Come farsi coccolare da un uomo

come farsi coccolare da un uomoCome farsi coccolare da un uomo?

Le coccole tra persone che si amano e si vogliono bene sono uno dei grandi piaceri della vita.

Coccolarsi, nel senso di auto-coccolarsi e coccolarsi reciprocamente con qualcun altro, fa bene alla salute fisica e psicologica di una persona, dato che libera l’ormone del piacere e del legame, l’ossitocina.

Rilassa, dato che riduce il cortisolo, l’ormone dello stress.

Fa sentire amati e apprezzati, visti e riconosciuti, al centro dell’attenzione.

Dà sicurezza e senso di protezione.

E’ un gioco da bambini che piace e fa molto bene anche agli adulti, e fa bene alla coppia dato che giocare tra partner rinsalda il legame, permette di conoscersi intimamente, crea esclusività e rende il rapporto divertente.

Una domanda potrebbe sorgere spontanea: gli uomini non amano un certo tipo di effusioni, e allora come si fa?!

Ehilà, qui casca l’asino!

Non è vero che gli uomini non amano le tenerezze e le coccole, per niente.

E’ vero che ci sono uomini freddi e distaccati che probabilmente sono anaffettivi, cioè non sanno amare e se ne fregano dei sentimenti, ed è vero che ci sono uomini egoisti e opportunisti che sono interessati solo al sesso e alle donne come compagne di incontri sessuali.

Per cui si “spendono” solo per rapporti sessuali affrettati e distratti, privi di tenerezze, in cui non vedono e non considerano l’altra persona, danno poco o niente e ricevono solo una soddisfazione di tipo fisico, senza nessun coinvolgimento emotivo e personale.

Quindi possiamo trarre delle conclusioni.

Spesso mi chiedono: “Ilaria, come faccio a riconoscere un uomo di valore?Ecco, se non gli piacciono le tenerezze, lascia perdere.

Allo stesso modo, se non si dedica alle coccole con te, non è veramente coinvolto, non ti vuole bene e non gli interessi per davvero.

Vedi un po’ a che cosa servono i segnali?

Vedi un po’ come è facile leggerli se ci si tolgono le fette di prosciutto dagli occhi?

Non ama le coccole e le carezze? Non ama dartele e riceverle?

Molto bene.

E’ l’uomo sbagliato.

D’altra parte un uomo che si comporta da “orsetto” e passa il suo tempo a cercare coccole, senza combinare niente in casa e nella vita, non è un grande partner, soprattutto nella lunga e media distanza.

Detto questo, come farsi coccolare da un uomo?

Come fari coccolare da un uomo? 6 passi semplici

1 Sii gentile con lui, sempre.

(Quello di essere gentili con gli altri sempre, soprattutto con quelli che non brillano per intelligenza o che sono realmente cafoni o con gli uomini che si vogliono mollare è un grande trucco per vivere bene, ma questa è una nota a margine, molto importante comunque).

La gentilezza, insieme alla buona educazione, è fondamentale nei rapporti con le persone, anche se ci sono alcuni che non sanno nemmeno dove stiano di casa gentilezza e buona educazione.

Quelli lasciamoli perdere. Anche se sono la maggioranza.

Teniamo sempre presente che quando si vuole costruire qualcosa di importante, una solida istruzione, una buona carriera, una bella relazione, è necessario essere costanti e muoversi passo passo.

Non posso pretendere di essere gentile una volta ogni tanto e avere comunque una buona relazione.

Quel comportamento lo usano i manipolatori o i perversi che però attirano nella loro rete persone disperatamente affamate di attenzioni.

Una bella relazione la costruisco momento per momento, quando sono lontano da lui, facendo con dedizione quello che interessa a me e occupandomi di me.

Quando sono con lui, dedicandomi alla coppia e mantenendo fisso lo sguardo su me stessa.

Essere gentile non significa fare lo zerbino.

2 Sii autentica con lui e mantieni i confini reciproci.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

Cioè, non invadere e non farti invadere.

Non manipolarlo o non conto manipolarlo, cioè non reagire alle sue manipolazioni manipolandolo a tua volta.

Evita di stare con un manipolatore. Per starci un po’ di manipolazioni le devi attuare anche tu.

Non è bello.

Troppe donne, trovato un compagno, diventano dei pesi insopportabili perché implicitamente o esplicitamente fanno richieste e avanzano pretese senza offrire nulla in cambio o poco.

Si lamentano, insistono, pretendono appoggio e sostegno, diciamo pure che sfogano le loro frustrazioni o delusioni sul compagno.

Se lui fa così con te, lascialo. Non vale la pena sostenere un rapporto del genere.

Se lui e il rapporto ti rendono tanto insoddisfatta, lascialo perché anche in questo caso non ne vale la pena.

Diversamente guarda dentro te stessa.

Qualora trovassi delle ferite aperte, che probabilmente non hanno nulla a che fare con lui, cura le tue ferite.

3 Fagli degli apprezzamenti e fagli dei complimenti, sia che riguardano lui, sia che riguardano quello che ama, quello che ama fare, il suo lavoro e il contesto in cui si muove.

Se vuoi saperne di più leggi anche questo articolo Come fare i complimenti ad un uomo.

4 Usa il sorriso e le tenerezze tu per prima.

Attenzione, qui parlo di coccole tra persone adulte, che si vogliono bene e che si considerano importanti una per l’altra, che si considerano importanti nella vita una dell’altra.

Non si tratta di quelli scambi di vicinanza fisica tra adolescenti che non riescono a crescere.

Si tratta di conoscersi in profondità, di donarsi delle esclusività speciali e riservate, che creano un accesso privilegiato al corpo ma soprattutto alle emozioni dell’altro.

E’ su queste basi che si costruiscono relazioni autentiche, non sui messaggi del “Buongiorno” e della “Buonanotte” su Whats’App.

5 Vai per gradi e per piccoli passi.

L’abbiamo già detto, le tenerezze e le coccole sono fondamentali e vanno trattate con cura e attenzione.

Per questo va fatto un percorso, che è il percorso della coppia, di costruzione del rapporto, che prende tempo e necessita di dedizione e di costanza.

6 Fagli capire che tu apprezzi le sue coccole e che le ritieni un aspetto importante del vostro rapporto.

Non è necessario che tu glielo dica, l’importante è che tu stia con lui nel momento, nel flusso in cui vivete i vostri momenti di tenerezza.

Sono questi i momenti di “magia” tra le persone, non le montagne russe dei litigi e delle riappacificazioni, degli abbandoni e delle riconciliazioni.

Non l’alternanza di maltrattamento e abuso.

Scopriamo come si ama in modo sano.

Ecco come farsi coccolare da un uomo.

***

Un’informazione in anteprima.

Il 27 maggio prossimo, mercoledì, ore 21, terrò una nuova teleconferenza in diretta dal titolo

Scopri la tua forza e riparti vincente

Per registrarti clicca qui adesso.

Lascia un Commento!

24 Commenti

  1. Avatar di Sara

    Sara 4 mesi fa (17 Maggio 2020 10:54)

    Buongiorno, Ilaria. Grazie infinite, questo articolo è arrivato al momento giusto e mi ha aiutato a capire che sono sulla strada giusta.
    Rispondi a Sara Commenta l’articolo

  2. Avatar di Silvia

    Silvia 4 mesi fa (17 Maggio 2020 12:41)

    Anni fa frequentavo un uomo a cui non piacevano il contatto fisico e le effusioni tra noi, intense come carezze, abbracci morbidi o anche baci. Appena svegli o durate il giorno, se mi capitava di passargli leggermente una mano tra i capelli - per fargli un buffetto o una dolcezza - era un fastidio. Lo vedevo che si scostava e l'espressione del viso era tutt'altro che piacevole. Con l'eccezione del sesso. Ovviamente questo accadeva anche al contrario, ossia nessuna tenerezza o dolcezza nei miei confronti. Ci soffrivo parecchio e, inesperta e speranzosa, gli ho addiriittura parlato del mio desiderio di scambiarci più effusioni o creare momenti di intimità. Per lui ce ne scambiavamo tante, quindi il problema non sussisteva. L'unica cosa che ha veramente funzionato è stata lasciarlo. Questo per dire che anche i più piccoli o impercettibili gesti, come un'espressione del viso infastidita al contatto con un braccio o con i capelli, ci dicono molto sul fatto che quella persona non apprezzi realmente la nostra vicinanza e il nostro calore.
    Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 4 mesi fa (17 Maggio 2020 16:53)

      Eh Silvia, ma anche tu... Quante pretese!! I veri maschi non si perdono mica in effusioni, dolcezze... Roba da femminucce. Tsè!
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 4 mesi fa (17 Maggio 2020 20:07)

      Emilia, è tutto testosterone, lo capisco... ora!
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 4 mesi fa (17 Maggio 2020 22:23)

      Testosterone e testa de'... 😅🤫😂
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 4 mesi fa (18 Maggio 2020 0:30)

      Ti capisco, Silvia, la tua situazione è simile a quella che ho passato io, nel mio caso le parti erano invertite ma comunque il risultato non cambia. Alla fine l'ho lasciata da poco e ora sto meglio anche se sono decenni che non ricevo una carezza spontanea, e mi manca moltissimo, ma non desisto, troverò chi la pensa come me. Ciao, Fabio
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

  3. Avatar di Vanessa

    Vanessa 4 mesi fa (23 Maggio 2020 12:59)

    Chiediglielo.
    Rispondi a Vanessa Commenta l’articolo

  4. Avatar di Cristina

    Cristina 4 mesi fa (23 Maggio 2020 14:15)

    Ciao Ilaria, ho acquistato qualche giorno fa uno dei tuoi percorsi e ha catturato la mia attenzione una cosa: cercare di scambiare qualche parola con tutti. Ecco, credo che sia veramente raro questo comportamento, perché soprattutto tra le persone della mia generazione (quindi vent'anni) ognuno tende a farsi i fatti propri ovunque, che sia sui mezzi di trasporto, in giro per negozi, nei bar, in universalità... si parla solo coi propri amici. E contemporaneamente tanti (lo so sia perchè sono amici oppure conoscenti) sono insoddisfatti. Forse davvero una maggior apertura potrebbe portare maggiormente alla velocità. E poi utilissimo (uno dei libri più utili che abbia mai letto, e non sto scherzando) l'ebook sui manipolatori e i giocatori: davvero Ilaria, so che non ti serve la mia opinione, ma ci tengo a ringraziarti e a farti sapere che tutto il percorso (e anche seguirti sul blog, ovviamente) si sta rivelando utilissimo per me, quasi rivoluzionario.
    Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (23 Maggio 2020 14:48)

      Non mi serve la tua opinione?! Ma che considerazione hai di te?! E di me?! Secondo te perché e per chi io mi faccio il mazzo tanto?! Perché ti assicuro che è un mazzo tanto. Sì anch'io trovo che l'ebook sui manipolatori e giocatori sia molto utile, nessuno l'abbia mai fatto prima e l'ho fatto apposta per cancellare ogni dubbio sulla questione, cioè dico questo non per immodestia, ma perché l'ho studiato e approntato apposta. La tua opinione è molto importante dato che io lavoro per persone come te, che mi stanno molto a cuore. Poi se tu ti consideri una melmina, sono affari tuoi dei quali però ti consiglio di occuparti. Mi fanno molto piacere le tue considerazioni positive sul percorso. Mi fanno ancora più piacere le tue considerazioni sui rapporti umani. Detto questo credo che tu abbia confuso la parola "velocità" con "felicità". Lascio velocità dal momento che un atteggiamento di apertura agli altri aumenterebbe la velocità in cui raggiungiamo la felicità. Lo sai vero che questa chiusura e questa solitudine sono dovute alla paura e all'insicurezza? Per questo immagina che potenza può avere quella di farri carico di essere i "rompighiaccio" della situazione...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 4 mesi fa (23 Maggio 2020 15:16)

      Non ti serve nel senso che non servo io a confermarti che si percepisce che ti impegni costantemente e affini le tue competenze sempre di più, con risultati eccellenti. Il senso era questo, però la scelta delle parole per dirlo, come mi fai notare tu, rispecchia benissimo la mia bassa autostima (che infatti ho, ci sto pian piano lavorando, ho anche raggiunto dei risultati, non ancora il traguardo evidentemente). E quindi anche qui: pazzesco come se osserviamo e ascoltiamo veramente le persone parlare, sia di se stesse che in generale, scopriamo tantissimo. E si, volevo scrivere "felicità", ma mi piace molto come hai modificato la frase. Tra poco esco e mi son prefissata di mettere già in pratica il proposito di scambiare qualche chiacchiera :)
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

  5. Avatar di Anna

    Anna 4 mesi fa (27 Maggio 2020 12:41)

    Buongiorno, sono una ragazza di 21 anni. Da 2 mesi mi sento con un ragazzo (anche se lo conosco dalle superiori) con il quale sono uscita solo due volte (dal 18 maggio in poi per via del covid). Proviamo grande attrazione per lo più fisica, reciproca e sono certa che lui non è intenzionato ad una relazione seria (me lo ha esplicitamente detto). In realtà neanche io, però quando sto con lui mi sento proprio presa fisicamente e anche mentalmente. Infatti quando ci siamo visti e parlavamo non era per niente banale e stavo davvero bene. Sono una ragazza forte, per via del mio passato un po' turbolento, che per innamorarsi o perdere la testa per qualcuno ci mette tempo. Non ci sono andata a letto, anche se lui voleva, ma io ho detto di no, anche perché sono vergine e non sono così stupida da dargliela così. Alla fine ci siamo divertiti in un'altra maniera. Vorrei fare la stronza, fargliela sudare, fargli capire che con me non è facile come con le altre. E pure io, mi voglio divertire. Fino ad adesso è l'unico che è riuscito a prendermi davvero fisicamente e anche mentalmente. L'attrazione è tanta, vorrei tanto, ma non gliela voglio dare vinta! Come posso conquistarlo, nel senso fargli abbassare un po' la cresta e stuzzicarlo un po', temporeggiando sul dargliela? Siamo due tipi abbastanza orgogliosi, sicuri di noi stessi, ma non sarà facile per lui ottenere ciò che vuole. Fino ad adesso mi sento una persona molto gratificata in tutti gli altri campi (studio, famiglia, vita sociale, autostima) quindi sono tranquilla e sto continuando a vivere la vita come ho sempre fatto. Però vorrei aggiungere alla mia vita qualche sfizio di piacere in più, senza troppo impegno, ma sempre con determinazione e non da "stupidotta". Grazie mille in anticipo Anna
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  6. Avatar di Emy

    Emy 4 mesi fa (22 Maggio 2020 21:39)

    Ciao Ilaria, vorrei chiederti un consiglio: c'è un mio compagno di corso in università che mi piace, l'ho conosciuto quest'anno (quando si poteva ancora andare). Ogni tanto ci siamo sentiti durante questi mesi (mi ha cercata quasi sempre lui), sia per questioni didattiche (mi ha passato degli appunti per un esame che aveva già dato e io no) che parlando del più e del meno. Ci sono però due cose che mi mettono in dubbio: la prima è che una mia amica mi dice che se un ragazzo è interessato fa di tutto per allungare la conversazione il più possibile e ti messaggia ogni giorno, mentre questo con lui non avviene, perchè ci sentiamo ogni 2/3 settimane; e poi un mese fa lui doveva dare un esame che io avevo già dato, quindi mi aveva chiesto una cosa a riguardo. Era sera e io non avevo il telefono sotto mano, a un certo punto alle 22 e 30 mi chiama per chiedermelo direttamente (anche se non era una cosa urgentissima) e mi ha lasciata un po' spiazzata, perchè io chiamo le persone a quell'ora se ho molta confidenza o se è successo qualcosa di grave. D'altra parte noi dobbiamo vederci (quando sarà più facile circolare, tanto non abitiamo lontani) perchè deve ridarmi un libro che gli ho prestato e penso che magari vedendolo capirò di più... Non lo so, non riesco a capire se potrei interessargli io oppure no... ad esempio ieri sera ci siamo sentiti e lui a un certo punto mi ha risposto con un audio mentre era a casa di amici, allontanandosi un poco e questo mi ha colpita. Forse gli fa piacere sentirmi? Mi daresti la tua opinione?
    Rispondi a Emy Commenta l’articolo

    • Avatar di Emy

      Emy 4 mesi fa (23 Maggio 2020 10:00)

      Qualcuno mi darebbe un consiglio per favore?
      Rispondi a Emy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (23 Maggio 2020 10:07)

      Ciao Emy, hai scritto ieri sera, circa dodici ore fa. In mezzo c'è stata un'intera notte e le persone sane e normali, contro ogni diversa convinzione, di notte dormono. Poi non sempre tutti i commenti suscitano il medesimo interesse. Dico questo perché la tua tensione e la tua insistenza danno da pensare. Se assumi questi stessi atteggiamenti nella vita e in particolare con i ragazzi e con gli uomini, siamo fritti. Non c'è niente che metta più a disagio e allontani di più di ansia e insistenza. Poi gli uomini le detestano proprio, essendo convinti che tra l'altro rappresentino il deteriore del femminile. Detto ciò, la tua storia è molto semplice: il tuo amico è interessato ai tuoi appunti e a usarti per fare meno fatica a sostenere gli esami. Spero di essere stata chiara e che questo messaggio aiuti tutte coloro che si ossessionano e insistono, risultando respingenti e coloro che - tantissime, troppe - si fanno film di pura fantasia.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emy

      Emy 4 mesi fa (23 Maggio 2020 10:30)

      Scusami Ilaria se son stata insistente, non volevo "usarti" (a mia volta). Grazie per avermi risposto, avevo anche io questa sensazione, anche considerando appunto la chiamata che ho citato (che mi sembra maleducata e invadente) e il fatto che via messaggio è capitato mi "inondasse" con sue menate varie su esami... Grazie davvero, penso di averlo idealizzato e che invece sia solo uno che usa le persone. Meglio che mi allontani. Scusami ancora.
      Rispondi a Emy Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (23 Maggio 2020 15:57)

      Le scuse sono superflue, davvero, il messaggio che deve passare è che non è il caso di essere insistenti e bisognose, con nessuno :)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emy

      Emy 3 mesi fa (8 Giugno 2020 18:00)

      Ciao Ilaria, ho visto quel ragazzo ieri perchè doveva ridarmi il libro e si è messo a parlare delle sue ansie per esami e laurea come un fiume in piena, tant'è che dopo un po' me ne sono andata. Mi sono sentita veramente usata, nemmeno fossi la sua psicologa. Chissà perchè certa gente fa così. Ad ogni modo, ho aperto gli occhi sia sul mio atteggiamento (su cui lavorerò), sia sul suo, quindi volevo ringraziarti ancora.
      Rispondi a Emy Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 3 mesi fa (9 Giugno 2020 11:45)

      Ciao, conoscete il racconto "La morte dell’impiegato" di Cechov? Stiamo parlando di letteratura russa, quindi non proprio acqua fresca profumata ai petali di rosa, si sa, ma è un racconto che fa riflettere...Si può leggere qui, è brevissimo, lo si legge in due minuti: https://digilander.libero.it/dlpasquale/cechov.pdf
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (9 Giugno 2020 21:41)

      Ciao FrancescaF, grazie, molto interessante, questo breve racconto di Cechov non lo conoscevo. Il maestro ci vedeva a lungo. In fondo Cerviakòv siamo tutti noi, quando ci incaponiamo nel dare spiegazioni non richieste e, non ricevendo dall'altro la reazione che ci aspettavamo, persistiamo con le giustificazioni, con la pretesa che l'altro debba starci ad ascoltare, visto che ci scomodiamo nel darle. E l'indifferenza altrui ci ferisce, ci facciamo ferire. La verità è che dovremmo imparare a lasciar andare. Se uno non vuole le tue spiegazioni, le tue scuse, tu non darle. Se non te ne vuole dare a sua volta e si infastidisce, ti ha già risposto, quindi passa oltre. E questo è quanto. Un abbraccio
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (9 Giugno 2020 23:25)

      Bellissimo FrancescaF, geniale e appropriato e pertinente ai temi del blog. Vic, io ho una interpretazione diversa della "morale della favola". Il generale sta ad ascoltare Cerviakòv per quanto è necessario. Accetta le scuse, sminuisce l'accaduto, come è normale che sia. Che sarà mai? Bazzecole. Si comporta in modo educato. E che deve fare? E' Cerviakòv che si fa un gigantesco film in testa, prende una minuzia e ne fa una tragedia, immagina posizioni, pensieri e convinzioni che il generale non ha per nulla e con la sua insistenza lo esaspera, senza capire per nulla la psicologia del generale, la sua personalità, le sue priorità, ma attento solo alle proprie. A me vengono in mente quelli che se per caso il tuo sguardo cade su di loro per un secondo, mentre stai pensando a tutt'altro, attaccano briga (è un luogo comune della descrizione narrativa di certa microcriminalità) o le decine di donne, che scrivono anche qui. che dopo un "Ciao!" un po' più caloroso o un like su una foto immaginano storie d'amore e litigi, nei minimi dettagli, con qualcuno che non sa nemmeno esattamente della loro esistenza. Quante volte leggiamo anche qui: "Vedo che segue le mie storie. Ha messo un like. Voi come la interpretate?" Il generale non è indifferente e le scuse le ha accettate. Ma è un racconto di poche parole, non un romanzo, come pretenderebbe Cerviakòv.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 3 mesi fa (9 Giugno 2020 23:48)

      Certo, Ilaria, la tua interpretazione è più incisiva e attenta. Io ci vedo anche un certo classismo o, in chiave blog, sessismo. Cerviakòv è sollevato dal fatto che il generale non sia il suo superiore ma un estraneo ("meno male, non mi conosce, è un tizio conosciuto in chat"). Tuttavia, il fatto di aver fatto una figuraccia con un generale è seccante ("beh, è pur sempre un uomo, cosa penserà di me?"). Dal canto suo il generale dà alla cosa il giusto peso (è un'inezia, neanche fatta apposta, tipo maldestro) ma non è gentile. Educato sì, gentile no. E' Cerviakòv che pretenderebbe la gentilezza da un tipo che non gli deve nulla e di stare a parlare del niente, esattamente come l'esempio che hai portato tu dei film di fantascienza che molte si fanno dopo un like o una visualizzazione.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Doris

      Doris 4 mesi fa (23 Maggio 2020 11:53)

      Ciao Emy, tanta ansia nel tuo messaggio, eh... Io mi regolo così quando non capisco le intenzioni altrui: 1) mi sto facendo un film io e non c'è realtà in quello che immagino (rifletterci semza seghe mentali), 2) ho a che fare con uno stronzo che gioca (evitare), 3) i tempi non sono maturi per capire (lasciare tempo al tempo) . La medicina da assumere è sempre lei: dedicarsi ad altro, distrarsi, divertirsi, occuparsi di affetti, dei traguardi raggiunti o che stiamo cercando di raggiungere e cercare la felicità ovunque, tranne che lì, in quella situazione. Spero di essere stata di aiuto, ciao.
      Rispondi a Doris Commenta l’articolo

    • Avatar di Emy

      Emy 4 mesi fa (23 Maggio 2020 12:22)

      Ciao Doris, belli i consigli per pensare a una situazione del genere, cercherò di seguirli. Nel mio caso credo di rientrare nel punto 2, magari lui non sta giocando (o forse si, boh), ma mi usa e credo non vada bene in ogni caso e sia da stronzo comunque... grazie mille per la risposta, sei stata molto gentile.
      Rispondi a Emy Commenta l’articolo

  7. Avatar di Kicca

    Kicca 3 mesi fa (3 Luglio 2020 19:46)

    La nostra società finge che la tenerezza non esista, grazie Ilaria, bell'articolo
    Rispondi a Kicca Commenta l’articolo