Un metodo esplosivo per portare la tua autostima alle stelle

L’autostima è l’ingrediente base del fascino personale e dell’attrazione.

Lo spiego anche nella mia guida gratuita “Come attrarre la persona giusta per te in 11 passi” che molte centinaia di persone hanno già scaricato e letto ottenendo splendidi risultati (scaricala adesso da qui).

Se pensi di avere una bassa autostima, ti informo che questo è un fatto momentaneo: l’autostima la puoi costruire, coltivare e aumentare.

C’è un modo molto semplice per aumentare fin da subito la tua autostima e costruire un atteggiamento mentale utile ad attrarre la persona giusta per te.

E’ la gratitudine. Essere grato/a per quello che hai dalla vita, prendere l’abitudine di fare l’elenco di tutto ciò per cui provi gratitudine è un vero e proprio propulsore di positività che dà incredibile valore alla tua esistenza e ti spinge ad ottenere risultati sempre più soddisfacenti.

E, soprattutto, ti regala carisma e capacità di attrarre la persona giusta per te.

Hai dubbi e perplessità al riguardo?

Lo capisco.

Il tema della gratitudine è comune a molti orientamenti religiosi e anche a molte teorie dello sviluppo personale e quando io ci ho “messo la testa” per la prima volta anni fa, provavo una sensazione di “fastidio” e di diffidenza.

Mi sembrava un modo un po’ banale di affrontare temi importanti della vita. E anche pieno di “spiritualità” di bassa lega, poco autentica.

Poi però…

Ho incominciato ad applicare alcuni esercizi per “scoprire” la gratitudine e devo dire che i risultati sono stati e sono straordinari.

Una volta, in alcune famiglie, si spingevano i bambini e i ragazzi a fare esperienze “forti” al di fuori della ristretta cerchia familiare perché si rendessero  conto che la vita non è fatta solo di privilegi.

Li si portavano, ad esempio, a visitare i malati in ospedale o a fare attività di volontariato per persone in difficoltà e cose del genere: dal confronto con i cosiddetti “meno fortunati” i ragazzi pieni di privilegi dovevano ricavare una lezione di umiltà e di impegno verso gli altri e diventavano consapevoli di avere dei vantaggi non comuni e che non erano merito loro.

Anche su di me, seppure in forme diverse, è stato applicato questo metodo.

Personalmente credo che ci sia ben poco di utile nel misurare la felicità di ciascuno di noi in termini di confronto con gli altri (anzi detesto i confronti), ma, a distanza di tempo, mi rendo conto che lo spirito di un’educazione del genere avesse molto di positivo.

Credo per esempio che, se vuoi davvero vivere la vita in base a scopi importanti (ed essere pienamente felice è il primo di questi scopi importanti), ti sia utile riflettere sul fatto che tu, come me, vivendo in quest’epoca e in questa parte del mondo, hai un’infinità di cose e di opportunità che la maggioranza degli esseri umani (di altri tempi e di altre regioni) nemmeno conosce.

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

E le hai anche se sei single e non ti piace esserlo o se sei separato/a, divorziato/a, nel bel mezzo di una separazione o in una storia che non ti piace per niente.

Ora veniamo al nocciolo della questione: scopri la  gratitudine e aumenta la tua autostima.

Per tutta la prossima settimana fai questo esercizio (io di solito lo faccio quando sono a letto, la sera o al mattino al risveglio o tutte e due):

guardati intorno e considera le cose che hai e che ti piacciono. Quali sono? Quante sono? Che cosa ti permettono di fare, di pensare, come ti fanno stare? (Io, dato che appunto lo faccio mentre sono a letto, di solito comincio a pensare a quanto mi piacciono le mie lenzuola, il pigiama, il cuscino, come è tutto ben stirato, profumato, liscio, confortevole…).

Pensa al tuo corpo: che cosa ti permettono di fare le tue mani i tuoi occhi, le tue orecchie, le tue gambe? (Fai bene questa parte! E’ una cosa seria! :))

Pensa alla tua mente, alle tue emozioni e ai tuoi sentimenti: che cosa ci fai di bello tutti i giorni?

E poi pensa a quello che ti piace fare, ai tuoi amici, alla tua famiglia, ai cibi che ami, agli affetti che hai, magari al tuo cane e al tuo gatto. Al tuo lavoro. Alla tua casa.

O anche alla tua moto e alla tua auto. Al tuo vestito nuovo e al paio di scarpe che vuoi comprarti (io di solito penso al mio I-pod, al mio computer, alla mia bicicletta, ai miei sci o ai miei pattini a rotelle e alle esperienze che faccio grazie a tutte queste cose. Per esempio, andare a correre al parco con l’I-pod nelle orecchie è uno dei momenti più belli della mia settimana).

In che modo tutte queste cose fanno la differenza nella tua vita? (Se non cogli questa differenza, pensa a come sarebbe la tua vita se non le avessi più).

Lascia che un pensiero tiri l’altro, secondo un principio di associazione libera, anzi, di libertà :).

Continua, continua, continua.

E scrivi qua sotto quello che ti è successo, quello che ne pensi e le scoperte che hai fatto.

Cordialmente

Ilaria

P.S. questo è un esercizio che puoi fare ogni giorno, in qualsiasi momento: anche quando sei in treno, in una noiosa riunione di lavoro o mentre aspetti l’autobus che ritarda. E’ anche un eccellente tema di conversazione con una persona che ti piace, per conoscerla meglio e per attrarla a te ;).

 

Lascia un Commento!

23 Commenti

  1. Avatar di Eleonora

    Eleonora 9 anni fa (17 Maggio 2010 12:20)

    in pratica:Esser felici di quel che si ha e di quel che si è... allora,non mi manca proprio nulla...a parte una persona speciale con cui condividere tutto questo...!;))
    0
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 9 anni fa (17 Maggio 2010 14:00)

      Eleonora, non significa accontentarsi ma considerare quello che si ha e quel che si è come eccezionali e privilegiati punti di partenza per far della propria vita ciò che si vuole. L'esistenza è crescita ed evoluzione continua. Costruzione costante di qualcosa di meglio e di più. Preso atto di ciò, tante persone speciali fanno a gara per condividere tutto questo con te...
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo