Come sedurre un uomo per sempre. 3 chiavi essenziali

come sedurre un uomo

Come sedurre un uomo di modo che tra di voi si crei un’attrazione a lungo termine? Che cosa attrae davvero gli uomini e li fa innamorare, tanto che si impegnino in una relazione seria? Come e da dove nasce un legame saldo e maturo?

Credo vi siano una serie di malintesi e di false credenze riguardo l’innamoramento e l’amore e soprattutto riguardo l’attrazione a lungo termine.

Cioè riguardo a quel tipo di attrazione per la quale sia un uomo, sia una donna decidono di “lasciare perdere tutto il resto”, e quindi di non pensare ad altri partner o ad altre esperienze o sperimentazioni sentimentali e cambiano le loro priorità per darsi – potrei dire addirittura “donarsi” – a una sola relazione e attorno a quella costruire la propria vita.

Ci sono persone – uomini e donne – che hanno relazioni gratificanti e durature, relazioni che impegnano il meglio di loro e diventano il centro della loro vita.

Quando dico che queste relazioni diventano “il centro della loro vita” non intendo che per queste relazioni si sacrificano e si dannano, ma che queste relazioni contribuiscono all’espansione del loro potenziale personale.

Queste relazioni non li risucchiano, non portano via la loro vita, non esauriscono la loro energia emotiva e psichica, semmai la rafforzano.

Ebbene, come si fa a realizzare una relazione del genere?

Come sedurre un uomo per realizzare una relazione vera e sincera

Per  realizzare un rapporto di coppia coinvolgente e appagante è necessario partire da sé.

Non puoi pretendere che un uomo abbia chiare le sue intenzioni se tu, per prima, non hai chiare le tue.

Cioè se tu non sai che cosa vuoi.

Non puoi pretendere che un uomo sia coerente se tu, per prima, non sei coerente.

Non puoi pretendere che un uomo ti sia legato e fedele se tu, per prima, ti stai accontentando e stai aspettando qualcosa di meglio e se, nel caso arrivasse qualcosa di meglio, non ci penseresti due volte a cambiare strada.

Così come non puoi pretendere che un uomo ti sappia amare se non sai amare e non sai amarti; che sia sincero se tu non sei sincera; che sia autentico se tu non sei autentica.

E così via.

Teniamo sempre presente che quello che siamo determina quello che otteniamo e le risposte che ci vengono date.

Che cosa cerca un uomo in una relazione

Insomma, per avere un partner di valore è necessario avere cura del proprio valore, riconoscere il proprio valore e non sminuirlo ed è necessario dare valore.

Con misura, con intelligenza e solo in proporzione al valore della posta in gioco e al valore che si riceve.

Il valore della posta in gioco non è definito da termini di misura del genere: “Mi accaparro un buon partito”.

Il valore della posta in gioco è il proprio benessere e il rispetto dei propri obiettivi e progetti di vita, quelli che ci gratificano come persone, dal punto di vista più intensamente e profondamente umano.

Va bene.

Una volta che hai capito che cosa vuoi tu da una relazione, è utile capire che cosa seduce un uomo, che cosa in genere gli uomini vogliono dalle relazioni e cercano in una donna, che sia la loro compagna nell’avventura della vita.

Forse che gli uomini cercano una donna che tenga la casa in ordine, si preoccupi delle varie faccende e delle “rotture di scatole”, tipo pagare le bollette e andare alle riunioni condominiali?

O cercano una brava cuoca?

Oppure una partner che dica sempre sì, con la quale farsi belli ed esprimere desideri ed opinioni, certi che lei sia sempre d’accordo e ascolti paziente e comprensiva?

In effetti molti uomini cercano questo.

Sono uomini la cui evoluzione emotiva (e non solo emotiva) è al livello zero, che considerano gli altri e le relazioni alla stregua di strumenti per raggiungere degli scopi e che possono solo offrire una compagnia noiosa, se non frustrante, se non avvilente.

Se incontri un uomo di questo tipo, i suoi comportamenti la dicono lunga e fai in fretta a fare selezione, a cancellarlo dalla lista, dalla rubrica e da What’sApp.

Sempre che tu voglia.

Gli uomini affidabili, ragionevoli, amorevoli e amabili cercano altro.

Che cosa esattamente?

Come sedurre un uomo… per sempre

Stiamo parlando di questioni serie qui, non di seduzione da giarrettiera o da calza autoreggente.

Quello è feticismo. Imbecillismo. Ochismo.

Qui stiamo parlando di creare attrazione a lungo termine, di un incontro tra due persone nella loro autenticità di persone, appunto, non di bambolotti.

Di amore vero e della realizzazione di un grande progetto che parte da un forte legame.

Ebbene, che cosa serve per conquistare il cuore di un uomo?

A dirla tutta non è molto diverso da quello che serve per conquistare il cuore di una donna.

La frase “conquistare il cuore” non la uso a caso. Anche se potrebbe suonare da romanticume-pattume.

Sono convinta che quello che tutti noi cerchiamo nelle relazioni e anche nelle attività che svolgiamo e finanche negli ambienti che abitiamo e negli oggetti che usiamo, sono emozioni che oltre ad eccitarci e a farci sentire vivi e partecipi del mondo, ci confortino e ci confermino riguardo il nostro essere “umani dotati di senso”.

Con i nostri sogni, le nostre speranze, i nostri desideri.

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Veniamo a noi e a come sedurre un uomo con il cuore e non prendendolo per la gola o per qualche altra parte del corpo… (o non solo, perlomeno).

Qui di seguito, 3 chiavi utili a conquistare un uomo in una relazione seria e duratura.

  1. Permettigli di entrare in connessione con la sua parte emotiva. Sii la “facilitatrice” della presa di coscienza delle sue emozioni.

Che cosa significa? Che finalmente hai l’autorizzazione a comportarti da crocerossina e fare la salvatrice di un disturbato, disfunzionale, psicopatico?

No, per niente.

Gli uomini in generale (ho detto “in generale”, il che non equivale a “tutti” o a “sempre”) non sono particolarmente consapevoli delle proprie emozioni e sono abbastanza incapaci a gestirle.

Questo perché, come da millenaria tradizione, “un vero uomo non piange”, “non deve chiedere mai” e “non deve avere paura”. Bella roba.

Un uomo sano ed evoluto o ha superato tutte queste stupidaggini o non vede l’ora di farlo e se incontra una donna che di queste stupidaggini se ne frega e lo lascia libero di fare il suo percorso, ritiene di aver trovato un tesoro.

E allora?

Allora è assolutamente controproducente che tu ti lamenti del fatto che lui non parli e non esprima le proprie emozioni.

Va cercata una “vicinanza di anime” e questa può essere trovata con un avvicinamento lento, partendo da quello che lui dice, che lui fa e che tu osservi in modo freddo e oggettivo.

Parti dalle sue passioni e dai suoi interessi, da quello che lui dice di desiderare e di voler realizzare e chiedigli: “Perché vuoi questo? Che sensazioni ti dà l’idea di raggiungere questo o quest’altro obiettivo o di fare questo o quello?”

Mostrare un interessamento discreto verso ciò che lo motiva e che gli dà la carica, lo fa sentire davvero compreso e apre una breccia sempre più ampia nella sua capacità di conoscersi e nella sua voglia di esprimersi.

Due persone che condividono emozioni e pensieri profondi (non copiati da Instagram e Facebook, ovviamente), entrano in connessione. Essere in connessione significa amarsi. E’ facile.

Condividere i propri sogni e i propri obiettivi con gli altri ci fa sentire più forti e tanto amati. In genere. Figuriamoci in coppia.

Quindi in questo caso, la parola chiave è: “Perché desideri questo? Perché ti piace? Come ti fa sentire questo tuo progetto?”

  1. Respirate insieme l’aria di casa, sperimentate in coppia la certezza di un rifugio stabile e tranquillo. La pace. Chi, sano di mente, non desidera tranquillità e serenità nella propria vita? Pace anziché guerra? Sicurezza anziché instabilità perenne?

Ebbene, come si fa a creare una sensazione di pace e di tranquillità, di serenità e di calma in chi ci è accanto?

Intanto, dimentichiamo ogni atteggiamento e ogni intenzione di tipo manipolativo.

Per trasmettere calma, tranquillità e serenità è sufficiente essere calmi tranquilli e sereni noi per primi.

Fosse facile, eh?

Beh, quello di essere più calma e tranquilla è un obiettivo che in effetti puoi porti, dato che calma e tranquillità fanno un gran bene anche a te e ti facilitano nel trovare e tenere l’uomo giusto.

Nel caso tu sia ancora in cammino nel raggiungere maggiore calma interiore, tieni presente che un buon modo per “dispensare” calma e tranquillità è stare in silenzio e usare un linguaggio del corpo che trasmette vicinanza.

Uno sguardo comprensivo (non indagatorio e ossessivo), un tenero abbraccio, carezze affettuose.

Soprattutto è importante essere concentrata sull’altro quando parla e racconta di sé, dei propri problemi e di quello che gli sta a cuore.

Inutile specificare che non stiamo parlando di coloro che vogliono attenzione continua perché sono dei narcisisti accentratori, degli insicuri travestiti da Zorro o disadattati alla ricerca di una psicologa o di un sostituto materno.

  1. Non farti dare per scontata. Lo sappiamo benissimo (lo abbiamo capito o abbiamo bisogno di ulteriori chiarimenti?) che molte donne corrono troppo. Conoscono un uomo da tre settimane, lui sta ancora prendendo le misure (e lei farebbe molto bene a darsi tanto altro tempo) e lei crede di essere e si comporta come se fosse la sua fidanzata. Per non dire che si precipita a convivere o a semi-convivere con lui. Facendogli per l’appunto da cameriera, collaboratrice famigliare, cuoca, lavandaia e stiratrice. Pensando così di “imporsi” come la donna della vita di lui. Non calcolando che magari lui è uno che ha seri disturbi sessuali, mentali o è un violento. Chi se ne frega? E’ sufficiente che sia un uomo! Che bella roba!

In realtà è un comportamento terribilmente bisognoso che trasmette disperazione.

E’ insopportabile per un uomo e, di nuovo, per chiunque abbia un po’ di sale in zucca e rispetto di sé.

Non solo: questo comportamento invade l’intimità di lui, non tanto dal punto di vista più prettamente concreto e pratico, ma dal punto di vista emotivo e psicologico.

Come ti permetti di prendere decisioni per lui o di forzare le sue decisioni?

A te piacerebbe che qualcuno lo facesse con te?

Questo atteggiamento perdente cancella ed è contrario ai due atteggiamenti vincenti che ho descritto poco sopra.

Per contrastarlo è essenziale che tu continui a ricordare a te stessa l’importanza del tuo valore e l’importanza di darti valore.

L’abbiamo già detto? Ripetiamolo!

Una nota fondamentale: in una coppia ci deve essere reciprocità.

Se tu non ricevi dal tuo partner quello che offri, sei nella relazione sbagliata.

Tieni ben presenti questi atteggiamenti per sapere bene come sedurre un uomo.

***
                                                   Che tipo di seduttrice sei?                                                      Ho preparato un test per scoprirlo, per farlo ti basta cliccare sul bottone qui sotto:

Che seduttrice sei? Fai il test!

***

Lascia un Commento!

4 Commenti

  1. Avatar di Paola Iseppi

    Paola Iseppi 3 mesi fa (22 Dicembre 2019 20:32)

    Bendetto Ilaria! Non farsi dare per scontate è essenziale. Concordo anche sul fatto che, prima di tutto, il nostro faro interiore deve essere puntato su noi stesse. Devo fare mio il consiglio di saper condurre un uomo all'incontro con la sua emotività. Talvolta possono sembrare desolanti i silenzi del partner. Ma facendo le giuste domande nel giusto modo, dimostrando interesse sincero per il suo mondo, si possono stimolare le giuste risposte. E favorire il dialogo. Lo terrò a mente :)
    Rispondi a Paola Iseppi Commenta l’articolo

  2. Avatar di Silvia

    Silvia 3 mesi fa (23 Dicembre 2019 18:44)

    L'apertura verso gli altri è uno dei passi importanti che ho iniziato a fare negli scorsi 12 mesi, soprattutto con amici, parenti e conoscenti. E' come se fossi diventata più pienamente consapevole del fatto che anche gli altri hanno emozioni, incluse ansie e paturnie, che in passato sentivo quasi solo mie. Probabilmente perché ero molto concentrata sullo stato di 'agitazione interiore' che sentivo quando mi trovavo in presenza di persone che non fossero la mia famiglia. E mi ero creata una sorta di piccolo cerchio magico con il quale mi tenevo a debita distanza dagli altri, anche dalle persone che ritenevo interessanti. Aprirmi agli altri è stato un po' un salto al di fuori della mia zona di comfort e una scoperta dell''altro' come diverso da me. Continuerò in questa direzione, e con un bel bagaglio di esperienza e carica sulle spalle!
    Rispondi a Silvia Commenta l’articolo

  3. Avatar di Fabio

    Fabio 3 mesi fa (24 Dicembre 2019 14:33)

    Condivido l'articolo, in special modo dove si dice di non invadere la sfera personale, mi disturberebbe una persona che mi scavalca mettendosi a sistemare la casa, fare da mangiare o stirare per me, come se non ne fossi capace, mi creerebbe una sensazione di prevaricazione, per nulla piacevole. Diverso sarebbe se io lo chiedessi per vari motivi. La conquista del cuore potrebbe anche scriversi la convinzione dell'altro che noi siamo quello che cerca.
    Rispondi a Fabio Commenta l’articolo

  4. Avatar di Carla

    Carla 2 mesi fa (4 Febbraio 2020 16:25)

    In tanti anni penso di aver attraversato tutti i tipi di comportamento e non credo che fossero tutti sbagliati. Ho sempre mostrato interesse SINCERO per un uomo che mi piace, non ho bisogno di fare discorsi di convenienza. Purtroppo, non sempre il mio atteggiamento ha dato "frutti". A volte, con tutte le qualità che possiamo avere, l'affetto, l'empatia, la passione, la complicità etc. etc., l'uomo in questione non ci vuole. Quindi, bisogna considerare anche questo fattore. Non abbiamo in mano tutto. E' questione anche di fortuna, molta fortuna. Ultimamente, frequento un uomo. Si parla, si ride, si balla un po' insieme. Mi chiede di andare insieme a mangiare qualcosa. Ero già impegnata, ma l'ho incoraggiato per un altro appuntamento. Mi ha inviato una bella canzone di Bob Dylan. Sembra sincero. Gli do una chance e soprattutto, la do a me stessa. Ancora una volta. Cross fingers...
    Rispondi a Carla Commenta l’articolo