<< Articolo Precedente
Articolo Successivo >>

Lui ha scelto un’altra. Tu che cosa devi fare?

lui ha scelto un'altra

Quando lui ha scelto un’altra, quanto male ci si sente? Quanto male ti senti quando non ha scelto te, ma lei? Che cosa è più giusto e utile fare e pensare in una circostanza del genere?

Intanto, circoscriviamo per bene l’argomento

Di che cosa stiamo parlando esattamente?

Tante sono le situazioni nelle quali può capitare che il “lui” in questione scelga un’”altra” come compagna.

Per esempio accade quando un uomo sposato lascia moglie e figli e decide di costruire una nuova coppia (e magari una nuova famiglia) con un’altra donna.

Attenzione: la scelta non cade sempre su donne più giovani, più belle, più di buon carattere!

Questo è un mito da sfatare.

Spesso non è così.

Oppure accade quando un uomo fidanzato lascia la fidanzata quasi sull’altare per sposare un’altra.

Accade anche l’inverso, ed è molto frequente, frequentissimo: lui è sposato/fidanzato/impegnato e inizia una storia con un’altra donna, dicendo che la sua relazione precedente è finita.

Ma quella relazione precedente non l’interrompe mai, oppure la interrompe e poi, quando sembra essere sul punto di mettersi definitivamente con la nuova conquista, hoplà, decide che è meglio tornarsene da dove era venuto.

Dalla moglie odiosa, sanguisuga e poco attraente, con la quale sono decenni luce che non ha rapporti intimi.

Anche se lei stai per avere un bambino.

Dalla fidanzata storica, che da sempre definisce insopportabile e asfissiante e che aveva deciso di lasciare già cinque anni fa perché non avevano nulla in comune, ma, stranamente, nel frattempo, non hanno smesso di cercare il mutuo per la nuova casa insieme, l’hanno acceso due mesi fa e anche lei è perfino… rimasta incinta.

O dalla madre di suo figlio, con la quale ha convissuto per trent’anni, ha litigato anche per problemi legati alla società che avevano insieme, ma, onestamente, non se la sente di lasciarla.

Per il bene del figlio, sostanzialmente, non per altro. Figlio che ha 27 anni e vive negli Stati Uniti.

Mentre loro vivono a Castellino del Monte di Bisaccia.

Lui ha scelto un’altra e tu devi fartene una ragione. Ma come?

Ebbene, qui non stiamo parlando di questi casi.

Stiamo parlando di qualcosa di un po’ diverso e in ogni caso molto importante, abbastanza comune e sempre doloroso.

Se ti dovesse capitare o se ti è capitato, il modo in cui lo affronti o lo affronterai farà la differenza nella tua crescita sentimentale, nella tua serenità personale e nel trovare al momento giusto l’uomo giusto per te.

La situazione della quale stiamo parlando è questa: un uomo, per te attraente è libero.

Tu sei libera.

Vi piacete, vi frequentate. Con interesse, passione, continuità.

Non state ufficialmente insieme, non ancora almeno, dato che non sono ancora arrivati i tempi per prendere una decisione che riguarda l’esclusività.

Cioè, è un po’ prematuro decidere e dire che state insieme, che siete una coppia, che siete fidanzati.

Per cui tu sei convinta che, a gran velocità, si facciano passi avanti e si arrivi al traguardo di diventare una coppia.

Implicitamente lui te lo fa credere.

Intanto, come è giusto che sia, ognuno di voi fa la sua vita, si occupa di studiare e/o lavorare, esce con i propri amici, sta con la propria famiglia, si dedica agli hobby e alle attività che gli piacciono e gli interessano.

Lui sceglie un’altra e tu non riesci a darti pace?

Il fatto è che di punto in bianco, come un fulmine a ciel sereno, come se niente fosse e con la massima naturalezza, lui ti dice che ha trovato una ragazza, una fidanzata.

Te lo dice direttamente. O, senza malizia, te la presenta addirittura la sua fidanzata/ragazza.

Oppure lo scopri dai social o perché qualche amicizia in comune te lo fa sapere per caso e in maniera innocente.

Diciamocelo francamente: a quel punto ti crolla il mondo addosso.

