Il segreto della comunicazione carismatica

E’ risaputo che saper comunicare ti permette di ottenere con facilità ciò che vuoi in tutti gli ambiti della vita.

Comunicare in modo autentico e genuino crea una connessione profonda con chi ti sta accanto e apre le porte all’amore.

Ti rende sorprendentemente carismatico/a.

Hai mai pensato al fatto che quando comunichi con efficacia compi un atto d’amore verso l’altro e solleciti il suo amore per te?

Dell’importanza della comunicazione giusta per attrarre la persona giusta per te ho scritto ampiamente nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi”: scaricala da qui. Centinaia di persone l’hanno già letta ottenendo risultati eccellenti.

Rifletti un momento: quando è che comunichi in modo efficace?

Comunichi in modo efficace quando scambi informazioni e messaggi in un modo che fa star bene te e gli altri. In sostanza quando sei totalmente aperto/a al magico flusso di dare e di ricevere.

Nella comunicazione efficace, c’è una condivisione di emozioni e sentimenti positivi (che vengono rafforzati proprio dalla condivisione), si imparano cose nuove e si fanno scoperte (e dunque si cresce), si trovano soluzioni e si rafforzano i legami tra le persone.

Quando la comunicazione non è efficace o proprio non c’è, si buttano nel cestino un sacco di opportunità.

Invece, e questo è il grande segreto, quando ti apri agli altri con interesse e curiosità in automatico dài il via a uno scambio positivo e costruttivo.

E questo aumenta il tuo fascino, il tuo carisma e la tua autostima.

L’altro ieri (mercoledì) sono andata a vedere il nuovo film di Silvio Soldini “Cosa voglio di più “.

Ho visto il film per due motivi: è ambientato a Milano e racconta una storia d’amore tra un uomo sposato e una giovane donna fidanzata.

Le recensioni che avevo letto prima di vederlo parlavano di “passione e di scoperta del corpo” e la cosa mi ha molto incuriosito, creandomi grande aspettativa su un tema che mi interessa.

Vedendo il film sono rimasta delusa proprio dalle scene di sesso – che avrebbero dovuto essere una parte importante del film proprio per rappresentare questa “passione e scoperta del corpo” – : le ho trovate banali, scontate e ripetitive.

Ho commentato con le amiche che erano con me ed eravamo più o meno tutte della stessa opinione.

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Dopo il cinema  siamo andati a mangiare una pizza.

Ero con un gruppo di cinefili che si ritrovano per condividere la loro passione e c’erano molte persone che non conoscevo.

In pizzeria ero seduta di fianco a un ragazzo che ho visto per la prima volta.

Lui, commentando il film, ha definito le scene di sesso in un modo completamente diverso dal mio: forti, addirittura “animalesche” e fin troppo istintive…

Di fronte a questo contrasto, senza rendermene conto, ho chiuso i miei “canali comunicativi”, ho smesso di parlare, mi sono concentrata sulla lettura del menù fino a che la conversazione è andata su altri temi e si è parlato di viaggi e di Giappone.

Tornata a casa, ripensando alla serata, mi sono rivista mentre il mio vicino a tavola parlava del film e mi è venuta una grande curiosità: “Che cosa intendeva dire quando ha detto quello che ha detto? Chissà perché lui ha avuto impressioni totalmente diverse dalle mie? Accidenti, però, potevo ben chiederglielo!”.

E mi sono irritata con me stessa per non aver approfondito un argomento con una persona che, proprio grazie alla diversità delle sue opinioni rispetto alle mie, mi avrebbe dato una serie di spunti interessanti, anche per il mio lavoro…

In effetti, pensa un po’ quante cose avrei scoperto se invece di “chiudere i canali comunicativi” li avessi aperti, dimostrando interesse per le “divergenze” espresse – peraltro con grande garbo e gentilezza – dal mio interlocutore, considerandole un’opportunità e tempestandolo di domande.

Tipo: “Davvero ti sono sembrate scene di sesso forti e animalesche? E in che modo? Quali sensazioni ti hanno dato? Ti vengono in mente film con scene di sesso piu’ originali e romantiche? Etc etc…” (sono convinta che le domande siano una chiave che apre molte porte, come ho scritto anche qui).

Mi si sarebbe aperto un mondo e sicuramente anche a lui…

E tu?

Quanto sono aperti i tuoi canali di comunicazione?

Parlamene nei commenti qui sotto.

Cordialmente

Ilaria

Lascia un Commento!

