare tranquilla, però vedo che mentre prima scremavo molto.....adesso arrivo ad ascoltare anche quelli che non avrei mai e poi mai ascoltato. questo su suggerimento di un'amica che diceva che ero troppo selettiva...bene.....a questo punto come si fa a capire cosa cerchiamo in una relazione e soprattutto chi??????
    Rispondi a Rossana Urso Commenta l’articolo

  10. Avatar di Licia

    Licia 6 anni fa (10 Agosto 2015 13:12)

    Gentile Ilaria, Ti scrivo in merito all'approfondimento "comunicare": interessante, semplice e profondo. Ho applicato le indicazioni sull'osservazione degli altri sulla persona che mi piace e vorrei attrarre e ho capito, dopo tanto tempo che la conosco, che il suo atteggiamento verso di me è quello di fuggire! Infatti, "Si muove veloce e nervoso, come se qualcuno gli corresse sempre dietro. Raramente si siede. Se lo fa con le gambe accavallate e il busto rivolto all’indietro. Quando cammina, in realtà corre! Non gesticola. Si sposta nell’ambiente a scatti e in modo rigido. Posa lo sguardo lontano. Raramente tiene un costante contatto visivo con le persone. Non si sofferma mai sul viso delle persone. La voce è bassa. Parla a volume basso. Il modo di parlare denota nervosismo e agitazione. La voce risulta forte e chiara." Quello, però, che non mi torna, è che, a fronte di tale comportamento, è da più di un anno a questa parte (giugno 2014) che ci scriviamo email ogni giorno, anche più volte al giorno. I suoi messaggi sono brevi, sempre gentili e premurosi. Se mi dai una Tua opinione, Ti sarei grata. Un caro saluto. Licia
    Rispondi a Licia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 anni fa (10 Agosto 2015 14:22)

      @ Licia, grazie per il tuo commento. Per chi non lo sapesse preciso che "Comunicare" è uno degli approfondimenti che fa parte del percorso "I 7 Pilastri dell'Attrazione". Detto questo: il tuo amico è sfuggente e questo non è un buon segnale. Evidentemente gli interessa avere "validazione" (cioè sentirsi importante) attraverso il contatto con te, ma per lui basta e avanza lo scambio di email. Tu hai proprio bisogno di lui e di pensare a lui? Non pensi di meritarti qualcosa di più?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  11. Avatar di Patty

    Patty 6 anni fa (24 Novembre 2015 16:00)

    Ciao a tutti, mi sembra che questo articolo sia fatto apposta per me! E' così difficile dire ad una persona: Si sono stato un cretino ad averti chiesto il numero di telefono chiamarti subito e chiederti di uscire da soli il tutto per 2 settimane di seguito e assiduamente , invitarti a casa da soli per poi sparire di colpo, senza che sia successo niente e NO non sono interessato a te perchè non sei il mio tipo???? Chiedere troppo!!!! Meglio sparire del tutto dopo la frase che nessuno sarebbe felice di sentirsi dire: il nostro frequentarci per me è un amicizia, sentimentalmente non prova nulla... allora cosa siamo usciti a fare???? Per amicizia giusto e tu una persona che ritieni amica la allontani brutalmente di colpo con la scusa che non te la senti di prendermi in giro e di farmi soffrire visto che soffri già per i fatti suoi dopo la fine di una storia durata anni? Non era più semplice lasciarmi perdere se non ti piacevo o se non potevi farne a meno mettere in chiaro NO non sei il mio tipo non mi interessi come donna, piuttosto che trovarsi in una situazione per me imbarazzante soprattutto dopo che i tuoi comportamenti non sono stati proprio da amico? (mi prendeva per mano - abbracci - messaggi del buongiorno e della buona notte...) Capisco che non sia facile dire in faccia queste cose...ma io dico a 40 anni si può perdere tempo ad uscire con qualcuno che alla fine non ci interessa? Penso che l'amicizia tra uomo e donna intesa come amicizia pura senza "secondi fini" (tra persone dello stesso sesso) non esista... Mi sento una ragazzina che non è riuscita a distinguere l'amicizia da un interesse e la cosa non mi fa stare bene! Qualcuno mi aiuti a capire cosa passa nella testa di questi personaggi... Grazie a tutti
    Rispondi a Patty Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (24 Novembre 2015 21:01)

      Nulla, assolutamente nulla. Il vuoto assoluto.
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Patty

      Patty 6 anni fa (25 Novembre 2015 10:20)

      Grazie per il commento che condivido in pieno...! bisogna sperare di non incontrare più persone così! magari ci fosse un "antidoto".... Buona giornata a tutti
      Rispondi a Patty Commenta l’articolo

    • Avatar di helen

      helen 6 anni fa (25 Novembre 2015 12:26)

      La difficoltà nel formare anticorpi verso certe persone è che basano la loro violenza più sull'omissione che sull'azione. È più facile inquadrare un ceffone o un insulto che un silenzio, un mezzo silenzio, una frase fintamente conciliante.
      Rispondi a helen Commenta l’articolo

    • Avatar di Patty

      Patty 6 anni fa (26 Novembre 2015 11:43)

      Helen, grazie mille per il tuo commento...è molto profondo! Vero, il silenzio vale più di mille parole, e talvolta lascia spazio ad altrettanti mille e più pensieri che spesso di contraddicono tra loro specialmente se questi vengono poi accompagnati da frasi dette a metà o che lasciano intendere altre cose. Il risultato è che si crea una gran confusione così perchè alla fine non si capisce cosa passa davvero per la loro mente...(vuoto e nulla a parte come giustamente scritto da Gea) Possibilè che io sia stata così stupida e infantile da aver capito male? Perchè un giorno ti comporti come se fossi importante e quello dopo non mi calcoli? Cosa spinge una uomo ad avere un comportamento così diverso nei confronti di una donna nel giro di pochissimo tempo? Il giorno in cui non mi farò più domande significherà che starò meglio e che di conseguenza sarò diventata "immune" da questi individui e le loro conseguenti azioni! Dio ci ha distinto dagli animali per l'uso della parola e nel tempo, l'evoluzione ha fatto si che se ne possa addirittura fare un uso corretto!
      Rispondi a Patty Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 6 anni fa (26 Novembre 2015 17:38)

      Cara Patty, tutte queste domande sono una gran perdita di tempo e di energie. Semplicemente non é la persona giusta, o adatta che dir si voglia. Casomai, di' a te stessa che il soggetto in questione non ha superato il test. Punto e basta! ;-)
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Patty

      Patty 6 anni fa (26 Novembre 2015 22:17)

      È vero Geo...non bisogna più perder tempo hai proprio ragione! Buona serata e grazie
      Rispondi a Patty Commenta l’articolo

  12. Avatar di Akirambul

    Akirambul 6 anni fa (28 Novembre 2015 2:26)

    Io credo che inizialmente tu gli piacessi davvero; poi suppongo che ci sia stato qualcosa che gli abbia fatto scattare l' idea che tu non fossi quella giusta, e che in mancanza di coraggio o voglia di comunicare ciò che accadeva, abbia preso la strada meno faticosa: il distacco. Ma comunque siano andate le cose, è vero come dici tu, che "Dio ci ha distinto dagli animali per l'uso della parola e nel tempo, l'evoluzione ha fatto si che se ne possa addirittura fare un uso corretto", ma io sono sempre più convinta che la donna fino ad oggi sia stata in grado di elevarsi un po' più dell' uomo. "Le donne stanno avanti!" è un modo di dire che a mio parere potrebbe essere scientificamente provato.
    Rispondi a Akirambul Commenta l’articolo

    • Avatar di Patty

      Patty 6 anni fa (30 Novembre 2015 13:55)

      Grazie mille per il tuo commento Akirambul! Anche io inizialmente lo credevo e condivido la tua ipotesi: ha forse cambiato idea oppure ho pensato ad un altra donna di mezzo. Come dici tu essendo un passo avanti, noi donne avremmo comunque detto le cose come stanno da subito, (almeno a parer mio, così avrei fatto io e la maggior parte di noi, poi c'è sempre l'eccezione) anche se capisco non sia facile dire determinate cose. Buona giornata :-)
      Rispondi a Patty Commenta l’articolo

  13. Avatar di nonmicapuscopiu'

    nonmicapuscopiu' 6 anni fa (13 Febbraio 2016 21:42)

    Ciao a tutte,da circa 15 gg ho iniziato un nuovo lavoro. Mi trovo benissimo e ho un collega col quale lavoro benissimo e ho trovato un'intesa pazzesca. E lui idem. Il mio datore di lavoro duce che è cotto di me,ma io non ne sono convinta. È gentilissimo,cerca sempre di aiutarmi,mi abbraccia spesso,ha parlato benissimo di me al principale,mi ha invitata a bere una cosa dopo il lavoro e anche a vederci per studiare,mi ripete continuamente di stare benissimo in mia compagnia e du essere rinato col mio arrivo. Però da qui basta. Mi ha anche detto di essere fidanzato però....secondo voi è solo gentilezza ?
    Rispondi a nonmicapuscopiu' Commenta l’articolo

  14. Avatar di helen

    helen 6 anni fa (14 Febbraio 2016 9:47)

    Però è fidanzato lo schifoso.Sul luogo di lavoro ci si abbraccia spesso?? Io ho sempre trovato deprecabile l'inciucio sul lavoro. Pure col capoufficio che interviene a dire la sua. Le cose si dicono, si fanno, si discutono FUORI. E basta con sti posti di lavoro che diventano delle location di soap opera con trame a puntate con occhiate, ammiccamenti, toccamenti, commenti, rilanci.
    Rispondi a helen Commenta l’articolo

  15. Avatar di nonmicapiscopiu'

    nonmicapiscopiu' 6 anni fa (14 Febbraio 2016 19:54)

    O mio Dio ma dove sono finita??adesso un collega non può fare un complimento o apprezzare la compagnia di una collega che è uno schifoso?? Uno i suoi abbracci sono molto casti e rispettosi,due il mio datore di lavoro è come un padre per me e c'è molta confidenza,tre volevo un parere esterno per evitare di travisare, quattro anche se si è fidanzati siamo sempre essere umani e,anche se non è giusto,può capitare di innamorarsi di un'altra persona. Non facciamo gli ipocriti. Non tutti gli uomini sono bastardi e manipolatori e non tutte le donne sono sante
    Rispondi a nonmicapiscopiu' Commenta l’articolo

  16. Avatar di lunetta

    lunetta 4 anni fa (6 Giugno 2017 19:15)