“Come?!” pensi tu, ma non eravamo destinati a metterci insieme? Che cosa è successo? Perché ha scelto lei e non me?!”

E poi, i grandi classici: “Che cosa ho fatto di sbagliato? Dove ho sbagliato? Non gli ho dato tempo? Gli sono stata troppo addosso? Gli ho tolto il fiato?! Sono stata pesante? Bisognosa? Noiosa? Problematica?”

“Con tutta la pazienza e la disponibilità che ho avuto con lui, con tutto quello che ho fatto per lui. Stavamo così bene insieme, accidenti!”

“Che cosa è andato storto? Perché non è scattata la scintilla? Come è possibile?”

Sembrava che tutto fosse perfetto, che tutto filasse nel migliore dei modi, che tutto andasse liscio e fosse piacevole, divertente, coinvolgente.

Come può essere successo?

Non puoi prendertela nemmeno con lui, perché, se ci pensi, non ha fatto nulla di scorretto o di scortese.

E’ sempre stato gentile e disponibile.

Forse ti ha mentito? Ti ha illuso?

A dirla tutta probabilmente sei tu che un po’ ti sei illusa.

Però anche lui ti ha lasciato intendere che stavate bene insieme, che lui stava bene con te.

Com’è successo che, invece, adesso, sta con un’altra, li hanno visti felici mano nella mano e lui posta sui social media le foto di loro due sorridenti insieme?

Tu stai male, malissimo. E’ come se fossi precipitata da mille metri di altezza.

A tratti ti sembra che il tuo cuore non batta nemmeno più, ti manca il fiato, non riesci a concentrarti.

Soprattutto non riesci a capire e a fartene una ragione.

Quando non sembra esserci una ragione, ebbene, è proprio allora che ve ne sono mille tutte valide.

Ma una cosa è certa: non è colpa tua!

Perché lui ha scelto un’altra?

Se ti trovi nel bel mezzo della situazione che ho descritto, sai bene che qualsiasi parola di “consolazione” è inutile e non ha nessun effetto, perché la tua sofferenza è grande, è tutta emotiva, è tutta interiore e le parole semmai cercano di “convincerti”, di arrivare al razionale.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

E il razionale non ha una grande utilità in determinati momenti.

Il razionale nello stesso tempo resta importante perché, spesso, partendo dal razionale si arriva all’emotivo.

Per questo qui di seguito ti darò 10 strategie per “elaborare il lutto”, diciamo così, strategie che prenderanno in considerazione sia l’emotivo, sia il razionale.

Punto primo. Il tuo dolore è comprensibile, comprensibilissimo.

Tu ti eri creata delle aspettative, il suo comportamento ti aveva creato delle aspettative. Lui ti piaceva.

Stavi bene con lui. Ti eri già abituata all’idea di lui come tuo compagno e fidanzato e il pensiero di frequentare e di uscire con qualcun altro non ti sorrideva particolarmente.

Ora lui ha scelto un’altra, tu ti senti “bocciata”, “svalutata”, “non apprezzata”.

Scartata. Fallata. Sbagliata.

Il tuo dolore è legittimo, umano, più che motivato.

Accettalo e fidati della tua capacità di dimenticare e di voltare pagina per qualcuno di veramente giusto per te.

Punto due. Soffri per un po’, ma non troppo.

L’idea che lui abbia scelto un’altra perché “migliore” di te non corrisponde a verità.

Sono tutte idee, solo idee e idee sbagliate.

Lui ha scelto un’altra perché il loro modo di stare insieme era per lui più rispondente alle sue necessità. Basta. Non c’è altro da dire.

Punto tre. Gli altri, gli uomini anche, non sono giudici infallibili, esseri divini che hanno diritto di decidere che cosa vale o non vale.

Sono persone che scelgono in base ai loro bisogni e ai loro gusti, che sono del tutto personali, non certo metri di giudizio incontrovertibili.

D’ora in avanti smetti di dare valore al giudizio degli altri e degli uomini.

Non esiste che tu faccia confronti con l’altra, come non esiste che tu ti metta in competizione con le altre donne.

Decidi che sei tu a scegliere e non gli altri a scegliere. Che sei tu a decidere e che non sono gli altri a decidere.

Che il giudizio che conta è il tuo e non quello degli altri.

E il fatto che lui abbia scelto un’altra ti dice solo che non era l’uomo per te, per cui sei tu a non sceglierlo 😉

Punto quattro. Per come era andata la vostra frequentazione finora, era lecito, legittimo e possibile che lui si mettesse con un’altra.

Tutti noi cerchiamo il meglio per noi (ho detto “il meglio per noi”, non “il meglio in assoluto” – vedi i punti precedenti – e a lui deve essere capitato così).

Non si tratta di sfortuna che hai o di valore, fascino, sensualità che ti mancano, si tratta solo del fatto che la vita funziona in questo modo.

Molte altre volte è capitato o capita che tu scelga qualcuno o qualcosa al posto di qualcun altro o di qualcos’altro.

Così è la vita, non si tratta di “cose in te” che non funzionano, di inadeguatezza, di mancanza di valore o di errori.

Non si tratta del fatto che lei te lo “abbia portato via”.

Un uomo non è un burattino in mano a una donna e se pensi che sia così, meglio perderlo che trovarlo.

Punto cinque. Collegato al precedente e al successivo.

E’ importante cercare al meglio e il meglio e non fermarsi alla prima casella e alla prima fermata, è lo stesso consiglio che dò io alle donne che vogliono trovare l’uomo giusto.

Lui ha fatto così, e facendo questo ha fatto un servizio anche a te.

Tu fai lo stesso, applichi questo consiglio?

Se non lo fai, comincia a farlo.

Punto 6. Pensa che se ha scelto lei, si sentiva più affine a lei e a mettersi in gioco con lei e a essere fedele a lei.

Tradotto: secondo lui tra loro potrebbe funzionare, con te non ha avuto lo stesso pensiero, dàgli credito, ora sono affari suoi.

Tu adesso sei libera di scegliere il meglio per te.

Punto 7. Tutto quanto detto prima sta a indicarci che probabilmente voi due non eravate l’accoppiata più giusta.

Quella con l’”altra”, non è stata una gara o una competizione che tu hai perso, ma quello tra di loro è stato un incontro di personalità e di valori più affini.

La sua scelta ti ha evitato di entrare in una storia sbagliata. Bene!

Punto 8. Tieni presente il detto “il mare è pieno di pesci”. Con lui non ha funzionato? Avanti un altro.

Punto 9. Apprendi, per le prossime occasioni, che finché non ci si dichiara esclusività e finché TU non sei sicura che lui è davvero legato, dedito e impegnato (anche in termini di tempo) con te, i giochi sono aperti.

Nel frattempo hai due opzioni: dargli dei garbati ma fermi ultimatum, perché lui si decida (ma devi sempre e solo partire dalla certezza che lui è il meglio per te, non il primo e l’unico che hai per le mani in questo momento), oppure farti la tua vita, tra l’altro continuando a frequentare altri uomini.

Il maggior numero possibile di uomini.

Punto dieci. Poiché lui ha scelto un’altra che conosceva o frequentava mentre ha cominciato a frequentare te, meglio che tra voi sia finita prima di cominciare, dato che lui evidentemente non era sicuro di te e prima o poi ti avrebbe presentato il conto.

Questo ci dice di nuovo che è bene che sia tu a scegliere e a decidere (per esempio quando è il momento di finire una storia che non si concretizza) invece di rimanere sempre in paziente attesa delle scelte di lui.

Ecco cosa fare se lui ha scelto un’altra.

***

Ho preparato un test che ti aiuta a capire perché un uomo sparisce e non ti cerca, per farlo ti basta cliccare sul bottone qui sotto:

Scopri perché non ti cerca: fai il test

Lascia un Commento!

19 Commenti

  1. Avatar di Fede

    Fede 5 mesi fa (19 Gennaio 2020 12:11)

    Bell'articolo! È vero, noi donne lasciamo spesso definire il nostro valore dall'uomo. 🤷‍♀️ Quante volte mi sono sentita inadeguata per poi scoprire che il Tizio si era messo con donne problematiche o succubi o semplicemente simili a lui. Ultimamente mi è stato fatto intendere che sono troppo intelligente, penso troppo e a quanto pare ero troppo difficoltosa da gestire per questo uomo. Giuro...per qualche giorno ho iniziato a tirarmi delle paranoie assurde sul fatto che forse fossi sbagliata io! Poi mi sono ricordata dei miei amici che mi amano e mi apprezzano per come sono e degli uomini incontrati nella mia vita che hanno amato il mio filosofeggiare, la mia profondità e introspezione. E quindi? E quindi nulla, semplicemente non ero giusta per lui! Andiamo avanti! A volte non andar bene a qualcuno è un gran complimento!😅 In bocca al lupo a tutti!
    Rispondi a Fede Commenta l’articolo

  2. Avatar di Carla

    Carla 5 mesi fa (19 Gennaio 2020 12:31)

    Stavolta ho deciso che sarò io quella che resta. O lui quello che resta. Devo "solo" vedere chi sarà il fortunato ;-)
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo

  3. Avatar di sara

    sara 4 mesi fa (21 Gennaio 2020 12:42)

    Ciao Ilaria, grazie per questo bell’articolo… La cosa più dolorosa di quando preferiscono un’altra è (per quanto mi riguarda) il senso di inadeguatezza e di “inferiorità”. Io penso subito: “Ecco, lei è migliore, è più bella, più affascinante…ha scelto lei perché non sono alla sua altezza e, in fondo, a chi potrebbe realmente piacere una come me??”E’ come avere una vocina che sussurra sempre le stesse cose negative. In questo pezzo però tu metti chiaramente nero su bianco le motivazioni reali, plausibili, sensate, che ci sono dietro. E così, personalmente, riesco a inquadrare la situazione per quello che effettivamente è, senza farne un dramma immenso. Grazie, un abbraccio e ancora complimenti per l’articolo Sara
    Rispondi a sara Commenta l’articolo

  4. Avatar di LAURA

    LAURA 5 mesi fa (20 Gennaio 2020 10:13)

    Buongiorno Ilaria, vorrei portare una testimonianza sperando che possa essere d’aiuto ad altre ragazze che soffrono per questa situazione. Mi è capitato diverse volte che il lui di turno scegliesse di proseguire con un'altra, lasciandomi o interrompendo la frequentazione con me, e mi sono sempre molto colpevolizzata per questo: mi dicevo che non ero abbastanza attraente, interessante, e che l’altra doveva essere per forza una super donna e migliore di me in tutto (sì, mancava solo che mi buttassi dal balcone!) Poi, una volta, mi è successo di conoscere per caso la ragazza che lui aveva scelto di frequentare al mio posto. Eravamo in serata e per caso ci hanno presentate e abbiamo iniziato a chiacchierare, si capiva che mi trovava divertente e interessante. Inizialmente ero un po’ frenata e la guardavo con sospesso, ma poi mi sono lasciata andare perché mi sono resa conto che era una ragazza molto simile a me. Inutile dire che ci siamo scambiate i numeri, ci siamo trovate per un bicchiere, poi per una cena e siamo diventate amiche. Il tutto senza mai parlare di lui. Dopo nemmeno un mese, lei ha rotto con lui, e si è messa insieme ad un altro ragazzo. Il tutto per dire che lei non era una super donna, non era migliore di me, era una ragazza esattamente come me. Lui ha preferito lei per ragioni che non avevano nulla a che fare con il mio valore. Allo stesso modo anche lui è stato "scaricato" per un altro ragazzo, a riprova che queste esperienze accomunano tutti e che non dovremmo usarle come metro per valutarci rispetto agli altri....
    Rispondi a LAURA Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 mesi fa (20 Gennaio 2020 11:29)

      Ciao @Laura. Più che altro io non capisco come facciano queste donne a lasciarsi con uno e trovarsi subito un altro. Mollano un ramo ed eccole aggrappate a un altro. Le velociste delle relazioni. Ma si resettano il cervello e fanno il riavvio? Si accontentano? Boh
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 5 mesi fa (20 Gennaio 2020 12:32)