37 Commenti

  1. Avatar di Lili

    Lili 2 anni fa (17 Novembre 2017 7:23)

    Carissima Ilaria, Da tempo ti seguo con molto piacere, i tuoi articoli, stati su facebook ecc sono preziosi. Mi chiedevo, che cosa ne pensi della faccenda di Michelle Hunziker? In particolare, ha detto di stare attenti ai life coach. Quando l'ha detto mi sei venuta in mente tu, che assolutamente mi sembri al 100 % una persona normale. Potrei sapere che cosa ne pensi?;Grazie,
    0
    Rispondi a Lili Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (17 Novembre 2017 19:10)

      Ciao Lili, ti ringrazio della domanda. Quando qualcuno rilascia una dichiarazione ("L'erba è verde", "La terra gira intorno al sole", "Gli avvocati sono tutti degli orchi") è bene chiedere a lui/lei le ragioni e le motivazioni di quella dichiarazione e più quella dichiarazione ci lascia perplessi e incuriositi, più domande e più precise dobbiamo fare. Ovviamente se a quel qualcuno diamo credito o se per altre ragioni vogliamo approfondire quello che ha detto. Quindi è a Michelle Hunziker che dovresti chiedere lumi. :) Comprendo la tua curiosità e ti anticipo che ho una grande simpatia umana per MH e che non sospettavo nulla della sua crisi personale, fino alle rivelazioni recenti. Ti confesso anche che non ho letto il libro nel quale lei ha rilasciato tali dichiarazioni e non escludo di darci un'occhiata pur non avendolo messo tra le mie priorità. Quel che so della vicenda - molto poco - l'ho ricavato da una lettura sommaria di qualche articolo e di alcuni titoli. Inutile dire che la vicenda ha suscitato in me grande compassione, quello stesso genere di compassione che provo ogni volta che leggo di grande sofferenze emotive, soprattutto di donne, e anche una certa indignazione per il gran numero di manipolatori e imbroglioni che si aggirano tra di noi. So anche della dichiarazione che MH ha fatto contro i life coach e a favore della famiglia. Ho osservato che, come nel 99% dei casi in Italia, non c'è stato nessun contraddittorio da parte di nessuno. Credo alla storia raccontata da MH e non ho dubbi al riguardo, dato che MH non è la prima e probabilmente non è l'ultima a cadere vittima di tali manipolazioni. Il suo racconto mi conferma il fenomeno che io non raramente faccio presente che anche persone di grande successo hanno grandi fragilità e possono attraversare crisi inimmaginabili. Sono perfettamente consapevole che molti, soprattutto nelle relazioni d'aiuto, mettono in atto comportamenti manipolatori a vari livelli (spesso metto in guardia rispetto a questo aspetto), arrivando anche al comportamento criminale e che certa "crescita personale" sia molto manipolatoria. E' risaputo peraltro che comportamenti manipolatori e di plagio vengono messi in atto da figure "autorevoli" le più varie: medici, avvocati, psicologi, sacerdoti, insegnanti, catechisti, guide spirituali, politici, addirittura capi di aziende e manager. E spesso in rapporti individuali e non di gruppo, quindi molto più difficili da identificare. Il totalitarismo di cui in Europa siamo abbastanza esperti è basato su principi di manipolazione tali e quali e anche il successo di tante figure e movimenti politici ben in auge ai giorni nostri sempre qui nella nostra vecchia Europa. Il Buddha, che ci capiva, è autore di una frase che più di una volta io ho ricordato qui e ricordo spesso alle mie clienti in sessione: "Se incontri il Buddha per strada, uccidilo!" che indica proprio di diffidare di tutti coloro che si propongono come guide e soprattutto (questo è importante) di diffidare della propria infatuazione per qualsiasi tipo di profeta. C'è solo una persona che può fare qualcosa per te e alla quale ti devi affidare. Quella persona sei tu. Ritornando a MH e alle sue dichiarazioni, da quello che ho letto, non dubito - lo ripeto - della verità di quello che racconta e non nascondo che apprendere che lei ha divorziato a causa di ciò mi ha straziato; confesso che il modo in cui racconta il tutto mi lascia perplessa: che mi risulti lei ha parlato di una "setta" e ha rilasciato solo il nome della donna che l'avrebbe plagiata, senza spiegare chi fosse (nome e cognome e altri tipi di indicazioni); non mi risulta che lei finora abbia attivato delle azioni legali verso questa o altre persone e che di contro altri abbiano risposto con altre azioni legali nei confronti di MH (per difendersi o tutelarsi); dice che insieme a lei nella setta ai tempi vi erano persone famose e autorevoli, inclusi magistrati e avvocati ma non risulta che nessuno di loro abbia intentato azioni legali contro questa signora o ne abbia fatto il nome, nemmeno dopo le esternazioni di MH (che se pensi è il contrario di quello che sta accadendo con la faccenda delle molestie sessuali, nella quale dopo lo scoperchiamento del vaso, un sacco di gente si è messa a raccontare la propria storia); parla di pranoterapia e già credere alla pranoterapia segnala una fragilità di partenza non indifferente; parla di un pessimo rapporto con il padre (eccalà), dice che questa signora l'ha aiutata a recuperare il rapporto con il padre e che anche uno psicologo l'avrebbe potuta aiutare in questo (okay, d'accordo, però così non è stato, nemmeno prima); dice di essersi isolata anche rispetto ai propri cari (il marito, la madre) e, appunto, di aver avuto problemi con il padre alcolizzato e poi sostiene che bisogna fare riferimento ai propri famigliari (quando non è una scoperta mia che la famiglia spesso è la prima fonte di guai, ma che di sicuro non è necessario alienarsi del tutto dalla famiglia per ritrovarsi); dice che questa signora le è stata presentata dal suo agente/amico e dedica a questo agente/amico il libro con gratitudine; soprattutto dice che si è salvata grazie all'incontro con tale frate Elia che le ha fatto incontrare padre Amorth, che, per inciso è un esorcista. Come dire, senza ironia, ma qualcuno di normale, no? Cioè, voglio dire, onestamente, mi "scappi" da una pranoterapeuta e ti fai salvare da un esorcista che ti ha benedetto? (Queste sono le dichiarazioni che lei ha rilasciato e che nessun giornalista mi pare abbia approfondito, chiedendole conto). Che cosa ne penso io? Che si tratta del racconto di un'esperienza personale, di sicuro autentica e dolorosa (molto dolorosa, purtroppo) e che ha la valenza di un'esperienza personale importante ma raccontata da una prospettiva personale, senza valenza tecnica e scientifica. Per questo non intendo assolutamente prendere le difese dei life coach ma il buon senso mi dice che qui i life coach c'entrano davvero poco per non dire niente. MH ha rilasciato delle dichiarazioni personali che sono opinioni sue, maturate sulla sua esperienza unica e individuale e anche filtrate dalla sua visione. Penso anche che, per fare un parallelo con una questione molto rilevante dal punto di vista mediatico (quella delle molestie che ho citato prima), nessuno ha accusato MH di "essersi svegliata tardi" con le proprie dichiarazioni (interessante vero, pur considerando che lei non ha denunciato nessuno?) e, se volessi fare un passo in più, penso, riferendomi anche al fatto che nessun giornalista o opinionista abbia contestato le sue affermazioni (non in termini di discredito, ma di approfondimento), come invece dovrebbe accadere in un paese dove il giornalismo funziona, che è stata un'ennesima occasione persa per affrontare un tema secondo me di grande interesse e utilità per tutti. Mi sono dilungata in questa risposta sia perché la domanda lo richiedeva sia perché mi sforzo sempre di aumentare il mio senso critico e vi sprono a fare altrettanto (credo che il senso critico sia l'arma più potente che possediamo): guardiamo sempre quello che ci interessa nel dettaglio e soppesandolo accuratamente.
      11
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (17 Novembre 2017 20:42)

      Ciao Ilaria, ignoravo tutta questa faccenda e, a dirla tutta, vivendo all'estero mi ero pure scordata dell'esistenza della Hunziker, ma la domanda di Lili e la tua risposta mi sembrano, al di la' della triste vicenda personale di MH, uno spunto di riflessione molto utile per tutti. Basandomi sul tuo lucido resoconto di quanto affermato da MH, credo sia una donna davvero molto confusa, e che della sua confusione, dei suoi dispiaceri familiari (e ovviamente dei suoi soldi) si sia approfittata gentaglia varia. Mi ero scordata anche dell'esistenza dell'esorciccio A(li)morth(acci sua)... pensavo fosse morto! MH non mi ha mai ispirato: l'ho sempre trovata artificiosa, come del resto le varie soubrettes della TV. Pero', alla luce di quanto racconta, credo si sia ritrovata imprigionata in una maschera e che questo le renda molto difficile valutare oggettivamente chi le sta intorno... Per mia natura (e per mia fortuna) non potrei mai affidarmi a guru, santoni, mistici e compagnia cantante, pero' in momenti di depressione e confusione mi e' capitato di dare retta a gente che mi dava pessimi consigli per castrarmi (e anche, nel caso del mio ex, incastrarmi). Per questo credo che la storia di MH possa far riflettere tutti noi, quale che sia la nostra storia, sull'importanza di stare all'erta e ascoltare noi stessi prima di chiunque altro. Grazie e buona serata.
      7
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (17 Novembre 2017 20:52)

      Concordo e l'ho detto, la storia può far riflettere e maneggiata con cura potrebbe generare riflessioni ancora più utili. Padre Amorth vedo che recentemente è venuto a mancare. Però non sono temi importanti per noi, non ci perderei tempo.
      4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (17 Novembre 2017 21:00)

      Si, lo penso anch'io. Grazie ancora Ilaria e buona serata a te e a tutti i lettori.
      2
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (17 Novembre 2017 22:13)

      Buonasera Ilaria, non ho letto le ultime dichiarazioni di MH su quell’esperienza, ma ricordo che all’epoca il discorso fosse più ampio. Lei aveva un legame molto forte con questa maga perché aveva intrapreso una relazione con il figlio di lei. Il marito ( Eros ) si rivolse al giudice perché questi personaggi subdoli non interferissero con la figlia e ne stessero lontani. Fu a quel punto che ci fu una sorta di “sveglia” da parte di MH. Quindi la situazione incresciosa era già emersa a suo tempo, solo che M mostrava comunque una volontà spontanea nel seguire queste persone, quindi la possibilità di una denuncia era molto lontana. Ricordo che M rimase comunque molto colpita da quanto le fosse accaduto e che ne avesse parlato sporadicamente anche negli anni successivi. Purtroppo in molti ambienti, anche impensabili e popolari, come per esempio delle banali scuole di danza, si creano situazioni di manipolazione psicologica molto forte a più livelli molto simili a quelli delle sette con il fine di estorcere impensabili somme di denaro e creando una forte dipendenza psicologica. Non credo che per MH fosse possibile una denuncia legale, date le premesse che io ricordo, più che altro è possibile un’ammissione di responsabilità al fine di condividere una pessima esperienza.
      2
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (17 Novembre 2017 22:24)

      Ripeto, non ho intenzione di fare una analisi approfondita della vicenda, se no ci mettiamo a discutere di un fatto di cronaca, della storia di una persona o di una vicenda legale o non legale, andando fuori tema o come si dice off topic e poi siamo noi a fare confusione sui nostri obiettivi. In più, come ho già detto in altre occasioni, dovremmo farci carico di una attendibilità di dati forniti che non ci compete e non ci interessa. MH ha vissuto un'esperienza molto più comune di quello che pensiamo anche per personaggi in vista e questo può esserci d'aiuto come eventuale "risonanza" anche se forse dovremmo sapere un po' di più sulla vicenda. In più ha rilasciato delle dichiarazioni contro una categoria di persone, dichiarazioni che, insisto, devono essere considerate come una generalizzazione non obiettiva e sicuramente filtrate da una visione personale. Direi che qui la parte più interessante è la narrazione fatta dai media italiani, che merita di essere valutata per cogliere molte contraddizioni. Certo le osservazioni che fai tu sulla mancanza di appigli legali confermano la mia impressione di una situazione in cui in effetti la responsabilità personale (come sempre ma un po' di più) ha un ruolo fondamentale.
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (17 Novembre 2017 22:28)

      Infatti, volevo solo fornirti qualche informazione in più sulla vicenda, non deragliare sui fini per i quali giustamente l’hai esposta.
      0
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (17 Novembre 2017 22:30)

      Sì, sì, l'avevo capito, non sapevo della relazione con questo signore. Quindi ci sono state ulteriori interferenze. Il che un po' mi conferma nella mia ipotesi, che di certo non rende meno maligno il comportamento della "maga".
      3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (18 Novembre 2017 3:51)

      Certo, avevi visto benissimo perché anche il manager di Michelle era stato ( guarda da caso ) compagno della maga e successivamente compagno anche di MH, insomma un entourage di persone tossiche tali che il giudice diede piena ragione a Eros e mancó poco levasse persino l’affidamento a MH della figlia. Una curiosità ulteriore è che l’avvocato di Eros che all’epoca gestì la pratica era la Bernardini De Pace che, come saprai, è poi stata affianco di MH in tutte le campagne contro lo stalking e altre forme di abuso sulle donne. Insomma la personalità di MH che viene fuori è molto fragile, o almeno lo era in quella fase. Indubbiamente più persone, in quel periodo, hanno abusato della sua fragilità o inesperienza.
      1
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (18 Novembre 2017 9:49)

      Un bel pastrocchio. Mah...
      2
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 2 anni fa (18 Novembre 2017 13:26)

      È l’avv. Giulia Bongiorno ad essere a fianco della Hunziker nella battaglia contro la violenza sulle donne. La vicenda è un bel pasticcio ma non fino a questo punto :-).
      1
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (18 Novembre 2017 17:25)

      Vero Carlotta, anche perché l'avv Bernardini De Pace non è una che lotta a favore delle donne ;)
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 2 anni fa (18 Novembre 2017 17:41)

      Grazie per la precisazione, perché ho confuso i due legali :)
      0
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo