Perché non trovi un fidanzato e che cosa ti serve davvero per trovarlo

perché non trovo un fidanzatoPerché non trovo un fidanzato? Anche tu ti sorprendi spesso a porti questa domanda o domande analoghe? Tipo: “Perché non mi si fila nessuno? Perché nessuno mi ama? Perché anche se sono carina, simpatica e tanto buona non riesco a trovare un compagno per me?”

Bene, non sei la sola.

Là fuori ci sono miliardi di milioni di donne che si pongono la stessa domanda.

Mi correggo. Non sono là fuori.

Spesso sono tappate in casa o ingabbiate nella loro routine quotidiana.

Ma continuano a porsi questa domanda. Senza trovare la risposta. O senza volerla trovare…

Questa non è una notazione a caso. E’ un’osservazione importante. Ora lo capiremo.

Ebbene, qual è la risposta giusta a questa domanda angosciante e angosciata?

Una risposta non può esserci e non deve esserci.

Le domande in cui ci si chiede “perché” si è colpiti da tale o talaltra disgrazia non sono domande sensate.

Qualcuno crede infatti che se ci si pone delle domande, il nostro cervello cercherà delle risposte, dato che il cervello è fatto apposta per rispondere alle domande.

Per cui porsi delle domande sul “perché” di situazioni che non ci fanno star bene potrebbe innescare un circolo vizioso di risposte deprimenti.

Del tipo, alla domanda “Perché non trovo un fidanzato?” i cervelli di talune potrebbero fornire risposte tipo: “Perché sono irrimediabilmente sfortunata. Perché sono troppo grassa. Perché sono bionda…” e via così.

Tutte risposte deprimenti e depressive.

Molto più utile chiedersi invece: “Ok, va bene, posto che non ho ancora trovato un fidanzato, come posso trovarlo?”

Questa è una domanda costruttiva, generativa, tendente a sviluppare la creatività e a trovare soluzioni.

E di questo proprio parliamo, ora, qui. Di soluzioni.

Perché non hai ancora trovato un fidanzato

Ora ti faccio un riassunto, brevissimo, tranquilla, del mio sistema filosofico, per così dire, cioè il sistema che io considero vincente per trovare un partner che non sia né una carogna, rischio sempre più probabile di questi tempi, né un’ameba, rischio sempre altissimo, sotto ogni cielo e a ogni latitudine.

Non foss’altro perché gli uomini-ameba sono tanti.

E anche quelli carogna.

La mia esperienza mi dice che se si vuole realizzare una relazione sana e duratura, ricca e appagante, soprattutto se si sono prese delle scoppole in precedenza, è bene avere molta occuparsi di 4 aspetti:

1 acquisire genuina consapevolezza di sé e dei propri bisogni

2 conoscere la psicologia, nel nostro caso quella maschile, per comprendere gli altri, che cosa li spinge ad assumere alcuni comportamenti e interpretarli

quindi, conoscere se stesse e gli altri.

3 Adottare i comportamenti più giusti per ciascuna situazione. Il che non significa essere manipolatorie e manipolatrici e nemmeno perdere la propria spontaneità, ma adattarsi con intelligenza e anche astuzia alla realtà.

4 Fare le “cose” giuste, cioè agire, muoversi, prendere l’iniziativa. Applicare. Mettere in pratica.

Perché non trovo un fidanzato? L’importanza dell’azione

Ho una convinzione personale: tante giovani (e meno giovani) fanciulle belle, buone, tanto gentili e tanto oneste, non trovano un partner degno di loro per la semplice ragione che non fanno, non agiscono, non brigano.

Non mettono in pratica quello che sanno.

Come fai ad attrarre un uomo senza sembrare una facile o una poco di buono?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Non mettono in atto il proprio potenziale.

E’ proprio così.

Se non si ottengono risultati nella vita o se si ottengono sempre i medesimi risultati, per cambiare la situazione non è necessario cambiare se stesse, come molte temono.

Allo stesso tempo è necessario cambiare atteggiamenti e attitudini, adottare comportamenti nuovi e diversi.

Se frequenti questo blog con assiduità sono certa che qualche spunto valido per te e per la tua vita sentimentale lo trovi, se non altro per la gran massa di informazioni e di scambi che ci sono.

Un’idea, una riflessione, un consiglio buono di certo lo hai trovato, uno di questi giorni.

Anche una considerazione con la quale ti trovi in risonanza.

Bene.

Magari non hai trovato qualcosa di utile e di dirompente qui, ma l’hai trovato nei percorsi che ti ho proposto.

O forse nemmeno in quelli, ma altrove, in un posto completamente diverso.

Va bene lo stesso.

Ecco, non lasciare cadere quello che ti colpisce, non lasciar perdere quel che può esserti utile, non far calare il velo su quello che può migliorare te e la tua vita e può permetterti di raggiungere i tuoi obiettivi.

Metti in pratica. Un solo consiglio. Una sola idea. Una sola piccola strategia.

Quando conquistano il tuo cervello e arrivano al tuo cuore, ci vuole un passo in più: metterlo in pratica.

Passare all’azione, inserire, implementare quanto hai intuito e hai appreso nel comportamento che hai ogni giorno, negli scambi con gli altri, nelle relazioni quotidiane.

Se non trasformi la teoria in pratica, l’idea in azione, non puoi cambiare posizione.

Per cambiare posizione bisogna muoversi (!!!), se non ci si muove non ci sono cambiamenti, semmai si subiscono i cambiamenti.

Se non esci di casa, non prendi l’iniziativa di compiere azioni precise (iniziare a frequentare nuovi ambienti, acquisire nuove abitudini, assumere comportamenti mai avuti), non metti in pratica i consigli, non puoi ottenere risultati diversi da quelli che hai ottenuto finora.

Questa non è una considerazione che ti deve deprimere, ma che ti deve esaltare, eccitare, entusiasmare.

Perché significa che creare i risultati che vuoi nella tua vita dipende da te.

Quando agisci ottieni. Quindi, rivediti i quattro punti che ti ho presentato, ascolta i consigli, comprendi, informati.

Soprattutto, metti in pratica.

Ogni giorno un piccolo passo. Per raggiungere quello che vuoi.

Guarda l’anteprima video di Come fare innamorare un uomo e tenerselo (clicca qui o sul titolo del percorso per vedere subito i video gratuiti e iscriverti gratis e senza impegno).

 

 

Lascia un Commento!

54 Commenti

  1. Avatar di Fisa

    Fisa 5 mesi fa (6 Luglio 2019 22:25)

    Bell’ articolo Ilaria e secondo me esatto e veritiero nel contenuto. Credo che una persona debba dare la priorità a soddisfare i bisogni che dipendono direttamente dalla sua volontà, come realizzarsi professionalmente o fare quello che ama nel tempo libero .... cercando mentre svolge le attività della sua vita di conoscere persone nuove e frequentare luoghi di incontro. Tutto ciò con l’ atteggiamento giusto. Poi la vita farà da se’. E bisogna anche accettare l’ eventualità di non trovare la persona giusta per noi. Perché se non è quella giusta si sta decisamente meglio da soli e ci si gode davvero la vita. Un partner deve aggiungere, non essere indifferente come contributo o addirittura togliere. Quello che dico lo dico adesso che ho lasciato l’ unico uomo avuto in 37 anni, con cui sono stata 16 anni.
    0
    Rispondi a Fisa Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 5 mesi fa (7 Luglio 2019 8:58)

      Brava Fisa! Concordo pienamente. Riprendere in mano la propria vita e star bene con se stessi innanzitutto; poi viene tutto il resto, e senza mai sentirsi in obbligo di stare (o restare) con qualcuno per conformarsi agli altri. La persona giusta si incontra quando facciamo le cose giuste per noi stessi. Grazie per il tuo bel commento e buona domenica! 😊
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  2. Avatar di Daniela

    Daniela 5 mesi fa (7 Luglio 2019 12:03)

    Articolo stupendo! E' proprio quello che faccio da un po' di tempo a questa parte, restituisce a se stessi la responsabilità della propria felicità sentimentale come è giusto che sia. A volte ci si dimentica del proprio potere personale nelle varie situazioni e si tende a ritrovarsi a subire le scelte altrui senza nemmeno accorgersene, parlo di questo proprio in prima persona… non va bene, basta svalutarsi! Devo dire che quando ci si dà valore anche gli altri se ne accorgono subito e la differenza di reazione è notevole, in pratica lo sentono quando sei davvero sicura di te. Ho già trovato molti spunti interessanti in questo blog e risposta anche ad alcune domande e questo ultimo articolo, il primo a cui rispondo dato che sono nuova, racchiude il senso totale del blog.
    0
    Rispondi a Daniela Commenta l’articolo

  3. Avatar di Dani

    Dani 5 mesi fa (7 Luglio 2019 16:03)

    Buongiorno Ilaria, la seguo da diverso tempo e ho letto i suoi articoli. Come giustamente scrive bisogna uscire e frequentare posti nuovi e fare nuove esperienze per conoscere gente. Ho partecipato a corsi di ballo, pittura, palestra e frequentato corsi per lavoro ma non riesco a fare conoscenza con nessuno per creare i presupposti per una semplice amicizia anche con altre donne. Cerco di essere aperta e disponibile con tutti nonostante io sia sempre stata molto timida e riservata. È come se fossi invisibile e oramai ho quasi perso la speranza. Comunque in tutto questo ho imparato a godere della mia sola compagnia in vacanza, alle mostre e in giro per la città ma sarebbe bello poter interagire di più con altre persone. Le sarei grata se potesse darmi qualche suggerimento. Grazie :)
    9
    Rispondi a Dani Commenta l’articolo

  4. Avatar di Ally

    Ally 5 mesi fa (8 Luglio 2019 0:10)

    Sante parole in questo articolo Ilaria! Riflessioni e suggerimenti che riproponi sempre e che condivido nel cuore e nella mente. Realizza te stesso, sperimentati, mettiti in moto per la tua vita ed il resto lo incrocerai sul tuo cammino. Diciamo che ad un anno dal fattaccio di passi ne ho fatti: solo ora però mi apro al mondo con un atteggiamento un po' più fiducioso verso l altro. I primi tempi mi sono serviti per medicare le ferite ed adesso mi sperimenteró: palestra, volontariato e spero presto in un nuovo lavoro. Ho un po' timore ma penso che anche io sia meritevole di serenità dopo tanto dolore. E se non cambio niente... Niente cambia! Mi incoraggio da sola e grazie a voi :) un abbraccio forte
    0
    Rispondi a Ally Commenta l’articolo

  5. Avatar di Carla

    Carla 5 mesi fa (7 Luglio 2019 9:13)

    Sono in un periodo di stasi. Ho perso l'aereo col quale dovevo partire pochi giorni in vacanza. Non so se è un segno di grande stanchezza o di estremo rilassamento. Fatto è che ero già in aeroporto davanti al Gate e mi sono come "addormentata" ad occhi aperti. Non mi sono resa conto che la fila avanzava e quando mi sono svegliata dal mio torpore, il gate era chiuso e sono rimasta a terra. Sarà un simbolo della mia vita? Non lo so...ma è una storia vera...
    -5
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (7 Luglio 2019 9:17)

      Ciao Carla, ti abbraccio forte forte. Credo tu sia un po' in crisi. In un momento molto difficile della mia vita avevo anche problemi sul lavoro nella azienda nella quale stavo. Dovevo andare a un appuntamento assolutamente importante. Vado a prendere la navetta al mattino. Mancava qualche minuto, mi misi esattamente alla fermata ad aspettare circondata da altri dipendenti le cui facce mi erano arcinote, la navetta arrivò, la vidi, vidi gli altri salire uno a uno e io non salii. Pensai che avevo toccato il fondo. Secondo me innanzitutto bisogna riposare. Non c'è modo di recuperare la vacanza?
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 5 mesi fa (7 Luglio 2019 13:37)

      Gli organizzatori sono stati molto comprensivi. Mi hanno sentita affranta e non mi hanno fatto pagare. Mi sono riposata a casa e in città dove vivo. Ho visto molti amici a me vicini. Sono in compagnia. Domani riprendo il lavoro e vedo la psicologa. Poi le vere vacanze. E si ripartirà. Ma che brutta esperienza. ..
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (7 Luglio 2019 13:41)

      Però Carla, dài, che risultato positivo in questa negatività: non ti hanno fatto pagare. E' un buon segno per te e per il mondo. Non credi? Un abbraccio.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 5 mesi fa (7 Luglio 2019 14:13)

      Avranno capito anche loro. ..grande empatia. Ma sono persone che fanno parte del mio entourage anche se non li conosco personalmente. E molta solidarietà. ..
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (7 Luglio 2019 16:16)

      Dici poco...
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (7 Luglio 2019 14:04)

      Ciao Carla! Quindi dai tutto sommato ora ti riposi così e poi andrai in vacanza. A volte si è troppo stanchi persino per farsi un viaggetto
      0
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 5 mesi fa (7 Luglio 2019 14:23)

      Nella sfortuna fortunata, come si dice dalle mie parti 😉. Fa bene vedere l'umanita' che gli organizzatori del viaggio ti hanno dimostrato. 😊 Buona domenica, Carla! E buone vacanze tra un pochettino!
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 5 mesi fa (7 Luglio 2019 10:48)

      Cara Carla, mi dispiace tantissimo per l'aereo perso e, come ha scritto Ilaria, spero tu possa comunque raggiungere la destinazione prefissata. Concordo con Ilaria (grazie per averci raccontato una tua disavventura): la stanchezza gioca bruttissimi scherzi. A fine agosto scorso mi hanno rubato il portafoglio mentre salivo in metro a Milano per andare a prendere il TGV: me n'ero accorta subito ma un'odiosa agente della metro meneghina a due passi da me sul vagone, anziche' aiutarmi (due ladri erano ancora raggiungibili e il terzo doveva essere nel vagone) mi ingiunse di "non far perdere tempo al mezzo" e di "scendere subito" i miei bagagli pesanti. No comment sulla polizia che non mi ha nemmeno fatto sporgere denuncia e mi ha detto (mentendo) di farlo a Parigi. Mai subiti borseggi prima di allora, ma quel giorno tornavo da 15 giorni di vacanze ben poco riposanti da mia sorella, che ogni mattina dal lunedi al sabato mi svegliava alle 4 spignattando per preparare il pranzo al suo compagno che andava al lavoro alle 5 😣. Lei non aveva preso ferie ed io stavo tutto il giorno con mia nipote - la sola parte piacevole delle due settimane. Il giorno del rientro in Francia ero partita presto in treno per arrivare a Milano e prendere il TGV; una frazione di secondo di disattenzione dovuta alla stanchezza mi ha fregata. Peraltro, il mio inconscio mi aveva allertata: la notte prima di ripartire avevo sognato degli scarafaggi girare intorno ai miei bagagli. Dopo il fattaccio ero furibonda con me stessa perche' normalmente sono sempre molto attenta e vigile, ma ce l'avevo anche con mia sorella che non mi aveva accompagnata a prendere il TGV (era domenica e sia lei sia mio cognato erano liberi) nonostante fossi carica come un mulo: avrei dovuto insistere perche' mi accompagnassero, ma non l'ho fatto. Per me, al posto suo, sarebbe stato ovvio accompagnare mia sorella, ma siamo molto diverse. Lei poi si e' sentita molto in colpa, ma dei suoi rimorsi me ne facevo ben poco... Questa brutta disavventura mi ha fatto pero' capire che non posso usare le mie preziose vacanze per far comodo agli altri: cosi quest'anno ho deciso di pensare a me stessa e le vacanze estive le trascorrero' tutte nel Sud natio, godendomi la compagnia di mia madre e dei miei amici, il sole e il mare. 😊 Scusate se mi sono dilungata: spero che l'aneddoto sia utile per capire che bisogna sempre ascoltare i propri bisogni. Buona domenica e spero tanto, Carla, che tu possa fare comunque la tua meritata vacanza! Un abbraccio 😘
      -5
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Anna G

      Anna G 5 mesi fa (7 Luglio 2019 11:14)

      Ciao Ilaria, ho 52 anni,in fase di separazione dopo che ho scoperto che mio marito mi tradiva .Mi sono ritrovata con un vecchio amico e mi piace moltissimo. Lui purtroppo è sposato, probabilmente in crisi. In un tuo articolo ricordo dici di non iniziare storie in cui l'obiettivo di lui non sia tu la priorità, l'unica a cui dispensare energie. Quindi nn dovrei nemmeno iniziarla una relazione del genere. In un'altro articolo dici di vivere le storie che ci capitano con leggerezza senza investire tutto su di un'unica persona al cento per cento. Mi chiedo se riuscissi a vivermela cosí potrebbe essere una bellissima esperienza e appagante. Eliminarla a priori non ti fa non vivere ciò che la vita ti offre gioie e delusioni connesse e inevitabili qualunque rapporto tu intraprenda?
      6
      Rispondi a Anna G Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (7 Luglio 2019 11:24)

      Ciao AnnaG, ogni tanto usiamo quel che ci circonda come un elastico da tirare nella direzione che preferiamo. Io suggerisco di non mettersi mai con uomini sposati o impegnati, sono fonte di guai inenarrabili. Sottolineo anche che non si entra nelle storie sbagliate come si entra in un negozio per guardare i saldi: quando si entra e si esce dal negozio semmai ci sentiamo gratificate, anche se con il portafoglio alleggerito, per nostra scelta. Dopo una storia sbagliate ci si ritrova più in basso di prima, più svuotate, più sperse con ancora meno autostima. Davvero bella roba. Questo stronzo qualsiasi è un furbo cacciatore di torte, sai che significa vero? Che gioca sulla tua fragilità per usarti. Bellissima roba, davvero. Su dài, ogni tanto sforziamoci di non far credere all'ultimo idiota di maschio di turno che tutte le donne sono sceme.
      -7
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Mononoke

      Mononoke 5 mesi fa (7 Luglio 2019 13:40)

      Cara Carla, mi hai fatto venire in mente un episodio che mi è successo in un periodo in cui ero alla frutta per il troppo lavoro. Dovevo partire per una settimana, una vacanza di cui avevo un disperato bisogno e che ero riuscita a programmare con molta fatica. La mattina del volo è suonata la sveglia, ho aperto gli occhi l'ho spenta e ho continuato a dormire. E ho perso il volo. Un caro abbraccio e cerca di riposare!
      0
      Rispondi a Mononoke Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 5 mesi fa (7 Luglio 2019 17:19)

      Grazie a tutte. Buona domenica a voi :-*
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 5 mesi fa (7 Luglio 2019 19:16)

      Ciao Ilaria, ciao ragazze/signore! Come state? Questo articolo mi ha fatto riflettere su alcuni aspetti della mia vita attuale. Da più di un anno ho lasciato il mio ex di punto in bianco (eravamo in macchina e sono scesa, semplicemente) perché in quella relazione stavo malissimo. Sicuramente non è stata la mia prima relazione sbagliata, ma spero sia l'ultima. Da allora sto cercando di cambiare molte cose nel mio modo di pensare. Ho passato un lungo periodo di stanchezza in cui mi sono sentita brutta e "vecchiarda" e, lo ammetto, mi sono tappata in casa. Ora va molto meglio, da alcuni mesi ho ricominciato a uscire e a conoscere persone nuove. Non ho mai avuto difficoltà a farlo perché sono una donna molto allegra e alla mano, però vivo da sola in una nuova città in cui mi sono trasferita di mia spontanea volontà. Ho due lavori, sono soddisfatta di quello che ho raccolto in questi anni, ma nonostante ciò faccio fatica a conoscere gente. Ho conosciuto diversi uomini, che ora osservo con sguardo più attento e critico, ma è andata sempre a finire con lui che è sparito dopo la prima uscita. So che questo non dipende da me ma... Come faccio ad evitare di farmi venire brutti pensieri della serie: "Vedi? Ti rifiutano tutti. Allora..." Grazie a tutte, a presto
      -2
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (7 Luglio 2019 20:31)

      Si ma che tipi erano? Che ti hanno chiesto? Che cercavano? Ti eri divertita? Erano attraenti? Ti è capitato di pensare: “mannaggia mi piaceva proprio, sembrava la persona giusta!”. Perché ti vedi come quella che viene scelta e non quella che sceglie?
      -6
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 5 mesi fa (7 Luglio 2019 21:24)

      Ciao AnnaV! Tra tutti, solo l'ultimo con cui sono uscita mi aveva colpita :) non ho problemi a continuare nella ricerca, sono solo le tante piccole "delusioni" di cui parla Ilaria che a volte mi pesano un po'. Forse non ho fatto abbastanza selezione.
      -5
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (7 Luglio 2019 22:58)

      Ma delusioni perché? Non ti piacevano!! Cioè se ci rimaniamo male pure per quelli che non ci piacciono, stiamo fresche! Siamo selettive almeno nel restarci male, se non altro. Pensa se ti si fosse appioppato qualcuno che non ti piaceva: che avresti fatto? Avresti segnato il punto e basta, o te lo saresti dovuta pure sposare? :) :) :)
      -1
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 5 mesi fa (8 Luglio 2019 11:33)

      AnnaV, devo dire che mi hai strappato una risata! No, assolutamente non ho intenzione di giocare alla schedina :D ciò che stavo tentando di spiegare è che in questa fase di cambiamento a volte mi sembra di osservare i soliti comportamenti, i soliti schemi, e questo un po' mi rattrista. Ti auguro una buona giornata Chiara
      -2
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (7 Luglio 2019 23:19)

      Guarda, qualche settimana fa in aereo un uomo ha iniziato a parlare con me, mi ha raccontato tante cose, guardandomi con la classica espressione imbambolata e stupita che hanno gli uomini quando gli piaci (non da latin lover, per intenderci). Ha spontaneamente fatto riferimento a un paio di sue passioni che sono anche mie. Da quello che raccontava sembrava nel complesso una brava persona. E infatti se ne è andato, non ha chiesto il telefono, niente. Molto probabilmente era sposato o impegnato, avevamo un sacco di figli in due, due professioni impegnative ecc ecc. Voi direte: di tante cose proprio di eventuali partner non avete parlato? Esatto. Anche le mamme, ci siamo raccontati. E quando si è bravi, si è bravi eh. Ci sono rimasta un po’ male, e ovviamente ho fatto lo scanning di cosa avessi sbagliato io (troppo distaccata? ho fatto la figura della deficiente che non sa fare una conversazione? troppo vecchia? troppo alta? ... cioè aveva fatto tutto lui, magari non ci pensava per niente e io a farmi la pagella). Però non mi capitava da tanto tempo di avere interesse genuino per un essere umano apparentemente normale anche se di sesso maschile, e per di più piacente senza essere figo. Ci resti male, ci sta. Ma il Pinco Pallo casuale che ci vai a cena perché ti ha invitato lui, altrimenti andava bene lo stesso, proprio no! (Infatti sto evitando queste situazioni perché oramai mi trasformo in Nanni Moretti e poi dico quello che penso e non va bene)
      -14
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 5 mesi fa (8 Luglio 2019 11:04)

      Non ho capito perché ci sei rimasta male...perché non ti ha corteggiata ? Forse anche lui ti ha visto come un essere umano e non come due puppe al vento qualsiasi. Mi domando cosa si voglia, talvolta !
      10
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (8 Luglio 2019 11:19)

      Da quale pulpito! ;) ;) ;)
      -3
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 5 mesi fa (8 Luglio 2019 11:47)

      perché? forse non ho capito il problema di AnnaV ;-) ma si sa, sono "svampita" ultimamente...
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (8 Luglio 2019 11:53)

      Era una battuta Carla, era una battuta.
      -4
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 5 mesi fa (8 Luglio 2019 13:32)

      ok ;-)
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (8 Luglio 2019 11:50)

      Forse perché si perde il "potere" di scartare, semplicemente. E, in più, innesca una serie di domande - quelle che AnnaV ha elencato - che in genere non ti poni se un uomo inizia a corteggiarti. Insomma, un po' di autostima che barcolla...
      5
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (8 Luglio 2019 13:09)

      @Emilia secondo me su questo bisognerebbe lavorare molto. Non può essere che un incontro con un uomo debba essere inquadrato in corteggiamento si/no. Più che altro perché ti concentri sulla gratificazione dell’essere corteggiata, piuttosto che su come è lui è su quello che senti tu. E poi è vero che tante storie iniziano gradualmente, se non si riduce tutto a un solo schema.
      -2
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (8 Luglio 2019 16:51)

      @AnnaV, dato che mi sembra di aver capito, da quel che scrivi di solito, che non desideri iniziare frequentazioni perché significherebbe far entrare un estraneo nella tua vita e in quella dei tuoi figli, ho pensato che tu preferisca allontanare il pensiero di provare un interesse per un uomo qualunque. Per questa ragione prima ho commentato in quel modo.
      3
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (8 Luglio 2019 17:35)

      Ma infatti io sembravo una barbabietola in ansia, secondo me... :) Ad ogni modo men che meno mi interessa avere corteggiatori che non mi piacciono, che dici?
      -1
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (8 Luglio 2019 17:57)

      Beh, questo puoi saperlo solo tu! :) La mia era una innocua ipotesi in buona fede ;)
      2
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Elena

      Elena 5 mesi fa (10 Luglio 2019 14:07)

      Salve ! Aspettavo questo articolo da tempo ,dato che anch'io faccio parte della schiera di donne che non trova la persona giusta ,poi io ho l'aggravante che non ho neanche un corteggiatore da anni !! Va beh !!! Faccio meglio che posso ,esco ,mi tengo curata e ho il mio lavoro ma niente , già conoscere è difficile poi ,che abbiano un interesse, si passa a 0 possibilità!! Racconto quello che mi è successo l'ultima volta che sono uscita , io e un'amica siamo state invitate a un compleanno di un amico in comune , arrivate ci siamo sedute a tavola ( grigliata a casa di lui ) ,per tutta la serata io e la mia amica siamo state isolate dagli altri ,il vuoto attorno a noi ,nessuno che ci è venuto a parlare ,sembravamo delle appestate , ho capito che la maggior parte erano coppie sposate e pochi single ma anche quei pochi ci hanno evitato( premetto che l'amico in comune ha cercato in tutti i modi di far coinvolgere gli altri ma non c'era verso ,ci parlavamo per un po' e poi andavano via ........ ci sono proprio rimasta male !!
      3
      Rispondi a Elena Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 5 mesi fa (8 Luglio 2019 11:53)

      Carla, voglio sperare che il corteggiamento non corrisponda unicamente a inseguire puppe al vento! Ci sta che ci sia rimasta male. Non tanto perché lui non le abbia il numero, ma perché probabilmente ci sono condizioni per cui lui non poteva chiederle il numero, che in altre condizioni avrebbe invece chiesto.
      -16
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (8 Luglio 2019 12:57)

      @Carla: era quello che volevo dire. Ci sono “rimasta male” - senza motivo ragionevole - perché lui piaceva a me. Al limite, è una piccola frustrazione comprensibile. Non rimango male se non mi chiede il telefono o non vuole rivedermi uno che non mi piace. A Miss Universo non aspiro di certo :D :D
      -9
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 5 mesi fa (8 Luglio 2019 13:31)

      ho capito ora. grazie :-)
      0
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di FrancescaF

      FrancescaF 5 mesi fa (8 Luglio 2019 11:09)

      Al tuo “troppo alta” ho sorriso perché poi ci sono quelle (basse) che guardano le alte e dicono: “oh, come sono bassa e guarda lei com’è perfettamente alta!” Faremmo di tutto pur di trovarci un difetto e prenderci a bastonate con la penna rossa! :-D Quanto al resto, uomini così si apprezzano anche perché hanno la decenza, vista la loro situazione, di non chiedere il numero. E ci sta che si resti male, pure per questo paradosso.
      -12
      Rispondi a FrancescaF Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 5 mesi fa (8 Luglio 2019 12:59)

      @FrancescaF: Esattamente
      0
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Emanuela T

      Emanuela T 5 mesi fa (8 Luglio 2019 16:05)

      Ciao AnnaV, mi hai ricordato un episodio accaduto anche a me in aereo. Capito accanto ad un signore che poi si rivelerà essere un commercialista, iniziamo a parlare, soprattutto a ridere perché le zabette dietro non la smettevano di spettegolare. Penso che esternamente sia sembrato fossimo addirittura una coppia, visto che a un certo punto lo stewart ci ha offerto un calice di spumante a entrambi ( l'ultima volta che mi era capitato è stato quando sono partita in viaggio di nozze ). Mi chiede il numero di telefono, ma lì penso che il divertimento è bello se dura poco e gli do il biglietto da visita con numero aziendale e non quello personale. Lui poco dopo mi chiede se arrivati in aeroporto ho il passaggio per arrivare nella mia città. Io ci penso su e dico sì. In verità il mio rifiuto è stato causato da altro... ecco, come dire: Non avevo le mutandine :D Praticamente avevo finito la biancheria pulita stando fuori e indossavo la gonna. L'idea di entrare in macchina seminuda con uno tutto sommato sconosciuto mi ha paralizzata. Sì, ho visto anche lui restarci male, però non ce l'avrei mai fatta. Insomma, magari anche il tuo non indossava i boxer :D ecco non datevi sempre le colpe.
      -17
      Rispondi a Emanuela T Commenta l’articolo

    • Avatar di Silvia

      Silvia 5 mesi fa (8 Luglio 2019 18:55)

      EmanuelaT, questa storia è splendida! "Sì, ho visto anche lui restarci male, però non ce l'avrei mai fatta" :DD
      -9
      Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 5 mesi fa (8 Luglio 2019 0:04)

      Carla!!! Mi piace pensare che probabilmente non era momento per te per partire, dovevi sfruttare quel tempo in modo diverso! Pensa che non hai perso denaro e che ti riposerai sicuramente alle prossime :) io in un periodo di somma stanchezza e svuotamento ho avuto la patente sospesa per una sciocchezza. Dopo la consapevolezza e successiva tristezza, non mi sono fermata ed ho apprezzato il fermo forzato. Proviamo sempre a guardare le cose con occhi diversi e a trarre in segnamento per il futuro!!! Un abbraccio a tutte :)
      0
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

  6. Avatar di ombra

    ombra 4 mesi fa (24 Agosto 2019 3:05)

    Salve Ilaria, seguo spesso il tuo blog e ti trovo eccellente! Già una volta ho scritto in questa sezione, mi desti degli ottimi consigli. Oggi se non ti spiace ne vorrei un altro. Sono una donna di 31 anni e nella mia vita ho subito ogni genere di abusi e violenze: durante l'infanzia in famiglia per un padre violento, durante l'adolescenza per il bullismo, in gioventù per un amore sbagliato e violento. Ho avuto una vita lunga ed ora sono stanca. Per tutti questi anni ho tenuto duro e sono stata forte perché pensavo che un giorno avrei avuto la mia rivincita, e' vero oggi le cose vanno molto meglio, ho amici, un lavoro e l'affetto dei miei cari,sono immensamente fortunata. Ma quell'amore che per tutta la vita ho sognato e sperato, non è mai arrivato. Non sono un'incauta sognatrice, so bene cos'è la vita! So che sono già fortunata così, ad esser sana e salva. Non mi serve un uomo per completarmi o perché ne ho bisogno o perché detesto essere single, anzi, e' bello prendersi cura di se. Io vorrei avere una seconda possibilità con l'amore, di farmi conoscere per ciò che sono, di camminare l'uno accanto all'altra, di abbracciare un uomo e potergli dire "Ti amo" certa di essere ricambiata, di poter avere un sicuro appoggio quando i miei passi vacilleranno. E' così sbagliato? Io non lo so. Ciò che so e' che nessuno si e'ai davvero innamorato di me, nonostante io abbia molto da offrire, gli uomini nemmeno mi guardano. Cosa mi consigli: desistere, arrendermi definitivamente ad una vita priva di amore, tanto e' solo un'illusione? Oppure? Cosa fare?
    7
    Rispondi a ombra Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 3 mesi fa (24 Agosto 2019 12:19)

      Cara Ombra, mi dispiace molto per tutto quello che hai sofferto. In attesa della risposta di Ilaria mi permetto di consigliarti una cosa: ricordati che hai 31 anni, non 91. Nei momenti di sconforto capita di perdere di vista gli aspetti positivi, i propri punti di forza e anche la luce che si ha dentro. Ad esempio, perche' usi ancora il nick "Ombra"? Non si puo' dimenticare il passato, ma di certo si puo' e si deve andare avanti. Pensa a tutto quello che hai conquistato finora e vai avanti con serenita'. Buon week-end e un abbraccio!
      0
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (24 Agosto 2019 22:26)

      Ombra, tu chiedi consigli su questioni della vita fondamentali che non vanno trattate come un "domanda-risposta" da "Cioè". Vanno affrontati nel profondo, occupandosi delle proprie convinzioni e attraverso percorsi articolati. Attenzione a semplificare. Detto questo di certo l'osservazione di Gea è tutt'altro che fuori luogo e anche ovvia a dirla tutta. Io credo che non si debba mai desistere, immaginiamoci a 31 anni quando, a dispetto del proprio passato, anche dei peggiori, la vita è appena al suo inizi, soprattutto di questi tempi. Certo, è il caso di misurare bene i propri obiettivi. Anche se ormai siamo circondati da persone che alle età più impensate e con i limiti più alti raggiungono traguardi molto ambiziosi. Ed ecco, parlando del tuo desiderio e degli obiettivi. Dici di non essere un'incauta sognatrice e ci credo. Allo stesso tempo dalle tue parole e dal tuo modo di esprimerti esce un concetto di amore che personalmente ritengo poco realistico, fuorviante e che probabilmente è la causa del fatto che tu non sia ancora così realizzata da questo punto di vista. Non ci si innamora perché l'altro ha molto da offrire; non si sta in coppia per avere "un sicuro appoggio" (come dice la saggezza popolare, di sicura c'è solo una cosa, che peraltro rende tutto il resto incerto, anche le relazioni e i legami più importanti e più saldi), tanto meno un partner è accanto a noi per appoggiarci quando i nostri passi vacilleranno. Espressione molto vaga e anch'essa pericolosa: pensa che cosa implica trasmettere a un'altra persona di ritenerla "un sicuro appoggio quando i nostri passi vacilleranno". Terribile! Quindi sarà un altro o un'altra a decidere quando i nostri passi vacilleranno? E che cosa comporta questa attribuzione di responsabilità, questo privarci della nostra responsabilità verso noi stessi per darla a un altro (sempre che sia possibile)? Che gli/le buttiamo addosso i nostri guai? Con quale diritto da parte nostra e con quale dovere da parte sua? Ma scherziamo?! Oppure sarà questa persona a prendersi le responsabilità e a decidere, un giorno, che i tuoi passi vacillano e quindi farsi tutore o tutrice di te, impedendoti di vivere la tua vita come ti pare e magari approfittandosi pesantemente di te? L'amore non è solo un'illusione. L'amore inteso in un certo modo. Temo che come lo intendi tu sia un pericolo.
      -6
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  7. Avatar di Carla

    Carla 3 mesi fa (25 Agosto 2019 21:03)

    Tanto come la si gira e la si volta è sempre colpa nostra? Non credo proprio. Non mi va di attribuirmi tutta la responsabilità delle mie azioni. Ad ogni azione una reazione.
    -4
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

  8. Avatar di Carla

    Carla 3 mesi fa (25 Agosto 2019 8:05)

    Da 15 anni a questa parte (ne ho 49) mi sono resa conto che non sono più stata al centro delle attenzioni sincere di un uomo, tranne in un paio di casi ma, ahimè, non ero innamorata. Ho la sensazione di essere stata un passatempo tra una relazione e una altra ad ogni incontro che ho avuto. Di sicuro ho una parte di responsabilità ma mi rendo conto che ho lasciato o ho fatto in modo di essere lasciata (con sofferenza profonda dovuta anche alla sensazione di abbandono che sto ancora elaborando in analisi). Tutto questo perché per me è insopportabile accontentarmi delle briciole, come spesso descritto negli articoli di questo blog. Il risultato è che mi ritrovo single, una condizione che detesto ma alla quale devo piegarmi. Ma davvero per me è inconcepibile elemosinare "l'amore ". Buona domenica
    -2
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 3 mesi fa (25 Agosto 2019 11:49)

      Buona domenica a te, Carla. Visto che sono 15 anni che ti dici le stesse parole autosvalutanti, potrebbe essere necessario riformulare i concetti in maniera più utile al tuo benessere ... un abbraccio
      -3
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Carla

      Carla 3 mesi fa (25 Agosto 2019 19:43)

      Penso di essere obiettiva. Non particolarmente autosvalutante perché giustamente conosco il mio valore e quello che un vero uomo dovrebbe attribuirmi.
      -5
      Rispondi a Carla Commenta l’articolo

    • Avatar di AnnaV

      AnnaV 3 mesi fa (25 Agosto 2019 20:13)

      Si anche io ho passato la fase del: sono una persona di valore ma a nessuno frega niente del mio valore, cioè di me. Come pensiero svalutante è advanced, in effetti. Non è che non hai valore tu, è che non ti vuole nessuno, cioè il mondo è un posto orribile. Devi ammettere che dirselo non è certo una sferzata di energia.
      1
      Rispondi a AnnaV Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 3 mesi fa (25 Agosto 2019 20:28)

      ‘Advanced’. 😅😅😅 Mi sa che devo adottare anch’io questi criteri di valutazione...
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 3 mesi fa (25 Agosto 2019 21:24)

      Ahahahaha :D
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo