Come dimostrare amore a un uomo in una relazione sana e appagante

come dimostrare amore a un uomoMa le donne sanno amare? Le donne che si lamentano del fatto che gli uomini sono tutti rospi, bugiardi e traditori inaffidabili, queste stesse donne, invece, sanno come dimostrare amore a un uomo? Le donne che si sentono deluse e frustrate perché il loro compagno “non è più come i primi tempi”, si dimostra distaccato e non è gentile e attento, al contrario, che ruolo hanno o si assumono all’interno della coppia? Detto in soldoni: tu sai come amare il tuo compagno non nel modo che sembra giusto a te, ma nel modo in cui lui vorrebbe essere amato?

"Il contrario dell’amore non è l’odio, ma l’apatia. Leo Buscaglia"

E’ vero, gli uomini hanno tanti difetti e spesso non sanno come dimostrare il loro amore a una donna. E allo stesso tempo è altrettanto vero che molte donne sono troppo indaffarate, troppo bisognose o forse semplicemente troppo distratte per coltivare il proprio amore per il partner e per la vita di coppia e per prendersi cura in modo sano – cioè non assillante, appiccicoso, dipendente – delle dimostrazioni di affetto, di stima, di apprezzamento per chi hanno accanto.

Come dimostrare amore a un uomo: il punto di partenza

Ora ti rivelo alcune sensazioni mie personali che però penso siano utili a te e a tutte noi che siamo qui su questo blog a crescere, indagare e migliorare. So bene che molto spesso all’interno di una coppia, dal punto di vista dell’intelligenza emotiva, la parte più carente è quella maschile. So bene che sono gli uomini quelli che in genere vengono percepiti come i più “incompetenti” per quel che riguarda l’entrare in connessione con l’altro, quelli meno capaci di empatia e più restii a dimostrare amore e affetto alle proprie compagne. Molto spesso l’esperienza (non necessariamente solo quella personale, ma anche quella di chi ci sta intorno) ci dice che sono proprio gli uomini i più “iindifferenti” all’amore e anche di frequente quelli che si fanno meno scrupoli rispetto ai sentimenti degli altri, delle loro compagne in particolare. Il sapere comune invece ci dice che le donne sanno perfettamente come dimostrare amore a un uomo.

"E’ meglio avere un cuore senza parole piuttosto che parole senza cuore. Gandhi"

Si crede dunque che le donne, più sensibili, empatiche e forse anche più emotive (nel senso più positivo del termine), sappiano amare in modo naturale e spontaneo, proprio perché sono donne. Sanno come amare “per natura”. E ti dico la verità: per me non è proprio così. Vedo, nel mio lavoro, troppe donne, anche (anzi ancora di più) tra le più bisognose e tra coloro che amano troppo, che non sanno affatto amare e non sanno per niente dimostrare amore al proprio partner. E’ triste ed è così. Di fatto nell’amare troppo e nella bisognosità uno dei tanti punti critici è proprio che non si sa amare, né se stesse, né gli altri.

Tu pensa che c’è addirittura uno studio, compiuto di recente  dalla dottoressa Elizabeth Schoenfeld, ricercatrice della University of Texas a Austin, che rivela come all’interno di una relazione stabile, quale può essere un matrimonio (in particolare all’inizio), gli uomini siano più propensi delle donne a dimostrare amore, per esempio cercando il contatto sessuale e rendendosi disponibili a condividere le più varie attività, sia di svago sia di “servizio” (perfino!) con le loro compagne.

Mentre le donne, proprio anche all’inizio di una relazione, diventano passive e dimostrano amore con un comportamento meno assertivo e più accomodante del solito  in relazione ai desideri e alle abitudini dei compagni. E’ un po’ la solita vecchia storia. Per amare, le donne decidono di stare nell’ombra, di compiacere, di non farsi avanti con i propri bisogni. Di lasciare andare la propria determinazione e la propria energia. Interessante, vero?

Amare e amore in una coppia sana e felice

Il fatto è che amare non è annullarsi, mettersi in ombra, compiacere. Lo ripetiamo spesso. Amare è tenere sempre sott’occhio se stessi come priorità e accogliere nella propria area di “contemplazione” un’altra persona alla quale dare attenzione, ascolto e gratificazioni.

Ma senza annullarsi.

Infatti anche il desiderio di capire come dimostrare amore a un uomo si deve nutrire all’interno di una relazione sana ed equilibrata, che arricchisce e fa crescere.

Non certo in una relazione tossica o abusiva o semplicemente insoddisfacente.

"Quando un uomo ha l’amore non è più in balia di forze più potenti di lui, perché diventa egli stesso una forza potente. Leo Buscaglia"

Proprio nell’articolo precedente a questo, dedicato a che cosa cerca un uomo in una donna e in una relazione, ho spiegato che il bisogno più grande che, in genere, gli uomini desiderano soddisfare è quello di essere rispettati, ammirati, apprezzati dalla propria compagna. E infatti se hai fatto il  percorso I 7 Pilastri dell’Attrazione sai bene quali sono i bisogni principali che motivano sia te, sia gli uomini che ti stanno accanto o ti piacciono, a stare in una relazione che dura nel tempo. Se comprendi il sottile meccanismo che c’è alla base dei bisogni umani non solo trovi il modo per essere felice e soddisfatta tu, ma diventi ben consapevole di come dimostrare amore al tuo partner o a un uomo che ti piace all’interno di una relazione sana ed equilibrata.

Ecco, il bisogno più impellente, in genere, per un uomo è il bisogno di importanza, di riconoscimento, dal quale deriva la sua “necessità” di rispetto e di ammirazione. Rispetto e ammirazione non sono altro che modi di dimostrare di amore. E come si fa a dimostrare amore a un uomo nel modo che lo gratifica di più, cioè attraverso il rispetto e l’ammirazione?

La verità è che molte donne fanno di tutto piuttosto che dimostrare rispetto e ammirazione. Anche quando si “inzerbinano”. Perché “inzerbinarsi”, sia chiaro, è ben diverso che aver rispetto dell’altro. A parte che se sei in una relazione nella quale ti “inzerbini”, dovresti smettere di leggere questo articolo all’istante e dedicarti ad altri articoli.

E allora come accidenti fai a dimostrare amore all’uomo che ami e che ti ama?

Considera la lista che ti che ti illustro di seguito per amare in modo da arricchire te stessa e la relazione che vivi o che vivrai a breve.

Cosa fare e cosa non fare per apprezzare l’uomo che ami

1) Non manipolarlo facendo leva sulla tua sensualità e ricattandolo dal punto di vista sessuale (ma questo proprio mai con nessuno). A te non va di essere considerata un “oggetto“ da lui o da qualunque altro uomo? Non ti piace essere presa in giro ed essere manipolata? Allo stesso modo, allora, tu non giocare con lui facendo leva sulle sue eventuali debolezze concedendoti sessualmente o mostrandoti più sensuale o non concedendoti solo per raggiungere qualche tuo obiettivo (premiarlo, punirlo, persuaderlo in qualche modo). Usare la sensualità e il sesso come un mezzo per raggiungere secondi fini che non siano la condivisione, l’intimità e il raggiungimento del piacere reciproco, non è rispettoso né di te né di lui. Tosta questa, non te l’aspettavi vero? E invece :) …

2) Non flirtare con altri uomini per cercare approvazione, per far bella mostra di te o per farlo ingelosire. Ma nemmeno se lui non c’è, non vede, non sente. No, dico, ti pare amore questo?

3) Mostra apprezzamento per lui in pubblico, lasciandogli lo spazio per esprimersi senza criticarlo, tacitarlo o irriderlo in nessun modo. Flirtare con altri uomini, tentare di ingelosirlo, tacitarlo o criticarlo di fronte agli altri (ma anche vis à vis)sono manifestazioni potenti di mancanza di rispetto e anche di mancanza di amore (che in realtà riverberi anche su te stessa perché se non dimostri amore e rispetto per il tuo compagno non è che la tua immagine ne guadagni molto. Passi per una sfigata in realtà… E per molte ragioni.)

4) Parla chiaro, di’ quello che vuoi e che pensi: non giocare con sentimenti, emozioni, parole, silenzi, detti o non detti. Sii determinata, evita l’ambiguità. Sii onesta e sincera, trasparente. Hai presente tutti i beceri luoghi comuni usati e abusati dagli uomini con limiti neuronali secondo i quali le donne quando dicono “sì” o “no” in realtà intendono una miriade di concetti, di volontà e di intenzioni contraddittori? Ecco, tu evita questo tipo di comportamento. Tra l’altro essere chiara ed esplicita è un atteggiamento che ti aprirà la strada all’infinita ammirazione del tuo partner e di tutti coloro che ti stanno intorno. Così sai bene come dimostrare amore al tuo partner.

5) Non essere criticona. Non essere controllona (lascia andare quella stramaledetta mania del controllo). Non essere comandona.

6) Non pretendere di fargli cambiare idea, modo di vedere la vita, di vestire, di mangiare… Vivi e lascialo vivere. Vivi e lascia vivere.

7) Non metterlo a confronto con altri uomini o non mettere a confronto la vostra relazione con altre relazioni. Nemmeno nel segreto della tua mente.

8) Non mettergli in bocca parole frasi o concetti che non sono suoi ma sono tuoi o di qualcun altro (la tua mamma, tua sorella, le tue amiche).

9) Non fargli la “lettura del pensiero e/o delle intenzioni”, cioè non fare/dire/pensare cose del tipo: “Ti ho comprato quella camicia rosa fucsia perché mi hai detto che desideravi qualcosa che ti rallegrasse”. (Vengono i brividi anche a me a pensare a questi atteggiamenti femminili tanto comuni nei confronti degli uomini. Dio ce ne scampi e liberi… Orrore!) Quindi non attribuirgli desideri, ambizioni, opinioni, volontà che non sono sue ma solo tue o che pensi che ti servano a influenzare il suo comportamento.

amore e rispetto

10) Non stordirlo con parole, richieste, chiacchiere interminabili. Non coinvolgerlo nei pettegolezzi di bassa lega che riguardano l‘ufficio, la tua e la sua famiglia o i vostri amici. Il tuo partner non è la pattumiera dei tuoi sfoghi e delle tue frustrazioni.

11) Non trattarlo come se fosse tuo, una tua proprietà privata. Come il tuo cane o il tuo gatto o la tua auto. La possessività maschile è mostruosa e pericolosa. Quella femminile è pervasiva, distruttiva, castrante. Uno dei mali del mondo.

12) Ascolta e dài valore alle sue opinioni. Nella tua vita hai dato retta alle strombate di tanti: tua madre, tuo padre, i tuoi nonni, i tuoi zii, le tue amiche e a una quantità infinita di giornali femminili e di trasmissioni televisiva. Non si vede perché tu non debba tenere in gran conto l’opinione del tuo partner. Se no, scusa, se non rispetti e riconosci il valore della sua opinione, che ci stai a fare?

"L’amore più forte è quello capace di mostrare la propria fragilità. Paulo Coelho"

13) Chiedigli aiuto e sostegno, con semplicità, chiarezza e fiducia. E mostrargli gratitudine e riconoscenza.

14) Non ingannarlo, non raccontargli bugie o mezze verità, non tradirlo (questo è ovvio, vero?)

15) Incoraggialo e sostienilo, fai il tifo per lui. Rispettando i confini, non trattandolo come un bambino deficiente. Il tuo incoraggiamento deve partire dall’assoluta fiducia e stima in lui e nelle sue capacità, non dalla convinzione che in cuor tuo non lo consideri all’altezza. Se ritieni di doverlo trattare come un bambino o non lo consideri all‘altezza, compi l‘atto di più grande di rispetto per te e per lui: lascialo.

16) Non desiderare di cambiarlo. Tra le righe l’ho già detto? In altri articoli l’ho già detto? Lo dico e lo ridico nei commenti? Lo scrivo e lo riscrivo di continuo su Facebook? Bene, lo ripeto :). Lo ripeto, lo ripeto e lo ripeto: Non. Desiderare. Di. Cambiarlo. ! :)

17) Rispetta le sue passioni e permettigli di coltivarle e viverle anche se a te non smuovono un millimetro di emozione. Però, a dirla tutta, dovrebbero emozionarti solo per il fatto che sono le sue passioni.

18) Rispetta i suoi obiettivi e sostienilo nel perseguirli (senza fare il lavoro per lui) anche se a te non smuovono un millimetro di emozione. Però, a dirla tutta, dovrebbero emozionarti solo per il fatto che sono i suoi obiettivi.

19) Celebra i suoi successi.

20) Stagli vicino nei suoi fallimenti, con affetto per lui e totale distacco per ciò in cui ha fallito

21) Fatti rispettare da lui, senza chiederglielo. E’ la più grande forma di rispetto che puoi dimostrargli.

22) Rispetta te stessa. Vivi secondo i tuoi valori senza tradirli. Non rinunciare mai ai tuoi valori. Tieni alti i tuoi standard. Alzali, più cresci come persona e più passa il tempo. Non dare lui per scontato e te per scontata, smettendo per esempio di avere cura di te. Non svilirti o criticarti davanti a lui, a te stessa e agli altri. Datti valore. Sempre di più ogni giorno che passa.

23) Non considerare il tuo partner come lo psicologo che deve risolvere i tuoi complessi, il bancomat che deve sostenerti economicamente, il terapeuta che deve farti superare i traumi passati, il giullare che deve farti sentire sempre allegra e leggera e sollevarti dal senso di solitudine che ogni tanto ti coglie. Non considerare il tuo partner come la soluzione dei tuoi problemi presenti, passati e futuri. Non lo fare mai…

24) Rilassati. Tu ti meriti un uomo che sia degno di te e del tuo riconoscimento ;)

Come probabilmente ti sei accorta, abbiamo messo tanta carne al fuoco anche stavolta, considerando tanti aspetti e tante sfumature fondamentali di un relazione. Conto di averti dato come sempre elementi utili per te, anche nella pratica. Dimmi che cosa ne pensi e lascia un commento su come dimostrare amore a un uomo ;)

 

Lascia un Commento!

68 Commenti

  1. Avatar di Bruna

    Bruna 2 anni fa (2 Ottobre 2016 10:06)

    Bellissimo articolo, chiaro ed esaustivo.
    Rispondi a Bruna Commenta l’articolo

  2. Avatar di Stefania

    Stefania 2 anni fa (2 Ottobre 2016 10:11)

    Meraviglioso articolo. Mi è molto piaciuto il modo semplice e irriverente che usi per descrivere verità sacrosante.. Che io, per prima, ho scoperto a mie spese negli anni. E ho tradotto con questo semplice motto: 'fai agli altri ciò che vorresti fosse fatto a te'. Da quando, non sempre con facilità, lo applico nelle mie relazioni mi sembra che tutto sia molto migliorato... Ciao e grazie per tutto ciò che fai. Buona settimana. Con ammirazione e affetto, Stefania
    Rispondi a Stefania Commenta l’articolo

  3. Avatar di London

    London 2 anni fa (2 Ottobre 2016 10:14)

    Concordo con Patrizio, articolo bellissimo e positivo. Pieno di rispetto, perché anche se ci sono tanti rapporti disfunzionali, ce ne sono molti anche di sani e appaganti e i rapporti sani e appaganti necessitano di lavoro e rispetto per mantenersi vivi. Da entrambe le parti. Grazie!
    Rispondi a London Commenta l’articolo

  4. Avatar di Fabiana chirivi

    Fabiana chirivi 2 anni fa (2 Ottobre 2016 10:28)

    Ciao Ilaria scrivo in merito all'articolo come dimostrare amore ad un uomo in una relatione sana e appagante. Trove l'articolo molto bello...
    Rispondi a Fabiana chirivi Commenta l’articolo

  5. Avatar di Ali

    Ali 2 anni fa (2 Ottobre 2016 10:44)

    Bell' Articolo , da leggere e rileggere per impararlo a memoria . Personalmente devo lavorarci ancora su alcuni punti.
    Rispondi a Ali Commenta l’articolo

  6. Avatar di Pincollo

    Pincollo 2 anni fa (2 Ottobre 2016 11:32)

    Bell'articolo.. riassumerei il tutto in un unico punto: se vuoi rispettare il partner usa quel maledetto cervello .
    Rispondi a Pincollo Commenta l’articolo

  7. Avatar di Patrizio Scipioni

    Patrizio Scipioni 2 anni fa (2 Ottobre 2016 9:46)

    Buongiorno Ilaria e buongiorno a tutte e tutti coloro che seguono il tuo sito. Scrivo a lettere maiuscole in merito all'articolo pubblicato che E' IL PIU BELL'ARTICOLO SCRITTO DA UNA DONNA IN MERITO AL RISPETTO IN UN SANO RAPPORTO TRA UOMO E DONNA!....UN CAPOLAVORO DI CONTENUTI, DI VALORI E DI ISTRUZIONI PER L'USO PER RISPETTARE IL PARTNER E PER RISPETTARE SE STESSE! Questo articolo anche se scritto da Ilaria per le donne, chiaramente vale anche per gli uomini perché in un sano rapporto la reciprocità del rispetto sta alla base della crescita e della evoluzione dello stesso. Grazie Ilaria per ciò che hai scritto.
    Rispondi a Patrizio Scipioni Commenta l’articolo

  8. Avatar di patrizia

    patrizia 2 anni fa (2 Ottobre 2016 17:27)

    Non si può che battere le mani!
    Rispondi a patrizia Commenta l’articolo

  9. Avatar di Fernanda Littardi

    Fernanda Littardi 2 anni fa (2 Ottobre 2016 17:39)

    ciao Ilaria,ti leggo sempre sempre con interesse e attenzione, ma oggi ho pensato che devo smetterla di farmi del male. Mio marito è morto da dieci anni e che senso ha continuare a rimuginare su tutto ciò che c'è nel tuo articolo e collegarlo al mio "ormai" passato? Cerco di guardare avanti, ma spesso non mi è facile.
    Rispondi a Fernanda Littardi Commenta l’articolo

  10. Avatar di Enrica

    Enrica 2 anni fa (2 Ottobre 2016 18:56)

    Brava Ilaria. Articolo interessantissimo. Da "sorseggiare" con calma. Ogni punto richiede riflessione e metabolizzazione.
    Rispondi a Enrica Commenta l’articolo

  11. Avatar di zara

    zara 2 anni fa (2 Ottobre 2016 20:51)

    Grazie Ilaria, veramente un articolo stupendo, chiunque abbia una relazione o intenda averla dovrebbe leggerlo. Spero di riuscirci, un giorno non troppo lontano. Veramente e semplicemente grazie:)
    Rispondi a zara Commenta l’articolo

  12. Avatar di Maria Grazia

    Maria Grazia 2 anni fa (2 Ottobre 2016 16:41)

    Ciao, ti ringrazio tanto per quello che hai scritto.....io e il mio compagno stiamo attraversando un momento particolare.....eravamo quasi in rotta...dopo 4 anni di relazione e 1 e mezzo di convivenza... La cosa di cui lui mi ha sempre accusta e'stata ed e' la mia mancanza di dimostrazione di amore. E' una cosa che lui me lo rinfaccia ogni tanto, vero e' che nella mia famiglia in particolar modo mia madre e' sempre stata dura con me e le mie sorelle e quindi abbiamo delle difficolta' ad esprimere i nostri sentimenti, questo non vuol dire che non li proviamo , ma ci diventa difficile dimostrarli. E' TRISTE...ma e' cosi purtroppo, comunque la cosa che ha fatto in modo che si amplificasse la nostra situazione e' stata la mancanza di fiducia mia nei suoi confronti, Non ho mai sopportato le persone che mi dicono delle cose e poi Non riescono a manternerle, mi deludono molto non lo faccio di proposito....... so che quello che hai scritto e' giusto, molti uomini a volte fai fatica a comprenderli, non sono mai stata una che si inzerbina e Non ho Mai voluto entrare a far parte di quel tipo di donne, sono una persona che lascia libere le persone di essere se stesse e pretendo che si faccia altrettanto con me, non ho Mai voluto cambiare gli uomini che sono stati con me, ma Non sopporto e ho lasciato coloro che ritenevo inaffidabili e poco maturi. So che amare e' molto difficile, la vita quotidiana, le cose non dette, il lavoro e i pensieri certe volte ci portano lontani l'uno dagli altri, bisogna cercare di comprenderci e di trovare delle soluzioni giorno dopo giorno, amare non e' una cosa che si impara..........ma per me Non e' stato facile...............
    Rispondi a Maria Grazia Commenta l’articolo

    • Avatar di max

      max 2 anni fa (2 Ottobre 2016 21:43)

      No Mariagrazia, Amare il proprio compagno si impara eccome, si impara provando a smuoversi dalle proprie posizioni, è troppo comodo dire che non si è capaci perché non ce l' hanno insegnato i nostri genitori. Va bene quando si ha vent'anni, non dopo che hai già fatto esperienze di vita. Sennò vuol dire che ancora si è immaturi, o non si vuole impegnarsi in prima persona. E poi che non ci si lamenti degli altri che promettono e non mantengono, se siamo noi per primi a non sforzarci a lasciarci andare e dimostrare il nostro amore ad un partner con il quale si è già costruito una convivenza o un matrimonio. Nessuno è perfetto, noi stessi per primi.
      Rispondi a max Commenta l’articolo

  13. Avatar di eleonora

    eleonora 2 anni fa (3 Ottobre 2016 8:43)

    penso che occorra esser se stessi sempre.come dice il mio:"se sto con te,ci sara'un perche'". pregi e difetti insieme.
    Rispondi a eleonora Commenta l’articolo

  14. Avatar di cuore autentico

    cuore autentico 2 anni fa (3 Ottobre 2016 10:51)

    Buon inizio settimana a tutte/i. Davvero Grazie Ilaria. Questo articolo lo trovo davvero molto molto efficace. Ora vediamo se io sarò efficiente nel metter tutto in pratica, io che leggo e rileggo ogni tuo articolo dal 2009, ma ogni tanto mi perdo e instintivamente faccio errori. Dopo tre anni di separazione e alcune storie davvero brevi forse il tuo aiuto sta iniziando a funzionare perchè oggi ho una relazione in cui sto mettendo impegno . Ad esempio sto imparando a non soffocare, a non parlare di tutto e logorroicamente, a fare complimenti e incoraggiare il mio partner, a rispettarlo e a non criticarlo. Non è facile per una come me che è abituata a dire sempre la sua , ma certo che ci si puo' riuscire. Come a non avere piu' il senso e il bisogno di possesso che ho avuto con il mio ex marito e altre relazioni che mi causava allontanamento e infatti si è visto.....Quindi leggere e rileggere tutto secondo me ogni giorno un pò. Ilaria ringrazio il cielo di averti trovata e grazie a tutte NOI
    Rispondi a cuore autentico Commenta l’articolo

  15. Avatar di mony

    mony 2 anni fa (3 Ottobre 2016 11:21)

    Wow! mi sono venuti i brividi a leggerlo! Strepitoso...un capolavoro di crescita personale!! Faticoso, impegnativo...ma altrochè se ne vale la pena... grazie
    Rispondi a mony Commenta l’articolo

  16. Avatar di SILVIA

    SILVIA 2 anni fa (3 Ottobre 2016 13:44)

    In tre parole : rispetto + attenzione + fiducia ...Per sè e per l'altro.
    Rispondi a SILVIA Commenta l’articolo

  17. Avatar di debora

    debora 2 anni fa (3 Ottobre 2016 14:07)

    bellissimo. Hai detto tutto. Difficile un pò da mettere in pratica...in sintesi, dietro ad ogni donna "single" si racchiude un'anima complessa, complessata e forse un pò egocentrica......bisognosa di sottolineare successi, per questo insicura. Ho come l'impressione che si cerchino uomini/persone che siano compensazioni del momento, non presenze, ma comparse, attori secondari di un scena madre. Mi chiedo, le persone sole, senza partner, sono poi individui asociali? Hanno molti amici/e? Nel senso, è un problema che ci si porta in ogni contesto/tipo di relazione interpersonale oppure di solito si hanno anche problemi ad interagire con gli altri individui? Grazie, mi hai un bel pò illuminata.
    Rispondi a debora Commenta l’articolo

  18. Avatar di Alessia

    Alessia 2 anni fa (3 Ottobre 2016 16:58)

    articolo veramente ben fatto uno di quelli che ti aiuta a fermarti e riflettere. Mi ha ricordato il primissimo articolo che ho letto, scritto da te (di cui purtroppo non ho conservato l'estratto) che elencava le caratteristiche dell'uomo sbagliato (è stato illuminante!). grazie
    Rispondi a Alessia Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (3 Ottobre 2016 17:28)

      Ciao Alessia, credo che l'articolo al quale ti riferisci sia questo: http://www.lapersonagiusta.com/capire-se-gli-piaci/trovare-uomo-giusto-seduzione-attrazione/, uno dei più amati del blog (ha oltre 1500 condivisioni) e sempre disponibile sul sito :) .
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo

  19. Avatar di Elisa

    Elisa 2 anni fa (3 Ottobre 2016 20:59)

    Ilaria come sempre sei il massimo!riesci a sintetizzare in pochi punti cose alle quali noi non pensiamo e che invece farebbero la differenza. Io credo che per fare tutto quello che elenchi tu bisogna essere donne molto equilibrate.non immature,frignone e in balia dell'emotività! Lavorare su se stesse credo che sia il punto di partenza per riuscire ad amarsi e poi amare un patner.sempre più donne si fanno amare e non amano sul serio i loro uomini.ed è per questo che li vogliono cambiare.in realtà non si vedono bene con lui perché non lo amano ma se lo tengono perché visto che non riescono a provare amore per se stesse..almeno lui le ama e le sopporta. Grazie ancora per questo magnifico lavoro che fai per noi! Con stima Elisa
    Rispondi a Elisa Commenta l’articolo

  20. Avatar di Cassiopea

    Cassiopea 2 anni fa (6 Ottobre 2016 12:35)

    Come dimostrare amore al proprio uomo! se manca il presupposto ed non è percepibile nemmeno all'orizzonte che fare nell'attesa perpetua? questi uomini per i quali varrebbe la pena spendersi dove stanno? a parte la latitanza, quei pochi che girano sono figli dell'insicurezza senza appello, tutti protesi a donarsi a chi gli fa quattro moine. Se si ha un minimo di spessore e carattere, è la fine, questa è la realtà!
    Rispondi a Cassiopea Commenta l’articolo

    • Avatar di pamela

      pamela 2 anni fa (6 Ottobre 2016 13:01)

      io nell'attesa sto dedicandomi anima e corpo a figli, lavoro e amicizie , coltivando queste ultime davvero come bonsai...e ti dirò sto benone anche se continuo a sperare e attendere l'amore
      Rispondi a pamela Commenta l’articolo

    • Avatar di Cassiopea

      Cassiopea 2 anni fa (6 Ottobre 2016 16:49)

      Avessi dei figli mi ci dedicherei pure io anima e corpo ma la materia prima è mancata sin dalla notte dei tempi. La mia attenzione è rivolta ovviamente alla preparazione, agli aggiornamenti, alla professione ma anche in questo ramo, più una è preparata e sveglia, più temono di essere annebbiati e quindi preferiscono fare test d'ingresso per dare priorità alla stupidità. I furboni (eufemismo), i raccomandati e le gatte morte progrediscono a gran velocità; dovrei aprire un dibattito sul clientelismo che impera e sulla meritocrazia che non pare interessare a nessuno. Capitolo amicizie, tolte un paio di eccezioni, chi rimane? restano quelle che devono farti fuori dal gruppo perché sono sempre in lotta con le loro paure ancestrali anche mentre tu stai beatamente bevendo un caffè. Non ho mai cercato affannosamente un uomo, anzi forse non lo ho mai cercato, punto e basta. Per quale motivo le insulse, sciocchine, gatte morte, arrampicatrici sociali, disoneste, competitive e false arrivano pure a guadagnarsi un posto accanto a chi almeno socialmente ha una propria posizione? Sono rari gli uomini di un qualche valore e quei pochi sembra che si perdano dietro al nulla; o quelli che si perdono dietro al nulla non sono uomini di valore? Arriva l'inverno, opto per l'uncinetto.
      Rispondi a Cassiopea Commenta l’articolo

    • Avatar di Stella

      Stella 2 anni fa (6 Ottobre 2016 20:21)

      Ciao Cassiopea, traspare molta negatività dal tuo commento: sei sicura che questo atteggiamento così disilluso non contribuisca ad allontanare ancora di più il genere maschile? premetto che condivido gran parte di quello che tu dici: anch'io riscontro che gli uomini mediamente stanno alla larga da donne dotate di qualità e di un certo carattere; anch'io, come te, mi domando cosa abbiano le altre "più di me". Però mi rendo conto che mostrare agli altri tutto il proprio pessimismo per l'assenza di un compagno è controproducente: ci fa apparire come persone negative (e magari non lo siamo affatto), allontana un potenziale partner (io per prima non sarei invogliata ad uscire con un uomo che abbia una visione eccessivamente disillusa delle relazioni) ...e alla fine ci convinciamo che la persona giusta per noi non esista.
      Rispondi a Stella Commenta l’articolo

    • Avatar di Cassiopea

      Cassiopea 2 anni fa (7 Ottobre 2016 13:57)

      Ciao Stella. Beh sono una che preferisce non raccontarsela, piuttosto razionale direi ma non per questo negativa. Penso che nel momento in cui si interagisca con l'altro sia bene essere trasparenti e senza riserve mentali. Non capisco l'utilità di un intervento se poi non trasmette il messaggio che invece si vuole veicolare. Si può essere belli e buoni, a dirla come i greci ma non è questa la soluzione, anzi si è più soggetti a bastonate. Mi posso appellare alla legge dell'attrazione, ai pensieri positivi, alla speranza, alla giustizia divina, ma alla fine l'uomo giusto nessuno è in grado di dirci dove sia. Gli uomini da evitare li so da me quali sono ma quello giusto dove si sia nascosto nessuno fino ad ora ce lo ha detto.
      Rispondi a Cassiopea Commenta l’articolo

    • Avatar di Gea

      Gea 2 anni fa (6 Ottobre 2016 22:45)

      Bravissima Pamela! Avanti tutta! É importante avere cura di sé e di tutto cio' che di bello e buono abbiamo vicino a noi. Il bello e il buono attirano altro bello e altro buono, innescando un circolo virtuoso. Buona serata e buon tutto! ;-)
      Rispondi a Gea Commenta l’articolo

    • Avatar di Stellina

      Stellina 2 anni fa (7 Ottobre 2016 9:11)

      Ciao Ilaria. Io ed il mio compagno stiamo insieme da 2 anni e mezzo. Lui ha 44 anni io 31 ed abbiamo un figlio di pochi mesi. Tutto quello che è presente nell'articolo in me ed in lui c'è. In questo periodo tante coppie del mio paese si sono separate o lasciate. Volevo farti una domanda Ilaria, quando la storia sarà di 5 poi 10anni etc...rimarrà così bella? È ancora possibile che una storia duri per sempre veramente?
      Rispondi a Stellina Commenta l’articolo

    • Avatar di Ilaria Cardani

      Ilaria Cardani 2 anni fa (7 Ottobre 2016 14:53)

      Certo che è possibile. Richiede dedizione e impegno (che non vuol dire sacrificio) ed è possibilissimo :)
      Rispondi a Ilaria Cardani Commenta l’articolo