    Cara Ilaria, leggendo i suoi articoli (uno in particolare in cui parlava anche di Benjamin Franklin) per la prima volta in tutta la mia vita sento che quel consiglio in particolare, per conquistare un uomo, sia veramente valido. Anche questo articolo che ho appena letto, e che rileggerò di nuovo, mi ha dato molti spunti di riflessione. Per la mia esperienza, che non è molta, ho sempre avuto appuntamenti deludenti, uomini che mi hanno fatta star male e che mi hanno fatto sentire inadeguata, dopo solo qualche ora di conoscenza. Uomini che spariscono nel nulla e che mi fanno chiedere "ma cosa cavolo ho fatto di sbagliato?". Non so se sono mai stata innamorata, non avendo mai avuto il piacere di approfondire la conoscenza con qualcuno, quindi non ho mai avuto relazioni serie. La mia esperienza con gli uomini arriva allo zero assoluto. Non sono mai riuscita a combinare un granché e adesso che mi piace qualcuno non so neanche da che parte iniziare per sedurlo, anzi, non so nemmeno come si fa. E' un po' un casino ed è lunga da spiegare. Lui lavora per un'ente di formazione, è uno psicologo, ed io sto frequentando un corso che ha attivato in collaborazione con altri enti. A parte questa piccola complicazione, lui mi piace davvero tanto! Quando parliamo mi fa sentire sicura di me stessa, ridiamo e scherziamo, si confida con me (anche se lo fa con tutti e non ci do molto peso), è gentile, divertente e intelligente, ha fiducia in me e m'incoraggia (anche se questo fa parte del suo lavoro di psicologo). Come tutti ha i suoi difetti, e devo dire che di lui mi piacciono pure quelli, anche se certe volte mi fa incavolare. Sinceramente cerco di restare con i piedi per terra e quindi non so cosa fare. Non sono mai riuscita a capire se un uomo sia interessato a me. A volte capita che lo capisco, ma mai quando sono coinvolti i miei sentimenti. Da una parte vorrei conoscerlo meglio e frequentarlo, ma dall'altra ho troppa paura di fare la prima mossa, di essere inadeguata e di non piacergli. Poi mi sono arrivate voci che lui ha capito che m'interessa, non so se siano vere e non so se crederci, ma lui è sempre così gentile con me, e anche con le altre persone, che faccio molta fatica a capire, anche perché si definisce "timido". Dal canto mio ho un'autostima molto bassa e lui lo sa, tanto che ha provato ad aiutarmi. Una volta mi ha dato un appuntamento per un colloquio e non ho avuto nemmeno il coraggio di bussare alla sua porta ed entrare. Lo sentivo parlare con qualcuno e non lo volevo disturbare e sono letteralmente scappata via. Gli ho fatto le mie scuse, ma da quel momento evito di guardarlo e di parlargli e quando lo faccio non riesco nemmeno più a guardarlo negli occhi, anche se il suo comportamento nei miei confronti non è cambiato. Adesso il corso sta finendo e praticamente non lo vedrò più e ho paura di avere rovinato tutto, come al solito. Un amico che abbiamo in comune vorrebbe che affrontassi le mie paure e affrontassi lui e che gli dovrei dire che mi piace. Una parte di me lo vorrebbe e l'altra invece ha troppa paura di tutto, di affrontare la delusione per l'ennesimo NO, o l'eventuale inizio di una relazione in caso contrario... Comunque, si deve fare un passo alla volta, giusto? Onestamente non so cosa farò al riguardo, ma leggendo questo articolo (e altri) mi sento già meno confusa su quello che voglio e su quello che dovrei fare, cioè cercare di migliorare la mia autostima e di essere più indipendente. Grazie di cuore per le sue parole e i consigli! ^_^
    Rispondi a lunetta Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 4 anni fa (6 Giugno 2017 21:08)

      Lunetta, la prima cosa con lui (ma con tutti gli uomini che ti interesseranno) è non evitarlo...se hai possibilità di guardarlo e di parlarci, devi farlo, sennò lui come fa ad avere degli spunti per passare dalla conoscenza al flirt?...probabilmente parti già con l' idea che tu a lui non piace ma...fregatene!...viviti la conoscenza come un gioco, come un divertimento, e se le cose devono essere, saranno...se sai che lui sa che ti piace, e non ti evita, potrebbe essere interessato, ma se manco lo guardi più che deve fare lui?...poi chiaramente se è interessato, dovrebbe esporsi e chiederti -più o meno direttamente- il numero o un appuntamento...su, forza!
      Rispondi a max Commenta l’articolo

    • Avatar di Lunetta

      Lunetta 4 anni fa (7 Giugno 2017 11:50)

      Ciao Max, hai perfettamente ragione su tutto! Il mio problema é che quando mi piace qualcuno sul serio, la prima cosa che mi viene da fare é scappare, specialmente se vedo qualche segno d'incoraggiamento, anche se con lui ne ho visti solo qualcuno, forse... Non riesco mai a capire! Fino a due mesi fa ho sempre fatto come hai detto e sono stata bene, ero contenta anche per come reagiva lui, e poi é successa quella cosa e ho cominciato a evitarlo. Comunque d'ora in poi cercherò di parlargli, se ci saranno altre occasioni di vederlo! Intanto proverò a migliorare la mia autostima! Grazie mille! ^^
      Rispondi a Lunetta Commenta l’articolo

    • Avatar di Lunetta

      Lunetta 4 anni fa (8 Giugno 2017 16:51)

      Dimenticavo di dire che lui ha il mio numero di telefono e io ho il suo. Me lo ha dato la terza volta che ci siamo visti "in caso hai bisogno di qualcosa..." e io ho pensato "si, ho tanti problemi psicologici". E comunque lui, sempre per sentito dire, pare che voglia evitare la "questione: che lui mi piace", una cosa comprensibile visto che è il responsabile del corso formativo che sto seguendo. Questo progetto, però, "scade" il primo ottobre e non mi va di passare altri 3 mesi così, con l'incognita, già ne son passati 9 e mi sembra solo di perdere tempo e basta. Una parte di me vorrebbe solo dimenticarlo e andare avanti, mentre l'altra non vorrebbe vivere con il dubbio "e se..", mi è già capitato una volta con un mio compagno di classe di cui ero persa e quando ho capito che forse anche lui provava la stessa cosa, ma era troppo timido per farsi avanti, la scuola era già finita da un pezzo. Da allora, ogni tanto, me lo sogno di notte, come se il mio inconscio mi dicesse "hai visto cos'hai perso? dovevi fare qualcosa". Scusate, magari vado troppo via con la fantasia xD.
      Rispondi a Lunetta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 anni fa (8 Giugno 2017 17:06)

      Magari.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  17. Avatar di Irene

    Irene 4 anni fa (25 Giugno 2017 13:44)

    ...e quindi potrei dirgli qualcosa tipo: Hey tu, mi piaci. Che si fa? :D
    Rispondi a Irene Commenta l’articolo

  18. Avatar di michela

    michela 4 anni fa (25 Giugno 2017 21:16)

    Buonasera , vorrei un consiglio. Conosco un. Ragazzo da 3 settimane. É da circa una settimana che ha smesso di farsi sentire se non per dirmi che é molto preso e non ha tempo. Io fino a ieri sono stata sulle mie e gli ho detto di stare Tranquillo. Ora vorrei sapere il fatto che sia molto preso dagli esami universitari implica che non abbia tempo per un messaggio al giorno anche pa sera tipo "buonanotte"?. Secondo, oggi i miei genitori hanno litigato molto forte, lo fanno da quando sono bambina, il problema è che mio padre alza le mani e allora mi sento in dovere di intervenire. Per tutto il giorno non sono uscita per paura che succedesse qualcosa e quando capitano questi periodi (fortunatamente non spesso) sto in casa perché ho paura che uscendo non possa controllarli e mio padre faccia del male a mia madre. Ora, il mio migliore amico torna domani per fortuna oggi ho potuto messaggiare con lui. Però mi chiedo, il ruolo di questo ragazzo che ho conosciuto? Ho cercato di trattenermi e non dire nulla, ma ala fine gli ho chiesto se potevamo vederci anche solo mezzora perché avevo avuto una brutta giornata. Mi ha detto di no perché é troppo preso dallo studio e non deve nulla a una persona che conosce da 3 settimane. Non mi sono sentita di dirgli per messaggi che era successo ma é un deja vu...sempre cosi, io in questa orrenda situazione, ragazzi che non vogliono rotture da me...non ne posso più...
    Rispondi a michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 anni fa (25 Giugno 2017 21:20)

      Michela, partiamo dalla questione semplice: cancella questo idiota dalla tua vita, per favore. La tua storia personale di certo può spiegare perché incappi in questo tipo di personaggi. Ho la sensazione che prima te ne vai di casa meglio è e che con tuo padre vadano presi provvedimenti seri, molto seri.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di michela

      michela 4 anni fa (25 Giugno 2017 21:27)

      Cara Ilaria grazie mille. Si io sto studiando molto ormai sono prossima alla laurea e ho trovato anche un tirocinio da fare. Mi danno 300 euro al mese, cioè un bel niente, ma devo pur iniziare. Si ho pensato lungamente se aveva ragione questo ragazzo oppure no, in fondo non mi conosce ma quindi se mi trovo in questa situazione soffro e non gli dico nulla? Preferisco evitare. Di cosi ne ho conosciuti tanti, loro verranno sempre prima e se li intralci coi tuoi problemi ti mollano. Io spero che mia madre molli mio padre ma non ne ha mai il coraggio. Io e mamma siamo isolate perché non abbiamo parenti qui vicino. Mio padre ha detto che aspetta di sistemare la macchina per andarsene. Io non posso fare la mediatrice e nello stesso tempo vorrei un ragazzo che mi supportasse, non che la risolvesse, questa situazione. Metto subito fine all'idiota e grazie ancora
      Rispondi a michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 anni fa (25 Giugno 2017 21:34)

      Tutto giusto: 1) lascia questo idiota ed evita quelli come lui: 2) la mamma deve lasciare tuo padre e non ce la fa perché è in uno stato di dipendenza: 3) tu non puoi e non devi fare la mediatrice; 4) tuo padre ha sguazzato e forse aumentato il vostro isolamento 5) tu devi crearti una vita felice spezzando la catena dello schema famigliare di abuso. Tuo padre non se ne andrà, perché mai allontanarsi dalle sue vittime? Ti sono vicina.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di michela

      michela 4 anni fa (25 Giugno 2017 21:41)

      Grazie mille Ilaria, mi viene da piangere mentre ti scrivo, perché mi trovo cosi isolata da dover scrivere qui, io apprezzo molto il tuo lavoro e che qui abbia lo spazio per sfogarmi, ma mi chiedo che razza di rapporti abbia di persona, per non trovare mai delle persone o un ragazzo che mi dica "corri qui e dimmi che c'é che non va", ma sono forte e prima o poi troverò il coraggio di affrontare tutto e troverò anche una persona cosi. Il lato positivo di questa situazione é proprio questo: Sto diventando paziente e forte all'inverosimile, ma é molto importante anche reagire e lo farò, grazie di cuore
      Rispondi a michela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 anni fa (25 Giugno 2017 21:51)

      Ciao Michela, meglio qui che altrove :). Nessun ragazzo deve dirti "Corri qui e dimmi che c'è che non va." Se tu incontrassi qualcuno del genere dovresti temerlo più di chi ti tratta male esplicitamente. Detto questo va bene portare pazienza, ma non hai nessun dovere di subire una situazione molto tossica, che tra l'altro ti ha convinto che tu non meriti chi ti tratta bene e ti spinge tra le braccia di chi ti tratta male dato che ti fa rivivere uno schema noto - quello del malessere in famiglia, quello di tuo padre che tratta male tua madre e di tua madre che si fa trattare male e quello di loro due che non ti mettono al centro dei loro affetti -. Più che reagire è utile che tu ti dedichi ai tuoi progetti e a cancellare gli schemi disfunzionali. Un partner giusto è colui che ti tratta alla pari e con rispetto.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  19. Avatar di michela

    michela 4 anni fa (25 Giugno 2017 22:34)

    Grazie Ilaria, spero di riuscire a trovarlo ma soprattutto di saperlo riconoscere dato che sembra che non capisco la differenza tra giusto e sbagliato. Grazie ancora per il tuo aiuto :)
    Rispondi a michela Commenta l’articolo

  20. Avatar di michela

    michela 4 anni fa (25 Giugno 2017 22:35)

    Ps. ho scritto all'idiota dicendogli che è andata così e gli auguro il meglio. Non mi ha risposto
    Rispondi a michela Commenta l’articolo