Anno nuovo: hai fatto i cattivi propositi?

Come conquistare un uomoIn questi giorni di inizio d’anno impazzano i buoni propositi. Stai tranquilla: qui niente buoni propositi per conquistare un uomo.

Conquistare un uomo, non è un tema da inserire nei buoni propositi, quelli che dopo 3 giorni da quando sono stati stabiliti, già sono dimenticati.

Io personalmente in questi giorni sono stata bombardata, soprattutto in internet, da articoli, riflessioni, pensieri sui buoni propositi. Anche quelli relativi a conquistare un uomo (o una donna). Qualsiasi coach che voglia fare coaching in modo “serio” a inizio anno scrive un articolo sui buoni propositi, sui risultati che si vogliono ottenere, sull’utilità di porsi obiettivi, dare loro una forma precisa, una scadenza temporale, etc. etc. Altri, invece, ormai hanno capito che parlare di obiettvi non serve e spesso danneggia, così ci sono quelli “controcorrente” che dichiarano a gran voce che fare buoni propositi è controproducente. Grazie, non l’avevamo mica capito, dopo anni di esperienza.

Qualsiasi rivista femminile insiste sui buoni propositi di inizio anno. Di solito questi buoni propositi sono: mi metto a dieta, mi iscrivo in palestra, miglioro l’inglese, smetto di fumare.  Imparo a essere più seduttiva per conquistare un uomo. Mamma che noia e soprattutto che ansia…  Nella mia casella mail, sono arrivati anche articoli e i consigli sui buoni propositi per migliorare il mio blog. Esagerati, davvero.

Conquistare un uomo: luoghi comuni che bloccano

I buoni propositi sono un luogo comune della comunicazione e delle chiacchiere da bar, un po’ come il freddo e la pioggia d’inverno – insieme alla nebbia in Valpadana – e il caldo e l’afa d’estate: di qualcosa bisogna pur parlare giusto? Ed ecco che i buoni propositi sono un tema su cui non è necessario fare grandi sforzi. Son sempre le solite cose. Sapute e risapute, che danno sicurezza. Una falsa sicurezza.

Già, perché i luoghi comuni, proprio perché sono accettati dalla maggioranza delle persone, fanno sentire tutti uguali e danno la tranquillità che non ci siano sorprese, che tutto sia prevedibile e si svolga su binari ben prefissati.

Hai presente quanti luoghi comuni ci sono riguardo la seduzione, l’attrazione e il conquistare un uomo? Un’infinità. E questi luoghi comuni sono delle catene, delle catene della mente.

Che cosa ti permette di conquistare un uomo?

C’è un aspetto inquietante in più nel concetto e nel luogo comune dei “buoni propositi”. Uno è che siano propositi e non azioni (e infatti è per quello non si passa mai all’azione, ci si ferma al proposito), l’altro è che debbano essere buoni. Come se tutto il resto di quello che pensi e che fai fosse cattivo. Come dire che tutto quello che hai fatto finora nella tua vita è cattivo. Come dire, per esempio, che conquistare un uomo dipende dalla tua cattiveria o dalla tua bontà. Ma stiamo scherzando?

Perché ho parlato di cattivi propositi? Perché se ritieni che la tua vita sia una cosa seria – e lo è, che tu ci creda o no – è ora che tu rovesci i luoghi comuni e se sei insoddisfatta della tua vita di relazione  è ora che tu rovesci i luoghi comuni o il tuo modo di pensare abituale rispetto a te stessa, all’amore, alla vita di coppia. E’ questo che ti serve a conquistare un uomo. E a realizzare anche la vita che vuoi.

Ecco perché ti invito a fare cattivi propositi: è un modo per invitarti a scardinare alla base un modo di pensare che non è utile per te. Scardina anche tutti i tuoi vecchi e inutili modi di pensare riguardo a come conquistare un uomo. Probabilmente sono proprio quelli che ti impediscono di essere felice.

Quali sono le tue convinzioni profonde riguardo alla seduzione, all’attrazione e all’amore? Verifica se ne trovi qualcuna che ti corrisponde.

“Per conquistare un uomo devo essere bella, gli uomini considerano solo l’aspetto esteriore.”

“Tutti gli uomini sono traditori.”

“Ho sofferto troppo in passato, ho paura di soffrire ancora.”

Non mi merito l’amore di un uomo, non sono alla sua altezza.”

“Sono separata e ho un figlio: per me è impossibile trovare un uomo che mi ami davvero

“Mi piace un ragazzo che ho appena conosciuto, ma penso che lui sia troppo per me.”

“Gli uomini vogliono solo una cosa dalle donne e quando l’ottengono perdono interesse.”

“Attraggo solo uomini sbagliati.”

“Sono attratta da chi non è interessato a me e non mi piacciono quelli ai quali piaccio”.

Questi sono alcuni “chiodi fissi” mentali delle donne. Tu vuoi aggiungerne qualcuno in più?

 

Come fare innamorare un uomo e tenerselo
Gratis per te!
Crea una relazione sana e soddisfacente con sincerità e onestà. Rispettando te stessa e l'uomo che ti piace, senza sembrare una facile, ma esprimendoti al 100% per come sei, molto più serena e sicura di quello che fai.
Ricevi i miei aggiornamenti esclusivi e riservati

Articoli Correlati

Lascia un Commento!

20 Commenti

  1. Avatar di Vale

    Vale 6 anni fa (5 gennaio 2013 13:42)

    "Sarei felice se solo avessi un uomo" "Gli uomini sono tutti stro..." "Gli uomini non mi vogliono perché sono troppo buona" "Gli uomini non mi vogliono perché non sono abbastanza buona" "Gli uomini migliori stanno con le stro..." "Perché non riesco a trovare un uomo? Eppure sono brava a cucinare/a fare l'amore/a parlare/a starmene zitta/ ecc ecc" "Resterò sola per tutta la vita, LO SO." "Ho bisogno di un uomo per sentirmi donna" "Sono single perché gli uomini vogliono le donne belle" "Perché sono single? Eppure sono così bella!" Che ne dici, Ilaria? Anche queste sono convinzioni personali abbastanza agghiaccianti, non trovi? Ciò che mi colpisce è come, nel cuore di una donna, possano coesistere due convinzioni personali antitetiche, come quello dell'essere troppo belle/non abbastanza belle. Grazie per aver scritto questo articolo sui maledetti buoni propositi! :) Vale
    Rispondi a Vale Commenta l’articolo

  2. Avatar di Fra

    Fra 6 anni fa (5 gennaio 2013 19:56)

    beh mi sorprende davvero pensare che alcune donne pensino tutte queste cavolate ilaria, forse eccetto le ultime 2....molte volte davvero è così! ma forse xkè quelle donne che pensano le ultime 2 frasi sn invaghite dello stronzo invece di ciò che è meglio x loro ma le prime sn davvero agghiaccianti sulla contraddizione che vale porta alla luce...beh siamo contorte noi donne, è la nostra natura :D
    Rispondi a Fra Commenta l’articolo

  3. Avatar di Eleonora

    Eleonora 6 anni fa (5 gennaio 2013 22:49)

    non sarà,invece,perchè ognuno di noi essendo speciale e unico difficilmente potrà trovare chi ne saprà cogliere il valore?????? non siamo tutti sulla stessa lunghezza d'onda........purtroppo............... io ho trovato chi mi apprezza x come sono:era ORA! senza fare il minimo sforzo x farmi capire anche se fa1000domande perchè mi ritiene fuori dal comune dunque tutta da scoprire e io ho smesso di cercare chi, x come sono, fatico a trovare.
    Rispondi a Eleonora Commenta l’articolo

  4. Avatar di Michela

    Michela 6 anni fa (6 gennaio 2013 14:15)

    direi che "penso" più spesso alle ultime due....ma comincio a crederci poco anche in quello! Forse ora è il momento giusto per migliorare e cambiare... Sara' che rimango attaccata al passato perchè nel presente trovo il nulla...o sono colpita subito dalla persona che conosco altrimenti ciao...non sento nessuna vibrazione, ed è quella che secondo me ci deve essere alla base di una conoscenza, se non mi dice nulla sarà ben difficile che dia un altra occasione...sono difficile?forse..
    Rispondi a Michela Commenta l’articolo

  5. Avatar di anna

    anna 6 anni fa (6 gennaio 2013 19:57)

    Il mio cattivissimo proposito per il 2013. Non voglio conquistare proprio nessuno. Sto benissimo così, e se qualcosa nella ma vita è perfettibile, mi do da fare senza lamentarmi e senza trovare scuse. Esco con tutti gli uomini che mi piacciono. Sono loro che devono conquistarmi. Altrimenti mi diverto un sacco lo stesso. Che ne pensi? :)))
    Rispondi a anna Commenta l’articolo

  6. Avatar di cinzia

    cinzia 6 anni fa (7 gennaio 2013 0:36)

    Brava Anna!! La penso esattamente come te...... Se ogni donna riuscisse a far scendere l'uomo in generale dal suo peidistallo, forse le cose andrebbero meglio. Ciò che non dimentico mai è di non aspettarmi niente da nessuno e tutto ciò che viene è nuovo e inaspettato. Buon anno di cattivi propositi a tutte. C.
    Rispondi a cinzia Commenta l’articolo

  7. Avatar di Paola

    Paola 6 anni fa (12 gennaio 2013 14:43)

    Mi riconosco in quei chiodi fissi che diventano miei (coscientemente) dopo ogni delusione. Poi me ne dimentico, ma forse il mio inconscio invece li ha ben presenti. O non si spiegano certe scelte autosvalutanti. Pensavo in questi giorni che le donne che si stimano, non si accontentano, non danno a fondo perduto e a chi non le merita e scelgono invece uomini alla loro altezza sono... pochissime. Mi dicevo anche che subiscono la concorrenza di tutte quelle donne pronte a fornire soluzioni comode e a tutto vantaggio maschile: donne che rinunciano a fare figli o se li sobbarcano in toto, tolgono tempo ai loro veri interessi (o allo studio o al lavoro o alle amicizie o allo svago) per essere sempre belle, curate e in forma per gli uomini, si mostrano più stupide di quel che sono per non spaventare gli uomini, pensano che siano gli uomini a scegliere, si accontentano perché non c'è di meglio... Ecco, tutti questi diffusi atteggiamenti femminili, abbassano la media delle giuste aspettative e richieste femminili. Non so se mi sono spiegata: voglio dire che per un uomo è troppo facile dare poco, essere egoista e bambinone, se non irrispettoso e vigliacco... perché tanto trova sempre una donna che se lo piglia e lo ama in modo incondizionato... e che anzi magari addirittura si sbatte per tenerselo. Gli uomini tendono sempre al massimo risultato col minimo sforzo. E molte donne non li motivano di sicuro. Sanno bene, questi uomini, di non essere all'altezza di tante donne che lavorano e allevano figli, sono più brave a scuola (dati statistici), guadagnano meno di loro pur meritando altrettanto se non di più (indovinate perché?), amano. Lo sanno, ma non sono stimolati a migliorare... perché non ne hanno bisogno, perché c'è sempre chi se li piglia. Perché le donne si lamentano dei bassi livelli maschili, ma restano nelle storie a farsi del male. E loro lo sanno. E i nostri brontolii non sono che un fastidioso sottofondo che poi magari diventa pure la scusa per tradimenti vari. Allora piantiamola di ritenerci meno di quel che siamo, piantiamola di accontentarci e di vivere in funzione dei desideri altrui. Piantiamola di preferire una vita di compromessi, male accompagnate, ad una vita libera. Anche da sole (che poi non si è mai sole e lo si è sempre), ma indipendenti e con rispetto per noi stesse. Teniamo noi standard alti (altroché cretini che vogliono la donna bella accanto) e ignoriamo completamente uomini non all'altezza. Chi ha davvero il coltello dalla parte del manico (se proprio si deve parlare in questi termini) secondo voi?
    Rispondi a Paola Commenta l’articolo

  8. Avatar di 2013

    2013 6 anni fa (12 gennaio 2013 20:36)

    Per meglio dire, ci si sceglie a vicenda secondo me.
    Rispondi a 2013 Commenta l’articolo

  9. Avatar di 2013

    2013 6 anni fa (12 gennaio 2013 20:23)

    Sono d'accordo con te Paola, è quello che faccio, mi tengo alla larga da certi personaggi perché preferisco la solitudine allo snaturamento del mio essere solo per far piacere a un uomo che mi vorrebbe diversa. Penso infatti che se un uomo ci tiene veramente si comporta di conseguenza, si dà da fare per migliorare e la pianta di nascondersi dietro atteggiamenti egoisti e puerili. E non m'importa di essere etichettata come un'intransigente, io so di non esserlo, so di pretendere il minimo, cioè rispetto e attenzione VERA, non fasulla. Non si può piacere a chiunque, bisogna essere brave nel saper scegliere. Perché in realtà siamo noi a scegliere, o mi sbaglio?
    Rispondi a 2013 Commenta l’articolo

  10. Avatar di Paola

    Paola 6 anni fa (13 gennaio 2013 10:52)

    Ci si sceglie a vicenda, infatti... anche io lo credo. Tenendo standard alti, adeguati a ciò che davvero si vuole, si selezionano in maniera naturale partner all'altezza dei nostri desideri. Ovvero chi ha voglia di essere all'altezza, chi non si accontenta di una relazione comoda, con una donna infelice ma dipendente, chi non ha paura di dare e avere il meglio. Però siccome ciascuno di noi può fare solo la propria parte e non quella degli altri, invece di lamentarci di cosa gli uomini non ci danno, non capisco e così via, credo che basterebbe fare appunto la nostra parte, non svendendoci, non accontentandoci, dando e pretendendo il massimo. Chi non è all'altezza è fuori gioco. Senza "se", "ma", "forse", "però", "chissà"... Dipende da noi, per forza. Non ci sono altre soluzioni, altre possibilità...
    Rispondi a Paola Commenta l’articolo

  11. Avatar di ilariacardani

    ilariacardani 6 anni fa (11 gennaio 2013 23:31)

    Uomini cretini e superficiali vanno considerati come tali. Perché mai considerarli?
    Rispondi a ilariacardani Commenta l’articolo

  12. Avatar di 2013

    2013 6 anni fa (11 gennaio 2013 20:21)

    Ok, sarà anche un luogo comune ma oggi molti, direi la maggior parte degli uomini sono ossessionati dall'aspetto fisico e pretendono di avere una donna bella accanto e non hanno intenzione di accontentarsi di una tizia "nella norma". Lo dico con tristezza, mi fanno pena da un lato e sentire sconsolata dall'altro. Come reagire quando ci si imbatte in uomini così dannatamente cretini e superficiali? Ti fanno capire che sei un cesso per loro. Che si fa in questi casi, a parte il pugno in faccia che si meriterebbero?
    Rispondi a 2013 Commenta l’articolo

  13. Avatar di helen

    helen 3 anni fa (3 gennaio 2016 21:23)

    Dunque nell"anno nuovo io non ho prodotto propositi, ho prodotto fatti. Di fronte all'ennesima proroga dell'ennesimo contratto capestro ho mandato tutti a stendere. Come sto bene. Avrò un pochino di tempo in più per farmi le mie cose. Son stata brava??
    Rispondi a helen Commenta l’articolo

  14. Avatar di Gea

    Gea 3 anni fa (5 gennaio 2016 7:58)

    Buongiorno e buon anno a tutti. :-) I buoni propositi sono in realtà degli... spropositi! É davvero, come scrive Ilaria, un modo di pensare infantilizzante. Non ne viene fuori un kaiser di concreto e produttivo: ci si cristallizza nel "vorrei fare", dove il condizionale esprime grammaticalmente una volontà condizionata (dall'esterno), dunque debolissima e impotente, come lo é appunto un bambino incapace di provvedere a se stesso, bisognoso e desideroso di tutto e di più. Non é che vada meglio usando il futuro: " faro' "... Anche questo é tipico dei bambini, e normale solo alla loro età: "da grande faro' l'astronauta, l'acrobata... o il macellaio (dixit papa Francesco... meno male che poi ha cambiato idea! :-P ) E, secondo me, anche dire "voglio fare" resta un'intenzione debole e poco efficace. I bambini dicono sempre "voglio questo e quello, voglio fare questo e quello"... Usiamo semplicemente il verbo "fare" al presente indicativo, perché sono l'unico modo e l'unico tempo di cui disponiamo. Diciamo "Faccio"... e agiamo! Perché, quando abbiamo chiaro il nostro obiettivo (cio' che davvero ci fa star bene) e finalmente ci decidiamo ad agire, consapevoli che l'azione é un movimento costante di cui noi stessi siamo i padroni, non un miracolo di santa Rita o il risultato di flussi karmici, congiunzioni astrali e scorregge cosmiche, e che é nella costanza che le azioni diventano efficaci e produttive, a quel punto non abbiamo più tempo per le pippe mentali... e tutte le convinzioni sbagliate cominciano a sbriciolarsi, lasciandoci padroni di noi stessi e della nostra vita... come é giusto che sia! Buona giornata a Ilaria e a tutti :-)
    Rispondi a Gea Commenta l’articolo

  15. Avatar di Livia

    Livia 2 anni fa (12 dicembre 2016 21:52)

    Io spero di avere rivalsa su una persona che non si è comportata benissimo con me. Fargli capire che non ero da lasciare andar via.
    Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (12 dicembre 2016 22:03)

      Sicura? Chi l'ha detto che tu non eri da lasciare andar via? Non può giudicare questa persona da sé e per sé? E che cosa te ne fai della rivalsa? ;)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 2 anni fa (12 dicembre 2016 22:29)

      Per lui non ero matura, non eravamo fatti per stare insieme, nonostante troncava e vedendomi che non lo cercavo più nemmeno come amico mi ricercava, mi serve uno che mi sappia capire, non so scherzare, sono fantastica ma abbiamo troppa differenza d'età. Si stava frequentando con una sua ex prima di me, con cui era stato fidanzato anni fa, L'aveva lasciata via sms per me, mi aveva pure presentato ai suoi amici e voleva fare sul serio con me, ma poi sabato l'ho visto con lei.
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Livia

      Livia 2 anni fa (12 dicembre 2016 22:41)

      Per lui sono immatura, non so scherzare, poi nonostante più volte chiudeva e mi vedeva che non me lo filavo nemmeno come amico, ritornava sui suoi passi. Aveva lasciato una ragazza con cui si frequentava ed era stato insieme molti anni fa, ma due giorni fa li ho rivisti insieme. Diceva di avere intenzioni serie con me mi aveva presentato pure ai suoi amici, devo averci per forza a che fare per lavoro e mi fa solo rabbia. Ho anch'io i miei difetti però sai come se ne è uscito? Sei una ragazza fantastica devi trovare uno che ti sappia capire.
      Rispondi a Livia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (12 dicembre 2016 23:04)

      Beh, una dote di costui? Sarà stato straordinario a letto, mi immagino perché su altri fronti non lo vedo nemmeno appena sufficiente :)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo