Articolo Successivo >>

Attenzione al bambinone

Le caretteristiche del bambinoneUrca, doveva essere il lancio promozionale di una nuova serie tv a confermare una drammatica sensazione che molte donne conoscono bene: gli uomini per lo più sono degli immaturi e la sindrome del bambinone, ahimé, è molto diffusa. Lo dice un sondaggio condotto dagli americani, sulle donne americane. Che, come molte altre donne, sono convinte che gli uomini non siano persone mature e che, molto spesso, o maturano molto avanti con l’età o, addirittura, non maturano proprio per niente. Mai nella loro vita.

"Si è giovani una volta sola, ma si può essere immaturi per sempre.Philip Roth"

Ok, se tu hai la sensazione di essere circondata da uomini-bambinoni, di avere un partner che è un “bambinone” o di essere passata, nelle relazioni che hai avuto, da un bambinone a un altro bambinone, non sei la sola al mondo. Sei in numerosa compagnia. E questo, però, non significa “mal comune mezzo gaudio”.

Ma procediamo con calma.

Un importante canale televisivo americano, Nickleodeon, sta mandando in onda una nuova serie intitolata Wendell & Vinnie. Wendell è un ragazzino (per davvero) che ha dodici anni ed è molto intelligente, serio e posato. Vinnie è un uomo tra i 35 e i 40 anni che ha un’attività ben avviata e nessun problema nella vita. Fino a che non è obbligato a prendersi cura di Wendell, che è suo nipote e del quale è stato nominato tutore legale.

Lì iniziano i guai – come in tutte le serie tv che si rispettino – dato che lo zio-bambinone non è proprio in grado di comportarsi da bravo adulto.

Il bambinone e le donne

Fatto sta che per pubblicizzare Wendell & Winnie, gli addetti marketing della Nickleodeon hanno fatto un grande sondaggio e hanno chiesto alle donne americane che cosa ne pensano degli uomini che hanno accanto o con i quali hanno avuto storie passate. Il verdetto del popolo femminile americano è stato impietoso (o forse realistico, giudica tu): secondo le nostre amiche d’oltreoceano gli uomini maturano almeno con un ritardo di dieci anni rispetto alle donne, talvolta non maturano mai e molte donne lasciano o hanno intenzione di lasciare il proprio compagno dato che di fatto non è un adulto, ma un bambinone, spesso davvero insopportabile.

Due informazioni interessanti in più: la prima è che gli uomini non sembrano essere rimasti molto toccati da queste considerazioni, anzi, in molti casi si sono dichiarati – orgogliosamente – “immaturi cronici” e quindi bambinoni per sempre; la seconda è che è stata stilata una lista dei 30 comportamenti ad alto tasso di infantilismo, che le donne considerano intollerabili da parte di un uomo/bambinone.

La lista include perle come “giocare ai videogiochi”, “fare scherzi in continuazione” e  “stare zitti durante i litigi”.

Il bambinone: come riconoscerlo, come evitarlo

Inutile dire che i risultati del sondaggio hanno suscitato polemiche: molti uomini non solo sono orgogliosissimi del bambinone che è in loro, ma sostengono che, molto spesso, le donne non sono meno bambine di loro. Per esempio quando pensano troppo allo shopping o si perdono in chiacchiere fiume con le amiche.

Va bene. Teniamo presente anche l’”altra campana”, è importante. Nello stesso tempo è essenziale che, se vuoi realizzare una relazione sana e duratura, tu debba saper riconoscere quanto è bambinone l’uomo con cui stai e che ti interessa. Perché sei sempre in tempo a evitarlo e a incontrare un uomo adulto con il quale instaurare un rapporto alla pari.

Perché – sono sicura che l’hai già intuito – molto spesso la prima caratteristica che definisce un bambinone è che non ha nessuna voglia di impegnarsi davvero in una relazione seria. E, se per caso sta vivendo una relazione di coppia anche da tanto tempo, in realtà “va al traino”, ci sta come un bambino con la mamma, insomma lascia a te il peso di tutte le fatiche e di tutti i compromessi del rapporto. Vita durissima con lui. Ne vale la pena?

Le 10 caratteristiche-base del bambinone

Quali sono le altre caratteristiche del bambinone?

1)      Non si assume le “grandi respondabilità” della vita. Molto spesso è perfettamente in grado di guadagnarsi uno stipendio – magari anche un ottimo stipendio – o di avere un buon lavoro e di fare una grande carriera. Ma, per esempio, rifugge dalle responsibilità che possono venire dall’avere figli. O preferisce non averne dle tutto, di figli, o, se li ha, delega l’impegno vero dell’educazione agli altri. In compenso è un ottimo “amicone” dei propri bambini e un grande compagno di giochi.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

2)      Non sa decidersi: tra due relazioni, per il matrimonio o per una separazione. Se è un uomo sposato che ha un’amante, ama (a modo suo) entrambe le compagne e non sceglie mai tra le due. Almeno che una delle due (o entrambe) decida per lui.

3)      Non vuole grane. Molto spesso sa risolvere egregiamente problemi pratici e tecnici (gestisce le faccende con la banca e con il commercialista, sa come si parla con il meccanico e quale macchina è meglio comprare) ma tutto quello che ha un risvolto “emotivo” è davvero troppo grande per lui.

4)      Si comporta con la compagna come si comporta o si comporterebbe con la sua mamma: in un certo senso le riconosce autorità e capacità e si affida a lei.

5)      E’ un simpaticone, cerca affannosamente e molto spesso trova il lato buffo di ogni aspetto della vita: questo serve a placare le sue ansie, ma spesso aumenta quelle della compagna, fino a condurla all’esasperazione.

6)      E’ molto attratto dall’esteriorità e non riesce ad andare nel profondo delle relazioni e ad ascoltare le esigenze dell’altra persona.

7)      Preferisce non fare progetti a lungo termine. E molto spesso nemmeno a breve: fissare un appuntamento una settimana per l’altra lo fa sentire “ingabbiato”.

8)      Come tutti i bambini di questo mondo, anche il bambinone cambia umore spessissimo e apparentemente senza motivo. Cambia anche opinione molto facilmente, cambiando le carte in tavola. “Un giorno è sul melo, l’altro giorno è sul pero”, come si dice…

9)      Dice frasi infelici senza pensarci e rischia di offenderti con facilità, perché, come i bambini veri, anche il bambinone non ha schermi.

10)   L’ho già detto ma è importante ribadirlo: sa di essere un bambinone e, più che esserne orgoglioso, usa questo suo tratto caratteriale come scudo, scusa e giustificazione per non tirarsi su le maniche, non crescere e non assumersi le proprie responsabilità.

Se conosci o se stai con un bambinone ora hai qualche elemento in più di valutazione. E’ importante che prima di pensare al tuo bambinone tu pensi bene a che cosa vuoi realmente per te e come puoi ottenerlo, senza far conto su nessuno.

Che cosa ne pensi, è sconfortante o è solo la cruda realtà? Secondo te è possibile realizzare una bel rapporto di coppia con un bambinone? Quali sono le caratteristiche che tu aggiungeresti o quelle che proprio non riesci a sopportare in un uomo del genere?

Lascia un Commento!

186 Commenti

  1. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 7 anni fa (14 Giugno 2013 15:26)

    Eh, Ilaria, grazie cara... Non lo so se ci sono uomini che maturano con 10 anni di ritardo, io di certo ne conosco molti di 10 anni più vecchi di me, ma immaturi. Non c'è bisogno che abbiano tutti i tratti che descrivi o i 30 dell'elenco. Per me non è un problema se uno ha voglia di giocare ai videogiochi, ma altre cose sono un vero problema. Poi, vedi, a volte questi tratti si combinano con altri tra cui supponenza, egoismo e narcisismo (in fondo molto infantili) e il mix è fatale. No, io non sopporto una persona così al mio fianco, tanto più che non so se davvero non veda i suoi problemi (perché son difetti che diventano gravi problemi nei rapporti con gli altri), ma di sicuro non li ammette. All'apparenza il mio bambinone voleva una relazione seria e si è comportato seriamente in molti frangenti, però la consegna delle chiavi di casa lo ha terrorizzato, a quanto pare. Così ha detto lui! La comodità di avere una casa sì (veniva quando voleva, ci dormiva e tutto il resto), la responsabilità no! Fosse tutto lì... Il problema è che di fronte al mio presentare dubbi, disagi, problemi relativamente ad alcuni comportamenti sempre più accentuati in questi mesi la reazione è stata: negare, contrattaccare, infine offendere quando niente altro funziona! (e io me ne vado) E' permaloso, orgoglioso e indubbiamente immaturo... non sa mettersi nei miei panni, vede solo il suo e non affronta la questione. Non che io non abbia difetti, ma se faccio notare un problema perché non si parla di quello invece di negarlo o spostare l'attenzione? Sapessi come tratta la mamma. Lei sarà anche ansiosa e appiccicosa, ma lui la tratta come una serva e una stupida, anche quando lei cerca di fargli favori. La chiama e nemmeno la saluta, le snocciola subito un ordine con tono tra il depresso e l'uomo che non ha tempo. E lei corre a soddisfarlo, anzi fa di più. In cambio nemmeno un grazie. Forse lui pensa che questo sia il modo di gestirsi gli affetti femminili? Non lo so, ma ad un certo punto ho capito che si stava innescando qualcosa di simile, ovvero che mi chiedeva sempre di più, sfuggendo però anche sempre più. Solo che è capitato male, perché io non sono qui a soddisfare le esigenze del "principe sul pisello"! Neanche se lui reagisce male quando gli faccio notare le cose. Forse sua madre nel tempo ha taciuto o è sempre stata remissiva. Certo non ce la vedo nel ruolo di educatrice!!! Ma ha avuto i suoi bei grossi problemi nella vita e... è andata così... 'sto figlio è cresciuto così! E guai a dire nulla... Ah, ma nemmeno io dico più nulla, l'ho mollato e basta! Io no, non ce la faccio più. All'inizio non pareva così grave. Ammetto che sapeva anche venirmi incontro, però l'atteggiamento prevalente (e sempre più prevalente) è stato l'altro. Figli? Un NO assoluto. Sarà perché è bambino lui? Passa il tempo a criticare tutti e, al tempo stesso, a preoccuparsi di cosa diranno gli altri, di che impressione hanno di lui, di che voto gli daranno. Ansioso, giudicante e perfezionista... Io non ci credo più che le persone si possono educare, far crescere... so la fatica che costa questo lavoro su sé stessi, so che prima bisogna vedersi per come si è realmente e poi vedere il vantaggio di cambiare ed essere davvero motivati. E anche così ci vuole un autocontrollo incredibile. In ogni caso si fa su se stessi, mica sugli altri... Che dire, io ci ho messo qualche mese ma poi ho capito chi ho di fronte. Credo di essermi comportata bene: perché non mi sono negata il problema, ho cercato di bloccare certi atteggiamenti e, al perdurare, ho tirato fuori tutti i problemi con lui. Ho comunicato in tono pacato, possibilita, spiegando come mi sentivo, senza offendere ma facendo presente il mio disagio, la sensazione di essere sola e trattata male e pure la paura di dirlo, per via delle sue reazioni. Ma in cambio ho avuto negazione, accuse e persecuzione. Ha perso la testa completamente. Ho conosciuto solo un altro paio di uomini che reagiscono così... e non sono affettivamente stabili nemmeno ora che vanno verso i 50. Il mio bambinone, dopo che l'ho lasciato, è arrivato a dirmi che se sono sola a 40 anni mi devo chiedere perché. Questo ha fatto molto male. Capisco le parole rabbiose che nascono dal suo dolore, ma io non ho avuto certi toni e non mi merito questo trattamento. Gli ho bloccato ogni forma di comunicazione, non ho letto la sua ultima mail cestinandola e basta. A questo punto, sono io che chiudo... Questa è cattiveria pura, Ilaria. E non si perdona, mi spiace. Non si dice una cosa del genere ad una donna alla quale prima si è detto che la si ama. Ma quale amore? Parole al vento. Mi ama se lo sopporto e sto zitta? Mi ama se non ho esigenze? No, Ilaria, io non credo sia una persona capace di amare, questa... Spero e voglio credere non siano tutti così. E di trovare di meglio. Perché Ilaria, dimmi, davvero sono inadeguata e incapace di una relazione io?
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  2. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 7 anni fa (14 Giugno 2013 16:27)

    Ci ho pensato: non ho sbagliato io, a parte la scelta della persona. D'altra parte ci vuole del tempo per conoscersi. Non devo farmi venire sensi di colpa se lui sta male o lasciare che faccia vacillare la mia autostima. I suoi problemi sono solo suoi. I nostri non ci sono più, uscita questa persona dalla mia vita. E io incontrerò di meglio. Intanto sono libera!
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  3. Avatar di Vale

    Vale 7 anni fa (14 Giugno 2013 17:45)

    @Paola quella vecchia Hai già detto tutto da sola. I suoi problemi sono suoi. Punto. Se lui ha un carattere di cacca tu non puoi farci nulla, anzi puoi fare solo una cosa: allontanarlo! Questa persona non era giusta per te, vai avanti e liberatene: non ne avrai altro che giovamento. Sì, sei libera! E conosci che cosa non va bene per te. I sensi di colpa non hanno mai salvato nessuno, non hanno mai risolto problemi. Coraggio e vai avanti! ;)
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  4. Avatar di Stefano Clementi

    Stefano Clementi 7 anni fa (14 Giugno 2013 18:34)

    Bell'articolo, però teniamo sempre presente che non bisogna mai generalizzare. Se io dico che i tedeschi mangiano tutti le patate, gli italiani sono tutti pizza e mandolino; sarei in errore. Ciao Paola, secondo me hai fatto bene a tagliare i ponti , stando alla tua descrizione. Sarebbe bello riuscire a capire il tipo di persona che hai davanti in 10 secondi?, capire se quella persona è adatta alle nostre esigenze e VALORI .Esso è molto importante e ci fa evitare di rovinarci il fegato per niente.
    Rispondi a Stefano Clementi Commenta l’articolo

  5. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 7 anni fa (14 Giugno 2013 18:49)

    Grazie Vale! Grazie a tutte anche nell'altro post. E' stato importante trovare una sponda in voi, perché alle volte, senza confronto con altre persone, si rischia di credere a quello che certi bambinoni manipolatori vogliono farci credere solo per farsi i comodi loro!
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  6. Avatar di Nicole

    Nicole 7 anni fa (14 Giugno 2013 19:14)

    @ Paola quella vecchia e Vale.....Io non sarei così dura nelle parole...posso capire che è la rabbia e, perché no, anche la delusione ma, credo sia saggio, non colpevolizzarsi ma nemmeno condannare duramente l'altro... doloroso è prendere atto che 'le cose non vadano come si desidererebbe' dopodiché meglio lasciarsi più serenamente possibile...e non dire 'peste e corna' dell'altro'..:-((...
    Rispondi a Nicole Commenta l’articolo

  7. Avatar di Sunflower_81

    Sunflower_81 7 anni fa (14 Giugno 2013 19:14)

    Beh, io nella descrizione ritrovo dei tratti da narcisista!!! Può essere che il bambinone sia un narcisista dipendente?
    Rispondi a Sunflower_81 Commenta l’articolo

  8. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 7 anni fa (14 Giugno 2013 20:58)

    Purtroppo Nicole non sempre si riesce a lasciarsi serenamente e se riportassi esattamente le sue parole credo che capiresti che lui non lo ha fatto... e quanto sia difficile farselo scivolare addosso dicendosi "ma sì, è solo un bambinone ferito che non si è mai preso le sue responsabilità, né prima né dopo, e per il quale i cattivi e colpevoli sono sempre gli altri, lascia perdere". Razionalmente me lo dico, emotivamente fa un male boia essere trattate così dopo avere pure dato tanto. Mi ha supplicato di parlarne e poi invece voleva solo negare e colpevolizzarmi, altroché capire e risolvere. Mi sono sentita anche presa in giro. E se tu non credi saggio reagire male, figurati come mi sento io a essere stata trattata a male parole e offese persecutorie tutta la mattina da chi diceva di amarmi. Il tutto perché ho fatto presente un problema. Io non esisto, capisci, come persona dotata di sentimenti e da rispettare. Sono per lui solo colei che deve dare amore, da spremere e tenere al suo posto. Fan'culo, concedimelo. Poi mi passerà, ma la rabbia ora ci sta tutta!
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  9. Avatar di Eleonora

    Eleonora 7 anni fa (14 Giugno 2013 21:24)

    PAOLA QUELLA VECCHIA:conosciuto anch'io,uno così...in realtà son troppo egocentrici x pensare che ci siamo anche NOI.NOI andiamo bene solo a comando,in un angolino ferme aspettando il loro input quando+va bene a loro e fanno gli offesi se le bamboline in questione si animano alzando la testa,da lì il ricatto psicologico:e meno male che mi vuoi bene???!!!...alla FINE,personalmente,mi ha pure noiosamente stancato delle sue polemiche e dei suoi copioni sempre uguali a loro stessi.ma siiiiiiiiii,che facciano pure i loro giochi...ALTROVE,PERò... non sono una grossa perdita,anzi...stancano e basta.
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

  10. Avatar di kikka83

    kikka83 7 anni fa (14 Giugno 2013 21:31)

    Paola quella vecchia: immensa stima per te e per ciò che sei!!!!!!
    Rispondi a kikka83 Commenta l’articolo

  11. Avatar di Rossana76

    Rossana76 7 anni fa (14 Giugno 2013 22:48)

    @Paolaquellavecchia Va là che hai scansato un bel fosso... :-) Un tipo simile, in un momento di rabbia, mi rinfacciò di non poter avere figli. Ne soffrii parecchio, perché puntò proprio su un mio punto sensibile, vigliaccamente. Poi decisi che avere un vigliacco a fianco... Ma anche no. Ecco, un compagno può avere momenti difficili,ed essere pure sgradevole in un litigio. Ma colpi bassi no. I colpi bassi sono esclusivi delle persone ' basse'. Molto basse...
    Rispondi a Rossana76 Commenta l’articolo

  12. Avatar di Vale

    Vale 7 anni fa (15 Giugno 2013 1:08)

    @Rossana L'uomo che ti ha detto una cosa del genere non si rende neanche conto della gravità di tali parole. Hai fatto bene a lasciarlo, uno che usa attacchi così brutali nei confronti della propria donna non merita nulla. Solo di essere cacciato via dalla tua preziosa e unica vita. :)
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  13. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 7 anni fa (15 Giugno 2013 11:29)

    Ci sono persone che non sanno accettare una sconfitta, né capirla e renderla preziosa. Ci sono persone che sanno reagire solo in modo distruttivo. Sono i bambinoni, utili nemmeno a sé stessi.
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  14. Avatar di Carli

    Carli 7 anni fa (15 Giugno 2013 13:03)

    @Paola quella vecchia, consentimi solo una cosa. Tutti hanno dei lati più deboli, tutti, nessuno escluso. E' stato capace di dirti che, se sei single a 40 anni devi chiederti il perché..Cattiveria gratuita. Forse una frase come questa può fare effetto xché generalment a una certa età la maggior parte delle donne sono "sistemate"?... alcune per le feste direi!!! La realtà è che molte di esse si accontentano di essere trattate esattamente cm la madre di questo bambinone...e questa mi sembra una cosa molto indesiderabile, molto più che essere ancora single. Ammiro molto il tuo coraggio. Vedersi riaprire le ferite da chi invece le dovrebbe curare è una delle cose più terribili che esistano..ti auguro di trovare il meglio.
    Rispondi a Carli Commenta l’articolo

  15. Avatar di Paola quella vecchia

    Paola quella vecchia 7 anni fa (15 Giugno 2013 17:29)

    Sai Carli, io non credo che tocchi a nessuno curare le nostre ferite se non a noi stessi. Detto questo fa pur specie che lui promettesse di curarle, conoscendo mie vicende passate. Delle quali comunque mi sono sempre assunta la mia parte di responsabilità, cercando di imparare per me stessa invece di passare il tempo per recriminare. Cosa che lui non ha mai fatto considerato che dopo oltre un anno e quando era con me si dedicava alla critica rancorosa verso la ex (che non lo voleva a dormire, guarda un po', invece da me andava e veniva come gli pareva e pure senza responsabilità di sorta...). In più riteneva che essere o restare soli fosse la sfortuna di non avere incontrato qualcuno alla propria altezza (si sarà capito che è tutta questione di misure, altezze, bassezze e valutazioni varie), mentre io gli dicevo che stare soli aveva sempre avuto per me i suoi bei vantaggi e forse in fondo 8 anni di singletudine nella mia vita me li ero anche voluti e pur con qualche storiellina o storiaccia di mezzo, devo dire che me li son goduti... anzi, devo dire che sono stati la mia fortuna, perché son diventata adulta e ho fatte esperienze che in coppia non avrei fatto ed è una gran ricchezza... Per cui, vedi, in realtà credo mi faccia più male il fatto che lui mi abbia dato ancora delle colpe, cercando di colpire la mia autostima, che per il fatto in sé... Invece quello che quando avrà la mia età (perché è più giovane) si sentirà un fallito se single sarà proprio lui... e tutto perché... nessuna sarà stata alla sua altezza... che non si capisce quale sia e come si misuri. Io direi dalla capacità di amare e che non ci voglia molto ad essere alla sua altezza, per cui... sì, è facile che l'unica che gli resterà accanto sarà una come la mamma, che ama in modo bisognoso. Come lui, in fondo.
    Rispondi a Paola quella vecchia Commenta l’articolo

  16. Avatar di Carli

    Carli 7 anni fa (15 Giugno 2013 23:39)

    Paola,in effetti anche quello che dici tu è vero...ke le ferite bisogna curarsele da sè.. Ciò che io intendevo dire, in realtà, è k fa ancora più male il fatt k proprio la persona ke diceva di amarti e ke avrebbe dovuto farti solo del bene, ti è andata vigliaccamente a colpire nel "punto debole", l'unico punto a cui solo una persona così immatura e priva di carattere e ragione poteva appigliarsi(che poi cm ti ho detto prima e cm tu stessa ora mi hai confermato di "punto debole" neanche si tratta)..insomma è "normale" che abbia scaricato le colpe su di te... come altro poteva difendersi? io dico che a un tipo del genere neank glielo puoi andare a spiegare dove sbaglia perchè nn capirebbe mai..
    Rispondi a Carli Commenta l’articolo

  17. Avatar di Dana

    Dana 7 anni fa (16 Giugno 2013 14:49)

    Paolaquellavecchia...so di cosa parli. Uno dei motivi che mi ha portato a chiudere con il mio compagno è stato proprio il vizio di frantumare la mia autostima, anche io mi sono sentita dire che se sono ancora sola un motivo ci sarà, mi ha dato della capricciosa perchè esigevo più presenza, ossia l'ho messo di fronte una scelta visto che viviamo distanti 1300 km l'uno dall'altra....la scelta di progettare un futuro, di esservi e vedersi di più o mollare tutto per sempre. E ogni volta che ho toccato questo tasto sono state liti furiose, e alla fine quella sbagliata ero io, io che non ho pazienza di aspettare (cosa non so) io che facevo capricci (solo perchè volevo viverlo di piu), io che tentavo comunque di parlare del problema....ed ero complicata. Un uomo che ama la sua donna non si permetterebbe mai di offenderla profondamente, neanche se gli dici che è uno stronzo e che non gliene frega nulla di te...credo che viceversa se non è così dovrebbe rassicurarti e cercare di dimostrare che ci tiene e che vede e sogna un futuro con te. Il mio compagno è stato capace di litigare in pubblico per strada additandomi e alzando la voce...per motivi che potevano essere discussi in toni diversi. Mi sono sentita mortificata tante volte dal suo modo di litigare e di come ogni sua frase facesse apparire me come una con cui non si può parlare...mentre, era proprio il dialogo ciò che cercavo...ma di sicuro non a discapito della mia autostima. L'amore è un'altra cosa. Adesso non rispondo più ai suoi sms dopo avergli detto per l'ultima volta di dimenticare che esisto e di non cercarmi più, perchè voglio dimenticarlo e riprendere in mano la mia vita. Vedo però che nei momenti in cui è più solo, e non è al lavoro, mi scrive sms....di notte, a mezzanotte, all'una alle due...dormi? che fai? chissa dove sei? ...Ecco questo è solo un folle bisogno di possesso e di avere il controllo; credo che il non avere più notizie lo faccia impazzire, ma questo non significa che io sia importante per lui, altrimenti non saremmo arrivati a questo, e soprattutto non aspetterebbe di essere nel deserto della notte per cercarmi, magari avrebbe preso un volo per raggiungermi.... E' solo controllo, possesso. Non bisogna dargli modo di rientrare nella nostra vita...liberarsene per sempre, anche se si prova un forte sentimento come nel mio caso, e riuscirci tenendo presente non quei pochi momenti buoni, ma tutto il resto dello schifo, le lacrime, la solitudine, l'abbandono..le offese e la mancanza di sensibilità. Che tratti così qualcun altra.
    Rispondi a Dana Commenta l’articolo

  18. Avatar di cristina

    cristina 7 anni fa (16 Giugno 2013 16:20)

    l'uomo bambinone è tranquillo perchè sa che (spesso ) ha accanto una donna che decide di fargli da mamma e poi se ne lamenta: che parla ma non passa ai fatti, che sgrida, minaccia..e si lamenta...poche parole più fatti..e molti uomini si raddrizzerebbero..la verità secondo me è che anche le donne mostrano immaturità ad aspettare per anni e anni che cosa?? che le loro illusioni si avverino? in fondo quando si ha a che fare con un bambinone sembrerà paradossale ma la nostra (spesso ) scarsa autostima ne trae un secondario vantaggio..ci possiamo sentire un pò superiori! vero che per certe cose le donne sono diverse..ma possibile esistano tutte queste donne emotivamente mature e psichicamente integrate...ho dei seri dubbi!!! è che esprimiamo diversamente le nostre immaturità..un pò di umiltà e di sano orgoglio (forse) potrebbero dare risultati insperati...ma purtroppo si sono un pò persi di vista l'uno e l'altro..
    Rispondi a cristina Commenta l’articolo

  19. Avatar di Eleonora

    Eleonora 7 anni fa (16 Giugno 2013 16:30)

    DANA:BRAVISSSSSSSSSSSSSSSIMA! è SOLO UN EGOISTA,UN PROFONDO EGOISTA.conosco il genere.
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

  20. Avatar di luca

    luca 7 anni fa (16 Giugno 2013 22:33)

    come sempre un articolo che da tutte le colpe all'uomo, mentre la donna risulta essere pressochè perfetta. Avanti così.
    Rispondi a luca Commenta l’articolo