Come farsi desiderare da un uomo

come farsi desiderare da un uomoCome farsi desiderare da un uomo?

Molte donne pensano che essere desiderate da un uomo (o da più uomini) sia il massimo della femminilità. Il trionfo del loro potere, il raggiungimento dell’obiettivo più agognato.

E già qui siamo messe male, molto male.

Perché dietro questo desiderio di essere desiderate, che per alcune è spasmodico, vi è una radicata convinzione svalutante di se stesse.

Nel senso che si pensa di avere valore solo se si è desiderate da un uomo.

E’ brutto, sai? Ed è il primo passo per non essere desiderate, anche se si è belle e se ci si acconcia sempre nel modo migliore.

Quella di avere valore solo attraverso lo sguardo pieno di desiderio di un uomo è una convinzione che appartiene tipicamente alle donne.

Gli uomini non pensano di valere in base a quanto una donna o più donne li desiderano. Non almeno in modo esclusivo.

Gli uomini non cercano il loro valore solo nello sguardo di una donna. Molte donne lo fanno, invece, riguardo gli uomini.

E questo è un primo punto sul quale riflettere.

Il secondo punto sul quale riflettere è che uomini e donne vivono il desiderio in modo diverso.

Come spiego nel mio percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo, le donne, in genere, alimentano il proprio desiderio attraverso la continuità (il messaggio del buongiorno e della buonanotte, la telefonata quotidiana, l’uscita settimanale, il festeggiare le “date importanti”), gli uomini invece, in genere, vivono il desiderio nella discontinuità.

Cioè proprio nell’imprevisto, nella sorpresa, nel vivere di nuovo, ogni volta e in modo diverso, l’incontro con l’altra persona, il corteggiamento e la seduzione.

Ecco perché si annoiano facilmente dei riti ripetuti, dell’”appiccicume” di una donna, soprattutto se prematuro, dell’esigenza di lei di “stabilizzare” la relazione quanto prima.

Come farsi desiderare da un uomo: la discontinuità

Uomini e donne differiscono in questi aspetti: le donne hanno spesso un “bisogno disperato” di una relazione, per sentirsi in linea con quanto richiesto loro dalla cultura comune e anche per sentirsi desiderate; gli uomini non hanno per nulla un bisogno disperato di una relazione stabile, anzi, il contrario, e non considerano il loro valore come dipendente dall’approvazione di una donna o da una relazione stabile con lei.

A meno che quella donna sia particolarmente importante per loro.

Questa è una motivazione che spiega perché accade sempre più spesso che due persone si frequentano e lei crede che sia iniziata una storia d’amore travolgente e duratura mentre lui, dopo essere sembrato autenticamente coinvolto, scompare dall’oggi al domani.

Diciamo che lei ha voluto e preteso di vedere soddisfatto uno dei suoi più impellenti bisogni quanto prima, mentre lui ha avuto un picco di desiderio che è scemato rapidamente, tanto rapidamente quanto rapidamente è sorto.

E quindi, come farsi desiderare da un uomo, ma non in modo superficiale da “mangiauomini” dei poveretti, ma all’interno di una relazione stabile per davvero, dove vi siano oltre che l’attrazione anche il desiderio, ma anche l’amore e l’affetto?

Che cosa spinge un uomo a impegnarsi in una relazione e a rimanere fedele?
Scoprilo con i 5 video gratuiti dell'anteprima "Come fare innamorare un uomo e tenerselo". Iscriviti qui senza rischi e senza impegno e ricevi il materiale nella tua casella mail.

Come farsi desiderare da un uomo in una relazione stabile

Torno su un punto che è un ritornello per me: è fondamentale selezionare le persone giuste.

E’ importante, essenziale, puntare non su un uomo qualunque, sul primo che passa, sull’unico che è in circolazione in quel momento, ma scegliere bene, con cura, dandosi tempo e modo e avendo pazienza.

La materia prima è essenziale. Se la materia prima non è di prima scelta, non ne può nascere nulla di buono.

E questo che cosa significa? Significa che bisogna lasciare andare il bisogno spasmodico di avere un partner, di avere un compagno o perfino di accasarsi.

Perché quel bisogno spasmodico non solo attira i peggio intenzionati (cioè quelli che ti vogliono usare o peggio maltrattare), ma può, all’inizio, affascinare anche i più fragili, i più insicuri, i più inconcludenti. Che sono quelli che si lasciano incantare da una falsa pantera (in realtà bisognosissima) e poi la mollano dalla sera alla mattina, perché lui e lei non c’entrano nulla l’uno con l’altra.

Anche le intenzioni e gli obiettivi sono molto importanti per creare una relazione dove il desiderio sia sempre vivo, per entrambi.

Ritorniamo al punto di partenza: se tu vuoi che un uomo ti desideri perché hai bisogno di conferme, si tratterà di un rapporto non autentico.

In quel rapporto metterai in atto strategie per risvegliare il desiderio, che non sarà un desiderio destinato a durare.

Se invece inizi una frequentazione senza il bisogno disperato di un uomo e di una relazione, il desiderio reciproco sarà spontaneo e naturale.

Infatti riuscirai a mantenere quell’equilibrio tra distanza e vicinanza che crea la discontinuità che tanto affascina gli uomini.

Tieni presente che, di fatto, la discontinuità è anche più gratificante per te quando sei sicura di te e di quello che vuoi e non hai paura di essere inadeguata. E soprattutto ti permette di lasciare andare il bisogno.

Dato che la discontinuità, non è altro che varietà, e la varietà è uno dei bisogni vitali più importanti per l’essere umano.

Quindi, partendo dal tuo equilibrio emotivo e prendendo la distanza dal “bisogno disperato”, crei un circolo virtuoso che alimenta il desiderio nella tua coppia, da parte di entrambi.

Nel percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo spiego nel dettaglio i meccanismi del desiderio.

Chiarisco che cosa alimenta il desiderio in un uomo, facendo sì che si crei un legame sano e duraturo per due persone.

Un legame che non sia limitante e soffocante, ma dia carica e potere a tutti e due e tenga viva l’attrazione nel tempo.

Guarda i video dell’anteprima gratuitamente e inizia il percorso Come fare innamorare un uomo e tenerselo.

 

Lascia un Commento!

35 Commenti

  1. Avatar di Serena

    Serena 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 10:24)

    Articolo preziosissimo! Da stampare e tenere in borsa, per rileggerlo all'occasione. Questo bisogno di discontinuità da parte degli uomini non lo consideriamo mai! Grazie Ilaria, buona domenica :-)
    1
    Rispondi a Serena Commenta l’articolo

  2. Avatar di Elena

    Elena 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 11:27)

    Proprio la cosa di cui avevo bisogno di leggere oggi, grazie :)
    0
    Rispondi a Elena Commenta l’articolo

  3. Avatar di Atolla

    Atolla 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 13:37)

    Quando leggo considerazioni come queste mi convinco sempre più di essere un uomo mancato. 😵
    0
    Rispondi a Atolla Commenta l’articolo

  4. Avatar di cristiana

    cristiana 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 19:25)

    ....e io che pensavo che la discontinuita' fosse indice di disinteresse....Un abbraccio Ilaria e a tutte voi che mi fate un sacco di compagnia aiutandomi a crescere, capire e migliorarmi sempre di piu'. non c e' amicizia migliore.....grazie.CRISTIANA
    0
    Rispondi a cristiana Commenta l’articolo

  5. Avatar di A

    A 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 20:38)

    Io sono d’accordo col fatto che il bisogno spasmodico attira i fragili, gli insicuri, gli inconcludenti. Mi si sono aperti gli occhi. Grazie.
    0
    Rispondi a A Commenta l’articolo

  6. Avatar di Roberta

    Roberta 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 16:54)

    Ciao a tutti. Discontinuità significherebbe in sostanza non essere bisognosa, farsi vedere in un certo senso non totalmente disponibile? Ho notato questa cosa: da due settimane con l'uomo che mi interessa, ho preso le distanze, cioè lascio che sia lui ad avvicinarsi a me e noto che è meno scostante rispetto a quando ero io ad attaccare bottone.
    0
    Rispondi a Roberta Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 19:49)

      Io penso che non esistano comportamenti "universali". Sono uscita un paio di mesi fa con un tipo, il giorno dopo ricevo un suo messaggio al quale ho risposto in ritardo. Mi risponde a sua volta e poi il nulla. Io non l'ho cercato, ma ciò non implica che lui di conseguenza sia più stimolato a prendere l'iniziativa. Ad esser sincera non speravo che continuasse a farsi sentire, ma mi viene spontaneo pensare che non ci fosse interesse da parte sua oppure che magari abbia notato un po' di "freddezza" da parte mia. Comunque per me è valida la regola generale di aspettare che sia l'uomo a cercare mostrandosi interessato... Ma se già all'inizio della conoscenza non c'è un po' di curiosità, direi che allora non è il caso di aspettare.
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Roberta

      Roberta 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 23:11)

      Credo che questa discontinuità faccia crescere la curiosità nel conoscersi e godersi il momento nel stare insieme. Infatti si è più felici nel frequentarsi ed avere la libertà di scegliere. Si esprime il meglio di sé essendo più naturali e rilassati. Almeno è quello che ho provato io quando ci siamo visti. Ho notato che lui era più disponibile vedendo me che non stavo lì a pendere dalle sue labbra.
      0
      Rispondi a Roberta Commenta l’articolo

    • Avatar di Goldie

      Goldie 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 10:14)

      Infatti, secondo me sono strategie inutili. Le cose succedono se c'è voglia di vedersi, conoscersci, se c'è la curiosità e l'interesse reciproco. Il desiderio si alimenta da sè o si spegne, senza tanti artifici...
      -1
      Rispondi a Goldie Commenta l’articolo

  7. Avatar di Gloria82

    Gloria82 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 17:57)

    Ciao a tutti! Sicuramente il tema della discontinuità del desiderio maschile tocca molte nostre corde interne, e ci sta avere delle resistenze iniziali, magari quando sembra che dobbiamo rinunciare a dei comportamenti per noi "spontanei e naturali" per alimentare la curiosità di un uomo ( penso ad esempio al fatto di non scrivere per prime, o magari incoraggiarlo ma senza fare il primo passo, o al concedere tempo e spazio a volte si a volte no). Secondo me però é importante non confondere "strategie e tecniche sterili" con "nuova competenza". Se ci si appassiona al tema "relazioni di coppia fantastiche e dove trovarle" ( ;D ), si legge, si ascolta, si osserva, si impara e si scoprono cose che prima non si immaginavano nemmeno, perché non dare una chance a delle attitudini diverse? Sempre con senso critico ovviamente e non applicando le informazioni ricevute come delle ricette che risolvono tutte le situazioni. Però se oggi so ( dimostrato anche da studi scientifici) che un uomo interessante a cui scrivo io per prima, potrebbe perdere curiosità,interesse e desiderio nei miei confronti ( e inoltre la mia esperienza pratica me lo ha ampiamente dimostrato), perché dovrei voler essere spontanea e naturale cadendo in un automatismo che in passato non ha funzionato? Non é intelligente da parte mia resistere all'automatismo e invece provare delle nuove competenze, viste non come sterili strategie per arrivare all'obbiettivo, ma come possibilità di un atteggiamento nuovo che mi apre esperienze diverse? Proprio stamattina riflettevo sul fatto che nessuno mi ha mai insegnato come relazionarmi con gli altri, e quindi la mia volontà é di studiare questo argomento, saperne più che posso, far man bassa dell'esperienza degli altri per poi applicare queste nuove conoscenze nella mia vita. Quello che sapevo fino ad oggi sulle relazioni non é abbastanza, quello che credevo fino ad oggi spesso non mi é stato utile, quello che ho sperimentato fino ad oggi mi fa dire che "nuove competenze" e atteggiamenti diversi sono oro per me. E se poi non funziona? Ma a chi importa! Sarà stato divertente e spensierato anche solo provarci. ;)
    1
    Rispondi a Gloria82 Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 18:13)

      Gloria82, le tue sono tutte considerazioni giustissime che condivido pienamente. Il nocciolo della questione qui, su questo blog, nelle idee che io vado diffondendo e che è provato e sperimentato da tutti coloro che si occupano di relazioni e di sentimenti è che il desiderio nasce dall'indipendenza emotiva reciproca. Essere equilibrate/i (dato che vale anche per gli uomini) emotivamente significa essere persone che hanno carisma e che quindi affascinano, ogni giorno, il partner, con il quale creano un rapporto di amore, affetto e desiderio, dove l'amore, l'affetto e il desiderio sono componenti essenziali del rapporto, tutti insieme. Le strategie (che sono anche quelle importanti), intervengono su altri piani e in altri momenti. Quello che è centrale, qui, è la capacità di essere indipendenti. Capisco che in un mondo come l'attuale questi concetti siano sempre meno ovvi eppure sono gli unici ancora validi.
      1
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 20:22)

      Ciao Ilaria, ci tengo a precisare che io ho parlato della mia esperienza, non intendevo sminuire in alcun modo il tuo articolo. Ho voluto dare la mia opinione sul concetto di desiderio, ma il mio punto di vista non è necessariamente giusto. Spero si sia capito...
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 21:03)

      Ma il punto di vista di nessuno è necessariamente giusto. Perché mai giustificarsi?
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 21:46)

      Perché leggendo di nuovo il mio commento ho notato un'ambiguità di fondo che potrebbe causare qualche fraintendimento sul tema dell'articolo. Ho spostato il focus su di me, non ho commentato il contenuto dell'articolo. Ammetto che la mia concezione di "desiderio" non è molto chiara... Del resto tante cose - rimanendo nell'ambito delle relazioni - sfuggono alla mia capacità di comprensione e, con molta probabilità, resteranno questioni irrisolte.
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  8. Avatar di valery

    valery 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 15:10)

    Pur essendo una donna ormai matura, mi vedo molto uomo nel leggere l'inizio di questo articolo perchè detesto i rituali dei messaggini di buongiorno buonanotte e appena esci dal lavoro come recita la pubblicità della ILIAD. la discontinuità fa parte di me... ma non cucco più di altre. Cara Ilaria leggo da un anno gli articoli un po' per distrarmi o per vedere di imparare qualcosa ma osservo sempre questa categorica distinzione tra maschi e femmine... e una sottile tendenza a mettere in guardia le donne dal lupo cattivo= uomo tendenzialmente pronto a fregarti o farti del male. Direi che in giro ci sono anche parecchie stronze che ammazzano emotivamente gli uomini a sentire loro. Provare a conoscersi con la giusta calma no? sto frequentando uno che messaggiava sporadicamente rispetto ad altri assidui e che poi a conoscerlo bene, nonostante sia stato un latin lover, desidera una donna al suo fianco che lo stimi, lo stimoli e gli dia importanza ecc.. non è in fondo quello che cerchiamo tutti? maschi o femmine tutti abbiamo modalità diverse di dimostrare i nostri sentimenti o di esprimerli. Capire i gusti, gli interessi, le intenzioni, i valori, i comportamenti dell'altro richiede tempo. Quindi sottolineare in continuazione le differenze tra maschi e femmine, che sicuramente ci sono e possono comunque anche essere complementari, non porta ad unirci con quelli dell'altro sesso. Forse è meglio puntare su ciò che ci accomuna. So che si sono anche molte "vittime" tra gli uomini per cui parlare alle donne dicendo che possono trovare dei loro simili nel mare di pesci significa dare una speranza a tutti. Il lupo cattivo é maschio e femmina.. cappuccetto rosso sei tu e che tu sia maschio o femmina fai attenzione a quello che trovi là fuori. .Ma soprattutto piangi, ridi, esprimiti e sii te stesso e se ti viene da accontentare qualcuno vuol dire che anche se cambi e sei felice di farlo forse ti stai innamorando.
    0
    Rispondi a valery Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 16:41)

      Ciao Valery, è un anno che leggi i miei articoli, probabilmente con molti pregiudizi. In questo in particolare sottolineo quanto sia importante il tempo e la pazienza per la conoscenza. Nel percorso di cui parlo "Come fare innamorare un uomo e tenerselo" dedico molto spazio all'importanza del fattore tempo e di quanto sia essenziale non buttarsi a capofitto in una storia, in fretta e piene di aspettative e di illusioni. Ci sono donne stronze? Mi viene fatto osservare quotidianamente. Sì, ci sono donne stronze, è pieno di persone stronze, siamo circondati. Il fatto è che qui mi rivolgo alle donne e parlo di uomini stronzi - ma non solo sai? Cito ampiamente anche le stronze -. anche perché chi arriva qui di solito ha mostrato particolare fragilità verso uno o più stronzi o è facilmente preda di stronzi e perché intendo aiutare le donne a proteggersi. Inoltre una volta che riconosciamo che anche le donne sono stronze (che notizia!) che valore aggiunto dà questo al nostro discorso? Se hai guardato i video gratuiti disponibili sul blog io non parlo tanto di speranza, quanto di vero e proprio desiderio: incito chi mi ascolta a tenere vivo il desiderio per una bella relazione, perché uomini di valore ne esistono, eccome. Sei tu che mi sembri mancare di speranza, per ragioni tue, dato che cerchi che qualcuno ti dia speranza. Inoltre sia nei video sia nell'intero percorso parlo di quanto sia importante puntare sull'"amore" autentico, che unisce, quello sì, più di differenze e di culture. L'amore, questo sconosciuto. Leggere va bene, ma non leggiamo alla Facebook, cercando solo conferme ai nostri pregiudizi. Sul "piangi, ridi, esprimiti etc..." boh, onestamente mi sembra pattume da Baci Perugina.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Valery

      Valery 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 21:06)

      Desiderare qualcosa (come una bella relazione) non è in fondo avere la speranza di poterla ottenere? Io non manco di speranza né di desideri nè di una bella relazione che ho e che spero di mantenere viva e da qui il confronto con gli altri che può anche arricchire. Può ma non sempre accade. Pregiudizi ne ho sicuramente come ogni essere umano... forse solo i bambini ne sono liberi. Non leggo alla facebook perché sono una delle poche persone che si rifiutano di averlo quindi non capisco cosa intendi. Forse qualcosa che ho scritto ti ha offeso vista la tua risposta compreso il pattume da baci perugina dove volevo solamente dire quanto sia bello piangere o ridere indipendentemente dal fatto che tu sia maschio o femmina... voler seguire quello che senti è importante anche se alla fine diventi qualcosa di diverso da quello che pensavi l'importante è che tu piaccia a te stesso e rispetti l'altro. Infine stronzi e stronze e vittime da entrambe le parti... a volte le vittime ne creano altre e gli stronzi pure. Il succo del discorso era che è vero che tendenzialmente siamo diversi tra maschi e femmine ma anche le donne e gli uomini tra loro no? Però ci sono anche tante somiglianze e lavorare sui punti in comune crea unione e forza. E Valorizzare le differenze pure in alcuni casi.
      0
      Rispondi a Valery Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 21:36)

      Va bene tutto, non capisco che cosa c'entri con quello di cui abbiamo parlato nell'articolo, tutto qui. Non sono offesa, immaginiamoci, sono infastidita, di certo, da un discorrere che secondo me non è articolato e pertinente. Anche il fatto che si debba essere liberi di piangere o di ridere indipendente dal fatto di essere uomini e donne, va bene. Che cosa c'entra? Gli uomini e le donne sono diversi tra loro. Certo, dài, ovvietà: che cosa c'entra con quello di cui stiamo parlando? Lavorare sui punti in comune crea unione e forza. Può darsi, non ci ho pensato, siamo genere umano, più in comune di così? E ancora: che cosa c'entra con quello di cui stiamo parlando? E' la non pertinenza di molto discettare, molto comune al giorno d'oggi, che mi infastidisce parecchio, perché è estremamente dannosa. Tutto qui.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Marie Claire

      Marie Claire 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 21:38)

      Ilaria, ti amo perché dai sempre la risposta giusta! ;))
      0
      Rispondi a Marie Claire Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 5 mesi fa (22 Gennaio 2019 11:25)

      Ti ringrazio per l'amore Marie Claire :) . Non dò sempre la risposta giusta, faccio del mio meglio.
      0
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Linda

      Linda 5 mesi fa (25 Gennaio 2019 11:44)

      E' capita a me..ho frequentato un uomo di 44 anni per due mesi, quando ho capito che oltre al sesso non avremmo fatto altro, ho deciso di lasciarlo ma dal giorno successivo mi ha tartassato di messaggi, voleva vedermi sempre e di fare una famiglia. Il mio sesto senso mi ha detto "Non ti fidare" e aveva ragione...dopo 2 mesi di continui sms e telefonate, ha trovato un'altra...lui dice che è trombamica Il tuo articolo è perfetto!
      0
      Rispondi a Linda Commenta l’articolo

  9. Avatar di Bianca

    Bianca 5 mesi fa (26 Gennaio 2019 17:00)

    Ti leggo da sempre e non ti ho mai scritto. In virtù dell’ennesimo “giusto” articolo, non posso che ringraziarti Ilaria Cardani per le riflessioni mai banali che le tue parole sono in grado di sortire.
    0
    Rispondi a Bianca Commenta l’articolo

  10. Avatar di cla

    cla 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 11:09)

    ciao a tutti/e: se il "rapporto" è soprattutto via whatsapp.. come creare discontinuità (o meglio: varietà) se non attendendo che sia sempre o quasi sempre LUI a prendere l'iniziativa? per unsa serie di ragioni (organizzative, caratteriali, lavorative e...?) sento la persona in questione una volta a settimana e spesso via whatsapp. Ci vediamo una - due volte al mese, a volte anche tre. Ma a me non piace questa cosa limitata. Quando mi "assento" dal messaggiare, si preoccupa, magari chiama e poi si tranquillizza per un po'. Io NON funziono così. che consigli mi potete dare? questo succede anche se ho i miei impegni!
    0
    Rispondi a cla Commenta l’articolo

    • Avatar di Chiara

      Chiara 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 15:44)

      Ciao! Scusa, ma non definirei un rapporto qualche chat settimanale con una persona che non vedi praticamente mai! Al più sei una distrazione dalla sua vita, un luogo dove entra ed esce per evadere 10 minuti, senza impegno. Ti tiene calda tra un incontro e l'altro, si preoccupa giusto per non perdere il giochino. Da quanto capisco ti chiama soprattutto se non rispondi subito ai suoi messaggi, stop. Tu non funzioni così? Mi sembra normale. Ora però dimostralo, negandoti. Possibilmente per sempre.
      1
      Rispondi a Chiara Commenta l’articolo

    • Avatar di Ally

      Ally 5 mesi fa (21 Gennaio 2019 19:25)

      Chiara... Top. Commento giustissimo. Cla mi permetto di dire: quando nella vita in generale qualcosa la desideri, ti piace, vorresti averla, non ti impegni al massimo? Nelle amicizie così come in un tuo hobby o nel lavoro, ti dedichi con cura? Lo fai anche con te stessa? Ecco chi ti concede al massimo 1/2 uscite o qualche mess su WhatsApp che investimento sta facendo nella relazione e con se stesso? Non sei tu che funzioni male é che cerchi altro, altro che viene dalla convinzione, dal piacere di stare con l altro, dalla cura che metti nella relazione. I rapporti ad elastico (io mi allontano tu ritorni ma poi sparisci di nuovo) a me hanno fatto sentire come se fossi accessoria o nulla. Ti e mi auguro di Sperimentare una ricerca sana dell' altro, mica ti mancherà un messaggino no? 😜 Un abbraccio
      1
      Rispondi a Ally Commenta l’articolo

    • Avatar di cla

      cla 4 mesi fa (27 Febbraio 2019 11:38)

      avete entrambe ragione... no, il messaggino non mi mancherà... è il classico "uomo superimpegnato" tra lavoro, ex moglie, figli e famiglia d'origine: non ha un po' di tempo per se stesso. ovvio: si è superimpegnato nel lavoro perchè insoddisfatto nel matrimonio. Viaggia per lavoro e non "può" tornare indietro nelle sue scelte lavorative. E' molto razionale, poi: lega l'amore alle espressioni pratiche, per cui non si sbilancia (considerando il fatto che mi dedica poco tempo, dal mio punto di vista). ora, a distanza di qualche settimana, si sta facendo sentire un po' più spesso, tra un viaggio e l'altro, c'è più costanza nel vederci, ma comunque per me manca qualcosa, forse una maggiore chiarezza? o intimità sentimentale?
      0
      Rispondi a cla Commenta l’articolo

  11. Avatar di Emilia

    Emilia 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 20:09)

    Ciao a tutti! Vi dico quello che penso: io non vorrei essere desiderata, piuttosto mi piacerebbe essere rispettata. In passato mi è capitato di essere stata desiderata da qualcuno, ma si è trattato soltanto di qualche momento passeggero. Il desiderio personalmente mi spaventa. Avete presente quel detto "Tutti la vogliono ma nessuno se la piglia"? Ecco, detto in poche parole, non mi piace proprio l'idea di essere l'"oggetto" del desiderio di qualcuno. È una mia sensazione, magari strana, ma se dovesse capitarmi di essere desiderata da qualcuno, avrei il sospetto di cadere vittima del cascamorto di turno.
    0
    Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

    • Avatar di Gloria82

      Gloria82 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 21:12)

      Buonasera Emilia! Capisco a cosa ti riferisci e penso tu stia parlando di desiderio come "attrazione a breve termine", che nel mondo di oggi sicuramente può essere anticamera di atteggiamenti irrispettosi, incoerenti e disfunzionali fini a se stessi. Penso però che il desiderio di cui si parla in questo articolo faccia riferimento a qualcosa di sano, a quel motore che spinge i due partner della coppia a voler stare insieme, a conoscersi e dare il meglio di sé. Nella mia esperienza, quando ho veramente desiderato qualcuno ho cercato di dare il meglio, e anzi, mi é venuto anche più spontaneo, naturale e semplice essere una persona rispettosa ( e non compiacente, eh), volere il bene del mio compagno e conoscerlo a fondo. Cosa ne pensi?
      0
      Rispondi a Gloria82 Commenta l’articolo

    • Avatar di Emilia

      Emilia 5 mesi fa (20 Gennaio 2019 22:24)

      Ciao Gloria82, la tua interpretazione del mio commento è esatta e capisco cosa intendi per desiderio "sano", ma io alla parola desiderio riesco ad associare solo passione fine a se stessa. Probabilmente questo dipende dal fatto che io abbia avuto soltanto un certo tipo di esperienze, ma non riesco a considerare il desiderio come un elemento positivo.
      0
      Rispondi a Emilia Commenta l’articolo

  12. Avatar di Maria

    Maria 4 mesi fa (22 Febbraio 2019 16:25)

    Ciao Ilaria, Vorrei qualche consiglio su come stimolare un uomo a cercarmi,creargli tensione, sedurlo attraverso la provocazione ma senza essere volgare e senza calpestare la propria dignità. Vorrei sbloccarlo avendo già constatato un po' di interesse. Primo fra tutto vorrei esporti un mio problema: non riesco ad essere attraente su whatsapp. A volte cado nella banalità. Grazie mille Ilara.
    2
    Rispondi a Maria Commenta l’articolo