      @LAURA Anche questo fatto che tu sia diventata addirittura amica della donna scelta dal tuo ex (sia pure un uomo che stavi ancora solo frequentando ma con cui presumo ci fosse stata intimità), un po' mi perplime, lo ammetto. Cosa ti ha spinto a farlo? Hai pochi amici? E ti ha detto bene che lei poi lo abbia lasciato, ma se avessero continuato la relazione tu che avresti fatto? Non so, a me sembrano dinamiche un po' strane, un voler cercare a volte lo spigolo migliore su cui sbattere l'alluce, sperando che abbia gli angoli smussati.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di LAURA

      LAURA 4 mesi fa (21 Gennaio 2020 9:57)

      Ciao @Vic, capisco i tuoi dubbi dato che non conosci il contesto e dato che ho dovuto sintetizzare al massimo. Per farti un quadro della situazione un po' più compelto, avevo 24 anni e mi trovavo all'estero per qualche mese. Avevo una cerchia di amici ristrettissima quindi sì, ogni persona che conoscevo era preziosa, avevo voglia di avere degli amici. Probabilmente ho fatto di necessità virtù. La ragazza l'ho conosciuta per caso, ci hanno presentate quella sera in un locale e lei ha continuato a parlare con me anche dopo, era affascinata dal fatto che fossi italiana. Con quel ragazzo ho avuto una breve frequentazione senza intimità, comunque mi era rimasto un po' di amaro in bocca quando lui ad un certo punto ha smesso di farsi sentire e rispondeva ai miei messaggi in modo evasivo, e quando l'ho visto arrivare con lei ho capito perché faceva così. Una volta che lei ha rotto con lui, le ho detto "sai che prima che conoscesse te ci siamo visti per un po’ io e lui? scusa se non te l'ho detto subito, ma non sapevo se ti facesse piacere" lei ha risposto così "lo sapevo già, me l'ha detto lui, ma guarda che non importa!” Se invece la loro storia fosse andata bene...non sarebbe cambiato nulla, dato anche io nel giro di poco ho fatto altre conoscenze. Non sto consigliando a tutte di diventare amiche della nuova fiamma, dico che a me è capitato per caso e alla fine ci ho guadagnato tanto. Mi ha permesso di distruggere un fantasma legato alla percezione errata che avevo di me e di trovare quella che poi si è rivelata una vera amica.
      Rispondi a LAURA Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 4 mesi fa (21 Gennaio 2020 14:00)

      Ciao LAURA, grazie per la tua risposta :) Credo che la tua esperienza sia significativa e dimostra una buona maturità da parte tua anche allora che avevi appena 24 anni. Quando si è molto giovani è tipico e anche positivo che accadano situazioni così. Io non volevo assolutamente sminuire le due situazioni raccontate. Penso soltanto che se la storia è più lunga e una donna ci ha investito tempo e aspettative, non sia il caso di diventare amiche della nuova fiamma. Bisogna per così dire tutelare il cuore. Se invece la storia è durata poco e non c'è stata neppure intimità, come nel tuo caso, allora non ha senso rinunciare ad una buona amicizia per un uomo che non ha significato nulla o giù di lì. E questo a prescindere da come andrà poi la storia fra loro due. In ogni caso, per diventare davvero amiche bisogna vuotare il sacco subito, non aspettare che eventualmente anche lei si lasci. Questo per non creare problemi futuri che potrebbero incrinare il rapporto e la fiducia reciproca.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Viviana

      Viviana 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 13:44)

      Brava Laura e grazie per aver condiviso :) è successo anche a una mia conoscente un'esperienza simile, il lui in questione è stato solo "uno di passaggio" senza importanza, mentre loro sono amiche e si vogliono molto bene. La competizione tossica di tutte contro tutte per uno qualunque (ma anche qualora fosse eccezionale, eh. Siamo 7 miliardi su questo pianeta non c'è solo lui) ci fa dimenticare quanto bello e gratificante sia trovare delle amiche.
      Rispondi a Viviana Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 15:05)

      Ok @Viviana ok, però qui non si tratta affatto di "competizione tossica di tutte contro tutte per uno qualunque". Non mi pare che fra i suggerimenti su cosa fare dopo che lui ha scelto un'altra, Ilaria abbia scritto "Diventa amica della donna che lui ha scelto al posto tuo, così lo scoprire che è una ragazza normale molto simile a te ti farà rialzare l'autostima, inoltre il constatare che anche tra loro è durata poco ti farà pensare che lui era proprio un emerito coglione e non hai perso nulla, e allora sì che l'autostima ti schizzerà su Orione e tu e la tua nuova amica vi farete grasse risate insieme!". Insomma, non l'ha scritto, non è fra i consigli. Io penso che diventare amica con quella che è stata scelta al posto tuo sia un comportamento strano, per non dire disfunzionale. Poi chi lo ha detto che lui sia "uno qualunque" per entrambe? Magari la storia fra loro va bene e si mettono insieme, che ne sai. Concordo con te se si è già amiche, anche se certi rospi sono amari da mandar giù, ma nel diventare amiche dopo lo scarto non ne capisco il reale motivo. A meno che non si tratti di un gruppo di 20/25enni.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Viviana

      Viviana 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 16:02)

      Vic la mia conoscente è stata trattata male da un tizio che lei qualifica come ex, ma che in realtà l'ha usata per mesi, tenendola ben nascosta, solo per il sesso, sparendo poi di botto per fidanzarsi ufficialmente con quest'altra ragazza. Si sono trovati tutti e tre per caso a una festa, la mia conoscente si è messa a bere come reazione allo shock del vederli insieme mano nella mano. Sì è sentita molto male e l'unica persona di tutta la sala che le ha prestato soccorso è stata proprio la nuova ragazza, le ha tenuto la testa mentre vomitava e ha insistito per riaccompagnarla a casa con la sua macchina. Ovviamente lei non sapeva nulla dei trascorsi di lei con il suo ragazzo, ha visto una ragazza in difficoltà e le ha prestato soccorso, l'ha accompagnata, l'ha aiutata ad aprire la porta di casa ed è andata via. La mia conoscente il giorno dopo l'ha aggiunta su fb e l'ha ringraziata. Sono passati anni e sono amiche. Lui è stato lasciato dopo poco perché era uno stronzo. Sono diventate amiche per caso, esattamente com'è successo a Laura. E trovo che sia una cosa bella, perché quando qualcosa di brutto che ci succede riesce a diventare un'occasione per creare qualcosa di bello io personalmente ne gioisco. Inoltre nell'articolo di Ilaria non mi sembra che si dica che l'altra, la prescelta, sia brutta, sporca e cattiva e che se per caso (sottolineo: per pura casualità) ci trovassimo a frequentarla siamo disfunzionali o cerchiamo spigoli dove sbattere. Tu sei libera di rimanere della tua opinione, ci mancherebbe altro, mi sono rivolta a Laura fin dall'inizio infatti, non voglio convincere proprio nessuno.
      Rispondi a Viviana Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 16:33)

      @Viviana non ci capiamo, non penso neanch'io che la prescelta sia brutta, sporca e cattiva, anzi. Quello di cui parli tu riguardo la tua conoscente l'ho capito, per quanto il racconto sia un po' surreale (lei che va a una festa da sola, si ubriaca, e l'unica che le regge la testa mentre vomita è la nuova fidanzata dell'ex, che poi la riaccompagna pure a casa...e l'ex dov'era?) ma tutto può capitare. Per curiosità, quanti anni ha questa tua conoscente? Anyway, la mia domanda era che cosa sarebbe successo se i due non si fossero lasciati poco dopo, cosa che invece è successa nel caso di Laura e anche in quello della tua conoscente. E non mi sembra che tu l'abbia colta.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 16:48)

      Cortesemente, manteniamo i toni e i modi più corretti e cortesi possibili, anche se ci richiede un minimo più di attenzione. Io risparmio energie a moderare, che posso usare in altro modo a vostro vantaggio e voi evitate di produrre energie negative che so bene detestate quanto me. Grazie.
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 17:34)

      Va bene, @Ilaria, non preoccuparti. Tu cosa pensi al riguardo? E' sano fare amicizia così? Mi interessa.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 17:54)

      Ciao Viviana, il mio era un garbato richiamo a Vic. Non era intenzione rimproverare lo scambio. @Vic, mi chiedi che cosa penso al riguardo e se sia sano fare amicizia così. In qualche commedia americana c'è questo tipo di situazione, la ex e la fidanzata in carica che diventano amiche o le amiche o gli amici che si innamorano della stessa persona. Oddio, diciamo pure che è un luogo comune narrativo un po' da sempre. In effetti si parla molto di "bolla" riferita al funzionamento del web e per bolla si intende il mondo ristretto nel quale viviamo (tutti, nessuno escluso), anche se crediamo di vivere in un mondo allargato. Ma siccome siamo entrati due volte e abbiamo acquistato in un supermercato o abbiamo messo un like a una pagina Facebook, ecco che viviamo in una bolla, i nostri dati ci ritornano indietro e siamo risucchiati sempre e solo dagli stessi meccanismi. Le "bolle" sono sempre esistite: gli amici del cortile, del quartiere, della città, dell'università... Le storie di Laura e quella raccontata da Viviana sono molto meno improbabili di quanto possano sembrare, soprattutto perché anche i circoli delle amicizie giovanili sono più ristretti di quanto si pensi. Ma vogliamo parlare del mondo del lavoro? Dove il trombeur o la trombeuse più attivi alla fine sono stati a letto con tutta la colleganza a livello nazionale? Succede, così va il mondo. Quelle riportate sono due storie positive, che raccontano di amore, amicizia, solidarietà. Sono sentimenti che esistono e non sono sentimenti "contro" qualcuno. Certo, l'altro stereotipo, luogo comune e narrativo, per cui la "scartata" (uso un termine che non condivido) si insinua tra l'ex e la nuova fiamma (e può capitare anche per un uomo) per vendicarsi, "guardonare", malignare, è totalmente distruttivo e malsano. Ma non è il caso di imbastirci su un romanzo, almeno che il soggetto sia davvero molto, molto interessante. Che dici?
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Vic

      Vic 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 18:31)

      @Ilaria Sì, mi trovi d'accordo. Ricordava anche a me lo stereotipo della commedia americana con ragazzi giovanissimi. Ho pensato anch'io, infatti, ad una comitiva di ragazzi giovani e il concetto di "bolla" calza a pennello.
      Rispondi a Vic Commenta l’articolo

    • Avatar di Viviana

      Viviana 4 mesi fa (20 Gennaio 2020 17:21)

      Hai ragione Vic non ci capiamo. Infatti questo sarà il mio ultimo commento. La mia conoscente ha la mia età, 27 anni, è una mia collega all'università, il fatto non so quanti anni fa sia successo e io l'ho raccontato per come mi è stato raccontato. E comunque si può andare alle feste da sole, io l'ho fatto più di una volta e sono viva e vegeta. Lei era venuta con la sua macchina, l'ha riportata a casa ed è tornata alla festa, non c'è niente di surreale, almeno per me. O meglio c'è di surreale che qualcun* abbia il buon cuore di fare una cosa del genere, io ammetto che molto probabilmente a vedere una tizia che vomita in un angolo davanti a tutti mi sarei solo molto schifata ed essendo astemia anni fa l'avrei pure giudicata per il suo cattivo comportamento, oggi mi sarei comportata diversamente, almeno non l'avrei giudicata, sotto questo punto di vista sono migliorata. Detto ciò mi sono pentita di aver commentato, perché potevo prevedere che sarebbe finita così, a colpi di puntualizzazioni, me la sono cercata, mea culpa Ilaria non ho voglia di farti perdere tempo (né di perderlo io). Mi fermo qui.
      Rispondi a Viviana Commenta l’articolo

  5. Avatar di Clotilde

    Clotilde 4 mesi fa (27 Gennaio 2020 1:04)

    Bellissimo articolo. Come a tante altre é capitato anche a me di essere lasciata per l'altra, in una relazione seria come in frequentazioni. Fortunatamente sono orgogliosa e ho evitato di fare scene, di recuperare il rapporto o di chiedere spiegazioni. Ho semplicemente messo le distanze, cancellato email, buttato lettere e regali e cancellato il numero di telefono per non cadere in tentazione. Alcuni hanno avuto la faccia tosta di farsi risentire e si sono presi un 2 di picche. Sono fiera di me di avere subito così, inutile perdere tempo con uno che non ti vuole, meglio usarlo per uscire e divertirmi e conoscere altra gente. Fa male, perché si fanno paragoni con l'altra, ma in realtà come dice Ilaria, non si tratta di competizione, solo differenza. E ia scelta di un uomo non implica un giudizio di valore assoluto, è solo una scelta personale. Il nostro valore non è determinato da loro, ma da noi stesse.
    Rispondi a Clotilde Commenta l’articolo

  6. Avatar di ANTONELLA

    ANTONELLA 3 giorni fa (31 Maggio 2020 14:47)

    Ciao Ilaria e ciao a tutte le lettrici. Grazie perché in questi periodo mi sta aiutando molto leggere i tuoi elaborati. Vorrei condividere la mia esperienza sperando di avere il tuo e il vostro punto di vista, esterno sicuramente da quello mio e delle mie amiche. Sono una ragazza di 30 anni, non ho mai avuto particolari problemi d'amore o di conquiste, anzi ho sempre deciso io di chiudere storie passate. Non ho problemo di autostima anzi Mi reputo e mi reputano una bella ragazza, intelligente, divertente e ho una carriera nell'ambito della ricerca universitaria che seppur agli inizi e complessa, mi piace e mi soddisfa. Allora vi chiederete perché scrivo? Be' durante l'emergenza Covid-19 , avendo tempo e stando in casa mi sono accorta di un ragazzo (29 anni) che mi seguiva da mesi e che aveva chiesto di me anche ad un collega amico in comune vedendoci insieme al bar (lavoriamo entrambi in università anche se in settori diversi ). Io a lui nn l' ho mai notato e mai risposto ai suoi commenti o msg sui social, almeno fino a 2 -3 mesi fa. Non so come , nn me ne sono accorta nemmeno io ma abbiamo iniziato a sentirci sempre, H24, era così perfetto ! Sembravamo una coppia si può dire. Finito il lokcdown ci siamo incontrati, in tutto 5 volte e credimi stavamo bene ! Stava bene! Non sono stupida ne ho poca esperienza e capisco quando qualcosa va bene tra 2 persone. Ci sono stati anche dei baci bellissimi e passionali durante gli ultimi 2 incontri. Ma poco prima di questi , ha iniziato a cambiare.. più distante, meno presente ...le ho pensate tutte anche che nn gli piacessi dal vivo! Alla fine riesco a tirargli dalla bocca che si era rifatta viva la sua ex. Ex con cui, a detta sua, è stato 1 annetto ma la trovava immatura e cmq non ne era innamorato e si sono lasciati in buoni rapporti e lei è tornata nella sua città, capendo che non era cosa continuare. Ora sembrava solo una cosa così ...ma ad oggi è arrivato a dirmi (dopo mie insistenze) che non ha la mente libera, che è meglio fermarsi un attimo, che io stavo correndo troppo, che lui nn aveva previsto tutto ciò,che non sa come comportarsi e nn sa come fare, che non sa quello che vuole e si vuole prendere del tempo per lui. Io a questo punto, non ho voluto dargli soddisfazione e gli ho detto che ero sempre stata chiara di nn volere storielle così e che ho le mie convinzioni suo ritorno con gli ex, ma che cmq gli auguravo ogni bene e gli ho augurato buona fortuna. Lui non ha più risposto. Questo è successo ieri. So che è una cosa fresca ma ci sto male! Mi sento usata, cosa ha lei che io nn ho?? Eppure ho una fila di ragazzi fuori perché voglio proprio lui?? Ma soprattutto , com'è possibile che in un anno non ne è stato innamorato e ora invece stoppa la nostra conoscenza per una storia finita 7 mesi prima perché nn l'amava?? Essere una ragazza seria e vedere un futuro con il ragazzo con cui ti baci è correre troppo?? è essere pesante?? So che lui stesso ha ammesso che nn sa che vuole, ma io non voglio vivere con la speranza e l'illusione che tanto con la sua ex riandrà male e tornerà da me.. mi aiuti a togliere un po'di confusione e vedere una risposta razionale a questo suo comportamento? Grazie
    Rispondi a ANTONELLA Commenta l’articolo