Conquistare un uomo: i micidiali errori di comunicazione che commetti senza accorgertene (e che lo fanno scappare a gambe levate)

seduzioneattrazione2 300x199 Conquistare un uomo: i micidiali errori di comunicazione che commetti senza accorgertene (e che lo fanno scappare a gambe levate)Sai davvero come si fa a capire un uomo?

Due settimane fa ho scritto un articolo dedicato alle strategie di seduzione e ai sentimenti veri.

Si tratta di un post pieno di informazioni, anche molto pratiche, che riguardano le modalità davvero efficaci per conquistare un uomo.

L’articolo contiene molte idee importanti riguardo l’attrazione, molte idee che sono alla base di questo blog, dei miei per-corsi e del lavoro che faccio individualmente con le persone.

E spiega, molto in dettaglio, a livello prettamente pratico, il perché rimane fondamentale la regola per cui se un uomo ti piace davvero e vuoi conquistarlo e fare in modo che rimanga legato a te non devi mai cercarlo per prima, non devi inseguirlo, non devi corteggiarlo.

L’articolo ha fatto sì che, nell’area commenti si aprisse un interessante dibattito tra le lettrici e i lettori, che per me è stato, come di consueto, molto stimolante e molto arricchente.

Anzi, colgo l’occasione per ringraziare  chi commenta ed è così generoso/a e disponibile da offrire a tutti gli altri la propria testimonianza: credo che questo sia molto utile sia per chi legge i commenti e sia anche per chi li scrive.

Mettere per iscritto quel che si prova ha sempre un effetto di chiarificazione ed è efficacissimo per raggiungere una maggiore consapevolezza di sé, che poi è alla base del fascino e del carisma personale.

Ok, andiamo avanti.

Nell’articolo e nei commenti emergeva un tema importante: dato che è bene non “inseguire” un uomo per non fargli perdere il desiderio e il senso della conquista, per non “assillarlo” (gli uomini detestano essere assillati) e per non mostrare di essere bisognosa, che cosa è più utile fare?

Soprattutto come è possibile trovare il giusto equilibrio tra l’incoraggiarlo e il “perseguitarlo” (e quindi il mostrarsi “bisognosa”?).

E’ un tema importante, che richiede attenzione, anche perché una volta che hai trovato il “nocciolo” della questione, cioè una volta che hai capito di che si tratta davvero, questo ti è utile sia nel primo approccio, sia durante la fase del reciproco corteggiamento, sia durante la relazione vera e propria.

Oggi voglio che ci concentriamo sugli errori micidiali che molte donne commettono senza rendersene conto e assumendo quell’atteggiamento che, come spiegavo in quell’articolo di due settimane fa, è di presunta amicizia.

Cioè: ci sono donne che quando sono interessate a un uomo, per non “compromettersi” si comportano come se gli fossero amiche.

E questo le frega. E le frega alla grande. (Posso dire “frega” sul mio blog? Sì, oggi posso!).

Allora, vuoi sapere in che modo ti freghi con le tue mani nel momento in cui fai finta di essere amica di un uomo che ti piace e invece vuoi conquistarlo?

Ecco alcuni atteggiamenti di “finta amicizia” che sono tentativi di conquistare un uomo (e che a lui risultano terribilmente fastidiosi dato che rivelano un alto tasso di bisognosità).

1. Telefonargli per prima o telefonargli solo per avere un contatto con lui, dato che non sopporti il suo silenzio o la sua distanza.

Tutto ciò nelle sue varie declinazioni:

  • telefonargli con la scusa che hai sentito o letto qualcosa di interessante su un tema di cui avete parlato quando vi siete visti (e al quale ti sembrava appassionato); o perché sai che c’è un bel concerto e vuoi avvertirlo o perché qualcuno ti ha parlato di un super-mega-evento-spettacolare al quale vorresti invitarlo (o tutte cose simili, tipo l’inaugurazione di una mostra, il compleanno dell’amica comune, l’addio al celibate di un tuo carissimo amico che è suo amico su Facebook).
  • Telefonargli per chiedergli perché non ti ha ancora telefonato (ommioddio!!!)
  • Telefonargli per dirgli che sei seccata (spiritosamente, ovvio!) che non si sia più fatto sentire (ommioddio 4 volte!!!)
  • Telefonargli per fornigli precisazioni e informazioni che lui non ha mai richiesto (e di cui non gli può interessare di meno) o dandogli indicazioni e suggerimenti (questo, con un uomo, è un vero suicidio) tipo: se ti ha parlato di un suo problema al ginocchio offrirgli il nome del tuo amico ortopedico; o spiegargli esattamente dove abiti e quali sono le tue ore libere o cose del genere. Non attaccarti alle scuse, non attaccarti a qualsiasi scusa. Per favore!

2. Contattarlo in altri modi “simpaticamente amichevoli”

Cioè per esempio:

  • scrivergli una mail
  • Mandargli degli sms
  • Contattarlo e interagire con lui su Facebook
  • Scrivergli
  • Mandargli cartoline, bigliettini, etc.
  • Capitare “per caso” a casa sua
  • Capitare “per caso” nella palestra dove si allena (o al calcetto, al campo di golf, al club, al bar dove si vede con gli amici).
  • Telefonare a quel suo simpatico e caro amico che magari è anche un tuo amico
  • E tante altre cose che significano che tu vuoi fare il primo passo verso un contatto con lui o vuoi mantenerlo. Ti prego, non lavorare di fantasia per trovare cavilli ed eccezioni: non vanno bene comunque voglia girare la questione.

3. Fare progetti e costruire castelli in aria accelerando le cose.

Cioè:

  • dare consigli (lo ribadisco: gli uomini detestano i consigli non richiesti, soprattutto se arrivano da una donna); fare piani nei quali poi lo coinvolgi con inviti di vario genere; offrirgli un passaggio; offrirgli di uscire insieme e di passarlo a prendere; offrirgli di ospitarlo a dormire a casa tua, o sul tuo divano o, addirittura e peggio, nel tuo letto. Gli uomini odiano essere forzati a fare le cose. A te piace essere forzata a fare quello che non vuoi?
  •  Offrirgli di cucinare la cena, iniziare un approccio sessuale, iniziare un approccio affettuoso (che non sia un semplice sorriso, sincero e davvero interessato), e, poi, – terribilissimo – incominciare conversazioni sul tema “che cos’è e dove sta andando la nostra relazione” (?!), anche soprattutto per il fatto che di relazione non si può ancora parlare.
  • Creare un’ “occasione speciale” per voi due; mandargli piccoli “doni” (tipo foto, immagini, frasi ispiratrici), fare riflessioni a voce alta su cose che potreste fare insieme o parlargli in genere di cose che protreste fare insieme…

Insomma, tutto quel genere di atteggiamenti, parole, azioni e sottintesi che danno la netta impressione che tu pensi di essere il direttore generale della vostra relazione e della sua vita.

4. Chiedergli come “si sente”.

Allora: credo che le battute su quanto le donne e gli uomini sono diversi per quel che riguarda la capacità di percepire la propria “sensibilità”, l’“attenzione ai sentimenti” e la “consapevolezza delle emozioni” si sprecano.

Gli uomini – per una serie di ragioni tutte importanti – sono meno propensi e meno abituati a comprendere e a parlare di certi argomenti.

Lo sperimento io stessa tutti i giorni con il miei clienti di coaching individuale: il lavoro che faccio con le donne e quello che faccio con gli uomini, riguardo la percezione e la gestione delle emozioni, ha, in genere, modalità completamente diverse.

Quindi, sappi che qui ti trovi in un ambito molto “sensibile” (scusa il gioco di parole J) e molto delicato.

Nel “chiedergli come “si sente”” è incluso anche e soprattutto il chiedergli come si sente riguardo te e la relazione (giusto per ribadire il concetto).

Ora considera che – come dicevo sopra – tutti quelli che ho elencato possono essere atteggiamenti che assumi anche senza accorgertene.

E questo perché a te sembrano atteggiamenti spontanei e naturali: anzi, probabilmente ti può sembrare di non comportarti in modo naturale se non ti comporti così.

Forse addirittura ti dà la sensazione di non essere gentile.

Di non essere “carina, amichevole e simpatica”.

Puoi perfino pensare che non puoi mostrarti seduttiva e attraente, tanto da rischiare di deluderlo e di perderlo se non ti comporti come ho descritto sopra.

E invece è qui che sbagli: proprio comportandoti in questo modo lo allontani da te.

Questo è, anche se ti pare duro e crudo

Scrivi i tuoi commenti e le tue opinioni, indipendentemente dal fatto che ti abbia dato gli elementi per una piccolo rivelazione personale o ti abbia fatto arrabbiare (tanto o poco che sia), o tutte e due le cose insieme.

Mi interessa davvero sapere che cosa ne pensi.

E, per favore, quando hai finito di leggere, ricordati di condividere questo articolo sui social (Facebook, Twitter, etc.) attraverso i pulsanti che trovi qui sotto.

Grazie!

Cordialmente

Ilaria

P.S. Mesi fa ho ultimato “I 7 pilastri dell’attrazione”. E’ un percorso semplice e pratico, che ha avuto molto successo presso le mie lettrici e i miei lettori, che, tra l’altro, hanno ottenuto ottimi risultati dalla sua applicazione in ambito sentimentale. Come tutto il lavoro che si fa con me, non è per tutti: non è un percorso per perditempo e procrastinatori che rimandano a “domani” l’occuparsi della propria felicità. O che, peggio, giurano e stragiurano che vogliono smettere di soffrire ma non fanno proprio nulla per migliorare e rimangono dove sono. Di sicuro è un percorso molto utile per tutti coloro che vogliono liberarsi da atteggiamenti di bisognosità e vogliono smettere di commettere errori fatali nelle loro relazioni. A questi di sicuro io consiglio “I 7 pilastri dell’attrazione”.

Questa voce è stata pubblicata in Errori comuni e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Gratis per te!

Vuoi capire quali sono i tuoi comportamenti sbagliati con gli uomini e come puoi evitarli?
Vuoi aumentare la tua autostima e avere più sicurezza nelle relazioni?

Scopri gratuitamente gli 11 infallibili passi
per attrarre la persona giusta per te.
Clicca Qui!

187 commenti a Conquistare un uomo: i micidiali errori di comunicazione che commetti senza accorgertene (e che lo fanno scappare a gambe levate)

  1. Attila scrive:

    Ciao!
    Ho letto l'articolo, e anche tutti i commenti: e' un dibattito veramente interessante, e mi ha fatto molto pensare.
    Credo che ci sia del vero in entrambi i punti di vista che, più spesso, sento prevalere: la necessita' di non inseguire un uomo, all'inizio della conoscenza, e il desiderio di spontaneità che fa dire a molte "be', ma se ne ho voglia, perché non chiamarlo?".
    Secondo me non e' tanto che e' più giusto un approccio piuttosto che l'altro, quanto il modo di rapportarci, e soprattutto la motivazione, che abbiamo: se ci spingerà un bisogno, e' garantito che ci verra voglia di cercarlo in modo insistente, e questo non va. Assolutamente!
    Lo dico per esperienza! :)
    Se invece siamo serene, e una persona ci piace senza metterci in agitazione.. allora la spontaneità e' la cosa migliore, perché non ci saranno forzature ne' ansia.
    Io sono passata per entrambe le situazioni: l'essere diretta, affettuosa e genuina e' sempre stato qualcosa che chi ho amato ha apprezzato fin da subito, perché ero così, semplicemente, e ho dato il tempo all'altra persona di farsi conoscere senza timore e senza pressioni.
    La volta che invece ho fortemente voluto creare un legame con qualcuno che in realtà, ora lo vedo bene, era già sfuggente e sicuramente poco adatto a me, sono caduta nell'insistenza e nella richiesta, per quanto fatta con simpatia e in modo amichevole.
    Ho comunque avuto ciò che volevo, ma.. a volte davvero dovremmo pensarci bene, prima di voler tanto ardentemente che i nostri desideri, se dettati da bisogni nostri irrisolti, si realizzino!! ;)
    Quando si ha bisogno di qualcosa, si apre la strada alla dipendenza.. e poi sono guai!
    In bocca al lupo a tutti! :)

  2. Mik scrive:

    E se gli sbagli elencati sopra sono stati già commessi, c'è la possibilità di riprendere in mano la situazione e cominciare a condurre il gioco?
    Premettendo che il mio caso è da manuale, adesso nn si tratta più semplicemente di conquistare una persona che mi piace (a prescindere se sia adatta a me oppure no), si tratta di mettermi alla prova…una sfida con me stessa; poi potrei anche scoprire che la persona in questione, conoscendola meglio, nn è conforme alle mie aspettative: intanto imparo a muovermi!!! ;-)

  3. TonyStark scrive:

    1)Complimenti per il blog,mi sembra davvero carino.
    2)Chiedo scusa di non essermi iscritto o loggiato con Twitter,Facebook etc.,ma preferisco rendermi utile,non visibile.

    Sono un uomo,felice delle sue decine di "disastri",che mi hanno insegnato a sapere cosa voglio e come aiutare le persone a capirlo(salvo altri "disastri").

    a)Far capire ad un uomo cosa provi non è una colpa.
    b)Amare un uomo non è una colpa.
    c)Mettersi nei suoi panni,senza interpretare con fantasia,ascoltandolo,è il modo migliore per capire chi hai davanti.

    La comunicazione "Indiretta" è come il trucco: è volta a "celare" difetti,supposti o reali che siano; adottarla supponendo per definizione che un "maschio" ci caschi,fa si,per l'appunto,di farvi trovare accanto dei veri "segugi",degni di capirvi e regalarvi emozioni,quanto solo un idiota potrebbe fare.
    Avete presente quegli uomini,magari non particolarmente belli,che sanno sorridervi e guardarvi al punto di "volervi" sentire nude?
    Magari siete venute ad un appuntamento per incontrare "quel tipo davvero fico che lavora per una private bank ed è alto un metro novanta etc…", incontrate lo sguardo del "Depp" della situazione e…voilà: fregate da uno alto un metro e sessantacinque…
    Non vi sembra "strano"?Voglio dire,è una di quelle situazioni in cui il giorno dopo vi ritrovate a raccontare la vicenda e a dare delle risposte del tipo "ha fascino" o ancor peggio "ha un non so che di non so cosa",senza minimamente capire,anche dentro voi stesse,"come cavolo avete fatto"…
    Se vi è già capitato,fermatevi: non c'e' nulla di strano.Anzi.
    Il vostro "istinto" ha semplicemente risposto alle due domande più scomode che vi possano mettere in crisi:

    1)Sei Felice?
    2)Cosa,realmente,vuoi?

    semplicemente lo ha fatto prima della vostra razionalità.E non solo…
    Lo ha fatto calcolando PRIMA ciò che il trucco,le scuse accampate per essere rassicurate dalle attenzioni che solo "Lui"(oggetto del post per l'appunto) può darvi,chiamandolo con i motivi più surreali:
    "…eh,si ti ho chiamato perché…perchè…volevo un consiglio su quale cibo dare alle mie piante e quante volte al giorno devo innaffiare i miei gatti…".
    Il vostro "istinto" vi sta dicendo semplicemente che "anche con tutta la bellezza del mondo",se un uomo non vi fà sentire: capite,amate,spogliate,"sbattute al muro",coccolate,rilassate etc…sarete costrette a "raggirarlo",con scuse,trucchi,modi per "far capire al deficiente:è un uomo e per definizione lo devi portare Tu a capire" che vi daranno come risultato lo stesso di esservi prese un cane.
    Quello che "cercate",come vedete,spesso NON è quello che volete.
    Forzare ciò che cercate per trasformarlo in ciò che volete,è il motivo principale per non cambiare,per ripetere lo stesso errore sperando che qualcosa cambi.(Albert Einstein,ma non completo la frase,non vorrei essere offensivo…).
    Un maschio, è un essere "visivo",che spesso,come voi,non sà neanche cosa vuole,ma per migliaia di motivi finisce per cercarlo,mentendosi spudoratamente ed accettando "compromessi" con i propri gusti,per banali ragioni fisiologiche: tipo "intanto me la da".
    L'ipocrisia, e la sincerità,diventano a questo punto molto confuse e vicine:vede cosa vuole,ma ormai ci siete voi, e la responsabilità nei vostri confronti diventa pressante…
    E voi,in attesa di "risposte" da uomo,ci cascate cercando di farvi accettare…
    La realtà è diversa, e tutti dovremmo osservarla mentendo meno a noi stessi senza creare o alimentare equivoci: tutti vogliamo essere amati ed amare ciò che è davvero per noi.
    Rinunciarci perchè siamo stati feriti,accettando soldi,potere,sicurezze accessorie,non ci proteggerà dai nostri errori,ci eviterà solo di giocare al gioco più antico e meraviglioso che esista.Saint Exupery diceva:
    "Certo che ti farò del male.
    Certo che me ne farai.
    Certo che ce ne faremo.
    Ma questa è la condizione stessa dell’esistenza.
    Farsi primavera, significa accettare il rischio dell’inverno.
    Farsi presenza, significa accettare il rischio dell’assenza."

    e credo che avesse ragione:trovare un uomo che Ti voglia davvero,ogni giorno sempre di più,per quello che sei,per le tue curve e per il tuo sguardo,per il tuo buon senso e per le tue ossessioni,sarà il premio per aver rischiato.

    Per concludere,a tutte le donne, "Fly,my little wing".

  4. Lilli scrive:

    Dopo "le regole", "trattali Male" e "Falli soffrire", diciamo che sono diventata una perfetta stronza. Il mio ex è una persona particolare, non ci sarei stata se non avessi fatto e deciso tutto io, e nonstante ciò, mi ha lasciata perchè "ero troppo sicura di me" e lui era un insicuro che per sentirsi più sicuro ha cercato in tutti i modi di "smontarmi"… avrò fatto i miei errori da dipendente affettiva, ma … credo che gli uomini si siano adeguati a questo. Mi spiego, lui era più stronzo di me!! Ogni tre volte che veniva a prendermi, pretendeva che andassi io. PRETENDEVA al punto da creare conflitto. Io ovviamente seguivo le "regole", per me non esiste che sto con un ragazzo e lo raggiungo a casa sua… ma nonostante ciò…

  5. martina scrive:

    sinceramente non mi sembra che nessuno dei consigli seduttivi qui abbia senso. come è ben risaputo, gli uomini sono molto più diretti delle donne (che non vuol dire stupidi, solo diretti) e se una donna fa di tutto per ignorarlo, nella sua mente non scatteranno quei complicati meccanismi (leggi: viaggi mentali o paranoie) che lo indurranno a pensare che lei lo ignora perchè in realtà è innamorata di lui ed è tutta una complessa strategia. Se lei lo ignora, non è interessata. E poi, mi sembra che questo post dia per scontata una cosa che non lo è affatto: ci deve essere ATTRAZIONE reciproca, feeling, e se non c'è quella, si possono provare anche tutte le strategie possibili e immaginabili ma il risultato non cambierà. Se un uomo non è interessato a una donna, non credo che il fatto che lei lo ignori la colpisca più di tanto. Quindi sarebbe meglio assicurarsi, prima di mettere in atto una qualsivoglia mossa strategica, che esista una certa attrazione alla base, o si rischia soltanto di allontanare una persona a cui si è sinceramente interessati. questo è il punto primo. punto secondo, forzarsi ad essere chi non si è è sempre e comunque una pessima idea. chi sei veramente verrà fuori, ad un certo punto (non lo si può nascondere per sempre, e non sarebbe nemmeno giusto) ed per me è meglio capire subito se si è compatibili con una persona oppure no, prima di essere troppo emotivamente coinvolti. Punto terzo, e il più importante, trovo che sia un indice di profonda insicurezza del mondo femminile il fatto che la maggior parte delle donne e ragazze non si apprezzino abbastanza da dover nascondersi dietro a strategie meschine per conquistare gli uomini, nascondendo chi sono davvero e conformandosi a uno standard semplicemente perchè così è più facile per gli uomini trattare con loro. Quando sono tutte uguali, una volta che sai come comportarti con una, sai come comportarti con tutte. Io non pretenderei mai e neanche vorrei che gli uomini siano tutti uguali. Ogni volta che esco con qualcuno è una nuova ed eccitante scoperta, e non ci sono due volte in cui mia sia comportata allo stesso modo, pur essendo, io, sempre la stessa.

    fine della fase critica. Per concludere questo papiro, devo ammettere invece di essere d'accordo per l'ossessione che le donne hanno per dispensare consigli di ogni genere e per chiedere "come stai". fa parte del nostro modo di stare vicine alle persone amate, e può diventare in effetti soffocante. dopo questa un saluto a tutti, e grazie per il post che è stato spunto per una bella riflessione.

  6. helloketti scrive:

    tutto ciò ke ho letto qui è tutto vero, l'ho provato sulla mia stessa pelle, quando ero premurosa, gli andavo sempre incontro, cercavo di essergli utile se voleva sfogarsi, sorprese, telefonate, ecc ecc ( era tt ciò ke desideravo ke facesse lui x me) lui scappò appena nn mi feci più sentire lui fece l'impossibile x riavermi sua e io mi facevo desiderare lui si attaccò sempre di più a me, ora siamo sposati e abbiamo un bambino di di 2 anni. e ancora oggi nonostante ho imparato la lezione, a volte sento il bisogno di dimostrargli il mio amore e qnd lo faccio si allontana. è brutto nn poter vivere un rapporto intenso senza aver pensieri ke se gli doni qlks in più lui possa allontanarsi, ma purtroppo per mantenere un rapporto vivo e in sintonia bisogna sempre lottare: una volta glielo dai e una volta glielo togli, è così pazienza anke se nn mi piace ma l'uomo è una cs ke ce l'ha innata. è difficilissimo a trattenere i prp sentimenti, ma pur di non perderlo sono disposta a non dimostrargli qnt ci tengo a lui, mi fa male ma almeno ce l'ho con me!

  7. mari scrive:

    sono mari, vi voglio raccontare brevemente la mia storia.. da circa 4 mesi conosco un ragazzo tramite un mio collega di lavoro.. lui mi piace, mi intriga parecchio e qualche volta siamo usciti insieme.. mi ha parlato molto di lui, della sua vita, delle sue storie passate..(da premettere che cmq lo vedo tutti i giorni perche lavoriamo per la stessa azienda!). L ultima volta che ci siamo visti è successo qualcosa di piu di un semplice bacio.. ma dopo quella sera lui è partito per le vacanze e non si è fatto completamente vivo.. a quel punto feci io il passo e gli mandai un semplice sms per dirgli come andasse.. lui non mi ha risposto e al suo rientro mi contattò su fb dicendomi che era senza credito al cell e che non poteva rispondere.. i giorni seguenti ci siamo visti a lavoro, piccole chiaccherate ma nulla di piu.. Io vorrei tanto che si facesse vivo, che magari mi proponesse di rivederci.. ma è giusto aspettare che sia lui a fare il primo passo? Secondo voi non è molto interessato? come mi dovrei comportare?

  8. Luca scrive:

    Sono uomo.. e molte cose che hai scritto sono sbagliate…
    Anche a noi uomini piace essere corteggiati. Sfatiamo un mito all'italiana, dato che all'estero le donne corteggiano quanto gli uomini. A me una ragazza che mi chiami per sapere come sto fa solo che piacere. E mi sono attaccato di piu a persone del genere che a persone che dovevo io inseguirle. Stanca inseguire sempre la gente. E fa piacere anche essere "inseguito".

  9. alessia scrive:

    Al ragazzo ke mi piace lui adora quando gli racconto delle cose e poi adora quando lo chiamo e quando gli dico se si sente bene lui é molto dolce ed é il ragazzo ke preferirebbe ogni ragazza se lo conoscerebbero………..Ma mi dispiace na lui sará per me perché ho un impressione nolto valida ke anche io gli piaccio!!!! Evvai!!!! Comunque l’articolo è interessante

  10. Ilaria scrive:

    @TonyStark

    "trovare un uomo che Ti voglia davvero,ogni giorno sempre di più,per quello che sei,per le tue curve e per il tuo sguardo,per il tuo buon senso e per le tue ossessioni,sarà il premio per aver rischiato."

    Grazie..ne avevo proprio bisogno :)

  11. Nicola scrive:

    Parola di maschio DOC: anche a noi piace essere inseguiti, e tanto, SE, e sottolineo SE, la ragazza in questione ci piace tanto. Semplicissimo.

  12. love bites scrive:

    Salve, ho conosciuto circa 3 anni fa una ragazza del sud. Lei e’ venuta a vivere in affitto in una casa a Roma perche’ aveva trovato un lavoro stabile. Ho visto il suo profilo tramite una chat, mi ha colpito e ci siamo dopo un periodo di conoscenza virtuale, incontrati realmente in un locale. __Ci siamo frequentati per molto tempo e uscivamo spesso, infatti andavamo a ballare, gite fuori porta, pub, cinema ecc…A poco mi sono innamorato di lei e mi sono dichiarato tramite una lettera scritta. Lei e' rimasta sorpresa e mi ha detto che sono solo un amico per lei. Io ho accettato questa condizione e non so perche' ancora esco con lei. quando balla in disco con gli altri e se conosce nuovi ragazzi , mi trovo in imbarazzo e mi da fastidio, quindi mi allontano. A volte mi chiama per fare shopping, forse perche' ho la macchina e forse perche' non sa con chi uscire durante la settimana. Cerco di trovargli una sistemzione, una casa sicura pur sapendo che poi un giorno lei trovera' un ragazzo e si allontanera' da me..lei e' assente con me, il suo sguardo e' sentimentalmente parlando altrove….cosa devo fare?

  13. morosita scrive:

    Ciao
    Concordo con Nicola e Luca,avete ragione anche in base alle mie esperienze con gli uomini.Inoltre credo che l'importante sia di non cercare più del dovuto,insomma di non essere seccanti e bisognose.Infine il più dei più dei segreti per conquistare un uomo: è quello di farglielo capire senza fargli capire che siamo noi a prendere l'iniziativa,così l'uomo avrà la sensazione di essere lui il cacciatore:)
    Provare per credere!!
    Saluti ad Ilaria

  14. sara300 scrive:

    Non so se sto con un ragazzo da 3 mesi….. era un mio vecchio amico…mi invita a casa sua a cena…non ci avevo visto nulla di male…finiamo a letto….lo stesso una e due settimane dopo… nei giorni successivi molto carino… ci sentiamo tutti i giorni (viviamo lontani).. Io mi inizio a innamorare…lui non lo so… Da un paio di settimane lo sento molto distaccato…non mi scrive se nn lo faccio io e tutte le volte che risponde lo fa con un'aria di abbastanza distacco….. dovrei lasciar perdere senza scrivere rischiando di perderlo in attesa che sia lui a farlo????

  15. miriam scrive:

    Ciao a tutti

    Ho 58 anni e da una vita conosco un uomo di una decina d'anni più di me…
    da quando ero minorenne è stato l'uomo dei miei sogni, ma ero piccina e lui già maggiorenne per cui nulla da fare.
    Poi mi sono sposata e avuto una bimba, e lui anche, poi mi sono separata e lui è rimasto vedovo con due gemelli da crescere.
    Ora siamo entrambi liberi e abbiamo ripreso a chiacchierare amabilmente insieme, gli ho proposto di uscire per un happy hour una sera di queste.
    Secondo voi è stata sconveniente la mia proposta?
    ufff sono in ansia come una colleggiale ahhahaha

    ciao e grazie

  16. Lory scrive:

    ciao! personalmente ho mandato sms o mail a uomini, e li hanno aprezzati moltissimo! non si sono affatto allontanati, anzi!^^

  17. Lory scrive:

    secondo me e meglio essere sincere invece di fare le "finte amiche" a volte, l'onestà paga! ;)

  18. Giorgia scrive:

    ehi ciao, avrei bisogno di un consiglio…ho conosciuto questo ragazzo ad una festa…mi chiede di uscire…si fa sentire, mi cerca…usciamo….subito dopo l'uscita mi dice che vorrebbe vedermi un'altra volta e (contenta) rispondo di si…poi sparisce per 3 giorni (oggi è il 3o giorno) …(sbagliando) vado in biblioteca perchè sicura di trovarlo li per caso mentre lavora….mi saluta e mi dice "Guarda sto lavorando"…..ci sono rimasta veramente male….
    credi che dovrei mettermela via punto? sai solo ora mi sono resa conto che mi piaceva sul serio…cribbio :(

  19. Anna scrive:

    Personalmente penso che fare da geisha-zerbino sia sempre deleterio ma fare troppo le preziose non credo giovi molto; la serena spontaneità rende liberi tutti e non dimentichiamo che siamo tanti su questo pianeta… Non mi vuoi? Vai libero, libera anche io di trovare un uomo con cui ho più affinità! Un amico un giorno mi disse: "Voi donne non avete ancora capito perché l'omosessualità è tanto dilagante, non fate altro che aggredire comandare e disprezzare!"… Rimasi un po' maluccio…

  20. antonella scrive:

    secondo me nn è vero xk per attaccare bottone serve una scs .

  21. rita scrive:

    insomma….bisogna attendere…ma quanto tempo? certi nn si fanno sentire per settimane poi all'improvviso compaiono..boh…non ci capisco niente.
    Si fanno avanti…. sembrano che cercano una relazione poi….silenzio…poi tornano…poi silenzio.
    sono stanca

  22. mary scrive:

    Tutto vero ma e' molto difficile che gli uomini di oggi si facciano avanti, se ho preso l'iniziativa io qualche volta e' perche' loro di solito aspettano la pappa pronta. Nella mia esperienza questo mito dell'uomo cacciatore non l'ho mai riscontrato.

  23. luca scrive:

    Un anno fa mi sono dichiarato , sbagliando, con una mail ad una ragazza che mi piaceva moltissimo . L'ho persa stupidamente . Però ho fatto quello che sentivo giusto fare in quel momento, senza tattiche premeditate. Tra l'altro i consigli di questo articolo , come quelli di non mandare sms o mail o non fare inviti o non dare passaggi mi sembrano un'assurdità. Anche perchè se è destino, due persone si uniscono lo stesso. Più importante magari, invece, insegnare al e donne a non fare quello che ha scritto Anna qui sopra:
    " Un amico un giorno mi disse: "Voi donne non avete ancora capito perché l'omosessualità è tanto dilagante, non fate altro che aggredire comandare e disprezzare!"… "
    Le donne non capiscono che questo modo di fare le lascerà sole fino alla tomba ma, forse, è questo quello che vogliono. Ovviamente non siete tutte così ci mancherebbe, ma io qualcuna la conosco così e sto ben alla larga.

  24. Tiziano scrive:

    Sono un uomo e per curiosità ho letto questo articolo, è pieno di ca***te. Di una banalità disarmante. La maggior parte dei miei amici, uomini, pagherebbero oro per avere una donna che si faccia sentire per prima, propositiva, sicura di se e che mostri senza tattiche e stronzate varie l'interesse verso di lui, anche cercandolo! Non pensate che se un uomo non vi cerca è perchè non è interessato( ovviamente potrebbe essere ), ma potrebbe anche essere che è un pò insicuro e timido e magari starà a casa a farsi un sacco di beghe mentali sul quando e come richiedervi di uscire, oppure magari si starà proprio chiedendo, "come mai non mi cerca ?" … Seguire questi consigli riportati nell'articolo, è proprio il metodo migliore per cadere fra le mani di un coglione… gli uomini spesso amano essere protettivi, se il loro intento non è solo quello di allargarvi le gambe, saranno ben felici di sapere che voi avete "bisogno" di lui.

  25. ilariacardani scrive:

    Evviva l'uomo timido e insicuro che si fa un sacco di beghe mentali, quanto deve essere affidabile un tipo del genere! Ed evviva l'uomo che ha la maggior parte di suoi amici – sempre degli amici si parla, eh, mai di se stessi – che pagherebbero oro per avere una donna sicura di sé e propositiva dato che loro non lo sono. Ma una donna sicura di sé e propositiva non sta con uomini timidi e insicuri che si fanno un sacco di beghe mentali, usano un linguaggio volgare e svilente, sono prepotenti, e pensano che una donna deve avere "bisogno" di loro. Bello spaccato di uomo da evitare. Fantastuco commento.

  26. Goldie scrive:

    L'uomo con cui ero ieri sera mi aveva già notata da mesi e osservato tutta la mia piccola guerra con quello precedente da lontano. Ha sapito avvicinarmi con una prudenza e intelligenza finissima fino a che io sono riuscita a metterlo a fuoco. Lui c'era quando io non lo "vedevo" perché offuscata da un altro. Con quanta sicurezza e allegria e simaptia mi ha avvicinato. Non so cosa diventerà ma è una sensazione bellissima

  27. Ale scrive:

    Sono pienamente d'accordo con tutto ciò che hai detto…anche io a 15 anni ho commesso questi errori…poi ho finalmente capito come funziona la mente maschile…Permettimi di chiederti alcuni dubbi: ma quindi, se un uomo non fa nulla per farsi avanti vuol dire che non gli interessiamo? E perchè mai cercherebbe di conoscere i nostri interessi tramite le/gli amici invece di chiederlo direttamente a noi? -Sono molto confusa-

  28. elly scrive:

    sto insieme a lui da 3 anni…ed erronamente due anni fa, inviai un sms ad un amica in cui ingenuamente scrivevo che non era bellissimo ma adoravo stare con lui! per errore l'ha letto Lui e da allora la storia è cambiata…..a distanza di 2 anni mi rimprovera ancora questa storia.
    dice che io non lo amo veramente e lo tengo solo per convenienza (ho un figlio piccolo e abito in un paese piccolo), solo per facciata! ma questo non è vero! ….ora sono due giorni che non chiama….sospetto abbia un altra. che fare?

  29. Stella scrive:

    se non possiamo prendere l'iniziativa di contattarlo ecc…cosa dobbiamo fare? semplicemente attendere?

    Grazie.

    Stella

  30. Guja scrive:

    I consigli che dai sono ottimi….solo per evitare delusioni quando un uomo non è interessato a noi. Io sono naturalmente "stronza" perchè non mi fido di nessuno…il risultato? Mi corrono dietro uomini che non mi interessano e si incaponiscono solo perchè pensano che io rappresenti una sfida ed ho perso la persona che mi piaceva. Perchè? Ha pensato che avessi un altro e che mi fossi allontanata da lui. Così ha iniziato ad uscire con una "appiccicosa" sempre presente, che lo chiama sempre ecc… Quindi non esiste una regola, ogni storia ha la sua evoluzione. Certo se scrivete 100 sms al giorno e "lui" non vi risponde…forse non ne può più e sembrate delle psicopatiche. Ecco…nessuno vuole stare con una psicopatica.

  31. ele scrive:

    Se un uomo con me adottasse la tecnica della fuga come tattica otterrebbe l'effetto contrario, perchè per me un uomo veramente interessato capitola abbastanza rapidamente e si fa vivo.
    Teoria tramandata anche dal libro "Non gli piaci abbastanza" .
    Credo che in tale libro pero' si parli del maschio alfa, deciso, perentorio e manageriale.
    Poi ci sono i timidoni che a volte val la pena considerare piu' degli altri perchè spesso hanno tesori nascosti e che richiedono incoraggiamento.
    Pero' di fronte a certe fughe maschili inspiegabili io di questi tempi mi farei anche un'altra domanda: non è che magari hanno problemi sessuali e non li confessano?
    ho letto dei dati inquietanti sulla impotenza assoluta e relativa, sulla eicaulazione precoce, sempre piu' diffuse e sempre piu' negate e trascurate.

  32. Mimma scrive:

    io faccio tutto ciò che suggerisci di non fare ho bisogno di dire e dimostrare i miei sentimenti attenzioni passioni …. Non riesco a trattenermi pur sapendo che ciò che dici e' tuttttttttto vero !

  33. Mimma scrive:

    Quindi ….Aiuto !

  34. cris scrive:

    Ciao sono un utente di passaggio, volevo solo dire che non può esistere uomo, che non accetti con grande garbo l' iniziativa della propria amichett intima di far sesso, trovo l'articolo costruttivo, ma molto soggettivo, e penso che oltre alla tipologia del tipo di uomo elencato nell articono, ne esastano altri. Cmq consighio alle donne che: a noi maschietti poco importa di tutte ste regole, penso che nella fase di corteggiamento nn ghi disciacerebbe a nessun uomo essere cercato anche per una scusa, magari e meno sopportabile durante un rapporto di 3 anni, aggiungo che esistono uomini timidi che nn faranno mai per primi la prima mossa, e concludo dicendo che ai veri uomini nn interessa la donna che…… ghi basta avere una vera donna con la D maiuscola….. dietro ad un grande uomo c'e una grande donna. E di sicuro sta grande donna nn e quella che si trova il venerdi ubriaca al pub a bere drink da tutti, ne chi non riesce a vivere un rapporto senza una strategia di base.

  35. MB78 scrive:

    Ho letto l'articolo e chino il capo e lo cospargo di cenere. Se dopo quasi tre anni siamo ancora qui che giochiamo a tira e molla, é tutta colpa del mio atteggiamento, che comprende ciascuno dei punti di cui sopra.
    Sono ancora convinta che sarebbe stato lui l'uomo della mia vita, se solo non fossi stata tanto insicura e bisognosa. L'ho quasi pregato di darmi una possibilità, più volte, e senza rendermene conto. Non credo che riuscirò mai a rimediare e questo mi fa sentire una vera idiota.

  36. Andrea Piro' scrive:

    Salve!
    Vedo che questo post e' un po' vecchiotto , pero' vorrei se mi e' concesso dire cosa penso su questo argomento.

    E' proprio sbagliato comportarsi come ci dice il cervello o il cuore?
    Io osservo molto i comportamenti umani in generale sia maschile che femminile.
    Ma la domanda che mi pongo e'.. se noi siamo noi stessi… e non riusciamo a conquistare una donna o uomo che ci piace. Perche mai dovremmo essere soddisfatti di esserci riusciti seguendo delle regole comporamentali, o non facendo quello che ci sentiamo di fare?

    Per far capire meglio quello che intendo.. Ho conosciuto ragazzi non molto belli che pero' praticamente riuscivano a uscire con tantissime ragazze, questo dicendo "devi sapere come fare" … e allora io ho sempre pensato " ma la gente ha un anima o sono tutti macchine?" basta veramente seguire il copione o le battute giuste per conquistare qualcuno? e dopo che lo hai fatto… come pensi di mantenere una relazione duratura se invece di essere te stesso hai fatto solo quello che "Dovevi" fare per ottenere quello che volevi? e soprattutto perche la maggior parte delle donna stanno con tizi del genere e dicono a quelli come me "saresti da sposare" ma poi si mettono con quelli?

    Illuminami ti prego perche io proprio non capisco..

  37. pb80 scrive:

    Sì alcune di queste cose sono vere, ma rischiano di essere interpretate male. Parlo da uomo: a volte vedo una donna che mi piace, e capisco di piacere anche a lei (sono cose che si capiscono a naso). Poi quando magari mi avvicino o passo per salutarla, fa la finta "preziosa" e manco mi guarda o mi sorride. Beh … devo dire che questo comportamento è un vero e proprio killer dell'attrazione. Certo provarci voi no, ma se ci prova lui, fatevi trovare ben disposte e soprattutto invogliatelo a provarci ancora, se no è game over. Soprattutto se lui capisce che è un comportamento forzato e soprattutto nei primi approcci: dimostra molta insicurezza e fa molto ragazzina. Una donna mi deve accendere di passione: se si comporta come un frigorifero, c'è poca speranza, anche se "prima" mi piaceva. Prima, appunto.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>