Quando un uomo non ti cerca: come interpretare il suo comportamento

quando un uomo non ti cerca

C’è qualcosa di peggio di quando un uomo non ti cerca? Cioè, di quel fenomeno che si verifica quando hai appena iniziato a frequentare un uomo, tutto sembra andare per il meglio tra di voi, un rapporto “speciale” ed “esclusivo” sembra essere appena iniziato sotto i migliori auspici, eppure lui smette di cercarti e scompare o diventa molto, molto rarefatto nei suoi contatti?

E’ un comportamento tanto diffuso che ho ritenuto opportuno dedicare molto spazio a come funziona il desiderio in un uomo, all’interno del percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca sul titolo per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno).

"Può sembrare indifferenza, ma a volte è “E se disturbo?” “E se sono invadente?” “E se non gli fa piacere?” “E se sono di troppo?” Che fatica. Mesmeri"

Hai presente quando i giornali ci propinano quelle assurde statistiche tipo: ogni pendolare trascorre in media 6 anni della sua vita in coda o 15 in treno? Oppure: una madre di famiglia trascorre almeno 8 anni della sua vita, in media, a pulire il piatto doccia? O anche: a 21 anni un ragazzo nato del 2000 avrà passato 6 anni della sua vita su FacebooK?

Secondo te, se calcolassimo l’ammontare di tempo e di energie che una donna in media ha trascorso nell’attesa di messaggi, chiamate e what’s app che non arrivano, che risultati darebbe il fantastico calcolo?

Secondo me, devastanti.

Quindi, primo assunto: quando un uomo non ti cerca, tu accendi la spia di avvertimento “Spreco di Vita”, che non si sa mai. Valuta molto seriamente questa ipotesi.

Non pensare subito: non gli piaccio – l’ho deluso – ho fatto degli errori – rimarrò sola per sempre.

Fermati su una sola e unica considerazione: “Forse sto perdendo il mio tempo e sto sprecando le mie energie, investendole sulla persona sbagliata. Succede, meglio saperlo prima che dopo. Ora mi concentro su qualcosa di davvero importante per me – la lezione di zumba, il report che devo preparare per il capo, la spesa per iniziare il regime alimentare che mi ha prescritto la nutrizionista – che davvero mi avvicina alla serenità e all’uomo giusto per me, dato che sprecare tempo significa sprecare vita e io di vita ne ho una sola…”

Non solo: pensa che stare ad aspettare una telefonata o un contatto quando un uomo non ti cerca, ti fa invecchiare prima e ti fa venire la cellulite, dato che pensieri negativi e frustrazione mettono in circolo il cortisolo, l’ormone dello stress, che fa più danni nel tuo corpo che le cavallette in Cina.

Quando un uomo non ti cerca: l’atteggiamento giusto da assumere

Poi, certo, per puro amor di conoscenza, continua pure a elucubrare e ad appaturniarti, ché so benissimo che dire a certe donne – la maggioranza – di smettere di appaturniarsi così di colpo sembrerebbe un atto di crudeltà mentale. E io non voglio essere cattiva.

Anzi, per appaturniarti in modo più utile per te, evitandoti pericolosi voli pindarici autocolpevolizzanti, distruttivi e depressivi, ti propongo un’analisi dei 10 generi più diffusi all’interno della specie uomo che non ti cerca, di modo che tu possa fare riflessioni produttive e muoverti rapidamente verso altre direzioni o, semplicemente, verso te stessa.

"L’indifferenza è inferno senza fiamme. Maria Luisa Spaziani"

Partiamo da un assunto importante: corteggiare è faticoso. E’ impegnativo. E’ un percorso a ostacoli.

E in un mondo dove tutto diventa stressante – soprattutto perseguire il piacere e creare relazioni – ci manca che uno si debba stressare ancora di più andando a inguaiarsi in quel labirinto emotivo e pratico che sono di fatto il corteggiamento o la seduzione. Non sia mai.

Se le donne non si fanno scrupoli a buttare via le proprie vite dietro a un signor nessun che non merita né loro, né il loro amore, figurarsi le loro lacrime, gli uomini in genere, sono molto, ma molto più accorti ad amministrare i propri beni: la propria serenità, il proprio tempo, le proprie energie emotive.

Che cosa fa innamorare un uomo e lo fa impegnare in una relazione?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.
"Se vuoi piacere a chi ti piace, mostragli indifferenza. Se vuoi la sua indifferenza, mostragli attenzioni. Guido Rojetti"

In genere gli uomini hanno più amor proprio e anche perfino più amore di sé rispetto alle donne per mettersi a sprecare vita in un’attività ad alto rischio come quella di entrare in relazione e – addirittura – provare a sedurre.

10 tipi d’uomo che smettono di cercarti e le loro ragioni

E’ evidente allora che molti uomini – come molte donne – non agiscono e non perseverano per molte ragioni di tipo personale. Non è che uno perché uomo è privo di appaturniamenti, pigrizie o schemi mentali disfunzionali.

Anzi no, molto spesso gli uomini sono più appaturniati delle donne. Soprattutto per quel che riguarda la seduzione.

Il che non autorizza nessuna a correre lancia in resta in loro soccorso. Questo non ci stanchiamo mai di ribadirlo…

Andiamo dritte al punto e analizziamo i 10 tipi di uomini che più classicamente smettono di corteggiare una donna verso la quale si sono dimostrati interessati. Quando un uomo non ti cerca, potresti essere incappata in un uomo del genere.

  1. Il rifiuto-fobico. Tu hai paura del rifiuto? Ma quanta paura del rifiuto hai? Tanta? Ecco, bene, considera che per cultura e tradizione gli uomini in media hanno molto più paura del rifiuto di quanta ne abbiano le donne, quindi fai le debite proporzioni. Molti uomini non si fanno avanti o sono molto “pigri” perché, appunto, terrorizzati dal rifiuto e terrorizzati che il rifiuto non solo rovini la loro già precaria autostima, ma anche la loro fama presso conoscenti e amici. Obbrobrio e vergogna.
  2. L'(Eterno) Precario. C’è il precariato del lavoro. Le relazioni sono precarie. E c’è colui che si sente precario in sé e per sé: non ha un lavoro fisso, deve concludere gli studi e non sa che cosa ne sarà di lui, non sa dove andrà a vivere. Magari si è appena separato, gli tocca mantenere figli e due case. E’ sua convinzione che corteggiare una donna ed essere in una relazione comporti dei costi, anche economici, che non se la sente di affrontare. No, per carità, di guai ne ha già troppi per farsi carico anche della relazione con una donna.
  3. L’Impedito-Insicuro-Sfiduciato: pensa di essere totalmente incapace a rapportarsi con una donna. Non l’ha mai fatto e quelle poche volte che l’ha fatto non ha capito niente di quel che è successo e non se ne fa una ragione nemmeno adesso. Poi, in fin de’ conti, è evidente anche al più distratto degli osservatori, le relazioni al giorno d’oggi sono tutte destinate a finire male. Meglio non allagarsi, meglio stare rintanati dove si è e non esporsi.
  4. Lo Schifato dal Romanticismo (o Principe Nero): è colui che detesta l’idea del principe azzurro, anche se non ne ha mai sentito parlare, ma ha sentito su di sé tutta la pressione del concetto. Sì, ok, come alle bimbe-ragazze-donne viene imposto culturalmente il dovere di essere sempre magre-belle-giovani, ai bimbi-ragazzi-uomini viene imposto culturalmente il dovere di essere duri, coraggiosi e anche un po’ senza scrupoli. Poi, però, quando si tratta di relazioni, di colpo vengono richieste a loro anche comprensione, empatia e tenerezza. Ma come? Uno ci ha messo tutta la vita a sopportare i bulli a scuola, a uscirne in qualche modo vivo, anche se provato; all’università finalmente è diventato un bullo vero anche lui e ora scopre che per tenersi una ragazza bella e sana per più di sei mesi deve imparare anche a essere dolce e gentile? No, davvero, lasciamo perdere. Le relazioni romantiche non fanno proprio per lui.
  5. L’Eternamente Insoddisfatto-Perfezionista: è colui che non riesce a trovare una donna che lo “prenda” veramente. Sembra che si lasci incantare da qualcuna, di tanto in tanto, ma presto il suo interesse svanisce, così come è nato. Nessuna pare dargli l’eccitazione e insieme la sicurezza che lui va cercando. Molto presto tutte finiscono per deluderlo (questo, ovviamente, è quello che racconta a se stesso)…
  6. Il Dongiovanni da Sito di Incontri. Lui, al contrario dei precedenti, è lo stakanovista del corteggiamento, l’ossessivo della chat, il compulsivo dell'”invio”. Ha più donne in ogni sito e fa un po’ come la ronda notturna o i medici del reparto. Il giro periodico di tutte le sue corteggiate. Solo che qualcuna, in ‘sto gran traffico internet talvolta si perde. Quando lui non ti chiama è perché, per ragioni puramente accidentali e indipendenti dalla tua e sua volontà sei sfuggita al controllo. Si è distratto, si è dimenticato, qualcun’altra gli ha preso più attenzione o tempo o gli ha dato più filo da torcere.
  7. Lo Sposato-Impegnato: tu magari non lo sai e non l’hai capito oppure lo sai o lo hai intuito. Il fatto è che lui è impegnato, ha un’altra, quindi non si fa sentire perché è in altre faccende affaccendato. Facile.
  8. Il Pragmatico: voleva solo sesso da te; ha capito che non sei il tipo e non vede perché deve continuare la caccia.
  9. Il Narcisista (o il perverso ad altro titolo). Ha bisogno dell’ammirazione incondizionata di una donna. Della tua non era sicuro al cento per cento. Bene per te, vuol dire che non sei carne da cannone. Sii orgogliosa e grata di ciò, è la cosa più bella che ti potesse capitare.
  10. Il Frainteso: non vi siete capiti, tu hai visto quel che non c’era. Pensavi che ti stesse corteggiando, invece era un calesse… Il mondo vive di fraintendimenti, in ogni campo della vita.

Parlami di qual è la tua esperienza personale.

Nello spazio qui sotto lasciami le tue testimonianza e i tuoi commenti:  che cosa fai e che cosa pensi quando un uomo non ti cerca?

Quando un uomo non ti cerca: che cosa ti serve per uscire dalla crisi

So bene che quando un uomo non ti cerca entri in una situazione emotiva molto negativa che ti fa stare male, per l’umiliazione, lo sconcerto e il fatto di non capire che cosa sta succedendo.

In realtà per uscire da momenti negativi come questi (e non ricaderci mai più) è importante scoprire e aver ben chiari i meccanismi del desiderio, di come nasce e di che cosa lo mantiene vivo nel tempo.

Ho fatto molte ricerche al proposito e ho fatto tesoro della mia esperienza.

Nel percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca sul titolo per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno), fornisco strumenti pratici e concreti che servono a riconoscere l’uomo giusto, a capire se è davvero attratto e a capire come mantenere vivo il desiderio nel rapporto.

Si tratta di un vero e proprio percorso di competenza sentimentale a tutto tondo, che ti permette di esprimerti al cento per cento scoprendo i tuoi punti di forza, mettendoli in evidenza e usandoli al meglio.

Guarda l’anteprima e inizia il percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca sul titolo per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno).

Lascia un Commento!

316 Commenti

  1. Avatar di Angy

    Angy 7 mesi fa (4 Aprile 2019 23:36)

    Che tristezza, voleva perfino farlo in un parcheggio della metrò. Proprio un poraccio!
    -4
    Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 7 mesi fa (5 Aprile 2019 0:38)

      Ma dài, non riesci a scorgere neanche un po' di romanticismo? Gli sguardi intensi, il parcheggio a due passi dalla metro... Insomma, un uomo d'altri tempi e tu non hai saputo apprezzare! Mannaggia...
      -1
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 7 mesi fa (7 Aprile 2019 21:45)

      In effetti Emilia. Come ho potuto non apprezzare? Uno cosi figo più giovane di me quando lo incontro più? hahahahah
      -4
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

  2. Avatar di Carla

    Carla 6 mesi fa (30 Maggio 2019 13:14)

    Ho fatto il test. Azzeccato in pieno. Soprattutto per il ritratto della mia personalità. Quella di lui l'avevo già capita, ma ci abbiamo provato lo stesso. Amen
    0
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

  3. Avatar di Angy

    Angy 7 mesi fa (4 Aprile 2019 23:33)

    Mah a questo punto c'e ne sono davvero troppi in giro
    0
    Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 6 mesi fa (30 Maggio 2019 13:32)

      Ciao Ilaria,ti racconto sommariamente la mia ultima esperienza,perché è fresca fresca.ho incontrato un uomo più giovane di me,piacevole nei modi, almeno all inizio che mi racconta di essere un specializzazione come medico ortopedico,mi racconta sommariamente la sua vita,salvo poi scoprire che mi ha raccontato un sacco di bugie, l ultima,quella più eclatante che nn ha ancora terminato l università, altro che specializzazione..in piu,quando capisco che è il tipo pragmatico che da me vuole solo e soltanto una cosa, ma ti dico, scoperto nel giro di un paio di uscite,be gli chiedo spiegazioni ,quanto meno a riguardo della suA posizione professionale..nn solo nn mi risponde ,ma addirittura in alcune battute scambiate precedentemente e prima che sapessi delle sue bugie, be mi ha rigirato la.frittata dandomi della diffidente!ma meno male direi e pensare che è anche della mia città, per cui più facilmente identificabile e scopribile... mi piacerebbe sapere la tua opinione in merito..Perche n chiede scusa almeno?
      -13
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  4. Avatar di giava

    giava 6 mesi fa (30 Maggio 2019 16:22)

    mi permetto (orgogliosamente) di inserire il filofobico... ebbene si, ne ho incontrato uno. Ovvero il rischio di innamorarsi gli fa venire gli attacchi di panico e dunque meglio scappare che convivere con l'ansia. Non si finisce mai di imparare...
    1
    Rispondi a giava Commenta l’articolo

  5. Avatar di Luca

    Luca 6 mesi fa (30 Maggio 2019 8:38)

    Vorrei fare un intervento relativo all'articolo di oggi. Continuare a corteggiare una donna (all'interno di una relazione) con costanza ed impegno, costa fatica, è un piccolo investimento. La controparte deve offrire ciò che l'uomo cerca, molto spesso sicurezza e conferme. Escludendo i modelli di uomo elencati, inadatti ad una relazione romantica, direi che il numero 5 è l'esempio più realistico. Ad una dimostrazione di amore si risponde con una conferma, al una mail o messaggio d'amore si risponde altrettanto, a fronte di dedizione e attenzioni si risponde con altrettanta dedizione esclusiva ed in particolare sicurezza. Se questo meccanismo non viene curato con attenzione si inceppa, nessuno ha piacere di farsi male regalando attenzioni non corrisposte.
    28
    Rispondi a Luca Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 6 mesi fa (30 Maggio 2019 13:43)

      Ovvio. Io sono per la politica 1:1 palla al centro :)
      20
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Maria

      Maria 5 mesi fa (31 Maggio 2019 13:54)

      Ciao Luca, anche per le donne è un investimento che richiede fiducia, e questo genera comunque un qualche topo di fatica, anche solo di valutazione. Se sei stato già nella condizione di non essere cercato o comunque non ricambiato con la stessa intensità e cura penso che puoi capire il punto di vista espresso qui anche se è considerato dalla parte femminile.
      -20
      Rispondi a Maria Commenta l’articolo

  6. Avatar di Elisa

    Elisa 6 mesi fa (30 Maggio 2019 19:00)

    Buongiorno Ilaria è da un po' che la seguo e leggo sempre volentieri le sue considerazioni perché le trovo sempre ironiche e spumeggianti, anche se fanno un quadro poco edificante delle relazioni uomo e donna nella nostra società cosiddetta moderna. Sono una cinquantenne ancora non del tutto scettica. Di relazioni ne ho collezionate alcune importanti che mi hanno segnata parecchio. Non so se l'argomento è stato preso in considerazione ma amche nel mio casa, di sparizione si tratta. La sparizione dell'uomo in questione (l'ultimo nell'ordine di tempo) riguarda la fine di un rapporto durato 5 anni lordi... vero è che tra alti e bassi dubbi rinegoziazioni accensione e spegnimento di fiamma, con quest'uomo abbia condiviso una discreta fetta di tempo insieme. Magari tempo perso comunque tempo. Detto questo la cosa che mi fa ancora pensare È che dopo la separazione da mio marit, questa persona ha condiviso un vissuto intenso con me e i miei figli piccoli , nati dalla precedente unione. Fatto di cene pranzi feste ricorrenze vacanze e chi più ne ha più ne metta. Insomma una storia seria durata quasi 5 anni. Ecco da quando ci siamo lasciati, in modo assolutamente civile, questo signore ha praticamente chiuso i contatti. Solo qualche sporadica iniziativa attraverso il gruppo di ex compagni delle superiori, visto che frequentavamo la stessa classe. Per il resto nessun interessamento sensibile nei confronti miei e dei miei figli che, purtroppo o per fortuna, ha rappresentato un adulto di riferimento piuttosto importante nella loro esperienza di crescita. Dopo questi anni a mio avviso intensi di i frequentazione, ancora non mi capacito di come si possa chiudere completamente con il passato quando ci si trova ad avere un'età come la nostra. Mancando quindi le attenuanti di un irresponsabilità dovuta alla giovinezza non applicabile in un caso come il mio, mi fa specie che adulti relativamente attempati e con esperienze comunque di dolore alle spalle possano in un certo senso dimostrarsi così superficiali. Non so se sono riuscita a dare un'idea precisa dell'esperienza che mi è capitata, in ogni modo La ringrazio dell'attenzione e se vorrà rispondermi dandomi la sua interpretazione ne sarò estremamente. Cordiali saluti Elisa
    0
    Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (30 Maggio 2019 19:43)

      Gentile signora grazie per la fiducia e per il suo intervento cortese e pacato. Il tema di cui lei parla è estremamente attuale e il fenomeno grandemente diffuso. La presa di responsabilità non va di pari passo con l'età e la frequentazione anche confidenziale e intima non va confusa con amore, affetto o legame. Il mondo è sempre stato pieno di persone egoiste (quando va bene), incapaci di amare, superficiali, immature, profittatrici, stupide emotivamente per non dire deficienti, psicopatiche, bugiarde. La letteratura e l'arte mondiale, minore e maggiore e finanche (soprattutto) i testi sacri delle grandi religioni traboccano di descrizioni del male, più o meno banale, che l'essere umano porta in sé, dell'ipocrisia, della menzogna, della finzione. Non sono invenzioni recenti dei nostri tempi gli uomini egoisti e insensibili. C'erano anche prima di Facebook. Lei è incappata in uno di questi. Uno stronzo, per sintetizzare. Come molti altri, prima, dopo, a destra, a sinistra, sopra e sotto di lui. Stia attenta ché, appunto, gli stronzi non finiscono mai. Sono sicura che questo simpatico signore dei segnali li aveva dati. Eccome. Fossi in lei eviterei ogni contatto futuro. E sia sempre molto prudente nell'introdurre qualcuno nella vita sua e dei suoi cari.
      -17
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 6 mesi fa (30 Maggio 2019 23:02)

      Sarebbe interessante sentire il parere di quelle/quelli che “non bisogna frequentare gli ex”. Perché anche questa è una opinione molto diffusa, a tutte le età. Uno che taglia i ponti così è un irresponsabile o sta facendo la cosa più giusta e rispettosa nel confronti di una sua eventuale nuova compagna?
      22
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 6 mesi fa (30 Maggio 2019 23:18)

      O anche dell'ex. Dipende. Se deve guardarle i bambini (che sono pure suoi), le deve dei soldi o deve chiudere dei rapporti professionali ed economici i rapporti, civili e non ricattatori da nessun punto di vista, tantomeno emotivo, vanno tenuti. Finché è necessario. Se non è necessario, può levarsi di torno e cercarsi tutte le donne che vuole senza pesare sulla ex, permettendo alla ex medesima di farsi la sua vita, senza interferenze psicologiche, emotive o di altro genere. Un nuovo pretendente per esempio potrebbe non gradire la presenza di un ex e nemmeno farsi avanti nel vedere l'andirivieni dell'ex. Gli aspetti da considerare sono molti. Ma un ex è un ex. Se no non sarebbe un ex.
      -18
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 6 mesi fa (31 Maggio 2019 0:05)

      E allora non capisco perché la signora avrebbe dovuto aspettarsi altro, e che ha lui di specialmente stronzo. I figli non erano suoi, e magari la sua nuova compagna non gradisce.
      22
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (31 Maggio 2019 9:45)

      Ciao AnnaV, non so se stiamo parlando della stessa cosa. Mi sembra che Elisa si domandi come mai un uomo (una persona, un essere umano) che ha mostrato tanta presenza in passato anche con i suoi (di lei) figli piccoli che nel frattempo sono cresciuti non si fa più vivo e non si fa più sentire. Io il mio punto sugli ex l'ho espresso diverse e diverse volte: gli ex sono ex. Come tu sai bene, vi sono dei casi dove non è possibile tagliarli completamente fuori dalla propria vita, non è giusto, non è utile. Per esempio quando sono i padri dei tuoi figli. Sappiamo anche bene che molto spesso, proprio in questi casi, sono loro a tagliarsi fuori. Ma non è questo il punto. La domanda di Elisa, se ho interpretato correttamente, è come mai lui non mantenga rapporti con i figli di lei, per esempio. Io penso che a lui non gliene freghi niente e che non gliene fregasse niente nemmeno prima. La considerazione che la nuova compagna non gradisca è verosimile ed è pessima, se ci pensi. Vorrebbe dire che questa si permette di decidere che cosa il giovanotto fa o non fa. Inoltre non dimentichiamo che anche da parte di Elisa pensare che lui dovrebbe chiedere informazioni e mantenere legami con i suoi figli non suona autentico e genuino ma è una delle ennesime strumentalizzazioni di altri per altri fini.
      -18
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (31 Maggio 2019 10:41)

      Quindi i figli non devono creare un legame con un eventuale nuovo compagno, perché nel caso vada male, quello sparisce e chi s’è visto s’è visto. Quindi faccio bene a non far entrare nessuno in casa e a non presentare chi frequento ai figli. Le famiglie allargate del nord europa sono invece gruppi di persone patologiche che mantengono legami familiari anche dopo il divorzio. Una mia amica ha passato il Natale con la figlia, il padre della figlia, la nuova compagna di lui, e la sorella della figlia (più altri parenti). Hanno detto di aver fatto uno sforzo per ricostituire una famiglia piena per le bambine, ma in realtà sono persone torbide. Perdona ma a me pare una aspettativa più che sana, mentre insana è l’aspettativa che il passato debba essere sepolto. Io ho ottimi rapporti con due miei ex e relative famiglie. Naturalmente ci frequentiamo poco, non essendoci figli in comune, ma non abbiamo neanche sentito mai la necessità di chiudere i rapporti, perdendo amicizie, creando il partito degli amici di lei e degli amici di lui ecc. Ciascuna di noi è o sarà ex o nuova compagna. Basta mettersi d’accordo con se stesse su cosa ci si aspetta. Aggiungo anche che questa mentalità nasconde molto bene gli stronzi alla vista degli altri, perché viene normalizzato. E infatti, siccome è molto diffusa, proteggo me e i miei figli da queste inutili Beautiful e beghe familiari altrui, avendone avute già a sufficienza. Tanto non ci si possono aspettare rapporti umani ma solo “relazioni di coppia” possibilmente nucleare ed esclusiva. Purtroppo per me questa possibilità è andata.
      8
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (31 Maggio 2019 11:56)

      Ciao AnnaV, l'ho detto nel commento precedente che probabilmente non stiamo parlando della stessa cosa. E ora ne ho conferma. Qui si riduce tutto a una sola questione: stronzi o non stronzi. Cioè: persone mature, solide, equilibrate, responsabili opposte a persone profittatrici, immature, superficiali, confusionarie. Ora, matrimoni o non matrimoni, famiglie allargate o no (che cosa c'entra il Nord Europa?), vivere civile o no, mantenimento dei rapporti con l'ex o no, hanno a che fare con i singoli individui. Esattamente come quando non ci sono figli e famiglie di mezzo. Se uno (o una, per carità) è uno stronzo, lo era prima, lo è durante (anche se si finge di non vedere) e lo sarà dopo. Sono possibili rapporti civili con gli ex? Certo che lo sono. Nella mia stessa famiglia, come ormai in tutte credo, ci sono famiglie allargate in cui ex mariti ed ex mogli senza legami di sangue mantengono rapporti di solidarietà, amicizia, consulenza professionale etc con altri membri della famiglia "ex", magari senza che l'ex in questione venga nemmeno coinvolto. Il caso di Elisa, nella mia personale interpretazione è l'ennesimo caso di rapporto avventato con uno stronzo, affrontato in modo disfunzionale. Punto. Appurato che colui o colei che erano nella tua vita sono degli stronzi integrali, credi che valga la pena mantenere i rapporti con loro e farli mantenere ai propri figli (a quale scopo poi? Limpido?) quando non sono loro figli? Secondo me non sussistono dubbi. Che cosa c'entra in tutto ciò la filosofia delle famiglie allargate?
      -17
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (31 Maggio 2019 12:03)

      Detto in poche parole a tutte: finché non ci guardiamo dentro e poi allo specchio e ammettiamo, mettendo insieme tutta la nostra intelligenza e tutto il nostro buon senso: "Sì, sono stata con un pdm di dimensioni galattiche. Non ho voluto vedere. Mi ha ingannato. Mi sono lasciata ingannare. Ne avevo bisogno, etc etc etc, e ora ho capito, ammetto e riconosco che era un pdm galattico, chiudo e vado avanti, contando su me stessa, facendo tesoro di quel che ho imparato e giurando a me stessa, come Rossella O'Hara, che aveva giurato di non patire più la fame, di non avere più bisogno di uno stronzo e soprattutto di non avere bisogno di autoingannarmi per convincermi che sia un uomo degno. Questo mi rende più forte, più salda, più sicura, più femminile e più donna." Ecco finché non smetteremo di raccontarci un sacco di balle per sfuggire alle nostre responsabilità di donne, di esseri umani, di persone e non smetteremo di affidarci a un coglione qualunque solo perché è maschio dobbiamo essere consapevoli che stiamo creando un danno alla comunità, al genere femminile, all'umanità e soprattutto a noi stesse.
      -14
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (31 Maggio 2019 12:05)

      Infatti chiedevo (provocatoriamente) l’opinione delle pazdaran del pussa via la ex. Uno stronzo non lo frequenti no, ma lo stronzo è ben coperto e sostenuto dai valori delle stesse pazdaran. Perché quando l’ex è il loro, allora deve mantenere che so il rapporto coi figli. Ma quando l’ex è di qualcun altra, allora no, via, chiudere. Quali sono i valori a cui facciamo riferimento? Risposta libera, naturalmente, ma poi non si facciano due pesi e due misure
      23
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (31 Maggio 2019 12:15)

      AnnaV, ma certo che sono d'accordo sul discorso dei due pesi e delle due misure e abbi pazienza: mi fai perdere tempo su questo? Non a me. Sul rapporto con i figli (i figli di lui e di lei, dato che si parla alla pari, non quelli di un altro o altra), come sai la questione è spinosa, regolamentata da leggi e tribunali ( :D :D :D ) e non è tema di scelta unilaterale e non è in discussione in questo caso.
      -20
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (31 Maggio 2019 16:45)

      @Ilaria: chiedevo a te, ma in primo luogo alle commentatrici così convinte che non si debba incontrare una ex (o persino una amica donna). E mi riferivo ai figli non propri, come nel caso di Elisa (che ha la mia età circa). Se lui non fosse stato stronzo, e la storia fosse finita lo stesso, avrebbe potuto/dovuto mantenere i rapporti con questi figli non suoi anche in caso di nuova relazione? L'aspettativa di Elisa in generale è legittima o no?
      14
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (31 Maggio 2019 22:08)

      Le aspettative non sono mai legittime... Oppure tutte lo sono :). Ciascuno può mantenere i rapporti con chi vuole (a parte alcuni divieti di legge). Il fatto è che come poco autentico era il rapporto tra partner, ancora meno autentico era il rapporto con figli non propri. Tocca ribadire che un'autentica capacità di amare, disinteressata, è ben rara.
      -15
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 5 mesi fa (31 Maggio 2019 23:19)

      Già, molto rara. Io l’ho sperimentata (indirettamente) proprio ora con un mio caro amico che dopo diversi anni è stato lasciato dalla compagna, la quale ha una figlia (non avuta da lui e come “mamma single”). Oltre che per la fine della relazione, ha sofferto molto perché lei gli ha impedito di avere qualsiasi contatto anche con la bimba, con la quale aveva costruito un rapporto molto bello, praticamente genitoriale. Mi auguro trovino nuovi equilibri, specialmente per la bimba.
      8
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (1 Giugno 2019 0:32)

      @Ilaria: Anfatti
      3
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (31 Maggio 2019 22:30)

      AnnaV, per me la questione "amiche donne" è sempre ad alto rischio, non posso farci niente. Ebbene sì, sono io quella misogina, lo ammetto! 😂
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (31 Maggio 2019 22:46)

      Sì, misogina, ma non hai neanche grande considerazione degli uomini.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (1 Giugno 2019 8:03)

      E aggiungerei che non ho neanche grandi considerazioni di me stessa, così il quadro è completo. 😂
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Doris

      Doris 5 mesi fa (31 Maggio 2019 10:52)

      Questo è un punto interessante. Ed anche ambiguo... Molte volte mantenere interessamento verso le persone che circondano l'ex è solo usarle come strumenti per cercare di avere ancora il controllo sulle sue azioni. E desiderare che chi ci ha lasciato resti nella nostra bolla frequentando chi ci è vicino, idem. Mi è capitato che un ex lo abbia fatto. Poi quando, a proprio comodo, si è trovato altri interessi, ha smesso di punto in bianco di essere presente con persone che, nel frattempo, erano (credevano di essere) diventate importanti per lui, dati i grandi atti di generosità che avevano ricevuto come merce di scambio x le loro informazioni. Grande delusione generale...
      -13
      Rispondi a Doris Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (31 Maggio 2019 11:59)

      Ma se io devo aspettarmi che un uomo che frequento non frequenti la sua ex, non devo neanche aspettarmi che un mio ex frequenti me e i miei figli (non suoi, intendo), e posso chiedere al mio nuovo compagno di non frequentare le sue ex. Cioè se vale, se questa è la regola, vale qualunque sia la parte che tocca noi. Non c’entra niente essere stronzi/e, interessati/e, narcisisti/e o superficiali. Questo è quel che è giusto e normale, no? Allora non fa problema e non significa nulla. Non possiamo usare due pesi e due misure, questo intendo.
      24
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 5 mesi fa (31 Maggio 2019 11:40)

      Non mi addentro sul perché lui non si informi sui figli di Elisa, anche se questo è un argomento che ho sentito spesso anche a casa mia e mi è sempre suonato un po' 'storto', ad dir la verità. Comunque, nella maggior parte dei casi (laddove non vi siano, appunto, figli, proprietà o altre questioni importanti in comune), da quando seguo il blog ho fatto mia l'idea che l'ex sia appunto un ex. Quindi, finita una storia, finisce anche il legame che ci unisce. Questo mi ha fatto soffrire, in vari casi, ma sempre meno che mantenere rapporti di qualsiasi genere nella - eventuale, remotissima - possibilità che comunque si potesse rimanere amici o qualcosa del genere. Per me, meglio chiudere un portone (laddove si possa), 'ché è molto più probabile che se ne aprano altri.
      -10
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  7. Avatar di Carla

    Carla 5 mesi fa (3 Giugno 2019 12:39)

    A prescindere dalla tipologia, non ho capito se dobbiamo cercarlo o lasciare andare le cose... così come devono andare...
    5
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

  8. Avatar di Monica

    Monica 4 mesi fa (7 Luglio 2019 0:13)

    Ci siamo frequentati per 3 anni,bellissimi. Lui non mi ha mai promesso nulla ma a parer mio e di tutti gli altri noi eravamo una vera coppia. Da quando si e trasferito per lavoro ci sentiamo spesso,sono belle telefonate e bei messaggi ma lui non si sbilancia mai,continua a fare come nei 3 anni di frequentazione,e sono quasi sempre io a cercarlo per prima ...sono confusa,dentro di me so che mi ama,anche se non me lha mai detto. Sono patetica? Aspetto un fantasma?
    0
    Rispondi a Monica Commenta l’articolo

  9. Avatar di Emilia

    Emilia 1 anno fa (29 Luglio 2018 22:59)

    11. È stato risucchiato da un tombino e ha piacevolmente scoperto che la fogna è il suo habitat naturale, il luogo in cui trascorrere il resto dei suoi giorni.
    -24
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di A

      A 1 anno fa (11 Novembre 2018 12:05)

      Brillante Emilia!
      -9
      Rispondi a A Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 1 anno fa (11 Novembre 2018 14:58)

      Grazie A! Buona domenica :)
      -6
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Angy

      Angy 7 mesi fa (5 Aprile 2019 0:10)

      Ahahahahahahaha. Certo che davvero una nella vita deve sempre sentire un sacco di fregnacce
      -8
      Rispondi a Angy Commenta l’articolo

    • Avatar di Elisa

      Elisa 3 mesi fa (5 Agosto 2019 0:12)

      Buonasera! Ho bisogno di un parere: ho conosciuto un ragazzo tre settimane fa, che sembrava interessato. La situazione è un po' complicata da spiegare, ma cerco di farla il più breve possibile: Il ragazzo in questione lo chiamerò F. Ci siamo conosciuti ad una festa di compleanno devo dire abbastanza noiosa. Lui è arrivato quasi verso la fine, ma ci siamo ritrovati a parlare io, lui e un'altra mia amica. Il principale argomento di conversazione è stato un ragazzo (che chiamerò A.) che l'anno scorso, sempre a questa festa, ha tentato un approccio e il giorno dopo mi ha scritto chiedendomi di uscire. Io ho rifiutato, non in maniera diretta, ma cercando scuse per non uscirci perché non mi piaceva e perché avevo scoperto che aveva usato questa tattica con un'altra ragazza l'anno prima (e chissà con quante altre). Ovviamente abbiamo parlato anche d'altro con F e la mia amica e mentre parlavamo io honnotato che mi guardava, ma siccome per me il fatto che un ragazzo mi guarda non lo considero un chissà quale segnale, non gli avevo dato peso. Tornata a casa la mia amica crea un gruppo whatsapp con me e questo ragazzo e la conversazione si è basata principalmente sulla situazione che si era creata l'anno scorso con A. F. continuava a dirmi che secondo lui avrei dovuto uscire con A. l'anno scorso anche solo in gruppo e, insieme alla mia amica, mi ha detto che ho sbagliato a non essere chiara subito con lui e che forse sarebbe stato meglio dirgli subito che a me lui non piaceva (e su questo penso avessero ragione, anche perché poi A. aveva anche un po' insistito convinto che io sarei uscita con lui). Io, però, ripetevo che non volevo ferirlo, che comunque se ci fossi uscita in gruppo e lui aveva intenzioni che io non avevo sarebbe stato imbarazzante e ho detto anche che A. non mi piaceva a pelle, perché io alle persone faccio la "radiografia", le osservo e se non mi convincono a primo impatto difficilmente cambio idea, e per questo non mi sono sentita nemmeno di dargli una possibilità. F., dopo questa mia ultima affermazione, ha voluto sapere cosa io avessi pensato di lui quella sera, cioé che impressione mi avesse fatto a primo impatto e io gli ho detto che mi sembrava un bravo ragazzo, ecc. ecc. Poi, a un certo punto, questa mia amica (che sembrava un po' provarci con lui) ha inserito nel gruppo un ragazzo che voleva provarci con me e che voleva sapere se io "fossi gnocca". La cosa, sinceramente, mi ha dato un po' fastidio perché lei sa ben o male come sono e sa che queste cose mi infastidiscono. Io allora ho risposto: "Mi spiace ma se pensa che io sia gnocca devo deluderlo" ed F. ha risposto che però non sono una brutta ragazza. Per farla breve, qualche giorno dopo io ho scritto a F., visto che speravo lo facesse lui, e dopo qualche giorno che parlavamo lui mi ha invitata a uscire in gruppo, con questa mia amica ed altri, per giocare a casa sua alla playstation. Quel giorno io avevo avuto un'esame ed avevo passato la giornata in un'università, ero stanca, e non avevo nemmeno tanta voglia, ma sono andata lo stesso perché comunque volevo vederlo e speravo di parlare un po' di più con lui. Beh, quando sono arrivata lí mi sentivo di troppo perché la mia amica stava praticamente appiccicata a lui, e gli altri due (un ragazzo, nonché migliore amico di F. e una ragazza) si erano messi a parlare tra di loro, quindi io mi sono ritrovata in un angolo e sono rimasta a guardare il cellulare per quasi tutto il tempo. Ogni volta che F. cercava di avvicinarsi a me e di coinvolgermi a giocare con la play, la mia amica lo chiamava e trovava scuse per allontanarlo da me. Inoltre, quando lui si stava sedendo vicino a me lei ha fatto in modo che lui non lo facesse e infatti poi si è spostato da un'altra parte. Quella sera lui mi ha scritto dicendogli che gli è dispiaciuto perché gli è sembrato che io mi fossi divertita poco e io gli ho detto che ero solo stanca per l'esame e che ero andata lo stesso perché comunque mi faceva piacere e lui mi ha risposto che anche a lui aveva fatto piacere vedere me, la mi amica e l'altra ragazza) Alla fine la conversazione si è chiusa in maniera fredda, come se lui volesse chiudere lí la cosa infatti non mi ha più scritto. Ora, io sono tentata di scrivergli, ma non sono del tutto convinta perché: 1- sono passate due settimane dall'ultima volta che ci siamo sentiti. 2- credo che se lui fosse stato veramente interessato mi avrebbe scritto 3- non mi va di rincorrere nessuno e penso che se lui voglia cercarmi lo può fare benissimo. Ah! una cosa che mi son dimenticata di aggiungere è che lui, la sera in cui ci siamo conosciuti, mi ha detto che è timido (lo sono anche io), ma cerca in tutti i modi di affrontare la timidezza. Potrebbe essere una giustificazione al fatto che non mi abbia più scritto, ma non so se considerarlo un motivo valido. Inoltre, io ammetto di aver dato l'impressione di essere una non molto facile, anzi forse troppo complicata, una dal "rifiuto facile" (cosa che in realtà non sono) ed una che ad aprirsi ci mette parecchio (cosa che sono davvero). Secondo lei, a quale categoria di quelle citate sopra, appartiene il soggetto in questione? Quale potrebbe essere il motivo per cui non mi ha più cercata? E secondo lei, avrei dovuto cercarlo io qualche giorno dopo la nostra ultima conversazione o ho fatto bene a credere che dovesse farlo lui? Devo lasciar perdere la cosa, vero?
      1
      Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Elisa

      Elisa 3 mesi fa (5 Agosto 2019 8:05)

      Correggo l'errore di battitura: *ho notato
      0
      Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (5 Agosto 2019 18:34)

      Ciao Elisa, ma è davvero tanto importante tutto questo? Che cosa ti dà questo tipo? E sì, quelli che vogliono stare con te, amici, parenti, aspiranti partner e partner, ti cercano.
      -8
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  10. Avatar di Luigina

    Luigina 2 mesi fa (4 Settembre 2019 8:12)

    Quasi 3mesi di frequentazione cene fuori, pochi SMS quasi nulla solo qualche chiamata. Molto presente nei momenti insieme, fantasma una volta fuori da casa sua. Decido di parlargli l 8agosto non volevo piú continuare, aspettando che mi chiamasse a suo piacimento. Vado da lui, facciamo l amore, subito dopo gli dico che non mi piacciono le situazioni che si trascinano, che il grigio per me nei rapporti non esiste e che prima di superare il mio limite preferivo non vederlo piú. Resta spiazzato. Vado via da quel giorno non l ho piú sentito e visto. Credo di aver fatto la scelta giusta.
    -9
    Rispondi a Luigina Commenta l’articolo

  11. Avatar di Angela

    Angela 4 settimane fa (13 Ottobre 2019 10:24)

    Il problema vero (mio) non è che un uomo smetta di cercarmi, ma come sostituirlo. Di solito passano anni tra un incontro e un altro, perché non mi capita di conoscere tutte le settimane un uomo che mi piace, mi attrae, mi intriga (e mi corrisponda) al punto da iniziare una relazione... Invece, vedo persone sfidanzarsi e rifidanzarsi con facilità (beate loro!)
    0
    Rispondi a Angela Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 4 settimane fa (13 Ottobre 2019 11:19)

      Ciao Angela. Scusami, non offenderti ma ma la parola “sostituire” è davvero bruttina. Pensa se qualcuno la usasse per te. Ti farebbe piacere? Se tu fossi la sostituta di una donna oppure se una donna fosse la tua sostituta: come la vedresti? Una tazza rotta si sostituisce, una gomma, un computer. Le relazioni dovrebbero riguardare soggetti e non oggetti...al di là della frequenza con la quale accadono.
      0
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (13 Ottobre 2019 12:31)

      La beatitudine dove starebbe, Angela? Secondo me quando abbiamo certe convinzioni e sensazioni profonde sarebbe utile comprenderle: nella pratica la fortuna vera di queste persone dove starebbe?
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 4 settimane fa (13 Ottobre 2019 17:16)

      A riguardo leggevo un trafiletto su u a testata giornalistica pochi giorni fa. Una famosa cantante (ma tanto per citarne una, si potrebbero fare altre mille esempi simili) dopo un matrimonio lampo, ha iniziato a frequentare uomini e donne uno di seguito all altro. La spiegazione che accompagnava di volta in volta queste frequentazioni era più o meno questa: la tal cantante sta recuperando dal dolore del divorzio tra le braccia di tizio, Caio o sempronia che sicuramente con il suo amore la aiuterà a credere di nuovo nella coppia e a volersi bene. E tutti i giorni un messaggio del genere passa tra le righe di un blog, sul giornale di un parrucchiere, alla radio e negli spogliatoi di una palestra. Di fermarsi, interrogarsi, comprendere nel profondo cosa sia successo neanche a parlarne. Per carità!
      -2
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

  12. Avatar di A

    A 7 mesi fa (14 Aprile 2019 21:47)

    5,8,9,10. Questa è la mia esperienza. La paura fa 90, domani ce li giochiamo al lotto.
    0
    Rispondi a A Commenta l’articolo

    • Avatar di SilviaII

      SilviaII 4 settimane fa (15 Ottobre 2019 12:20)

      Ciao Ilaria,be come sempre i tuoi articoli cadono sempre a fagiolo.nn so che tipo di uomo abbia incontrato io ,parlo dell ultimo,un medico 57enne presentatomi da un amico comune che me ne aveva parlato bene,uno che avrebbedovuto essere serio e invece ho trovato una persona tutt altro che affidabile,fosse solonper il fatto di essere auto centrato ,di badare solo ai suoi bisogni,a cio che gli arreca piacere,senza mai chiedere nulla della sottoscritta,tanto che arriva a dire solo dopo due incontri,direi di poche ore ,tu nn mi intrighi,nn mi prendi di testa senza peraltro mai avere condiviso xoj me momenti o situazioni prolungate nel tempo che potessero dare adito appunto a momenti xhe scaturissero momenti più intimi,si perche ,a mio avviso,è di ciò che si tratta..lui vorrebbe una donna che gli si buttasse letteralmente addosso....siccome io sono per il condividere ,mi piacerebbe dare e avere,magari nn quanto possa dare io o lui nella medesima percentuale ma l altro ,in qualche modo deve pur esserci.mi piacerebbe sapere cosa pensi.tu in merito,perche sono proprio delusa...nn trovo proprio alcun uomo che abbia voglia di condividere al di là della semplice avventura ,perché probabilmente loro hanno già dato ,reduci xa matrimoni falliti.grazie per attenzione. Silvia
      4
      Rispondi a SilviaII Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (15 Ottobre 2019 12:34)

      Ciao SilviaII, mi domando che cosa ti addolora tanto nel fatto che con un uomo non abbia funzionato dopo solo due incontri. Non credo sia possibile invaghirsi di una persona - che poi non mi sembra sia e abbia fatto nulla di speciale - dopo due soli incontri. Non è che ti eri creata delle aspettative? Le aspettative sono le madri delle fregature e crearsi delle aspettative su degli estranei non è realistico, non è un comportamento adulto. Inoltre costui si è mostrato una persona o un po' problematica o per lo meno cafona, ma in modo patologico. Come si fa a dire a una persona che si è incontrata solo due volte: "Tu non mi intrighi, tu non mi prendi di testa"? No, davvero? E tu sei rimasta anche lì ad ascoltare questi complimenti a te rivolti da un estraneo? Non avevi di meglio da fare? Quanto al fatto che loro hanno già dato, francamente non capisco il discorso. Se hanno già dato, si chiudano in casa e si diano al bricolage invece di fare i corteggiatori di serie C a tempo perso. Ma poi, accidenti, che cosa avrebbero dato, i nostri eroi? Io credo non abbiano mai dato e non siano capaci di dare. Non per niente sono dei falliti e lo si capisce dalla vita che conducono e dagli atteggiamenti che hanno. La domanda è: perché continuare a frequentare e a dare corda a sfigati? Basta. Capiamo che sono sfigati e lasciamoli alla loro sfiga.
      -9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 4 settimane fa (15 Ottobre 2019 13:30)

      Come si fa, ma soprattutto “perché”? A che scopo dire “tu non mi prendi di testa”? Avevi per caso chiesto la sua opinione? (Domanda retorica) Francamente è meglio non invitarti più a uscire (diciamo sparire) e basta.
      -4
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (15 Ottobre 2019 13:40)

      C'hanno problemi con se stessi. Gravi. Seri. Problemoni. Se la sbrighino da soli.
      -9
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 settimane fa (15 Ottobre 2019 13:54)

      E bisogna chiedersi: "Che cosa mi fa stare qui ad ascoltare questo imbecille maleducato che mi insulta invece di starmene a occuparmi di me e della mia vita?!" Perché loro sono degli imbecilli maleducati, ma chi li ascolta, perché lo fa?
      -6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 4 settimane fa (15 Ottobre 2019 14:39)

      infatti tempo buttato!!! Ma vedrai Silvia che la prossima volta avrài meno aspettative e non andrà così
      0
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 4 settimane fa (15 Ottobre 2019 14:56)

      Ciao AnnaV , me lo chiedo anch'io. L'atteggiamento giusto sarebbe appunto spararire o congedarsi educatamente. Mah
      -2
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 4 settimane fa (15 Ottobre 2019 14:36)

      RISPOSTA STUPENDA!Anzi perfetta. Senza parole!Un 57 enne...con davvero molta delicatezza, raffinato, di grande empatia!!! Ma nemmeno un analfabeta avrebbe avuto un simile tatto!!! Lasciamolo alle oche che gli salteranno addosso :)
      -1
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 4 settimane fa (16 Ottobre 2019 0:22)

      Mi sono immaginata questo tizio come una sorta di pacco postale che bom, ti piazzano là e ti dicono: ma guarda un po' che pezzo da 90 ti faccio conoscere!!! Pure medico pensa! (come se la professione sia sinonimo di chissà cosa). Ed una cosa dovrebbe fare? Ringraziare con gli occhi gonfi perché un uomo ci ha fatto la grazia di rivolgere il suo sguardo su di noi? E poi aspettare il suo pollice verso o pollice in su, dato ad occhio e croce dopo un occhiata in superficie? Ma veramente sta storia del non mi hai preso di testa dovrebbe diventare ma ringrazia che non ti ho preso a testate, altroché. Che bassa lega, che miseria. Oltre, altro,per favore.
      -5
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo