Ex: 2 cose da sapere e 3 passi da compiere

Ex: le cose giuste da fareAlzi la mano chi non ha un (o una) “ex”: un ex fidanzato, una ex moglie, un ex ragazzo, un ex marito o anche un ex passione sentimentale, cioè qualcuno o qualcuna per il quale hai provato una forte attrazione mai sbocciata in una vera storia d’amore…

Tutti abbiamo un “ex”.

Quel che provi per il tuo (o i tuoi) ex determina il tuo presente e il tuo futuro sentimentale.

All’interno del percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca sul titolo per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno), dedico molto spazio alla questione di chiudere i conti con il passato e fornisco degli strumenti pratici per farlo davvero.

Oggi vorrei considerare la cosa anche da un altro punto di vista.

Qualche giorno fa ho ricevuto questa mail: “Ciao Ilaria, sono una ragazza di 29 anni che si definisce “mediamente felice”. Ho qualche problema, come tutti, e in più mi piacerebbe tanto trovare la persona giusta per me. Ti scrivo perché la settimana scorsa mi è successa una cosa che mi ha sconvolto. Ho chiesto l’amicizia su Facebook al mio ex: dopo due anni, la nostra storia è finita un anno e mezzo fa e adesso, per come la vedevo io, mi pareva ci stessimo riavvicinando. Beh, sai che cosa è successo? Mi ha rifiutato l’amicizia e, peggio mi sento, quando gli ho mandato un messaggio per chiedergli perché, lui mi ha risposto con un gelido: “Dov’è il problema?”. Ilaria, mi sento terribilmente stupida, ma questa storia mi ha fatto stare davvero male. Che cosa mi sta succedendo? Grazie e a presto. Cinzia”.

Cinzia soffre di qualcosa che è molto comune e che io chiamo “sindrome dell’ex”: anche se credeva di averlo fatto, non ha chiuso nel modo più utile per sé il rapporto con il suo ex, dal punto di vista della sua emotività e autonomia personale.

Sindrome dell’ex e Facebook

Quando si affronta una separazione le persone vivono di norma due tipi di sentimenti verso il proprio (o la propria) ex:

il primo è quello dell’amore-rimpianto: l’ex è l’essere umano migliore della terra e niente e nessuno è in grado di rivaleggiare con lei/lui. Se vivi la separazione con questo stato d’animo ti senti completamente perso/a e pensi che nessuno sarà piu in grado di amarti in quel modo, né sarà degno/a del tuo amore. Il bello dell’amore per te è finito per sempre, con la fine di questa storia. Non sarai più in grado di vivere l’amore.

Il secondo è quello della rabbia-rancore-odio. Il tuo ex (la tua ex) è tra le peggiori persone che hanno abitato sul pianeta terra e racchiude in sé tutte le caratteristiche negative che possono appartenere a un essere umano. E’ un bugiardo/a, un traditore o una traditrice, privo/a di valori e di virtù.E tu sei ossessionato/a da una sola domanda: “Come ho fatto a starci per così tanto tempo? Se sono caduta/o in quest’inganno ho qualche limite speciale e dunque il vero amore non fa per me. Morirò sola/o e disperato/a.

In linea generale questi sono atteggiamenti normali e vanno accettati come una parte importante del processo di separazione. Il fatto è che dopo qualche tempo devono essere superati.

E sai perché?

Ex: separarsi davvero per trovare la persona giusta

Perché si tratta di sentimenti che nascono da convinzioni negative sul tuo (o sulla tua) ex, ma, soprattutto su di te: rimanere a lungo con questi stati d’animo ti blocca, ti impedisce di uscire davvero dalla storia e di occuparti per davvero di attrarre la persona giusta per te.

Che fare?

Ecco tre passi da compiere progressivamente e con decisione.

Non riesci a dimenticare una persona e un amore finito e credi che la tua vita si sia fermata? Ricomincia a vivere al 100%. Scopri come con il minicorso GRATUITO Supernova: oltre le storie passate, la tua nuova vita. Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella email.

1)      Datti un tempo limite per dar sfogo alla tua tristezza, alla rabbia e al rimpianto: soffri certo, ma per un tempo limitato, non più di tre settimane o un mese, dopodiché decidi di uscire dal tuo dolore.

2)      Analizza la storia passata con distacco e obiettività: se è finita delle ragioni ci sono di sicuro. Che cosa hai imparato da quello che è successo? Che cosa è andato bene e che cosa sei certo/a che non ripeterai più?

