Foto del pene: lui che cosa ti vuole dire quando te le invia?

foto del peneOggi affrontiamo un argomento spinoso. Anzi, più che spinoso, penoso (battutona!). E importante, perché ci permette di capire molto di relazioni e di psicologia maschile (magari di quella un po’ disturbata, che bisogna saggiamente e utilmente saper riconoscere per evitarla accuratamente). Ebbene, ci occupiamo dell’abitudine sempre più diffusa che pseudocorteggiatori improvvisati e un po’ eccentrici (forse) hanno di inviare foto del pene, del loro proprio pene, presumibilmente, attraverso vari strumenti tecnologici (più spesso smartphone) a donne che hanno appena conosciuto o chd conoscono da poco.

Comportamento disturbato e disturbante – soprattutto – che merita qualche riflessione, così una smette di interrogarsi e se del caso di sentirsi in colpa. E ha una visione più consapevole e approfondita dei comportamenti altrui, delle dinamiche delle relazioni.

"È un gran sollievo non essere costretti a manifestare doti che non si posseggono.
Agatha Christie"

Intanto inquadriamo il fenomeno. Di norma succede questo: donne grosso modo di tutte le età, in contesti sociali consueti e abituali, cioè “normali”, incontrano, come è naturale e ovvio, uomini che si mostrano, in via iniziale e superficiale, interessati a loro. Dopo alcuni scambi di rito succede che lui chiede a lei il numero di cellulare e lei, come di frequente e senza particolari clamori accade, glielo dia. E che c’è di strano? A distanza di brevissimo tempo, magari anche solo di poche ore, viene recapitato il grazioso omaggio. Il gentiluomo in questione invia un proprio autoritratto, spesso però limitandosi a un particolare. Invia la foto del pene. Wow! Queste sì che sono gradite sorprese, riconoscimenti imperdibili, perbacco. Attestati di stima e di interesse dei quali essere davvero orgogliosa. “Mai più senza”, come si diceva una volta.

Foto del pene: ma perché?!

Sulle modalità e dinamiche dell’invio possono esserci alcune varianti che non incidono sulla sostanza dell’interpretazione del comportamento. Magari la preziosa immagine viene inviata non proprio nell’immediato, ma solo dopo il primo appuntamento o la prima uscita insieme. Si tratta, si badi bene, di un invio a sorpresa, inaspettato e soprattutto non richiesto, né esplicitamente, né implicitamente. Non solllecitato in alcun modo (e qui, anticipiamolo, stiamo parlando di abuso e di violenza, in senso proprio, eh, anche se non sembrerebbe, perché “si tratta solo di una foto, che vuoi che sia?”). L’immagine, di norma non è corredata da didascalie e informazioni aggiuntive. La foto del pene dovrebbe dire tutto, anche se spesso lascia senza parole e non per l’entusiasmo e l’eccitazione. Già. Nell’interpretazione e negli intenti del mittente l’immagine del suo personale battacchio dovrebbe dire tutto, spiegare tutto e toccare le corde più profonde della sensibilità della ricevente (cosa questa in effetti non così lontana dal vero, ma in senso profondamente diverso).

Un po’ come certe spettacolari e ineffabili opere d’arte che colpiscono l’anima e il cuore di chi le contempla senza bisogno di parole, di spiegazioni, di razionalizzazioni. Ecco. Il suo pene. Meraviglia delle meraviglie. Come il sorriso della Monna Lisa o La Creazione nella Cappella Sistina.

"Siamo una specie in via d’ostentazione. oppyum, Twitter"

Bisogna tenere presente che c‘è una variante ancora più stupefacente della singolare spedizione dopo una prima conoscenza e dopo la richiesta del numero di telefono: l’asettico invio attraverso la chat di Facebook. Un signore chiede l’amicizia su Facebook a una signora e dopo pochi minuti eccotti recapitata l’immagine, la foto del pene.

Molto bene. Probabile che tu non abbia mai ricevuto comunicazioni tanto eleganti. Meglio per te, si vede che nella tua vita hai incontrato solo uomini al di sopra di un sufficiente quoziente intellettivo ed evolutivo. Sii orogogliosa di questo fatto e procedi a selezionare, sempre secondo standard più alti, senza sconti. Se invece hai collezionato una serie infinita di foto del pene, non fartene una colpa. Gli idioti sono una tipologia sempre più diffusa, che si mimetizza facilmente ma che altrettanto facilmente si può smascherare.

Priapo a PompeiTi garantisco che il fenomeno dell’invio delle “dick pic” come dicono in inglese (“dick” è il modo confidenziale con il quale si definisce il battacchio, pic sta per “picture”, immagine) è in grande espansione in tutto il fantastico e modernissimo mondo occidentale. Tu pensa che una giovane artista americana, Whitney Bell, si ha conservato ogni foto di pene ricevuta e ha deciso addirittura di incorniciare e appendersi in casa le opere della sua preziosa collezione, nonché di farci una mostra d’arte. Vedi come si può volgere in positivo una situazione negativa?

Quindi tranquilla, il fenomeno delle foto del pene è un male comune. Solo che in particolare in Italia le donne, per comprensibile imbarazzo, non dichiarano apertamente di essere le riceventi di tali raffinati messaggi d’amore. Ma se si affronta il tema in modo esplicito, la verità viene a galla. Attraverso la pagina Facebook di La Persona Giusta per Te ho chiesto l’opinione delle lettrici e in molte in effetti hanno dichiarato con ovvio disgusto di aver vissuto l’irripetibile esperienza di vedersi recapitare l’immagine in primo piano dell’area genitale di uno semisconosciuto. Meraviglioso. Ora, come mai accade tutto ciò?

"Il vero esibizionismo consiste nel mostrare ciò che non si possiede. Stanislaw Jerzy Lec "

Beh, molto è imputabile ai prodigiosi progressi della tecnologia che tanti indiscutibili vantaggi sta apportando alla nostra vita di relazione. E che molti quaraquaquà vigliacchi e codardi usano per dare libero sfogo alle proprie perversioni da monolocale. Prima dell’avvento di telefonini e smartphone il simpatico esibizionista digitale avrebbe dovuto fare una foto al proprio aggeggio, mandarla a sviluppare, giustificarsi in qualche modo con l’incaricato allo sviluppo (ti immagini?) ritirare il corpo del reato, infilarlo in una busta e inviarlo al recapito dell’amata via posta. Te la vedi una cosa del genere? Troppa fatica e, soprattutto, un rischio esagerato di essere scoperti a commettere atti impuri. La tecnologia è molto più pratica e sembra garantire una maggiore copertura… In questo come in molti altri frangenti.

In un mondo in cui tutti i vigliacchi e gli sfigati che odiano e sono terrorizzati dagli altri e dalle donne in particolare e che da dietro lo schermo di un PC o di uno smartphone, trovano il coraggio di insultare chiunque, dal cittadino comune, al politico in vista per sfogare la loro frustrazione oppure si sentono tanto in forze da broccolare goffamente con donne di ogni, età che ci vuole che nel privato della loro stanza da bagno, pensando a qualche immagine porno, avvantaggiati dalla facilità d’uso e dall’immediatezza dei dispositivi oggi giorno in circolazione si fotografino il loro coso e facciano un rapido invio, magari multiplo già che ci sono?….

Il discorsone potrebbe anche finire qui, per carità, con l’oggetiva considerazione che questi sottosviluppati mentali non sono uomini da frequentare. E che mai ci vuoi cavare da questi? Una relazione all’insegna della profonda connessione emotiva e anche sessuale? Naaah, impossibile…

Il fatto è che dalla comprensione di certi fenomeni che originano dai bassifondi dell’istinto e della mente degli esseri umani si possono trovare chiavi di lettura interessanti da utilizzare nella nostra vita quotidiana per la nostra comprensione dell’esistenza, del mondo e degli altri, per la nostra crescita personale. Per imparare a proteggerci e a stare bene e a stare solo con chi davvero vale la pena…

Breve esplorazione della mente maschile

Intanto inseriamo nel contesto: per gli uomini di ogni origine e di ogni latitudine il pene è qualcosa di molto importante. Questa non la sapevi, eh? Non solo è il centro del piacere e l’organo che distingue esteriormente e senza ombra di dubbio un uomo da una donna, ma è il simbolo della sessualità maschile, della potenza virile. Ammappa

Piazza del Quirinale RomaA livello di miti, di convinzioni, di simbologia intorno al pene c’è un universo immenso. E anche questo lo sapevi già.

Gli uomini – soprattutto quelli che non hanno niente di più dalla vita e che si sentono tremendamente insicuri – pensano che tra le loro gambe ci sia qualcosa di una preziosità unica e irripetibile. Anche il più sfigato è convinto che non ci sia tanta sfiga sufficiente che il possesso del pene non possa riscattare. La psicanalisi con Freud si è inventata l’invidia del pene, quella cioè di una donna mancante del battacchio e per questo sempre frustrata e irrimediabilmente invidiosa del genere maschile perché in possesso dello strumento in questione. Credo che invece si dovrebbe parlare di “gelosia del pene”, cioè del sentimento di attaccamento incredibile degli uomini verso ciò che hanno in mezzo alle gambe.

Avventura o amore vero? Scopri se la relazione che stai vivendo è una storiella temporanea o è destinata a durare nel tempo...

"Se le persone sentono il bisogno di dirti quanto successo hanno, non sono affatto persone di successo. Jon Bon Jovi"

Tempo fa i giornali (soprattutto quelli italiani, ma non solo) diedero un certo rilievo alla vicenda che il capo del governo di un paese europeo del Mediterraneo fosse uso a offrire cene eleganti a un gruppo sceltissimo di gentiluomini e di giovani leggiadre gentildonne. Durante queste cene eleganti elegantemente veniva offerta l’opportunità alle convenute di ammirare, toccare e manifestare il proprio rispetto a una statua di Priapo, cioè a un pene gigante nella sostanza.

Ecco, per dire.

Sappiamo anche che da sempre torri, torrioni, obelischi, campanili, cupole, minareti, grattacieli, fucili, cannoni, pistole, siluri, coltelli, mitra, missili, bombe, ma anche macchinone, motociclettone, SUV etc etc, esercitano un’enorme fascinazione su uomini e donne anche perché ritenuti, come si dice in modo colto, simboli fallici. Per molti compensazioni di insicurezze profonde e impossibili da superare. Un po’ come compensazione di frustrazioni e insicurezze profonde è l’invio della foto del pene, ohibò…

Appunto: che cosa mi dice di un uomo il fatto che lui invii foto del pene a una donna che non ne ha sollecitato minimamente l’invio?

Come interpretare certi comportamenti “spiazzanti”

Se ti trovi a ricevere immagini “strane” e non richieste da qualche corteggiatore fin troppo intraprendete considera diverse possibilità

1) E’ una persona che non sa stare al mondo, non conosce le elementari nozioni del vivere civile e del rispetto dell’altro, non rispetta nessuno non rispetta te, soprattutto, magari perché ha una considerazione molto bassa delle donne, è un cafone a livello sottozero dello stadio evolutivo: no, davvero, se pensa che in qualche modo l’invio della foto del suo pene sia gradita, c’è da interrogarsi sul serio su che cosa gli passi per la testa. Che cosa contiene la sua scatola cranica?

Certo potrebbe inviare quel genere di immagini per creare uno shock, sorprendere, provocare: in ogni caso, davvero, che cosa ha nella testa?

Oppure potrebbe essere motivato da quella che si chiama “empatia al contrario”: siccome probabilmente gradirebbe ricevere immagini di corpi femminili nudi (forse anche qualche dettaglio in bel primo piano del tuo) ritiene valido il presupposto che tu non stia nelle pelle all’idea di ammirare il suo organo come mamma l’ha fatto.

Trai le tue conclusioni, perbacco.

uomini e suv

2) Si eccita all’idea di provocarti. Bel modo di eccitarsi, fantastica motivazione. Magari dietro questo genere di eccitazione si nasconde, oltre che qualche piccola perversione, un’insicurezza di base riguardo la sua potenza sessuale, che ha bisogno di sentire confermata.

3) Si eccita e basta. Urca. Un uomo da non lasciarsi scappare proprio.

4) Non va tanto per il sottile e sta solo facendoti un test, veloce, dato che lui ha un solo obiettivo e non ha tempo da perdere: date vuole sesso, magari molto alternativo, magari solo virtuale, magari chissà… Il gioco è fatto, se tu ci stai può usarti a suo piacimento per soddisfare le sue voglie.

5) E’ semplicemente (si fa per dire) affetto da esibizionismo sessuale, una perversione in piena regola.

6) Probabilmente raggruppa in sé tutti i 5 aspetti precedenti. Stanne alla larga (almeno che tu sia molto ma molto masochista).

In ogni caso tieni presente che si tratta di una persona non solo maleducata e disturbata ma molto abusiva, che ti sta facendo violenza.

Lasciami i tuoi commenti con le tue opinioni su coloro ti inviano le foto del pene

Lascia un Commento!

231 Commenti

  1. Avatar di D

    D 2 mesi fa (29 Marzo 2020 12:03)

    Non carica le risposte, fa andare all'inizio dell'articolo, è un problema mio ? Mi interessava molto la tua risposta... grazie
    Rispondi a D Commenta l’articolo

  2. Avatar di D

    D 2 mesi fa (29 Marzo 2020 11:35)

    Ciao Ilaria, nn ho parole, hai ragione quando dici che certi soggetti non cambiano, forse complice la quarantena, ti scrive dopo secoli di non Contatto chiedendo come sto etc etc ..finisce lì ..dopo due giorni tac, invia una foto di lui nudo mentre prende il sole... chiaramente ripreso lì, come se fosse un bel vedere. Non ho parole. Ho cancellato subito ma cosa fare in questi casi, non dire niente, dire qualcosa o bloccare senza dire niente? Grazie
    Rispondi a D Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (29 Marzo 2020 11:53)

