<< Articolo Precedente
Articolo Successivo >>

Tu conosci i tuoi bisogni o no?

Se vuoi attrarre la persona e la relazione giuste per te, è assolutamente necessario che tu sappia quali sono i tuoi bisogni e conosca anche il modo migliore per soddisfarli.

Conoscere bene se stessi è fondamentale per vivere una vita serena.

Oggi voglio concentrarmi in particolare sui bisogni.

Ma che cosa sono i bisogni?

Tutti gli esseri viventi hanno dei bisogni: gli animali, le piante, gli esseri umani.

E dunque anche tu.

Alcuni bisogni sono di base e sono legati alle funzioni vitali, come il bisogno di aria, di acqua, di cibo o di difendersi dal caldo e dal freddo o di avere un riparo.

Altri sono bisogni che hanno un’origine psicologica ed emotiva. Questo tipo di bisogni appartiene agli esseri umani, non certo agli animali e alle piante.

I bisogni che hanno un’origine psicologica sono per esempio il bisogno di amore, di stima, di riconoscimento da parte degli altri, di appartenenza a un gruppo di persone. O il bisogno di divertirsi o quello di crescere e di essere sicuri di quello che si possiede e, in qualche misura, del proprio futuro.

Nella nostra società e nel sistema di educazione generale che viene dato, per una serie di ragioni varie, si tendono a negare i bisogni, sia quelli di base, sia quelli psicologici. I bisogni vengono considerati qualche cosa di cui vergognarsi.

Immagino che anche a te sia capitato di sentirti dire quando eri piccolo/a qualche frase del tipo: “Prima il dovere e poi il piacere!” o, che, qualche volta nella tua vita di adulto, ti sia capitato per esempio di rimandare di andare a fare la pipì o di mangiare o di pranzare perché avevi qualcos’altro da fare.

Ecco, questo è un modo per negare e soffocare i propri bisogni.

E di modi come questi la vita di noi esseri “civili” e “civilizzati” è piena zeppa.

Solo che a furia di negare e soffocare i propri bisogni, le persone non li sentono proprio più e quindi non li soddisfano. E non soddisfare i propri bisogni è la strada maestra per l’infelicità.

Tu non hai idea di quante persone non soddisfano i propri bisogni. E sono infelici.

Invece se conosci i tuoi bisogni e li sai soddisfare, ti apri le porte a realizzare quello che vuoi anche e soprattutto in ambito sentimentale.

Infatti, se non conosci e non soddisfi i tuoi bisogni, rimani con un senso di “vuoto” personale, di grande insoddisfazione, appunto.

Solo che, siccome non sei consapevole dei tuoi bisogni, non sai che cosa sia esattamente il “vuoto” che provi e questa insoddisfazione di fondo di fatto ti rende infelice.

Tieni ben presente tre punti molto importanti:

1)      il fatto che tu abbia dei bisogni è umano, naturale e giusto. Anzi, avere dei bisogni è necessario: se tu non avessi fame, non mangeresti mai. Se tu non avessi bisogno del contatto con gli altri, saresti una persona isolata e quindi non potresti soppravvivere e non potresti nemmeno dare il tuo contributo al mondo.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

2)      Il fatto che tu in questo momento della tua vita non sia pienamente consapevole dei tuoi bisogni non dipende da te, ma dipende da come è strutturato il mondo intorno a te che non ti ha insegnato a riconoscerli.

3)      Tu puoi benissimo e facilmente diventare consapevole dei tuoi bisogni e imparare a soddisfarli nel migliore dei modi.

Quando sei infelice e insoddisfatto/a che cosa fai?

Cerchi amore e assistenza da parte degli altri e lo fai in un modo che ti rende poco attraente: rischi di diventare una persona che chiede e che non dà.

Se invece sai quali sono i tuoi bisogni, sai come soddisfarli e li soddisfi nel modo giusto, diventi molto attraente: perché sei una persona che dà e che chiede, che dona e riceve. E questo è il massimo nelle relazioni.

Come fai a comprendere quali sono i tuoi bisogni?

E’ fondamentale che impari ad osservare te stesso/a e ad ascoltarti quando ti senti insoddisfatto/a o quando provi un strano senso di “vuoto”.

Poi è utile che tu rifletta su che cosa potrebbe causare il senso di vuoto che provi.

Sono bisogni di base che non soddisfi? Forse sei troppo stanco/a o stressato/a (parlo seriamente: sai quante persone danno il peggio di sé e non sono davvero felici perché non si prendono cura del proprio corpo e della propria salute?)?

Che cosa puoi fare per soddisfare i tuoi bisogni di base in modo da tirare fuori il meglio di te?

Pensi di avere dei bisogni insoddisfatti che sono di tipo emotivo e psicologico? Non ti senti amato/a o considerato/a dagli altri?

Ti senti insicuro/a rispetto alla tua vita (forse perché pensi di avere dei problemi economici o non sai che cosa fare del tuo futuro)?

Ti piacerebbe divertirti di più e avere una sensazione più forte riguardo al fatto che fai progressi come persona?

Vuoi avere una più alta autostima?

Che cosa puoi fare per soddisfare i tuoi bisogni emotivi in modo da essere più sereno/a ed equilibrato/a?

Nei prossimi giorni osservati e ascoltati con attenzione e pazienza. Vedrai che belle scoperte farai!

Lasciami i tuoi commenti con opinioni, considerazioni, perplessità.

Cordialmente

Ilaria Cardani

Lascia un Commento!

96 Commenti

  1. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 9 anni fa (14 Marzo 2011 21:15)

    @ Riccardo: liberarsi dalla dipendenza è utile. Liberarsi dai bisogni no. Saperli soddisfare e soddisfarli è la base della serenità. Attenzione: la ricerca dell'antidipendenza non conduce alla serenità e anch'essa, come tutte le ricerche spasmodiche, è una dipendenza.
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  2. Avatar di Riccardo Levi

    Riccardo Levi 9 anni fa (14 Marzo 2011 23:00)

    @ Ilaria Io non ricerco niente. Quel che capita, capita. Forzare non è nel mio carattere, anche perchè fozare significa obbligare. Bisogni nella vita ne ho pochi. Mangiare, bere, dormire, caffè e sigarette. Il resto, se capita, capita. Se non capita, non capita. Non è vittimismo. E' il mio modo di vedere la vita. Cercare, forzare, significa mettersi in condizione di sudditanza. Io non sono un re, ma non voglio nemmeno essere uno schiavo. QUindi, essendo abituato a stare da solo, attendo. Se capita, capita. Se non capita, amen.
    Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

  3. Avatar di tamy

    tamy 9 anni fa (14 Marzo 2011 23:25)

    Ragazzi io non so piu di cosa ho bisogno e non sento piu nemmeno la sensazione di vuoto..mi sento completamente fredda senza emozioni...L'unica cosa che mi è sempre interessata è avere accanto a me la persona da amare e da cui essere amata ma ormai non so piu nemmeno come dovrebbe essere è come se cercassi un ombra..E' normale tutto cio? mi sento completamete congelata..
    Rispondi a tamy Commenta l’articolo

  4. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (15 Marzo 2011 3:39)

    @ Riccardo: pensi mai che tra l'essere un re (che impone e pretende) e uno schiavo (che subisce e dipende) esiste una via di mezzo, un ceto medio libero di aspettarsi che ci sia chi ha voglia di soddisfare certi bisogni così come lui ha voglia di soddisfare quelli altrui, in un'ottica collaborativa, comprensiva e affettuosa? @ FC. Parto in quarta e mi sfracello contro il muro, spesso. Ma cosa ti devo dire, mi sento di farlo! Mi sa che l'altro è stato solo un ponte tra il narcisista e questo. Mi ha liberato di alcune cose, me ne ha fatte vedere altre... e ora sono pronta per qualcosa di più. E questo nuovo è qualcosa in più, qualcosa di mai visto. Mi chiedo: ma sono io? Ho attratto un uomo così... e come ho fatto? Dove l'ho trovato? Di solito gli uomini così sono i fidanzati delle mie amiche, non i miei! Gli amici che conoscono entrambi fanno il tifo per noi! Intanto l'ho rivisto anche stasera... e questo non è da me. Ma cosa mi succede??? @ Ilaria. L'antidipendenza è una forma di difesa che pian piano mangia la consapevolezza dei tuoi bisogni, si mangia le emozioni... credi di essere libero e invece sei limitato, credi di essere forte e invece hai solo una gran paura... Io, almeno, l'ho vissuta così. Ma adesso basta...
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaChiara

      FrancescaChiara 9 anni fa (15 Marzo 2011 10:26)

      Bice: si', penso anche io che l'uomo di prima fosse un "passaggio di consapevolezza" per te. Sono contenta per te, per questa nuova occasione che hai. Pero'.....dicendo l'ovvio ti dico questo: non pensare che solo perche' e' la tua prima vera occasione di "uomo diverso dal TUO solito" debba necessariamente diventare quella giusta. Mantieni la tua vocina viva, forte e chiara!
      Rispondi a FrancescaChiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Bice

      Bice 9 anni fa (15 Marzo 2011 14:42)

      Certo certo. Diciamo che quest'uomo è una possibilità concreta di costruire davvero qualcosa, in quanto lui per primo non ha e non mette limiti. E in più ne ha voglia. Come me. Vogliamo le stesse cose. Però è, appunto, solo una possibilità, per il momento. Resta da vedere se poi funziona. Mi rendo conto benissimo di conoscerlo poco, pochissimo. Mi baso sulle impressioni di un paio di incontri, qualche telefonata, qualche messaggio, su ciò che lui dice di sé, su ciò che altri dicono di lui. Ma ci dobbiamo ancora davvero conoscere e sperimentare. Però ciò che conta ora è avere voglia di farlo, prendere decisioni in quella direzione. Mi rendo conto che mi comporto in modo diverso da come mi comportavo con l'altro... sono rilassata, fiduciosa... e non credo sia solo perché l'altro mi ha sdoganato su certe cose. Credo anche di essere cresciuta io di mio e di avere di fronte qualcuno che, per com'è e come si pone, mi dà la serenità e la sicurezza per fare certi passi di "esplorazione", lasciandomi andare e superando le paure. Ci rinforziamo a vicenda. C'è disponibilità. Il resto lo vedremo, nessuno si sbilancia, nessuna scelta affrettata, solo tanta voglia di vedersi e conoscersi. Non vedo l'ora di rivederlo...
      Rispondi a Bice Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (15 Marzo 2011 10:38)

      Ceto medio? Mai visto in vita mia. E non ho 5 anni.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

  5. Avatar di ELEONORA

    ELEONORA 9 anni fa (15 Marzo 2011 8:28)

    bisognerebbe fare come fanno tutti o quasi:buttarsi... sì... dalla finestra e senza paracadute! ;) no,grazie.
    Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaChiara

      FrancescaChiara 9 anni fa (15 Marzo 2011 10:22)

      buttarsi dalla finestra senza paracadute??? ma Eleonora....questo e' un suicidio e non mi risulta che tutti o quasi abbiano tendenze del genere. Se c'era un ametafora sotto....giuro che non l'ho capita!
      Rispondi a FrancescaChiara Commenta l’articolo

  6. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (15 Marzo 2011 10:45)

    E perché no, Eleonora? Io sono stanca di avere paura, stanca di non osare, stanca di stare lì a tremare. Chi non risica non rosica... alla fine cosa ci guadagno a non osare mai? Di sicuro niente! Invece se ci provo magari mi va pure bene!!! Lui la pensa allo stesso modo. In tanti anni e tanti incontri, non mi era mai capitato che un uomo prendesse l'iniziativa in questo modo con me (nemmeno il mio ultimo amante). Mi hanno sempre invitata fuori con delle scuse, ci hanno girato attorno, hanno lasciato fare a me il primo passo e magari pure il secondo... Questo - sarà che ha deciso di superare le sue paure e prendersi ciò che desidera - è l'uomo più intraprendente che io abbia mai incontrato! Non credo si renda nemmeno conto - mentre mi dice che ha delle paure da superare, per vivere la vita che vuole - che in realtà ne ha già superate tante... è già diventato grande per tante cose! E a questo coraggio aggiunge una correttezza, un'affidabilità, una sincerità e una modestia disarmanti. Le persone si fidano di lui. Infatti copre ruoli di responsabilità che non si è mai cercato (perché il potere non gli interessa) e ha molto consenso. E' un vincente naturale. E quando non vince è solo perché non accetta il premio, timoroso di non essere all'altezza. Ma succede sempre meno, per la fortuna di tutti. Un uomo che vive con coscienza, che esprime le proprie emozioni. Io sono strabiliata. Eccome se mi butterò stavolta :-)
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  7. Avatar di ELEONORA

    ELEONORA 9 anni fa (15 Marzo 2011 15:30)

    E FAI BENISSSSSSIMO,BICE,STAVOLTA: APPROVO(per quel che conta il mio parere)in PIENO. FRANCESCACHIARA: son in tanti che prima ancora di"studiarsi"(il mio amico sposato,ad es.)si buttano subito conoscendo una persona nuova...e consigliandomi di fare altrettanto e cioè di "PROVARE"a starci insieme per poi solo DOPO capire se è il caso portare avanti una storia appena sbocciata ,senza la dovuta consapevolezza o sedimentazione,come la chiamo io. ecco ,cosa intendo ... son felice,invece,per BICE,che dopo l'ultima"storia"che le ha lasciato l'amaro in bocca,abbia invece quasi subito trovato una persona davvero interessante... non ha voluto ascoltare in precedenza il mio consiglio,peraltro ovvio,di lasciar perdere chè si sa come vanno a finire 'ste cose e forse è stato pure meglio così(punti di vista);mentre ora... un SINGLE DESIDEROSO DI CRESCERE:BELLISSIMO!! senti,cara,alla prima occasione...dai ,che gli facciamo l'oroscopo!!!! son curiosa di sapere che tipo è!!!! AUGURIIIIIII,CARA!!!!! ;))))))
    Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaChiara

      FrancescaChiara 9 anni fa (15 Marzo 2011 17:00)

      Eleonora: sono d'accordo con te! non ci si mette insieme ad un uomo "per provare". E la sedimentazione e' fondamentale anche per me. Pero' e' anch evero che pur iniziando con tutte le carte in regola (per cosi' dire) l'esito non e' mai garantito :-(
      Rispondi a FrancescaChiara Commenta l’articolo

    • Avatar di ELEONORA

      ELEONORA 9 anni fa (15 Marzo 2011 22:01)

      ANCHE QUESTO,è VERISSSSSSSIMO...ma ,almeno in teoria,si parte(o si dovrebbe partire) col piede giusto.poi,come sempre,è tutto relativo. io,son prudente a prescindere.
      Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

  8. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (15 Marzo 2011 17:50)

    Vai con l'oroscopo, Eleonora: leone ascendente gemelli. Ma non mi pare egocentrico come di solito i leoni. Io, ti ricordo, acquario ascendente toro. E grazie degli auguri, grazie di essere felice per me. E grazie pure a mamma FrancescaChiara (e a Ilaria sempre e comunque). :-)
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaChiara

      FrancescaChiara 9 anni fa (15 Marzo 2011 21:44)

      Certo che siamo felici per te!!! come potremmo non esserle???? tu mettici te stessa e vedrai che va tutto bene.
      Rispondi a FrancescaChiara Commenta l’articolo

    • Avatar di ELEONORA

      ELEONORA 9 anni fa (15 Marzo 2011 21:58)

      il leone uomo è un buon segno:è generalmente leale ,aperto,generoso...che sia ascendente gemelli è un punto a tuo favore che sei acquario...come sai,gemelli-acquario vanno molto d'accordo! :)))) chissà la sua venere dove si trova???sai,determinante per capire se è un tipo serio o meno... :))))) fammi sapere!
      Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

    • Avatar di Bice

      Bice 9 anni fa (16 Marzo 2011 1:57)

      Venere in vergine, Eleonora! Quindi serio, direi, no? Ma forse un po' troppo prudente? Io ho venere in capricorno... infatti sono (ero?) freddina... Dimmi, dimmi... :-)
      Rispondi a Bice Commenta l’articolo

    • Avatar di ELEONORA

      ELEONORA 9 anni fa (17 Marzo 2011 23:08)

      ma lo sai che il tuo esser "fredda"è proprio dato dalla tua venere in capricorno???? pazzesco...sei difficile nei sentimenti,cara,molto difficile:è come se temessi di affezionarti troppo.e...tu sei FEDELE!! lui,non male,direi!!!! sicuramente,è prudente,serio,pacato.
      Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

    • Avatar di ELEONORA

      ELEONORA 9 anni fa (18 Marzo 2011 8:53)

      BICE CARA,t'ho risposto ieri sera...spero ILARIA lo pubblichi. comunque:tutto ok,per entrambi.PROCEDI PURE TRANQUILLA.
      Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

  9. Avatar di Riccardo Levi

    Riccardo Levi 9 anni fa (15 Marzo 2011 18:18)

    Sto ascoltando la radio. Una delle tante ascoltatrici racconta di come ha scelto l'uomo della sua vita: tra due che frequentava contemporaneamente (quelli che dice) mettendo in cima ai valori il sesso. E qualcuno pensa di perdere qualcosa stando da solo? Ci guadagna, in salute.
    Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

    • Avatar di ELEONORA

      ELEONORA 9 anni fa (15 Marzo 2011 21:52)

      CARO RICCARDO... PURTROPPO,per molti,è alla base di un rapporto vero. c'è chi addirittura inizia una storia partendo dal sesso:se va bene lì...ok!! son cambiati i valori:pensa,proprio oggi un mio amico geometra mi diceva questo..."a pari età(parlando di suo figlio,mio coetaneo quasi)io,ero maturo,consapevole,padre di 2figli...mio figlio???un bambinone.di bambinoni così,ne vedo tanti...pur essendo un bravissimo ragazzo". è tutto cambiato.
      Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaChiara

      FrancescaChiara 9 anni fa (16 Marzo 2011 10:47)

      Riccardo, trovo bellissimo che ciascuno abbia i propri valori. Trovo bellissima la liberta' di espressione, ovvero il poter commentare gli uni i pensieri degli altri. Ma perche' colgo una nota di disdegno e di indignazione in questo tuo riportare il fatto di una donna che va a letto con due uomini contemporaneamente per poi scegliere quello con cui sta meglio? perche' ti indigni? solo perche' e' diversa da te? chissa' perche' ma si sente molto forte una morale nelle tue parole. Mi fa venire in mente un misto tra il puritanesimo e il proibizionismo americani. Oppure e' solo perche' per te questo e' un punto vivo, come ci dicevi tempo fa in un altro post: tu sei stato uno dei due uomini...quello non scelto. Ma questo non ti ha impedito di amare quella donna contro cui adesso invece punti il dito (quella della radio).
      Rispondi a FrancescaChiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (16 Marzo 2011 11:50)

      Se fossi io, o qualsiasi altro uomo, a comportarsi in questo modo, ci beccheremmo dei porci. Perchè quindi non può valere il contrario? Inoltre, io non ho mai frequentato due persone contemporaneamente, pechè lo ritenevo una mancanzai di rispetto. Ora non ne frequento nessuna perchè sarebbe mancanza di rispetto verso me stesso.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (16 Marzo 2011 20:34)

      Comunque, la cosa si può vedere anche dall'altra parte. Scoprivo che la lei era impegnata o comunque aveva un amico, conoscente, passante occasionale etc. etc. etc.? Beh, sapendo che le scelte sono sempre difficili, le semplificavo la cosa andandomene. Tanto prima o poi, visto che non valgo un gran che, lo scartato sarei stato io, perchè far perdere tempo ad una persona con così tanti impegni? Magari perdeve pure l'occasione di conoscere altre 10 o 20 persone.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

    • Avatar di ELEONORA

      ELEONORA 9 anni fa (16 Marzo 2011 23:23)

      sei un MITOOOOOO!!!
      Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

    • Avatar di Bice

      Bice 9 anni fa (17 Marzo 2011 11:30)

      Invece c'è chi insistendo (con tanta decisione quanta dolcezza), nel corteggiarti, ti tira fuori da certe situazioni. Semplicemente dimostrandoti che puoi avere di meglio di un amico, conoscente, passante occasionale. Poi è ovvio che se non sei la persona giusta non funziona comunque. Ma credo che il mostrarsi decisi su ciò che si vuole - facendosi forti di ciò che si ha voglia di offrire, della propria serietà e generosità - possa essere decisivo per le persone in fuga dall'amore come me (e le donne di cui parli) e diventare l'arma vincente. Certo l'uomo in questione deve avere quel minimo di sicurezza in sé da restare (chi se ne va, chi è lontano emotivamente è già l'altro, l'amico occasionale).
      Rispondi a Bice Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (17 Marzo 2011 15:13)

      La sicurezza in sè centra come i cavoli a merenda. Una persona che ne frequenta diverse è inaffidabile.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (17 Marzo 2011 15:51)

      Aggiungo un'ultima cosa: . Tu dici: ".. l'uomo in questione deve avere quel minimo di sicurezza in sé da restare.". Certo, ma in una simile situazionec'è di certo che dall'altra persona in cambio ricevi le corna. Non mi sembra un grande affare, Tanto meno un buon inizio. Capisco che trovarne una che la pensi come me sia praticamente impossibile, ma ripeto la domanda che feci tempo fa: devo rinunciare ad essere ciò che sono per piacere agli altri? Qui parliamo di fiducia in sè stessi o solo dell'ottenere ad ogni costo ciò che si vuole? E per ogni costo intendo pure il vendere sè stessi, le proprie idee, valori, etc. No grazie. Meglio bene da solo, che schifosamente in compagnia.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

    • Avatar di Bice

      Bice 9 anni fa (18 Marzo 2011 2:17)

      Una persona che ne frequenta diverse non si fida di sé stessa, prima di tutto. Dunque la sicurezza c'entra eccome. E in una simile situazione non c'è nulla di scontato. E te lo dice una che ci è appena passata. Probabilmente il mio ex amante contava sulla mia paura di legarmi, pensava che mi sarei adattata ad un rapporto part-time e a seguirlo quando voleva lui... invece non è stato così. Invece mi sono accorta di essere cresciuta quel che bastava per lasciarlo andare e cercare altrove... è venuto così naturale! E di sicurezza in sé, del coraggio di provarci ancora, restando in una relazione, ho parlato stasera con la mia nuova frequentazione. Gli ho detto ogni cosa, del mio passato e del mio presente, dei dubbi e delle insicurezze, delle mille domande, dei miei sforzi e dei miei trascorsi... anche se avevo paura che una persona così corretta mi avrebbe giudicata male. Invece era felice della mia sincerità. Abbiamo deciso, insieme, che ci proveremo ancora e che saremo sempre sinceri e onesti l'un l'altro. Faremo del nostro meglio per non farci del male e ci conosceremo meglio... Poi sarà quel che sarà. Ho promesso la massima sincerità e onestà e sarò fedele a questa promessa ad ogni costo.
      Rispondi a Bice Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (18 Marzo 2011 10:43)

      Mi pare che ci sia un pò moltissima confusione su chi deve avere fiducia in sè stesso. Ma sicuramente sono io che non so leggere l'italiano.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

    • Avatar di Bice

      Bice 9 anni fa (18 Marzo 2011 15:45)

      E' semplice: tutti dovrebbero avere fiducia in sé stessi. La sfiducia in sé stessi è alla base di moltissimi problemi, paure, guai... compreso il non fidarsi degli altri.
      Rispondi a Bice Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (18 Marzo 2011 22:57)

      Mi spiace, ma quando non ti fidi degli altri è per sfiducia negli altri, non in te stesso.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

  10. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (15 Marzo 2011 20:01)

    Senti, Riccardo, ognuno hai i suoi bisogni e valori, no? Se per lei era più importante il sesso, ha fatto bene a scegliere su quella base. Anche per me è importante avere una soddisfacente vita sessuale, è un ingrediente fondamentale in una relazione di coppia. Certo, valuto anche molto altro. E capita, anche, di ritrovarsi con più storie ai blocchi di partenza. Se si sa scegliere (e non è per tutti un obiettivo da perseguire), poi si costruisce una relazione profonda con una persona sola. Evidentemente questa signora ha nei suoi valori il fatto di dover scegliere e tra i suoi bisogni principali il sesso. Che male c'è? E' un bisogno così naturale, funzionale e... piacevole!
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (16 Marzo 2011 1:04)

      Vedi, io ho conosciuto solo donne che cercavano im primis il sesso. Alla fine sai sempre di essere sotto esame. Puoi non crederci, ma mi è passata la voglia, Non sono un animale. Quindi lascio spazio agli altri. Ed arrivino pure le critiche, non mi importa. Ognuno ha quel che cerca. Intendo quello che cerca veramente, anche, e soprattutto, a livello inconscio.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

    • Avatar di Riccardo Levi

      Riccardo Levi 9 anni fa (16 Marzo 2011 0:59)

      C'è chi ne fa la base e chi ne fa l'altezza.
      Rispondi a Riccardo Levi Commenta l’articolo

  11. Avatar di ELEONORA

    ELEONORA 9 anni fa (15 Marzo 2011 22:37)

    PER QUANTO mi riguarda,un altro imprenditore edile di una città vicino la mia,conosciuto via chat su libero,di recente,vuole conoscermi meglio:leone anche lui,single,di46anni,detesta(così afferma)ipocrisia e tradimento...vedremo...per ora,"studio"l'elemento con calma e pazienza ...mi ha inviato virtualmente una rosa rossa:pure lui??? GIà!!! ...
    Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

  12. Avatar di ELEONORA

    ELEONORA 9 anni fa (16 Marzo 2011 22:10)

    bah... mo,il nuovo spasimante è su facebook solo per me.mah...vedremo.
    Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

  13. Avatar di lussy

    lussy 9 anni fa (17 Marzo 2011 18:11)

    Cara Ilaria,grazie perchè per me sei un punto di riferimento,dato che mi capita spesso di sentirmi sola e insoddisfatta e di provare quel senso di vuoto di cui parli.Soprattutto dal punto di vista affettivo.Non è facile reagire,talvolta viene più spontaneo abbandonarvisi.Come fare in quei momenti a tirar fuori la forza per capire come soddisfare i nostri bisogni?Grazie,Lussy
    Rispondi a lussy Commenta l’articolo

  14. Avatar di Vanesia

    Vanesia 9 anni fa (18 Marzo 2011 15:11)

    Cara Ilaria, il mio bisogno piu' grande in questo momento è esprimere me stessa senza filtri e maschere e soprattutto senza temere di perdere la persona che amo. Ho capito, in questo percorso interiore che ho iniziato da un po' di tempo, che purtroppo ripropongo nella mia vita quelle situazoni che ho vissuto con particolare sofferenza quando ero piccola. Purtorppo ho avuto una mamma molto fredda, credo addirittura che per un periodo della sua vita abbia avuto un pesante esaurimento e io avvertivo quel suo stato emotivo come odio nei miei confronti...ma io l'amavo così tanto, che pur di avere un briciolo d'amore e di attenzione da parte sua....sottostavo ai suoi cambiamenti di umore, ed ero sempre lì vicino a lei senza chiederle niente, ma attendendo che si accorgesse di me, anche solo per darmi una carezza o rivolgermi una parola dolce.
    Rispondi a Vanesia Commenta l’articolo

  15. Avatar di Vanesia

    Vanesia 9 anni fa (18 Marzo 2011 15:12)

    Mia madre non mi ha mai parlato come una mamma dovrebbe parlare ad una figlia...a quello c'ha pensato mio padre; e quindi sono stata abituata ad essere amata così, e ad amare uomini freddi, (ultimamente impegnati)con cui ho instaurato un dialogo quasi assente, ai quali sono stata abituata a non chiedere nulla per paura di distrurbare, o di far arrabbiare o addirittua di perdere il loro amore.
    Rispondi a Vanesia Commenta l’articolo

  16. Avatar di Vanesia

    Vanesia 9 anni fa (18 Marzo 2011 15:12)

    Tutto quello che è venuto a galla, mi mette una profonda tristezza perchè paradossalmente....io sono la nemica di me stessa, piango perchè mi fanno soffrire ed invece sono io la causa di cio' che accade nella mia vita sentimentale. Come dice Bice, io non so se adesso che sono consapevole della causa dei miei problemi, riuscirò ad attirare l'uomo giusto...mi dicono tutti che sono una bella ragazza, dolce, intelligente, presente...ma tutti questi pregi svaniscono quando inizio legarmi a qualcuno perchè fuoriescono i miei timori e automaticamente divento la piccola Vanesia i n attesa dell'amore della sua mamma...insicura, ansiosa...e con tanta paura che il suo modo di essere possa provocare la fine di una relazione.
    Rispondi a Vanesia Commenta l’articolo

  17. Avatar di Vanesia

    Vanesia 9 anni fa (18 Marzo 2011 15:12)

    Ma ho bisogno di essere amata per quella che sono ed è per questo che sto pian piano iniziando a portare fuori quelli che sono i miei pensieri, i miei sentimenti a costo di far scappare a gambe levate gli uomini che con tanta cura scelgo...Prima non riuscivo ad arrabbiarmi tanto facilemente o a far notare che un dato atteggiamento mi ha procurato fastidi...tenevo tutto dentro procurandomi una sofferenza insopportabile. Ora sto notando i miei lenti ma soddisfacenti miglioramenti...e chissà!speriamo bene! @Bice: dajeeeeee.......!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!sono contenta per te:-)))) un abbraccio grande a tutti.
    Rispondi a Vanesia Commenta l’articolo

  18. Avatar di ELEONORA

    ELEONORA 9 anni fa (18 Marzo 2011 18:43)

    cara VANESIA,sei già sulla buona strada:se qualcosa nel tuo lui di turno ti procura noia,è sufficiente,con garbo,farglielo notare...l'amore non va elemosinato. ho una zia che per non turbare il marito,quando ha qualcosa da dire e non sa come affrontare l'argomento, per non "ferirlo",si mette a tavolino e scrive la classica lettera chilometrica che poi gli fa trovare in camera...in questo modo,evita litigi che possono incrinare il rapporto(sposati da tantissimi anni)e gli lascia il tempo di riflettere ed eventualmente intavolare con calma il famoso discorso...
    Rispondi a ELEONORA Commenta l’articolo

    • Avatar di Vanesia

      Vanesia 9 anni fa (18 Marzo 2011 22:01)

      Si Eleonora, saperle dire con garbo certe cose...piu' che altro, la cosa che piu' mi blocca quando "voglio far rumore" è lottare con la paura di essere reputata una rompi..... o una pesante. Certo, devo spezzare questa inutile e limitante credenza, ma a volte mi preoccupo piu' di quello che la persona che ho di fronte puo' pensare piuttosto di cio' che è giusto per me. Ma sto lavorando tanto per me....e mi hai dato una buona idea, chissà...un giorno, tra i tant modi per comunicare, potrei scrivere una liberatoria e lunga lettera. Ciao!!!
      Rispondi a Vanesia Commenta l’articolo

  19. Avatar di Bice

    Bice 9 anni fa (18 Marzo 2011 20:02)

    Bella, Eleonora, questa cosa che racconti... tua zia ha trovato decisamente una soluzione creativa! @ Vanesia. Anche se io, ad una situazione materna simile alla tua, ho reagito più fuggendo che attaccandomi, più aggredendo che essendo remissiva, credo proprio di avere capito che alla base di questi nostri comportamenti ci sia sempre la paura di non essere amate. E una scarsa fiducia in noi stesse. Ed ecco il perché di quelle scelte. Capirlo è davvero fondamentale, l'inizio della svolta. Anche se fa un male boia. E non è detto che immediatamente si smetta con certi modi di pensare e certe scelte. Io posso parlare solo per me. Di sicuro stavolta ho trovato una persona diversa, più simile ai veri fidanzati che ho avuto (fino a 30 anni avevo storie con persone che mi volevano bene... ero io a non amarli) e con intenzioni serie. Resta da vedere se riuscirò a restare in questa storia, non nascondendo i miei bisogni. E se lui saprà non essere troppo bisognoso, a stare tranquillo e a non farsi prendere dall'ansia. Per fortuna conosciamo abbastanza bene noi stessi e abbiamo entrambi il coraggio di dirci le cose. Anche lui, come dici tu, tende a volte a farmi decidere, a chiedere il permesso. Credo dipenda dall'educazione ricevuta, dalla paura di perdermi. Ma siccome lo so, siccome ho un po' di esperienza e non sono più la persona controllante e tiranna che ero, oggi reagisco nel modo, credo, più giusto: incoraggiandolo a restare com'è, tenersi i suoi amici, i suoi interessi e la sua indipendenza (che in anni di solitudine ha saputo crescere, coltivandosi una vita sua), a chiedersi cosa ha voglia di fare, a propormi e a sottolineare quanto certe sue proposte siano vincenti (perché è davvero così)... Ho il massimo del rispetto e dell'ammirazione per quest'uomo che ha già fatto passi da gigante tanto da dirmi "sentivo che poteva arrivare la persona giusta ora, perché ora so che prima non ero pronto e oggi invece sono cresciuto". Al di là di questo è poi ovvio che ci sono in effetti affinità, punti di incontro, facilità di comunicazione, interessi in comune, valori condivisi. Io, con lui, sono molto rilassata. E sono, assolutamente, me stessa. Come non lo sono mai stata. Non ho paura di mostrarmi con tutte le mie imperfezioni, perché so che sarò accolta. Mi viene da dire che con la persona giusta viene tutto da sé. Ma certo alla base c'è un lungo cammino individuale.
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  20. Avatar di Vanesia

    Vanesia 9 anni fa (19 Marzo 2011 13:59)

    @Bice: che bello quello che ti sta accadendo, tienici aggiornati dell'evoluzione di questa relazione.... Io mi sento molto piu' donna adesso e soprattutto mi sento davvero serena, anche se a volte ho bisogno di estraniarmi dal mondo perchè ci sono dei momenti che sento che è giusto stare da sola per elaborare. guarda oggi....mi è presa una febbre stranissma senza avere raffreddore o dolore di stomaco...credo che il mio corpo voglia stare un po' solo con la mia anima.Ciao:-)))
    Rispondi a Vanesia Commenta l’articolo