Cosa vogliono gli uomini

cosa vogliono gli uominiCosa vogliono gli uomini?

Già percepisco il nervosismo, l’insofferenza e l’inquietudine di coloro che, esasperate da eserciti di uomini scialbi, molli e inconcludenti, rispondono irritate: “Ma chi se ne frega di cosa vogliono gli uomini, sono stufa di rompermi la testa per capirlo, che s’arrangino (o qualcosa del genere)…”

"Molto spesso noi donne siamo grasse, ma voi uomini siete pesanti, e per questo mettersi a dieta non basta. Geppi Cucciari"

E invece io affronto l’argomento non per farti un dispetto o, peggio, per farti arrabbiare, ma per fare chiarezza.

La chiarezza serve, in questo caso, a facilitare le relazioni tra persone, a costruire dei ponti e a definire dei punti di incontro.

Gli uomini non sono nemici delle donne e le donne non sono nemiche degli uomini anche se molto spesso sembrerebbe il contrario e conoscersi un po’, prima di decidere definitivamente di detestarsi, aiuta a creare comprensione e anche, udite udite, a scoprire l’amore.

Ecco perché è importante sapere cosa vogliono gli uomini.

Perché, in definitiva, l’amore e l’affetto si basano sulla conoscenza reciproca – inclusa quella di limiti, vizi e difetti – e sull’accettazione dell’altro, fondata sulla comprensione dei suoi bisogni profondi.

Ci si fa amare amando se stesse, cioè conoscendo e riconoscendo i propri bisogni; si ama conoscendo e riconoscendo i bisogni dell’altro.

Semmai segnatela questa, che un giorno, quando meno te l’aspetti, potrebbe cavarti d’impaccio mentre rimugini e ti fai prendere da strane paturnie disturbanti.

Cosa vogliono gli uomini: considerazioni generali

Intanto, partiamo da un presupposto fondamentale: le persone non sono tutte uguali.

Gli uomini non sono tutti uguali.

Ci sono persone e uomini che meritano di essere frequentati e ci sono persone e uomini che non meritano di essere frequentati.

Coloro che appartengono alla seconda categoria, quindi, vanno evitati e non bisogna pensare o ragionare su come andarci d’accordo.

E nemmeno pensare di poterci andare d’accordo.

Insomma, accettiamo, come fanno le persone adulte, l’idea che non solo non possiamo piacere a tutti, ma soprattutto che veramente pochi ci possono piacere e ci meritano davvero.

Detto questo, uomini e donne, che tu ci creda o no, non vogliono cose tanto diverse.

Tutti – parliamo di persone sane ed equilibrate – desiderano amore e affetto, attenzione, importanza, stabilità e sicurezza e tutti amano un po’ di sorpresa e di imprevisto nelle loro vite.

Uomini e donne sono alla ricerca di equilibrio e di serenità, all’interno e all’esterno di sé.

E di un brivido controllato, all’interno e all’esterno di sé.

Ti sembra troppo semplice e banale?

Bene, fai l’inventario di quante persone e di quante coppie conosci che soddisfano i bisogni che ho elencato poco sopra e quante persone, uomini e donne, realizzano con continuità serenità ed equilibrio nelle proprie esistenze. Con anche un po’ di pepe, ovvio, se no la vita è piatta come un tavolo da ping-pong.

Beninteso: non voglio essere pessimista.

Intendo solo sottolineare che tutti siamo alla continua ricerca di qualcosa che ci faccia stare bene e meglio – è tipico dell’essere umano, è la sua straordinarietà – e qualcuno di noi ci riesce con maggiore successo, qualcun altro con minore successo.

Soprattutto alcuni di noi sono alla ricerca in modo sano e funzionale e altri in modo non sano e disfunzionale.

Cioè alcuni cercano di soddisfare i propri bisogni in modo sano e funzionale, altri in modo sano e disfunzionale.

Vuoi un esempio di come si soddisfa un bisogno in modo sano e funzionale?

Pensiamo al bisogno di varietà, cioè al bisogno di “pepe”, di sorprese e di emozioni forti.

Una donna può soddisfarlo in modo funzionale realizzandosi negli studi e nella professione, ponendosi sfide ambiziose, ma non impossibili e in una relazione di coppia nella quale il suo compagno le dà amore e attenzione e lei lo ricambia della stessa moneta ed entrambi mantengono una giusta distanza, senza essere dipendenti uno dall’altra.

Oppure, se non è in coppia, una donna può valorizzare la sua femminilità, la sua sensualità apprezzando la compagnia degli uomini per lasciarsi corteggiare e divertirsi facendolo, ma senza un bisogno disperato di attenzione e ammirazione.

Può al contrario comportarsi in modo disfunzionale e scegliersi un uomo sbagliato e tanti uomini sbagliati, negli stessi momenti o in diversi momenti dell’esistenza, ed eccitarsi sulle montagne russe di rapporti che non funzionano, nel continuo prendersi e lasciarsi, nel continuo fare guerra e poi pace.

Oppure può sentirsi una specie di Calimero, spaventata dalle relazioni e rifiutare il corteggiamento degli uomini o, all’opposto, essere ossessionata di piacere agli uomini e quindi compiacerli facendosi usare da loro.

Che cosa c’entra tutto ciò con cosa vogliono gli uomini?

C’entra, c’entra. Continua a leggere.

Cosa vogliono gli uomini da evitare

Tornando ai nostri amici uomini, l’altra metà del cielo, tutti in genere e in maggior misura rispetto alle donne, vogliono sentirsi capaci, intelligenti e competenti.

"Le donne e i gatti faranno quello che vogliono e gli uomini e i cani dovrebbero rilassarsi ed abituarsi all’idea. Robert A. Heinlein"

Per questo ci tengono ad avere successo (e a mostrarlo nel concreto agli altri) nel lavoro, con le donne, nel sesso, negli sport e negli hobby e per questo danno molta importanza alla loro capacità di produrre ricchezza materiale e benessere.

Amano l’applauso, insomma, il riconoscimento da parte degli altri.

Da parte degli uomini e da parte delle donne.

E uno dei modi con i quali molti uomini cercano questo riconoscimento e ne sono appagati è quello di provvedere a chi ritengono più fragile di loro: moglie e figli.

Anche famiglia di origine. Papà, mamma, sorelle e pure fratelli.

Non solo: amici, colleghi e compagni di squadra. Tanta gente insomma. Una folla di persone.

Che chiedono a loro tante super prestazioni tutte varie e diverse.

E spesso anche contemporaneamente, quando tutti sappiamo che gli uomini sanno fare solo una cosa per volta.

Pensa a un uomo medio che ha una moglie e una madre (e, già qui, basterebbe per riempire sette vite di eccitazione a mille), magari una sorella e una figlia, poi un figlio maschio, magari dei dipendenti o delle persone che riportano a lui, un padre che ogni volta che lo incrocia lo fa sentire un idiota anche se è milionario e ha vinto un Nobel, un capo che ogni mese gli chiede di incrementare il fatturato, un allenatore e il suo miglior amico che gioca a tennis meglio di lui.

Per non dimenticare il commercialista, la segretaria che gli chiede l’aumento un giorno sì e l’altro pure e un fratello scemo che ha sempre bisogno del suo aiuto, anche se se la passa meglio di lui.

Dài, diciamocelo, cosa vogliono gli uomini mediamente sani? Un po’ di tranquillità, perbacco!

Non scherzo mica, eh. Solo che non voglio ridurre tutto solo a questo, ci mancherebbe.

Quando pensi che le donne hanno tante paturnie, ricordati che anche gli uomini non scherzano.

Solo che loro parlano e scrivono di meno per cui sembrano meno appaturniati. Ma sembrano solo. Anche loro si appaturniano. E in silenzio.

Ok, allora, cosa vogliono gli uomini da evitare? Ci interessa saperlo? Sì ci interessa saperlo così li evitiamo con più efficacia e senza perderci nemmeno un minuto.

Rullo di tamburi e sorpresona: gli uomini da evitare vogliono appagare gli stessi bisogni degli uomini sani, solo che cercano di appagarli in modo totalmente disfunzionale per se stessi e per gli altri.

Soprattutto a spese degli altri.

E più spesso a spese delle donne, dato che gli uomini problematici hanno sovente come parte del loro problema una base di misoginia, che viene dal loro senso di inferiorità, dalla loro consapevolezza di incompetenza e dal non accettarsi per come sono.

Perché ricordati che quel che rende inadeguate le persone non è una reale inadeguatezza. Che cosa sarebbe poi l’inadeguatezza?

E’ il fatto di non accettarsi come sono, coi loro limiti, ed essere soddisfatti così come sono, contenti di quel che sono.

Gli uomini da evitare cercano le donne, ma non sono capaci di stare con loro e fondamentalmente non sono interessati alle donne, ma solo a come le donne possono servire a loro, riempire i loro vuoti, peraltro incolmabili, e il loro infinito senso di inadeguatezza.

Hai presente quando sopra dicevamo che tutti gli uomini vogliono sentirsi capaci, intelligenti e competenti?

Gli uomini da evitare si sentono incapaci, stupidi e incompetenti.

E siccome se ci si sente in un certo modo, si crea la profezia che si autoavvera e ci si comporta effettivamente in un certo modo, ecco, che costoro riescono perfettamente a essere incapaci, stupidi e incompetenti.

A tutto tondo. Quindi anche nelle relazioni. Anzi, soprattutto nelle relazioni.

Possono allora essere dei manipolatori, dei profittatori, dei seduttori seriali, dei bugiardi. Eccetera eccetera.

Soprattutto degli anaffettivi, cioè incapaci di amare e in particolari disinteressati e infastiditi dall’amore degli altri, dato che non lo capiscono…

Specialmente se si accorgono che possono darlo per scontato.

Immagina se ti innamorassi e ti affezionassi a un tipo del genere (faccio un’ipotesi, assurda, s’intenda, so che non capita mai che le donne si innamorino di personaggi così).

Sarebbe come buttarsi da un viadotto della Cisa…

"Gli uomini che meglio riescono a stare con le donne sono gli stessi che sanno starci benissimo senza. Charles Baudelaire"

Abbiamo parlato di capacità, di intelligenza e di competenza, anche e soprattutto in campo relazionale.

Gli uomini da non frequentare sono dei falliti e sanno di esserlo. E cercano di rifarsi sugli altri.

Non sono capaci soprattutto a soddisfare i propri bisogni, ecco perché sono dei falliti e cercano di rifarsi sugli altri.

Attenzione a che non tentino di rifarsi su di te.

Lo dico così, sempre per fare un’ipotesi assurda, non certo perché io ne intraveda il rischio, sia chiaro.

Cosa vogliono gli uomini da frequentare

E invece cosa vogliono gli uomini da frequentare? Cose belle dalla vita. Che non è così banale e così semplice.

Come dice la psicologia da autobus, è vero che amano le sfide, ma non quelle che mettono in gioco il rispetto degli altri.

Un uomo da frequentare vuole sentirsi ogni giorno migliore del precedente ed è contento quando ha accanto a sé una donna che non lo ostacola e anzi lo stimola ad andare in questa direzione e a ottenere questo risultato.

"Gli uomini si dividono in due categorie: gli uomini che parlano di donne e gli uomini che parlano con le donne. Io di donne preferisco non parlare. Gianni Agnelli"

Un uomo da frequentare contribuisce e non manipola.

Contribuisce alla crescita della relazione, contribuisce ai processi decisionali, contribuisce alla vita pratica, mica si tira indietro.

Perché contribuire lo fa sentire vivo, importante e forte.

Vuole equilibrio e serenità, lo abbiamo detto, e lo cerca in un ambiente dove regnano l’armonia e possibilmente l’allegria o perlomeno l’ottimismo.

A te armonia, allegria e ottimismo piacciono o ti danno fastidio?

Per questo in una coppia è utile divertirsi insieme e imparare a ridere delle piccole cose e anche dei propri guai.

Quindi è una buona idea continuare a scherzare e a corteggiarsi in modo leggero come si faceva ai primi tempi e non considerare un rapporto consolidato un punto di arrivo – come ahimé fanno molte donne – ma come un punto di partenza.

E’ importante tenere alta la tensione positiva e non quella negativa.

Questa è la costruzione della serenità.

Gli uomini da frequentare vogliono tenerezze e coccole.

Desiderano percepirsi come dei guerrieri, certo, ed emotivamente desiderano che il riposo del guerriero sia fatto di dolcezza e di comprensione.

Tenerezza, coccole, dolcezza e comprensione ovviamente si scambiano in modo reciproco.

Gli uomini da non frequentare non sopportano vedere la propria compagna brillare di luce propria, avere successo e stare bene.

Cosa vogliono gli uomini da frequentare è, invece,  vedere la propria compagna stare bene e realizzarsi, in modo autonomo e indipendente.

Ecco i percorsi che ho preparato per te:

I 7 Pilastri dell’Attrazione.

Ti serve a esplorare i tuoi bisogni e i modi per soddisfarli.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso de I 7 Pilastri dell’Attrazione adesso.

Come Sedurre un Uomo senza Stress

In questo percorso spiego come sedurre senza lasciarsi “intrappolare” dalla paura, dall’ossessione e dal senso di inadeguatezza.

Clicca qui per iniziare il tuo percorso Come Sedurre un  Uomo senza Stress adesso.

 

 

Lascia un Commento!

51 Commenti

  1. Avatar di Gea

    Gea 10 mesi fa (17 dicembre 2017 20:09)

    L'articolo definitivo sull'argomento. Grazie Ilaria! 😊 Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  2. Avatar di isola_sacra

    isola_sacra 10 mesi fa (17 dicembre 2017 23:48)

    ne ho incontrato uno e ci ho passato troppi anni (!!), da non frequentare... di uomini da frequentare, invece, così come descritti dall'articolo, due, con uno ci sono stata 6 anni. terribile la perdita di tempo, energia, fiducia, autostima che si fa incontrando il primo dei due tipi. Mi devo ancora riprendere.. per perdonarmi la poca oculatezza..
    Rispondi a isola_sacra Commenta l’articolo

  3. Avatar di Elena

    Elena 10 mesi fa (18 dicembre 2017 8:51)

    Buongiorno Cara Ilaria, Stamattina ho letto il tuo articolo bevendo il caffè, mentre invece di solito leggo il giornale. Sai una cosa? Metti il buonumore!!! Grazie! Alla prossima 😉 Rispondi a Elena Commenta l’articolo

  4. Avatar di Serena

    Serena 10 mesi fa (18 dicembre 2017 15:07)

    Bellissimo, esaustivo, da leggere e rileggere! Grazie Ilaria :-) Rispondi a Serena Commenta l’articolo

  5. Avatar di Fely

    Fely 10 mesi fa (19 dicembre 2017 7:49)

    Bgiorno Ilaria e amici del forum...condivido pienamente.. non tutti gli uomini sono fatti psicologicamente con lo stesso stampino,esistono anche gli UOMINI CON LA U MAIUSCOLA,gli uomini che sanno dar valore ad una donna,che cercano il dialogo e non la guerra...x riconoscerli dobbiamo accantonare quelli sbagliati,quelli le ci fanno venire l'ansia, ke ci trattano come carta a perdere ke ci fanno piangere...anaffettivi...senza pietà!
    Rispondi a Fely Commenta l’articolo

  6. Avatar di Alisia

    Alisia 10 mesi fa (20 dicembre 2017 10:09)

    Cara Ilaria, i tuoi ultimi articoli sono stati illuminanti per me, tra cui questo quando accenni ai bisogni che ognuno di noi ha e sul come possiamo soddisfarli. In effetti tu ce ne parli spesso dell'importanza di soddisfare i propri bisogni. Ecco io credo di non saperlo fare al meglio. Sono riuscita a dimenticare un uomo sbagliato, a voltare pagina, solo che per la paura di soffrire ancora mi sono chiusa troppo, raccontando a me stessa quanto stessi bene da sola, cadendo nella trappola opposta....Ecco vorrei chiederti come posso soddisfare i miei bisogni, il bisogno di avere una uomo accanto, non essendo in coppia, senza risultare bisognosa? E senza farlo diventare un ossessione.....perché ultimamente ci penso spesso
    Rispondi a Alisia Commenta l’articolo

  7. Avatar di carmela

    carmela 10 mesi fa (20 dicembre 2017 18:15)

    i tuoi articoli sono veramente strordinariamente interessanti. E' illuminante il punto dove scrivi: gli uomini cercano di appagare gli stessi bisogni ma alcuni in modo sano e altri in modo disfunzionale a sè e agli altri.
    Rispondi a carmela Commenta l’articolo

  8. Avatar di mary

    mary 10 mesi fa (20 dicembre 2017 19:12)

    Ciao:) Non vorrei andare fuori tema ma Ilaria ci tiene sempre a precisare di non avere quella bisognosità che gli uomini istintivamente, subito, avvertano e quindi lasciano il campo ,la maggior parte delle volte;ma di avere una mente aperta e atteggiamento positivo per aumentare il nostro volerci bene.Quindi: autostima,self control,pensare ai propri progetti ecc...Fin qui và bene!Ma c'è una casistica atipica, ma comunque assai numerosa di uomini,almeno per ciò che vedo e sento nelle mie amicizie/conoscenze/colleghi che trovano la ragazza bisognosa e a loro piace pure e si creano storie e pure matrimoni,giuro!!!Mi chiedo?Per fortuna non sono mai stata bisognosa e se lo fossi stata?Ma poi..rivedo queste persone e mi dico: se io ero lei non mi sarei mai messa con lui,perchè lui è un mediocre e pure lei,quindi io non sono come lei perchè non sono mediocre come loro.Scusate l'enigma misero,voglio dire che queste coppie le vedo ben apparate nella loro mediocrità che non appartiene a me.Ora non voglio rendermi superiore e non lo sono,ma ho un tantino più di intelligenza,interessi,cultura e modi di fare diversi da loro.Molte volte i bisognosi sono mediocri, non me ne vogliate,e i loro partner sono altrettanto come loro quindi si uniscono bene e magari vivono pure felici,beati loro!Spiegandomi meglio: a ciascuno il suo ok!!Ma chi pensa bene a sè e vive bene la propria singletudine,senza buttarsi in una marea di relazioni, ha sicuramente un arricchimento di vita(propria) in generale e non starà con un mediocre di cui un domani se ne potrà pentire come tanti/e.C'est la vie...Buon Natale!
    Rispondi a mary Commenta l’articolo

  9. Avatar di Serena

    Serena 10 mesi fa (18 dicembre 2017 12:06)

    Cara Ilaria ,i tuoi articoli sono sempre interessanti ,li leggo volentieri e cerco di farne tesoro ! Ti seguo da anni ma ahimè nessun maschietto all'orizzonte ! La speranza di trovare qualcuno ormai è un piccola fiamma che si sta spegnendo e con essa anche la mia sfera di donna !! Leggo dai commenti che nessuna ha questo problema e ,diversamente da quello che scrivi tu Ilaria , probabilmente la colpa è del mio modo di fare ! Non sono una chiacchierona e non faccio il primo passo ma anche come conoscenze maschili siamo quasi a zero e quei pochi sono indifferente !! Gli anni passano e sempre uguali anche se cerco ,nel mio possibile ( divorziata con figli ) di combinare le mie abitudini e nuovi interessi ! In questo periodo poi vedo che le amiche non hanno più interesse ad uscire avendo un compagno e figli tutto il loro mondo ruota attorno alla famiglia e così mi ritrovo a girare sempre da sola , accorgendomi però , che sto entrando nel tunnel della chiusura ! Che fare ?! Sono un po' stanca ,sinceramente ..... stanca e demoralizzata sia nell'ambito dell'amore che nell'amicizia !!
    Rispondi a Serena Commenta l’articolo

    • Avatar di Fely

      Fely 10 mesi fa (19 dicembre 2017 8:25)

      Ciao Serena Nn devi abbatterti...se le tue amiche sono impegnate e se hai la possibilità iscriviti in palestra o ad un corso formativo x oss,ceramica,taglio e cucito es lì conoscerai un sacco di gente con le quali potrai organizzare delle uscite..in quanto agli uomini devi frequentare posti dove c'è molto movimento es il solito pub di città magari dopo la sesta settimana sbuca fuori qualcuno le ti ha avvistata già da tempo e chiederà tramite un amico/a il numero!!lasciati andare e cerca di volerti bene...MA USANDO IL BUON SENSO...SEMPRE...bacione
      Rispondi a Fely Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 10 mesi fa (19 dicembre 2017 13:01)

      Ciao Serena, mi dispiace per come ti senti e per il fatto che, da quanto scrivi, associ il tuo "essere donna" al fatto di "trovare qualcuno". Non mi sorprende che le tue amiche "accasate" non trovino piu' ragione di uscire. Per loro, come per te, e' un problema di mentalita'. Si e' donna (o uomo) per se', non per il fatto di essere in due... a meno che non si sia gemelli siamesi non separabili perche' uniti in punti vitali.
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Goldie

      Goldie 10 mesi fa (22 dicembre 2017 12:34)

      Ti capisco perfettamente. Lavoro, ho una figlia grande, ho amiche e qualche amico uomo. Esco, sono stimolata culturalmente, ho un cane, ballo il tango, viaggio un po'. Sono indipendente. A volte incontro qualche uomo interessante attraverso amicizie comuni. Ma mi accorgo che non interesso al di là dell'amicizia anche effimera...io non incoraggio più di tanto. Se interesso ad un uomo, mi cerca. Ci sono anche quelli a cui interesso, ma non è reciproco. E cosi gira la ruota ;-)
      Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  10. Avatar di Maddalena

    Maddalena 9 mesi fa (11 gennaio 2018 16:43)

    Cara Ilaria, grazie per questo articolo! Però vorrei sapere....alcuni uomini che iniziano una relazione, magari dopo un divorzio o una separazione, mettono subito in chiaro che hanno bisogno di tempo, per renderla formale, o per presentarti ai genitori o amici....i così detti "traumatizzati". Vorrei sapere per te alcune volte possono essere credibili o stanno solo facendo un giochetto per farsi gli affari propri?
    Rispondi a Maddalena Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 9 mesi fa (12 gennaio 2018 8:39)

      Ciao Maddalena, sicuramente alcuni sono realmente traumatizzati, perché una separazione o un divorzio sono effettivamente un grande dolore e trauma. Certamente però, anche, non sono uomini da frequentare, soprattutto se mettono da subito strani paletti. È evidente che non sono uomini predisposti ad avere una relazione e, quindi, è meglio lasciare stare da subito...
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 9 mesi fa (12 gennaio 2018 16:56)

      @Carlotta, non sono pienamente convinta dell'esclusione così drastica di un uomo che metta in chiaro che ha bisogno di tempo. Tutto sommato il non correre troppo e il non volare di fantasia dovrebbe fare da base per entrambi i partner. Trovo invece utile utilizzare la stessa fermezza del signore per chiarire fin da subito il tempo che si vuole dare alla conoscenza dell'altro prima di tirare le somme, proprio per evitare di restare in panchina. Sarò più chiara: fermo restando che ognuna di noi dovrebbe di suo darsi un tempo limite per capire se la storia che sta vivendo merita di trasformarsi in qualcosa di più concreto o è solo una piacevolissima avventura ( mica deve essere solo l'altro ad avere opinioni in merito ), quando l'altro decide di mettere le mani avanti sarebbe bene ribattere subito dicendosi d'accordo e che si è solite prendere una decisione magari dopo 1 mese ( 2 o 3 o quel che si vuole ) questo è un modo per far capire all'altro che non è l'unico a decidere nel rapporto e se la persona è davvero intenzionata a proseguire la storia si muove nel migliore dei modi. Ovviamente però alla "scadenza" bisogna davvero avere la forza di tirare le somme e di affrontare l'argomento " futuro della coppia ", costi quel che costi.
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 9 mesi fa (12 gennaio 2018 20:07)

      Sì certo, il non correre e il rimanere con i piedi per terra è molto importante per entrambi. Ed è anche vero che ogni situazione e a se’. Rimango, però, dell’idea che iniziare a frequentare un uomo nel pieno di una separazione non sia una buona idea. Qualche anno fa, per esempio, ho frequentato per un periodo un uomo che si stava separando legalmente dalla moglie che lo aveva tradito. Non è stata una buona idea....Questo non perché lui era uno stronzo che mi voleva prendere in giro, ma perché effettivamente non era nel momento per intraprendere un’altra relazione....
      Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Maddalena

      Maddalena 9 mesi fa (12 gennaio 2018 20:48)

      Grazie ragazze per i vostri consigli. Io credo semplicemente che non bisognerebbe subito mettere in chiaro le cose, nel senso che ci si conosce, ci si frequenta e poi semmai si tirano le somme se la storia può continuare, da ambe le parti. È questo precisare fin da subito che non mi convince. Perché farlo? Perché poi può tirarsi indietro dicendo " io te lo avevo detto" nel caso lui decidesse di andare avanti?
      Rispondi a Maddalena Commenta l’articolo

    • Avatar di Carlotta

      Carlotta 9 mesi fa (12 gennaio 2018 21:26)

      Sono d’accordo con te Maddalena. Rispondi a Carlotta Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 9 mesi fa (13 gennaio 2018 7:45)

      Bene Maddalena, mi pare che tu abbia le idee chiare. Quindi chiuderai con lui? Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

  11. Avatar di Maddalena

    Maddalena 9 mesi fa (13 gennaio 2018 12:40)

    Credo di si...che me ne faccio di un uomo che puntualizza i suoi drammi, che chiede del tempo dopo 10 mesi di frequentazione? Che mi dice quando saremo pronti allora renderemo la nostra storia ufficiale? Io sarei anche pronta....ma lui no, perché poverino ha avuto i suoi traumi! Sono arrivata al limite ecco! Per questo chiedevo ad Ilaria e a voi lettrici, se questi uomini che vogliono tempo posso essere presi sul serio alcune volte. Perché vabene essere compresive ma neanche farsi prendere per i fondelli! Cmq grazie Emanuela
    Rispondi a Maddalena Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 9 mesi fa (13 gennaio 2018 16:09)

      Infatti, Maddalena! Meriti un uomo sereno e che ti dia serenita'... altro che tenerti in stand-by! Auguri di cuore 😉 Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 9 mesi fa (13 gennaio 2018 17:57)

      @Maddalena, trovo che tu abbia fatto la scelta più sana perché nel primo messaggio scrivevi di un uomo che mette in chiaro le cose all’inizio di una relazione. E trovo sano darsi un minimo di tempo prima di urlare al mondo con chi si sta uscendo, un tempo che a mio avviso perso va sui due mesi. Ora parli di affermazioni simili dopo quasi un anno. Tutto sommato ufficializzare non vuol dire sposarsi, solo far sapere chi si sta frequentando e 10 mesi è un tempo decisamente fuori da ogni ragione. Alla luce di questo non piccolo dettaglio ti confermo che il signore non avrebbe mai concluso nulla e avresti solo perso tempo prezioso per te.
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 9 mesi fa (13 gennaio 2018 22:41)

      Mi sono riletta e ho la vaga impressione di aver assunto qualcosa di strano, per aver scritto così male. Chiedo scusa perché il messaggio è davvero incomprensibile Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

  12. Avatar di Sara

    Sara 9 mesi fa (18 gennaio 2018 16:24)

    Non capisci perchè dopo un inizio tranquillo e presente, d'improvviso sei ignorata... Allora la domanda scatta: ma lui, cosa vuole? Per noi povere donne pensare subito "ecco! voleva solo quello!" è quasi costante... ma come si fa a capire se voleva solo quello... Infondo sono così bravi a circuirti di belle parole... ma poi coi fatti si smascherano.. no? Di recente frequenterei un tipo che è da settimane che non vedo dato che sta a 700 km da me (tornato dai suoi), e in una delle conversazioni della scorsa settimana ha detto che ci sentiamo meno ultimamente ma che per lui non è un problema, è normale. Normale perchè abbiamo ritmi diversi (io lavoro, lui no), e che ci può stare di sentirsi meno... e di stare serena! Discutibile direi. Ma nonostante questo, se non lo cerco io... lui zero. Sto resistendo a tratti, ma il pensiero "ma cosa vuole veramente?", è un tarlo quotidiano. Pensare subito negativamente è un attimo, pensare anche di star sprecando energie è doveroso ma più difficile da interiorizzare. Quindi, lui veramente cosa vuole?? E' solo questione di avere pazienza e fiducia, o questione che se noi donne ci crucciamo così è perchè inconsciamente sentiamo che qualcosa non va?
    Rispondi a Sara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 9 mesi fa (18 gennaio 2018 16:55)

      Fiducia in che cosa? :) Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Sara

      Sara 9 mesi fa (18 gennaio 2018 18:26)

      Quindi è sempre meglio pensare subito male? :-) Rispondi a Sara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 9 mesi fa (18 gennaio 2018 18:33)

      Non si può dire e non si può scrivere perché i "maestri di vita" sostengono che bisogna essere ottimisti e dare fiducia agli altri, ma per pochi selezionati, possiamo dirlo, sì. Meglio pensare male, fino a prova contraria. Almeno fino a quando le donne impareranno a non farsi incantare dal primo cretino che sorride e dice due parole dolci.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 9 mesi fa (18 gennaio 2018 19:36)

      Infatti! La fiducia si accorda solo con il tempo e quando ci sono fatti concreti a dimostrare che il soggetto la merita davvero. Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 9 mesi fa (18 gennaio 2018 19:34)

      A uno sfaccendato che ti dice "stai serena" si puo' rispondere solo in un modo... "ciaone" (detesto entrambe le espressioni, ma quanno ce vo' ce vo'!!! Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 9 mesi fa (19 gennaio 2018 8:49)

      "Non capisci perché dopo un inizio tranquillo e presente, d'improvviso sei ignorata... Allora la domanda scatta: ma lui, cosa vuole? " Sara, penso sia un errore che abbiamo commesso in tanti, ma la domanda che ti poni non è utile. Il problema non è cosa voglia lui, perché dubito che cercare di risolvere i quesiti di altre persone possano migliorare la tua vita, ma cosa vuoi tu. Mettiamo che lui sia comunque sereno così com'è, che non abbia altre relazioni e sia profondamente interessato a te ( questa è la fiducia che tu puoi riporre ), cosa cambia allo stato dei fatti? Tu vuoi un uomo che ti da così poco? La domanda quindi la devi porre a te stessa e risponderti e agire di conseguenza. Molto probabilmente anche con le migliori intenzioni ( di lui ), per te il rapporto non è soddisfacente. Quindi, senza dare colpe a nessuno, ci si defila e si cerca quanto di più congeniale a se stesse.
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Ops

      Ops 9 mesi fa (20 gennaio 2018 8:58)

      Condivido in pieno il pensiero ed il consiglio di Emanuela.Tutti noi nonostante gli impegni abbiamo tempo per gli altri.Se dall'altra parte c'e' assenza secondo me non si e' ricambiati.Occhio anche alle presenze a volte potrebbe esserci solo un secondo fine.Per iniziare a risolvere l'enigma bisognerebbe partire da se stesse.
      Rispondi a Ops Commenta l’articolo

  13. Avatar di Lola

    Lola 7 mesi fa (27 marzo 2018 12:57)

    Salve Ilaria,ho letto alcuni suoi articoli interessanti circa il perchè noi ragazze tendiamo sempre a metterci in situazioni "sentimentali" non corrisposte.Ho proprio bisogno di qualche consiglio perchè ho proprio perso la testa.Ho conosciuto questo ragazzo perchè lui è un organizzatore di feste della mia cittá e l'ho contattato perchè volevo andare ad una festa e volevo appunto sapere se dovessi comprare prevendite, mettermi in lista ecc.Lui mi chiede subito quanti anni ho. Io gli rispondo (sono ancora una teenager) e lui mi dice che va bene. Poi aggiunge che lo avrei dovuto chiamare quando sarei stata davanti al locale e lui sarebbe uscito e mi avrebbe fatto saltare la fila. (La cosa mi è suonata un po' strana, cioè sono sempre stata abituata a mettermi in lista, cioè mi è sembrata un'attenzione "strana").Sta di fatto che il giorno prima gli riscrivo su whatsapp per chiedergli se lui ci sarebbe stato (non lo conoscevo, e non sapevo quanto sarebbe stato affidabile), lui mi ribadisce che avrei dovuto chiamarlo e lui ci sarebbe stato.Arriviamo al fatidico giorno. Arrivo davanti al locale, lo chiamo, e ci troviamo lì davanti. Lui bellissimissimo come lo avevo visto su whatsapp, mi fa passare davanti a tutta una fila lunghissima e non ha nemmeno voluto i miei documenti. Anche tutto lo staff di security si è un po' sorpreso del fatto che mi ha fatta passare davanti a tutti, cioè era come se fosse tutto surreale.Io l'ho ringraziato e lui non mi ha detto nulla. Poi l'ho perso di vista e ho notato che spesso nel locale mi guardava, girava attorno ai tavoli per vedere dove fossi oppure ci scambiavamo occhiate ma nulla di più. E questo mi ha provocato una grandissima frustrazione. Forse sono pazza io, ho frainteso tutto. Lui forse si comporta così con tutti e voleva solo essere gentile e basta. Non lo so. Ma mi piace tantissimo. Infatti nel locale ci sono stati ragazzi che ci avevano provato con me ma io non reagivo. Provavo schifo. Volevo lui. Prima di uscire avevo pensato di salutarlo e ringraziarlo ma la mia amica me l'ha sconsigliato perchè sarei risultata troppo "bisognosa". Allora a malincuore ho fatto quello che lei mi aveva detto. Poi non l'ho più sentito.Io non so cosa pensare. Non sono mai stata corrisposta dalle persone che mi piacevano e se qualcuno mostrava interesse nei miei confronti o non mi piaceva o perdevo interesse nel ricambiarlo. Il problema è che sono veramente stufa di tutto questo. Voglio innamorarmi, vivere una storia d'amore, essere amata, fare sciocchezze. Ma non ci riesco, ogni volta è sempre così e soffro tantissimo. So già che quel ragazzo me lo devo dimenenticare perchè non mi ricambia e non gliene frega nulla di me.Comunque io veramente non capisco perchè non riesco a fare quello scatto avanti. Un po' di tempo fa avevo dei "problemi" con il mio aspetto fisico, nel senso che non mi piacevo, oggi invece mi sento meglio con me stessa, mi piaccio, ho imparato a rispettarmi e veramente ad essere a mio agio con me stessa ma nonostante ciò l'amore non va.Io vorrei porle 2 domande:1)come interpetare la situazione con il ragazzo della festa? Ho sbagliato qualcosa nell'approccio? Ho frainteso tutto?2) cosa posso fare per cambiare la mia situazione sentimentale in positivo, innamorarmi per davvero ed essere ricambiata? Ho quasi paura che non accadrá mai.
    Rispondi a Lola Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (27 marzo 2018 14:20)

      Oh cielo, visti i presupposti non mi augurerei tanto veementemente di "fare sciocchezze". Quanto al ragazzo della festa, che cosa c'era da fraintendere? Per innamorarsi per davvero dovrebbe scendere su questa terra e osservare la realtà per quella che è.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Lola

      Lola 7 mesi fa (28 marzo 2018 14:58)

      In che senso "scendere su questa terra e vedere la realtá per quella che è". Comunque l'altro giorno mi ha aggiunta sui social e mi ha chiesto l'amicizia. Non so cosa pensare.
      Rispondi a Lola Commenta l’articolo

    • Avatar di Stellina3

      Stellina3 7 mesi fa (28 marzo 2018 15:48)

      Ciao Lola, io ormai da qualche anno non frequento più i locali ma ricordo che i le erano sempre gentilissimi, mi aggiungevano su tutti i social, mi mandavano sms con le varie serate, mi davano omaggi e spesso le donne saltavano le file. È il loro lavoro. È come se andassi da un massaggiatore e pensassi che gli interesso perché mi ha massaggiato...
      Rispondi a Stellina3 Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 7 mesi fa (29 marzo 2018 11:08)

      Suggerirei di non pensare nulla del tutto. Rispondi a Anna Commenta l’articolo

  14. Avatar di Provetta

    Provetta 3 mesi fa (23 luglio 2018 16:14)

    Buongiorno a tutti. Non vi scrivevo da un po', anche se vi seguo continuamente. Forse non è la sezione giusta, magari è già stato pubblicato un articolo specifico sul tema, ma non l'ho trovato. In ogni caso, vi racconto quello che mi è accaduto. Ho scoperto che il mio ragazzo ha scritto ad un'altra ragazza un complimento via social. Della serie "mi piaci, sei carina e intelligente, volevo solo fartelo sapere". Come l'ho scoperto? Lei è una mia conoscente (ci conosciamo da poco ma c'è reciproca stima) e dopo qualche giorno me lo ha fatto sapere. Il problema è che io - nel frattempo - ci ho pure vissuto con questo idiota e che - per una settimana dall'invio del messaggio - non ha mai, sottolineo mai, compiuto atti o gesti che mi avessero fatto pensare male: in buona sostanza, lui ha continuato la sua vita con me come se nulla fosse successo, trattandomi con rispetto, cura ed attenzione. Di fronte alla mia sfuriata ha saputo solo dirmi "te lo avevo detto che era carina e che mi aveva colpito, che altro c'è da dire?". Io ho fatto le valigie e me se sono andata via. Sono passati dei giorni e, attenuatasi la rabbia, ora mi chiedo: ma questi schifosi e viscidi messaggi che taluni ometti inviano a donne diverse dalla propria, sono finalizzati al tradimento fisico (sperano magari di avere riscontri positivi!) oppure sono solo fini a se stessi? Non ho mai pensato a quest'ultima eventualità, ma c'è chi ha idee diverse dalle mie. In ogni caso, l'umiliazione che ho subito è davvero grande e vorrei riuscire a chiudere i ponti. Non so cosa succederà, spero solo il meglio per me.
    Rispondi a Provetta Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 3 mesi fa (23 luglio 2018 17:07)

      Ciao Provetta, i messaggi sarebbero fini a se stessi se fossero solo pensieri non esplicitati o appunto condivisi unicamente con te. Recapitarli all'altra persona vuol dire sperare di innescare qualcosa di concreto e comunque già il fatto che la signora ti abbia messo al corrente di quanto accaduto ti fa capire che non è parso nemmeno a lei un comportamento tanto adeguato. Hai fatto bene a chiudere repentinamente, non ascoltare chi mette in dubbio i tuoi principi. Non capisco cosa intendi quando scrivi " vorrei riuscire a chiudere i ponti", non lo hai già fatto?
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Provetta

      Provetta 3 mesi fa (23 luglio 2018 17:24)

      Grazie per il riscontro. Intendevo dire che ho lasciato la casa, ma la cosa difficile è mantenere poi ferma la decisione di non tornare più. Io sono contenta di condividere l'esperienza con voi perché chi sta fuori dalla storia è senz'altro più razionale di me, ma solo io conosco lui, la nostra relazione e tante altre sfaccettature del nostro rapporto in alcun modo percepibili dall'esterno. Questo per dire che nel forum cerco conferme oppure solide argomentazioni per continuare a rimanere ferma lì, poi la vita è un'altra. Generalmente chi - tout court - rimprovera il perdono di un tradimento è chi non ha mai avuto storie e non riesce ad essere empatico proprio per questo. Attenzione, lungi da me sostenere che il tradimento debba necessariamente essere perdonato; voglio dire che un conto è la razionalità, altro il sentimento. In buona sostanza, sì, ho lasciato casa, ma non ciò non può umanamente risolversi in una presa di posizione istantanea ed indolore: valuterò, pondererò sempre pensando a me innanzitutto. Grazie per le tue parole, sono comunque d'accordo con quello che dici.
      Rispondi a Provetta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (23 luglio 2018 17:12)

      Provetta, questo è un idiota sensazionale, lo hai già capito di tuo. Simpatica, sul serio, la ragazza che ti ha messo all'erta. Simpatica e intelligente, ti dà una controprova che lui è un idiota e percepito come tale. Sappi che recenti sentenze di separazione e di divorzio hanno equiparato il tradimento "virtuale" (ma che vor di' virtule???) a quello reale. Dici bene e dovresti essere orgogliosa della tua percezione l'umiliazione è grandissima (ecco perché alcuni giudici intelligenti non distinguono tra "virtuale" e "reale") e però allo stesso modo ridimensiona tutto al personaggio... Un abbraccio. Pensa al meglio per te, abbi fiducia.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (23 luglio 2018 21:11)

      Si pensano che stanno allo zoo e che non c’è niente di male a guardare e a fare apprezzamenti, è pazzesco, sul serio. Ho chiuso l’ultima storia per questo, e si, alla fine è una questione di valori. Ho sempre ironizzato sul fatto che “chi passa, parla”, ma evidentemente molti si sentono di poterlo fare. Non c’è niente di male, non è come guardare la tv? Ah no è la realtà e voi donne non siete in mostra per noi? Mi pensavo ... :D :D :D
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Provetta

      Provetta 3 mesi fa (24 luglio 2018 10:50)

      ma poi mi chiedo: lo fanno perchè si sono stancati della propria fidanzata? per passare il tempo? per mantenere viva la propria virilità? altro? io non me ne capacito. E poi: questi uomini percepiscono l'effetto che simili azioni (se scoperte!) potrebbero avere sulla propria fidanzata? nel mio caso, è talmente convinto di non aver fatto nulla di male, da non avermi mai chiesto espressamente scusa.
      Rispondi a Provetta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (24 luglio 2018 11:03)

      Perché non hanno virilità e lo sanno. Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Provetta

      Provetta 3 mesi fa (24 luglio 2018 11:13)

      grazie, Dottoressa. questa risposta mi aiuta ad andare avanti. Rispondi a Provetta Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (24 luglio 2018 11:22)

      Bene! E soprattutto pensa alla tua vita e alla tua felicità, non a quanto ce l'hanno molle loro, dentro e fuori :) Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (24 luglio 2018 13:41)

      E' solo convinto che il mondo sia uno spettacolo messo in scena per lui, e questa è la cultura dominante, secondo me. Le donne che devono essere belle interessanti sexy ecc. allo scopo di essere apprezzate dagli uomini, e gli uomini che le apprezzano e così facendo le gratificano. Quindi no, non c'è niente di male, è normale, non ha fatto niente, è solo stato gentile con una che (secondo lui) vive per avere gli apprezzamenti degli uomini. Cioè intendo dire: è come dire buongiorno al vicino di casa, secondo lui. Se non lo fai, sei pure maleducato. E poi scusa, che male c'è ad ammirare la bellezza, senza cattive intenzioni? Non ha detto qualcosa del genere? Altro che chiedere scusa. Si chiama oggettificazione, ma oramai è una cosa talmente ovvia e scontata (e lo fanno anche le donne con gli uomini), che ciascuno fa di tutto per essere un oggetto da esposizione e considera gli altri alla stessa stregua (ad es. sui social) ... E se non capisci, ti ritrovi con i dubbi che hai tu e che ho avuto io: ma sarò strana io? sarò esagerata? lui con me si comporta in modo normale ... Sì, lui sarà pure "normale" (e non penso), ma è diverso da me. Io mi irrito, e con uno che guarda le donne come si guarda un automobile non voglio avere a che fare (non essendo io un automobile :D ).
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo

    • Avatar di Atolla

      Atolla 3 mesi fa (24 luglio 2018 21:53)

      E non solo, poi farà il piagnone con amici e conoscenti perché lui è tanto buono e non ha fatto niente di male e ti ama e quindi lei, Provetta, è la strega cattiva gnegnegne. Che gente miserabile c'è in giro.
      Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

    • Avatar di Provetta

      Provetta 3 mesi fa (25 luglio 2018 11:21)

      Non so, qui alcuni amici dicono che abbia escogitato tutto ciò per lasciarmi, perché era scontato che la conoscente sarebbe venuta a dirmelo (è una ragazza molto in gamba e sono stata io a presentarla a lui...) Se così fosse, lo trovo davvero macchinoso e mi fa soffrire ancora di più. oggi, scusatemi, ma proprio giù e fatico addirittura a lavorare.
      Rispondi a Provetta Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna

      Anna 3 mesi fa (25 luglio 2018 13:57)

      Lascia stare, sono comunque problemi (nel caso psichiatrici) suoi, non tuoi. Vuoi uno che fa il broccolaro su Facebook? Vuoi uno che non ha neanche gli attributi per chiudere, ma si fa lasciare per fare bella figura con se stesso e con le altre?
      Rispondi a Anna Commenta l’articolo