Cosa fa un uomo quando si sta innamorando?

cosa fa un uomo quando si sta innamorandoChe cosa fa un uomo quando si sta innamorando? Come si comporta? Quali sono i segnali che manda?

Quanto sarebbe bello poter leggere nella mente e nel cuore delle persone – è un po’ il sogno di tutti noi – per capire i loro sentimenti ed essere preparati alle loro azioni e intenzioni.

Invece, in linea di massima, il potere di “leggere mente e cuore” non ce l’abbiamo, non ce l’abbiamo per gli altri e molto spesso non ce l’abbiamo nemmeno per quel che riguarda noi.

Che non sappiamo leggere in noi stessi non è cosa buona, ma di certo è un aspetto sul quale possiamo migliorare.

È uno dei miei ritornelli sulle relazioni e sulla felicità.

Gli uomini sono consapevoli delle proprie emozioni?

Prima di tutto dobbiamo essere consapevoli di noi stessi, perché la consapevolezza di noi stessi ci insegna molto anche a capire gli altri.

Quanto a comprendere i pensieri e i sentimenti degli altri, non potremo mai raggiungere questo potere quasi “soprannaturale” – e non sarebbe né bello, né giusto, – ma possiamo scoprire come interpretare atteggiamenti e comportamenti esteriori e visibili, innanzitutto osservandoli con obiettività e senza pregiudizi.

Se mi leggi anche solo di tanto in tanto sai quanta importanza dò ai segnali e all’osservazione dei messaggi che più o meno inconsapevolmente gli uomini e le persone in generale inviano.

Scoprire quali sono i comportamenti di un uomo che si sta innamorando di te e che ti piace, ovviamente può essere molto utile per gestire la tua emotività e anche, perché no, in modo franco e onesto, assumere gli atteggiamenti più utili per incoraggiarlo e avvicinarti maggiormente a lui.

È vero che siamo tutti diversi.

Le donne sono diverse tra loro e gli uomini sono diversi tra loro.

Ma questo non è un ostacolo insuperabile.

Cosa fa un uomo quando si sta innamorando

Infatti è anche vero che dal più al meno le donne assumono comportamenti abbastanza riconoscibili quando sono interessate a un uomo e lo stesso succede agli uomini per quel che riguarda le donne.

Quindi saper riconoscere anche solo pochi e piccoli segnali può darti delle chiavi di lettura molto utili sul livello di coinvolgimento di un uomo.

Che cosa prova un uomo quando è innamorato?

L’amore e l’innamoramento non vanno confusi con l’attrazione a breve termine.

Vanno oltre, nel tempo e per forza, e di certo sono decisamente più profondi.

Capita che l’amore, l’essere innamorati, facciano sentire le persone più vulnerabili, soprattutto quelle che non sono abituate a essere consapevoli e in reale contatto con le proprie emozioni.

Per questo molti uomini non sanno amare e amano in modo “incasinato”, se mi si può passare il termine, giacché sono stati educati – in genere – a contenere, trattenere e addirittura ignorare le proprie emozioni.

Il che potrebbe portarli a non riconoscere e a sopprimere il loro amore, il fatto di essere innamorati o di essere sul punto di innamorarsi.

Per questo, paradossalmente, finché non hanno raggiunto un certo livello di consapevolezza di sé, l’amore può farli sentire a disagio, al di fuori della loro zona di comfort.

E anche se un uomo è abituato a sentire, riconoscere e gestire le proprie emozioni, ugualmente l’amore e l’innamoramento possono sorprenderlo per la loro insolita intensità rispetto ad altre emozioni.

I tempi dell’innamoramento

Può sembrare strano, ma alcune recenti scoperte – sulle quali io non metterei ancora la mano sul fuoco – tendono a suggerire che gli uomini in realtà si innamorano “in tempi più brevi” e sentono il bisogno di esprimere il proprio amore più velocemente di quanto facciano le donne.

Questo da una parte sfaterebbe il mito secondo il quale sono le donne quelle più facili a innamorarsi e a innamorarsi più rapidamente.

Dall’altra confermerebbe l’idea che di fronte a un’emozione tanto forte come quella dell’amore, un uomo senta più pressante la necessità di definirla, di darle un nome e di esprimerla.

Quando un uomo sperimenta innamoramento e amore – sul serio, non un sentimento fakene viene profondamente coinvolto tanto da cambiare le priorità della propria vita.

Ci tiene a prendersi cura e a proteggere la donna che ama e a renderla felice.

L’amore può cambiare il suo atteggiamento mentale e il suo modo di pensare e di rapportarsi agli altri, rendendolo più empatico e capace di connettersi con il prossimo.

Hai in mente il comportamento di certi papà, anche molto giovani, con i loro figli piccoli?

L’amore li ha trasformati, concedendo loro di essere la migliore versione di se stessi.

Che cosa tiene accesa la fiamma dell’amore in un uomo

Quando ci si innamora è difficile spiegare perché e di che cosa ci si è innamorati, capita a tutti.

Di solito il cuore di un uomo si accende e si riscalda quando riesce a far ridere in modo semplice e genuino la propria compagna con una battuta leggera o con qualche piccolo gioco.

Il fatto che ti accarezzi il viso, ti baci sulle labbra, sulle guance e sulla fronte, così, a caso, quando meno te l’aspetti e senza cercare per forza del sesso, sono tutti segnali di un potente coinvolgimento.

Come si comporta un uomo innamorato

Gli uomini innamorati si comportano diversamente dalle donne innamorate.

Proprio perché in genere sono meno in contatto con le proprie emozioni, non esprimono il proprio amore a parole (per questo attenzione a chi quasi non ti conosce o ti conosce solo online e ti dichiara il suo grandissimo amore a voce o per iscritto), ma con gesti e azioni concrete.

Ricorda sempre che i fatti contano più delle parole.

E quali possono essere i fatti quando parliamo di un uomo che si sta innamorando?

Ci sono dei comportamenti tipici, dei comportamenti “chiave” che se presenti in modo coerente e costante possono in effetti far pensare che lui si stia innamorando sul serio.

Non ti invita più fuori come prima? Ti sembra distaccato? Scopri perché non ti cerca!

8 segnali importanti

1 Cerca e mantiene il contatto con i tuoi occhi, tiene il suo sguardo sul tuo sguardo.

Si può misurare il tempo e la forza di uno sguardo? Forse no, forse sì.

Intanto chiariamo un aspetto, basta con quei coniglioni, goffi e maleducati dallo sguardo sfuggente che ti guardano solo se hanno voglia di sesso e per eccitarsi e per il resto non si degnano di abbassare i loro (spesso spenti) occhi su di te.

E lasciamo perdere lo sguardo “furbino” e spiritoso dell’ultimo seduttore da strapazzo che magari hai incontrato in un locale.

Un uomo che ti ama ti guarda sempre negli occhi, quando ti parla, perfino quando ti videochiama, quando siete a una festa, lontani uno dall’altro, quando vuole più intimità da te.

Quando cenate e pranzate e quando siete in gita.

Un uomo innamorato ti guarda e guarda il tuo viso anche quando tu non lo vedi o non lo guardi.

E se è spaventato dalle sue emozioni – cosa che abbiamo detto può capitare – l’amore lo spinge a uscire dalla sua zona di comfort e a gestire sempre meglio i momenti romantici e di tenerezza.

Vuole che tu stia bene

2 Vuole farti felice, non rinuncia a questo obiettiva, prova attraverso vari tentativi.

Ricordiamoci che la nostra felicità non dipende da nessuno al di fuori di noi stessi e che un partner non ha il dovere di renderci felici. Non ha, d’altra parte, nemmeno il diritto di intaccare di un millimetro la nostra serenità, si intenda.

Ovviamente non deve sacrificarsi e immolare la propria felicità per la tua.

Ma la tua felicità è la sua e così dovrebbe essere per te. La sua felicità e la tua.

Per farti felice ci tiene a farti ridere, sceglie i regali per te con cura, si confronta con te sulle scelte importanti della sua vita in modo che le condividiate e non creino dissapori tra voi o insoddisfazioni per te.

È partecipe alle scelte importanti della tua vita.

Sei nei suoi pensieri

3 Vuole trascorrere più tempo possibile con te.

Quando un uomo comincia a rinunciare alle sue solite abitudini e routine o, meglio, le adatta alla possibilità di stare più tempo con te, significa che i suoi sentimenti sono forti e che decisamente è pronto a un vero e proprio coinvolgimento, anche dal punto di vista formale.

Ovviamente il suo interesse a stare il più possibile in tua compagnia non deve limitarsi a un periodo di qualche settimana, ma di più mesi; non deve essere finalizzato solo ad avere intimità con te, ma soprattutto a stare con te oltre il sesso; non deve essere totalizzante, altrimenti è morboso, non sano.

4 Ti pensa spesso. Sei nei suoi pensieri.

Come fai ad accorgertene? Quando ti vede ti parla di riflessioni che ha fatto su di te, su di voi, su qualcosa che ti o vi riguarda; ricorda e parla di cose che gli hai detto o avete fatto insieme. Ti propone di vedervi ogni volta che ha un momento libero anche solo per prendere un caffè insieme. Ti fa una telefonata, anche se veloce e sintetica quando ha un momento libero dal lavoro o è in pausa pranzo, ti manda una messaggio appena ne ha occasione.

Il tutto senza assillarti

Un uomo innamorato è gentile e ti ascolta

5 Usa gesti di affetto, protettivi e teneri quando siete in presenza di altri

Ti accarezza una guancia, ti prende la mano mentre camminate per strada, ti aiuta a portare pesi, ti cinge la vita, con atteggiamento cavalleresco e come se volesse proteggerti. Vuole far capire agli altri che sei la “sua” compagna.

6 È gentile, ti offre il suo aiuto nelle piccole o grandi cose, ti fa volentieri dei favori, anche se tu non gli chiedi niente.

Magari viene a casa tua ad aiutarti a fare piccoli lavoretti; ti accompagna ad appuntamenti di vario genere (dal medico, dal meccanico, in banca); ti aiuta a sbrigare faccende burocratiche anche impegnative.

Ti fa regali più o meno importanti azzeccando sempre i tuoi gusti perché è attento a te e quello che ti piace e ti rende felice.

È attento a te e vuole condividere

7 Ti ascolta.

Non possiamo proprio dire di vivere nel tempo dell’ascolto e dell’attenzione.

Sappiamo anche che molti uomini non ascoltano e in particolare non ascoltano – da nessun punto di vista- le proprie compagne.

Semmai fingono di ascoltare. Atteggiamento oltremodo seccante.

Lui invece ti ascolta, perché per lui sei importante tu e quello che dici e che hai da dire.

8 Fa l’amore con te con passione e delicatezza, e ci sa fare…

L’innamoramento è una condizione della mente e del cuore straordinaria ed è ugualmente eccitante sia quando ci si innamora, sia quando qualcuno si innamora di noi.

È importante saper leggere i segnali per non prendere cantonate e… facciate.

Tienilo presente,

Ecco che cosa fa un uomo quando si sta innamorando.

Lascia un Commento!

13 Commenti

  1. Avatar di Martina

    Martina 7 mesi fa (13 Marzo 2022 18:02)

    Bellissimo articolo che sfata il "mito" che gli uomini si innamorano lentamente hanno bisogno di più tempo delle donne per innamorarsi(cosa m aveva detto una mia amica, che ha più esperienza di me cogli uomini...evidentemente si sbagliava)
    Rispondi a Martina Commenta l’articolo

  2. Avatar di Cris

    Cris 7 mesi fa (14 Marzo 2022 19:28)

    Grazie, Ilaria! Sempre preziosa!
    Rispondi a Cris Commenta l’articolo

  3. Avatar di Angelica

    Angelica 7 mesi fa (14 Marzo 2022 0:22)

    Buonasera Ilaria. Sono una ragazza di 24 anni e mi vergogno terribilmente a parlare di queste cose con mia madre, le mie amiche, i miei amici. Provo a parlarne qui, cercando di non rovesciarti addosso troppo il mio bagaglio emotivo. Appaio sempre solare e divertente con gli altri, la tipica che conversa di tutto, ma la verità è che sono molto malinconica e soprattutto ho un'angoscia perenne: all'idea di conoscere uomini, non parliamo di uscirci e frequentarli (l'idea già mi fa sentire stanca), ma della vita in generale. Ti confesso che vorrei avere già 70 anni perché al pensiero che ho 20 anni, tutta la vita davanti, che potrei iniziare e rompere vari rapporti, cambiare diversi lavori, città, mi mette un'ansia che mi fa salire la tachicardia. Non riesco a comprendere cosa ci sia di bello nella mia età perché personalmente mi sfianca. Oggi pomeriggio ho scoperto che un ragazzo conosciuto a una serata con amici (dove aveva flirtato con me ma io l'ho respinto impaurita, per poi pentirmene a posteriori e quindi speranzosa di poter rimediare quando lo rivedrò a breve) ha appena iniziato a uscire con un'altra. Ora: io lo so che se andrà a buon fine con questa ragazza vuol dire che non è il ragazzo giusto per me, se no mica iniziava una relazione con un'altra, quindi diciamo che la mia delusione è un poco ridimensionata da questo pensiero. Ma il punto è che mi ha fatto riesplodere proprio quelle sensazioni di paura, forse pigrizia (bisogna esser sinceri nella vita, no?), volontà di vivere una vita più piatta perché per lo meno sono serena e nulla mi turba. Metto piede fuori e conosco addirittura un ragazzo che ci prova e mannaggia pareva anche interessante. Nei miei confronti, è a me abbastanza incomprensibile. Non mi ritengo una madame Bovary nei fatti, perché sono universitaria, ho una media alta e mi dò da fare, ma forse a livello emotivo sono la sua versione 2.0. Ho diversi amici, tra cui qualcuno a cui tengo veramente tanto e che mi vuole molto bene, lo vedo dai fatti e li percepisco. Mi dispiace un po' non riuscire mai a tenere fermo il mio umore, forse dovrei chiudermi in una bolla. Mi scuso se ti ho tediato eccessivamente, ma scrivo qui perché sentivo l'esigenza di sfogarmi in qualche modo e nonostante ti segua da poco e non ti conosca mi sento a mio agio, questo sito riesce a trasmettermi la sensazione di casa. Un caro saluto
    Rispondi a Angelica Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 7 mesi fa (15 Marzo 2022 12:43)

      Ciao Angelica, io credo che tu abbia molta consapevolezza, in pratica hai già detto tutto tu: sei conscia del tuo grande bagaglio emotivo (oltretutto in modo molto dettagliato e ciò non è per nulla scontato), di questo ragazzo (che non è il punto delle tue sensazioni ma un sintomo e si, è chiaro che se si fidanza non era giusto per te), della tua pigrizia (coraggioso riconoscerlo!), delle tue amicizie (importantissime averle e importante ancor di più che siano sincere, profonde). Mi sembra, però, e il tuo riferimento alla pigrizia rafforza questa mia idea, che tu sia poco abituata a riconoscere e gestire le tue emozioni positive: hai parlato di paura, traspare un senso di inadeguatezza, insicurezza. Ma dov'è quello che ti fa sentire bene? Le tue passioni, le cose che ti interessano e ti incuriosiscono, che ti assorbono. Secondo me lasci troppo spazio alle prime, senza occuparti minimamente delle seconde e il risultato è che ti inghiottiscono. Cerca di individuarle e di assaporarle, ti sentirai meglio e ti sentirai più proattiva nella tua vita. C'è un articolo di poco tempo fa bellissimo, sull'essere brava in qualcosa. Dacci dentro e non perdere le amicizie preziose di cui parli, anzi, approfondiscile ancora di più. Secondo me ti può aiutare a sentirti meno sola e meno spenta. Mi fai venire in mente quei professori che dicono "il ragazzo ha le potenzialità ma non si applica". Ecco, non tarparti le ali da sola e applicati. Ti auguro buona giornata
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

  4. Avatar di kiki

    kiki 7 mesi fa (11 Marzo 2022 14:41)

    Una boccata d'ossigeno puro questo articolo... sebbene sia quasi triste pensare che vada specificato, è altrettanto bello leggere e sapere (in fondo) che esiste l'amore genuino, vero e autentico. Grazie Ilaria, e buona festa della donna fatta a tutte voi, lettrici e non
    Rispondi a kiki Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 7 mesi fa (12 Marzo 2022 9:34)

      Questo articolo mi è piaciuto tantissimo, scritto molto bene e assolutamente vero☺️
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Cristina

      Cristina 7 mesi fa (15 Marzo 2022 12:28)

      Sono d'accordo con Vic e le altre! Non so se l'abbia già detto e nel caso mi scuso per essere ripetitiva, ma questa scia di nuovi articoli mi piace molto e mi "accende", come quando troviamo qualcosa che sentiamo fa al caso nostro e ci è utile. Vorrei rinnovarti i complimenti, Ilaria, perchè sei sempre più precisa e mirata nel tuo lavoro. Buona giornata a tutti voi.
      Rispondi a Cristina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 7 mesi fa (15 Marzo 2022 13:19)

      Grazie :).
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  5. Avatar di Giulia

    Giulia 7 mesi fa (15 Marzo 2022 17:54)

    Salve Ilaria, Sono Giulia, ho una storia di quasi 12 anni con un ragazzo e conviviamo da quasi 5anni. Siamo stati sempre una coppia felice con poche litigate quindi tutto bene. ma arrivati ai 7anni mi sono arrivati dei pensieri strani su di noi con la paura di non provare più niente, ma lo amavo e non capivo il perché mi succedeva tutto ciò ma parlando sia con lui che con i miei e avendo una storia tranquilla senza viverci a pieno, abbiamo deciso di andare ad abitare insieme dove all’inizio ho trovato dei problemi per il distacco dai i miei familiari, ma che poi andando avanti ho trovato il mio equilibrio. Durante questi 5anni, parlavamo di fare progetti insieme, tra cui sposarci e fare un figlio, ma lui non si faceva mai avanti ed ero io sempre a tirare fuori il discorso. 2 anni fa ho trovato un nuovo lavoro dove mi sono trovata bene fin dall’inizio anche con i colleghi e diciamo che mi sono sentita cambiare xke ora mi sento più aperta(sono una ragazza timida con autostima bassa) e mi sono avvicinata anche a persone di sesso maschile dove ho sempre avuto un po’ di paura verso questo sesso. E questo per me è stato un vero e proprio cambiamento di me stessa. 6 mesi fa, sono arrivata al limite, forse per il mio cambiamento ma forse anche essere troppo assillante sui progetti futuri( lui ancora non si sentiva pronto),abbiamo deciso di prenderci una pausa. Ora È da un po’ di mesi che ci stiamo rivedendo e stiamo bene insieme, ma da quando, ultimamente, mi incomincia a dire di ritornare a casa nostra, che ha voglia di fare un figlio e di sposarci, dentro di me mi si è scaturita una paura di deluderlo di nuovo, sento di non dargli le stesse cose che mi da lui perché lui si sente e si vede che è innamorato, ma anke io lo sono, ma c’è qualcosa dentro di me che non va, nella quale lo ha sentito anke lui. Io non lo voglio perderlo ma solo all’idea sto male! Vorrei ritornare a casa e riviverlo forse mi aiuterà ma Ho paura e non so che fare e come comportarmi. Ho bisogno di un aiuto!
    Rispondi a Giulia Commenta l’articolo

  6. Avatar di SoleLuna

    SoleLuna 1 mese fa (17 Agosto 2022 4:58)

    Questo genere di articoli mi fanno sognare di innamorarmi di nuovo. Sono single da un po' e mi mancano proprio certe cose (vissute a malapena). Da un lato sento che sarebbe il momento giusto per una relazione sana fatta di supporto, comprensione, complicità, progetti ecc. e mi sento anche "caricata" da altri articoli del blog e libri di coaching, so quello che devo fare e sono decisa. Dall'altro lato però ho brutte sensazioni che non so se siano date dal "panorama" di uomini che mi capita di incrociare, da paure, da pregiudizi (altrui) ecc. Ho fatto il pieno di uomini carogna di ogni genere, quindi sono diffidente al punto giusto da non ricascare in certi tranelli, ma ho la fortuna/sfortuna di non dimostrare i miei anni (35) e di non sentirmeli neanche. Per genetica famigliare e attitudine alla vita, posso dire che quasi tutti in famiglia siamo così, ci danno almeno 10 anni di meno di quelli che abbiamo. Mia nonna ha 96 anni e va ancora a ballare! Qualcuna di voi potrà dire "che fortuna" e in parte lo è, peccato che spesso o non si viene presi sul serio perchè si viene scambiati per più giovani, o, quando viene conosciuta prima l'anagrafe di te come persona, discriminati. Mi capita da alcuni anni di attirare uomini più giovani, il che finora non è mai stato un grande problema, anche perchè la differenza di età non era molto rilevante. Ma mi sto iniziando a domandare quando mi avvicinerò ai 40 e li supererò, se sarò ancora single, che succederà. Lo so che non dovrei ragionare per ipotesi non ancora accadute e che non si sa se accadranno, ma purtroppo mi capita di frequente di farlo e di mettermi ansia da sola, so che su questo devo migliorare. Insomma, una delle mie paure è che, a 40 anni probabilmente ne dimostrerò 30-32 e la mia attitudine sarà ancora quella di oggi (non penso la perderò mai) e cioè di una persona che coltiva mille interessi, prova sempre cose nuove, ama stare in compagnia, ridere e valorizzarsi come donna. Ma mi rendo conto che c'è ancora molta gente al mondo a cui piace etichettare le persone in base all'anagrafe e a cosa dovrebbero/non dovrebbero fare e a come dovrebbero/non dovrebbero essere, e per queste persone, invecchiare corrisponde ad una certa idea che è quella di diventare una sorta di pantofolai che devono smettere di divertirsi, uscire, coltivare interessi e persino amare qualcuno di "tranquillo". Insomma, cambiare totalmente attitudine verso una più quieta e di routine. Mi sono resa conto che invecchiare e maturare non per forza deve far rima con "diventare noiosi, quieti e depressi" (permettetemi, non voglio giudicare chi di suo è tranquillo e ama la vita tranquilla, a ognuno il suo stile, riporto solo le parole che mi vengono dette per mettermi pressione), se una persona è matura per quanto riguarda le responsabilità che ha, a mio avviso può anche permettersi (ed è sacrosanto) di essere più leggera nella vita privata, senza che questo significhi essere immaturi. Questa è solo la mia opinione, e mi rendo conto che ognuno ha la sua, arrivo al punto. Per forza di cose la persona giusta per me dovrà essere una persona che ama essere attiva come lo sono io, e se questo fa il paio col dimostrare meno anni, penso che continueranno a piacermi uomini tra i 27 e i 35 anche andando avanti con gli anni (non che chi ne ha di più non possa comunque essere attivo, solare e con un attitudine leggera (nel senso di ironia e umorismo)) ma ho paura che magari mi sentirò inadeguata io perchè probabilmente mi ci faranno sentire gli altri. E non mi riferisco tanto agli sconosciuti, di cui me ne frego abbastanza, ma proprio ai familiari e agli amici, miei o di un possibile fidanzato. Perchè, non si sa bene per quale motivo, la donna più grande è ancora un tabù da dover screditare a ogni costo, anche se significa fare del male a due persone che semplicemente si amano e non stanno ammazzando nessuno. Specifico (perchè altrimenti Ilaria si arrabbia :) ) che non sto ragionando per stereotipi, la mia persona giusta potrebbe avere qualunque età, e tantomeno vorrei superare una certa "soglia" entro il quale il gap generazionale sarebbe troppo perchè funzioni (sia verso il basso che verso l'alto, chiaramente). Sono solo spaventata che se alla fine la persona giusta fosse più giovane di me di un po' e io avessi superato la "fatidica soglia" in cui i pregiudizi si intensificano, mi verrebbe reso impossibile essere felice con quella persona dalle persone a noi vicine. Questa paura nasce sia dal mio vissuto personale che da quello di amiche, in particolare la mia più cara amica che si è tolta la vita tre anni fa proprio perchè la famiglia del suo lui ha fatto di tutto per separarli (lei aveva 42 anni, lui 28). Ci si sono impegnati per due anni facendole le peggio cattiverie e lei ad un certo punto non ha più retto al dolore di sentirsi discriminata per pura anagrafe e per una volta che aveva trovato la felicità dopo anni di problemi di vario genere. Non è una cosa di cui parlo spesso, mi viene più facile scriverlo qui, che non mi conosce nessuno, ma lei per me era come una sorella maggiore e devo aver interiorizzato quel dolore (insieme al dolore per il modo in cui è mancata e per tutto quello che aveva vissuto prima di trovare un po' di felicità). Questo mio racconto fa il paio con altri 2/3 commenti che ho lasciato e magari aiuta a capire perchè ho determinate ansie o convinzioni depotenzianti. (Aggiungendoci il fatto di avere un padre molto severo, giudicante e per nulla incline a dimostrare emozioni) Posso chiederti tu Ilaria che ne pensi di questa mia paura? E' fondata? Il mondo è davvero ancora un posto in cui non c'è spazio per una mentalità un po' più aperta? O sono io che sono troppo "scottata" da un evento traumatico (in più sensi) e mi creo paure che non dovrei avere? E' lecito sperare che una situazione simile possa avere un finale diverso, dove magari amici e famigliari ad un certo punto "si arrendono" vedendo che la relazione va a gonfie vele e la accettano senza più intromettersi? Intanto ti ringrazio per questo spazio prezioso di confronto e di introspezione, mi sta aiutando molto.
    Rispondi a SoleLuna Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 1 mese fa (18 Agosto 2022 15:10)

      Cara SoleLuna, il quadro che dipingi della tua famiglia e di quella della tua povera amica è di sicuro pessimo; non so quanto corrisponda al vero, ma in questi casi non vi è una "verità" assoluta, ma sono vere le nostre percezioni. Nel senso, poco o tanto di "depotenziante" costoro ti abbiano trasmesso, di sicuro per te è stato davvero "troppo". Ciò detto la nostra vita è nostra e non si limita né alla stretta cerchia famigliare (ah, che balzana invenzione quella della famiglia!) né a quella di amici, colleghi, città. Ti garantisco che tre quarti di quelle che tu consideri questioni importanti (quella anagrafica, per esempio) non interessano minimamente a tantissime persone. La storia della tua amica è dolorosissima, come tutte quelle di persone che, a qualsiasi età, decidono di togliersi la vita. Il mio pensiero è che una decisione tale non è mai dovuta a una sola ragione e che molti fattori influiscono nello spingere una persona a un tale atto. E' pieno di relazioni disfunzionali e di famiglie disfunzionali. E' necessario ammetterlo, superare il dolore e prendere la necessaria distanza, di sicuro emotiva e se necessario fisica. Ci sono molti modi per prendere le distanze sia dal punto di vista emotivo, sia da quello fisico. La tua vita e le tue scelte devono essere libere, ci sono un sacco di persone a questo mondo che non hanno pregiudizi e vivono e lasciano vivere. Distaccati da chi ti ha dato l'imprinting che tu debba obbedire a convinzioni e convenzioni insensate e avvicinati a chi è libero di cuore e di mente.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di SoleLuna

      SoleLuna 1 mese fa (19 Agosto 2022 5:47)

      Cara Ilaria ti ringrazio per le parole sagge e di incoraggiamento che mi hai lasciato :) Le apprezzo davvero e so che dici delle grandi verità. (Ho risposto sull'altro commento). Non mi è ancora chiarissimo come fare a vivere totalmente libera dai condizionamenti esterni e come riconoscere le persone che hanno già fatto questo salto e che vale la pena tenersi vicine, ma spero di migliorare presto. La mia più grande paura resta quella di rimanere "vittima" del pensiero unico altrui, quando inficia qualcosa di concreto della propria vita (relazioni, lavoro, vita sociale). Perchè in quel caso fa molto male.
      Rispondi a SoleLuna Commenta l’articolo

  7. Avatar di Virgy

    Virgy 5 giorni fa (23 Settembre 2022 13:39)

    Che meraviglia incontrare un uomo così. Questa descrizione mi fa capire quanto mi sono persa finora nella mia non breve vita e come deve essere bello stare in coppia a queste condizioni. Io ho paura di non riuscire a provarlo mai e, anche se dovessi riuscire a stare benissimo da sola, che cosa mai mi potrebbe ripagare dal non avere una persona così con cui fare il mio viaggio?
    Rispondi a Virgy Commenta l’articolo