      Bloccare senza dire niente. Se proprio volete un contatto, dite che denunciate per stalking.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (29 Marzo 2020 12:08)

      Che tristezza 😔 davvero, se in ognuno di noi albergava un piccolo dubbio su come è una persona ecco ben venga la quarantena e la primavera. Pulizia tanta pulizia ci permette di fare.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 13:21)

      Ciao D, non ho parole davvero. Ti ha riagganciata con la scusa del come stai, e compagnia, e poi taac. E il bello è che questi soggetti credono davvero di esser graditi, di stupire in positivo. Figurati, a me ieri sera ha riscritto un ragazzo che avevo conosciuto mesi fa a un compleanno, con cui mi ero sentita qualche giorno e poi avevo troncato perchè dalle battute lascive e immagini che mi inviava (non foto sue, ma immagini di pagine social) ho capito che voleva solo portarmi a letto e stop. Mi ha riscritto dicendo "scusa se non ti chiamo tesoro, ma nella mia mente è come se lo facessi". Che vuoi farci, la quarantena e la noia, che a parer mio in tali soggetti è già di norma a livelli esponenziali, gioca a costoro brutti scherzi. Ma vedi il lato positivo: questa quarantena sta mostrando l'essenza delle persone che ti circondano, osservare come si comportano e come reagiscono può essere criterio di selezione secondo me.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (29 Marzo 2020 16:03)

      Ciao Cristina, verissimo quello che dici. Il problema è che a furia di selezionare non resta nessuno.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 16:20)

      Ciao Vic, si capisco che applicando filtri inevitabilmente si ha meno persone nella propria vita. Per forza di cose. C'è anche da dire però che gente così come questi soggetti è meglio non averla...
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (29 Marzo 2020 16:45)

      @Cristina Già, come diceva la grande Anna Marchesini: "Manco pe' la coratella so boni questi!" :) Il problema è che rischi di stare molto tempo da sola, senza le emozioni che solo l'innamoramento prima e l'amore poi sanno dare. Mi mancano quelle emozioni. Buffo parlare di emozioni sotto all'articolo "Foto del pene" XDDD
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (29 Marzo 2020 17:06)

      @Vic, pure quelle sono ere... ehm, scusate, emozioni! 😅🤣
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 17:08)

      Vic non conoscevo la citazione, ma rende moolto bene l'idea, quindi da adesso ve la "ruberò"! Si rischia di stare per certo tempo soli, vero. Secondo me bisognerebbe tipo stabilire un gesto che ridia immediatamente autostima per non cadere nella trappola di queste persone: non so, una passeggiata, un trucco elaborato, un film da vedere, una sessione di allenamento (io spesso quando sono giù di morale mi alleno e alla fine mi sento molto più energica e sicura di me) per non cadere in tentazione. Però capisco bene che è facile a darsi e meno a farsi, soprattutto quando questa sensazione di solitudine accompagna da parecchio tempo. Lì l'unica che può salvarti secondo me è la razionalità: se all'inizio si tocca il cielo con un dito con questi soggetti, poi si rimane con l'amaro in bocca. E quel brio iniziale non so se poi alla fin fine riesca a compensare tutto l'amaro che ti resta... Quindi l'unica cosa è riflettere a quanto il gioco, se tale possiam chiamarlo, valga la candela.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 17:10)

      Oltretutto Vic, anche quelle che cercano tali soggetti sono emozioni: sentirsi ammirati e apprezzati, evidentemente hanno solo questa modalità... Insomma, così possono sentirsi Rocco per un giorno! Ahah
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (29 Marzo 2020 16:50)

      Ciao Cristina, Molto meglio soli anche se a volte pesa. Io mi sono divertito parecchio a testare la bontà di chi riappare. Davvero molto meglio soli che male accompagnati. Soprattutto quando chi ti vuole accompagnare ha tatuato in fronte Fake.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (29 Marzo 2020 17:01)

      Non resta nessuno è vero Vic. Ho tentato di rifarmi un giro di amicizie anche maschili. Uno che sulle prime mi pareva adeguato, beve di brutto. Per carità ognuno reagisce a proprio modo alle difficoltà. Però non mi va di avere un amico che beve non fa per me. Posso considerarlo un conoscente nulla di più. Solo solo sto meglio.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

  3. Avatar di alessia

    alessia 2 mesi fa (29 Marzo 2020 16:28)

    ciao Ilaria! devo dire che a me è stato ben diverso. incominciamo dal. presupposto che lui volva una frequentazione da 2 anni, che per me sarebbe anche andata bene se non fosse che dopo il 3 giorno che ci frequentavamo, voleva già avere rapporti sessuali, io da stupida quale sono ho acconsentito, non siamo mai andati fino in fondo ma preliminari e cose del genere sì. i primi mesi sembrava andare bene, lui non mi trattava benissimo, ma era carino con me. dopo ciò ha incominciato ad essere sempre più sgorbutico, non volendo mai parlare della nostra relazione e ad ogni cosa sbagliata incominciava a sbuffare e a dare la colpa a me. io non ho mai interferito tanto nella sua vita privata poiché gli dava molto fastidio, ma appena interagivo con lui su altri social che non fossero per messaggistica, incominciava a dire che io ero oppressiva e pesante. le cose fra me e lui dopo 1 anno sono andate diciamo non bene ma nemmeno male, anche se sonk venuta a scoprire che mi tradiva da 1 anno, ed il fatto è che che a lei diceva cose molto dolci, tipo i ti amo che a me non ha mai degnato di dore uscendosene con un: non te lo dico perché tu lo dicj al mondo cosa non vera. lho perdonato, e dopo 1 mese in cui stavo avendo molti problemi ho scoperto che si risentivano, il bello è che lej non ha mai sapito che lui la tradiva, visto che lei era quella quasi ufficiale. lho riperdonato, e mentre continuavamo a frequentarci ho scoperto che si era fidanzato ufficialmente, e parlando con la ragazza lei mi ha detto che stavano insieme da 1 annk e che non si erano mai lasciati. Lui se ne è uscito con: tutto quello che ti ho detto(sul fatto che gli piacevo ) erano solo cazzate. ed ora lui è felicemente fidanzato ed ha dayo la colpa di tutto ai miei atteggiamenti, facendomi sentire ancora più uno schifo come ha sempre fatto, non faccio che darmi la colpa, vorrei riconquistarlo, come posso fare?
    Rispondi a alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (29 Marzo 2020 16:40)

      Fammi capire, cara Alessia, è uno che ti ha portato subito a letto, che ti ha trattato male, non ti ha fatto entrare nella sua vita, sbuffava per i tuoi comportamenti, ti ha accusato di ogni, ti ha detto che eri oppressiva e pesante, non è vero che ti tradiva, dato che tradiva un'altra con te. Ora ha deciso di non usarti più per tradire lei e ha affermato che tutte le parole che ti ha detto sul fatto che gli piacevi erano solo cazzate (è vero e te l'ha rivelato perché di te non ne può più). Ti ha fatto sentire una schifo come ha sempre fatto, ti colpevolizzi. E, alla fine di tutto questo, lo vuoi riconquistare?! O sei un troll o sei una donna che non ha capito davvero nulla della vita e dell'amore, ma soprattutto della vita. Credo la seconda. Leggo spesso messaggi analoghi ai tuoi, ma il tuo è davvero estremo. Purtroppo di donne che ragionano come te ce ne sono molte. E fanno la gioia dei criminali e sono una ferita all'essenza più vera dell'essere donna. Sono parole dure le mie, ma quando ci vuole ci vuole e nel 2020 ci vuole. Ne abbiamo disperatamente bisogno.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (29 Marzo 2020 16:58)

      @Alessia La storia andava bene ma non benissimo, insomma...
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (29 Marzo 2020 17:16)

      Ciao Alessia, Ci sono davvero in giro uomini per bene. Magari pochi per carità e di certo un soggetto del genere non lo è. Riconquistarlo ? Non mi sembra così speciale questo soggetto. Lascia perdere, non è accettabile ciò che ha fatto.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (29 Marzo 2020 17:55)

      Ho letto che il termine "speciale" viene da speziale, il venditore di spezie, e quindi può essere inteso come persona che apporta un sapore nuovo alla tua vita, intrigante e coinvolgente. Questo qui che spezia potrebbe essere? Smerdina in polvere? Suvvia...
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

  4. Avatar di Vic

    Vic 2 mesi fa (29 Marzo 2020 18:10)

    @Emilia Vero :DDD @Cristina Je piacerebbe sentirsi Rocco! XD Boh ragazze, a me uno mandava di continuo foto così, nonostante io rispondessi con foto di piante, e c'era sempre lui nel bagno in accappatoio aperto sul davanti, con muscoli e panzetta in vista, e sotto la panza questo penino flaccido e infreddolito. Che poi, diciamolo, a parte quando è "loaded", il nudo maschile non è che sia una gran bellezza, anzi. Non si rendono neanche conto di quanto, nel loro maldestro tentativo di apparire virili, risultino totalmente patetici :)
    Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 18:30)

      Rocco versione popolare Vic ahah Guarda a me il nudo in realtà piace, sia maschile che femminile lo trovo elegante. Il nudo diciamo erotico/artistico, non il nudo da porno, per intenderci. Quello lo trovo volgare in generale. Se penso ai bronzi di Riace o al David di Michelangelo, li trovo stupendi. Oddio Vic ti giuro, sto morendo dal ridere immaginandomi questo tizio che si selfa in accappatoio, atteggiamento lascivo, muscoli e panzetta in vista! Mi hai strappato una risata mentre facevo gli appunti :)
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 2 mesi fa (29 Marzo 2020 19:05)

      @Cristina È lo sguardo che li frega, sguardo che vorrebbe essere sensuale alla Ricky Martin, ma ha la carica sessuale di Luca Giurato :D
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 19:35)

      Il problema è che spesso con Giurato hanno in comune mica solo la carica sessuale!
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (29 Marzo 2020 19:30)

      A me ancora non è mai capitato, ma credo che prima o poi succederà anche a me. Sono l'eccezione che conferma la regola! 🤣 Ci sono troppi coniglioni in giro per non incontrarne qualcuno... 😅
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (29 Marzo 2020 20:00)

      Ciao Emilia, Non è capitato neanche a me per ora 🤣 oddio se decido di tentare maggior fortuna passando all'altra sponda magari mi capita.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (29 Marzo 2020 21:42)

      Ciao Emanuele, penso che qualche membro lo manderò anch'io prima o poi, così, per scoraggiarli un po'... 🤣 Chi di spada ferisce, di spada perisce! 🤣🤣🤣
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (29 Marzo 2020 22:12)

      Potresti dire che ti chiami Emilio in arte Emilia e poi Zac !
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (29 Marzo 2020 23:04)

      @Emanuele, grazie per il suggerimento 😂
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 21:48)

      Emilia foto così esplicite nemmeno a me ahah foto si, ma per mia fortuna si fermavano come dire... appena sopra ecco. Emanuele se tenti la sorte, preparati ai "buongiorno piccola" e "ti farò provare sensazioni sconosciute". Un classico di questi soggetti.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (29 Marzo 2020 22:08)

      Ti farò provare sensazioni sconosciute mi fa impazzire. Sto ridendo 🤣 come un matto. Direi che proviene da Hardvard 🤣
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (29 Marzo 2020 22:09)

      Cristina, siamo ancora in tempo, non temere! 🤣 Ma, mi chiedevo, i siti porno non sono più mainstream come una volta?! Si dovrebbe rivalutare la possibilità di guardare un bel film porno, tranquilli, beati, in completa solitudine sul proprio divano, mentre si sorseggia una coca e si trangugia una ciotola colma di pop corn. Mi sembra un buon compromesso per evitare colossali figure di melma, no?
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 23:00)

      Si Emilia avoja, ancora una luunga strada davanti! Emanuele giuro! Mi aveva detto così un ragazzo con cui stavo, infatti da lì avrei dovuto intuire il tipo, ma a mia discolpa posso dire che ero piccola e inesperta. Che poi, mi sa che erano sconosciute pure a lui sai 🤣
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (30 Marzo 2020 11:25)

      @Cristina, ahahahaha! Erano sconosciute pure a lui! Fantastica 🤣
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (29 Marzo 2020 22:10)

      Ragazzi, lungi da me interrompere e disturbare i vostri scambi che sono anche simpatici (lo dico sul serio). Io sono un po' più grandicella di voi, di Emilia e di Vic di certo e suppongo di Cristina (semplicemente non lo so) e quando io ero ragazzina e sapevo e soprattutto NON sapevo (diciamo che di base non sapevo praticamente nulla), gli unici telefoni che esistevano erano quelli fissi e quelli a gettoni, o quelli nel bar che avevano l'adorabile insegna gialla a forma di corona del telefono, i miei coetanei maschi preadolescenti ironizzavano moltissimo e pesantemente sui tizi con l'impermeabile, cioè quei personaggi affetti da esibizionismo, che è una parafilia, un comportamento sessuale disfunzionale. Si raccontavano anche molte barzellette su questi soggetti ed erano unanimemente considerati dei poveretti, ma per davvero. Emanuele, tu che sei un giovanotto e quasi mio coetaneo dovresti confermare i miei ricordi. Ora, questi stessi soggetti, che venivano pesantemente scherniti e ritenuti gravemente disturbati, hanno trovato nella tecnologia non solo un amplificatore esagerato, ma una sorta di accettabilità sociale. Vedete un po' voi...
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (29 Marzo 2020 22:18)

      È vero ciò che dici Ilaria, si amplifica senz'altro. Una domanda sull'accettabilita sociale: è proporzionale tanto quanto alla pornografia facilmente accessibile ?
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (29 Marzo 2020 22:29)

      Emanuele, quelle che ti dò io sono le mie opinioni e le mie sensazioni. Probabilmente bisognerebbe vedere se ci sono delle statistiche. Riguardo sia alla pornografia (che può essere una dipendenza e quindi una seria devianza) sia all'esibizionismo, che è una devianza, non credo che il giudizio comune sia molto cambiato rispetto a 40 anni fa. Solo che per quel che riguarda la pornografia da tempo immemore considerata "normale" per gli uomini (un po' come è normale il gioco d'azzardo o una volta era ritenuto normalissimo andare nelle case chiuse), sia dagli uomini, sia dalle donne. Come per il gioco d'azzardo la ludopatia è stigmatizzata, anche la dipendenza da pornografia lo è. Ma la dipendenza, non l'uso "occasionale" e da "diversivo". La questione della pornografia è che propone un modello di sessualità lontano dal reale, che traumatizza prima di tutto i giovani o giovanissimi uomini. Purtroppo l'esibizionismo ha ricevuto, secondo me, un'accettabilità sociale graduale in corrispondenza dell'esibizionismo permesso dai social e dall'uso degli smartphone. Un giorno mi faccio la foto tessera, il giorno dopo il mezzo busto, il giorno dopo mi metto in costume o in bikini, poi i piedi, poi le mani, poi il torace, poi poi poi... Ma ricordiamoci che l'esibizionismo cioè l'esposizione dei propri genitali a persone non consenzienti è una devianza e una violenza. Diciamo che la somma di pornografia più abitudine ai selfie è una bella miscela esplosiva.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di D

      D 2 mesi fa (30 Marzo 2020 10:25)

      "l'esibizionismo cioè l'esposizione dei propri genitali a persone non consenzienti è una devianza e una violenza" la cosa che mi fa rabbia è che sti soggetti si mettano lì a scattarsi foto al loro badarello e la inviino così, come se fosse stata richiesta, come se l'altra persona fosse lì in trepida attesa di ricevere tale schifezza, senza richiesta, dal niente, dopo mesi di no contact ...mi scrivi un giorno per chiedermi come sto, due battute poi dopo due giorni invii una foto così? Ma non sta bene questo? Ma sono convinta che lui sia anche gasato del suo gesto, altra devianza, si sente il meglio..ma per favore!
      Rispondi a D Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (30 Marzo 2020 10:48)

      E' proprio così, non sta bene e si gasa. La domanda Cristina è: tu perché conosci un personaggio del genere? Perché lui ha il tuo numero e tu il suo? Perché non l'hai ancora bloccato? Il mondo è pieno di ladri, assassini, mafiosi eppure né tu né altre mi scrivete "Tizio è mafioso, perché lo fa? Io non lo sopporto?" Non lo fate perché vi è chiaro che è un delinquente. Ecco, questi sono personaggi da evitare esattamente come mafiosi e assassini. Che cosa vi serve per capire che dovete smettere di interrogarvi sui loro comportamenti, chiudere, evitarli e pensare alla vostra vita? Davvero, che cosa vi serve per capirlo?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di D

      D 2 mesi fa (30 Marzo 2020 11:10)

      Era una conoscenza passata con cui avevo chiuso per queste ragioni, erano mesi che non lo sentivo, inizialmente bloccato poi sbloccato perché non lo sentivo, tra l'altro avevo cancellato il numero, pensavo avesse smesso visto che non aveva riscontro da parte mia e invece mi sbagliavo. Questi non cambiano, questi sono pericolosi.
      Rispondi a D Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (30 Marzo 2020 12:13)

      Ilaria se ti riferisci a me e al tizio delle "sensazioni sconosciute", ci stavo qualche anno fa, ero più piccola e tante dinamiche di cui son venuta a conoscenza sia crescendo e osservando sia grazie al blog non le vedevo proprio, nonostante fossero sotto i miei occhi. L'ho comunque poi bloccato e cancellato il numero quindi non lo sento più da tempo, son cose successe anni fa. Emanuele certo il problema è sempre l'abuso: sia per tecnologia che per porno il problema non è il loro uso secondo me, ma la dipendenza. Quando diventa un'ossessione farsi foto e guai se non si continua a postare freneticamente, o quando non si riesce a stare 2 giorni senza andare su un sito porno (o peggio non si riesce più ad avere una sessualità normale staccata da quei siti, cosa che capita) allora è un problema. Sul fatto che tu possa amare ii non ti conosco, ma non credo ti manchi qualcosa per farlo. Già diventare meno bisognoso mi sembra un ottimo traguardo raggiunto :)
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Fabio

      Fabio 2 mesi fa (30 Marzo 2020 12:29)

      Credo che ogni persona nel rapportarsi con gli altri mostri, o cerchi di mostrare il meglio di sé, e se quello che offre è la foto del proprio pene, mi pare sia lampante che razza di individuo abbiamo di fronte, la sua personalità, intelligenza coraggio e bontà vengono senz'altro dopo un pene, un essere ridicolo se non pietoso, da dimenticare senza alcun ripensamento. Fabio Meno male che ci sono questi pagliacci a farci sorridere un po'.
      Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (30 Marzo 2020 10:56)

      Difatti io mi domandavo proprio questo: gli effetti di una ascesa di certi strumenti di comunicazione collegati all'esibizionismo declinato in tutti i suoi aspetti. Per carità non sono né un ipocrita e ne un falso moralista. Chi più è chi meno me compreso nella vita o per meglio dire in alcune fasi della vita ci si trova a visionare materiale pornografico. Finché rimane circoscritto a una fase di crescita è accettabile. Un po' come sbronzarsi e/o andare a ballare tutti i sabati. Quando si trasforma in uso e abuso allora diventa un problema. Una vera e propria disfunzionalità. Amare è un altro discorso. La mia più grande paura e non essere più in grado di dare e di ricevere amore. Naturalmente sempre riferito a un rapporto uomo donna come lo intendiamo qua. Sono un sentimentale , uno che crede realmente all'amore. Non sono più bisognoso e sono riuscito a dimostrare a me stesso che c'è l'ho fatta in questi giorni. Però ho un gran paura. Non so se sono riuscito a trasmettere il mio stato d'animo.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 mesi fa (30 Marzo 2020 11:17)

      Emanuele, il tuo stato d'animo è umano e normale, per carità. Se vuoi un consiglio, non continuare a pensarci. Io credo davvero che a te non manchi niente per avere una donna di valore accanto. Credo ti serva essere più forte e più sicuro e meno ossessionato. Concentrati su altro, soprattutto in questo periodo nel quale non si può fare nient'altro. Vero che gli uomini attraversano fasi della vita di solito quelli dell'inesperienza in cui si dedicano al porno; vero anche che alcuni non lo abbandonano mai e lo usano per sentirsi stimolati sia la rapporto sessuale sia all'autoerotismo; vero anche, purtroppo, che molti giovanissimi ne rimangono traumatizzati perché si sentono inadeguati rispetto alle performance irrealistiche che mostrano; e anche disgustati. Tu smettila di interrogarti sul porno, che non mi pare un tuo problema, stai su di te e occupati di superare le tua fragilità emotive che ti fanno diventare preda di donne non propriamente tanto gentili e tanto oneste.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuele

      Emanuele 2 mesi fa (30 Marzo 2020 11:46)

      Grazie Ilaria, I fenomeni sociali mi hanno sempre incuriosito. Soprattutto quando si tratta di legare nuove tecnologie a vecchi schemi comportamentali. Direi poi che da 0 a 10 oggi mi do un bel 7 per quanto riguarda il mio percorso. Seppur condita di qualche menzogna ho giocato una partita per fondamentale e lo vinta. Non sono più bisognoso ecco perché mi do 7.
      Rispondi a Emanuele Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 2 mesi fa (29 Marzo 2020 23:03)

      Ciao Ilaria, la mia ironia sui siti porno non era un invito a farne uso ovviamente... Credo che la maggior parte degli uomini che inviano le foto del proprio pene sia dipendente dalla pornografia, così mi domandavo se questi soggetti si eccitano di più al pensiero di cogliere l'occasione per molestare una donna tramite smartphone piuttosto che praticare onanismo da soli davanti a un video porno. Sembra che non ci sia più alcun controllo né pudore...
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 2 mesi fa (29 Marzo 2020 23:38)

      Emanuele io credo che la pornografia sicuramente amplifichi, ma in primis la tecnologia. Pensa che sui social l'esibizionismo dilaga, ma pensa anche ai vari siti d'incontri esistenti: siti in teoria per trovare "l'anima gemella" (in teoria appunto), ma usati a loro volta solo per puro esibizionismo. Io ho un amico e un'amica che si erano iscritti tempo fa ad un sito, mi hanno raccontato che l'utente "medio" è lì unicamente per farsi vedere, non frega quasi a nessuno di incontrare veramente gente. Perchè poi è gente con cui a malapena c'è un briciolo di conversazione. E io ho 23 anni, quindi ti parlo di persone coetanee. Questo per dirti che credo che ogni strumento che man mano si crea andrà a peggiorare questa tendenza generale. Poi si, la pornografia incide perchè ormai non esiste nè giovane nè giovanissimo che non ci vada regolarmente. E a sua volta per forza incide sullo sdoganamento del mostrarsi stile "carne da macello".
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo