“Come faccio a esprimere la mia energia sessuale?”

energia sessualeSe vuoi essere davvero attraente per la persona giusta per te, avere con lei una relazione piena e duratura (diciamo anche: all’insegna della fedeltà reciproca), e, soprattutto, una vita felice e appagante, indipendentemente dal fatto che tu sia single o in coppia, devi esprimere al meglio la tua energia sessuale.

E’ un argomento che affronto nei miei percorsi e che ho trattato qualche altra volta sul blog.

La settimana scorsa ho scritto un articolo dedicato alla differenza fra amicizia, amore ed eros e in un commento Neo, a un certo punto, ha concluso in questo modo il suo intervento:  “Vorrei porti una domanda: per quel che riguarda la consapevolezza della propria energia sessuale, quale può essere un percorso di “scoperta” ed espressione?

Mi pare una domanda legittima (nel senso che nasce probabilmente spontanea dopo la lettura di un articolo di quel genere), molto interessante e pienamente in tema con l’essere “la persona giusta per la persona giusta per te”.

E sai perché è molto attinente con l’essere “la persona giusta per la persona giusta per te”? Perché, in realtà, la tua energia sessuale sei tu, attraverso la tua energia sessuale esprimi al meglio e nel modo più profondo la tua vera essenza, il tuo essere nel mondo in modo irripetibile, la tua assoluta unicità.

E tu sei pienamente felice proprio quando permetti a te stesso o a te stessa di esprimerti al cento per cento. E’ allora che tu sei la persona giusta per te e automaticamente la persona giusta per la persona giusta per te.

Esprimere te stesso o te stessa al cento per cento, esprimere la tua energia sessuale nel pieno della sua potenza, ti apre le porte alla felicità e quindi all’essere davvero, irresistibilmente attraente.

E da dove inizia il percorso di  scoperta e di espressione della tua energia sessuale?

Inizia con la conquista della libertà, la libertà da tutti gli infiniti condizionamenti esterni che hai cominciato a ricevere addirittura prima della tua nascita (sì, esatto, prima della tua nascita, non è una esagerazione questa, so quello che dico).

Che tu ne sia consapevole o no, hai ricevuto condizionamenti esterni (e continui a riceverne, ininterottamente, anche leggendo questo blog, quello che scrivo io e quello che scrivono i lettori e anche scrivendo i tuoi commenti, ti condizioni ) su tutto, su ogni tema e argomento dell’esistenza.

Anche su temi e argomenti di cui non hai mai sentito parlare: già di per sé, ignorare qualcosa, ignorarne l’esistenza o non averne mai sentito parlare, è un condizionamento.

E sul sesso, sulla sessualità, i condizionamenti, come ben sai, si moltiplicano all’ennesima potenza.

Lo sappiamo tutti: il sesso è l’argomento tabù per eccellenza.

Ma c’è un aspetto che forse sfugge ai più e su cui magari nemmeno tu hai mai riflettuto: che i condizionamenti negativi sul sesso che hai ricevuto (tu come praticamente la totalità delle persone in questo nostro mondo) non sono partiti dal “sesso in generale”, ma sono partiti da qualcosa di molto particolare.

E cioè la tua sessualità, la tua energia personale.

Detto in parole semplici: quando eri bambino o bambina è molto difficile che ti sia stato detto e spiegato per filo e per segno qual è la morale sessuale o di comportamento diffusa e accetata. Sei d’accordo? Nessuno ti ha fatto dei discorsi logici e articolati in quel senso (può darsi che prima o poi nella tua vita ti sia toccato di ascoltare anche quelli, ma di sicuro quando eri già più grande).

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

No. Piuttosto ti sono stati mandati una serie di messaggi che alla fin fine erano diretti specificamente a te: “Stai composto/a; siediti come si deve; comportati bene; non fare questo; non alzare le mani verso questo o questa; non toccarti; pulisciti per bene, lavati con cura, saluta educatamente, non abbracciare e toccare gli sconosciuti, i grandi non si toccano, le bimbe non si toccano, certe parti del corpo non si toccano, non dare confidenza, non prenderti delle confidenze, abbassa la voce, non essere sfacciato/a, chiedi sempre per favore e ricordati di dire grazie… etc etc”.

L’elenco è infinito. Ed è un elenco di norme e di disposizioni che – seppure non intese in senso proprio come divieti “sessuali” – erano intese a contenere la tua energia e, in definitiva, la tua energia sessuale.

Il risultato di tutto ciò? Il risultato è che a te viene spontaneo fare una cosa che spontanea non è: contenerti, contenere la tua energia sessuale.

E non ti viene spontaneo fare una cosa che sarebbe davvero spontanea: esprimere la tua energia sessuale.

Tanto che è probabile che le cose che ti sto dicendo ti diano un po’ di fastidio (cosa alla quale ormai dovresti esserti abituato/a: sai bene che quello che ti dico di solito è fatto apposta per metterti di fronte a qualcosa di “diverso”).

A questo punto, come fai a disimparare quello che di inutile ti è stato insegnato e a re-imparare quello che è naturale?

Innanzittutto prendendo atto proprio di questo fatto: la tua energia sessuale è naturale, fa parte di te, ti appartiene per natura. La tua energia sessuale sei tu.

La tua energia sessuale è giusta, sana, buona.

Esprimerla è un atto di libertà. E liberare te stesso o te stessa è un supremo atto d’amore.

Ti interessano l’amore e la libertà?

Credi nell’amore e nella libertà?

Credi nella libertà e nell’amore prima di tutto per te?

Lasciami i tuoi commenti e le tue opinioni.

Cordialmente

Ilaria

Lascia un Commento!

109 Commenti

  1. Avatar di raffaella

    raffaella 10 anni fa (16 Giugno 2011 19:55)

    @Ilaria: "Per energia sessuale si intende non solo l' impulso sessuale nel senso specifico del termine....ma tutto ciò che fa parte del nostro essere?è ciò che sono veramente non lo esprimo davvero anzi, invio messaggi fuorvianti su ciò che voglio e su ciò che cerco....Giusto????" ....non l'ho capita questa cosa, ma mi pare molto interessante. Esempio: perchè nonostante io sia sola e si sappia in giro mai nessuno ha il pensiero di presentarmi qualcuno...mentre con altre persone lo fanno tranquillamente? E' colpa mia?? Ma come diavolo mi vede la gente? Oh Signore....forse come talmente fredda e distaccata che si pensa non ne abbia bisogno? Forse...e io scambio questo come una manifestazione di scarsa considerazione della mia persona come potenziale partner di chicchessia? Dubbio amletico...
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo

  2. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (16 Giugno 2011 20:18)

    @ Raffaella: sei sicura di non averla capita? Secondo me l'hai capita benissimo. E secondo me puoi sciogliere il dubbio, seppur amletico. Colpa? Usi ancora il termine "colpa"?! Oh Signore!!!
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  3. Avatar di Anna

    Anna 10 anni fa (16 Giugno 2011 20:46)

    @Bice...dici "basta guardare il passato, non sono abbastanza forte per una relazione leggera con un narcisista...meglio nessuna relazione.." io credo invece che sei FORTE proprio perche' non sei piu' spinta dal BISOGNO tanto da accontentarti di una relazione con un uomo impegnato e narcisista.... ma sai stare da sola e sai attendere il MEGLIO per te..... corrreggimi se sbaglio.. @Ilaria come possiamo capire cio' che noi trasmettiamo agli altri con i nostri gesti, atteggiamenti senza che ci siano equivoci e dubbi amletici ? perche' spesso capita di voler esprimere una cosa e farne capire un altra ?
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  4. Avatar di raffaella

    raffaella 10 anni fa (16 Giugno 2011 20:50)

    Ilaria...mentre scrivevo la parola "colpa" mi sentivo in "colpa" ;)...a parte il gioco di parole, mi sono anche un po' stancata di essere sempre vista come la persona con intelligenza superiore alla media, quella che capisce tutto subito, che ha la battuta pronta, che non deve chiedere mai, che non ha bisogno di nessuno...un po' mi sono stufata, un po' amo questo lato di me, quella dallo sguardo rigido che incute rispetto, quella che non crede alle cretinate verbali propinate, quella che detesta il melenso e la femminilità ostentata, quella che adora essere sempre alla pari con chi le è di fronte...e così facendo forse spaventa anche un po' l'interlocutore che non ha interesse ad approfondire sotto altri aspetti. Ma io non so nemmeno da che parte iniziare a far emergere il resto...ci sto provando, cerco il condizionamento con tutte le tecniche ma le resistenze sono forti da morire...
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo

  5. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 10 anni fa (16 Giugno 2011 21:19)

    Oh Signore! Già il mio lavoro mi piace moltissimo, ma se fate anche così, io proprio perdo la testa :) @ Raffaella, a proposito di : "Ma io non so nemmeno da che parte iniziare a far emergere il resto...ci sto provando, cerco il condizionamento con tutte le tecniche ma le resistenze sono forti da morire...", stai tranquilla, lascia andare, smetti di porti domande. Quel che hai scritto in questi ultimi commenti mi sembra sia più che sufficiente per lasciarti trasportare dal (nuovo) flusso. @ Anna: brava, punto importante. Ne parleremo, cercherò di farlo quanto prima. Grazie!
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  6. Avatar di raffaella

    raffaella 10 anni fa (16 Giugno 2011 21:54)

    @Ilaria: ma noi lo facciamo per te, perchè tu non rimanga mai senza entusiasmo e motivazione!!! :)))
    Rispondi a raffaella Commenta l’articolo

  7. Avatar di Aliyah

    Aliyah 10 anni fa (16 Giugno 2011 22:21)

    Bice, mia madre è come la tua: ansia per tutto e tutti e proietta tutto su di me (viviamo ancora sotto lo stesso tetto, ahimè, anche se ho 36 anni e vorrei una vita tutta mia). E' tutto un pericolo, per ogni cosa un'osservazione negativa, un'allerta continua. che palle. Mio padre, in compenso, è monolitico e lascia vivere. Io mi sento adottata, visto che vorrei sempre nuove esperienze MA mi frenano le ansie introiettate, e nello stesso tempo qualcosa riesco a farlo nonostante le reprimende feroci. Come vorrei vivere per conto mio.
    Rispondi a Aliyah Commenta l’articolo

  8. Avatar di Bice

    Bice 10 anni fa (16 Giugno 2011 23:25)

    @ Aliyah... e non riesci proprio ad andare per conto tuo? E' così liberatorio!!! @ Anna... forse hai ragione, ho fatto scelte diverse dal passato... il fatto è che mi sono costate una fatica del diavolo, anche se le sentivo. Ma a volte sono davvero come divisa in due! Vorrei poter fare di due uomini uno solo: prendere dell'ultimo la sua voglia di impegnarsi e stare con con me per costruire, la sua presenza, la sua voglia di intimità, il suo calore... e dell'altro la sua indipendenza, leggerezza, energia, facilità. Lasciando perdere l'ansia e le paure del primo, l'eccessivo disimpegno dell'altro, l'insicurezza di entrambi. Non erano ciò che volevo e stavolta sono riuscita a non accontentarmi. Ok, è un deciso passo avanti. Però stare completamente sola è dura... anche se esco, ho amici, una vita piena... ma è dura. Vorrei condividere con qualcuno la vita... da sola è dura... sia che io abbia dei problemi sia che vada tutto bene. Ho bisogno di qualcuno... e questo non mi fa sentire forte. Sono stata molto tentata da entrambi, al punto di cominciare comunque una storia. E col narcisista, quando ha cominciato a prendere le distanze, ho sofferto. Vorrei essere sopra tutto, ma forse pretendo troppo da me stessa (come mi scriveva Ilaria in privato, forse è di me che sono delusa) ed in fondo è normale che io riconosca aspetti attraenti in entrambi e che ci abbia provato con loro. Così come è normale mollare l'osso quando ti rendi conto che non è quello che vuoi... Sì, sono più forte di prima, ma non credo che potrei davvero vivermi con leggerezza il narcisista. E' una tipologia di uomo che mina l'autostima e io ne so qualcosa... non voglio tornare indietro su questo percorso. Devo anche dire che dopo il chiarimento è sparito. Sai cosa? Credo che il narcisista voglia la libertà solo per se stesso. Un uomo, anche se tradisce la moglie e porta avanti storie parallele, anche se è sempre in giro per il mondo... nel momento in ci si appassiona ad una donna che A- non vuole seguirlo, B- ci prova con un altro e sparisce C-gli confessa tutto candidamente, aggiungendo che succederà ancora perché anche se lui le piace, ma cerca un uomo diverso... beh, non credo che il narcisista sappia reggere questa "parità". A parole tutto bene, se ne parla, mi consiglia, ma poi... sento che c'è qualcosa che non dice, qualcosa che rode (e tace, come tacevo io)... in fondo a questo tipo di uomo le amanti servono come rassicurazione, ma se l'amante è come me... diventa dura! Ben gli sta, direte... eh, già... ma io penso a me. Penso che lo conosco il tiramolla tra fuga e desiderio che si rischia di mettere in piedi e... no, grazie. Sono forte? Sono più forte, non ancora quanto vorrei... ma forse - ripeto - chiedo troppo a me stessa. In fondo il bisogno di qualcuno accanto è naturale. E' un bisogno non da mendicante che si accontenta, non da zerbino che si adatta, non da narcista che perde il senso di sé... però è, indubbiamente, un BISOGNO. Sono stanca di pensare... e sono stanca di non avere bisogni. Grazie, comunque, Anna, di avermi fatto vedere il positivo... stasera ero un po' giù. :-)
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  9. Avatar di Elisa

    Elisa 10 anni fa (17 Giugno 2011 10:14)

    Più passa il tempo e più sento anch'io il bisogno di avere qualcuno accanto: per dare e ricevere affetto, per continuare a crescere e maturare nel confronto con un partner, per iniziare a progettare la mia vita con qualcuno di speciale..e per rimediare agli errori fatti nella mia storia precedente, dandomi un'altra possibilità per amare in modo totalmente maturo e non più come una "ragazzina sognante".. E' vero che, ad un certo punto della propria vita, gli amici, gli hobby e il lavoro non bastano più per sentirsi veramente appagati: chi ha sperimentato la vita di coppia sa che quel "quid" alla propria esistenza è dato proprio da una storia d'amore e da un legame di coppia. Anche se, negli ultimi tempi, gli incontri con l'altro sesso per me scarseggiano e ho davvero poche occasioni, almeno sento, in parte, di essere consapevole delle mie zone d'ombra che mi impediscono di riaprire il cuore verso una persona: la paura della delusione, il timore di soffrire, il dubbio di incappare in un uomo sbagliato ma anche il mio terrore di sbagliare e non riuscire a creare quell'intesa che riesce a far stare in piedi un rapporto. Ammetto che tutti questi sono dei limiti per l'espressione della mia energia sessuale allora sto provando a "lavorarci sopra", chiedendo consigli, prendendo spunto da altre persone, leggendo... Spero di diventare più forte interiormente e, presto, mettermi in gioco con rinnovata fiducia, in un nuovo rapporto..
    Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

  10. Avatar di Vanesia

    Vanesia 10 anni fa (17 Giugno 2011 10:59)

    Tutti qui, su questo blog che lavoriamo su noi stessi per una buona fetta di felicità, per capire chi siamo davvero, cosa c'è che possiamo fare per predisporci all'amore vero....tutti qui per amarci di piu'. Ma solo questo gesto bellissimo di aiutarci, capirci, comprendere il nostro passato, le nostre scelte, le scelte degli altri, lottare contro il desiderio di ricominciare una relazione che non può portarci a nulla...ma solo tutto questo lavoraccio faticoso non ci dovrebbe riservare un bel premio? Bice anche io sono stanca, anche io a volte vorrei spegnere il cervello perchè la mattina già mi sveglio pensando a qualcosa che puo' farmi stare bene, a leggere un libro che puo' essermi utile,a pensare al passato leggendolo con una chiave di letture differente, a spogliare ogni situazione dai desideri e valutarla con lo sguardo della razionalità, quella che mi permette di capire cosa è giusto per me. ma siamo qui in pista, e ci tocca ballare. Quindi, concediamoci qualche momento di tristezza ogni tanto (che a volte ci culla piacevolmente) e poi, riprendiamo a lottare! Buona giornata a tutti...e non molliamo!!!!
    Rispondi a Vanesia Commenta l’articolo

  11. Avatar di Vanesia

    Vanesia 10 anni fa (17 Giugno 2011 11:18)

    @Raffaella:sono convinta che noi lanciamo dei messaggi ben definiti alle persone che incontriamo. non ce ne accorgiamo, ma la nostra maschera dà di noi un'apparenza che a volte è molto differente da cio' che ci portiamo dentro. Io sono single, e attiro molte possibilità di vivere relazioni...ma tendo ad attrarre e ad apprezzare uomini che successivamente scopro che sono fidanzati....e se sono single non vogliono impegnarsi...bello eh? Sto cercando di lavorare molto di piu' su cio' che trasmetto all'esterno; per esempio io sono una persona molto discreta e a cui piace ascoltare piuttosto che essere ascoltata...quindi, chi mi sta di fronte, molto spesso non conosce il mio punto di vista o le vicende della mia vita..senza cadere troppo sul personale. una volta ho chiesto ad un mio amico che impressione gli avessi fatto all'inizio della nostra amicizia...è stato molto interessante chiederglielo....provaci anche tu!se conosci qualcuno di cui ti fidi e con cui hai un buon dialogo, puoi farci una bella chiacchierata:-))))
    Rispondi a Vanesia Commenta l’articolo

  12. Avatar di Anna

    Anna 10 anni fa (17 Giugno 2011 11:30)

    @Bice Grazie anche a te Bice perche' attraverso te ho capito tante cose di me... attraverso il tuo raccontarti mi e' sembrato di vedere me, come se mi guardassi dall'esterno... e questo mi ha fatto capire in modo distaccato e reale tante cose di me, delle mie scelte, dei miei atteggiamenti.....tante cose ci accomunano...ed e' per questo che ti capisco benissimo.... da poco anche io ho chiuso con il narcisista impegnato pieno di se' e del suo sapere.... personalita' altamente giudicante che soffocava il mio essere, ma dalla quale ero attratta... ma non stavo bene , non era cio' che volevo e poi mi sentivo sempre sotto processo...... ho raccolto tutte le mei forze e il bene che provo per me stessa e ho detto BASTA! un atto di amore verso me stessa...e' durissima certo...e per questo capisco anche te... il bisogno di avere qualcuno e' enorme ed e' normale... siamo stati creati per stare, condividere con qualcuno..... ma questa condivisione deve avere la priorita' di farci STAR BENE in modo sano, genuino, spontaneo.....ce la possiamo fare.. io , nonostante le delusioni, sono fiduciosa ...sono anche io una pensierosa e sono stanca di pensare.... voglio vivere...ma voglio STARE BENE!!! un abbraccio
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  13. Avatar di Bice

    Bice 10 anni fa (17 Giugno 2011 13:24)

    Un abbraccio a tutte voi...
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  14. Avatar di Aliyah

    Aliyah 10 anni fa (17 Giugno 2011 15:35)

    Bice, e dove vado con un lavoro da 200 euro al mese, spese incluse? :)
    Rispondi a Aliyah Commenta l’articolo

  15. Avatar di joycejo

    joycejo 10 anni fa (17 Giugno 2011 16:02)

    Ho la possibilità di vivere da solo in autonomia ,libero e in una bella casa di mia proprietà e generalmente riesco a superare la maggior parte degli ostacoli . Ma il passato ritorna sempre nel presente soprattutto quando sono immerso in una nuova relazione …. Le ansie ereditate da mia madre che cerco in tutti i modi di eliminare , il porsi sempre dei limiti inutili , essere sempre preciso e razionale , aver paura di commettere gli errori delle ex relazioni … ecc …. ecc … Tutto questo mi porta a non vivere serenamente e in modo spensierato una nuova ‘avventura’ ….. e in un certo senso mi blocca nella ricerca della persona giusta. Alcune volte continuo a ripetermi che alla fine stare soli non è poi così male …. Qualsiasi decisione la prendo senza compromessi, la mia autostima è in aumento grazie proprio al fatto di essere più consapevole di me stesso , ma quando ripenso ai lati positivi della mia ex lunga relazione … mmm … un po’mi mancano . Io non mi arrendo e vado avanti !!! Cercherò sempre di essere positivo …… Un grazie a tutti voi per le belle parole scritte in questo blog e per l’aiuto che queste mi danno giornalmente ….. grazie a Ilaria e vi auguro un sincero e affettuoso buon week-end. Ciao @Bice : sei una grande !!!
    Rispondi a joycejo Commenta l’articolo

  16. Avatar di Bice

    Bice 10 anni fa (17 Giugno 2011 21:21)

    @ Aliyah: scusami, non ricordavo fossi tu con un lavoro da 200 al mese. Allora mi sa che dovrai attendere di guadagnare qualcosa di più... prima o poi ce la farai. Io ho dovuto/voluto aspettare i 33 anni, ma poi ho spiccato il volo! @ Joyceio: una grande, addirittura? @ tutti: alla fin fine mi pare che abbiamo un po' tutti gli stessi ostacoli da superare. Già siamo qui ed è importante confrontarsi e sostenerci... io credo che ce la faremo, anche se forse non bisogna avere fretta. Organizzando il w-e... aspettando il post del venerdì, ormai diventato davvero un piacevole appuntamento!
    Rispondi a Bice Commenta l’articolo

  17. Avatar di Anna

    Anna 10 anni fa (18 Giugno 2011 15:16)

    Ciao a tutti.. Ancora non so se sia giusto scrivere le proprie emozioni e comunicarle agli altri.. Come se potessero loro interessare.. Non e' sempre così facile.. Uno puo' dire e fare tante cose riempirsi la testa di mille buoni pensieri ma quando ti guardi intorno e vedi che " le cose vanno" solo, o quasi, alle persone che non lo meritano davvero...Beh tutto diventa difficile da sostenere..
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  18. Avatar di Anna

    Anna 10 anni fa (18 Giugno 2011 15:18)

    Non sono la " vostra Anna" sono nuova " di qui " ciao a tutti
    Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  19. Avatar di Emanuela

    Emanuela 10 anni fa (18 Giugno 2011 19:26)

    @Vanesia, anch'io finora ho attirato uomini impegnati (fidanzati o sposati) o che non volevano impegnarsi, perchè incasinati o perchè hanno sofferto per storie passate (ma chi non ha sofferto?). Credo che prima di tutto dobbiamo stare bene noi nella nostra pelle, certo ci vuole un gran lavoro su se stessi e molta razionalità, perchè a volte l'emotività prende il sopravvento e da qui riemergono vecchie sofferenze, antiche paure, il peggio che possa bloccarci. E credo che chiedere a un caro amico che cosa abbia pensato la prima volta che ci ha conosciuto sia di grande aiuto. Noi non ci "vediamo" quando parliamo, quando ci muoviamo e stiamo con gli altri, se non abbiamo consapevolezza di noi stessi. Se l'avessimo, forse i pregiudizi, quelli del nostro Io, verrebbero messi in discussione e da qui si può ripartire alla GRANDE! Un bacio!
    Rispondi a Emanuela Commenta l’articolo

  20. Avatar di Fiorenzo

    Fiorenzo 10 anni fa (20 Giugno 2011 0:05)

    Salve a tutti, colgo l'occasione di questo commento per presentarmi. Io sono Fiorenzo e leggo da poco questo blog, ammetto di dovermi ancora ambientare e anche se non credo di riuscire a stare dietro gli innumerevoli commenti, cercherò di seguire grosso modo il pensiero di tutti, oltre ovviamente a seguire i post di Ilaria che ringrazio per gli articoli che propone, pieni di spunti di riflessione. :) Finita la presentazione approfitto per commentare una frase di ELEONORA che ho letto scorrendo i commenti.... leggevo una tua frase che in definitiva, sento ripetere da molte donne: "DICE BENE 007... TOLTO IL SESSO,questi cari "signori uomini"che cercano???? altro ,con altre...son talmente poveri dentro che ben si comprende perchè parlino" Quello che io ripeto sempre a queste donne e in questo caso a te è:"Perchè avete questa tendenza a fare di tutta l'erba un fascio??" Per quanto possa sembrarti sorprendente, gli uomini non sono tutti uguali. Secondo il mio modesto parere, è creando queste etichette che si complicano le interazioni tra uomini e donne. Ovviamente il mio non vuole essere un attacco, però ci tengo ad esprimere questa mia emozione che nasce quando sento (o come in questo caso, leggo) affermazioni di questo genere. Buona serata a tutti
    Rispondi a Fiorenzo Commenta l’articolo