Che cosa è il breadcrumbing e perché potrebbe riguardarti

che cos'è il breadcrumbingChe cosa è il breadcrumbing?

Hai mai sentito questo termine? Hai mai letto qualcosa al proposito?

Forse sì, forse no.

Breadcrumbing è  un termine inglese (ma pensa un po’) che significa “briciole di pane”.

Peggio.

Qualche tempo fa ho vissuto per un certo periodo in Inghilterra e non sapevo che esistesse questo termine riferito a uno dei tanti “malcostumi” delle relazioni tra uomini e donne.

In realtà nel significato in cui lo si usa oggigiorno, allora non esisteva.

Ma, si sa, gli anglosassoni sono bravissimi a inventarsi i termini più azzeccati per descrivere nuovi comportamenti umani che si manifestano nella società e nelle relazioni tra persone.

Parliamo come mangiamo!

Ebbene, ricordo che un pomeriggio stavo parlando con la mia responsabile di ufficio che sostanzialmente era curiosa di sapere come me la stessi cavando con l’uso della lingua e nella vita pratica.

Le dissi che stavo andando a fare la spesa e che nei supermercati non riuscivo mai a trovare quello che a casa mia si chiama “pan grattato” o “pane grattugiato”.

Dopo averle spiegato di che cosa avevo bisogno lei esclamò: “Crumbs!” e mi consigliò di chiedere al commesso i “crumbs”.

Uscii e seguii il suo consiglio, chiesi i “crumbs” e il commesso mi porse un contenitore cilindrico (hai presente tipo quello dei Pringles, ma più basso?), azzurro con la scritta “Crumbs” bene in vista e poi la spiegazione che si trattava proprio di pane grattugiato.

Crumbs significa briciole, ma anche pane grattugiato, un alimento poverissimo, impossibile da mangiare da solo e quindi, di per sé inutile.

C’è qualcosa di meno delle briciole? Sì!

Non si può vivere di pane grattato e credo che nemmeno i piccioni se lo mangino, dato che praticamente ha la consistenza della polvere.

Come tutti sappiamo serve per “impanare” – ma dài?!? – e ormai tutti lo compriamo al supermercato in sacchetti e costa pochissimo.

Non so tu, ma per dirti quanto sia un alimento “povero”, in quanto derivato dall’elemento più povero che abbiamo, il pane, io mi ricordo ancora che mia nonna usava il pane raffermo (secco) ed effettivamente lo grattugiava.

Per fare il pane grattugiato, per impanare.

Usava una grattugia elettrica, ma questo non lo rendeva di certo più pregiato.

Immagino che prima che fosse stata inventata la grattugia elettrica, la nonna il pane secco lo grattuggiasse a mano.

Fare breadcrumbring. Un atteggiamento inaccettabile

Prima, molto prima, che la pratica del breadcrumbing fosse definita così e fosse diventata tanto comune da parte dei peggio uomini, si sono sempre usate sia nel linguaggio popolare, sia in quello letterario, espressioni come: “A loro lasciava solo le briciole che cadevano sulla sua tavola.”

Oppure: “I nostri manager si danno premi di fine anno fuori misura e a noi lasciano solo le briciole”.

O ancora: “Dopo tutta questa fatica a me sono rimaste solo le briciole.”

Ecco pensa un po’.

A questo punto, anche se non hai mai sentito il termine breadcrumbing, sono certa che ne hai ben afferrato il significato.

Un uomo che fa breadcrumbing dà a una donna solo le briciole. Della propria attenzione, del proprio tempo, delle proprie energie.

Amore e interesse, zero, ovvio.

Brrr, mi vengono i brividi a pensare che oggi, ancora oggi, soprattutto oggi, ci sono donne che dagli uomini accettano le briciole invece di mandarli a ranare.

Vuoi che te lo dica sinceramente? Ci soffro proprio.

No, le briciole mai!

E sai perché? Perché accettare le briciole significa avere una autostima bassissima, ma soprattutto essere in una relazione di e da briciole è quasi ancora più pericoloso per la tua autostima e per il tuo benessere emotivo che essere in una relazione apertamente abusiva.

Questo non significa affatto che se vuoi fare un passaggio di grado devi spostarti da una relazione di briciole a una relazione abusiva.

Lo specifico, sai com’è, quando mi rivolgo a donne che non hanno una reale percezione del proprio valore, temo sempre che pur di negare la realtà, prendano qualsiasi considerazione alla lettera.

Ma perché il breadcrumbing è così pericoloso per la tua autostima?

Perché si tratta di una raffinatissima e crudele pratica di violenza psicologica.

Molti studi hanno provato che la violenza psicologica fa più danni di quella fisica.

Anche se certe affermazioni vanno prese con le pinze.

Esistono delle regole da seguire per avere una vita fortunata e felice? Molto rapida e sintetica, la guida gratuita che rivela ciò che conta per avere una relazione che ti fa stare bene.

In sostanza, se pensiamo alla violenza sui bambini e supponiamo che ci sia un bimbo o un ragazzetto abituato a prenderle regolarmente dal padre, accade che questo piccolino diventi ben presto consapevole che, non appena il padre rientra a casa troverà il modo di picchiarlo.

Ma una volta che il padre si sarà “sfogato”, le botte finiscono e il capitolo, per quella sera, si conclude.

Breadcrumbing e violenza psicologica

La violenza psicologica non si interrompe mai, se c’è, è sempre presente, anche nell’assenza temporanea di chi la agisce.

Per quanto riguarda il nostro bambino (donna o uomo) picchiato regolarmente da qualcun altro, non sarei così certa che, insieme alla violenza fisica e proprio a causa di questa, non subisca anche violenza psicologica.

Va bene (per niente, proprio), torniamo a noi.

Il breadcrumbing, in quanto sottile violenza psicologica, erode la tua autostima senza che tu te ne accorga.

Il che è un’aggravante.

In effetti ricevere le briciole fa molto meno rumore e molto meno “colpo” che prendersi un pugno o uno schiaffo.

La goccia che scava nella roccia

Il breadcrumbing è la goccia che scava nella roccia. “Gutta cavat lapidem” dicevano i latini, anche se non si riferivano al breadcrumbing.

È un po’ la contrapposizione tra Davide (la goccia, qualcosa di apparentemente innocuo e perfino delicato) e Golia, la roccia, qualcosa che crediamo essere resistente a tutto.

Invece la goccia della svalutazione può indebolire anche le personalità più forti. Quelle che anche nei nostri modi di dire definiamo “rocce”.

Ti renderai ben conto che quando un uomo è apertamente e indiscutibilmente violento, è molto più probabile che tu ne prenda coscienza e che tiri fuori la forza di cacciarlo dalla tua vita.

In linea generale, almeno, poi sappiamo che molte restano a prenderle…

Che cosa è il breadcrumbing, 3 ragioni per le quali accade e perché ci caschi

Se hai mai sperimentato il breadcrumbing da parte di un ragazzo o di un uomo che ti piace, sai già quanto è frustrante e quanto tempo può portarti via, in termini di occasioni e opportunità perse.

Sai quali sono le tre condizioni principali che rendono possibile questa terribile esperienza?

#1. Confondere l’attrazione con il potenziale, con la realtà.

Quando tu sei molto attratta da un uomo – o perlomeno credi di esserlo – è molto facile (eccome se lo è!) che salti qualsiasi processo razionale che preveda una realistica valutazione di lui come persona, come uomo, come partner.

L’eccitazione e l’entusiasmo di aver finalmente trovato qualcuno che ti piace operano una sorta di distorsione sulle tue percezioni e ti rendono più facile farti un’idea positiva di lui, come quella di un uomo che ha un gran valore e con il quale hai molto in comune.

Anche se in verità non lo sai e non puoi saperlo perché non lo conosci ancora abbastanza.

Come spesso ripeto qui e soprattutto nelle sessioni di coaching individuali con le mie clienti, una delle competenze emotive principali che desidero trasmettere attraverso il mio lavoro è quella di investire solo sulle persone e sugli uomini che investono su di te e non su coloro che risultano attraenti ed eccitanti e però non sono all’altezza di vivere relazioni serie e coinvolgenti.

Tieni sempre alti gli standard

#2. Non alzare e non mantenere alti gli standard relativamente a quello che sei disposta e quello che NON sei disposta ad accettare dagli uomini per paura di essere “tagliata fuori” dal gioco della seduzione.

In altre parole, se dal primo momento in cui cominci a frequentare un uomo dal quale sei attratta, già ti convinci che sarà “per sempre”, di conseguenza ti convinci anche che non puoi permettere di perderlo.

Quindi ti adatti e accetti qualsiasi comportamento da un uomo dato che non pensi di potertene andare.

Probabilmente questo atteggiamento non lo hai solo con gli uomini ma anche con colleghi, capi, parenti e amici.

Il pensiero strategico è onesto, pulito e paga

#3. Non avere un “pensiero strategico” riguardo le relazioni con gli uomini, quindi non sapere esattamente dove e come incontrare uomini di valore e non sapere quali sono gli atteggiamenti più giusti da tenere per essere cercata e non cercare.

Detto in altre parole non hai l’abitudine a selezionare ambienti e persone e non hai nemmeno l’abitudine a usare un minimo sindacale di cinismo per chiudere rapidamente rapporti che non hanno speranza e passare ad altro.

So bene che moltissime donne ormai odiano l’idea di rimettersi in gioco nel corteggiamento, perché deluse e annoiate (comprensibilmente) dai meccanismi che al giorno d’oggi lo regolano.

Anche questo dipende dalla mancata abitudine a pensare in modo strategico alla seduzione così da non da ingannare gli altri (ma figuriamoci!), ma da avere l’uomo e l’amore che si meritano senza attraversare infinite esperienze frustranti.

Usare pensiero strategico significa sapersi muovere nelle diverse situazioni in modo di proteggersi, di fare conoscenze di valore e di non perdere tempo.

Non negoziare su quello che non è negoziabile

Pensare in modo strategico ti aiuta anche in altri ambiti della vita, ti permette di crescere come donna e come persona, anche se nel percorso si possono prendere “buche” e incontrare sfide importanti.

Purtroppo molte donne che subiscono breadcrumbing o vivono relazioni con uomini abusanti o sperimentano relazioni disfunzionali, sono convinte di risolvere i loro problemi stringendo i denti e puntando tutto sulla loro forza di volontà.

Ma questo approccio logora, esaurisce e non porta a nulla di buono.

Quello che serve è sapere che cosa si desidera e rimanere fedele a se stessa, cioè non fare compromessi su quanto non è negoziabile in nessun modo.

Ecco che cos’è il breadcrumbing e perché devi rifiutarlo senza se e senza ma…

Lascia un Commento!

11 Commenti

  1. Avatar di Giusi

    Giusi 2 mesi fa (25 Luglio 2022 13:45)

    Da un anno ci frequentiamo, all'inizio il sabato sera un cinema, una pizza, una passeggiata e la domenica gita fuori porta, pranzo insieme, si divide a metà, in amicizia. Stiamo molto bene insieme, grandi chiacchierate, ci si apre, ci si confida poi, dopo circa tre mesi arriva l' intimità. Entra in casa mia, il sabato sera d'inverno si cena da me, conosce mia figlia, mia madre, i miei amici io di lui niente. Mi tiene lontana da tutti. I figli il sabato e la domenica stanno con la madre, i genitori sono ignoranti e all'antica, amici non ne ha, durante la settimana si lavora ... Proprio ieri pensavo che quest'uomo mi da gli avanzi di tempo, quel sabato sera e domenica che è solo senza figli ne amici allora ci sono io...poi magari con me sta bene, gli piaccio ma prende solo e non da...
    Rispondi a Giusi Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (27 Luglio 2022 14:54)

      Certo, e per usare sempre un termine inglese fa "stashing", cioè ti tiene nascosta nella credenza di modo che "lato suo" come si dice adesso, lui non risulta impegnato né avere una simpatia e quindi può avere altre donne (o cercarne altre) e non deve rendere conto a nessuno. Non investite mai più di quanto gli altri investono su di voi. Sempre meno.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di Laura

    Laura 2 mesi fa (25 Luglio 2022 12:00)

    Ciao Ilaria, descrivi perfettamente ciò che ho vissuto nell'ultimo anno. Abbagliata dal suo fascino, ho perso completamente la testa per questo ominide che è convinto di poter trattare una donna come una bambola gonfiabile, stavo male e non capivo perchè, ma finalmente ho aperto gli occhi e ho chiuso la storia senza insultarlo (ma se lo meriterebbe) e posso voltare pagina. Soggetto ambiguo, scorretto e emotivamente immaturo. Da perdere assolutamente. Merito di meglio! Buona giornata
    Rispondi a Laura Commenta l’articolo

  3. Avatar di Mayra

    Mayra 2 mesi fa (6 Agosto 2022 14:59)

    Buon pomeriggio a tutte e a te Ilaria . Sono anni che seguo il tuo blog ,un blog che ritengo molto utile per una crescita interiore. Sono stata in analisi ,mesi ,anni. Anni dove il mio psicanalista mi diceva di riprovarci con quest'uomo. Sono stata in depressione per un tradimento, di fatto non ha mai mollato né me né l altra . Lo so ,sono da prendere a schiaffoni . Ma in qualche modo riusciva a smontare qualsiasi mia resistenza e voglia (con molta fatica ) di riprendermi cura di me stessa. Dopo tanti miei allontanamenti decido di dargli un'altra opportunità. Risultato : mi fa entrare nella sua comitiva dove dopo un paio di serate mi accorgo di un ' intesa con un'amica . Nega tutto ,io chiudo . Gli amici suoi mi aprono gli occhi . Alla fine confessa . Ora. Lascio perdere definitivamente questo soggetto . Lo lascio al suo destino e ricordo a me stessa che noi donne dobbiamo fare squadra . Difficile ,anche questo lo so. Ma questi esseri si nutrono della nostra linfa vitale per gonfiare quel misero ego che hanno . Non ho detto o fatto nulla . Non ce l' ho con l'altra donna ,che pure vedendomi mi ha reso ridicola . È lui il vero problema ,non le altre. Chissà quante palle avrà raccontato ad ognuna di esse . Brucia un po' la vergogna ,il chiacchiericcio che inevitabilmente si è creato nella comitiva... Dopo undici anni è il caso di svoltare . Donne :amiamoci . È l'unica via . Buone vacanze a tutte
    Rispondi a Mayra Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (14 Agosto 2022 22:33)

      Sì lascia lui e anche lo psicanalista, però... Scherzi a parte, lascialo e che vuoi che siano le chiacchiere delle persone? Esaurito il numero di parole da dire, si esaurisce l'interesse e anche il ricordo. Cambia aria però, completamente.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 mese fa (16 Agosto 2022 22:57)

      ...Ma 'sti psicanalisti che dicono di dare altre opportunità a questi uomini?! Ne vogliamo parlare?
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (18 Agosto 2022 14:10)

      Eh, cara, metti il dito una piaga indegna. Dovremmo cominciare a parlare del significato e soprattutto dell'utilità da sempre e in particolare oggi della psicanalisi e di altre terapie psicologiche la cui efficacia è da sempre storicamente messa in dubbio e sempre più da mettere in discussione più avanti si va nel tempo...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 mese fa (18 Agosto 2022 17:10)

      Proprio così, Ilaria. Mi rendo conto che, purtroppo, molte volte le certificazioni e i titoli non bastano...
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (18 Agosto 2022 18:20)

      Quello di certo, anzi. E c'è un di più: non è mai stato provato che alcune discipline siano utili per una reale cura e guarigione della persona. La psicanalisi è una grande scoperta, grande e grandiosa, ma è davvero ben difficile ammettere che sia efficace per la cura e la guarigione. Oltretutto dopo che si sono rese disponibili altre forme di cura ben più efficaci, molto meno dolorose e di mooolto più brevi. Allo stesso tempo la società e le società sono cambiate e ovviamente le persone e i loro problemi. Io devo dire che il 50% del mio tempo lo dedico all'aggiornamento e posso dire che è il minimo.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 mese fa (18 Agosto 2022 18:45)

      Condivido tutto. La psicanalisi molto spesso è sopravvalutata. Io sto facendo un percorso di psicoterapia da circa un anno e mezzo, che mi sta indubbiamente aiutando a recuperare e a ricostruire la mia autostima, pian piano demolita per svariati motivi. Eppure sono convinta di aver raggiunto una maggior consapevolezza anche grazie al contributo di altre preziose risorse, che ho trovato altrove e che si sono rivelate molto utili per il mio benessere psicofisico (tra queste cito il tuo blog e i tuoi percorsi). Le strade per stare bene sono tante... L'importante è che tutte ci conducano nella stessa direzione per raggiungere gli stessi obiettivi.
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo