Lui vuole una storia seria: 7 meccanismi della sua psicologia che devi conoscere

lui vuole una storia seriaQuando lui vuole una storia seria?

Com’è che succede che un uomo decide di impegnarsi?

Che cosa lo convince a lasciarsi coinvolgere in un rapporto di coppia?

In questo articolo scopriremo insieme ben 7 verità che possono aumentare in modo esponenziale le tue possibilità di avere un legame duraturo (e sano!) con la persona che ti piace.

Sei confusa riguardo a che cosa crea un genuino e viscerale desiderio di impegnarsi da parte di un uomo?

Se sei confusa riguardo a che cosa crea un genuino e viscerale desiderio di impegnarsi da parte di un uomo, non sei la sola.

Molte donne non riescono a orientarsi su questo aspetto che sta diventando sempre più spinoso.

Magari hai investito energia e tempo in comportamenti e azioni che non hanno prodotto risultati positivi o, peggio, non hanno prodotto nessun risultato.

Ebbene, vediamo come poter cambiare al più presto, perché di sicuro tu ti meriti una bella relazione d’amore con un uomo sano e affidabile emotivamente e che ti vuol bene.

Attenzione, ho scritto: sano e affidabile emotivamente e che ti vuol bene.

E tieni presente che le 7 sacre verità 😊 che ti rivelerò oggi ti permettono di avvicinarti a un uomo di valore, che ti piace e ti ricambia, capendolo nel profondo e partendo da una posizione di autentica comprensione ed empatia.

Di vero sentimento.

Si tratta di pensare e di agire in un modo onesto e pulito e che allo stesso tempo ti permetta di comportarti per il tuo migliore interesse, senza mettere a rischio il suo.

Senza ferirlo, usarlo, manipolarlo o usare strani trucchi.

Perché, supposto che siano mai serviti, a maggior ragione le persone di valore, non sopportano più trucchi e manipolazioni, in qualsiasi campo si muovano.

Proprio perché viviamo in un tempo dove abbondano i mediocri, i valori forti sono sempre più vincenti.

7 verità sulla psicologia maschile e l’impegno di coppia

1 Gli uomini sono esseri ad alta sensibilità emotiva, esattamente come le donne.

Con una grande differenza. Per una serie di ragioni storiche e di costume, comuni a tutte le culture, sono cresciuti con l’obiettivo della “prestazione”. Pensa alla guerra, tema drammaticamente attuale sempre e adesso anche molto vicino a noi. La guerra è subita da tutti, in particolare dai fragili – cioè dal 90% della popolazione -, ma per secoli chi andava al fronte sono stati solo gli uomini. E anche adesso sono loro che sono i più esposti. Al di là di un fatto così estremo, gli uomini sono ancora, nel nostro mondo, coloro che fanno i mestieri che espongono a maggiore fatica fisica e rischio di vita.

Questo fa sì che crescano avendo un controllo eccessivo e deformante delle proprie emozioni e difficoltà a esprimere vulnerabilità, tenerezza, bisogni di affetto e di accudimento.

Quando capisci che non hai a che fare con un uomo freddo, anaffettivo, egoista, avvicinati a lui con un approccio caloroso, con dolcezza e disponibilità.

Fagli capire che se (e solo se) vuole aprirsi con te, tu sei disponibile all’ascolto senza giudizio.

E se vuoi facilitarlo nell’esprimere le sue emozioni non tartassarlo di domande (semmai fagli delle domande “aperte”) oppure dì quali sono le tue opinioni sui fatti della vita di modo che lui si senta in qualche modo “autorizzato”, cioè abbastanza rilassato, per esprimere le proprie.

Una domanda aperta è una domanda che richiede una risposta articolata e non un semplice “sì” o “no”.

Del tipo: “Che cosa ne pensi di come viene tenuto il verde nella nostra città?”

Se vuoi esprimere una tua opinione, puoi dire che ti piacciono i programmi di ricette di cucina perché stimolano la tua creatività, ti rilassano e ti fanno scoprire usanze e abitudini che da sola non immagineresti.

Non giudicare! Questo vale sempre con tutti e in tutte le situazioni.

Gli uomini vivono in conflitto con i propri istinti

2 Gli uomini vivono in conflitto con i propri istinti, si sentono trascinati in direzioni opposte rispetto a quello che sentono e che ritengono giusto o sbagliato.

Potrei dire che un po’ tutti, anche noi donne, lo siamo. Ma gli uomini di più.

Quando poco sopra ho parlato della “performance”, dell’orientamento al risultato che caratterizza più gli uomini rispetto alle donne, è ovvio che questo tipo di orientamento porterebbe (e porta) gli uomini a comportarsi in modo rigido, freddo, calcolatore.

Anche nel senso più produttivo e utile dei termini.

D’altra parte gli uomini non sono mica scemi, no.

Possiedono naturalmente una parte emotiva molto forte (l’abbiamo detto!) e si rendono sempre più conto – dico con il cambiare dei tempi e dei costumi – che avere intelligenza emotiva, avere capacità di capire gli altri e di riconoscere le proprie fragilità è importante per il loro e altrui benessere quanto essere forti, coraggiosi, “senza macchia e senza paura”.

Quindi?

Quindi, per esempio, si sa che dovrebbero essere gli uomini a fare il primo passo per approcciare una donna. E vi sono molti modi per approcciare una donna. Quello sfacciato, arrogante o insistente o quello più garbato e gentile.

Molti uomini sanno bene che il primo non fa per loro e per quel che riguarda il secondo non hanno le idee chiare e la sufficiente sicurezza per agire.

Temono di risultare invadenti da una parte o di finire nella famigerata “zona amicizia”.

E che dire poi della paura del rifiuto, che tutti gli uomini temono moltissimo?

Teniamo presente che gli uomini vivono in continua competizione con gli altri uomini, con se stessi e con le donne… e anche questa non è una posizione che dà serenità.

Che dire del sesso, poi?

L’incredibile guida gratuita che ha illuminato la vita sentimentale di migliaia di donne. Scopri quali sono le risorse fondamentali (che possiedi anche tu) per attrarre la persona giusta per te.

Io sono convinta che le donne desiderino il sesso quanto gli uomini.

È il valore che al sesso danno gli uomini che è diverso.

Intanto per loro le conquiste “sessuali” sono molto spesso un segnale di virilità e di “competenza” (a proposito di competizione), poi si sa che in genere e in una certa misura – solo in una certa misura – per gli uomini il sesso è facilmente separato dal sentimento e dalle emozioni.

Per cui viene vissuto come obiettivo fine e a se stesso e intrattenimento, senza che vi siano legate paturnie di nessun genere.

Cosa ben più difficile per le donne.

Non c’è uomo intelligente e sano di mente che non capisca che non può portarsi a letto tutte le donne che vuole. E molti sanno che, se anche potessero, la cosa non li renderebbe particolarmente soddisfatti, anzi.

È evidente dunque che da una parte gli uomini si trovano in conflitto a causa del dissidio che vivono tra la loro parte emotiva e la loro parte di “supereroi” e poi a causa del loro (presunto) infinito appetito 😊 sessuale e la necessità di contenerlo per non risultare dei bruti totali. E per non rovinarsi la vita.

Siamo obiettive. È una bella faticaccia, che molte donne tendono a sottovalutare.

Ecco, invece, nella relazione con un uomo, a tutti i livelli, questi sono aspetti che una donna deve tenere presenti.

Anche il più sicuro e consapevole degli uomini sente in sé contraddizioni forti che lo mettono spesso in crisi.

Se tu dimostri a un uomo che capisci le sue contraddizioni – il che non lo autorizza a fare quel che gli pare – e lo aiuti a capire a sua volta quali sono i tuoi bisogni che lui può aiutarti a soddisfare, fai un enorme lavoro di avvicinamento a lui.

Anche gli uomini vogliono “sfogarsi” e hanno bisogno di parlare

3 Per trovare le soluzioni ai loro problemi, anche gli uomini hanno bisogno di parlare, di “ragionare a voce alta”, di verbalizzare i pro e i contro di una situazione.

E lo fanno volentieri anche con la propria compagna, non solo con gli amici del calcetto, che spesso hanno la testa vuota e una totale incapacità ad ascoltare, elaborare e reagire in modo efficace.

4 Gli uomini hanno un grandissimo bisogno di “importanza”, molto di più di quanto lo abbiano, in genere, le donne.

E per sentire gratificato il loro bisogno di importanza, gli uomini devono avere la certezza di essere importanti soprattutto per la propria compagna.

Importanti, utili, di conforto. Amici, vicini, d’aiuto.

5 Però spesso non sanno come rendersi davvero utili o indispensabili.

Per questo, se vuoi aumentare e mantenere la connessione con il tuo compagno, quando ti trovi in difficoltà, non chiuderti a riccio e non pretendere che lui ti faccia lettura del pensiero e capisca per intuizione spirituale come aiutarti.

Guidalo verso la direzione più efficace per aiutarti, in modo chiaro e specifico senza sfidarlo, senza sfiancarlo e soprattutto facendolo sentire importante per il tuo benessere.

Lui vuole una storia seria: come facilitare l’avvicinamento

6 Gli uomini tendono a “dormire sugli allori”, soprattutto in amore e per quel che riguarda gli affetti.

Vivere in totale e perenne simbiosi non è utile a un autentico avvicinamento. Detto in altre parole, la presenza continua di una persona nella vita dell’altra può portare a un certo “rilassamento” o al famoso “darsi per scontati”. Può quindi essere naturale, in una situazione del genere, rimanere in una fase stagnante.

In qualsiasi situazione della vita, la nostra motivazione è alta quando ci troviamo di fronte a un compito che ci piace, è difficile, ma non impossibile.

Diversamente la motivazione si azzera. Lo stesso vale per il desiderio nella coppia.

Una persona sana, quando vede che non c’è trippa per gatti, seppur dolorosamente, lascia.

Se la routine è fin troppo certa e scontata, subentra la noia.

Il desiderio invece è la promessa, ma non la garanzia, di una soddisfazione sempre viva e sempre più appagante.

Per mantenere alto il desiderio e smuovere le acque è importante essere capaci, quando è necessario, di fare un passo indietro.

Ma quando esattamente?

Quando ti rendi conto che lui ha interesse per te, ma si sta “rilassando”, impigrendo, sedendo.

Allora distaccati prima tu, lasciagli spazio e tempo di modo che lui senta la tua mancanza e si renda conto di cosa sta perdendo.

7 Molti uomini si “rispecchiano” nella loro compagna.

Stare in coppia vuol dire anche trarre forza uno dall’altra. Non vi è nulla di male, finché questo è fatto in modo equilibrato e non toglie indipendenza e autonomia a nessuno dei due.

Come si chiede aiuto, si deve essere disposti a dare aiuto.

Molto spesso le cose sono più semplici. La serenità di uno dà serenità all’altro.

Quindi se vuoi avere un legame forte con l’uomo che ti piace o con il tuo compagno, abbi cura di te e, come dico io, coltiva la tua luce, tienila sempre accesa.

Ecco cosa fare per avvicinarti quando lui vuole una storia seria.

 

Lascia un Commento!

Un Commento

  1. Avatar di Uomini con difese alte

    Uomini con difese alte 2 mesi fa (4 Ottobre 2022 9:23)

    Si gli uomini hanno una sensibilità emotiva ma non tutti lo ammettono con sé stessi. Anzi li spaventa, non sanno come gestirla. Diventa difficoltoso l'approccio con questa tipologia di uomini che si difendono, non lo ammettono si raccontano falsità perché smettere di averla vuole anche dire confrontarsi con la partner o i figli e non sanno da che parte iniziare. Più facile appunto nascondersi dietro una maschera di "uomo" nel termine classico, non manifestare e non mettersi in discussione. A volte quando si innamorano calano le difese ma al primo scontro scappano offendono, si rinchiudere. Faccio fatica a rapportarmi con questi tipi di uomo anche se si intuisce cosa nascondono è a volte impossibile riuscire a entrare nel loro intimo e ti trattano male. Per fortuna non tutti sono così e mi auguro che pian piano le cose cambino per loro La speranza è l'ultima a morire
    Rispondi a Uomini con difese alte Commenta l’articolo