Lui non vuole fare l’amore. Importante: non è colpa tua

lui non vuole fare l'amoreUn rapporto nel quale lui non vuole fare l’amore o nel quale non si fa l’amore può essere un rapporto felice?

In una coppia, ci può essere amore senza sesso?

"La gente farebbe di tutto pur di farsi una scopata. Perfino innamorarsi. manuela_reich Twitter"

No. Senza sesso non ci può essere un vero amore di coppia, non si può creare un rapporto sano e genuino, non è possibile un legame autentico. In un rapporto senza sesso non si può davvero crescere come donna o come uomo, non c’è un autentico arricchimento personale, non c’è evoluzione.

In un rapporto di coppia senza sesso non si può essere felici. Ci si può convincere di stare bene, di poter fare a meno di qualcosa (il sesso) per poter godere di qualcos’altro (l’amore o la stabilità o la sicurezza), ma in realtà si mente a se stesse e si soffre, ci si macera.

Di più: anche se, in segreto, molte donne accettano di vivere un rapporto con del sesso scadente, molto insoddisfacente o nullo, nel quale lui non vuole fare l’amore – mai o quasi mai – vivere una relazione di coppia dove non c’è gratificazione sessuale è vivere un’esperienza estremamente traumatica.

E un trauma lascia tracce profonde, sulla nostra anima e sulla nostra emotività. Ecco perché quando conosci un uomo e inizi a frequentarlo o quando sei in un rapporto di coppia di lunga data devi (ho scritto: devi) considerare con molta attenzione la qualità della vostra intesa sessuale. Senza giustificazioni, scuse o compromessi.

Senza “spostare” il problema, in avanti nel tempo o su situazioni esterne o eventi particolari.

Non ignorare i campanelli d’allarme

Qualche lettrice starà pensando che questo non è un articolo che le interessa, dato che a lei semmai è sempre capitato il “problema” opposto, cioè stare con uomini fin “troppo” desiderosi di fare l’amore, sempre e comunque, anche quando la vita di coppia per tutto il resto attraversa o attraversava periodi difficili. E va bene così, molto bene così.

Queste lettrici possono fermarsi qui e dedicarsi ad altro o continuare a leggere per scoprire qualcosa di utile per la tutela di se stesse e della propria emotività all’interno di una relazione. Dal punto di vista dell’atteggiamento mentale.

"Il sesso è come il denaro; solamente quando è troppo è abbastanza. John Updike"

Qualche altra lettrice un po’ dubbiosa e magari non troppo esperta o non troppo sicura delle proprie esperienze si starà interrogando con domande del tipo: “Ohibò, possibile che in una coppia il problema sia che lui non vuole fare l’amore? Come può verificarsi un fenomeno del genere? Ma com’è allora la storia che gli uomini cercano solo sesso e hanno solo quel chiodo fisso?

La “storia” che gli uomini hanno il chiodo fisso del sesso è uno dei tanti falsi miti  sulle relazioni e sull’amore. Un mito da distruggere, dato che ha fatto più danni delle cavallette in tempo di carestia.

Non è vero che gli uomini hanno il chiodo fisso (va beh, alcuni sì, ma le problematiche che le persone manifestano sono più numerose degli abitanti della terra).

E’ vero invece che chiodo fisso o no, molti uomini non hanno un autentico e sano interesse verso il sesso. Non sono capaci, hanno seri problemi connessi a quell’ambito e la loro “incapacità”, i loro “problemi” e il loro poco interesse sono inquietanti campanelli d’allarme.

Campanelli d’allarme che segnalano che si tratta di soggetti dai quali tenersi bene alla larga.

Perché molto spesso se ci sono problemi in quell’ambito, cioè se lui non vuole fare l’amore, è perché ci sono problemi anche in altri ambiti, tanto da coinvolgere l’intera personalità di un individuo. E compromettere la sua capacità di relazionarsi in modo sano.

E come in ogni situazione seriamente problematica, i campanelli d’allarme sono ancora più inquietanti quando il “soggetto portatore” del problema ignora il problema, lo nega, non ne parla.

Lui non vuole fare l’amore. Attenta a non colpevolizzarti

Detto in soldoni: se all’interno di un rapporto sereno e assodato sorgono problemi che investono l’ambito sessuale e se ne parla il più possibile apertamente e con tranquillità, affrontando le questioni insieme, cercando di capire se si tratta di fenomeni emotivi o fisiologici e scegliendo soluzioni percorribili e condivise, è molto probabile che il “problema” diventi davvero un’opportunità di crescita per i due partner e di rafforzamento per il legame di coppia.

"Il sesso è più eccitante sullo schermo e tra le pagine che tra le lenzuola. Andy Warhol"

Se invece si verifica il non raro fenomeno per il quale fin da subito all’inizio di una relazione lui non vuole fare l’amore, evita le occasioni o non le crea, non si può pensare di cavare molto di buono da una storia. Per niente proprio.

E lo stesso si può dire se il “silenzio”, l’evitamento cade all’interno di una coppia che si credeva unita anche dall’intesa sessuale. Se lui non vuole fare l’amore, smette di cercarti sessualmente e nel contempo non ti cerca per “parlarne”, ignora il problema o finge di ignorarlo, è il momento di fare serie riflessioni sulla relazione, per quanto importante essa sia. O, per quanto importante credi che sia.

La questione centrale è invece che quando lui non vuole fare l’amore – che si tratti di una relazione appena all’inizio o di una già avviata – lei comincia a prendersi le colpe, a porsi la famigerata domanda: “Dove ho sbagliato? Dove sto sbagliando?” e si mette in una situazione di subordinazione, di attesa e di espiazione, che diventa deleteria.

E’ un atteggiamento che nasce dalle convinzioni radicate per cui se qualcosa non funziona all’interno di una relazione è nella maggior parte dei casi “colpa” della donna, perché nell’opinione comune è la donna che deve far “funzionare i sentimenti”, sedurre, compiacere. Trovare soluzioni ai problemi sentimentali non solo suoi ma anche del compagno.

E a maggior ragione se si tratta di problemi che riguardano l’ambito della sessualità. Per cui, ahimé, è naturale per molte donne pensare di avere loro qualche problema, di non essere loro abbastanza attraenti o abbastanza esperte.

E’ a causa di queste “convinzioni”, di questi “meccanismi mentali” controproducenti che succede che anche ai nostri giorni, anche alle nostre latitudini molte donne “subiscano” un’insoddisfazione sessuale della quale credono di essere la causa, mentre la causa è spesso ben lontana da loro, in qualcosa che non le riguarda minimamente.

Quando lui non vuole fare l’amore devi mettere in seria discussione la relazione e non te stessa. Devi considerare che il segnale che lui ti sta inviando è forte e importante e non riguarda te, ma lui e la qualità del rapporto con lui. Non solo dal punto di vista sessuale, ma da tutti i punti di vista.

Scopri tutto quello che ti serve sull’attrazione con i percorsi che ho preparato per te:

I 7 Pilastri dell’Attrazione.

è il primo passo verso la conoscenza di te.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso de I 7 Pilastri dell’Attrazione adesso.

Come Sedurre un Uomo senza Stress

In questo percorso si spiegano i gradi dell’attrazione “autentica”.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso Come Sedurre un  Uomo senza Stress adesso

 

Lascia un Commento!

56 Commenti

  1. Avatar di Eri84

    Eri84 4 mesi fa (30 marzo 2017 15:34)

    Forse ho trovato l'articolo in cui lasciare un mio commento, ovvero una richiesta di parere che ho inviato a Ilaria questa mattina. E ora lo scrivo qui! Scusate se sarò un po' lunga....Vi spiego: vivo da ormai più di due anni una bella storia, nata dopo un periodo buio, vissuto accanto e dietro ad un narcisista perverso che mi ha ridotta ad uno straccio. Ho lavorato molto su di me, quando ho conosciuto il mio attuale compagno andavo da una psicologa. Ho messo subito a conoscenza lui di ogni cosa che stavo vivendo e che avevo vissuto. Lui non mi ha mai giudicata, anzi mi è stato sempre accanto nel modo giusto: con rispetto, positività. Mi ha coccolata, incoraggiata, ha permesso alla me stessa che avevo sotterrato di tornare a galla. Insomma, da sola ma anche insieme a lui sono rinata. Di tempo ne è passato, abbiamo fatto già un pezzo di cammino insieme e quest'inverno abbiamo deciso di andare a convivere. Casa sarà pronta tra un paio di mesi... ma io non ti nego di avere molte paure. Mi chiedo spesso: lo amo davvero? O amo il suo modo di essere con me, il modo in cui mi fa sentire sempre importante e al centro della sua e della nostra vita? E poi... un altro dubbio che ho è: a me piace fare l'amore con la persona con cui sto. Mi piace che ci sia del buon sesso, nonostante io sia una persona molto riservata e discreta. Credo che sia il motore di una coppia, capace anche di cementare e di far crescere ulteriormente l'intimità tra due persone. Quando si tratta di questo aspetto, non so perchè, ma riesco ad essere più libera, meno controllata... mi piace giocare, provare, sperimentare. Con lui però, secondo me, c'è sin dall'inizio un modo di fare sesso a metà... io non riesco a raggiungere la gioia(non la raggiungo mai facilemente, mea culpa!) nonostante lui ci provi e voglia arrivarci ogni volta con me. Io, d'altro canto, mi limito nel vivere la sessualità con lui perchè ho notato che lui è poco, diciamo così, energico... è molto veloce, e io poi vorrei continuare ma lui perde ogni energia. E a volte mi sento in colpa per questo.. lui mi prende in giro (bonariamente, non con cattiveria!) e dice che lo faccio stancare... mi pare come se volesse dirmi che sono insaziabile! Insomma, nell'ultimo anno la nostra intimità è diminuita parecchio, oltre che si è raffreddata. Dall'estate scorsa, dopo la vacanza, siamo stati mesi senza far nulla... con la scusa delle giornate più fredde, di un mancato spazio per noi due. Non ci va di farlo in macchina (anche se poi penso che se due si vogliono e proprio non resistono, lo fanno ovunque). anche per questo abbiamo deciso di trovare un nido per noi e di andare a convivere (abbiamo entrambi più di 30 anni).Ecco, cara Ilaria, care amiche del blog, questa cosa mi mette un po' in crisi... perchè io ho sempre avuto l'idea che due persone decidano di fare dei passi per amarsi ancora di più e meglio. Sicuramente è così, ma non vorrei essere come quelli che si sposano o decidono di far figli per "risolvere" qualcosa. Insomma, senza giri di parole... che ne pensate molto apertamente di ciò che vi scrivo?? Aiuto! Abbiate pietà di me!!! 😂😂😂😂😁😁😁😁
    -3
    Rispondi a Eri84 Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (30 marzo 2017 15:51)

      Non capisco l'ultima frase. Come dire? Probabilmente già lo sai... Il giovanotto poco "energico" soffre di sicuro di eiaculazione precoce ed è al limite dell'impotenza. Se si vuole una storia un minimo decente, un tipo così è da lasciare al suo destino. La parte interessante del commento (il 99%) è quella dalla quale si evince che l'edificio di autocolpevolizzazione di sé e di giustificazione di lui è già stato compiuto con il contributo passivo-aggressivo della manipolazione "coccolosa" di lui, che porta pazienza perché sia tollerata la sua impotenza. Da manuale il costrutto: "Sono una peccatrice, ninfomane, incapace di godere e lui, cavaliere senza macchia e senza paura a 30 anni si trova a fronteggiare questo appetito sessuale malato e insaziabile. Le responsabilità è evidente che siano tutte mie". Siamo nello stesso schema del narcisista, uguale-uguale. Signore, se capite questo "trucchetto" della mente, non vi è null'altro da imparare di veramente importante.
      8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Eri84

      Eri84 4 mesi fa (30 marzo 2017 16:07)

      Certo Ilaria...abbiate pietà di me, perché credo di essere una persona sveglia e intelligente, e immaginavo, paro paro, una risposta del genere! È come se cercassi una conferma a ciò che già la mia testolina, o forse il mio cuore, mi suggeriva da tempo. Questa mattina ho sentito forte l'impulso di scriverti... E ti ringrazio per la risposta, che fa un po' male ma è onesta, sincera, chiara, trasparente. E con cui mi sbatti in faccia lo stato delle cose. A corollario di ciò, è beninteso che avevo intuito anche quest'altra cosa: il ripetersi di uno schema. In fondo, forse non molto è cambiato in me da due anni a questa parte!
      5
      Rispondi a Eri84 Commenta l’articolo