3)      Dedicati a costruire la tua nuova vita in base alle regole dell’autonomia e dell’indipendenza: esci, divertiti, dedicati alle tue passioni e coltiva amicizie; fallo sempre contando solo sulle tue forze e sulle tue risorse personali, senza cercare appoggio negli altri. E’ questo il modo migliore per preparare il terreno ad attrarre la persona giusta per te.

Lasciami un commento e raccontami le tue esperienze nello spazio qui sotto.

Ex: fare tesoro dell’esperienza e rendere concreto un nuovo amore

Sono profondamente convinta che anche nei momenti di più grande tristezza, quali per esempio possono essere quelli della fine di un amore, sia importante mantenere alto il desiderio di vivere un amore autentico e sincero.

Con una nuova persona, su nuove basi.

Scoprendo nuovi aspetti di sé e del rapporto di coppia, più gratificanti e più appaganti.

Lasciandosi alle spalle quello che non ha funzionato con un ex.

Di come sia possibile mantenere vivo in sé un sano desiderio per una storia sana e appagante parlo nel percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca sul titolo per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno).

All’interno ti guido a scoprire il meglio di te, a dispetto di delusioni e presunti fallimento e a scoprire il meglio degli uomini e di una relazione.

Per un rapporto autentico e onesto, pieno di rispetto.

Guarda i video dell’anteprima gratuitamente e inizia il percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca sul titolo per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno).

Cordialmente

Ilaria

Lascia un Commento!

371 Commenti

  1. Avatar di Vittoria

    Vittoria 3 anni fa (13 Dicembre 2018 13:21)

    Ciao Ilaria, ultimamente mi trovo a scrivere spesso nel blog... Mi sento una mina vagante, o sarà la troppa noia che mi porta a rimuginare. Mi trovo in un momento particolare. Ho sospeso il lavoro occasionale che facevo per essere un minimo indipendente, perché mi toglieva troppo tempo e ho bisogno di concentrarmi sulle ultime battutd per prendere, con un bel ritardo, la mia laurea triennale. Nel frattempo faccio un corso che riguarda una professione che mi piacerebbe molto svolgere in futuro. Con fatica mi è sembrato di migliorare molto nell'ultimo anno, relazioni comprese. Ora mi sento particolarmente apatica e insoddisfatta. Mi sento a un punto morto e troppo indietro, il rapporto con il mio ragazzo non mi sembra così bello, tanto che in questi ultimi giorni fatico a stare in sua compagnia e l'intimità è in caduta libera, in tutto ciò ripenso al passato e a un mio ex che è stato il mio primo amore, storia breve e che si è conclusa male, con io che lo cercavo e lui che si sottraeva, dopo aver deciso di chiudere la storia. Dopo due mesi di grande sofferenza ero andata avanti e ormai da due anni non l'ho proprio pensato, considerandolo un imbarazzante errore del passato. Da qualche giorno invece ci penso e sono arrivata a rileggere le vecchie chat (mai fatto finora) e mi sono resa conto che le colpe non erano tutte sue, come ho sempre pensato. Ero diversa allora e con rimpianto penso che forse è stato un rapporto mancato. So che la cura è pensare a me stessa e riprendere il via, ma avevo bisogno di tradurre in parole questi stati d'animo che non confido a nessuno. Grazie dell'ascolto!
    Rispondi a Vittoria Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 anni fa (13 Dicembre 2018 14:35)

      Sai cosa? Quando dobbiamo fare qualcosa di importante per noi, soprattutto concludere un percorso la chiusura del quale in qualsiasi modo cambierà la nostra vita (es: laurea triennale) ci inventiamo un sacco di modi per farci autosabotaggio. L'idea di rileggere le chat con un amore finito è geniale allo scopo, in effetti...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 3 anni fa (13 Dicembre 2018 17:21)

      Infatti!!! Ora lo faccio anche io! :) :) ... io le cancello appena finite. Per me sono come telefonate, rientrano in verba volant.
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Vittoria

      Vittoria 3 anni fa (14 Dicembre 2018 0:53)

      Interessante punto di vista Ilaria, come sempre! Sicuramente è una spiegazione. Tuttavia, ho capito che forse non ho superato del tutto questa storia, anche se da molto tempo non ci pensavo più. All'epoca ero talmente attaccata a lui e lo avevo amato talmente troppo che è stato come disintossicarsi da una dipendenza. Lui d'altronde non si è più fatto sentire, né ha risposto mai ai miei tentativi di contattarlo appena dopo la rottura. Il suo ascendente su di me è dovuto al fatto che è stata la prima persona con cui mi sono lasciata andare emotivamente dopo un'adolescenza molto dura e che se n'è andato così, senza possibilità di appello, mentre io ero in piena dipendenza. Tutto questo mi fa capire anche che forse devo riconsiderare il rapporto con il mio attuale ragazzo: è una persona molto affettuosa, disponibile, paziente, ma a volte mi sembra manchi qualcosa, nonostante sia veramente legata a lui. L'altro era fragile, emotivamente poco disponibile, ma c'era una scintilla in più, forse dovuta a un rapporto non sano, ma anche a una sensibilità e fragilità comuni. Sicuramente ora voglio superare definitivamente le questioni del passato, per poter considerare con lucidità il presente. Buonanotte e grazie per le risposte!
      Rispondi a Vittoria Commenta l’articolo

  2. Avatar di Rosanna

    Rosanna 5 anni fa (3 Dicembre 2016 21:43)

    Ciao Ilaria :) sono una ragazza di 21 anni e vorrei dirti un po la mia situazione e mi servirebbe un consiglio per uscirne. Allora,sono stata fidanzata con un ragazzo per quattro anni e mezzo e la nostra storia é finita quasi 3 mesi fa per mia scelta. Gli ho detto che non lo amavo piu ma ho dovuto farlo perché lui mi trattava male..ed era una persona nervosa e in piu ho anche scoperto che mi diceva un sacco di bugie su di lui..e la sua famiglia erano veramente insopportabili. Ora quando l ho lasciato si é messo a piangere ma si é rassegnato quasi subito. Dopo una settimana mi manda solo un freddo mess di cancellare le nostre foto su facebook. Ora lui ha un altra ma non so da quanto tempo. Fatto sta che la mia amica lo ha visto per strada a mano a mano con questa ragazza e lui appena ha visto la mia amica ha lasciato la mano alla sua nuova ragazza. Questo fatto cosa vuol dire? E poi vorrei non avere piu questa ansia che ho quando esco...non so forse é ansia di vederlo..perché io in tutti i modi fargliela pagare perché io l ho lasciato ma lui mi ha persa con i suoi comportamenti brutti e sbagliati. In piu la rabbia perché sembra che abbia dimenticato 4 anni cosi. Inoltre qualche giorno fa gli ho mandato un mess dicendogli che so che ha un altra e che ha dimenticato la nostra storia e poteva avere rispetto almeno in questo senso. La sera non ho ricevuto risposta ma il giorno successivo ho cambiato numero di cell per vari motivi. In piu su whats app con il vecchio numero (quello che conosceva lui) mi ha bloccata. Ma non da subito. All inizio no. Mentre il numero di mia madre no in quanto se lo aggiunge esce la foto e tutto il resto. Ti ho scritta perché vorrei capirci qualcosa in merito a questi suoi comportamenti e vorrei trovare la serenitá una volta per tutte...come posso fare? Baci Rosanna
    Rispondi a Rosanna Commenta l’articolo

  3. Avatar di vincenzo

    vincenzo 3 settimane fa (24 Agosto 2021 7:14)

    Buongiorno, sono notti che non dormo. Mi ha lasciato dopo 7 anni e non vuole più vedermi nè sentirmi. Mi ha bloccato su whatsapp e non risponde al cell. Lo ha fatto altre volte ma è sempre tornata. La causa degli allontanamenti sono legate al mio non aver ancora concretizzato nulla con lei e che non la rendo partecipe della mia vita. Lei si sente esclusa. L'ultima volta che siamo tornati insieme a dicembre 2020 le promisi che a luglio mi sarei avvicinato a lei tornando a Roma e che l'avrei resa partecipe della mia vita. Purtroppo a Luglio mostrai qualche perplessità nel tornare subito a Roma e lei piangendo mi disse che ero un indeciso e che non dovevo piu chiamarla. Avevamo prenotato una settimana in vacanza dalle mie parti (Sperlonga) a fine agosto. L'ho contattata tramite la sorella perchè non mi rispondeva al cell e la sorella mi ha detto che non vuole vedermi nè sentirmi. Sono passati quasi due mesi e continua a nn volermi sentire. Credo si sia stufata. Io nel frattempo ho deciso di trasferirmi a ROma ma non riesco a comunicarglielo. Il mese prossimo è il suo compleanno ed avevo pensato di regalarle un solitario. Ma credo che mi odia adesso e che continui a non volermi. Quanto tempo ancora devo aspettare? Cosa fare? Mandarle una lettera di scuse con delle rose all'indirizzo di casa sarebbe una buona mossa? grazie
    Rispondi a vincenzo Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 settimane fa (24 Agosto 2021 12:55)

      Ciao Vincenzo, sembra un po' una mossa da Stranamore, il programma televisivo, però che dire...provaci. Non mandarle una lettera di scuse, mandale una lettera d'amore. Con parole sentite, non lunga. Per citare Sex&theCity e la lettera di Big a Carrie: "Ho sputtanato tutto, ma ti amerò per sempre" :)
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 3 settimane fa (24 Agosto 2021 15:47)

      Ciao Vincenzo, mi spiace essere cruda e scortese ma tu non ami questa ragazza perché non avresti tergiversato per tutti questi anni, non avresti fatto promesse che poi non avresti mantenuto. Lei ha sopportato fin troppo ed è naturale che si sia scocciata. Tu sei dipendente da lei perché ti amava, ti dava amore e importanza mentre il tuo ego prevaleva sul cuore. Lasciala stare e quando troverai qualcuna che ti rubera' per davvero il cuore, ti metterai in gioco senza tergiversare a lungo.
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 3 settimane fa (24 Agosto 2021 16:05)

      Vincenzo, da quel che scrivi emerge, mi spiace dirtelo, la tua "incapacità" di costruire con lei un rapporto saldo e "serio", lei che delusa si rende conto di aver sprecato sette anni per niente, come darle torto se non vuol nemmeno sentir parlare di te! Prima di cercare di "riconquistarla", azione che farebbe male ad entrambi, pensa piuttosto a formarti un carattere dove una promessa và mantenuta, dove si fanno progetti puntando alla loro realizzazione e se presente una compagna di vita, la si renda partecipe di tutti i tuoi pensieri e non solo. Non basta un solitario o un mazzo di rose per cancellare l'opinione che si è fatta di te, non siamo al mercato, ma prendi questa tua esperienza come stimolo a maturare e diventare uomo, la notte dormi, e il giorno migliorati, a lei non pensare più, ormai è una storia finita. Fabio
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

    • Avatar di Giovanni

      Giovanni 3 settimane fa (24 Agosto 2021 21:23)

      Giusto quello che dici Fabio, ma non sappiamo tutto il contorno della storia. Magari almeno per un certo periodo impegni lavorativi potrebbero avere impedito al nostro Vincenzo di spostarsi, chi lo sa? Potrebbe avere anteposto sicurezza economica e anche psicologica al fare passi impegnativi? Conosco uno che ha cambiato città peggiorando situazione lavorativa e comprando appartamento con mutuo per andare a convivere, per poi essere comunque lasciato di lì a poco. Al tempo stesso conosco una ragazza che dopo avere convissuto per dieci anni, sostenendo il suo compagno economicamente e psicologicamente di fronte a grossi problemi di vario genere, alla fine è stata mollata quando lui è diventato economicamente indipendente perchè lui "ha scoperto che non la amava più" (in realtà perchè aveva trovato una più giovane e bella). Mi dirai che non c'è limite al peggio, certo... Però credo che se Vincenzo ha voluto fare questo passo, dovrebbe avere almeno il diritto di fare un tentativo, non per "riconquistarla", ma anche solo per farglielo sapere. Ognuno ha i suoi tempi, non so se sta a noi sindacare se 7 anni siano troppi. Vedremo se lei troverà di meglio, magari sì, magari no.
      Rispondi a Giovanni Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 3 settimane fa (24 Agosto 2021 23:47)

      Giovanni, Vincenzo scrive che lei si sentiva esclusa dalla sua vita, dai suoi problemi, aggiungo io, e questo è inimmaginabile, forse anche un po' maschilista. Se non era pronto all'impegno che un rapporto rappresenta, avrebbe dovuto smettere di cercare una partner fino al raggiungimento di una situazione a lui confacente, non trascinare per sette anni un rapporto senza concludere alcunché, e scusami se insisto, ma sette anni sono veramente tanti, di farti ne possono capitare tantissimi, e si può migliorare sé stessi se si è consapevoli, soprattutto se si ha la volontà di farlo. Dall'altra parte, lei, aver impegnato sette anni di vita per una persona che ti ha deluso e non è riuscita a "maturare" ti sconforta e come minimo ti infastidisce la sua insistenza, tanto più se hai lasciato perdere altre occasioni per rispetto di lui. Lei sicuramente troverà di meglio, lo dimostra il fatto che ha troncato senza tentennamenti un rapporto "malato", ma cosa farà lui? È questo quello cui deve rispondere a sé stesso Vincenzo. Credo che vivendo la nostra esistenza dobbiamo prestare molta attenzione per evitare di ferire chi ci sta intorno, specialmente chi amiamo, è anche una questione di maturità. Fabio
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

    • Avatar di Giovanni

      Giovanni 3 settimane fa (25 Agosto 2021 9:25)

      Buongiorno Fabio e tutti, in effetti ripensandoci anche solo il fatto che abbia pensato di ricomprarsela con un regalo costoso la dice lunga sul fatto che Vincenzo dovrebbe come minimo farsi qualche domanda, per quanto il dono possa avere valore simbolico o sia visto come ultima spiaggia magari senza reali speranze di ricucire. Se tendo a cercare la soluzione assolutoria nella mia disamina, è perchè mi trovo in una situazione per certi versi simile (si sarà capito, sono capitato qui per questo). Tra noi nessun problema in realtà, va tutto a gonfie vele, ma all'alba (spero) di un nuovo periodo di vita in comune, mi trovo ad avere perplessità ed insicurezze. Per noi non sono stati 7 anni ma circa la metà, comunque non è poco. In tutto questo tempo varie difficoltà si sono opposte all'andare a vivere insieme, ma mi sento anche molto in colpa pensando che fino a poco tempo fa non mi ero in realtà mai impegnato al 100% per realizzare questo obbiettivo, lavorando sulle condizioni al contorno che lo impedivano. D'altronde ho avuto bisogno dei miei tempi per essere sicuro di me stesso (non dei miei sentimenti), è forse sbagliato questo? Sbaglio io se diversamente da lei, pur amandola non ero pienamente sicuro fin dall'inizio che fossimo adatti a formare una famiglia? Soprattutto che *io* lo fossi, sacrificando parti importanti della mia vita per questo obbiettivo? E poi, anche lei, a parte parlarmene in alcune occasioni, non ha fatto particolari mosse in questa direzione devo dire, ad agire anche concretamente sono stato principalmente io. Io cerco di renderla partecipe della mia vita, ultimamente mi sono impegnato per migliorare ulteriormente sotto questo aspetto, è lei che non dimostra particolare entusiasmo in questa partecipazione. Condivide volentieri con me gran parte delle cose che contano per lei, ma non fa particolari sforzi per comprendere il mio mondo e le cose che interessano a me, se non in maniera che pare solo "di facciata" per così dire.
      Rispondi a Giovanni Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 3 settimane fa (25 Agosto 2021 14:19)

      Buongiorno Giovanni, io penso che amarsi significa innanzitutto piacersi, così come si è, anche se possono esserci opinioni diverse su alcuni argomenti secondari, anzi proprio questo arricchisce entrambi. Tuttavia il rapporto deve essere paritario, nel senso che entrambi partecipano e si impegnano affinché la coppia evolva verso un rapporto sempre più stretto, più profondo, intimo, non può essere che uno dei due si faccia trascinare, né che cerchi di modellare l'altro a suo uso e consumo, se questo accade, come conseguenza si avrà una snaturalizzazione dell'individuo il quale dovrà sopprimere la propria identità con conseguenze disastrose. Il rapporto deve sempre dare felicità, tranquillità, sicurezza, altrimenti qualcosa non funziona ed è meglio troncare per evitare di ferirsi. Fabio
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 3 settimane fa (25 Agosto 2021 0:41)

      Ben detto Fabio! A me è capitata una cosa simile, solo che ho perso due anni e quasi mezzo della mia vita. Quando aveva saputo che non volevo più avere a che fare con lui, tornò con un solitario e promesse da marinario, poi sorsero problemi di forza maggiore e si tirò indietro spariva per mesi broccolando su Facebook ed altro per poi tornare. Scappare a gambe levate!
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 settimane fa (25 Agosto 2021 14:08)

      Vincenzo, ascolta, ma secondo te una donna che ci tiene si compra con un lettera di scuse e con delle rose? O si può fare qualcosa di più, buttandosi in gara in prima persona, invece di mandare avanti il fiorista? Che dici?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo